Monday, May 3, 2021

The drive plan

Exploring the area around Cambridge is a must-do, it is part of getting to know the place where one is going to live. Due to an excess of caution, several of the COVID-19 restrictions are still in place and don’t allow much, so why not getting in the car for a drive to some place and back? It would kill some time, if anything, and it would allow me to “sightsee” the country. I know it is perhaps not the most environment-friendly nor wallet-friendly solution, but one has to survive somehow these days.

Days get longer very quickly here come spring, so I can finish my workday with enough hours of daylight to spend as I please. The temperatures don’t go up as fast, so even though pubs have now allowed to resume business as long as they serve customers outdoors only, I am still hesitant to be outside for long… I simply wouldn’t enjoy it yet.


The driving idea is simple: pick a place at a given distance, drive there, drive back. Whenever possible the destination would be some park, otherwise just picking a town’s landmark would do. And landmarks, there are plenty of, since every place has some part in history, every building is history, basically.


I like the driving very much, it is more enjoyable once one leaves the urban roads for highways or the less beaten tracks. The landscape changes quickly, lines of terraced victorian houses are replaced by green fields or hills, and from time to time the narrow roads cut through pretty villages that seem to have come out of a time before the industrial revolution.


I was also surprised but not pleased to find out that England, too, has crappy roads…potholes even on highways, uneven surfaces, faded signage, plenty of road works. I guess I won’t be able to bring up the dismal state of south Italy’s roads as the worst of the worst anymore, hehe. It might explain why most people drive 4X4? I fear I may need a new car soon...

On the contrary, traffic light cameras and speed cameras are every-bloody-where and they seem to always be in per-bloody-fect state. And if you ever want to drive here you better watch your speed and know your traffic rules, because more often than not you’ll get a fine delivered directly to your mailbox.


So I’ve been places, some nice some less nice. I’ve crossed small villages, I’ve explored deserted big cities centre, I’ve stopped at random parks, I’ve walked along rivers and by lakes, I’ve watched the sunset while driving, I’ve spotted wildlife along the way, I’ve taken wrong turns when exiting roundabouts (perhaps will later get fines for some wrong driving too?).


I haven’t yet gone to destinations that are longer than one hour drive from home, mainly because it would be too dark by the time I would get back, and I don’t like driving at night. Actually, right now we can’t sleep anywhere else than our own place, so trips that require an overnight stay are out of the question.


I am now familiar with many roads and routes now, although I would have to give a big shout out to nav apps, because I wouldn’t have survived a minute on a road without them. Can’t wait for more epic drives.


**********


Una cosa che va fatta per conoscere meglio il posto dove si vive e’ di esplorare. Per via di un’eccessiva cautela, ci sono ancora tante restrizioni per via del COVID-19, e quindi non si può fare tantissimo. Di conseguenza, perché non mettersi in macchina e guidare senza meta o quasi? Se non altro mi aiuta a far passare il tempo e posso fare la “turista”. Lo so che il guidare non e’ magari la soluzione più ambientalista ma di questi tempi bisogna sopravvivere.


Non appena arriva la primavera qui le giornate si allungano a vista d’occhio, tanto che c’e’ luce anche dopo aver finito la giornata di lavoro e ne posso approfittare. Tuttavia le temperature non si alzano con la stessa rapidità, e sebbene adesso i pub possono riaprire, possono farlo purché servano solo all7aperto…io pero’ ancora sono esitante a starmene fuori al freddo.


Allora, l’idea di guardare e’ semplice: scelgo una destinazione vicina, guido fino a li e torno. Se possibile scelgo la destinazione in modo che sia un parco o in mezzo alla natura, ma un qualsiasi sito di interesse va bene. E di siti di interesse qui ce ne sono tanti, visto che ogni posto ha la sua storia, anzi ogni edificio e’ in pratica storia.


Mi piace questa cosa del guidare, e chiaramente e’ più bello quando si abbandonano le vie cittadine per le strade secondarie meno battute. Il paesaggio cambia quasi improvvisamente, da schiere di case vittoriane si passa a campi o colline verdeggianti, e di tanto in tanto la strada attraversa quei villaggi bellissimi che sembrano essere rimasti uguali sin da prima della rivoluzione industriale.


Ho anche avuto modo di sorprendermi, e non mi e’ piaciuta tanto la cosa, che anche l’Inghilterra ha strade messe male…buche persino in autostrada, superfici dissestate, segnaletica sbiadita, lavori dappertutto. Mi sa che non potrò più parlare dello stato malandato delle strade del sud Italia come il peggiore in assoluto. Mi spiego forse meglio perche la maggior parte di persone hanno fuoristrada...presto mi servira una macchina nuova, di questo passo.


Invece, le telecamere e gli autovelox non solo si trovano praticamente dappertutto ma sono anche in perfetto stato sempre. E se veramente volete guidare qui meglio se controllate la velocità e imparate le regole, perché e’ veramente facile ritrovarsi una bella multa a casa.


E quindi, sono stata in giro, alcuni posti belli e altri meno belli. Ho attraversato villaggi, ho esplorato centri città deserti, mi sono fermata a parchi qui e li, ho sostato lungo fiumi o laghi, ho guardato il tramonto durante la guida, ho avuto modo di vedere tanti animali selvatici durante il percorso, ho sbagliato strade, e ho spesso preso l’uscita sbagliata alle rotatorie (chissà, magari mi arriverà una multa).


Non sono stata in posti che richiedono più di un’ora di guida per adesso, principalmente perché altrimenti tornerei a casa la sera troppo tardi, e la cosa di guidare la sera non mi entusiasma. Che poi c’e’ anche il fatto che ancora non possiamo pernottare in albergo, di conseguenza uno non può manco pensare a pianificare itinerari di più di un giorno.


Adesso ho familiarizzato decentemente con le strade e gli itinerari, anche se devo ringraziare la navigazione satellitare perche' non sarei sopravvissuta un minuto in strada senza. E speriamo in altre guide.

Wednesday, April 14, 2021

Home entertainment

Good thing that British houses come with a backyard, no matter how big or small, because a garden is good for a person’s wellbeing and also a great source of entertainment.

Almost daily I receive visits from a couple of squirrels, named Henry and Henrietta, getting busy with hiding, unearthing and then hiding again their nuts; every day I find huge holes in the flower pots, places where they’d thought could hide something then reconsidered. A gorgeous black cat I named Grace (not sure whether it’s a male or female, but it exudes grace hence the name) comes by often, walks up and down the path, sniffing things, taking a sip of water, sitting there and just chill. It’s not trustful at all, not scared either, but I haven’t managed to win its confidence. Then on occasion there’s a ginger cat I named Remi, who I found out comes to just use the garden as its own toilet. Alright.


There are also birds, of course. Many of them. Some I have seen before like the robin, and some are new to me, those with beautiful color patterns like black, light yellow-green, white, blue which I learned are the blue tit and the great tit. Every morning and every evening the garden is an open air concert hall, where each bird performs at its best. I love it.


Very often the birds take a refreshing bath in a small water bowl I put out for the various animal visitors to drink. Among all birds, the blackbirds — no, actually is just one blackbird also uses that as bathtub. The blackbirds do have a nice melodic repertoire, sure, but they are the annoying kind, I have to say: this one bird comes and splashes all the water out, they scavenges around the bark that’s on the ground and just makes a mess I have to clean every time. As you can gather, I am really entertained. 


But I also have plenty of work to do. There are lots of beautiful plants and flowers I discover, not sure whether growing spontaneously or planted by the original homeowner, but with them there is also a lot of overgrowth, a lot of weeds. And then there is the ivy, a silent nemesis. Now, I do like seeing houses where the ivy grows following a well designed path along the walls or whatever, I really do. But taking care of ivy is too much work, because it grows everywhere, it grows fast, it crawls around other plants like a boa constrictor and often causes them to die because of lack of nutrients or lack of light. I basically put it in the pests category.


In just one month I think I have collected something like 5kg of ivy that I cut out or pulled out…the monsters even grow roots as soon as they touch the earth, so they grow high, wide and around. A true nightmare.

So, as you can gather I am not only entertained, I am also really busy. But I can tell you that every thread of ivy I pull is a shot of dopamine.


*************


E’ un bene che le case britanniche hanno un giardino sul retro, a prescindere da quanto grande sia, perché un giardino fa bene alla psiche e rappresenta una grande fonte di intrattenimento.


Quasi tutti i giorni ricevo visite da na coppia di scoiattoli, chiamati Henry e Henrietta, molto occupati a scavare, dissotterrare e nascondere di nuovo le loro provvigioni; ogni giorno trovo buche enormi nei vasi di ceramica, posti che hanno provato a usare come nascondigli e poi ci hanno ripensato, ovviamente. Ogni tanto si fa vivo un gatto che ho chiamato Grace (non ho idea se sia maschio o femmina ma trasuda grazia e quindi il nome), si fa una passeggiata, annusa qui e li, beve un po’ d’acqua, si riposa. Non si fida, ma non si spaventa neanche, eppure non sono ancora riuscita a battere la sua diffidenza. Poi a volte si fa vivo un altro gatto rossiccio che ho chiamato Remi, che pero’ pare si faccia vivo solo per usare il giardino come gabinetto. E vabbe’.


Ci sono poi gli uccellini chiaramente. Tantissimi. Alcuni sono a me noti, come ad esempio i pettirossi, altri invece sono nuovi, con colori dal giallo-verde, al nero al blu, e ho poi imparato essere cinciarelle e cinciallegre. Ogni giorno, mattina e sera, il giardino si trasforma in una sala concerti all’aperto, che meraviglia.

Di interessante c’e’ poi anche il fatto che gli uccellini amano un contenitore con l’acqua che ho messo fuori per i miei amici visitatori nel caso avessero sete, ma gli uccellini ci si fanno il bagno. In particolare c’e’ un merlo, e qui ce ne sono parecchi, che si tuffa nella ciotola, spruzza acqua ovunque, e poi fa un disordine bestiale in giardino che poi mi tocca pulire. Come potete capire ho abbastanza intrattenimento.


Ho scoperto moltissime piante e fiori che non saprei se sono spontanei o piantati da chi prima abitava qui, ma assieme a questi ci sono erbacce che crescono a vista d’occhio quindi ho anche un sacco di lavoro da fare. E poi c’e’, lei, la nemesi silenziosa, l’edera. Per carità, e’ bello vedere le case coperte di edera, fatta arrampicare in maniera sapiente, ma richiede una mole di lavoro immane, perché cresce ovunque e velocemente, e spesso soffoca le piante come un boa. In pratica per me e’ nella categoria delle piante invasive.


In un solo mese penso che avrò raccolto una cosa come 5 chili di edera, potata o estirpata…e si, perché il mostro mette pure radici non appena tocca il terreno, e quindi cresce in alto, in largo, in lungo e attorno. Un incubo, insomma.


E quindi si, non solo intrattenimento ma anche fatica. Ma vi posso dire che ogni tralcio di edera che estirpo e’ una dose di dopamina.

Wednesday, March 24, 2021

Isolation year one

It’s been about one year now since we have learned about the spreading of a new virus, we have figured out ways to deal with it along the way and we are slowly returning back to what it used to be…or are we?

In the last year we have basically worked from home, shopped from home, had meal orders delivered home, worked out at home. And I grew to like it. In the last three months, I have gained 4 kilograms, which is no surprise given the lower degree of movement and activities, and I don’t particularly feel bad about it…but could have easily been worse. I mean, in a situation like this one we are all in, it could be so easy to simply let oneself go, without even realizing it.


On an average day, an average person would move to go to and from the workplace, maybe by bicycle or by food, would then make a detour to a supermarket to get the groceries or perhaps take the chance to swing by a shop and browse a bit. Then when the days get longer that same average person might even think of meeting up with some friends somewhere after work, take a walk at the park, or engage in social activities.


Our current average days instead are made of hours and hours sitting at a desk to work or study, perhaps using the same desk for our meals, snack around a lot because boredom gets us hungrier, binge watch in the evenings while comfortably sitting on a sofa, eat comfort food that was delivered to our doorstep. One bad habit after another, because we have no choice, and we have morphed into couch potatoes.


This is what life is for most of us nowadays, and even though the rate at which people receive vaccines is going up, we are still in a limbo, too lazy to revert to healthier habits, too cautious to act (except of course the serial deniers), and too tired to care.


As for me, yes, I prefer isolation to socialization, but I, too, am caught in the bad habits. Legs are heavy and hurt in bed at night, back is constantly under strain and hurts too, neck and shoulders are tense, belly muscles are relaxing, muscle tone is just not accounted for, pajamas are a second skin, meals end where remote meetings begin… 


At least I still enjoy showering every day, so I may not be a hopeless case. But there are many things I can enjoy because of the new normal, like hearing the birds sing all day long and especially at dusk. Every day is a free concert I’d have missed were I in an office, and the longer the days, the longer they sing.


And with the days getting longer I have the chance to finish work, get out in the garden, commute-free, and catch the colors of the sunset in the sky. It starts to be pleasantly warm, not yet enjoyable for too long, but pleasant enough to indulge in the new blossom fragrance, for instance, or to put in some gardening. All in all I can’t complain. All in all I am not that sure I’d want to give this up, despite its perks.


For the time being, England is still observing strict distancing measures, businesses still closed unless essential, so it looks like this bitter-sweet state of things can continue. But one year of sacrifices are getting to people, especially now that we are leaving the winter behind us. We are ready and looking forward to picnics, barbecues, afternoons in the park and company. 


************


E’ gia passato un anno da quando abbiamo appreso della diffusione di un nuovo virus, durante il quale ci siamo adoperati per contrastarlo in un modo o l’altro, e stiamo ora ritornando alla situazione di un tempo… o no?


Nell’ultimo anno abbiamo praticamente lavorato da casa, fatto ogni genere di acquisti da casa, ordinato la cena a domicilio, fatto sport a casa. E a me la cosa e’ piaciuta. Negli ultimi tre mesi ho messo 4 chili, che non e’ una sorpresa visto il livello minimo di attività fisica, e non mi sento particolarmente triste per questo…ma poteva essere peggio. Mi spiego…In una situazione come questa in cui tutti ci troviamo e’ molto ma molto facile lasciarsi andare senza neanche rendersene conto.


In un giorno normale, una persona qualsiasi si muoverebbe per andare e tornare dal lavoro, magari in bici o a piedi, si fermerebbe un attimo al supermercato per la spesa, o magari passare da un negozio per dare un’occhiata in giro. Poi quando i giorni cominciano ad allungarsi la stessa persona qualsiasi potrebbe anche pensare di incontrare degli amici dopo il lavoro, passeggiare al parco, o socializzare.


I giorni medi di adesso invece sono fatti di ore e ore alla scrivania per lavorare o studiare, e perché no anche per mangiarci a quella scrivania, sgranocchiamo molto di più perché la noia ci fa venire più fame, facciamo una tirata di film spaparazzati sul divano mentre mangiamo cibi sostanziosi che ci sono stati consegnati fino a casa. Cattiva abitudine dopo cattiva abitudine, perché non abbiamo altra scelta, e ci ritroviamo a essere un tutt’uno con la poltrona.


Questa e’ la vita per la maggior parte di noi di questi tempi, e anche se la frequenza delle vaccinazioni sale noi siamo ancora in un limbo, troppo pigri per tornare alle sane abitudini, troppo cauti ancora per agire (tranne chiaramente i negazionisti patentati), e troppo esausti per curarcene.


Per quanto mi riguarda, io preferisco la solitudine alla socializzazione, ma anche io sono caduta nella spirale delle brutte abitudini. Le gambe si appesantiscono e fanno male la sera, la schiena e’ costantemente sotto sforzo e fa male pure, le spalle sono contratte, la panza si rilassa, il tono muscolare e’ non pervenuto, il pigiama e’ come una seconda pelle, il pranzo finisce dove la riunione da remoto comincia…


Per lo meno sento ancora il bisogno di fare la doccia ogni giorno, quindi non sono proprio un caso senza speranza. Ma ci sono altri piaceri che posso godermi grazie alla nuova normalità, ad esempio sentire gli uccellini cantare tutto il giorno, specialmente all’imbrunire. Ogni giorno un concerto gratuito che mi perderei se fossi ogni giorno in ufficio, e più i giorni si fanno lunghi, più dura il concerto.


Poi ancora, con l’allungarsi delle giornate ho anche la possibilità di finire di lavorare, andare in giardino e ammirare i colori del tramonto. Si incomincia a sentire il calore della primavera, anche se fa troppo freddo ancora per stare fuori a lungo, ma abbastanza da sentire la fragranza dei fiori che iniziano a sbocciare, oppure poter fare un po’ di giardinaggio. In fin dei conti non mi posso lamentare, e in fin dei conti non sono tanto sicura di voler cambiare, nonostante i lati negativi.


Per adesso l’Inghilterra osserva ancora misure restrittive, tutte le attività eccetto le essenziali sono ancora chiuse, quindi questo stato delle cose tra il dolce e l’amaro può ancora continuare. Ma comunque un anno di sacrifici si sta facendo sentire, soprattutto ora che ci apprestiamo a lasciarci l’inverno alle spalle. Siamo pronti e non vediamo l’ora di organizzare picnic, pomeriggi al parco, stare in compagnia.









Sunday, March 7, 2021

Bury St Edmunds

England is still observing lockdown measures, although soft. Despite the fact that movements shall be limited to essential stuff only, people can’t stay put — the unusual spring weather of the last month hasn’t done anything to curb the enthusiasm, so people are out and about all the time.

I then decided that I could perhaps afford to take the car for a ride to some place close, clearly not essential, but in a way it was…we are all feeling the strain on us put by one year of restrictions and fears, and we need an escape. On one hand we should not lower our guard, true, we should not give in to exhaustion just now, but on the other hand our mental health is so not good that a break, even short, might be worth breaking some rules. How to blame anyone?

Besides, if many among us live in denial, compromising the efforts made by the responsible ones, why can’t we, the rule abiding folks, have a break (with due diligence)?


So, on a beautiful weekend day I went for a ride and visited the town of Bury St Edmunds, a mere 30 min car drive from here.


Well, well, well…this town is far more famous and important than I’d thought. Its name, to begin with, was different back in medieval time and was then changed into what the town is called today because it is the burial place of King Edmund of East Anglia, who was killed because he didn’t refute Christianity.


The most famous site in town is the abbey, or what’s left of it. Said abbey was the richest and biggest Benedictine abbey in England, visited by royals and important figures. Not to mention that the abbey had a crucial role for the signing of the Magna Carta, arguably one of the most important documents in history. The reason it was rich, though, is because the abbott charged the townspeople for basically everything and held the power over the town. Eventually the people rebelled and the abbey was burned down. The area covered by the abbey and the monastery quarters is huge, and can be recognized today because of the original perimeter walls still standing. The area inside the walls is now a public park known as Abbey Gardens, where the ruins of the abbey are and whose imposing size can only be appreciated if looked at from above.


One section of the outer walls was smartly preserved by building homes in it, with their front left as it was to show the original materials, making it look like the Flinstones had built those homes with the help of Gaudi. The final effect is really really cool, I have to say.


In front of them, by the south side of the cathedral, I noticed a silhouette of a wolf near a bronze statue of Edmund. Turns out the wolf is the central character in the myth surrounding Edmund’s death: the king was first tied to a tree and killed by a rain of arrows and decapitated; when someone later went to get the body, the head was not there but instead was found guarded by a wolf in the forest. The wolf allowed the head to be taken back and when put near to Edmund’s body, it reattached to it miraculously. The story is engraved so deep in the town’s soul that there even is a walking trail dotted with wolf statues created by local artists.


I didn’t do much more than take a walk around the gardens, really, then I went back because there were too many people out and about -cafes in the main street were open for takeouts- and it was too cold for me yet to enjoy the outdoors. Afternoons at the park shall wait.


*********


L’Inghilterra segue ancora misure restrittive, seppure non troppo rigide. Nonostante i movimenti debbano essere limitati all’essenziale, la gente non ce la fa a stare ferma…..e il clima primaverile delle settimane scorse non ha certo aiutato a calmare l’entusiasmo, quindi tutti sono in giro.


Quindi ho deciso anche io che mi potevo permettere una gita in macchina in zona, un giro chiaramente non essenziale, ma in un certo senso essenziale lo era…siamo tutti provati da un anno di regole e paure, e abbiamo bisogno di uno sfogo. Da un lato non dovremmo abbassare la guardia proprio adesso, non dovremmo lasciarci andare all’esaurimento, ma dall’altro lato la nostra salute mentale non e’ per niente in buono stato, tanto che una pausa anche breve potrebbe provarsi valida per uno strappo alla regola. Come biasimare nessuno?


E poi c’e’ da aggiungere che, se tanti tra noi vivono rinnegando la cosa, e cosi facendo compromettono gli sforzi fatti da quelli più responsabili, perché non possiamo noi, cittadini obbedienti, staccare la spina (con le dovute precauzioni)? E cosi, in un bellissimo giorno di fine settimana mi sono recata a visitare la città di Bury St Edmunds, che dista a poco più di 30 minuti in macchina.


Ebbene, decisamente una città più famosa e più importante di quanto pensassi. Il suo nome, tanto per cominciare, era diverso e fu cambiato a quello attuale perché la città e’ dove il re Edmund, ucciso perché non volle rinnegare la sua fede cristiana, fu sepolto.


Il luogo più famoso e’ l’abbazia, o piuttosto quello che ne rimane. La suddetta abbazia era la più ricca e grande abbazia benedettina in Inghilterra, visitata da reali e gente influente. Per non parlare del fatto che l’abbazia ebbe un ruolo fondamentale nella stesura e firma della Magna Carta, uno dei documenti più importanti della storia. Il motivo per cui era ricca, pero’, era che l’abate tassava i cittadini, e di fatto aveva il potere sull’intera città. Questo fu il motivo per cui alla fine la popolazione si ribello’ e l’abbazia fu distrutta. L’area che copriva sia l’abbazia che l’attiguo monastero era enorme, deducibile dal fatto che ancora oggi le antiche mura di cinta sono in piedi. L’area all’interno delle mura e’ un paro pubblico, dove si trovano i ruderi della vecchia abbazia la cui grandezza si può apprezzare al meglio solo se vista dall’alto.


Un parte delle mura e’ stata preservata con una trovata geniale, ovvero costruendoci delle case attorno. La facciata delle case li’ e’ stata lasciata come erano le mura originarie, tanto che sembra un misto Flintstones-Gaudi. L’effetto finale devo dire che e’ molto ma molto bello.


Proprio davanti a queste abitazioni, sul lato sud della cattedrale, ho visto la silhouette di un lupo vicino a una statua di Edmund. Pare che il lupo sia il personaggio centrale della storia riguardo alla morte di Edmund: il re fu prima legato a un albero e trafitto da frecce, poi decapitato; quando più tardi il suo corpo doveva essere prelevato, la sua testa non fu trovata li ma nel bosco, guardata da un lupo. Il lupo concesse che la testa di Edmund venne prelevata per la sepoltura, e quando fu messa vicino al corpo si fuse ad esso. La storia e’ cosi parte integrante della città che c’e’ un percorso a piedi puntellato da statue di lupo create da artisti locali.


A parte una passeggiata nel parco non ho fatto nient’altro, e sono poi andata via anche perché c’erano troppe persone in giro -la strada principale e’ piena di bar aperti per asporto- e comunque era ancora troppo freddo per potermi godere la passeggiata all’aria aperta. I pomeriggi al parco devono attendere.









Friday, February 26, 2021

Parallels Japan-Britain

 When I was living in Japan I couldn’t but notice odd customs I often observed and, for the short I’ve been in the UK, I now seem to notice parallels between the two countries…

First and most obvious thing that everyone notices when visiting Japan is that driving follows the British way. Yes, the Japanese drive on the left of the road, and this is something I would expect to see from either Britain or one of the countries that form the Commonwealth….but, well, Japan was not ever once conquered by the British and yet the country follows the same driving custom.


I didn’t bother before, but I quickly searched to find the reason for that and I can’t decide which explanation to pick as legit…this one seems the most logical to me, though: Japan needed to modernize once out if its 200 years isolation, and the Brits were those who took the job by starting to build railways. And, because they were Brits, the style of driving they had always taken up since the old days of horse-pulled carriages (actually common to all countries, it seems) was what they kept on trains. Then came cars in the early 1900’s and so the road driving adjusted to the trains.


It seems that the modernization brought by the Brits doesn’t stop with transport: since the reopening of Japan in the 1800’s, the British were those to look up to apparently, and that was reflected on the way the Japanese started to dress, or on the fact that all future emperors of Japan pursued their studies in the UK, the Japanese navy military advancements were furthered by the British involvement, the Japanese business year, exactly like the British one, begins in April (something I found very odd back then).


I even found some blog articles saying the NHK, the Japanese national TV news, picks anchors with a British accent to give the idea of a more professional and reliable source of information…I sometimes wondered about the accent of some of them too, but if that’s intentional or not, I won’t put my finger in it.


I am also sure there must be more commonalities, given the history of the world. It’s fascinating to learn that so different places and people are, after all, very similar. The world has always been smaller than we thought.


I know you wonder about the tea drinking habit, which the Japanese actually share with their Chinese and Korean neighbors more than others, but that is actually a reversed inheritance, if not an independent habit development: during the expansion of the British empire, the royals were intrigued by the stuff people drank in south east Asia and in India, so they imported the beverage (and afternoon tea was born). I am sure that drinking tea is a habit with a longer history in the east than in the west.



************


Quando abitavo in Giappone non potevo non notare alcuni usi insoliti, ma per quel poco che ho passato in Inghilterra devo dire che noto dei paralleli…


Innanzitutto la cosa più ovvia che tutti notano quando vanno in Giappone e’ che si guida all’inglese. Esatto, i giapponesi guidano a sinistra, e questa e’ una cosa che mi sarei aspettata tranquillamente da uno dei paesi del Commonwealth…ma il Giappone non e’ mai stato conquistato dagli inglesi eppure segue le stesse direttive in fatto di guida.


Prima non mi sono mai presa la briga di controllare, ma ora ho fatto una ricerca rapida e sono al punto che non so quale spiegazione considerare più veritiera…una in particolare pero’ sembra essere la più logica almeno per me: il Giappone doveva necessariamente ammodernassi dopo il suo bicentenario di isolamento, e sono stati gli inglesi quelli che hanno preso l’incarico e iniziato a costruire le ferrovie. E siccome sono inglesi, lo stile di guida imposto era quello che da sempre c’e’ stato (e apparentemente condiviso da tutto gli stati) sin da quando si governavano le carrozze a tiro. Poi vennero le auto ai primi del 900 e quindi la guida su strada si uniformo’ a quella sui treni.


Sembra pero’ he la modernizzazione portata dagli inglesi non si ferma ai trasporti: sin dall’apertura del Giappone al mondo nell’800, i britannici erano quelli a cui ispirarsi per tutto, e ciò si rifletteva sul modo di vestire, o sul fatto che i futuri imperatori venivano mandati a studiare nelle università del regno unito, la marina militare godette di grandi miglioramenti grazie al coinvolgimento britannico, l’anno fiscale giapponese al pari di quello britannico inizia in aprile (cosa che mi e’ parsa proprio strana allora).


Ho persino trovato degli articoli di blog in cui si scrive che la televisione nazionale giapponese NHK voglia i giornalisti con accento britannico per dare l’idea di fonti di informazioni attendibili e serie…a volte ci ho fatto caso in effetti, ma non mi esprimo sul fatto che sia voluto o no.


E sono anche sicura che i paralleli non si fermano qui, data la storia del mondo. E’ tanto affascinante scoprire che tutti questi paesi e popolazioni cosi diversi sono di fatto molto simili. Il mondo e’ sempre stato più piccolo di quanto pensassimo.


Ora, so che state pensando all’abitudine del te’, che i giapponesi a dire il vero condividono con i vicini cinesi e coreani più che altro, pero’ quella e’ una sorta di acquisizione al contrario, se non addirittura un abitudine sviluppatasi indipendentemente: durante l’espansione coloniale dell’impero britannico, i reali e nobili erano affascinati dalla bevanda ambrata che si beveva nel sudest asiatico e India, e cosi’ l’hanno importata. Sono sicura pero’ che l’abitudine di bere te’ ha una tradizione molto più lunga nell’est che qui nell’ovest.





Saturday, February 20, 2021

The perks of British homes

 Let me tell you some interesting facts about houses in the UK. In all fairness, I can only speak for the house I live in although I believe I can generalize to some degree. First of all, as I have probably said already, the majority of houses here are old, meaning they were built eons ago and still stand.

The house I am in is no exception, it has a skeleton made of wood, outer walls made of brick, and it cracks at every step. I always feel as if the house may collapse at any moment, although I am sure it was checked thoroughly before being put on the market.


What’s truly amazing is that there is not one single corner in the house at a perfect 90 degrees angle, there is not one straight wall nor a straight floor. The main door frame is at an angle (but the door itself isn’t), the door lock even (!) is at an angle, the fireplace in the master bedroom is not even centered in the chimney… Amazing.


One would assume British houses were built with good thermal insulation…that’s a lie. Or maybe I simply don’t know cold, but the fact that chimneys, and fireplaces, are in every room suggests people needed something to warm up and they needed a lot of heat for that. Today fireplaces are not used for the purpose of heating the rooms anymore, with the exception of the living room sometimes, but they are kept in the house design.


Anyway, with or without fireplace, things haven’t changed much, because the heat doesn’t last if the central heating is not running. I believe a lot of the heat is gone because of the open space that includes the entrance and the stairwell hall. Moving around the house feels a bit like stepping into micro-climate zones, from the sub-tropical forests of the bedrooms to the glaciers of the kitchen. And luckily this house has well sealed windows with double layer glass. Regardless, there must be tiny cracks here and there, or else I wouldn’t be able to explain how spiders and all sorts of crawling bugs can get their way in.


There is no concept of mosquito nets, and I do understand the climate does the natural selection against them, but it would just be nice to have nets and not worry about other forms of life crawling in if I want keep a window open on a nice day…


Old houses, though very pretty, hide an ugly truth: carpets cover the whole upper floors. Aaaand the stairs to the upper floor. Probably in the past every room floor was carpeted, including bathrooms. Now I understand better why Australian homes are like that too: heritage. I am not a fan of carpeted floors, I don’t understand their existence, I don’t like them one bit because they are the opposite of clean. Yeah, sure, they might be fluffy, soft, cozy, whatever. But! They! Are! Not! Clean! Anything gets stuck in there, from hair, to crumbs, to dirt, they’re perfect hiding spots for bugs (yes, the same bugs that find their way in), and in the end carpets are not as easy to clean as a hard wood or tiled floor. OK, nowadays one can get super powerful hoovers, so powerful that they alter the space-time continuum, but I still wish they’d give up this carpet nonsense.


Usually people don’t wear shoes in the house, at least that, or if they do they don’t wear them when they go upstairs, but dirt gets carried around regardless. And the dirt is only one part of the problem, as people with dust allergies know well. 


So far I have tolerated said carpets because they don’t catch as much dust as I would have though…I do cringe at the memory of my Japanese flat, dust coming in the moment after I was done cleaning, an endless battle against a persistent enemy. But here I don’t seem to have the same problem, it’s more the bugs that annoy me.


All that said, it is still better to be living in an old house - so long as there’s hot water and decent heating - because old houses have character and a history.


************


Mi va di raccontarvi qualche fatto interessante sulle case nel regno unito. A essere sincera, posso solo parlare per la casa dove abito, seppure penso di poter generalizzare un pochino.

Intanto, come forse avrò gia detto, la maggior parte delle case qui sono vecchie, nel senso che sono state costruite anni e anni fa e sono ancora in piedi.


Dove mi trovo non fa eccezione, la casa ha uno scheletro in legno, mura esterne di mattoni, e scricchiola a ogni passo. Ho sempre la sensazione come se la casa possa crollare da un minuto all’altro, anche se sono sicura che e’ stata controllata minutamente prima di essere messa sul mercato. Il fatto sorprendente e’ che non c’e’ un angolo in tutta la casa che sia perfettamente retto, non ci sono pareti ne’ pavimenti dritti. Il portone d’ingresso e’ incastrato in un infisso storto (ma la porta e’ dritta), pure la serratura e’ storta, la bocca del camino della camera da letto non e’ centrata rispetto alla canna fumata..insomma, ridicolo proprio.


Uno e’ portato a pensare che le case britanniche siano ben isolate dal punto di vista termico…nulla di più falso. O magari sono io che non conosco il freddo vero, va bene, ma il fatto che ci sono camini in ogni stanza suggerisce che la gente aveva bisogno di riscaldarsi parecchio, e che ci voleva un sacco di calore. Oggigiorno i camini non sono tanto usati per riscaldare, tranne a volte quello in salotto, ma vengono comunque lasciati come elemento d’arredo.


A ogni modo, le cose non sono tanto cambiate con o senza camino, perché il calore si disperde subito se il riscaldamento non e’ acceso. Mi sa che buona parte del calore va via per colpa dei tetti alti e dell’ambiente aperto tra ingresso e scala, e spostarsi dentro casa equivale a passare da un micro-clima all’altro, dalle foreste subtropicali delle camere da letto ai ghiacciai della cucina. E per fortuna questa casa ha finestre ben sigillate con doppio vetro, ma comunque ci devono essere fessure qui e li, altrimenti non mi so spiegare come ogni sorta di insetti e animaletti riescano a infiltrarsi in casa.


Non esiste il concetto di zanzariere, e capisco che il clima fa gia da selezione naturale, pero’ farebbe comodo avere una barriera giusto per evitare che altre forme di vita si intrufolino quando voglio tenere una finestra aperta se c’e’ una bella giornata.


Le vecchie case, seppur molto belle, nascondono una brutta verità: la moquette su tutto il piano superiore e persino sulle scale. Probabilmente in passato ogni ma proprio ogni camera, persino il bagno, dovevano avere la moquette…ora capisco pure meglio il perché dello stesso costume in Australia: retaggio culturale. Non sono una amante dei pavimenti rivestiti devo dire, non ne comprendo l’esistenza, non mi piacciono perché per me rappresentano l’opposto del pulito. Saranno pure soffici, morbidi, caldi, accoglienti, o altro. MA NON SO-NO PU-LI-TI! Ci casca di tutto tra briciole, capelli, sporco, e sono anche nascondiglio ideale di quegli stessi insetti che riescono a entrarmi in casa. Inoltre non sono poi tanto facili da pulire come possono esserlo piastrelle o legno. Certo, certo, ci sono aspirapolvere potentissime, tanto potenti da alterare lo spazio-tempo, ma lo sporco lo si trasporta ovunque lo stesso. E poi questo e’ solo una parte del problema, c’e’ poi anche la polvere come gli allergici sanno bene.


Finora sono riuscita a tollerare la polvere, anche perché qui non sembra ce ne sia tanta come mi immaginavo….mi vengono i brividi al solo pensiero di casa mia in Giappone, dove la polvere si depositava non appena avevo finito di pulire, una battaglia infinita contro un nemico persistente. Ma qui non sembro soffrire più di tanto, sono gli insetti che mi danno più fastidio.


Detto questo, e’ sempre più bello vivere in una casa vecchia (basta che ci sia acqua calda e riscaldamento decente) perché le case vecchie hanno una storia e carattere.

Sunday, February 14, 2021

Lifestyle -- British taste

I thought I should start a Lifestyle series for what is really British, after the series born during my Japanese years…I could begin the new series with: taste.

English people seem to love ornaments, both seasonal and themed, but overall ornaments of the odd kind: metal or ceramic sculpted animals like rabbits, elephants, horses, tigers; animals in particular seem to be the favorite. I mean, why wouldn’t anyone want to have a “dancing ducks” piece at home? There really are unimaginable items people obviously like to buy to put on furniture, or surround themselves with, with the aim of “decorating” their houses. Honestly I can’t see how that would work.


Another odd thing I see everywhere is cushions with…ahem…interesting patterns. Again, we stick to the same field with mostly animals prints like dogs, horses, tigers, birds, or forest themes. And the fabric, usually is chenille, velvet, or some other shiny stuff. Speaking of shine, I do see the leaning towards anything shiny, with sparkles, reflective, like sequins for dresses, gold or bronze painted everything like side tables, mirror frames, pen holders, gold rimmed glasses and plates, I mean, the shinier the better. Don't you also want a golden cake stand? Come on.


Another thing I have only seen around here, and the only word I have to express my reaction to that is shock, is multicolored glasses, cutlery, plates. I mean, not the type that has different color for each piece, no I mean the iridescent, rainbow tones for every piece. Rainbow hues and, why not, gold rims to make the horror a glorious horror. My eyes bleed every time I see one of those things. Who on earth invented them?


I have seen some ugly stuff in terms of furniture, too, in all departments…tables, sofas, coffee tables, bed frames. Sometimes it is the style that’s off, too opulent, or too heavy, sometimes it is just a bad choice of colors (acid green? really?) or patterns that makes horrible something otherwise decent. On top of being ugly, these items tend to be very expensive. I can agree that a certain style of furniture and decor items, when expertly matched and arranged, would fit perfectly in a model home, or in a home designed with a given purpose, but I doubt the majority of people have the right taste for something like that. Or, do they? I mean, sometimes even those who are supposed to have good taste in decorating homes because it’s their job don’t in fact know what they are doing. Or, do they? In fact, they still have a niche for customers with exactly that same taste in furniture. Clearly there is a market for a certain “style”, or shops wouldn’t be selling such horrors, and clearly there are designers who make a fortune out of their questionable creations.


It may as well be that I don’t understand anything about style, maybe I am the one without taste, who’s to say my taste is better….however, that’s how I see it and that’s how I tell it. There will be many who will disagree and many who will agree, that’s the beauty of taste.


**************


Ho ben pensato che dovrei iniziare la saga Lifestyle per tutto ciò che e’ davvero britannico, dopo la saga nata dai miei tanti anni in Giappone…potrei iniziare alla serie con: gusto.


Gli inglesi amano proprio i soprammobili, o a tema o stagionali, o comunque sempre della varietà strana: sculture in metallo o ceramica raffiguranti animali come conigli, elefanti, cavali, tigri; gli animali proprio sembrano essere i preferiti. Dico, non vorreste anche voi una statua di “papere danzanti” a casa? Ci sono oggetti davvero inimmaginabili che ovviamente piacciono alle persone tanto da comprarli per ostentarli, per circondarsene, magari con l’idea di “decorare” casa propria. Io proprio non lo vedo bene, non so voi.


Un’altra cosa strana e’ la fantasia dei cuscini, a dir poco interessante, di nuovo restiamo nel campo animale con stampe di cani, cavalli, tigri, fenicotteri, animali della foresta. I tessuti scelti poi vanno da ciniglia a velluto o qualche altro tipo luccicante. Parlando di luccichio, intuisco che qui ci si butta su qualsiasi cosa che brilla, riflette, o luccica, come finto raso per gli abiti, toni di oro e bronzo su ogni cosa tipo tavolini, cornici di specchi, tutto ma proprio tutto. Insomma, più brilla, meglio e’. Non vi fa gola anche a voi un porta torta in oro? Dai, su.


Qualcosa poi ch ego visto soltanto qui, e l’unica parola che mi viene in mente per esprimermi e’ shock, sono i bicchieri multicolor, e non solo bicchieri. Voglio dire, non il tipo di set in cui ogni bicchiere e’ di un colore diverso…no. Intendo che ogni bicchiere e’ multicolor, iridescente, per capirci. Arcobaleno e magari anche un bordo dorato, giusto per trasformare l’orrido in mega orrido. Mi sanguinano gli occhi proprio. Ma chi li ha inventati,si può sapere?


Ho anche visto orrori tra la mobilia di tanto in tanto…tavoli, divani, letti. A volte e’ solo lo stile che non va, troppo ostentato o pesante, ma altre volte quello che non va e’ solo una scelta sbagliata di colori (cioè, verde acido? sicuri?) o di geometrie che fanno orribile qualcosa che magari e’ passabile. Oltre a esse brutti, questi pezzi spesso sono pure cari. Posso essere d’accordo col fato che un determinato stile o un certo elemento di arredamento, se abbinato e corredato in maniera esperta, potrebbe adattarsi benissimo a una casa modello, ad esempio, oppure una casa che segue un certo dettame o piano, ma dubito che la maggior parte della popolazione abbia quel tipo di gusto. O no? Voglio dire, a volte persino quelli che, di mestiere, dovrebbero avere buon gusto nell’arredare di fatto non hanno idea di cosa stanno facendo. O no? In effetti hanno creato una nicchia per quei clienti che hanno esattamente lo stesso gusto, c’e’ chiaramente un mercato per un determinato “stile”, altrimenti non vedo come certi orrori arrivino nei negozi..e chiaramente c’e’ un gruppo di progettisti che fanno fortuna col vendere le loro creazioni dubbie.


Può pur essere che sono io quella che non ne capisce tanto di stile, magari sono io quella dal cattivo gusto, chi lo può dire…comunque, io cosi la vedo e cosi la racconto. Ci saranno tanti che non sono d’accordo e tanti che lo sono, questo e’ il bello del gusto.