Saturday, October 19, 2019

A tale of a typhoon - part II


Not too long ago I was describing the arrival of typhoon Faxai in Japan (here). The people in the typhoon path were all notified, received alerts, were instructed to be prepared in case of an evacuation for safety reasons, seen the strength of that guy. Until then, I thought I had experience everything. Well…

Then one day another typhoon formed, immediately classified as category 5, the highest. A beast, a monster, a violent storm, the scariest typhoon yet, the strongest of the century, and many other really worrisome titles. Hagibis indeed was a monster, as large as the whole of Japan and brought an unimaginable rainfall. On a side note, while Japan is lashed with way too much water, other places like California (or Australia before) suffers droughts and fires. How perverse.

Anyway, because of the damages and transport disruptions Faxai had caused, as soon as Hagibis came up on the radar, whomever in charge of the case alerted the country days in advance, this time. Also, this is not just because the disaster prevention management systems they have in place here are good, but also because Japan hosts the rugby world cup and, on the same weekend the typhoon hit, also the F1 race. So, there were plenty of reasons for everyone to jump on their feet immediately and rush to try and minimize the damage and the casualties.

Contrarily to the previous typhoon, Hagibis weakened a lot while traveling towards Japan (thankfully, man, thankfully) but brought too much rain to handle. Indeed, while Faxai was more feared due to its wind strength (it did break power line poles, destroyed a solar panel farm, left many a house roofless, and more), Hagibis was more feared because of the rainfall. Starting 24hr before the typhoon’s landing in Izu peninsula, downpours were already making the news, and the closer the typhoon came, the scarier the situation became. Long story short, over a dozen rivers broke the embankments and many others were close to do so, several areas experienced mudslides, entire towns were submerged, several dams had to even be open to release excess water. My windows and doors survived unscathed, no water leaking inside, and everything was fine in my area.

One anomaly interested the eye of the typhoon. Usually, the eye is in the center of the storm, so first the gusts blow in one direction, then (in the eye) there is absolute stillness, and then the wind blows the opposite direction…in the case of Hagibis, instead, the eye was at the edge of the storm, so even after it passed over us there was not much of a second round, with both rain and wind stopping altogether.

Now, despite Hagibis having lost strength as mentioned, the wind was still very powerful (about 200km/h), so the title of strongest storm ever was definitely deserved. For the first time the local governments did issue maximum emergency alerts, and they were lifted nearly two days after. I have never seen something like that. Not to mention the areas that were hit hard by the previous typhoon were still recovering, so the damage there just added up. Seeing the images of the aftermath all over the country was saddening, and it will surely take time for things to get back to normal.

***************

Era solo poco tempo fa che raccontavo dell’arrivo in Giappone del tifone Faxai (qui). La popolazione minacciata dal tifone era stata notificata, ha ricevuto allerte e e’ stata istruita a prepararsi nel caso di una evacuazione, vista la potenza di Fazai. Fino a quel momento pensavo di aver visto tutto. E invece…

Da un giorno all’altro si forma un altro tifone, che viene immediatamente classificato di categoria 5, la più alta. Una bestia, un mostro, una tempesta violenta, il tifone più spaventoso in assoluto, più potente del secolo e altri titoli preoccupanti. E veramente Hagibis era spaventoso, esteso quanto tutto il Giappone e ha causato una quantità di pioggia inimmaginabile. Che poi, aprendo una parentesi, c’e’ un non so che di perverso nel pensare che mentre il Giappone viene sommerso altri posti come la California (o prima anche l’Australia) sono vittime di inaridimento e incendi.

Comunque, vista l’entità dei danni causati dal tifone Faxai, stavolta non appena Hagibis e’ apparso la nazione e’ stata allertata con giorni di anticipo. Questo non era solo dovuto al fatto che il sistema di prevenzione qui in Giappone e’ buono, ma anche perché in Giappone si gioca la coppa del mondo di rugby e, nello stesso fine settimana in cui il tifone e’ arrivato, c’era anche la gara di formula1. E quindi c’erano tante valide ragioni per correre ai ripari e fare in modo di minimizzare gli effetti della perturbazione.

Contrariamente al tifone precedente, Hagibis si e’ indebolito parecchio (e meno male davvero) durante il suo corso verso il Giappone, tuttavia ha portato troppa ma troppa pioggia. Mentre Faxai e’ stato temuto per via dei forti venti (difatti ha divelto pali della luce, distrutto un impianto di pannelli solari, scoperchiato tante case, e altro), Hagibis faceva paura proprio per la pioggia. Gia 24 ore prima del suo arrivo, la pioggia portata dal tifone ha fatto notizia. E più la perturbazione si avvicinava, più la situazione si faceva preoccupante. Per farla breve, una decina di fiumi hanno rotto gli argini e tanti altri erano li li per cedere, molte aree sono state affette da frane e persino alcune dighe sono state aperte per rilasciare acqua in eccesso. A casa mia, porte e finestre hanno retto benissimo e non c’e’ stato nessun problema in assoluto.

Una anomalia ha interessato l’occhio del tifone, pero’. Di solito il cosiddetto occhio sta nel mezzo della perturbazione, il che significa che prima il vento soffia in una direzione, poi c’e’ un periodo di calma piatta (nell’occhio), e poi di nuovo il vento ma nella direzione opposta…nel caso di Hagibis invece l’occhio era alla periferia del tifone, quindi dopo che e’ passato, anche pioggia e vento sono cessati simultaneamente e tutto e’ finito.

C’e’ da dire che nonostante Hagibis abbia perso potenza, come detto, il vento era comunque forte (circa 200km/h), quindi il titolo di tifone più potente di sempre e’ tutto guadagnato. Per la prima volta il livello di emergenza e’ stato elevato al massimo, ed e’ stato annullato solo due giorni dopo.Non ho mai visto una cosa del genere. Per non parlare delle aree che erano gia state affette dal precedente tifone e stavano ancora riprendendosi, che ovviamente sono state ulteriormente danneggiate. Vedere le immagini delle aree colpite dopo che il tifone e’ passato era disarmante, e di sicuro ci vorrà del tempo prima che la situazione ritorni alla normalità.



Monday, October 14, 2019

Mount Oyama hike

Another thing that happened on the first weekend of October was a mountain hike, originally thought for just a few people and later turned into a party of 15, all of them coworkers. Yikes.

The chosen destination was Oyama mountain, part of the Tanzawa mountain range quasi-national park, roughly one and a half hour west of Yokohama. As I was not organizing the event, I didn’t spend much time researching nor planning, but I did read a little bit about the area. Oyama is a popular destination among hikers and nature lovers, so by going on a weekend one had to expect crowds. And yes, the bus that from Isehara, the closest train station, takes people to the beginning of the trail was packed, but surprisingly the trails were not that crowded.

The mountain top sits at a mere 1200 meters, and the hike starts at about 400m, which is also where the station of a convenient cable car is located. This cable car takes people up to about 800m, basically halfway between base and top, to the Afuri shrine, where farmers went to pray for rain. The name of the shrine itself, in Japanese, is written using the characters for rain and fall. Also, there is a small pond on one side of the temple grounds that contains stream water so pure that can be drank form the source directly. The purity and clarity of its spring water is another thing the Oyama region is famous for, water that is used to make some of the best tofu in the region. 
The temple itself is a sightseeing spot in its own right, and that’s why a cable car was built, so that people, especially those not in good shape, wouldn’t have to climb up and down the mountain each time…

Our group chose to climb from the bottom, naturally. The trail essentially is just one long staircase towards the heavens, zig-zagging through the beautiful forest of the mountain. First the hikers are taken along a series of stair steps through several souvenirs and local produce shops, up until the station of the cable car. Then the real hike trail begins. There are actually two trails that split from the base station of the cable car and join back again at the temple…one trail is known as women’s and the other as men’s. The only difference is in the degree of the slope, steeper for the men’s trail and more gentle for the women’s one. It takes about 1 hour to hike up the 400 meters altitude gap to a person with an average fitness level (a bit less than that if one chooses the men’s trail). Once at the temple grounds, people can actually chill at one of the tiny cafes, or simply take a break and enjoy the views which are stunning from there already. Just hiking these first 400meters can be very rewarding already.

From the temple onwards, there are two trails to the summit, one shorter, perhaps steeper, and one longer. Breaks in the forest allow hikers to take a look at the vast expanse below the mountain, a view that stretches all the way to the Salami bay, where the island of Enoshima is, and on a clear day, as far as the Chiba and the Izu peninsulas. The trails both up and down were very nice, a good mix of human-made steps and nature’s doing.

The forest all around the mountain is gorgeous, and was still a vivid green when we went, tree barks and rocks were covered in fresh and bright moss, the air pure and many kinds of flowers in bloom. I could only imagine how dreamy and spooky at the same time those woods must be on a foggy day, or at dusk or dawn…Wild deer live around the peaks in that mountain range, and we did indeed spot several of them, who looked completely at ease around humans. There are supposed to be bears around those mountains too, and to make sure they stay away from humans, many climbers carry tiny bells on them (the bell is a nuisance for the bear, which walks away from it, or this is at least the rationale).

At the summit, reached after two good hours of half climbing half hiking, one can take in a very wide view that goes north to south, picturing the metropolis of Tokyo, Yokohama and all the cities in between and beyond, extending all the way to the mountain ranges of central Japan (even Fuji on a clear day!). Not bad for a mountain.

I liked the hike a lot, and I was very impressed by Oyama’s overall beauty. I have always wanted to visit the mountain, but never had a chance until now. Now I hope I can create more opportunities to return to Oyama, especially in the upcoming weeks when autumn colors will start to show. 

**************

Un’altra cosa che e’ successa nel primo fine settimana di ottobre e’ stata una gita in montagna, che all’inizio doveva includere solo una manciata di persone e si e’ poi allargata a un gruppo di 15 colleghi. Aiuto.

La destinazione scelta e’ stata Oyama, una picco montuoso che fa parte del parco quasi nazionale di Tanzawa che sta a circa un’ora e mezza a ovest di Yokohama. Visto che non ero io a organizzare la cosa, non mi sono dedicata più di tanto a pianificare la giornata, ma ho comunque letto qualcosa riguardo all’area. Oyama e’ una destinazione molto popolare tra gli amanti della natura e dello sport montano, quindi ci aspettavamo un po’ di confusione nel weekend. E in effetti l’autobus che dalla stazione di Isehara, la più vicina alla montagna, ci portava all’inizio dei sentieri era pieno da scoppiare. Invece i sentieri erano, per fortuna, non tanto affollati.

Il picco della montagna e’ a soli 1200 metri, e per l’ascesa si incomincia da circa 400m, che e’ pure dove si trova uno dei capolinea di una convenientissima funivia che porta i passeggeri fino a una altezza di circa 800m, ovvero a meta’ strada tra la base e la vetta, dove c’e’ il tempio Afuri dove ci si reca per richiedere pioggia. Il nome del tempio in giapponese e’ scritto usando i caratteri per caduta e pioggia, difatti. C’e’ poi una fontana in un angolo del tempio che e’ alimentata da una sorgente tanto pura che l’acqua si può bere direttamente da li. E la limpidezza e purezza dell’acqua di sorgente e’ un’altra cosa per cui la regione di Oyama e’ famosa, e con tale acqua si produce uno dei migliori tofu della zona.

Il tempio e’ di suo una destinazione turistica, ecco perché la funivia, cosi che chiunque voglia andarci, soprattuto quelli con problemi di motilità, non si deve fare ogni volta la salita e discesa lungo i sentieri della montagna…

Noi del gruppo abbiamo chiaramente deciso di farci i sentieri da fondo a cima. In pratica il sentiero altri non e’ che una lunghissima scalinata verso il cielo, che sale a zigzag attraversando la bellissima foresta che ricopre la montagna. Prima tutti devono percorrere una scalinata che attraversa una galleria di negozi con prodotti locali alimentari e di artigianato, questo fino a che si raggiunge la stazione della funivia. Poi il sentiero vero e proprio ha inizio. Anzi, a dirla tutta ci sono due sentieri, uno per le donne e uno per gli uomini, che poi si riuniscono al tempio. La differenza tra i due sentieri e’ solo nell’inclinazione, più erto quello per gli uomini (ma più corto, ovviamente), e meno quello delle donne. In media, per una persona con una preparazione fisica media, ci vuole circa un’ora di scarpinata per coprire i 400 metri in altitudine. Una volta raggiunto il tempio, ci si può riposare a uno dei piccoli ristoranti, e godere della vista stupenda. Farsi questi primi 400 metri e’ gia una grossa ricompensa per il corpo e i sensi.

Dal tempio in poi, ci sono due sentieri per raggiungere la vetta, uno più corto (e forse anche un po’ più ripido) e uno più lungo. Di tanto in tanto il fitto della foresta si dirada per regalare scorci della vallata sottostante, una vista che si estende fino alla baia di Sagami, dove si trova l’isola di Enoshima, e persino le penisole di Chiba e Izu si possono vedere distintamente in una giornata di cielo limpido. I sentieri, sia per salire che per discendere, erano proprio belli, un buon mix di operato della natura e intervento umano. La foresta poi e’ stupenda, e quando siamo andati noi era ancora verde brillante, con rocce e alberi ricoperti di muschio fresco e soffice, l’aria pura e tante varietà di fiori. Mi e’ subito venuta in mente un’immagine della foresta nella nebbia, o all’alba o al tramonto…chissà quanto suggestiva debba essere in quei casi. Ci sono anche cervi che vivono nei boschi di questa catena montuosa, e infatti ne abbiamo avvistati alcuni durante la giornata, e devo dire che non erano per niente spaventati dalla presenza umana. Ci sono anche orsi in giro, e difatti molti scalatori hanno dei campanelli appesi ai loro zaini cosi che il suono tiene alla larga gli orsi. L’idea e’ che siccome il tintinnio e’ fastidioso per gli orsi, se ne stanno a distanza.

Dopo un paio di ore di buona camminata, si raggiunge la vetta, da cui si può osservare un panorama vastissimo da nord a sud che abbraccia le metropoli Tokyo e Yokohama e va oltre fino a raggiungere le catene montuose del versante ovest (e in una giornata buona pure il monte Fuji). Niente male per una montagna.

Mi e’ piaciuta tanto questa gita, e la bellezza di Oyama mi ha colpita. Era da tempo che volevo andarci, ma fino a ora non ho mai avuto l’opportunità giusta. E spero di potermi creare altre scuse per andare, soprattutto nelle prossime settimane quando i colori autunnali cominceranno a farsi vivi.












Stuffed tomato cook school


The month of October started with an activities-filled weekend. One of them has to do with my now sole distraction from work and sole source of social interactions: cooking classes.

I did host a class for a brand new menu, and was delighted to have, among the attendees, my three best supporters (and I assume business promoters if I ever decided to start one). There were no typhoons looming over the class, as opposed to last time, so everything went as planned. Speaking of weather, another typhoon is en route to East Japan, right over the (long) weekend and we are all starting to prepare for a rough ride. It is going to be the strongest storm yet, according to agencies reports. Fingers crossed.

The class was fully booked thanks to last-minute reservations I wasn’t hoping for, but fortunately I had already bought enough of all the ingredients to suffice the sudden increase in participants. I put up another vegetarian menu, apparently a very good one if you ask my guests…I guess it has to do with the fact it was light, there were plenty of dishes, and it took pretty much no time to prepare. What did I teach? Sicilian traditional dishes, of course, taking some ideas from mother’s everyday cooking.

As Japan’s staple food is rice, I thought of making use of this ingredient more in my menus and proposed a delicious rice salad. One participant told me he was dubious about having rice this way, but in the end he liked the recipe.

I also thought of having an egg omelette, the way we cook it in Sicily. The name of the dish, translated literally means fish of egg, as the omelette is rolled as to have a chubby, fish-sort-of-shape. It is said that, back in the old days, this was the way poor people, who couldn’t afford fish, cooked the eggs to give the impression they were eating more expensive stuff rather than mere eggs. I accompanied the omelette with long beans warm salad flavored with oregano. There’s nothing simpler than that.

To make things more interesting, as so far none of the recipes requires special skills nor ingredients, I included crumbs-stuffed tomatoes in the menu, and oh were they yummy! Amazing how one can create interesting dishes from just a few simple ingredients. My guests loved the tomatoes. I also gave them plenty of tips on how to make variations to all the dishes, like turn them into non-vegetarian versions, and I remember them taking notes all the time. Diligent people.

The dessert was a marble cake, which is a spin on the more common two-color round cake all our mothers bake for our breakfasts back home. I think my students liked to play around with the batter to get that marble pattern out!

Once again, one of the participants could not speak a word of English, nor understanding much of it. I always wonder if for those people the class is still worth attending. I mean, how will they read the recipes directions? How will they remember the things I said during the lesson? I suppose it’s none of my concerns, but I have to say I admire them for showing up, regardless.

I will soon run out of new menus, and honestly I don’t know whether creating some more would make sense…the most delicious Sicilian recipes require ingredients that are hard to get here (for me, at least). I may still have a few aces up my sleeve, hopefully I will soon find the time to work on creating amazing meals suggestions. 

**************

Il mese di ottobre e’ iniziato con un fine settimana ricco di attività. Una di queste ha a che fare con oramai la mia sola distrazione dal lavoro e unica fonte di interazioni sociali: lezioni di cucina.

Con la scusa di un nuovo menu appena pubblicato, ho pianificato una lezione che ha visto tra i partecipanti le mie tre migliori sostenitrici (e sono sicura anche migliori promotrici nel caso decidessi di avviare una attività). Stavolta non c’erano tifoni a minacciare la lezione, come invece successe la volta precedente, e tutto e’ andato come programmato. Aprendo una parentesi sul tempo, un altro tifone si dirige verso il Giappone, proprio in corrispondenza del fine settimana, e ci stiamo preparando gia per paio di giorni tosti. Dicono sia il tifone più potente degli ultimi 60 anni. Eh, speriamo bene.

La lezione alla fine era piena, grazie a un paio di prenotazioni dell’ultimo minuto, e per fortuna avevo gia comprato abbastanza ingredienti da poter gestire l’aumento di partecipanti. Ho scelto un altro menu vegetariano, che a detta dei miei ospiti e’ stato ottimo…deve essere stato grazie al fatto che era leggero, ricco di portate, e non c’e’ voluto molto a preparare tutto. E che cosa abbiamo cucinato? Ovviamente piatti siciliani, con influenze materne.

Visto che il cibo di ogni giorno in Giappone e’ il riso, ho pensato di utilizzarlo di più nelle mie ricette e quindi abbiamo preparato l’insalata di riso. Un mio studente ha ammesso che l’idea del riso a insalata non gli pareva buona, ma si e’ ricreduto alla fine. Poi ho pensato alla frittata, che in Sicilia chiamiamo “piscidovu” (ovvero pesce di uova), nome che deriva dalla forma allungata e più rotonda al centro, proprio come un pesce. Pare che questa ricetta sia nata come ricetta della cucina povera, visto che chi non poteva permettersi di comprare il pesce usava le uova per dare alla frittata una forma di qualcosa di più “nobile”. Per accompagnare la frittata, ho pensato a una cosa semplice che più semplice non c’e’: fagiolino con olio e origano.

Poi, visto che tutte le ricette non richiedono nulla di particolare, ho anche inserito nel menu un piatto di pomodori ripieni con la mollica. Il risultato e’ stato al di sopra delle aspettative. E’ incredibile come in cucina si possano creare piatti interessanti e deliziosi da una manciata di ingredienti semplici. La ricetta e’ stata un successo tra i miei ospiti. Tra le altre cose, durante tutta la lezione ho anche rivelato vari suggerimenti su come trasformare il menu da vegetariano a non vegetariano, e devo dire che tutti hanno preso nota diligentemente.

Il dolce era una semplice torta marmorizzata, una variante un po’ più sfiziosa della classica ciambella bicolore che tutte le nostre mamme ci preparano per la colazione. I miei studenti si sono divertiti non poco a creare l’effetto marmo, dopo aver spiegato come ottenerlo.

Ancora una volta, tra i partecipanti c’e’ stata una persona che non parlava ne’ capiva una parola di inglese, eppure ha partecipato lo stesso, una cosa che ammiro tanto in queste persone. Non so come fara’ a leggere le ricette (che sono in inglese), o a capire bene tutte le varie informazioni che di solito do durante la lezione, ma suppongo sapranno come fare.

Presto non avrò’ più menu nuovi, ma devo dire che in effetti averne di nuovi non so se abbia senso….tra l’altro la maggior parte delle ricette, quelle buone ma buone, richiedono ingredienti difficili da reperire. Ho ancora un paio di assi nella manica, e spero che comunque avrò tempo di dedicarmi a nuove creazioni.





Tuesday, September 17, 2019

Soleil Hill park


Miura peninsula is full of surprises, and not just of the natural wonders kind. One such place is called Soleil Hill (ソレイユのsoreyu no oka). It is a park, obviously located on a hill, themed (as the name itself might suggest already) to resemble the provence area of south France, although there weren’t many French elements in there, in my opinion. I mean, okay, some romantic details here and there, the many flowers along the walking trails, the wrought-iron benches, the mediterranean look of the buildings’ facades and roofs….still, I wasn’t convinced.

Anyway, I went to this park after my hike along the nearby Arasaki coast (here), and being able to lay down under a tree during the hottest hours of the day was all I wanted, I didn’t care whether the place is French or not French enough.

Now, the park is quite amusing and interesting. It even has an educational component, in facts there are gardening fields and a greenhouse where children can learn to plant and harvest various vegetables, depending on the season; other activities children can be engaged with are art and bread making workshops. In the center of the park there’s a stage where performances take place form time to time, all the while a cute electric train timely cruises all around the park, showing the sights to passengers.

The park features also a pond with the mandatory swan-shaped paddle boats and fish to feed, an area dedicated to camping, another one to barbecuing, various playgrounds, a series of small connected ponds for the children to play in summer and a tiny loop circuit for tricycles races! That’s not just it yet…the park has enough space for a tiny zoo with a rather interesting ensemble of animals: capybaras, alpacas, sheep, ponies for riding, rabbits, kangaroos, turtles and parrots. It is basically a petting zoo, so of all the animals, they picked the harmless ones kids can get close to. I mean, who wouldn’t like to get a fluffy hug from a baby alpaca? Come on.

And there is more. There’s a ferris wheel and a carousel, which have a bit of a French touch alright, two restaurants and plenty of ice cream kiosks. Finally, people can also spend a day in a Japanese style spa, which has indoor and outdoor pools, in case the day at the park is too much.

Right by the main entrance there is also a flower field, where flowers are grown depending on the season. When I went there, at the end of August, they had sunflowers. The field also gives a nice panoramic view of the mainland, with the Fuji mountain in the far distance (on a good day).

The hill park overlooks the sea, there is supposed to be even a path to a beach right underneath. I don’t know if it is a bathing beach or not, but surely people can go and collect shells or (a Japanese favorite) little creepy crawlers found aplenty in there. In short, Soleil hill has everything a person needs to be entertained all day long.

And now one fun story about a hawk and an ice-cream. I bought an ice cream just about after entering the park, and, well…I was not the one who ate it because it was snatched off my hands by a beautiful but merciless bird of pray.
Hawks are a common presence all around the coastal areas here and are famous for scouting beaches and parks and plummet down to people to grab whatever food they hold. They just aim at the easy food, no harm done to humans, but when one of these big birds fly by you, silently and suddenly, you can’t but s**t your pants, pardon my French (sounds appropriate for a French themed post). I didn’t get scared because the woman who sold me the ice-cream had just warned me about hawks, but…thing was I didn’t expect the hawk torpedoing on it as soon as I walked away from the shop, as if it were waiting there for me. All it took was one second, one second that I turned my head away and the bloody thing was gone with my snack. They’re lucky I like hawks.

***************

La penisola di Miura e’ piena di sorprese, e non parlo solo di meraviglie naturali. Un esempio e’ dato da un parco che si chiama Soleil Hill (ソレイユのsoreyu no oka), situato su una altura e con un tema francese (il nome gia suggerirebbe qualcosa), soprattutto provenzale. A essere sincera, non ho visto molti elementi relativi al tema, se non forse il fatto che c’erano aiuole dappertutto, o panchine in ferro battuto, le facciate o i tetti degli edifici, ma nulla più secondo me. Comunque, sono entrata in questo parco dopo la mia lunga passeggiata tra gli scogli (qui), e l’unica cosa che volevo era sdraiarmi all’ombra durante le ore centrali, tema francese o no.

Il parco e’ di suo molto ma molto interessante, addirittura ha una componente educativa, dovuta alla presenza di orti e una serra dove i bambini possono imparare a piantare e raccogliere le verdure, in base alla stagione; per i bambini inoltre vengono organizzate lezioni di arte o di cucina. Situato nel centro del parco c’e’ un palco per spettacoli, e il tutto mentre un simpatico trenino elettrico porta la gente in giro per il parco e gli fa da guida.

Dietro al palco si trova un laghetto, con tanto di immancabili pedalo’ a forma di cigno, poi c’e’ un’area per le tende da campeggio, un’area per le grigliate, vari parchi gioco, una serie di piccole piscine comunicanti per i bambini in estate, e addirittura una pista per gare in triciclo. E ancora non e’ tutto….il parco ha abbastanza spazio per ospitare un piccolo zoo con un gruppo di animali proprio interessante: capibara, alpaca, pecore, pony conigli, canguri, tartarughe e pappagalli. In teoria lo zoo e’ fatto cosi che i bambini possono accarezzare gli animali. Del resto, a chi non piacerebbe abbracciare un piccolo alpaca morbido e lanoso, no? E dai.

Ma c’e’ dell’altro. C’e’ anche una ruota panoramica e una giostra a cavalli, che a dire il vero hanno un tocco francese, e poi ancora ristoranti e vari chioschi. E infine, e’ anche possibile rilassarsi alla spa, che ha vasche al chiuso e all’aperto, nel caso la giornata al parco diventa troppo esasperante.

Proprio attaccato all’ingresso principale c’e’ un campo di fiori, che vede varietà diverse in base alla stagione. Io ci sono stata a fine agosto e quindi c’erano girasoli. Il campo e’ anche strategico, nel senso che offre una veduta della costa e, se uno e’ fortunato con la giornata, anche il Fuji.

Il parco si trova quasi a strapiombo sul mare, addirittura ci dovrebbe essere una spiaggia accessibile dal parco proprio sotto, che non so se e’ balneabile o no, ma di sicuro e’ perfetta per cercare conchiglie e i vari animaletti che abitano le coste e che i giapponesi amano tanto. Per farla breve, questo parco Soleil hill ha tutto quello che serve per mantenersi impegnati per una giornata intera.

E ora un fatto curioso che riguarda un’aquila e un gelato. Quasi subito dopo essere entrata nel parco ho comprato un gelato, ma non l’ho mangiato perché mi e’ stato rubato da un bellissimo ma impietoso falco. I falchi, o aquile che siano, sono una presenza costante delle zone costiere qui, e sono proprio famosi per essere sempre pronti a piombare su ignari passanti in spiaggia per arraffare qualsiasi cosa stiano tenendo in mano. Non penso siano pericolosi, gli interessa solo appropriarsi di un facile pasto, ma e’ pur sempre un bello spavento vedersi una fiera di quelle dimensioni a due centimetri dalla faccia. A me non e’ venuto un colpo solo perché la gelataia mi aveva appena avvisata specificamente di stare attenta alle aquile, eppure…il fatto e’ non mi aspettavo che la bestia fosse gia lanciata come un missile non appena mi fossi allontanata dal bancone, proprio come se mi stesse aspettando. C’e’ voluto solo un secondo, giusto un secondo in cui mi sono girata dall’altra parte e il mio gelato era sparito. E niente, le perdono perche mi piacciono, le aquile.










Sunday, September 15, 2019

Timballo cook school


It was an unfortunate coincidence that on the same Sunday of the typhoon I had a cooking class scheduled…

My three most loved and most loyal returning customers were the only participants, and fortunately I could rearrange the schedule to begin the class a few hours earlier. That way everybody would be back home in time way before the typhoon would approach. Better safe than sorry.

Given that I had my VIP students with me for the class, I did think of something extra to teach them, to thank them for the continued support and friendship. It was an even better decision when I learned one of them is going to move to another country soon, so she won’t be joining my classes anymore…that’s sad of course, but the prospect of a new beginning is always exciting.

I was teaching another brand new menu and I think, despite the recipes being rather ordinary, the class went well. The idea behind this latest menu was to have some interesting dishes to prepare for a loved person, but I didn’t want to label it as “lover’s” or “valentine’s” because I hate those things. Besides, if it had a reference to a specific event it wouldn’t be much requested all other times…thus I named it simply “dinner for two”. After it was translated to Japanese it took on a different meaning, something along the lines of “small menu”, but that is a different story….

The dishes in the menu were bacon-wrapped asparagus, Sicilian style pan fried swordfish, a rice timbale and some chocolate pralines.

The first treat I thought for the evening was to have two kinds of pralines instead of one only, chocolate and orange flavored. These are traditional Sicilian sweet treats, made using almonds, not the classic cookies and condensed milk mix. They are not extremely sweet, something that here in Japan would be labeled as 大人な (adult’s; for instance, bitter chocolate is adult’s chocolate). Also, the orange and chocolate combination is a good one.

The second treat I had in store was a two-flavors timbale I had been thinking about for a while. When I was putting this menu together, since I was targeting a menu for two, I realized I had to add something to make it somewhat worthy of a menu for two. Later I had to give up on the idea I was working on because it would be too complicated to do without proper tools: I had in fact thought of a yin-yang shape for my two flavors of rice. I do love the yin-yang symbol in the kitchen, I really do, but so far I haven’t found moulds nor trays, nothing with that shape. I even looked online, but all the things I’ve found were too expensive, too big or too small, or can’t be shipped to Japan. I resorted to using aluminum foil to create the partition, while testing the recipe. But still, it would be too complex and too messy to teach at every class, that’s why the only timbale recipe I ended up putting in the menu is a classic Sicilian: eggplant-wrapped rice timbale. I enriched it with a melty camembert cheese heart, to add at least one element of surprise.

I prepared plenty of rice and eggplants for this first class so that each participant could make their own timbale and then bring it home while we ate the yin-yang one. For that, the other flavor I chose was béchamel sauce and walnuts, to contrast the other part of the rice (mixed with tomato sauce). We worked around this yin-yang timbale for some time, my guests impressed with how I solved the problems of not having a mould, and I have to say that in the end, when I took the rice out of the tray, it looked great.

As for the swordfish and the asparagus recipes, they were just very simple and required little work: the crumbing for the fish and the wrapping of the asparagus with bacon slices (oh, and cheese, of course). I do like particularly the preparation of the fish, as the resulting cutlet is lighter than the traditional one because no eggs are used. Still, the fish tastes divine, especially with the addition of some lemon juice.

Well, that was it, we did have an amazing time together, we didn’t worry about time, we finally remembered to take some pictures of us, too. I think I will always remember this class as the best yet.

*************

Per una sfortunata coincidenza, avevo in programma una lezione di cucina lo stesso giorno dell’arrivo del tifone…

Le mi tre più amate e fedeli allieve erano le uniche partecipanti, e per fortuna abbiamo potuto riorganizzare la lezione e cominciare qualche ora in anticipo. In questa maniera ognuna sarebbe rientrata a casa in tempo per evitare la pioggia. Meglio cosi che essere colti di sorpresa.

Visto che c’erano le mie VIP alla lezione, ho pensato a qualche extra da aggiungere per ripagarle del continuo supporto e amicizia. Che poi e’ stata una decisione perfetta dopo che ho saputo che una delle tre presto si trasferisce e quindi non potrà più partecipare alle mie lezioni….peccato, mi rattrista la cosa, ma allo stesso tempo i nuovi inizi sono sempre interessanti.

Ho insegnato il nuovissimo menu, i cui piatti sono abbastanza comuni, e mi sa che e’ andata benone. L’idea per quest’ultimo menu era di avere dei piatti particolari da preparare per una persona speciale, ma un menu che non volevo classificare come “per gli innamorati” o “per san valentino”, che sono cose che mi inorridiscono di suo. Tra l’altro, un menu relativo a un evento specifico non viene richiesto al di fuori del periodo specifico…quindi ho chiamato il menu “cena per due”. Certo, tradotto in giapponese ha un significato completamente diverso, ma questa e’ un’altra storia.

I piatti del menu erano involtini di asparagi, pesce spada alla palermitana, timballo di riso e palline al cioccolato.
Il mio primo extra per l’evento e’ stato di preparare due tipi di praline, al cioccolato e all’arancia. Queste praline sono abbastanza tipiche come dolcetti siciliani, fatti con mandorle invece che con il classico duo biscotti secchi e latte condensato. Non sono dolcissime, una cosa che qui in Giappone si dice “per adulti” (tipo, il cioccolato amaro e’ cioccolato per adulti). Il colore e sapore dell’arancia e del cioccolato poi si combinano bene.

Il secondo extra che avevo in serbo era di preparare un timballo a due gusti, una cosa a cui ho pensato per un bel po’. Quando stavo organizzando questo menu, siccome l’idea era di preparare un menu per due non potevo non aggiungere qualcosa che fosse speciale per due. Purtroppo ho poi abbandonato l’idea a cui stavo lavorando perché e’ complicata se non si hanno gli attrezzi giusti: infatti avevo pensato a fare un timballo con il simbolo yin-yang per combinare i due tipi di timballo. Mi piace moltissimo questo simbolo in cucina, ma finora non ho potuto attrezzarmi con gli stampi, non ho trovato niente di niente. Pure su internet, quello che ho visto era o troppo caro, o delle dimensioni sbagliate, o non veniva spedito in Giappone. Quando ho testato la ricetta mi sono adoperata con carta in alluminio e in qualche modo sono riuscita nella mia separazione, ma per una lezione sarebbe troppo complesso da fare . Ecco che quindi ho deciso solo per uno dei due gusti, ovvero il classico timballo siciliano con le melanzane in cui ho aggiunto un cuore fondente di camembert cosi’ da avere per lo meno l’elemento sorpresa.

Ho preparato un sacco di riso e melanzane per questa mia prima lezione cosi che ogni partecipante potesse preparare il proprio timballo e poi portarlo a casa, mentre per cena abbiamo mangiato quello a due gusti. Per questo, il secondo gusto che ho scelto e’ stato besciamella e noci, che contrasta bene il sugo dell’altra meta’. C’e’  voluto un po’ di tempo per dimostrare come ho creato la separazione e tutto il simbolo yin-yang, le mie allieve sono rimaste colpite, e devo dire che alla fine, quando ho tolto il riso dallo stampo, il risultato e’ stato eccezionale.

Per il pesce spada e gli asparagi, non c’e’ voluto praticamente niente, se non la panatura del pesce e la creazione di involtini con gli asparagi e pancetta (oh, e formaggio filante naturalmente). Mi piace in particolare la preparazione del pesce, perché la maniera palermitana non usa uova per la panatura ma il gusto del pesce e’ pur sempre ottimo.

E questo e’ tutto, abbiamo trascorso una lezione indimenticabile e non ci siamo minimamente preoccupate del tempo o di altro. Posso dire che questa lezione e’, finora, la migliore.







Tuesday, September 10, 2019

A tale of a typhoon


In the latest years we’ve seen a surge in typhoons strength, each typhoon breaking havoc no matter where they hit..Tokyo area was hit by typhoon Faxai, the most powerful typhoon that I have experienced, the night between Sunday and Monday. Apparently it was the strongest typhoon to ever hit greater Tokyo, with maximum speed recorded at 214km/h…The path of Faxai eventually settled to enter Tokyo bay and go straight through it. All the islands and coastal areas on the east of Japan were on high alert, or even evacuated, trains in town were stopped hours before the typhoon winds would pick up, flights were canceled and so on. I did my part and cleared my balcony and secured my bike downstairs.

It was around 1:30am on Monday when the strongest gusts arrived, waking me up. The wind was super strong, as per forecast, especially since all us in the bay area were pretty much in the eye and suffered the meanest “mood” of the typhoon. I also stayed away from the balcony windows because I was afraid they would break every time the wind shook them (old building, old window fixtures not air tight sealed). Actually, the whole building was swaying with each gust, just like wth earthquakes. Is a good thing, in this regard, the swaying…they bend, they don’t break.

After the eye of the typhoon passed by, the direction of the wind changed (I was actually fascinated by such turn) and from banging my balcony windows -facing east- it started banging my front door -facing west. Water started to seep through then, and I did notice it only because of the smell of water, it was otherwise too noisy outside to hear anything. It was then I suddenly realized why the neighbor’s door mailbox opening was sealed with tape…tsk tsk. Not that it would have stopped the water, anyway…The rain was being pushed in through every fissure between door and door frame. I didn’t know what to do exactly, so I just started to pile up towels and mats and whatever else I could gather at the entrance to stop the, ahem, flood. Then water started dripping from the ceiling (wood flooring, heh), as the same thing must have happened to my neighbor upstairs, who I guess didn’t bother or else didn’t know how to stop the water…it was a mess.

I would like to be able to describe what it was like, but I think I can only give a vague idea: there’s a light right above my entrance door, on the outside. From time to time I would notice a shadow outside -while still staying away from the windows- and I later realized it was the rain, such were the typhoon gusts that each blow would be able to pack and move enough rain to shade the lights. I suddenly imagined that I took my whole flat to a car wash station (the feeling being more real when I appreciated spotless windows and main door in the morning). But yes, I had a peek outside from the balcony windows, while the storm was battering the other side, and it was definitely scary, roads were rivers, the trees were slammed hard, the rain moved horizontally in these huge amorphous bodies. Did not notice any sharks nor other flying beings or objects, thought. At least that. But I certainly didn’t want to stand by the window enough to tell.

Eventually, shortly after 5am the noisy gusts and rain moved forth, so I sent myself to deserved oblivion for a couple of hours and woke up to a blue sky, ready to assess the status of things.

My emergency flood barrier had somewhat worked, while the ceiling in my small entrance hall is still wet and I hope it dries fast or I’ll risk they’ll pin the repairs on me. Other than that, everything was fine, no power cuts in the area, no major damages, nothing at all. It was all just noise and a lot of rain. And, most importantly, my makeshift mosquito net I had made for my window years ago -which I was sure would be sent flying first thing- did not only survive until now, but survived this mayhem. I could not believe it withstood Faxai. I may have to patent the invention.

I must also add that, while here nothing really major happened, other areas were hit real hard, with plenty of damages, not just households but also infrastructures, power lines, roads et cetera. Every time Nature is in a mood, we all pay for it. Let’s keep it in mind.

****************

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un aumento della potenza dei tifoni, ognuno distruttivo a prescindere dal luogo di impatto….l’area di Tokyo e’ stata colpita dal tifone Faxai, il più potente che io mi ricordi, nella notte tra domenica  e lunedì. A quanto pare, il tifone e’ stato il più potente tra tutti quelli registrati nell’area di Tokyo, con venti di oltre 200km orari…la traiettoria di Faxai alla fine si e’ stabilizzata e si e’ indirizzata proprio verso la baia di Tokyo, attraversandola. Tutte le isole e le zone costiere sulla costa est del Giappone erano in massima allerta, tante addirittura evacuate, i treni in centro sono stati fermati ore prima del previsto impatto, i voli cancellati eccetera. Io la mia parte l’ho fatta pure, ho tolto tutto dal mio balcone, ho messo in sicurezza la mia bici, e tutto.

Il vento più forte si e’ fatto sentire verso l’una e mezza di lunedì mattina, e mi sono svegliata. Il vento era effettivamente potente, come previsto, specialmente per noi nella zona della baia che ci trovavamo praticamente nell’occhio del tifone e quindi ne abbiamo provato la forza peggiore. Io mi sono mantenuta lontano dalle finestre perché con ogni ventata tremavano e avevo paura che i vetri si frantumassero (edificio vecchio, infissi vecchi con spifferi). Anzi, a dire il vero l’intero palazzo si muoveva con ogni ventata, proprio come quando ci sono i terremoti. E’ una cosa buona questa del dondolio….mi piego ma non mi spezzo.

Dopo che l’occhio del tifone e’ passato, il vento ha cambiato direzione (e la cosa mi ha parecchio affascinata), e dal martellare le finestre sul balcone -che guarda a est- si e’ messo a martellare sulla mia porta di ingresso -che guarda a ovest. A quel punto l’acqua ha incominciato a filtrare dalla porta, e io l’ho notato non tanto dal rumore, visto che il vento mascherava qualsiasi altro suono, quanto dall’odore dell’acqua. In quel preciso momento ho capito perche il mio vicino aveva coperto la bocca della cassetta delle lettere con del nastro adesivo…Certo, non che la cosa avrebbe evitato l’acqua…la pioggia veniva praticamente forzata tra la cornice e il portone. Non avevo idea di cosa fare esattamente, quindi ho iniziato ad ammassare tappeti e tovaglie e quant’altro potevo trovare sulla porta e sperare di arginare l’alluvione. Poi l’acqua a pure incominciato a gocciolare dal tetto (i pavimenti son di legno eh), e li ho immaginato che lo stesso allagamento si era verificato al piano di sopra e gli inquilini o non si sono accorti, o se ne sono sbattuti, o non sapevano che fare. Insomma un macello.

Vorrei poter descrivere bene la situazione, ma posso solo fornire una vaga idea: allora, fuori davanti all’ingresso ho una lampada. Ogni tanto notavo un’ombra fuori -sempre tenendomi a debita distanza dalla finestra- e poi ho capito che era la pioggia, tanta era la forza del vento che ogni folata spostava abbastanza acqua da oscurare la luce della lampada. Ho immaginato che stessi portando il mio intero appartamento all’autolavaggio (e l’immaginazione non mi ha deluso quando l’indomani ho visto vetri e porta puliti e lucidi). Battuta a parte, mentre da un lato il tifone impazzava, dall’altro lato ho azzardato un’occhiata dalla finestra e decisamente faceva paura, le strade erano fiumi, gli alberi strapazzati, la pioggia si muoveva orizzontalmente compatta come corpi amorfi. Per lo meno non ho notato squali o altri esseri viventi o oggetti volare per aria…ma non volevo certo stare alla finestra a lungo per tramandarlo ai posteri.

Infine verso le 5 di mattina il tifone si e’ allontanato e mi sono abbandonata al dolce oblio per qualche ora, svegliandomi sotto un cielo blu e pronta a quantificare i danni.

Dunque, il mio argine contro l’allagamento ha funzionato in qualche modo, mentre il tetto all’ingresso e ancora umido e spero che si asciughi presto. A parte quello pero’ tutto era perfetto, non ci sono stati problemi con l’elettricità, nessun danno grosso, niente. Meno male. La cosa più importante e’ che la mia zanzariera arrangiata alla bell’e’ meglio qualche anno fa, e che pensavo sarebbe durata solo un paio di giorni, e’ invece sopravvissuta al trambusto. Cioè, ha battuto Faxai. Mi sa che c’e’ aria di brevetto in giro.

E’ giusto pero’ dire anche che, seppure qui non si sono riportati danni, altre aree hanno invece sofferto tanto, con danni non solo a case ma anche a infrastrutture, linee elettriche, strade, eccetera. Ogni volta che la natura si trova di pessimo umore ne paghiamo le conseguenze tutti. Ricordiamocelo.



Tuesday, September 3, 2019

The Arasaki coast -- 荒崎

I spent some time visiting the west coast of Miura peninsula, a rugged volcanic piece of land jutting southwards into the ocean and a beautifully carved artwork by Nature. The peninsula begins more or less where the (in)famous Zushi beach is, on the west side, whereas the most known natural attractions are Miura beach (here) on the east side and the island of Jogashima in the south (here).

The west coast of Miura peninsula is full of impressive landscapes, like the Arasaki (荒崎) coast that features walking and trekking trails along the rocky seaside, not to mention it seems to be a favorite spot for the locals to go to sunbathe and for the kids to collect clams and shells and whatever other bugs inhabit the creeks in the sea rocks.

The way to reach the seaside is to go to the Arasaki park, start walking through its trail and find the one that goes down to the water. Other than the trails inside the park, leading to a hilltop area overlooking the bay, there is in fact a trail that follows the coast, going up and down the cliffs.

This area is a nature’s marvel, no other way to describe it. The rugged coast has a striated look, patterned in dark and light shades as a result of bursts of volcanic eruptions layered on top of sandstone or mudstone over the years. It is same as in the island of Jogashima, but here is more evident. Also, I guess due to the geology and the tectonics of the area, these stripes are all at an angle, and all the high rocks that were pushed upwards by the forces within the earth also preserve that angle in their layers. It’s just fascinating over there. I was walking the trail, at times made of man-made platforms to aide the walking and at time right on rough rocks, and couldn’t take my eyes off the views (dangerous sport, if one has to walk on cliffs all the time). Nature also managed to create caves of white stones, next to plateaus of striped seabed rocks. Really, really amazing.

It was also interesting to see people setting up tents and beach umbrellas wherever they could on the rocks, people stretching their low chairs and suntan, although there was no beach (no sandy beach, that is). It is puzzling how the Japanese can be so lazy and loving comforts and at the same time adapt to the most uncomfortable situations…I don’t know if or how people would find their way into the sea and swim, but I would be afraid of hitting some rocks underwater for sure. And definitely I don’t like all the small creatures crawling around everything and everywhere in all but all Japanese beaches, called funamushi (literally boat bugs), thriving while they should have being extinct billions of years ago. Eww. They are harmless but they are still disgusting. The Japanese, famous bug lovers, don’t seem to even notice them…

Anyway, the trail goes all around this scenic stretch of coast, then ends by a little beach, also not made for swimming, in my opinion, but there was a group of men with a gazebo and a bbq so I guess as long as they had food and (a must of all Japanese activities) cold beers, they didn’t care.

I was totally thrilled by the Arasaki coast, I can’t even imagine how impressive the views must be at sunrise or sunset, or during a storm. Definitely a place worth a visit, and the pictures sampled here give it only has justice. One has to see it in person.

************

Ho passato un po’ di tempo sulla costa ovest della penisola Miura, un pezzo di roccia vulcanica che si butta nell’oceano verso sud e un bellissimo capolavoro della natura. La penisola incomincia più o meno dove sta la famosa spiaggia di Zushi, anche se le attrazioni naturali più note sono la spiaggia chiamata Miura (qui) sul lato est e l’isola di Jogashima (qui) a sud.

La costa ovest di Miura e’ fatta di panorami bestiali, come ad esempio la scogliera di Arasaki (荒崎) in cui e’ possibile seguire dei percorsi proprio sul mare, e pare anche sia il posto preferito dei residenti locali per abbronzarsi o, nel caso dei bambini, per raccogliere conchiglie o animaletti vari che vivono nelle crepe degli scogli.

Per raggiungere la scogliera si va al parco omonimo, e si seguono i sentieri al sul interno. Ce ne sono alcuni che portano su una altura da cui si può osservare l’intera baia, e poi c’e’ il sentiero che porta a mare e segue il profilo della costa. Quest’area e’ una meraviglia proprio, non c’e’ altro modo di descriverla. Gli scogli sono striati, e gli strati chiari di arenaria si alternano a quelli scuri vulcanici; questo particolare arrangiamento e’ dovuto alle varie eruzioni che si susseguirono negli anni. Inoltre, sicuramente dovuto alla tettonica della zona, queste strisce sono tutte inclinate, persino gli spuntoni di rocca che sono stati elevati dalle spinte interne sembrano essere usciti di traverso. E’ proprio affascinante. Camminavo lungo il tracciato, per meta’ naturale e per meta’ completato dall’intervento umano, e non potevo staccare gli occhi dal panorama che avevo davanti (una cosa pericolosa da fare visto dove si doveva camminare).  La natura e’ riuscita persino a creare varie caverne di arenaria e, accanto, piattaforme di roccia a strisce. Davvero ma davvero bello.

Era pure interessante vedere la gente piantare tende e ombrelloni ovunque potevano sulla roccia, c’era chi allungava le sdraio e si abbronzava, anche se non c’era una spiaggia (per lo meno non una sabbiosa). Mi stupisce sempre come i giapponesi siano fissati con le comodità e la pigrizia da un lato e poi dall’altro lato riescono ad adattarsi alle situazioni più scomode…Non so nemmeno se o come questi qua riescono a buttarsi a mare da li, ma io mi spaventerei proprio, visto che non si vede se ci sono scogli pericolosi sotto l’acqua. E di sicuro non mi piacciono per niente i piccoli animali, un incrocio tra un gambero e uno scarafaggio, che si trovano in ogni spiaggia in Giappone e vengono chiamati funamushi (tradotto come insetti delle navi), e che vivono tutt’oggi invece di essersi estinti milioni di anni fa come avrebbero dovuto. A me viene il ribrezzo solo a vederli, anche se sono innocui, mentre i giapponesi manco li notano…

In ogni caso, il tracciato della scogliera va tutt’intorno alla costa e poi termina in una spiaggettina quasi nascosta, ma anche li non e’ facile fare il bagno, per quanto mi riguarda almeno. Un gruppo di persone erano invece li’ organizzati con tenda e braciere, e quindi visto che avevano da mangiare e, soprattutto, da bere non gliene fregava proprio niente.

La scogliera di Arasaki mi ha proprio colpita, e posso solo immaginare quanto meglio debba essere in altri momenti della giornata, tipo al tramonto o durante un temporale. DI sicuro e’ un posto da visitare, e le poche foto presentate qui non fanno giustizia al posto. Ci si deve andare di persona.


 








Wednesday, August 28, 2019

The Jingashita park disappointment -- 陣ヶ下渓谷

The other day I visited a park in Yokohama, called Jingashita Keikoku (陣ケ下渓谷公園), that comprises a ravine where a lively stream flows through, like this other park in Tokyo I recently visited (here). It was a cloudy day, perfect for outdoor activities, and I decided I could reach the park by bike.

The round trip was about 40km of mostly city roads and took me about 5 hours in total, including the walk through the park. At some point the road went from flat to very steep…very challenging but the views were pretty. When it came to find the entrance to the bloody ravine, I got puzzled. The gorge stretches along (and partly under) a highway, so I was dubious of the narrow and flooded trail in front of me, next to one of the pillars supporting the highway above, although labeled as (one of) the entrance to the valley. I could see that only the first few meters were underwater, but I was not dressed to ford. The idea to go over it on my bike crossed my mind, but thinking that it was too stupid an idea I resolved to find another entrance. There must be other entrances, right?

That resolve was an even stupider idea: I had to cycle up roads steeper than ever, I could see no signs anywhere (none that I could fully read anyway), and had to stop every hundred meters to check my maps app.
I eventually came in front of another entrance to the park, left my bicycle and started, relieved, to walk in. The park itself was really nice, with many benches and tables for picnics everywhere, but…I could hear the water flowing somewhere but could not get to it. I walked the whole loop trail inside the park, and in the end I reckon the only trail that must have taken to the water was not labeled (no, wait: the sign said “toilets”). It looked like a trail for entering a jungle, with tall and wild weeds growing everywhere, almost hiding the trail itself and surely hiding who knows what bugs…I definitely was not dressed properly and I gave up on the attempt.

I then left the park but returned to the flooded entrance, not letting go just yet of finding the bloody valley, and eventually decided to ride my bike over the water. That was the best choice I had made that day. I parked my wheels somewhere and walked towards the stream with anticipation….a feeling that was soon replaced by disappointment: the walkable trail was super short, and I suspect that reaching the river stream from some other access points than where I was might reveal other stretches of the gorge that I wasn’t aware of. All I know is that I was annoyed, and by then tired.

In any case, the bicycle ride at least was fun, although my legs don’t agree with that. But, shall I go back to that park, it’s going to be by train.

*************

L’altro giorno sono stata in un parco di Yokohama, chiamato Jingashita Keikoku (陣ケ下渓谷公園), che include una piccola valle in cui scorre un fiume, proprio come quest’altro parco a Tokyo che ho visto qualche tempo fa (qui). Era un giorno nuvoloso, perfetto per attività all’aperto, e ho deciso di raggiungere il parco in bicicletta.

L’intero tragitto e’ stato in totale di circa 40km, per la maggior parte vie urbane, e in totale ci ho messo quasi 5 ore, incluso il giro nel parco. Ad un certo punto la strada da pianeggiante diventa pericolosamente ripida…pesante da percorrere, ma le viste dall’alto non erano male. Mi sono poi confusa non poco quando si e’ trattato di trovare l’ingresso a sta benedetta valle, che si snoda in parte sotto una autostrada.  Al che, mi e’ venuto il dubbio che il sentiero stretto e allagato di fronte a me, proprio attaccato a uno dei pilastri che reggono l’autostrada, non fosse proprio l’ingresso giusto sebbene fosse segnalato come tale. Mi era pure venuta l’idea di attraversare in bici il tratto sott’acqua, di pochi metri per come ho potuto constatare, ma poi mi sono detta che era un’idea stupida e sono andata a cercare altri ingressi. Ci devono essere altri ingressi da qualche altra parte, no?

L’idea e’ stata pure più stupida del guado, visto che mi sono dovuta fare altre salite impossibili, non c’erano indicazioni da nessuna parte (per lo meno che io avessi potuto leggere per bene), e mi sono dovuta fermare ogni due metri per controllare la mappa nel cellulare. Poi un’altra entrata al parco la trovo, finalmente, cosi lascio la bici e mi incammino con un sospiro di sollievo. Il parco di suo e’ carino, con tante panche e tavoli per picnic, eppure…sentivo lo scrosciare dell’acqua ma non vedevo nessuna via per arrivarci, mi sono fatta tutto il giro del parco, tutti i sentieri, e alla fine mi sa che l’unico sentiero che portava al fiume non aveva nessuna indicazione (no, anzi, no, diceva “bagni”). Dall’aspetto sembrava un sentiero verso la giungla, con erba alta e fitta dappertutto, quasi a coprire pure il sentiero e di sicuro nascondeva chissà quali animali…eh, no, decisamente non ero vestita in maniera appropriata per cui ho abbandonato la cosa.

Sono uscita dal parco, pero’ sono ritornata alla famosa entrata sott’acqua, non potendomi rassegnare al trovare sto cavolo di vallata, poi alla fine mi sono messa sulla bici e sono passata cosi sopra al tratto allagato. Devo dire che quella e’ stata la migliore decisione della giornata. Parcheggiata la bici da qualche parte, mi sono incamminata con entusiasmo verso il fiume, entusiasmo che e’ stato subito rimpiazzato dalla delusione: il tratto di vallata camionabile era brevissimo, e sono sicura che se si prova a raggiungere il fiume da qualche altra direzione rispetto a me ci sarebbe di più da camminare e vedere. Quel che so di certo e’ che a quel punto ero stanca.

In ogni caso, il giro in bici e’ stato bello, seppure le mie gambe non sono tanto d’accordo. Ma se ci dovessi tornare a quel parco, sara’ in treno.











Sunday, August 25, 2019

The cruise that wasn't


When it’s so hot that the walls burn and the skin perspires like a watering hose, when the air is so thick it can be sliced like bread, when it’s that hot not even a dip in a pool helps. I tried it and felt like a thermal bath…but the beach is no better on such days either.

The closest one to the metropolis is Zushi beach, which -due to its very accessibility- is overly crowded and noisy, but is a great place to people watch (all sorts of people, really). I don’t particularly like that beach, unless I go there outside of the two-month summer period. In that case it’s really nice, quiet, the water is cleaner, cooler, more enjoyable, although for my standards it still is below average. I went there on one of those crazy hot days, this time to cool down by hopping on a short boat cruise along the coast.

The only cruise course available goes from Zushi to the island of Enoshima (roughly a 10km straight line) and back, offering interesting views in between. Well, I actually don’t know how interesting or how pretty those views can be because on that day we followed a different course…there was some training event related to the next year’s olympic games near and around the island on Enoshima, so that water space couldn’t be disturbed. People were of course told about the change upon purchasing the ticket, but still it was a bit of a disappointment. I would have, say, offered a discounted ticket to make up for the change of route….

Disappointment remark made, it was actually enjoyable. Just being aboard a speed boat, feeling the wind, the crashing waves, watching the coast and its houses tiny in the distance, the lines of beach umbrellas, and other boats sailing in the distance…it all felt good. There even was a guy who lectured us on all the landmarks and spots of interest.

We passed few other beaches, less crowded than the main Zushi beach (not because they are worse but because getting to them is really frustrating due to massively heavy traffic), and reached a cluster of rocks where a tiny lighthouse stands. Close to it is a shinto temple well known for being picturesque and for featuring a small red gate on a rock in the middle of the sea. Nothing else was of interest for the remaining part of the cruise, just the coast, at times rugged and at times opening up into small beach coves with a town behind. All these beaches along the coast are, in my opinion, better alternatives to Zushi, although reaching them requires some patience.

I do hope the cruise course had to be altered only for a few days, I wouldn’t mind to take a second tour and see Enoshima island properly, from the sea.

*********

Quando fa cosi caldo che i muri bruciano e la pelle traspira come un annaffiatoio, quando l’aria e’ cosi spessa che si taglia come pane, quando e’ cosi’ caldo neanche un tuffo in piscina porta refrigerio. Ci ho provato, ma sembrava una vasca termale….ma in questi casi la spiaggia non e’ tanto meglio. Quella più vicina all’area metropolitana e’ Zushi, che -dato il suo facile accesso- e’ sovraffollata e rumorosa, anche se e’ perfetta per osservare la gente (proprio di ogni tipo).

Non amo particolarmente questa spiaggia, tranne quando ci vado fuori stagione e in quel caso e’ tranquilla, più pulita e più apprezzabile ma per i miei standard e’ comunque sotto la media. In uno di quesi giorni di fuoco mi sono recata a Zushi per rinfrancarmi stavolta con un breve giro in barca.

L’unica scelta e’ per un percorso che va da Zushi fino all’isola di Enoshima (in linea retta distante circa 10km) e ritorno, e regala interessanti viste lungo il tragitto. A dire il vero non ho idea di quanto interessanti o belle siano queste viste, perché quel giorno la barca e’ andata da tutt’altra parte….c’era difatti una sorta di allenamento o preparazione per le olimpiadi dell’anno prossimo vicino l’isola di Enoshima, e quindi quello spazio era interdetto a altre imbarcazioni. Chiaramente la gente che si recava ad acquistare il biglietto veniva avvisata del cambiamento, ma la delusione rimane. Che so, fate uno sconto per compensare col cambio di rotta, ad esempio…

In ogni caso, lamentela fatta, e’ stato bello. Il semplice fatto di essere in barca, sentire il vento, gli spruzzi delle onde, osservare la costa e le abitazioni rimpicciolite dalla distanza, le file di ombrelloni, e le barche a vela…si stava benissimo. C’era persino una guida a bordo che spiegava i vari punti di interesse.

Abbiamo visto altre spiagge, meno affollate di quella a Zushi (non perché queste siano peggio, ma perché raggiungerle e’ un’odissea a causa del traffico), e poi abbiamo raggiunto un gruppo di scogli con un faro. Li vicino c’e’ un tempio scintoista famoso per via di un arco di legno situato su uno scoglio in mezzo al mare. Non c’era molto altro di interessante per il resto della crociera, solo la costa, fatta a tratti da spiagge e a tratti da coste rocciose e frastagliate. Tutte queste spiagge, secondo me, sono meglio della spiaggia di Zushi, seppure raggiungerle richiede pazienza.

Spero che il percorso della crociera era stato alterato solo temporaneamente perché mi piacerebbe un secondo tentativo e vedere per bene l’isola di Enoshima dal mare.