Wednesday, December 7, 2016

Cucina Marina - Christmas table

This month started with one cooking class. While I think I am still far away from the frequency I'd like to teach at, one class is better than no classes at all, lah.

It's been so long since I last arranged a class that I was very nervous about it. Yes, me, nervous about doing what I am most confident at. It happens, and it happens often these days.

Considering that we are approaching the year end holidays, I put together a nice menu for Christmas, although picking the recipes that make Christmas was very difficult.

Timing the class was the first worry. All dishes required baking, and this is a huge problem because my oven barely has space for one tray at a time. A small tray. How do I make sure that we bake everything within the class timeframe? How can I avoid that all food gets cold before we sit to eat? Fearrrrrrrrrrr!

In the end I tetrised all operations, and managed to have only minimum downtime; I even managed to finish earlier than planned. Phew! Having fewer students instead of a full class helped a lot in this, since it requires less people to try do stuff by themselves (my classes are hands-on as much as possible).

Because I was so nervous, I messed up the cookies recipe. I went on, explaining, showing, and then after I had put it away I realised I missed one ingredient...I saved it just in time, and explained how to get out of similar situations, if it happened to my students, too. I guess, as we'd say in Italy, I came out from under a train uninjured. Phew! I just hope no one complains about this lack of professionalism, because yes somebody in the past complained for even less than that.

And, last but not least worry, I realised that the recipes to hand out to my students were messed up too! While printing the instructions, I didn't notice that the order of execution for one recipe was altered. Ohwell...

All in all, what emerged from the class was that all the participants were stunned by the recipes, surprised by the fact that they looked very complicated in the picture, but turned out to be very simple to make. I deliberately tried some tricks to simplify the steps, because the capability of kitchens and availability of tools and ingredients are issues not to be underestimated in this country.

**********

Ho incominciato il mese con una lezione di cucina. Anche se sono ancora molto lontana dalla frequenza a cui aspiro, una lezione e' sempre meglio di nessuna lezione.

Era da cosi tanto tempo che non ne organizzavo una che ero abbastanza nervosa. Si, si, quella che l'unica cosa che sa fare bene e' cucinare era nervosa. Succede, e devo dire anche abbastanza spesso ultimamente.

Visto che le feste di fine anno si stanno avvicinando, ho pensato di assemblare un menu natalizio, anche se trovare delle ricette proprio specifiche non e' facile.

Il primo fattore di nervosismo e' stato il tempo totale per la lezione. Tutte le ricette che ho scelto vanno fatte al forno, il che rappresentava un grosso problema visto che nel mio forno posso si e no farci entrare una teglia sola, e pure piccola. Come fare a cucinare tutto entro i tempi? Come fare in modo che il tutto non si raffreddi prima di sederci a tavola?

Per fortuna ho in qualche modo incastrato le varie ricette cosi che i tempi morti sono stati ridotti al minimo e abbiamo anche finito prima del previsto. E' stato anche un vantaggio avere pochi studenti, altrimenti il tutto si sarebbe allungato (faccio sempre in modo che tutti provino di persona tutto).
Poi, siccome ero nervosa, ho anche fatto casino con la ricetta dei biscotti. Ho spiegato, mostrato tutto, e quando poi avevo l'impasto pronto e messo da parte mi sono accorta che mancava un ingrediente importante...meno male che ero ancora in tempo e ho salvato la situazione spiegando anche che questo e' uno degli impicci in cui i miei studenti si possono ritrovare e ho fatto vedere come uscirsene. Me la sono cavata da sotto un treno, eh! E ora spero solo che nessuno si lamenti della mia mancanza di professionalita, visto che e' gia' successo anche con molto meno.

Non meno importante, un altro fattore di ansia e' stato rendermi conto che le ricette che avevo stampato per i miei studenti erano sbagliate, infatti in una le istruzioni erano sfasate....vabbe'.

Alla fine e' emerso dalla lezione che tutti erano rimasti colpiti dalle ricette, visto che sembravano difficilissime da fare ma che sono poi risultate essere abbastanza semplici.  Questo grazie ad alcuni accorgimenti e trucchi per facilitarne l'esecuzione, anche per motivi pratici visto che in Giappone la capacita' di cucine, disponibilita' di utensili e reperibilita' di ingredienti non sono problemi da sottovalutare.






Monday, December 5, 2016

Season's standards

So now December is the new November, or so it seems if we are to judge by the beginning of each day so far.

The sun is out, a bright diamond in the clear sky, it's warm, and the autumn colours shine in the morning light. It feels great to sit out on my balcony to sip my coffee these days, or sit on my sofa by the (open) window to bask in the sun, to ride to a park to read a book, or even a jog along the river. Everything feels really really good.

Essentially, the month started very well, blessed with temperatures above the season average and sunny, blue skies. A good change from what was just labeled a dark and rainy year.

Another reason for joy, a rather material one, is that the lucky bags usually sold from Jan 2nd (those paper bags filled with items at crazy discounted prices) are already out on all stores shelves! I don't really shop (except for food, I'd say), but there is one kind of bargain I am happy about: the make-up lucky bags. Packages contain a selection of items, from nail polish to eyeliners, for each major make-up brand. And whenever I get something I don't use or I already have, I can give it as present to friends or cousins. Got doubles, no troubles.

However, the fact that I can already find lucky bags, way before their usual time in January, means that the Japanese marketing magicians are rushing things.

Is it because sales are not going well and retailers are trying to captivate buyers? Is it because the economy is going south? Is it because people are getting used to prepare earlier each time for the seasonal appointments?

Whatever the reason, the key problem remains: what am I going to look forward to in January if I can have what I want in December?

*****************

Pare che il mese di dicembre sia diventato novembre, a giudicare da come e' iniziato.

Il sole splende luminoso nel cielo limpido, fa calduccio e i colori autunnali risplendono nella luce del mattino. SI sta proprio bene seduti in balcone o sul divano davanti alla finestra a sorseggiare caffe, o anche andare al parco in bici o fare una corsa lungo il fiume sono cose che tutte ci stanno proprio in questi giorni.

In sostanza, il mese e' iniziato molto bene, con temperature al di sopra delle medie stagionali, e con clieli blu. Proprio un cambio netto rispetto a quello che sinora era considerato uno degli anni piu grigi e cupi.

Un'altra regione, molto materiale stavolta, per gioire e' che le borse della fortuna che di solito vengono vendute il 2 gennaio (quelle buste piene di vari oggetti a prezzi vantaggiosissimi) sono gia' in tutti i negozi!! Diciamo che io non faccio acquisti, a parte per mangiare, pero' c'e' un tipo di affare che mi piace tanto: le borse della fortuna dei trucchi. Le confezioni sono promosse dai marchi maggiori e contengono un numero variabile di cosmetici da smalti a matite per gli occhi. Tra l'altro, quando becco prodotti che ho gia' o che non uso, li posso sempre conservare e poi regalare a amiche o cugine.

Ora, pero', il fatto che ci siano gia' in giro queste buste della fortuna, mentre di solito si trovano a fine mese o addirittura a gennaio proprio, significa che i maestri del marketing giapponese stanno velocizzando i tempi.

Sara' forse per attirare acquirenti visto che gli affari vanno male? Sara' forse per risollevare l'economia? Sara' forse per il fatto che i giapponesi amano prepararsi a queste cose stagionali e lo fanno ogni volta sempre prima?

In ogni caso, qualunque sia la motivazione, una cosa e' certa: ora io a cosa mi aggrappo per aspettare gennaio? Se ho tutto quello che desidero gia' a dicembre, cosa mi invento ora?

Wednesday, November 30, 2016

Of cold, kit-kats and seemingly zen attitute

It’s almost unbelievable but we are nearing the end of the year again.

I definitely know the literal meaning of “time flies”. Maybe it is also due to the rush the Japanese put into their everyday life. On one hand they are calm, zen, slow. But on the other hand they are frantic, manic, always in a hurry. Maybe the calm is only apparent, maybe they are just still in between chases…it reminds me of my recent trip to Sicily to meet my family. That one evening that I had dinner with all my cousins and there was a nice conversation going on, they talking all a lot while I said maybe 5 words in total. My cousin then made a remark, saying I was so zen…probably this is what Japan did to me? Wrong. I was just so tired (not yet recovered from the jet lag and the chaos of the many celebrations). And so now I think it must be this, that the Japanese are always chasing the next thing, and while chasing it they take rests in the middle. It must be it.

This year, even before I left for Sicily, in late October, I could already see shops windows displaying Christmas items. Dear lord, yes. And when I returned, early November, I was already hit by the Christmas songs and melodies coming form everywhere. Man, I am sick of this atmosphere already. And, there is not even an atmosphere. But…there is a Christmas KitKat edition, this year. Yes, right.

The cold season is approaching, everything feels miserable, I don’t like any food, I don’t want to cook, or exercise. It’s too cold, grey, wet and plain boring. In general, this whole year has been very dark and rainy. It was good that I went to look for the sun in Vietnam, seriously.

Spending the year end holidays in town and being able to do whatever I want is indeed much needed. I haven’t planned any trips for the holidays. I will only chill and meet friends, fortunately almost all of my stable Tokyo resident friends will be around, and hopefully have (finally) some time to take care of myself. I can’t wait to put all the work pressure, the stress, the frustration behind and take some deserved time off.

********

Sembra quasi impossibile ma di fatto siamo quasi alla fine dell’anno un’altra volta.

Penso di avere ben chiaro il concetto di “il tempo vola”. Forse e’ anche per colpa della fretta che sembra pervadere i giapponesi. Da una parti li vedi calmi, lenti, tranquilli. Ma dall’altra parte sono sempre di fretta, impazziti. Forse la calma e’ solo apparente, e sono calmi solo in quegli intervalli tra le corse…mi fa pensare al mio viaggio in Sicilia. Quella sera che si stava a cena tra cugini, tutti parlavano e si agitavano e io avrò detto si e no 5 parole. E sta mia cugina in effetti a notare come io sia diventata zen, dice lei…forse e’ l’effetto del Giappone? No. Semplicemente ero stanchissima (per il viaggio e le festeggiate). E quindi ora penso che sia proprio questo, che i giapponesi sempre vanno appresso alla cosa che viene dopo, e se possono si riposano nelle pause tra una ricerca e l’altra. Deve per forza essere cosi.

Quest’anno gia’ prima che partissi a fine ottobre avevo avvistato le prime cosine natalizie. Eh gia! E poi quando sono tornata, a inizio novembre, sentivo gia le canzoncine di Natale ovunque. Sono gia’ stanca morta di quest’atmosfera. Che poi, neanche si sente sta atmosfera! Pero’ quest’anno c’e’ la versione natalizia del kitkat. Eeeeeesatto.

Il freddo sta arrivando, tutto sa di miserabile, non ho interesse nel cibo, non ho interesse a cucinare, non ho interesse a fare sport. Fa troppo freddo, e’ grigio e umido. Anzi, l’intero anno e’ stato abbastanza grigio e umido. Per fortuna che ho fatto scorta di sole in Vietnam quest’estate.

Passare le feste a casa e fare quello che mi pare e’ proprio quello che ci vuole. Non ho pensato a niente per queste feste. Semplicemente mi rilasserò e vedrò gli amici, per fortuna quelli stabili qui a Tokyo saranno pure in giro, e si spera che abbia anche un po’ di tempo da dedicare a me. Non vedo l’ora di allontanare pressioni e stress lavorativi, frustrazione e di godermi qualche giorno di meritato riposo.


Thursday, November 24, 2016

Unusual thanksgiving

The month of November is the month of foliage, of the first cold days, of hearty meals and, in Japan, is the month of two interesting national holidays.

The first one is early November, Culture day. Which I missed because I was traveling. But that was fine, as I was told that it had been two depressing weeks (while I was away), weather-wise.

The second one is around the end of the month and is known as Labour thanksgiving day (like THIS). 

I actually had tried to make a plan for that day, like heading to some mountainous areas and spend one day hiking. But then, checking the forecasts, I decided on a smaller scale goal, like take my bike and go for a ride along the river, in the central hours of the day when it was supposed to be warmer. Well, that didn't happen either. Nothing, actually, happened.
It was in fact so cold and depressing that I didn't leave my house. And it even got colder in the afternoon with -wait for it- snowfall predicted for the night and all the following day!

Instead, I did, ehm, sleep in, then had brunch, then took a nap, then wrote a bit, wrapped in a blanket and sipping hot tea in the meantime, did a perm on my hair. Yes, at home, using the same products hair stylists would use, at one fifth of the costs. I will not show the results, though, as they may infuriate my friends (my hairdressers) back home...not necessarily for having achieved better results...

Anyway, overnight snow it did not. It just rained. Then the day after big clumps of frozen water, which one could call snow, fell over the city, but weren't able to white-coat the streets since we are not yet below zero in the coastal areas. But if it starts like this we will surely have a white Christmas this year.

By the way, this is the first time in over fifty years that it snows in November. Gingko leaves are not even yellow yet!! I mean, I was wearing just a short sleeved top, just one week ago! Global warming side-effects at work, I am afraid...
Will it means colder winter and higher snow layer on the ski slopes in the upcoming season? Time to dust my snowboarding gear off.

**********

Il mese di novembre e' quando le foglie cambiano colore, quando arrivano i primi giorni freddi, quando si mangia cose buone, e, in Giappone, e' anche il mese in cui ci sono due giorni di festa interessanti.

Il primo e' all'inizio di novembre, il giorno della cultura. E non me lo sono goduto visto che ero in viaggio. Tutto sommato pero' mi va bene, visto che mi e' stato detto che (nel periodo in cui ero via) il tempo e' stato da depressione.
L'altra festivita' e' a fine mese, ed e' nota come la festa del ringraziamento per i lavoratori (questa). Avevo anche pensato di fare qualcosa, tipo passare la giornata in una delle tante e belle montagne che abbiamo intorno. poi, pero', controllando le previsioni meteo ho invece optato per una cosa un po' piu' locale, tipo fare un giro in bici lungo il fiume durante le calde ore centrali. Neanche questo piano alla fine e' andato in porto. Di fatto, non e' successo proprio nulla.
Difatti, fuori era talmente brutto e freddo che non ho messo il naso fuori casa. Addirittura nel pomeriggio ha fatto ancora piu' freddo e le previsioni davano addirittura neve a partire dalla nottata!

Invece, sono stata a letto fino a tardi, poi colazione-pranzo, poi di nuovo un sonnellino, poi ho scritto un po' sotto la mia calda copertina bevendo the caldo, e poi ho fatto una permanente ai capelli. Esatto, a casa, proprio come quella che si fa al salone, ma a un quinto del costo. Ma non condivido immagini dei risultati giusto per non irritare i miei amici parrucchieri. Il che non significa necssariamente che io abbia ottenuto migliori risultati... 

Comunque, durante la notte alla fine non ha nevicato ma ha solo piovuto. Poi il giorno seguente dei grossi pezzi di acqua congelata che si possono chiamare neve hanno iniziato a cadere dalla mattina fino al pomeriggio. Non c'e' pero' abbastanza freddo ancora affinche' la neve attecchisca, visto che qui siamo sulla costa. Ma anche se cosi fosse, continuando di questo passo avremo neve a Natale.

Che tra le altre cose, questo e' il primo novembre nevoso dopo oltre cinquant'anni. Cioe' le foglie non sono ancora cadite dagli alberi, non sono neanche ingiallite del tutto e nevica! A pensare che solo una settimana fa stavo in maglietta. Eccoci alle prese con gli effetti collaterali del riscaldamento globale, presumo.


Magari signifchera' piu' neve in montagna quest'anno? Meglio che inizi a preparare l'attrezzatura da snowboard, allora.

Sunday, November 20, 2016

A weekend with Ruya

Here I am, broadcasting again from my second home in Japan, that house with a dog who brightens my days and nights, just moments before returning back to my primary domicile.

And I didn't even believe I could see my beloved wolf again! Life has been quite intense these months, trying to meet deadline after deadline, and inevitably missing it...for my own consolation, though, it's not because of me that I didn't succeed.

Anyway, I will not delve into the work issues that are eating me up alive, but I'll focus only on the positive part. Which is, heh, my favorite human.

So, finally, after an entire summer and longer, I got another chance to move -for just a little over one weekend- to the area I became most familiar with over the past 3 years. I noticed a certain quiet in the neighborhood, this time: no kids, not so many people, no dogs taken for a walk by their owners. It may be that the sudden drop in the temperatures contributed to the desertification of the streets, but still, having experienced the 'hood at all times I can say its streets are emptier then I last remember.
Well, this is good news, as I don't have to be on the alert all the time when I walk my dog, a troublemaker, for those who know him. One day, though, should he catch a crow, I will smile from ear to ear...yes, deep inside me I wish that one day I can't react in time and he hunts one down. Man! Imagine the satisfaction!

This time my favorite human was a bit distressed by the umptenth departure of his favorite human, and it took me one day, a few walks and a couple of treats to get him back into his playful self. Sure enough, on the day I moved in, he darted in and out the house for a long while, biting and growling during the entire sequence, and he gave me the long version of his welcome speech (howling, tail wagging, licking, jumping) every night. Not bad, not bad.

I had forgotten how freezing cold Japanese houses are in winter, compared to apartments. I got brain freeze every time I had to go downstairs while at my friend's. Not to mention having to get out of bed in the morning....the extra layer of fur (and the extra kilos) on me was suddenly sooooo welcomed!
Also, I had forgotten how unnerving the commute is. Even this time that I could have a relaxed schedule. How come I can't ever get a seat? No matter what time? How come people are plain rude? How come train cars are already steam cooking commuters? And oh FFS, do something for your breaths, people! Rant of a woman with PMS, alright. Still. Not. Cool.

Fortunately there were two mitigating circumstances: my Tokyo stay included a weekend, so no commute; dog therapy always works. And my favorite human must have sensed it, because every evening he came to sit near me, ask for a back rub (more useful to me than to him) and then drop asleep at my feet, keeping them warm. True, I get woken up earlier than my usual (yes, even my early usual is not as early as this guy's usual) when I'm there, but that only means we get power naps curled up together during the day.

************

Rieccomi a comunicare dalla mia seconda casa in Giappone, la casa con un cane che mi allieta le giornate, poche ore prima di ritornare alla mia casa primaria.

E tra le altre cose stavolta non pensavo neanche che avrei avuto l'occasione di rivedere il mio essere umano preferito! Gli ultimi mesi sono stati abbastanza intensi, cercando di rispettare le scadenze e poi puntualmente saltandole...che poi, a mia discolpa, non e' per causa mia che non ce l'ho fatta.
Comunque, invece di parlare dei problemi di lavoro, che sono noiosi, mi soffermo a parlare di altro, piu allietante.

E quindi, alla fine di una lunga estate, mi viene data un'opportunita' di trasferirmi in quella zona che mi e' divenuta familiare negli ultimi anni, anche se per poco piu' di un fine settimana. Stavolta ho notato una certa calma, non c'erano tanti bambini in giro, o altri cani portati a spasso. Forse l'abbassamento repentino delle temperature hanno contribuito a questa strana desertificazione delle strade, ma in ogni caso avendo passeggiato a ogni possibile circostanza, mi pare pur sempre strano.
Alla fin fine, a me sta cosa va piu' che bene, cosi che il mio fedele amico non si dedica a azzuffarsi con altri cani. Che poi, a dirla tutta, se un giorno dovessi non prestare attenzione e lui dovesse azzannare un corvo...ahhh, sai la mia soddisfazione!!

Il mio umano preferito stavolta era abbastanza stressato per la ennesima partenza del suo essere umano preferito, e difatti mi ci sono volute un po' di passeggiate e un po' di leccornie varie per riportarlo a uno stato di positivismo. vero e', pero', che il primo giorno che sono arrivata non ha smesso di lanciarsi dentro e fuori casa come un matto per la gioia, e nei giorni successivi mi ha sempre dedicato la versione piu lunga del suo benvenuto sera dopo sera (mugolio, scondinzolii vari, salti di gioia e altro).

E avevo anche dimenticato quanto fossero fredde le case giapponesi, in paragone agli appartamenti, tanto che ogni volta che scendevo al piano di sotto mi congelava il cervello. Per non parlare del dover lasciare il letto la mattina...all'improvviso lo strato extra di pelliccia (e i chili in piu) addosso non era poi tanto fastidioso...

E mi ero anche dimenticata di quanto snervante fosse fare la pendolare. Anche stavolta che potevo tranquillamente scegliere orari piu agevolanti. Come e' possibile che non riesca a trovare un posto a sedere? Indipendentemente dall'orario? E com'e' che la gente e' cosi cafona? E com'e' che in treno si scoppia gia di caldo? E poi, porca misera, ma curatevi un po' l'alito!

Per fortuna ci sono state due attenuanti al questo malessere: una e' che essendo qui durante il fine settimana, i giorni di pendolarismo erano minimi; e la seconda e' che la terapia con un cane funziona sempre. Penso che il mio caro amico a quattro zampe abbia avuto il sentore del mio nervosismo e difatti ogni giorno si prodigava e si offriva per farsi accarezzare fino ad addormentarsi ai miei piedi, che stavano cosi pure al calduccio. E' vero che dovevo svegliarmi presto la mattina, ma vuoi mettere che poi uno si fa un pisolino durante la giornata con un riscaldamento naturale?

Wednesday, November 9, 2016

De Amicitiae

More time. I needed more time to do all I was hoping to do while I was in Sicily. See friends, for example.

When one can't really take days off right now, doesn't actually have enough days off but has yet to take time off in order to, say, attend a 50 year marriage anniversary…well, then one takes those days off, period. This was basically the situation I faced last month. I hadn't been home in over a year and was looking forward to go, but the timing eventually wasn't right.

Long story short, my first four days of "vacation" passed unnoticed, the remaining four fighting a cold that grounded me and the last two on the move. So, even those faint plans I had made with my friends went fubar and the day of departure arrived without me having said neither goodbye or even hello to them. With a few exceptions.

The day I drove to the airport to drop my brother and his family off was one. Fortunately one friend was available during that one hour I could scrap and we met for a quick catch up. Just when we were about to dive into the most interesting topics, time was up and we had to split. 

The day I drove again to the airport to catch my flight was another one. Thanks to an evening departure, I organised a late lunch with a couple of dear friends I am very close to. Saw their house, brought them gifts, chatted about life and such. Just when we were about to dive into the most interesting topics, time was up and we had to drop me off at the airport.
Always on the go, always on the edge, always in a rush.

The one gathering that was planned and was successful happened in Rome, again for a short time, again in between flights. My travel schedule allowed for one night stop over in the eternal city, so I put the friends machine in motion and asked everyone that could, to come say hi. I once again was picked up at the airport, taken to town, given a bed to crash, chauffeured again back to the airport.

Nothing better than an evening with good friends to lift the spirit and soothe the soul. And what friends! I take the opportunity here to say that all these friends always move mountains in order to meet me, and I can’t but be eternally grateful to have them but also eternally in debt with them for all they do.

Back to the roman evening, we went to a yet unexplored area of Rome (unexplored for me), where nice restaurants and businesses are opening up, giving the run down district a whole new look. By the way, I have to add I will always be in love with the names of streets, places, neighbourhoods, in Rome! They are so…how to say, genuine. One by one my friends showed up, met the others and received/gave presents. Just when we were about to dive into the most interesting topics, time was up and we had to leave, as the day after was a working day for everyone. Except me, that is. But it was a travel day for me, and a good night’s sleep was a good way to prepare to the many hours sitting in a (surprisingly comfortable) plane. 

Thankfully I had no baggage troubles on the way back, no other issues at all in fact. All of this made me think that possibly the universe had unfolded towards bringing me back to Japan, maybe there’s something I shall still do here. We shall see.

***********

Più tempo, ci voleva più tempo per fare tutto quello che speravo di poter fare in Sicilia. Ad esempio, vedere i miei amici.
Se uno non può proprio prendere ferie al momento, se addirittura non ha proprio ferie ma comunque deve trovarle per poter partecipare, per dire, a un 50-mo anniversario di matrimonio…c’e’ poco da fare, si prendono le ferie, punto. E in pratica questa era la mia situazione il mese scorso. Non tornavo a casa da più di un anno e non vedevo l’ora, eppure alla fine la tempistica proprio non andava bene.

Per stringere, i primi quattro giorni della mia “vacanza” mi sono praticamente passati davanti senza che me ne accorgessi, poi i quattro successivi li ho passati a combattere un brutto raffreddore e gli ultimi due ero in viaggio. Quindi, anche quegli pseudo piani per vedere gli amici non hanno retto e il giorno della mia partenza e’ arrivato senza che potessi ne’ dire ciao ne’ arrivederci. Ma ci sono state un paio di eccezioni.

Il giorno che ho accompagnato mio fratello e famiglia in aeroporto e’ una. C’era per fortuna una amica che era libera per quell’unica ora che sono riuscita a ricavare e ci siamo viste. E proprio quando si stava per toccare le tematiche più interessanti era tempo dei saluti.

Il giorno che sono di nuovo andata in aeroporto per la mia partenza e’ stato un’altra eccezione. Grazie a una partenza serale ho organizzato un pranzo con una cara coppia di amici, ho visto casa loro, gli ho portato dei pensierini, abbiamo chiacchierato del più e del meno. E proprio quando si stava per toccare le tematiche più interessanti era tempo di farmi portare all’aeroporto.
Sempre di fretta e sempre senza sosta.

L’unico evento che era stato pianificato e che e’ riuscito e’ stato a Roma, sempre per un breve tempo e sempre tra due voli. Il mio piano prevedeva uno scalo di un’intera notte alla citta eterna, e quindi ho messo in moto la macchina delle amicizie e ho chiesto a tutti quelli che potevano di farsi vivi. E di nuovo c’e’ stato chi e’ venuto a prendermi in aeroporto, mi ha portato in centro, mi ha detto un letto su cui dormire e mi ha poi riportato in aeroporto.

Non c’e’ stato niente di meglio che questa serata con buoni amici per risollevarmi l’umore. E che amici! Ne approfitto per dire che tutti questi amici che mi ritrovo spostano pure le montagne per incontrarmi, e non posso che essere eternamente grata ma allo stesso tempo eternamente in debito con loro.

A ogni modo, per tornare alla serata romana, siamo andati in un’area poco esplorata (da me) di Roma, dove ci sono tanti ristoranti e negoziati che stanno contribuendo a abbellire questo rione in passato malandato. Che poi, devo aggiungere, sono proprio innamorata dei nomi romani di strade, vie, piazze, quartieri eccetera. Hanno un non so che di verace. i miei amici sono arrivati uno dopo l’altro, hanno conosciuto gli altri e ci siamo scambiati regali e cortesie. E proprio quando si stava per toccare le tematiche più interessanti era tempo di salutarsi, visto che l’indomani tutti sarebbero andati a lavorare. Tutti tranne me, ovviamente. Ma sarebbe stato comunque un giorno di viaggio, quindi una bella notte di sonno era un bel modo per prepararsi a tante ore in aereo.


Per fortuna al ritorno non ho avuto problemi con la valigia, anzi non ho proprio avuto problemi. Tutto ciò mi fa pensare che forse l’universo stava tramando qualcosa per riportarmi in Giappone, forse c’e’ ancora qualcosa da fare. Vedremo.



Monday, November 7, 2016

About a reunion -- past and future

One of the highlight of my visit home was a school mates reunion. We are talking about primary school reunion. We are talking about school kids meeting up 25 years later reunion. I don’t know how I ended up there, but I did. All I know is that a friend of mine from my home town contacted me giving me a day and a place, sort of setting me up. Oh dear.

In my past visits to my hometown I had occasionally bumped into a couple of those friends sometimes, while I hadn’t seen others since we finished school. We were also delighted by the presence of our school teacher as well, who couldn’t recognise any of us at a first glance. But she could remember my two-handed writing skills and my drawings. Also, everyone was clearly curious about my job and the place where I live, but mostly my job. I had a hard time trying to explain what I do for a living, and some of the questions I got asked were even harder to find an answer to. Sigh. Why didn’t I become a school teacher! 

It was not so bad in the end, but I was struck by how my old school mates looked after so many years. The class was not complete, as several of us now live far away, a few others had other plans already, and so on. In the end we were only eight. With us, the husbands/wives and the children, except for ehm, me, and another one who were with nobody. They all were copies of the small town social model: never moved too far away, stay at home wife, working husband, kids already the age of what we were 25 years ago…

Thinking of it now, had I stayed in Sicily after university instead of thinking bigger, perhaps I’d be myself married to a good enough man from my area, perhaps with kids, perhaps not even working despite my computer science degree…I imagined how my life would have been *if*…and I pushed that thought away in terror. Yes, I am too picky to get content, too independent to get bound, too different to fit in that reality.

No, right now I am still allergic to any comment (which I get a lot) about a possible returning back. No, no, no, for now let me simply satisfy your curiosity and answer your questions.

******************

Uno degli avvenimenti salienti della mia visita a casa e’ stato una riunione tra compagni di scuola. E stiamo parlando di una riunione di compagni di scuola elementare. E stiamo parlando di compagni di scuola che non sono più tali da 25 anni. Non so come sia stato possibile, eppure ero li. Tutto quello che so e’ che una mia amica, nonché compagna di scuola elementare, mi ha contattata dandomi una data e un posto, quasi a non darmi scelta. Vabbe’.

Nelle mie visite passate al mio paese d’origine mi era capitato di incontrare alcuni di loro in giro, mentre invece altri non li vedevo proprio dalla fine della scuola. Siamo stati anche fortunati nell’avere con noi la nostra maestra, che di primo acchito non e’ riuscita a riconoscere nessuno, anche se invece si ricordava benissimo della mia scrittura a due mani e dei miei disegni. Ovviamente erano tutti molto curiosi di sapere cosa faccio e dove vivo, ma specialmente che lavoro faccio. Ho avuto non poche difficolta a spiegarlo, e alcune delle loro domande erano ancora più difficili da rispondere. Ahh, ma perché non ho fatto anche io la maestra!

Alla fine non e’ andata male, ma devo dire che sono rimasta colpita da come i miei vecchi compagni fossero diventati dopo cosi tanti anni. Erano tutti copie di quel modello sociale di paese che li vede: mai andati lontano, moglie a casa, marito al lavoro, figli della stessa eta’ che avevamo noi 25 anni fa…

Che poi pensavo che se fossi rimasta in Sicilia dopo l’università invece di pensare più in grande, magari adesso sarei anche io sposata, possibilmente con figli a carico, e possibilmente non starei neppure lavorando alla faccia della mia laurea in informatica…ho immaginato una mia vita alternativa e ho cacciato via l’idea con terrore. Ebbene, sono troppo esigente per accontentarmi, troppo indipendente per vincolarmi e troppo diversa per quella realtà.


Diciamo per ora che sono ancora allergica a ogni tipo di commento (che accade di frequente) su un possibile rientro. E ora facciamo che continuo a soddisfare la vostra curiosità e a rispondere alle vostre domande.



Sunday, November 6, 2016

In Sicily -- Celebrations

Once again this year, time came to go back to Sicily and visit family and relatives.

The reason for my visit was special, since we all gathered to celebrate my parents' 50 years of marriage! Yes, they've been together that long. What a milestone!
We all came from every corner of the world, myself being the one with the longest distance to cover, to all witness such a long lasting relationship and to take part to the celebrations.

As I was so far away, I wasn't directly involved in the preparation and organisation prior to the event, and I was definitely suffering from the impact with the comeback as everything was planned for the day after my arrival. I flew and traveled for more or less a day, arrived the night before the big day, luggage didn't make it with me on my last flight (fortunately I got it the following day just a few hours before the ceremony), and in addition I had to greet everyone and do my part as a daughter (official ceremony chauffeur, heh) in the whole shebang. At one point I even stopped feeling pain in my feet (I was wearing new shoes), as I was just high on adrenaline for 48 hours straight and couldn't relax until few days after it was all over.

Anyway, seeing everyone again was undoubtedly nice, especially those I hadn't seen in years, although I am not used to such huge parties with loud family members anymore. But even if just for one hour with everyone, it was all worth the trouble.

As for the celebration, it obviously started with renewing the vows in church and exchange of the new rings, my parents managed to find the same priest who married them 50 years ago, go figure! Then the party moved to the restaurant where it went on an on through photos, excellent meals, dances, musical performances by brothers, nephews and especially dad (whose known natural environment is a stage), and presents.

The family overdose continued with yet another dinner-gathering among cousins. Not everyone could be present, sadly, due to distance (our family suffers of such disease, unfortunately) but good wine kept us in a good mood anyway.
Only the fourth day after my arrival, and only after all major parties were over could I finally get rid of a merciless headache and overall fatigue...more or less when it was about time to leave again.

The reminder of my stay was therefore spent doing the bare minimum, chat with guests, make a couple of dresses for myself, eat (d'uh), and just take time to impress as many sensations as possible into my brain to refresh my old memories and make new ones.

*************

E di nuovo giunse il tempo di tornare in Sicilia per visitare familiari e parenti.

Ma stavolta il motivo della visita e’ stato speciale, infatti ci siamo riuniti per festeggiare i 50 anni di matrimonio dei miei. Ebbene si, che traguardo.
Siamo venuti da ogni parte del mondo, con me quella proveniente da più lontano, per essere testimoni di una relazione tanto lunga e per partecipare ai festeggiamenti.

Siccome sono tanto lontana, non sono stata coinvolta direttamente nei preparativi e nell’organizzazione dell’evento, e ho sofferto dell’impatto con il rientro visto che tutto era pianificato per il giorno dopo il mio arrivo. Ho viaggiato per quasi un giorno intero, sono arrivata la sera prima, la mia valigia non mi ha seguito per l’ultimo tratto del mio viaggio (ma per fortuna l’ho ricevuta il giorno dopo giusto in tempo per la cerimonia), e in più dovevo anche salutare tutti e fare la mia parte (autista ufficiale). A un certo punto ho anche smesso di sentire male ai piedi (avevo scarpe nuove) proprio perché ero semplicemente sotto adrenalina per 48 ore filate e non mi sono rilassata se non qualche giorno dopo, quando tutto era finito.

C’e’ pero’ da dire, anche, che e’ stato bello rivedere tutti, anche quelli che non vedevo da anni, seppure non sono più abituata a feste con cosi tanta gente in una sola volta. Anche se e’ stato un pochino per ognuno, ne e’ valsa la pena.
Per quanto riguarda i festeggiamenti, abbiamo prima iniziato ovviamente con il rito in chiesa e lo scambio degli anelli, e addirittura c’era lo stesso prete che ha sposato i miei genitori ben 50 anni fa! Poi ci siamo spostati al ristorante per il ricevimento, con un susseguirsi di foto, buon cibo, esibizioni canore e musicali dei miei fratelli, nipoti e soprattutto mio papa (il cui ambiente ideale e’ notoriamente il palcoscenico), e poi regali a pioggia.

L’overdose di famiglia e’ poi continuata il giorno dopo con un altro piccolo gruppo di cugini. Peccato che per colpa della distanza (una malattia di cui la mia famiglia soffre parecchio) non c’eravamo tutti, ma il buon vino ci ha tenuti tutti allegri lo stesso.

Solo il quarto giorno dal mio arrivo, e solo dopo che tutte le feste maggiori erano state accantonate, ho finalmente potuto abbandonare un mal di testa costante e una stanchezza pazzesca. Praticamente quando era quasi tempo di ripartire.


Il resto dei giorni li ho passati facendo proprio il minimo, e cercando di imprimere quanti più momenti possibili in testa, sia vecchie che nuove sensazioni, cosi da creare nuovi ricordi e rinfrescare quelli vecchi.








Tuesday, October 4, 2016

Vietnam - Da Nang

Luxury is affordable in Vietnam.

Just mentioning the amazing villa and the service we received in An Bang would be enough, the wooden furniture, the care of details, the exquisite mix of plants in the garden, the round windows in the bedrooms, the outdoor bath tubs and all. But that’s one kind of luxury only. I also planned a jet-set, queen-of-pop, top-notch-pampering stay. Because, heh, I could.

My friends and I parted right after our beach stay, so I headed to a bigger city to readjust to normal life and get ready to return to Japan. I booked a 5 star hotel in Da Nang, the major town in central Vietnam, which came with a whole range of services that I would have never being able to afford elsewhere…ahhhh, bless Vietnamese currency low value, cheap cost of life and tremendously advantageous exchange rate!

The buffet breakfast was huge and varied, the pool was nice, as were the poolside cocktails, the room was great, the location well picked (Han river side), a souvenir shop with gracious items was just downstairs of the hotel. So, basically, as being a woman alone in a new city, I didn’t have to go too far to get what I needed. All of that contributed to make the transition from amazing beach life to bustling city life soft.

I was impressed by the amount of coloured lights that are used in this city: from the color changing “rainbow” bridge to the fire spewing dragon bridge (guess why the name), from the mile-long beams from the Sky36 bar atop my hotel to the changing patterns on the hotels side. I mean, they do really like all that stuff. It was like a Las Vegas for the romantic, an awe-generator for dreamers.

Da Nang is a fast growing modern city, with first class beaches, thousands of dining options for all wallet sizes, several rooftop bars and clubs where only the newly rich Vietnamese kids can go to, a lot of traffic and construction sites everywhere. Although I didn’t really intend to leave the hotel at all, as suntanning by the pool for another few days seemed just right, I spent one afternoon exploring near and far sites. 

Thanks to the lucky coincidence that a dear friend of mine from Japan (with da knowledge) was in Da Nang for work, I met with him and he took me to some interesting places, like the covered food market. The ground floor was dedicated to dry fish, crackers, coffee, various cooking paste jars, teas, rice and the like. In separate areas were the fruit and the fish sections. The upper floor was instead crammed with beautiful fabric, clothes and shoes stands, where all women pulled out their best tourist-chasing weapons to convince us to buy stuff.

An impressive sight (heh, Mother Nature!) was Marble Mountains, a cluster of five mountains used in the past as marble caves, and named after the five elements water, earth, fire, metal, wood. Nowadays the mountains are a fine sightseeing site. We visited the water mountain, which boasts several temples, caves, a pagoda and has an impressive lookout point from where one can see the Han river delta and the other four mountains. Some of the tunnels to visit the caves were so narrow and dark that we gave up, also because we were not wearing an adventure-approved attire. By the entrance to the mountain were a bunch of souvenir shops that sell, guess, marble sculptures, statuettes and all sort of stone accessories.

On the same afternoon, I also tried the traditional Vietnamese clothes on, because my friend said it was fun. I chose an outfit that was my size, including the cone stray hat, and I posed for a few photos. It was fun indeed.

The cultural tour ended in a Vietnamese restaurant not far from my hotel serving fabulous food (including half chickens with heads!). I did very well for an afternoon out, I’d say.
I should have perhaps dedicated some more time on a river bridges sightseeing tour. There are in fact four main bridges (all decorated with color changing led lights, of course), each different, and are the city’s pride. One of them, the Han Bridge, even swings open to let bigger ships sail the river up and became the city symbol. A lot of stuff happens along the river, as rivers in Vietnam are used for transport, commerce, fishing, and all activities that contribute to the economy of this rapidly growing country. Maybe another time I will hop on a boat and sail along the Han river to admire these architectural wonders from close.

With Da Nang, my holidays come to an end. But were the perfect break. Too many things were left unseen, unexperienced, but after all we’ve got to leave some of them behind to have a reason to go back.

***********

In Vietnam ci si può permettere il lusso.

Sarebbe gia abbastanza l’aver menzionato la villa bellissima e il servizio eccellente che avevamo a An Bang, l’arredamento in legno, la cura per i dettagli, la combinazione di piante in giardino, le finestre rotonde nelle camere, le vasche all’aperto eccetera. No, quello era un tipo di lusso soltanto. Poi ho anche programmato una visita breve da regina del pop proprio perché si poteva.

Mi sono separata dai miei amici e sono stata per qualche giorno in una citta più grande e moderna per cercare di riaggiustarmi alla vita normale in Giappone. Avevo prenotato un albergo 5 stelle a Da Nang, la citta principale nel Vietnam centrale, che offriva una vasta gamma di servizi altrimenti impossibili da provare…ahh, siano benedetti il valore basso della valuta vietnamita, il costo della vita esiguo e il cambio estremamente vantaggioso!

La colazione era immensa e molto variegata, la piscina e anche i cocktail a bordo piscina erano ottimi, la stanza anche, il posto ben scelto (lungo il fiume Han), un negozio di tanti regali carini stava proprio all’altro lato della strada. In sostanza, per essere da sola in una citta nuova, non avevo bisogno di andare lontano per trovare quello che mi serviva. Il tutto ha contribuito a rendere la transizione da vita da spiaggia a vita di citta non troppo ardua.

Mi ha colpito molto la quantità di luci colorate che ci sono in questa citta: dal ponte “arcobaleno” che cambiava colore al ponte del drago (che sputava pure fuoco) illuminato a festa, dai fari di luce proiettati dal bar Sky36 sul tetto del mio hotel ai motivi cangianti sui fianchi degli altri alberghi. Devono proprio amarla sta roba. Era come essere a Las Vegas in veste romantica, un generatore di meraviglie.

La citta di Da Nang e’ in rapida crescita, e vanta spiagge di prima classe, migliaia di opzioni per mangiare e bere per tutte le tasche, diversi bar e locali in cima ai palazzi più alti che solo i neo ricchi vietnamiti possono permettersi, un sacco di traffico e siti in costruzione dappertutto. Anche se non avevo intenzione di lasciare l’hotel, visto che abbronzarsi a bordo piscina per qualche altro giorno non era male, ho preso un pomeriggio per visitare qui e li in giro per la citta. 

Ho approfittato del fatto che un mio caro amico giapponese si trovasse a Da Nang per lavoro, uno che conosce il posto bene, e mi sono fatta portare innanzitutto al mercato coperto. Li, il piano terra era pieno di bancarelle per cose da mangiare, riso, te’, caffe, varie robe disidratate, frutta, verdura, pesce, eccetera. Il livello superiore invece era dedicato più a stoffe (bellissime), scarpe, borse, vestiti. E tutte le signore non facevano altro che sfoderare tutte le loro armi commerciali per convincerci a comprare qualcosa.

Un posto che mi ha colpito (madre Natura non si smentisce mai) e’ stato un gruppo di cinque montagne, a cui e’ stato dato il nome dei cinque elementi acqua, terra, fuoco, metallo e legno. Insieme, sono conosciute come Montagne di marmo, e in fatti una volta erano cave di marmo, appunto. Oggi invece sono sito turistico. Noi siamo andati nella montagna di acqua, dove ci sono vari templi, cave, una pagoda e poi c’e’ un promontorio da cui si ha una bellissima vista del delta del fiume Han e delle altre quattro montagne. Le gallerie che bisognava percorrere per raggiungere alcune cave erano cosi stretti e bui che abbiamo rinunciato a percorrerne alcuni, anche perché non eravamo certo equipaggiati con attrezzatura da esploratori. E ovviamente all’ingresso della montagna non potevano mancare bancarelle con oggetti ricavati da marmo, o sculture.

Poi ho anche provato il costume tradizionale vietnamita, con tanto di cappello di paglia. Il mio amico diceva che sarebbe stato divertente, e difatti lo e’ stato.

Il tour culturale e’ poi terminato a tavola, in un ristorante vietnamita dove servivano piatti favolosi, incluso mezzo pollo arrosto con tanto di testa attaccata. Direi che per un pomeriggio soltanto, ho fatto molto.

Forse, pero’, avrei potuto dedicare qualche ora a un tour in barca lungo il fiume. Infatti ci sono quattro ponti che sono famosi (tutti ovviamente illuminati), ognuno unico nello stile, e che rappresentano l’orgoglio cittadino. Uno in particolare, il ponte Han, e’ di quelli che si aprono per far passare le navi più grosse, ed e’ non a caso il simbolo della citta. Magari lascio questo per la prossima volta.


Con Da Nang le mie vacanze giungono al termine, ma sono state veramente perfette. Tuttavia molte sono le cose rimaste da vedere e provare...bisogna lasciare qualcosa per avere una ragione per ritornare.





















Saturday, October 1, 2016

Vietnam - Hoi An

One of the best kept historical sites in Vietnam is Hoi An, a testimony of a glorious colonial past and, since 1999, UNESCO world heritage site.

This town was one of the country’s main ports in the past, and was heavily influenced by the French presence. The old town is well preserved, restricted to traffic, all original buildings are now turned into shops and cafes where hordes of tourists each years go and buy souvenirs from. Every street of the old town, every corner is picture perfect, flowers and vines decorate all facades, lanterns inside and outside. Colourful fabrics are on display, handicrafts and roasted coffee beans lure visitors, on the river are kayaks manoeuvred by old people in stray hats. Even the rotten-looking brown waters of the river were perfect next to the lush green vegetation and the white grey clouds in the blue sky.

I could finally see a sunset, I mean while watching the sun go down…the Vietnam coast is on the East, which means the sun sets on the opposite side, somewhere behind the mountains. But this particular time of the year, this particular location along the river, which runs west to east, allowed all us to rejoice of the mystical experience. Even more so, because the day I was in Hoi An was a special day, it was the day of the harvest moon festival. This year in particular there was even a super moon! No better chance to be right there right then.

The old ritual of thanking the gods and praising them for the good harvest during the autumn full moon is a tradition of many buddhist societies. In occasion of this special celebration, people make paper lanterns that are later let float on the river. The touching atmosphere gets even more magical and mysterious in Hoi An, where public illumination is switched off, so that the only lights guiding people are the moon (if visible through the clouds) and the shops and restaurants.

These days, since Hoi An receives increasing numbers of tourists each year, its has become a habit of celebrating the full moon every month. It actually works, because hotel bookings increase in the days around the full moon, restaurants make more money, the city cashes more money. Yes, in fact, many of the attractions, like museums, gardens, temples and special landmarks impose an entrance fee, in addition to the fee all visitors entering the ancient town site (except those staying at hotels there) have to pay. On this note, I don’t understand why people would want to pay for crossing a bridge…so, there is this Japanese covered bridge, something vaguely reminding of the covered bridges in Venice, which is the most photographed attraction in Hoi An. It is pretty, OK. But, I mean….pay to walk through it? Doesn’t taking a picture of it from _outside_ make more sense? Whatever.

Not only Hoi An is famous for its architecture and history, but also for being the best place where to get tailored clothes. Half of the shops in the old town are dressmakers, they showcase a huge selection of fabrics and expert tailors can renovate your wardrobe in a few days for a very cheap price.

Hoi An was just a stone’s throw away from our (my friends and I, remember?) temporary beach residence. So close that it actually made sense to rent a motorbike for a day. I could have gone by bicycle also, but the ones we got from the house were in no conditions to carry us along a trafficked and dark road. By all means, deciding on a moped was the best thing ever, but we worried a little. When we arrived in Hoi An, we just parked along a road, next to other parked motorbikes. Sure of our whereabouts, when we went back in the evening to get our rented wheels, in the place of all the motorbikes were souvenir stands. We concluded the police had taken our bike and so we were f*cked as we didn’t know how to handle the situation when, trying to communicate with the women sitting behind their stands, we learned that the bike had just been moved to another place, so that people could set up their selling booths. Phewwww!

Getting out of the city center was another adventure per se, but we survived and returned having collected another bunch of great experiences for the day.

*************

Uno dei siti storici meglio tenuti in Vietnam e’ Hoi An, una testimonianza vivente di un glorioso passato coloniale e, dal 1999, un sito UNESCO.

Questa citta era uno dei porti principali del paese in passato, ed e’ stato influenzato pesantemente dalla presenza francese. La citta vecchia e’ ben conservata, senza traffico, e tutti gli edifici originali sono ora negozi o caffe dove orde di turisti si riversano ogni giorno a comprare di tutto. Ogni via della citta vecchia, ogni angolo e’ da cartolina, anche le acque scure del fiume erano perfette quando accostate al verde della vegetazione e al grigio perla delle nuvole.

Finalmente ho anche potuto vedere un tramonto, col sole proprio che cala…la costa del Vietnam e’ a est, il che significa che il tramonto e’ da qualche parte dietro le montagne nella direzione opposta. Pero’, questo periodo in particolare, questa posizione particolare del fiume che corre da ovest a est, hanno fatto si che tutti noi si potesse godere dell’esperienza mistica del tramonto. Ancora meglio, il giorno che mi sono recata a Hoi An era quello della festa della luna piena. Quindi non ci poteva andare meglio.

Il rito antico di ringraziare gli dei per il buon raccolto in occasione della luna piena di settembre (inizio di autunno) e’ una tradizione di molte società buddiste. Per questa speciale occasione la gente prepara lanterne di carta che poi vengono abbandonate a galleggiare sul fiume. L’atmosfera particolare e’ resa ancora più magica e misteriosa a Hoi An perché l’illuminazione pubblica viene spenta, cosi che le sole luci a guidare i visitatori sono la luna (se visibile tra le nuvole) e i ristoranti lungo al fiume.

Ormai, visto che Hoi An vede il numero di turisti aumentare di anno in anno, la cosa di celebrare per l’arrivo della luna piena e’ diventata un appuntamento mensile. E funziona visto che nei giorni intorno alla festa aumentano le prenotazioni per alberghi, i ristoranti e i negozi incassano di piu. Tra le altre cose, varie attrazioni tipo musei, giardini templi e altri punti importanti si possono visitare solo a pagamento, oltre a dover gia pagare una sorta di tassa di ingresso alla citta vecchia. Su questo argomento, ora, dico, ma perché mai uno dovrebbe pagare per attraversare un ponte? Allora, c’e’ questo ponte coperto giapponese, una specie di ponte dei sospiri, che e’ penso la cosa più fotografata di Hoi An. Va bene, e’ bello, si…ma pagare per attraversarlo? Non ha più senso fare una foto del ponte dall’esterno? Vabbe’…

Ma Hoi An non e’ solo famosa per la sua storia e l’architettura, e’ anche famosa per avere un grandissimo numero di laboratori sartoriali dove si scelgono le stoffe, si decide sui modelli e per pochi soldi ci si può rifare il guardaroba in un paio di giorni.

Io e i miei amici stavamo a un passo da questa citta, al che abbiamo ben pensato di andarci e di visitarla in motorino. E’ stata una grande idea, ma anche una che ci ha dato una piccola strizza. Infatti, quando siamo arrivati a Hoi An abbiamo semplicemente parcheggiato li dove avevamo visto altri motorini, su un marciapiede. Memorizziamo il posto e poi andiamo. A fine serata, quando siamo ritornati, al posto dei motorini c’erano bancarelle. Con le mani ai capelli abbiamo subito pensato che la polizia avesse sequestrato il nostro solo mezzo per rientrare e quindi abbiamo iniziato a sudare freddo, ma poi conversando in qualche modo con le donne della bancarella abbiamo capito che avevano spostato il nostro scooter da un’altra parte. Meno male!


Un’altra avventura in se e’ stato uscire dal centro, ma siamo sopravvissuti e possiamo dire di aver collezionato un bel po’ di esperienze quel giorno.