Monday, November 24, 2014

Inokashira Park - 井の頭公園

How do you know a picnic is an Italian picnic? They eat pizza…

Theatre of the Italian-Japanese get together of the weekend is Kichijoji's (吉祥寺) Inokashira park. Voted for several years the most desirable place where to live in Tokyo, Kichijoji is indeed vibrant, youthful and artistic. Now, I didn't know exactly what to expect from this town, but I was impressed when I saw it: all possible shops and stores one could ever need in a lifetime, small dim smokey alleys with restaurants and drinking joints, stylish (or kitsch, really depends on personal opinions) examples of architecture, and more. To get to the park there's a narrow and busy street, lined with shops and restaurants, and this itself is already an interesting sight. There is something appealing about the mix and clash of styles in Kichijoji…it is a big hub, in short.

Inokashira park (井の頭公園) is a beautiful and quite large park in west Tokyo, stretching out between Kichijoji and the nearby Gibli Museum, known to all anime lovers for all that came out of the genius mind of Hayao Miyazaki. But it must be said that the park is also famous for its cherry blossom, and for being a very entertaining and pleasant weekend spot for all Tokyo residents. 

Another thing the park came to the news a while ago, that perhaps many don't know or forgot, is a murder: in 1999 a dismembered human body was found in this park. Now, don't jump to conclusions too early…first I wasn't in Japan in 1999 and second if I ever did and wanted to dispose of a body I would not leave it in a place where it can be easily found. D'uh.

Anyway, that's in the past. Present day Inokashira park is home to many events, fairs, festivals year-round. Young, families and oldies come to spend some time on weekends, while artists and musicians entertain kids and passersby. 

Inside the park a lake plays the role of the main attraction, its waters hectic with traffic (paddle boats, rowing boats), and with cherry trees all around seeming to jump into the water. I bet their growth was forced into getting that shape, for the sake of the Japanese. Maple trees and tall cypresses are the other major varieties here. I liked that so many leaves had fallen that the ground was covered in a thick soft blanket, ideal setting for having people spread their picnic sheets and sit down in the shade. There is also a zoo, a buddhist temple and a bunch of cafes in the park.

So, there we are with our take away pizzas, sitting and chatting happily while life unfolds around us and time passes. Later we join life too, checking all the handiworks some people display and sell on their small stands, stopping every person with dogs to pet them (that's what a walk is like when you have a three year old kid with you), taking photos. Mostly, I took pictures. Of trees, people, my friends. That was a lovely day. 

**************

Come si riconosce un picnic italiano? Dalla pizza…

Teatro di un incontro domenicale italo-giapponese e' il parco Inokashira a Kichijoji (吉祥寺). Votata per alcuni anni consecutivi la città in cui si desidera abitare, Kichijoji e' infatti vibrante, giovane e artistica. Non sapevo cosa aspettarmi sul serio da questo posto, eppure mi ha lasciato di stucco: ogni possibile negozio di cui uno possa avere bisogno in una vita intera, piccole stradine strette con baretti e ristoranti affumicati, esempi interessanti di architettura (se di stile o no, dipende dal gusto credo), e altro. Per raggiungere il parco si cammina lungo una stradina stretta e affollata, piena di negozietti e ristoranti, che già di per se e' una attrazione. C'e' proprio qualcosa di veramente attraente nell'incontro-scontro di stili a Kichijoji…insomma, per dirla in poche parole, la città e' un centro nevralgico.

Inokashira (井の頭公園) e' un bel parco, ampio e che si allunga tra Kichijoji e il museo Gibli, che molti appassionati conoscono per le opere di Hayao Miyazaki. Ma bisogna dire che il parco e' anche famoso per i suoi ciliegi, e per essere una destinazione per il fine settimana amata dai residenti e non. Un'altra cosa che ha reso famoso questo parco, che forse molti non conoscono o preferiscono dimenticare, e' che nel 1999 fu scoperto un corpo fatto a pezzi. Ora, non giungiamo a conclusioni affrettate…prima di tutto nel 1999 non ero ancora in Giappone, e secondariamente se pure volessi disfarmi di un corpo non penso che lo farei in un posto dove chiunque può trovarlo…no?

Comunque, questo era nel passato. Oggi invece Inokashira e' un bellissimo posto, dove si organizzano eventi e feste tutto l'anno. Giovani, famiglie e anziani si ritrovano qui a spendere qualche ora nel fine settimana, mentre artisti di ogni sorta intrattengono piccoli e adulti. 

Nel mezzo del parco c'e' un lago che fa da attrazione principale, abbastanza trafficato c'e' da dire (pedalo e barche a remi), e circondato da alberi di ciliegio che sembrano cresciuti apposta per tuffarsi in acqua. Scommetto che sono stati forzati nella crescita a assumere questa posizione, per il piacere dei giapponesi. Altri alberi presenti nel parco, aceri e cipressi. Bellissimi. Altissimi. Mi e' particolarmente piaciuto che c'erano così tante foglie cadute a terra che sembrava di camminare su un tappeto soffice e spesso. Non c'e' niente di meglio per invitare a sedersi per un piccini. Infine, sempre nel parco, si possono trovare un tempio, uno zoo e alcuni bar. 


Quindi eccoci qui, con le nostre pizze da asporto, seduti a chiacchierare allegramente mentre intorno a noi la vita scorre. Più tardi ci aggreghiamo alla vita che passa, mettendoci a guardare le bancarelle con lavori fatti a mano, disturbare ogni persona che avesse cani per accarezzarli (che cosa pensate che succeda quando nel gruppo si ha una bimba di quasi tre anni..), fare foto. Per la maggiore, io ho fatto foto. Persone, i miei amici, gli alberi. E' stata una bellissima giornata.















Monday, November 17, 2014

Jogashima - 城ヶ島

It was all set for Saturday's trip: the time, the meeting spot, the itinerary, the sun…

Jogashima (城ヶ島) is a tiny island at the tip of Miura peninsula, connected to mainland by a sturdy bridge (toll fee apply, surprisingly). The entry to Jogashima is Misaki (三崎), fishing town with another of the biggest fish markets in Japan. The whole island is made of rocks of volcanic origin, and reminded me of the black coastline in Eastern Sicily, there where the fire gods sleep. For years now, I've been thinking to get to Jogashima island on a storm day, just to sit there and watch the waves crash onto the rocks and splash water all around, observe the power of nature. That day eventually came, only it was sunny and with weak currents. 

First things first, come lunchtime there I was patrolling the streets in Misaki together with two girl friends to find food. Here is the first highlight of the day: the food. Misaki is known for its tuna, and fish in general. All restaurants serve fresh tuna cuts, either raw or cooked, smoked or dried…It is a feast for the eyes and the mouth. There is even a place that serves a whole tuna head!! Yes, and, for a comparison, it is twice my own head in size…in case you were wondering, no we didn't eat that, as I don't like my food staring at me while I eat it.

Once on the island, we were in desperate need of coffee, and we visit the only one shop available ran by an old couple. The cafe walls were plastered with movie posters and actors photographs. All movies, all actors. Old movies, recent ones, modern actors, old ones…the place was a mausoleum. Super kitsch but super unique, where coffee wasn't at all good, but what do we expect from an old Japanese couple in a remote island anyway? Then, the second highlight of the day: Grandpa started small talk to then end up pulling out notebook after notebook of information: this guy recorded everything, E-VE-RY-THI-NG!! Showed us the list of the top 100 movies of all times, the strongest earthquakes in Japan since 1800, the top 10 countries with the highest GDP, the names of all nobel prize winners, formulas for neutrinos and other quantum physics stuff, the most read newspaper in the world, the names of all Japanese scientists….I stop here, but know that the guy went on and on and on for nearly one hour, making us worry whether we would be able to get out of there at all.

Eventually we managed to break free and started to look for hiking trails. Thing is, we sat for so long at the grannies' cafe that we had to re-frame our original sightseeing area, in order not to miss the sunset (and the waves). Instead of heading to the park that covers the south east portion of the island, ditching the lighthouse, the tunnels and the paved trails, at the port we turned right (because girls are always right) at the first glimpse of trails and suddenly we were in the middle of the forest. While going up, we spotted a very old tiny woman bent forward and carrying a huge basket full of greens on her shoulders. We thought: 1) amazing, how old must she be? 2) what is it that she's carrying back from the forest? 3) will she reach home? 4) quick, quick, take a picture! 

After we hiked the first few hundred meters we realized that we were walking through people's gardens and the old woman was coming back from picking veggies from her own piece of land. Now that I think of it, I have no idea how they know who owns what garden and where, since there were no signs WHATSOEVER…

Anyhow, after a few more right turns (women are always right, remember) we could hear and see the ocean below, just in time for watching the last hour of light to bathe everything in gold. The south side of Jogashima is amazing, a plateau of land that rose some 50 meters from the water looking down to a rugged coast beaten by winds and waves (oh, the sound of water!). Here, eruptions, storms and winds have shaped the rocks for hundreds of years, creating striking patterns, caves (which we didn't have enough time to explore), arches and homes for shellfish and hermit crabs. In the far distance is the coast of Izu peninsula, guarded by mount Fuji.

We spent most of our remaining time there on the beach, waiting for the sun to set, waiting for my wave to come.

One last note to self: make sure your camera and phone lenses are clean…I took amazing shots of the sunset, beautiful rays of light breaking into the photograph, alright...but too dazzling, actually. Damn halo!

****************

Tutto era pronto per la gita di sabato: ora, posto, itinerario, sole…

Jogashima (城ヶ島) e' un'isoletta alla punta della penisola Miura, collegata alla terraferma da un ponte robusto e per cui si paga, stranamente, un pedaggio. L'ingresso a Jogashima e' la città di Misaki (三崎), porto e paese di pescatori che vanta uno dei più grossi mercati del pesce in Giappone. L'isola e' fatta di roccia vulcanica, cosa che mi fa ricordare la costa ionica della Sicilia, laddove dormono gli dei del fuoco. Per anni, ho cercato di andare a Jogashima in un giorno di tempesta, per sedermi e guardare le onde schiantarsi sulla costa, ammirare il potere della natura. Quel giorno alla fine e' arrivato, solo che era soleggiato e con poche correnti.

Per prima cosa, io e due amiche aggregatesi per la giornata perlustriamo le strade di Misaki per pranzare. E qui ecco la prima cosa bella: il cibo. Misaki e' famosa per pesce in generale, ma in particolare per il tonno. Tutti i ristoranti servono tagli freschi di tonno, cotti o crudi, affumicati o essiccati…insomma, una festa per gli occhi e il palato. C'e' persino un posto che serve una intera testa di tonno! E, giusto per un paragone, e' più grossa della mia. Nel caso ve lo stiate chiedendo: no, non ci siamo fermate a mangiare li..ho una certa avversione a mangiare qualcosa che mi guarda dritto negli occhi.

Arrivate all'isola ci siamo intrufolate in quello che si e' rivelato essere un mausoleo del cinema: una vecchia coppia tiene un baretto abbastanza kitsch ma molto unico, i cui muri erano completamente tappezzati di locandine di film (tutti i film) e fotografie di attori vecchi e giovani, moderni e non. Il caffè ovviamente non era degno di nota, ma che volete aspettarvi da una coppia di nonnetti giapponesi in un paesino remoto? E ecco la seconda cosa bella della giornata: il signore a un certo punto ha incominciato a uscire quaderni e quaderni in cui aveva preso nota di ogni cosa, O-GNI-CO-SA!! Ci ha mostrato la lista dei 100 migliori film di tutti i tempi, i terremoti più forti in Giappone sin dal 1800, le 10 nazioni con il più alto PIL, i nomi di tutti i premi nobel, formule di fisica quantistica, i giornali più letti al mondo, i nomi di tutti gli scienziati giapponesi….insomma, mi fermo qui per non annoiarvi, ma sappiate che il nonnino e' andato avanti per quasi un'ora, tanto che ci stavamo preoccupando di non poterne uscire più. 

Alla fine siamo riuscite a liberarci e abbiamo cercato di addentrarci nel bosco. Il problema pero' era che, avendo perso un sacco di tempo per il "caffè", abbiamo dovuto ridimensionare la nostra area di esplorazione originaria perché non volevamo certo perderci il tramonto (e le onde). Quindi, invece del parco che copre la parte sud-est dell'isola, con il faro e le gallerie, dal porto abbiamo tagliato non appena abbiamo notato un sentiero che ci ha portato subito in mezzo al verde più assoluto. Abbiamo anche visto una signora che avrà avuto quasi cent'anni, piccola e curva che portava sulle spalle una cesta piena di roba. Al che abbiamo subito pensato: 1) ammazza, ma quanto e' vecchia? 2) ma che starà mai portandosi dietro? 3) veloce, dai, foto!!

Dopo aver fatto i primi metri di cammino ci siamo accorte di essere in mezzo agli orti, e quindi la vecchina di prima sicuramente stava tornando dal suo orto dopo aver raccolto la verdura. Che poi, ora che ci penso, non potrò mai capire come facciano questi a riconoscere dove sta il proprio orticello visto che non ci sono indicazioni di nessun tipo…

Comunque, dopo qualche minuto abbiamo raggiunto la costa, giusto in tempo per vedere la luce dorata del tramonto colorare tutto con toni caldi. Il lato sud di Jogashima e' spettacolare, si erge sul mare in maniera uniforme e cade a precipizio su una costa rocciosa su cui si infrangono onde e sferzano i venti (ah, il suono delle onde!). Qui, eruzioni, tempeste e mareggiate hanno dato forma alle rocce per centinaia di anni creando archi, caverne e case per i tanti molluschi che vivono tra le insenature. Più in la verso l'orizzonte si intravede la costa di Izu e il profilo del monte Fuji.

Abbiamo passato la maggior parte del tempo qui, aspettando con calma il tramonto e la mia onda.


Un'ultima cosa: assicurarsi che le lenti di macchina fotografica e smartphone siano pulite…ho fatto delle foto spettacolari con la luce del sole che squarcia l'immagine, solo per poi rendermi contro che era troppo accecante. Per via dell'alone attorno alla lente…porca miseria!



















Wednesday, November 12, 2014

Mitsuike park and the google maps - 三ツ池公園

I hate to say this, but I am running out of topics. After years and years of writing facts and what not, you have to convene that I may be short of stories. But fear not, plenty of boring writing about my daily life is just a few keys away…

It is surprising how little one can know the neighborhood! For many years I have explored every direction, every block, every corner of the area where I live, and yet some parts are unknown. Obviously I didn't cover everything. Good on me, for I found a couple of shortcuts to reach Mitsuikekoen (三ツ池公園), or the three ponds park, I will use a lot from now on. 

Some background about this lovely piece of green. Mitsuikekoen is one of the biggest in this area and with a great view of the whole city, given that it extends on and around a hill. And, it is beautiful. No, more than beautiful. There is a nice running/walking trail all around the three ponds that's a bit longer than 1km, a few lookout points scattered around, children playgrounds, a soccer field, a baseball field, a tennis field, a pool and, of course, cherry trees. In fact, there are some 1600 cherry trees in the park, accounting for some 70 varieties, making it one of the best spots in spring. This place is a real sight during cherry blossom season, trust me. 

But, counting on the Japanese care of details, stay assured that also the red leaves season has you breathless, with a nice balance between ginko, maple, cherry (the latter have leaves that turn a beautiful red in fall) and many other deciduous trees. Mitsuike park is beautiful year-round, really. For example, one of the three ponds is half covered with lotus, and when it blooms in summer…well, you can get the picture.

Another thing that makes Mitsuike one of my favorite parks ever is the presence of a Korean Garden inside, designed and created as a proof of friendships between Japan and Korea. Through a gate one enters the premises of what is the reproduction of a upper class house from the Choson period. The garden is open to the public and one can walk inside the house to see the rooms arrangement and the furniture of that era. What the two Apache-looking totems standing by the gate have to do with Korea or Japan, I don't know. Certainly they give the place an interesting look.

Let's look at the conventional way to access the place: either 30 min by bus or 50 min walk from the station. The exploratory component of the 50 min walk is not the discouraging one, rather the nature of the route is a bit cumbersome as it goes up and down a few hills. Even the journey by bus feels way too long. That's why the park, although deserves to be visited frequently, hasn't seen me as often. But on Sunday, motivated by a sunny warm day, I decided to give one more try. There must be an easy way. And easy enough, there is one! I wonder why I didn't think of it earlier…

I leave home and 3km walk and 20 minutes later I am at the park entrance. I then run 4km in the park, keeping an eye on the autumn colors, and another 3km walk later I am back from where I started. Satisfied? You bet.

The neighborhood I thought I knew deep and wide was full of surprises. I spotted at least four little temples, and I stopped at one of those called Hosenji which also happened to be a small zen monastery. What to say about the sight of the entire Tsurumi river valley? Amazing! I love days like this. 

The best finding of all was that Google maps had the road numbers wrong. How do I know that. I know because I don't like relying on maps only, I prefer to read the road signs and find landmarks. Knowing the area decently well helps, too. Now, I was walking along the right road, as the big blue sign hanging above my head has been saying so many times and laughed when I checked google maps to know the name of this or that temple, since the road I was on was not the "right" one according to the maps…

Mr Google, do your homework first. If you need some help figuring out the Japanese naming conventions, give me a call!

***********

Non mi piace dirlo, ma mi ritrovo a secco di argomenti. Dopo anni e anni di racconti e altro, bisogna anche accettare che non ci siano più tante cose da dire. Ma non c'e' nulla da temere visto che posso continuare con dettagli più che noiosi della mia vita quotidiana…

E' impressionante quanto poco si conosca il proprio quartiere! Per anni ho esplorato ogni direzione, ogni angolo della zona in cui vivo, eppure ci sono aree ancora sconosciute, come ho dovuto constatare. Buon per me, così che ho trovato una scorciatoia per raggiungere Mitsuikekoen (三ツ池公園), o anche il parco dei tre laghetti, che d'ora in poi utilizzerò molto.

Un po' di informazioni su questo bel pezzo di verde. Mitsuikekoen e' uno dei parchi più estesi in quest'area e offre una meravigliosa vista della città perché si trova su una collina. Ed e' un parco molto bello, no anzi di più. C'e' un bel percorso per correre o passeggiare di poco più di 1km intorno ai laghetti, alcuni punti di osservazione, parchi giochi per bambini, un campo da calcio, uno da tennis, una piscina e soprattutto ciliegi. Difatti il parco conta circa 1600 alberi di ciliegio appartenenti a circa 70 diverse varietà, che ne fanno uno dei migliori da visitare in primavera. E credetemi che durante la fioritura dei ciliegi questo posto merita una visita. 

Ma non solo in primavera, visto che la cura tipica dei giapponesi per ogni dettaglio fa si che anche l'autunno sia osservato ben bene con la giusta combinazione di alberi a foglia caduca come ginko, acero, eccetera. A dire il vero, Mitsuike e' bello ogni giorno dell'anno, anche in estate quando sbocciano i fiori di loto che stanno in uno dei laghetti…insomma, si e' capito.

Un'altra cosa che rende questo parco il mio preferito e' che c'e' un giardino coreano che e' stato creato come prova delle relazioni di amicizia tra il Giappone e la Corea. Attraverso un cancello d'ingresso si arriva nel cortile di quella che era una abitazione nobile dell'era Choson. Il giardino e' aperto al pubblico e si può persino entrare nella riproduzione della villa e osservare come era arredata e organizzata.

Ora, guardiamo alla via convenzionale per arrivarci: o 30 minuti in autobus o 50 a piedi dalla stazione. La componente esplorativa della camminata non e' quella che scoraggia, quanto la natura del percorso che si snoda su e giù e su e giù, che fa sembrare anche il viaggio in autobus un tragitto infinito. Ecco perché, seppur il parco merita, non ci sono andata spesso. Percio, motivata dalla giornata calda e soleggiata, mi metto a cercare una strada alternativa. Ci deve essere un altro modo. E difatti c'e', e mi meraviglio a non averci provato prima…così semplice!

Per stringere, 3km a piedi e 20 minuti dopo sono all'ingresso del parco. Poi faccio 4km di corsa e poi ritorno a casa con altri 3km di passeggiata. Soddisfatta? Direi di si.

Quella zona che pensavo di conoscere come le mie tasche mi ha rivelato belle sorprese. Ho visto almeno quattro templi carini, e mi sono fermata a uno di questi, Hosenji, che e' anche un monastero. E la vista di Tsurumi dall'alto della collina ne vogliamo parlare? Fantastica. Adoro le giornate così.

La sorpresa migliore di tutte pero' mi e' arrivata guardando google maps. Ho trovato un errore e lo so perché non sono una che si affida solo alle mappe, piuttosto preferisco osservare, leggere i segnali e trovare i miei riferimenti. Ora, stavo camminando lungo la strada giusta, visto che c'era un cartello grosso così sopra la mia testa a indicarlo, mentre invece, guardando nelle mappe per sapere il nome di questo o quell'altro tempio, vedo che la strada dove mi trovavo non era quella "giusta"…


Signor Google, vai a fare i compiti. E chiamami se ti serve aiuto con le indicazioni giapponesi.












Sunday, November 9, 2014

Rosso Novembre

If one could assign colors to each month in a year, and if one asked me what color I would give November, I would definitely say RED. Because red is the undiscussed sovereign autumn shade. 
Examples? Plenty…

Foliage. Everywhere at temperate latitudes leaves turn from green to deep red before they fall. Isn't that yet another great present from Mother Nature? Walk in a park on a cold day, feel the soft layer of leaves under the feet, hear the whoosh and the crunch with every step, watch the wind whirl around and the leaves swish, fly away against the blue…

Apples. The fruit of fall. Ideal ingredient for pies, muffins, cakes…great in combination with cinnamon, nuts, cheese, sweet bread. Many times I have come back home, welcomed by the apple sweet fragrance in the air…many times I have woken up in the morning smelling baked apple and walnuts cupcakes prepared the night before. What an ideal way to start a day!

Wine. Oh. Wine. Ruby red, purple red, deep red, tuscan red, carmine red, all different shades the result of a different fascinating chemistry, so are flavor, robustness, thickness, sweetness. So, yes, finally I can start drinking wine again. If you are a fine connoisseur, you don't need to know more. For the others (heretics!), there is the simple explanation: red wine is best consumed at temperatures up until 16/17 degrees max. Refrigeration kills all flavors and can make a really good wine a really bad one. Leaving a really good wine out at room temperature in summer is also a big no. See? Fall is good. I remember going to the wine cellar as a child day after day after the grape harvest and sit close to the barrels where it was possible to hear the rumble of the fermentation happening inside. When I touched the barrel I could feel it shake. Then the day my dad would taste the wine and declare it ready would come, around early November. 

Fire. It warms up the house, it lights up the dark winter nights, it scares the evil spirits away. I do like fire. No surprise, I guess, considering that us Sicilian have a special relationship with our active volcano…Opening the barrels to taste the new wine, traditionally on November 11, meant also celebration. We would get together, set the barbecue and grill steaks and later roast chestnuts outside in the cold. The best way to taste the new red.

Hot tea. Not all teas are red, sure. But the red berries ones? Oh yes they are. I loved the beginning of fall, when I could dig into the teas box, find the ones my sis-in-law regularly sent us form Germany, and savor the sour sweet, hot drink. And that meant cookies, too. Oatmeal cookies. With apples and walnuts….oh, wait. I know what's happening minutes from now.

Friends! Go out, spend time watching the seasonal colors, soak in the sun, breathe as much as you can, fall doesn't last long.

And now I even recall I already wrote about this very same topic here. I must really like it!

**************

Se si potesse assegnare un colore a ogni mese dell'anno, e se mi si chiedesse che colore dare a novembre, io direi certamente ROSSO. Perché rosso e' il colore sovrano e indiscusso dell'autunno.
Esempi? Hai voglia…

Foglie. Ovunque nelle zone temperate le foglie cambiano da verde a rosso intenso prima di cadere. Non e' un altro regalo fantastico della natura? Camminare in un parco in un giorno freddo, sentire lo strato soffice di foglie sotto i piedi, sentire il fruscio a ogni passo, guardare il vento spazzare via le foglie contro il blu….

Mele. Il frutto dell'autunno. Ingrediente ideale per torte e muffin…ottimo accompagnamento per cannella, noci, formaggio. Quante volte sono rientrata a casa benvenuta dal profumo di mele nell'aria….quante volte mi sono svegliata la mattina sentendo ancora l'aroma di mele e noci nelle ciambelle preparate la sera prima! Che maniera ideale di incominciare la giornata!

Vino. Oh, il vino. Rosso rubino, porpora, scuro, carminio, e tutte le altre tonalità di rosso risultato di un bilancio chimico spettacolare, come anche lo sono il sapore, il corpo, la robustezza, il grado di dolcezza. Finalmente e' tempo di vino. Se siete esperti allora non c'e' bisogno di aggiungere altro. Per gli altri (eretici!!) ecco la spiegazione: il vino rosso e' mantenuto in condizioni ideali quando le temperature sono al massimo intorno ai 17 gradi. Tenere un rosso in frigo ha l'effetto di ammazzare il sapore e può trasformare un buon vino in un vino pessimo. Ma anche lasciare un rosso a temperatura ambiente in estate e' un grave errore. Mi ricordo che da piccola andavo in cantina ogni giorno dopo aver raccolto l'uva e mi accostavo alle botti dove potevo sentire il ribollire causato dal processo di fermentazione del vino, e sentire le vibrazioni quando le toccavo. Poi arrivava il giorno in cui mio padre assaggiava il vino e decideva che era pronto, all'inizio di novembre.

Fuoco. Riscalda la casa, illumina le sere invernali, caccia via gli spiriti cattivi. Mi piace il fuoco, e non e' certo una sorpresa visto che noi siciliani abbiamo una relazione particolare con il nostro vulcano…Aprire le botti e assaggiare il vino, di solito l'undici novembre, significava anche festa. Ci si riuniva per preparare un bel fuoco, si arrostivano carne e castagne fuori all'aperto. Non c'e' modo migliore per bere il vino novello.

Te' caldo. Vero, non tutti sono rossi, ma quello ai frutti rossi si! Mi piaceva l'inizio dei giorni freddi, quando potevo finalmente cercare le mie bustine da te', quelle che mia cognata mandava regolarmente dalla Germania, e assaporare il gusto agrodolce del te' caldo. Magari con dei biscotti. Tipo biscotti di cereali. Con le mele.  E con le noci…oh, aspetta aspetta che so cosa accadrà a pochi minuti da adesso.

Cari amici, uscite, passate quanto più tempo e' possibile a ammirare i colori autunnali, riscaldatevi al sole, respirate l'aria che questa stagione non durerà per molto.

Mi sono poi ricordata che ho gia' raccontato in passato di questo stesso argomento qui. Deve proprio starmi a cuore! 





Thursday, October 30, 2014

City of spiders - Kamakura on a weekday

Another visit, another itinerary. Yes, because one is not done with Kamakura in just one trip, being it hiking, bus-hopping, walking or cycling (like my previous ones here and here). And, unintentionally, my trip to the city of samurai this time had a Halloween flavor: spiders and webs. Real ones, I mean.

My favorite temple in Kamakura is Hasedera (長谷寺). Well, maybe not the only one, but, see, there are hundreds of temples in Kamakura, so making up one's mind is very very difficult…
The temple is dear to the Kannon (goddess of mercy, not goddess of cameras) worshippers, as it displays a huge standing statue (wood coated in gold) of this divinity inside the main shrine. Despite this, the temple is one of the 33 that make the pilgrimage route dedicated to Benzaiten, goddess of music and fine arts. But all of that is not why I like Hasedera. What I like is the care of each and every detail: every plant, every bamboo trunk, each stone is placed right where it should best be, each drop of water from the bamboo pipes falls according to a grand design aimed at enhancing the beauty and perfection of nature. In order to reach the main shrine one has to climb a few series of stairs and, while doing so, admire the enlarging view of the bay. And it's got a zen stone garden and a cave, too. What do I need more?

From there, the bronze statue of Buddha (Daibutsu, 大仏) is a few steps away. Another must see (and the thing is majestic when seen with one's own eyes), the great Buddha is the second biggest statue of its kind after the one in Nara. It was cast in 1252 and it has stood where it is ever since. Impressive. I particularly like the meditative and peaceful look on the face, the calm and tranquil posture.

Featured even in the lonely planet guide, right behind the Daibutsu sacred grounds starts an easy and popular hiking trail, although quite unfriendly after a rainy day, that's roughly connecting via a mountain path the two stations of Kamakura and Kita-Kamakura (North Kamakura, 北鎌倉). That's where the adventure starts and comfort ends. Walking through the woods and hearing hawks and other birds felt just great, but doing so on muddy trails didn't. The fact that I started spotting spiders hanging on huge webs at every meter made things more awkward…some of them were as big as my palm, and they hung right above my head. Had I been taller, I would've easily stubbled onto the elaborate work those little creatures took hours to weave. My hiking partner was extremely delighted to make fun of me trying to stay away, given that they were totally harmless. Thing is, I am extremely fascinated by spiders, but I don't want to give them the chance to jump on my nose when they are bigger than my nose. Anyway, they seem to have taken over the whole forest and the town, or if not yet they soon will.

To go back to the hiking, at some point in the trail there's a temple, invisible to sight and reachable only through a tunnel in the stone walls, where people wash their money in spring water in the hope to see it multiply. I did wash some coins, too, but I am not a believer. From this temple, one can continue towards Kita-Kamakura or cut back to return to Kamakura.

Deciding to go for the second option, from the money washing shrine we embark on a more adventurous hiking route, spotting more and more spiders on webs spread within trees and between trees, following our own intuition when we couldn't find the one and only trail, being extra careful not to lose our balance. All in all, being in the forest and connect with nature was lovely. And, we made it to Tsurugaoka Hachimangu (鶴岡八幡宮), eventually, without trouble. Hachimangu temple was meant to be sumptuous, majestic, impressive. Reachable form the beach by a long promenade lined with cherry trees that ends at an arched bridge (with the intention of inspire the pilgrim with a gradually revealing view), on a clear day he main shrine can be seen from the beach and the beach can be seen from the main shrine, which is uphill. It couldn't have been less spectacular for a once Japan capital…

Right at the end of the day, the clouds finally gave space to a beautiful sun and we went to watch the sunset by the beach. 

Perfect end to a perfect day.

**************

Un'altra visita, un altro percorso. E si, perché non s finisce con Kamakura in un solo viaggio, che sia a piedi, tra le montagne, in bici o in autobus (come ad esempio i miei precedenti qui e qui). Per nulla coincidenza, stavolta il giro nella città dei samurai ha un certo non so che di halloween: ragnatele e ragni ovunque. Veri, dico.

Il mio tempio preferito a Kamakura e' Hasedera (長谷寺). OK, forse non l'unico, ma vedete ci sono centinaia di templi a Kamakura e decidersi e' difficile…
Il tempo e' caro ai fedeli della dea Kannon (dea della misericordia, non dei cannoni eh?), infatti al suo interno c'e' una statua enorme della divinità in legno e ricoperta d'oro. Nonostante ciò, pero', il tempio e' uno dei 33 che fanno parte del pellegrinaggio dedicato alla dea Benzaiten, dea della musica e delle arti. Ma questo non e' tutto quello che mi piace di Hasedera. Quello che mi piace e' la cura per ogni dettaglio: ogni pianta, ramo di bambù, pietra, ogni cosa sta esattamente dove dovrebbe stare, ogni goccia d'acqua della fontana cade in obbedienza a un disegno universale che mira a aumentare la bellezza e la perfezione della natura. Per raggiungere il padiglione principale bisogna salire alcune rampe di scale, e facendo ciò ci si può fermare e osservare il panorama della baia che piano piano va allargandosi. Poi, tra le altre cose, c'e' pure una grotta e un giardino zen di pietra. Insomma, che voglio di più?  

Da qui la statua in bronzo di Buddha (Daibutsu, 大仏) e' a pochi passi. Un altro stop obbligatorio (e vista con i propri occhi e' proprio imponente), questa statua e' la seconda più grande dopo quella del buddha di Nara. E' stata colata nel 1252 e da allora siede dove sta ancora adesso. Mi piace proprio l'espressione pacifica e in stato di meditazione e la postura calma e rilassata.

Proprio dietro all'area dove sorge la statua del buddha, e anche accennato nella guida lonely planet, incomincia un sentiero di montagna abbastanza facile e famoso, seppur non consigliato nei giorni di pioggia, che collega le due cittadine più importanti Kamakura e Kita-Kamakura (North Kamakura, 北鎌倉). Con questo sentiero l'avventura inizia e le comodità finiscono. Il fatto di stare immersi nella natura e sentire le aquile era magnifico, ma i sentieri fangosi non tanto. E il fatto che vedevo ragni ovunque ha reso il tutto più difficile, soprattutto quando alcuni erano grossi quanto il palmo della mia mano e penzolavano sopra la mia testa. Se fossi stata più alta avrei urtato quelle ragnatele che chissà quanto lavoro hanno richiesto. E il mio compagno di passeggiata devo dire che si divertiva non poco a prendermi in giro per questo, soprattutto perché tutti quei ragni sono totalmente innocui. Che poi i ragni mi affascinano, ma solo che non mi va di dargli l'opportunità di saltarmi sul naso, soprattutto quando sono più grossi del mio naso. Comunque, mi e' parso che l'intera foresta e anche la città fossero completamente invase da ragni, e se non e' così ancora, presto lo sarà.

Tornando al sentiero di montagna, a un certo punto del percorso si raggiunge un tempio che e' invisibile al passante e raggiungibile solo attraverso una galleria scavata nella roccia, e in questo tempio la gente si reca per lavare i soldi nella speranza di vederli moltiplicati. Anche io ho lavato qualche spicciolo, seppure non credo al miracolo. Da questo tempio, si può decidere se continuare verso Kita-Kamakura o avvicinarsi di nuovo a Kamakura.

Decidiamo di tornare verso il centro e ci imbarchiamo in un viaggio ancora più avventuroso di prima, con altri ragni in giro, sugli alberi, tra gli alberi, ci abbandoniamo all'intuito nel seguire sentieri ormai pressoché invisibili, e proseguiamo cauti per non perdere l'equilibrio. Alla fine, il fatto di trovarsi in mezzo agli alberi, soli con la natura e' stato rigenerante e abbiamo comunque raggiunto senza problema alcuno il tempio Tsurugaoka Hachimangu (鶴岡八幡宮). Suddetto tempio e' stato concepito per essere sontuoso e imponente. Raggiungibile dalla spiaggia grazie a un viale di alberi di ciliegio che finisce su un ponte ad arco (con l'idea di incantare il pellegrino con una graduale vista del tempio), in un giorno limpido il padiglione principale si riesce a vedere dalla spiaggia e la spiaggia si riesce a vedere dal tempio. Non poteva che essere così per una città che era una volta la capitale del Giappone…


Alla fine della giornata fa finalmente capolino il sole così che concludiamo con un tramonto sulla spiaggia. 

Un finale perfetto a una giornata perfetta.