Monday, May 22, 2017

Island of cows and colors

I am coming out of a long and intense period of work. Just before the Japanese long holiday known as Golden Week I managed to complete writing some scientific articles and I sent them out. After that, I reckoned it was a perfect time to take some days off and rest, before starting the next challenge. It had to be done.

I chose, of course, the beach as a destination. Because the main purpose of taking time off was to recharge, what I had in mind was a place in Japan that maximised my relax and minimised my efforts: one flight at most to get there, pickup service at airport by the hotel, fancy hotel with spa, sauna, outdoor pool and indoor pool (because what if it rains?), big room with ocean (and sunset) view, restaurants and shops. Basically I could have not left the hotel premises, if I really wanted. That place is Okinawa, where I keep returning to every time I can.

Blessed with stable weather conditions for most of my stay and not worrying about the monsoon season that would soon approach the islands, I spent the time chilling by the outdoor pool, drinking refreshing and slightly alcoholic shikuwasa (Okinawa and Taiwan native lemon) beverages. The few times that it rained, it was early in the morning or late in the afternoon. Anyway, it wouldn't rain for more than one hour, and then blue skies would follow.

Now, another one of the many things I don't understand about the Japanese people is this: Okinawa islands offer amazing beaches, sceneries, coral reefs, gorgeous hills and mangrove forests, and all this nature is there waiting to be taken in…hiking, snorkelling, swimming, you name it...and yet, what all people do is signing up for those silly water activities that have nothing to do with the beautiful nature (mostly polluting it, in facts) involving water bikes or boats, then tour the island by car and stop here and there to snap a photo to say "been there". Pfff.

I did also tour the island, but for totally different reasons. I was in search of the perfect secluded beach, and I visited many. It was exactly like in the beach towns in Sicily, where locals know they have to simply drive with an eye on the first trail on the left/right, hidden between trees and weeds and flowers, but definitely taking them to a beach. The tide wasn't unfortunately on my side, being low during the central hours of the day, but that didn't stop me from entering the water wherever I could. Most of the beaches on the island are made of reef, so on low tide they are a no go except for a few that are sandy and have deep enough water to swim even in low tide.

It is crazy how towns in those remote islands remind me of my own island. Seaside villages are all the same everywhere I guess, the houses basically being a big block with large porches or terraces, bougainvilleas (and hibiscuses!!) everywhere, old buildings whose facade is eaten up by the briny air, roads that would welcome a few repairs, farming sheds, laid back people. The one difference is in that Sicily is not even close to be as green as the islands of the Yaeyama group, the southernmost ones in Japan.

There were tens of cow farms on the island, which is famous for its black cow beef, and I don’t really know how those animals can survive in such a hot place. They must be happy, though, eating lush green grass with the beautiful view of the reef…

Seeing the reef barrier from above, something I hadn’t had a good chance to do so far, is fantastic. I could reach the north tip of the island (and rode every possible road), and climbed on a hill that gave the perfect lookout point: all shades of green and blue were mixing with the white of the sand, creating a sharp contrast with the deep blue waters outside the reef.

The holiday was over sooner than I realised, but it was a good one. Now that I am back in a depressing grey Tokyo, though, I wish I could have stayed in paradise longer. All good things come to an end they say, but nobody said they can’t be repeated, right?

**********

Sto uscendo da un periodo di lavoro intenso. Proprio prima del lungo ponte festivo che in Giappone e’ noto come Golden Week, sono riuscita a completare alcuni dei mei articolo scientifici e mandarli. Al che, pareva proprio il momento giusto per prendere una pausa e ricaricare le batterie prima degli impegni successivi. S’ha da fare.

Ovviamente ho scelto come destinazione la spiaggia. Visto che l’obiettivo del prendere un po’ di ferie era quello di riposarsi, quello che avevo in mente era un posto in Giappone che massimizzasse il relax e minimizzasse gli sforzi: solo un volo da prendere, servizio navetta in aeroporto per l’hotel, albergo bello con spa, sauna, piscina all’esterno e all’interno (perché oh, metti che piove?), camera enorme con vista oceano (e tramonto), ristoranti e negozi. In pratica, se proprio avessi voluto, non ci sarebbe stato bisogno di uscire dall’albergo. Quel posto in Giappone e’ Okinawa, uno a cui torno ogni qualvolta posso.

Fortunata col clima, non mi sono dovuta minimamente preoccupare dell’imminente stagione monsonica, ma ho anzi passato tantissimo tempo a bordo piscina, bevendo cocktails a base di shikuwasa (un frutto tra limone e arancia nativo di Taiwan e Okinawa). Quelle poche volte che ha piovuto e’ stato per un’ora o poco più e di solito la mattina o tardo pomeriggio, lasciando poi spazio a cieli azzurri.

Ora, un’altra delle tante cose che non capisco dei giapponesi e’ questa: le isole di Okinawa hanno spiagge e panorami bellissimi, barriera corallina, colline lussureggianti e foreste di mangrovie, e tutta questa natura sta li ad aspettare che la gente vi si immerga…che so, scalare le colline, immersioni, nuoto, insomma la qualsiasi…eppure questa gente non fa altro che dedicarsi a tutti quelle attività acquatiche che non hanno nulla a che vedere con la natura (anzi, piuttosto la inquinano) che includono moto d’acqua o barche, poi si fanno un tour dell’isola con la macchina, si fermano di tanto in tanto per fare una foto cosi da poter dire “io ero qui”, e basta. Che tristezza.

Anche io ho fatto il giro dell’isola, ma per tutt’altro motivo. Infatti ero alla ricerca della spiaggia perfetta, isolata e tranquilla, e ne ho viste tante. Era proprio come in Sicilia, dove la gente del posto guida con l’occhio sul lato della strada per ogni possibile viottolo nascosto tra arbusti e fiori che sicuramente porta alla spiaggia. Sfortunatamente, la marea non mi ha aiutato tantissimo, perché era al suo minimo durante le ore centrali, ma questo dettaglio non mi ha fermata di certo dal provare l’acqua non appena potevo. Visto che la maggior parte delle spiagge dell’isola sono praticamente fatte di barriera corallina, quando la marea e’ bassa non si può proprio nuotare, eccetto per un paio in cui il fondo e’ sabbioso e quindi anche in bassa marea andava benissimo.

E’ davvero incredibile quanto i paesini in queste isole remote mi ricordino della mia isola. I villaggi di mare sono tutti uguali, mi sa, le case sono in pratica un grosso blocco con terrazze, buganvillee e ibisco ovunque, edifici vecchi le cui facciate sono erose dalla salsedine, strade che necessitano più di una miglioria, capannoni agricoli e di allevamento, gente tranquilla. L’unica differenza sta nel fatto che la Sicilia non ha per nulla la vegetazione verde smagliante delle isole Yaeyama, quelle più a sud del Giappone.

Nell’isola ci sono anche tantissimi allevamenti di mucche nere, famose in tutto il Giappone per le loro carni, e io non so proprio come fanno queste povere bestie a vivere in quel caldo. Eppure mi sa che sono felici, visto che mangiano bella erba verde con la vista della barriera corallina.

Una cosa spettacolare e’ avere una vista della barriera dall’alto, cosa che ancora mi mancava. Sono andata fino alla punta nord dell’isola, e sono salita su una collina che dava proprio il punto d’osservazione perfetto: tutte le sfumature di verde e blu si mescolavano con il bianco della sabbia, creando un contrasto netto con l’acqua blu al di fuori della barriera.

La vacanza e’ finita più presto di quando volessi, ma e’ stata una di quelle vacanze perfette e ora che sono di nuovo nella Tokyo grigia e deprimente vorrei gia tornare li. Tutte le cose belle sono destinate a finire, si dice, ma nessuno ha detto che non si possano ripetere, no?











Saturday, May 6, 2017

Expat problems IV - Clothing

I fought the urge for ten years, but I couldn’t do it anymore: I bought a sewing machine, eventually.

For those who don’t know, I know how to make clothes. And one may think why on earth would I want to make my own clothes when I live in Tokyo? Eh, well, because expat problems.

I am not sure how many out there are like me who:

-don’t like Japanese fashion
-don’t fit in the Japanese sizes
-grew up with an Italian sense of fashion (I mean, ITALIAN STYLE, man!)
-know how clothes should fit

I can’t count how many times I wanted to buy something but when I tried it on it just didn’t look right, it would pull on one side, or twist, or be too short on the arms, or be too large on the waist, and so on. If I really liked something, because of a pattern or a design, the tailor in me would immediately know what to do to fix it, so I would buy the stuff, then keep it until the next time I fly home and then fix it there with mum’s machines. In the end, thought, even the intention to buy clothes wore off (haha, pun), and I think I haven’t been shopping for clothes in years. It is also good for my finances, but also I have never been a big fan of shopping anyway.

Same problem happens with shoes, as even the shape and size of the shoes are different for the Japanese…but for that, alas, I can’t do much. I just ignore the whole shopping thing altogether.

But now. Now things have changed. Not much on the buying side, rather on the making side. I can now remodel, fix, change my wardrobe or create something form scratch (which is the part I like the most about sewing, the creativity it involves).

I don’t think I will now switch to full on tailoring, because I don’t quite know how to get all the stuff that I need, like fabric, but at least now I won’t have to wait months before working on a dress.

************

Per anni ho resistito alla tentazione ma alla fine non ho potuto: ho comprato una macchina da cucire.

Per coloro che non lo sanno, ebbene si, so cucire. E verrebbe da pensare perché mai a uno verrebbe in mente di farsi i vestiti quando si vive in un posto come Tokyo? Problemi da espatriati, ecco perché.

In ogni caso, non sono proprio sicura di quanti come me:

-non sono attratti dalla moda giapponese
-non entrano nelle taglie giapponesi
-sono cresciuti con un senso italiano della moda (cioè, dico STILE ITALIANO, cavolo)
-sanno come farsi i vestiti

Ho perso il conto di quante volte ho voluto comprare qualcosa ma poi quando lo indossavo c’era sempre un non so che di sbagliato, o tirava, o torceva, o era troppo corto di braccia, o troppo largo ai fianchi, eccetera. Se proprio mi piaceva qualcosa, o un motivo o proprio un modello, la sarta in me sapeva gia come fare per sistemare il tutto, cosi compravo la roba e poi aspettavo fino a quando tornavo a casa e usavo i macchinari di mamma. Alla fine, comunque, persino l’intenzione di comprare qualcosa e’ svanita e penso che sono anni che non faccio acquisti. La cosa fa bene anche al portafoglio, seppure non sono mai stata una fissata con il fare gli acquisti.

Lo stesso problema si presenta per le scarpe, che anche quelle sono di forma diversa. E pero’, per quelle non c’e’ nulla da fare. Posso semplicemente ignorare gli acquisti.

Ma ora le cose sono cambiate. Non tanto nel comprare quanto nel fare. Ora posso cambiare, sistemare, rinnovare il mio guardaroba oppure creare qualcosa di nuovo, che poi e’ la cosa più bella del farsi i vestiti, quella della creatività.


Penso che non passero’ completamente alla sartoria totale, visto che non so bene neanche come e dove trovare il resto delle materie prime che mi servono, pero’ almeno adesso non dovrò aspettare mesi prima di lavorare a un vestito.



Wednesday, May 3, 2017

Nothing to report

Here we are again, complaining about neglect.

I recently went through my ten years old blog, reading the posts, not at all surprised of the plummeting post frequency curve, and horrified at the bad English the first ones were written in. I still write in two languages, mainly because I need to practice my native language and also because I like writing, so doing it in another language is a challenge I love.

But no matter how hard I try, truth is I have little to nothing to report. What to blame is time. It is the time as the lack of it, the 25th hour I don’t have in order to focus and write, and it is also the time as duration of my stay: after so many years I don’t have so much to tell about other than the same old stuff (and we do not like to be repetitive).
I sit down and try to remember what’s happened in the past month, and it’s either me who can’t remember or nothing of note happened.

Let’s start from the beginning of April. Ahh, the cherry blossom came and it was soon gone…the already narrow hanami (cherry blossom viewing) window was narrower this year. Then easter came and easter was gone…in any case we don’t notice which holiday our own country is celebrating here, and I can’t say I suffer about it. But I have to say that, while easter was the only one among the christian holidays that went unnoticed in Japan, the recent years have seen a turn, as chocolate eggs and easter themed food and decorations have began to pop around. Then work deadlines came and they were soon gone…and I feel I have been meeting deadlines for years now.

It’s now May, and it’s full golden week, that blissful time of the year when it feels like real spring and the Japanese get 3 consecutive days off due to national holidays. What have I planned for this year’s longer than usual weekend? Absolutely nothing. To be honest, I was considering to work during the holidays, welcoming the quiet in the office, imagining already progresses on writing (yes, I do sci-write a lot for work too, recently), and then taking some time off when everybody else is at work…in fact, trying to travel during this long week of holiday is anyway a bad idea. Eventually I decided for staying at home during the peak of traveling, and take holidays later instead.

I guess you’ll be hearing from me soon.

**********

Ed eccoci di nuovo a lamentarci della negligenza. Di recente ho scorso il mio blog oramai decenne, leggendo i vecchi post, per niente sorpresa della brusca caduta nella frequenza degli interventi, e anche esterrefatta a quanto pessimo era il mio inglese. Scrivo ancora in due lingue, principalmente perché ho bisogno di praticare la mia lingua madre e poi perché scrivere mi piace, se poi in un’altra lingua ben venga. Mi piace la sfida.

Ma in ogni caso, non importa quanto io ci provi, non ho molto da raccontare. E qui dobbiamo incolpare il tempo; Da un lato e’ proprio la mancanza di tempo, quella 25ma ora che non ho, e da un lato e’ anche il tempo inteso come durata, visto che dopo cosi tanti anni qui non c’e’ molto altro da dire a parte le solite cose (e non ci piace essere ripetitivi).
Sto qua seduta a pensare a cosa sia successo in questo mese appena passato e, o sono io che non ricordo, oppure non e’ proprio successo nulla.

Partiamo dall’inizio di aprile. Ah, si, i ciliegi in fiore sono arrivati e subito andati…la finestra gia breve in cui si può fare Hanami (ovvero osservazione della fioritura dei ciliegi) e’ stata ancora più breve quest’anno. Poi, la pasqua e’ arrivata e se ne e’ subito andata….ma noi espatriati non ci facciamo caso a prescindere, e non posso certo dire che la cosa mi dispiaccia. Devo anche dire che, sebbene la pasqua fosse finora stata una di quelle festività non osservate in Giappone, negli ultimi anni ho visto un cambiamento, dopo che uova di cioccolato e piatti a tema hanno incominciato ad apparire in giro. Poi le varie scadenze di lavoro sono arrivate e se ne sono subito andate…ho come la sensazione che non ho fatto altro che rispettare scadenze per anni.


Ora e’ maggio, e siamo in piena golden week, quel periodo speciale dell’anno quando sembra primavera e i giapponesi hanno tre giorni consecutivi di ferie. E che cosa ho programmato per questo fine settimana più lungo del solito? Niente di niente. Onestamente pensavo di lavorare durante queste festività, assaporando gia la pace in ufficio, imaginando gia i progressi con la scrittura (e si, scrivo di scienza un sacco ultimamente), e poi di prendere giorni di riposo quando gli altri stanno al lavoro….in effetti spostarsi proprio in questo periodo non e’ proprio il meglio. Alla fine ho deciso di stare a casa durante i giorni di massimo esodo e poi prendere alcuni giorni di ferie dopo, per cui avrete mie notizie più in la.



Monday, April 17, 2017

City ward sports center rocks

Every municipality has its own sports center and residents simply need to show up, either sign up for membership or not, depending on the ward, and use the facilities. Once a member, people pay per day of use, or per activity, again depending on the ward they live in.

Compared to a gym, sports centres are way way cheaper, even those requiring a membership. In fact, while signing up at a gym means that one has to pay a monthly membership fee, normally very pricy even if it is adjusted to the chosen plan and regardless of how many times one actually uses the facility, a membership at the city sports center instead means to only register, get one access card with some credit on it and then pay per time. Most sports centres won’t change more than 5 bucks for either a time-limited or unlimited day usage. Some sports centres, like the one in my city, don’t even require a membership, you just go buy a ticket for your desired activity (training room or court), exchange it for a pass and start your session.

Now, why I didn’t use the city’s sports center in these past 10 years, I don’t know. Or actually I do: laziness, the mother of all excuses.

I have always thought that joining a gym would be a good idea: I make a regular appointment with fitness, I get my mind off stuff and it is always a good way to destress. However, the one exercise I like and I can keep up with the most is running and I like running outside. So the need for a gym is only a necessity during the cold months, when I am even greater at making up excuses, or when it rains (and oh boy in Japan it rains). But, as mentioned, signing up to a gym means that I would have to pay a tremendous monthly fee for just running a few times a month for a few months. There are other ways I could use the gym, true, like attending evening classes or swimming, but there are some difficulties even there. Anyway, at that point I could have tried the fitness center in the city. True. And yet… 

First the issue was that I didn’t know about it, in my first years in Japan. Then the issue became the language. Then the next issue was that I had no company and going alone was not an option. So, yes, excuses, right. Especially if I add that the center is a walk away from where I live.

Lately, instead, I found a colleague who also wants to join a gym but wants the freedom to go without the burden of a (very expensive) monthly fee…you know, us researchers are shamefully dirt poor. I must say that, now that (finally) the weather seems to be getting stable and pleasantly warm, using the fitness center would not be a necessity since we could run outside again, but we decided to try anyway, in order to know how things worked there or how easy it was to enter.

Well, I was surprised. There are two or three courts, one training room with plenty of weight lifting machines, spinning bikes and treadmills, nice changing rooms with showers, and so on. All we needed to do was to simply pay 300yen for three hours in the training room. And we didn’t even have to show IDs to prove we were residents!

The only disadvantage I can see in using the sports center is that its capacity is limited. The place is not equipped with many of the same training machine, so I can imagine that evenings or weekends it could be difficult to go through one’s own training routine without having to wait for a free piece. The same problem can happen at a regular gym, though.

But again, now I can basically resume my outdoor running…however, it is nice to know that I can always have a last minute plan B. 

All in all, really, I don’t know why I didn’t start going there much earlier... No more excuses now.

************

Ogni citta ha il proprio centro sportivo pubblico dove i residenti semplicemente si recano, si registrano oppure no, in base a quale regolamento vige, e possono usare gli spazi del centro. Quando si diventa membri del centro sportivo, si paga per giornata o in base a cosa si vuole fare, sempre in base a quali sono gli arrangiamenti del centro in questione.

Questi centri sportivi cittadini sono molto più economici di una palestra, anche quelli che richiedono che uno sia membro. Infatti, mentre fare una registrazione completa a una palestra significa dover pagare una cifra molto alta nonostante il piano scelto e a prescindere da quante volte si usano le attrezzature, registrarsi al centro sportivo significa che uno semplicemente si iscrive, ottiene una carta prepagata ricaricabile e può pagare in base all’uso. La maggior parte di centri hanno cifre intorno ai 5 euro che possono essere per una giornata intera o per una specifica attività. Alcuni centri addirittura, tipo quello nella mia citta, nemmeno richiedono una registrazione: basta pagare e andare a sudare. Il perché io non sia mai andata in tutti questi anni, non saprei. No, anzi, no, lo so: pigrizia.

A dire il vero avevo sempre pensato di frequentare una palestra: intanto ho un appuntamento regolare con l’esercizio fisico, poi mi distraggo e scrollo lo stress di dosso. Pero’, e’ anche vero che l’attività che riesco a fare più o meno regolarmente e’ la corsa, e soprattutto mi piace correre all’aperto. Quindi avrei praticamente bisogno di una palestra solo per i mesi freddi, che di scuse se ne trovano a non finire, o quando piove (e come piove in Giappone!). E pero’ se voglio andare in palestra devo pagare un abbonamento mensile da paura solo per un utilizzo di un paio di mesi, un paio di volte al mese. Certo, ci sono anche altre attività che uno potrebbe fare in palestra, tipo yoga o piscina, ma anche li ci sono delle difficolta. E allora uno potrebbe dire che avrei ben potuto pensare al centro sportivo. E pure li…

Intanto all’inizio quando sono arrivata non sapevo di questi centri. Poi c’era il problema della lingua. Poi c’era il problema che non volevo andare da sola. Scuse e basta, certo. Soprattutto se aggiungo che il centro si trova praticamente a due passi da casa mia.

Invece ultimamente ho trovato un collega che come me vorrebbe andare in palestra ma non vorrebbe pagare una cifra eccessiva…si sa, noi ricercatori viviamo perennemente con le pezze al culo. Devo dire che ora, ed era ora, pare che il tempo si sia stabilizzato e le giornate sono piacevolmente tiepide, quindi si potrebbe ricominciare con la corsa all’aperto. Pero’, visto che volevamo anche sapere quanto difficile potesse essere usare il centro sportivo, abbiamo deciso di provare lo stesso.

E devo dire che la cosa mi ha sorpreso. Il posto e’ bello grande, con una stanza che ha tutti gli attrezzi e pesi possibili, biciclette, tappeto da corsa, eccetera, spogliatoi con docce e tutto. E tutto quello che bisognava fare e’ stato pagare e via. Non ci hanno neanche chiesto un documento di residenza!


C’e’ solo uno svantaggio che posso gia vedere, nell’andare al centro sportivo, che la capacita e’ limitata. Infatti non e’ che ci siano molte macchine dello stesso tipo, quindi posso immaginare che nei fine settimana uno potrebbe anche dover aspettare molto per finire il proprio circuito di allenamento. Comunque, questo problema c’e’ anche nelle palestre regolari. In ogni caso, ora posso ricominciare a correre fuori, ma e’ bello sapere che posso sempre cambiare il programma all’ultimo minuto.

Sul serio, ma chissà perché non sono mai andata prima! Ora niente più scuse.

Monday, April 10, 2017

Tiramisu - S.O.P.

Something fun happened at work recently thanks to an excellent idea given by one of the office secretaries: we had a tiramisu day. That’s right, scientists can do other things besides staring at their computer monitors all day trying to figure out how to save humanity.

The good excuse to put the party machine in motion was to use up all the food supplies we have in stock for emergencies (you know, Japan, earthquakes…) before they expired. In fact, we had received a new bulk of supplies, so we could get rid of the old ones. Most of these supplies were canned bread, which sounds awful but actually it is not, and there came the suggestion to use those sponge breads as base for tiramisu. I couldn’t say no to such an idea, so I decided to prepare it acting like my food recipe was a lab experiment protocol and made jokes about making it into a scientific paper publication. 

We had all details figured already: funding body (the boss himself contributed to the expenses for buying the “reagents”), principal investigator, main author (the one who did al the dirty work, aka myself), secondary authors (my colleagues who helped in preparing the breads), samples origin and description, methods, validations (the replication of the tiramisu experiment into 6 trays of goodness, the tasting of all colleagues), results, and all.

I spent a couple of hours in the afternoon to prepare all the tiramisu, in-situ, then I stored it in a cool place (the labs cold room, yay!) until the end of the working day when everybody was called in to try a piece. The final result was better than I expected. I feared those breads I used would not be right for the recipe, but in the end everybody liked it, as the high rate of disappearance of the tiramisu form the trays indicated. It was a good way to end a day, and it was also a good excuse to bring people together.

***********

Grazie a una fantastica idea che mi e’ stata suggerita da una delle segretarie in ufficio, un giorno abbiamo fatto il tiramisu. Ebbene si, gente di scienza può fare anche altre cose oltre a fissare lo schermo del computer tutto il giorno per capire come poter salvare l’umanità. 


La scusa per mettere in moto la macchina dell’intrattenimento e’ venuta dal fatto che si voleva utilizzare tutte le scorte che avevamo per le emergenze (sapete, no, Giappone, terremoti..) prima che scadessero. Difatti, avendo ricevuto le scorte nuove, potevamo benissimo disfarci di quelle vecchie. La maggior parte delle scorte erano pagnotte in lattina, che suona brutto, ma credetemi non lo e’.

Cosi si fece strada l’idea di utilizzare le pagnotte come base per il tiramisu, e non potendo dire no mi sono dedicata ai preparativi. Ho persino fatto finta che la mia ricetta fosse un metodo sperimentale di ricerca, e non sono mancate le battute riguardo a voler pubblicare il lavoro su una rivista scientifica. Avevamo gia tutto in mente: l’agenzia di supporto economico (il capo e’ stato colui che ha finanziato l’acquisto dei “reagenti”), l’investigatore principale, autore principale (la sottoscritta, colei che ha fatto tutto il lavoro sporco), autori secondari (i colleghi che mi hanno aiutato con la preparazione dei panetti), origine dei campioni e descrizione, procedure, verifica dei risultati (replicazione dell’esperimento su 6 vassoi, i colleghi che hanno fatto i test di assaggio), risultati e tutto. 

Ci sono volute un paio d'ore nel primo pomeriggio per preparare il tiramisu, sul posto, poi l'ho messo a consolidare in un posto fresco (il lab con i congelatori haha) fino a quando e' giunta la fine della giornata lavorativa e ho richiamato tutti. Il risultato finale e' stato meglio di quello che mi aspettavo, devo dire. Infatti mi preoccupava l'aver utilizzato i panetti per questa ricetta, ma alla fine tutti hanno apprezzato, come ha dimostrato la velocita con cui il tutto e' sparito. E' stato un bel modo per finire la giornata, e anche una buona occasione per raggruppare tutti, ogni tanto.






Friday, March 24, 2017

Hokkaido in winter -- 北海道

I have to write again about one of my favorite winter getaway destinations. Yes, although it’s almost cherry blossom time around Tokyo, I wasn’t yet ready to let winter go and so I planned a long weekend escape to the north of Japan where spring is still far far away in time. I must say, though, that climate change is affecting even a place like Hokkaido, which used to be buried in meters of snow until late April. I mean, once one could count on mother Nature steadily dumping snow on that island. But now, snow lovers who plan a late March trip, to maybe share the slopes with much less people, have to pray and hope and pray some more for the right weather conditions. Hokkaido being Hokkaido, it doesn’t matter much to the average lover, like me, who enjoys the mountains even without a week of fresh snowfall and still have an epic day on the slopes.

This time I am not going to blab about skiing, as that would be simply redundant. But, there was one thing I didn’t do on my previous trip that I definitely wanted to do this time: reach the top of the Annupuri mountain. Beyond the resort boundaries sits the bare, perfectly capped peak which is there for everyone who has the strength to climb the last 100 meters up to the peak. From up there, one really feels like a rockstar, with the rest of the world, literally, at one’s feet. Plus, the views…oh, the views! Three days of clear blue skies meant that one could even spot the sea, in the distance, not to mention the clarity and sharpness of the furthest detail.

I also focused more on all the details I couldn’t record on my previous visit. First, the beauty of a magic world in cast colours: mountain villages are small and made of wooden cottages, pretty isolated and live on farming. They all occupy one side of a valley, and the rest is a white, flat, even, snow blanket. Where there isn’t snow are snow-coated trees. Where there aren’t trees are rivers. Where there aren’t rivers are roads. 

Also, the roads. It’s a long journey from the airport to the ski resort, but because this is Japan, service is spot-on and shuttle buses pick you up right at the arrivals hall and drop you off at your hotel. But the trip just can’t but bring up, enhance even, the beauty of the wintery landscape. The scenery changes constantly while being all the same…one perfectly cone shaped snowy peak here, one perfectly flat snowy valley there. We drove by a large lake, we cut through forests and snow piles, we passed farm sheds, we crossed towns, we rode up and down hills.

Another thing that’s worth a trip to Hokkaido, just so that I don’t look like I only praise Nature’s doing, is ramen. Associated to the cold months, at least for me, the marvellous varied soupy concoctions are a must eat. And, in order to make sure travellers get their recommended ramen dose even on a tight schedule, there is a dedicated section of the restaurant area right in Sapporo airport that can satisfy even the pickiest, most difficult of tastebuds. A trip to the north island can’t end without a bowlful (or two, or three, or a dozen) of ramen.

An observation I also made the first time I went there, and a trend that’s picking up around other ski areas in central Japan, is about the steadily increasing non-Japanese presence. Every evening, I went out in the “bustling” village of Hirafu, and I couldn’t ignore the fact that, yes, the village is very Japanese but at the same time is not Japanese at all. One evening I must have entered THE get together hub for Australians, as there were no Japanese souls at all. I have to say I don’t mind the Ozzie (now Chinese as well) flavours and vibes in there, I don’t mind using English with hotel staff, restaurant staff and shop clerks, because they all give me a break from the everyday Japan, and make me feel as if I have left the country for a few days. It’s a welcomed change, once in a while.

March is going to give us the last heavy snowfall on the mountains which promises to be great. But for me it’s time to store my gear away until the next winter, alas.

************

Devo per forza scrivere ancora una volta delle mie destinazioni invernali preferite. Eh si, seppure qui a Tokyo e’ quasi tempo di ciliegi in fiore, non mi sentivo ancora pronta ad abbandonare l’inverno e ho quindi pianificato una fuga al nord dove ancora la primavera e’ lontana. Devo dire che pero’ i cambiamenti climatici stanno avendo un impatto anche in un posto come Hokkaido, che era noto per essere sepolto sotto metri di neve fino a fine aprile. Dico, uno poteva contare sul fatto che madre natura regalava un sacco di neve a quest’isola. Invece ora gli amanti della neve che vogliono pianificare un viaggio a fine marzo magari per evitare la folla, devono pregare e sperare che le condizioni siano buone. Ma parlando di Hokkaido, per l’amante medio, tipo me, non importa tanto se c’e’ tanta o tantissima neve visto che anche dopo una settimana senza neve fresca può ancora parlare di condizioni epiche.

Stavolta pero’ non mi metto a parlare di neve e sci, visto che sarebbe abbastanza ridondante, a parte una cosa che non ho potuto fare la volta precedente ma che avevo intenzione di fare: arrivare fino alla cima del monte Annupuri. Oltre ai limiti degli impianti si trova infatti la glabra, perfettamente innevata punta del monte che sta li per tutti coloro che hanno l’energia di arrampicarsi per gli ultimi 100 metri. Lassù ci si sente al pari di una rockstar, con il mondo ai propri piedi. In più, la vista….e che vista! Tre giorni di cieli limpidi e cristallini significavano che la vista si poteva spingere fino al mare.
Mi sono anche dedicata a tutti quei dettagli che avevo tralasciato la vola precedente. Innanzi tutto la bellezza di un mondo magico, in bianco e nero: i villaggi di montagna sono tutti piccoli, fatti di baite in legno, isolati e basati su coltivazioni o allevamento. In ogni valle, il villaggio si trova in un angolo mentre il resto e’ una piatta, uniforme coltre di neve bianca. Dove non c’e’ neve ci sono alberi innevati. Dove non ci sono alberi ci sono fiumi. Dove non ci sono fiumi ci sono strade.

E poi, le strade. Raggiungere gli impianti sciistici dall’aeroporto e’ un viaggio abbastanza lungo, ma la cosa positiva del trovarsi in Giappone e’ che l’impeccabile servizio e’ tale che ci sono autobus che direttamente dal terminal arrivi, lasciano la gente ai loro alberghi. Il viaggio in autobus non fa altro che aumentare l’incanto dello scenario invernale. Lo scenario cambia costantemente, ma ironicamente e’ sempre uguale: un picco di montagna perfettamente conico, una valle perfettamente piatta e bianca. Abbiamo passato un lago bellissimo, abbiamo attraversato foreste e montagne di neve, abbiamo attraversato citta e capannoni.

Un’altra cosa che vale un viaggio a Hokkaido, giusto per non suonare solo ed esclusivamente amante della natura, e’ i ramen. Per me associati ai mesi freddi, questi preparati meravigliosi sono una pietanza assolutamente da provare. E per essere sicuri che i viaggiatori non si facciano mancare una buona dose di ramen anche quando vanno di fretta, all’aeroporto di Sapporo c’e’ un intero piano dedicato che riesce a soddisfare anche i palati più esigenti. Un viaggio verso l’isola del nord non si può concludere senza una (o due o tre o una decina) ciotola di ramen.

Un’altra osservazione, fatto gia noto e che sta prendendo piede in altre parti del Giappone centrale, riguarda la presenza solida e in crescente aumento di non giapponesi. Tutte le sere sono uscita al villaggio di Hirafu, il più mondano, e non ho potuto ignorare il fatto che, va beh, il villaggio e’ molto giapponese ma allo stesso tempo non lo e’. Addirittura una sera devo essere entrata nel locale che e’ IL pub in assoluto frequentato da soli australiani. Dico, non e’ che mi dispiaccia incontrare australiani (o cinesi, ultimamente), e non mi dispiace neanche il fatto di poter usare l’inglese ovunque e comunque, per il semplice fatto che il tutto mi permette di staccare dalla vita giornaliera in Giappone, e mi sento come se avessi lasciato il paese per qualche giorno. Il cambiamento, di tanto in tanto, e’ benvenuto.


Penso che la fine di marzo ci regalerà l’ultima nevicata abbondante, ma per me e’ tempo di conservare l’attrezzatura fino al prossimo inverno.








Tuesday, March 14, 2017

Cooking with kids

Don’t ask me how, as it’s too long to explain, but I became a cooking teacher for kids for one day! Yes, language exchange cooking, I’d call it, and here cooking is in my opinion one of the best ice breakers.

Four school kids, two girls and two boys aged between 7 and 12 years old, came to my place accompanied by their English teacher and tried to step out of their comfort zone by practising English with me. Now, I have no experience in teaching children, even less in interacting with them in a foreign language they barely know, so I can honestly say I was more preoccupied than they were….What to say? How to say it? How to handle them? Will they understand? Will they get bored? Worries, worries, worries. All for nothing. In the end it was a fun experience and I am glad I could be the one engaging them. 

At their age, kids could not understand word by word, but it was all about giving them a preview of what they would be able to do one day, once their skills mature, if they so wish. 

I thought of some dishes from the Sicilian tradition that could be interesting for kids, so I picked recipes that required a lot of hand work and little thinking: arancini, salmon pies and panna cotta (because, well, kids love sweets). And after the cooking was done I could easily tell the kids needed a break from so much English and so much effort, so they gladly took some time to tease each other or make origami that ended up being presents for me (and a friend of mine who helped me with photographs). Lovely.

These kids were well behaved, attentive and I was impressed by how carefully they followed from beginning to end. All of them learned quickly, and surprisingly could make the rice balls without turning my kitchen into a battlefield. Not even some adults can do that much. They remembered all the steps even better than I could, and from what I hear it seems one of them already tried to make dessert at home. Best reward ever!

***********

Non mi chiedete come che e’ lungo da spiegare, ma mi sono ritrovata a insegnare cucina siciliana a dei bambini! Lo chiamerei un evento linguistico di cucina, che, la cucina, tra le altre cose e’ uno dei migliori strumenti per rompere il ghiaccio.

Quattro ragazzini, due maschi e due femmine di eta’ tra 7 e 12 anni, sono stati accompagnati dalla loro insegnante di inglese e si sono sforzati un po’ a fare pratica con me. Ora, io non ho per niente esperienza a insegnare a bambini, tantomeno farlo in una lingua che loro a stento conoscono, quindi posso onestamente dire che io ero più preoccupata di loro…Cosa dire? E in che modo? Come li gestisco? Capiranno qualcosa? Si annoieranno? Pensieri, pensieri, pensieri, alla fine per niente. Infatti e’ stato tutto molto divertente e sono contenta di aver interagito con loro.

I ragazzini, vista la loro eta’, non hanno capito tutto parola per parola, ovviamente, ma in ogni caso l’idea era di prepararli a cosa potrebbero essere in grado di fare un giorno, se ne avranno intenzione.

Per il loro menu ho pensato a qualcosa che richiedesse un sacco di manualità e poco ragionamento, quindi ho optato per arancini, salmone in crosta e poi panna cotta, perché si sa che ai bambini piacciono i dolci. Quando abbiamo finito con le spiegazioni, ho visto che avevano proprio bisogno di staccare con l’inglese e quindi si sono messi a farsi i dispetti oppure hanno fatto un sacco di origami che poi sono rimasti a me come regalo (e anche a una mia amica che mi ha aiutato con le foto). Troppo carini.


Questi ragazzini si sono comportati davvero bene, sono stati attenti e hanno seguito dall’inizio alla fine della lezione, hanno tutti imparato in fretta e sono riusciti a fare gli arancini senza neanche sporcarmi la cucina!! Meglio di molti adulti. Si sono ricordati tutti i passi meglio di quanto potessi fare io, e addirittura mi e’ giunta voce che uno di loro abbia gia provato a fare la panna cotta a casa. Che e’ la più bella ricompensa uno si possa aspettare.










Tuesday, March 7, 2017

Vegetarian food school

Recently I started a new menu for my cooking classes. I chose to provide a vegetarian menu in case somebody out there has been put off because of a lack of green options.

I have to say that coming up with new ideas is not easy. So far, I’ve been focusing on simple dishes that are easy to reproduce at home. We all know, we attend a cooking class, and months later the recipes are well forgotten despite the notes and photos we took. Well, not for my pastas. 

But then, for every potential new menu, I have to also browse around in order not to pick recipes that were already available by someone else, and that’s when things get complicated. Several times I have stumbled upon the very same recipe again and again, which made me wonder whether I should add my own version too…

I also start to see growing competition. Not mine, I mean, but the more I look up some other teachers’s menus, the more I see that they all try to impress. I still prefer to stick to the simplest recipe possible, because I am not confident myself in reproducing some elaborate ones.

Anyway, driven by a-priori knowledge or simple faith, lots of people still sign up for my classes and I receive more requests to open new dates than ever. That’s somewhat reassuring, as I always see uninterpretable expressions on the face of several of my students, whether they’re satisfied or not…

The vegetarian menu, now. Definitely some of my most favorite vegetables were picked for some no-meat, no-fish, no-egg (if you prefer) experiments: a delicious eggplant parmigiana, its ownership still contended between Sicily and Campania regions I guess, then rice filled paprikas, a very much reminder of a recipe my beloved Iranian friend used to cook (you know who you are and I miss you), then fried pumpkin and rice soft cakes with honey as dessert.

There was a lot of frying involved, so definitely not a light meal, yet a rather healthy one.

As usual, the ensemble of people who gather to learn about Sicilian food are from the most different and interesting backgrounds, each of them carrying a story. I was so happy when one of them told me she wanted to learn to cook something good to surprise the husband (who normally is the house cook). That’s so sweet! And I wish her to succeed! I made my student work a lot this time, peeling, slicing, frying. But at the end, although I know that I should have focused more in improving the taste of the food instead of talking about places I visited in Japan, I guess everyone was satisfied with the results, regular attendees or not. 

This being the debut of a new menu, I didn’t have high expectations only high anxiety. From the next time my class can only improve, for the joy of my students.

************

Tempo di nuovi menu per le mie lezioni di cucina. Stavolta ho pensato a un menu vegetariano nel caso ci fosse qualcuno che si e’ sempre tirato indietro per carenza di opzioni.

Devo anche dire che pensare a nuovi menu non e’ facile. Finora mi sono focalizzata su piatti semplici che sono facili da ricreare a casa. Sappiamo bene che mesi dopo aver preso lezioni di cucina, la stessa ricetta imparata con tanto di appunti e foto e’ ormai finita nel dimenticatoio. Beh, non con la mia pasta.

Pero’ ad ogni nuovo menu corrisponde una ricerca per capire un po’ cosa gli altri propongono, giusto per non riproporre le stesse ricette. E le cose si complicano. Infatti mi e’ capitato di trovare la stessa ricetta più volte, al che mi sono domandata se fosse il caso di aggiungere anche la mia versione o no…

Mi sa che comincio ad avvertire anche un pizzico di competizione. Non da parte mia, sia chiaro, ma più menu guardo e più vedo che si prova a fare cose particolari. Nonostante tutto io sono sempre dell’idea che semplice e’ meglio, anche perché non mi sento proprio all’altezza di riprodurre ricette elaborate. 

Comunque, o fidati da informazioni acquisite o da pura fiducia, un sacco di gente si registra per le mie lezioni e ricevo sempre più richieste di lezioni a date specifiche. In un certo senso la cosa mi rassicura, visto che non sempre riesco a interpretare le espressioni che vedo sui volti dei miei studenti, se soddisfazione o critica…

Allora, il menu. Ho scelto tra le verdure che amo di più per questo mix di piatti fatti apposta per chi non ama carne o pesce o uova (se si vuole): una parmigiana di melanzane che tuttora non si sa se e’ originaria della Sicilia o della Campania, poi peperoni ripieni di riso che mi ricordano tantissimo quelli che mi preparava spesso la mia carissima amica iraniana, poi zucca fritta e infine crespelle di riso al miele. Certo, vista la quantità di frittura dieci che i piatti non erano proprio leggeri, ma direi comunque relativamente sani.

Come sempre, un interessante gruppo di studenti con diversi interessi e lavori si e’ riunito a casa per imparare. Una di loro, voleva sorprendere il marito (che di solito e’ chi cucina) con dei piatti nuovi e solo per questo ha scelto la mia lezione. E spero proprio che la sorpresa le riesca, se lo merita. Stavolta li ho fatti lavorare tutti parecchio, per sbucciare, affettare e friggere, ma penso che alla fine siano rimasti tutti contenti, anche se mi rendo conto che avrei dovuto passare più tempo a controllare la cucina piuttosto che parlare dei posti che ho visitato in Giappone…

C’e’ da dire che la prima volta di un menu e’ sempre governata da ansia, ma penso che gia dalla prossima volta le cose non possono che migliorare, per la gioia dei miei studenti.





Sunday, March 5, 2017

Lifestyle - Onsen in Nozawa -- 温泉

In this very abnormally mild winter it’s hard to long for ski trips. Impatience turns into acceptance and acceptance turn into awaiting (for the spring to come).

Almost at the end of the peak ski season I went for my first trip and felt good to be on the mountains, to see and feel the snow after all. Soft and light flurries kept falling on and off during the entire weekend in Nozawa-onsen, a mountain village that’s famous for its high quality slopes and high temperatures hot springs (温泉 onsen). This village boasts 13 public hot spring baths, basically a tub with wooden walls and a roof. People wishing to soak their soreness away after a long day of activities can simply enter the onsen, which has separated areas for males and females, and take a bath. These places are very traditional, and basically used by locals, so when in doubt about the how-to, better to observe and do what the Japanese do.

Before entering the oh so hot water pool in one of those onsens, one must wash. There are only a few and very low faucets with only cold water, so the procedure is to collect some of the oh so hot water from the tub in a bucket,  mix it with the cold water from the tap, and thoroughly wash. It definitely is a traumatic cold experience, all together. Imagine it’s below zero degrees outside, you have to undress in a room with plenty of thin openings (in order to let the steam out, not the strangers’ looks in, mind you),with only the steam from the hot water warming you up, and have to shower somehow before eventually finding relief in the oh so hot water. The relief is nearly an illusion, since the water is over 45 degrees (minimum). That leaves you with two options: one is soak up to the neck as fast as you can and don’t move for 5 minutes, the other is to slowly enter the water one limb at a time. Both options are painful. In both cases you shouldn’t stay in for more than 5 minutes, or your low blood pressure at this point won’t be able to support you when you try to get up. All that said, trying these public baths once in a lifetime is worth it.

Not being a huge fan of nudity display I am not a huge fan of onsens either, though I have learnt over the years to appreciate them. And by repeatedly going through the same rituals, I learnt several tricks.

Those public onsen, like in Nozawa-onsen, are not like the hotel hot springs where soap and toiletries are provided; one has to bring their own soap, shampoo and towel. I had to be warned by a woman that I was using her soap in order to remember that I had to bring mine along…fortunately they understand foreigners’ I-dont-have-a-clue look, and forgive us. After that I chatted with several women and that alone granted me long lasting forgiveness.

Before everything else, is your feet you should get accustomed to the oh so hot water. While and after shower, splash the hot water on them until the pain is gone. By then, the rest of the body has adjusted too.

Somehow older people know better. They always do. A very old lady, peacefully sitting by the edge of an oh so even HOTTER water tub (no other women except the grandma could go), didn’t even give me time to put the tip of my toe in the water by saying I should use the other tub…”that one is less hot”, she said. F*ck! Less hot, uh? I was glad I listened because I nearly burnt when I entered the “less hot” pool…and then I see the very same old woman nonchalantly submerging herself in THAT tub, without a blink. I then saw there was a sign (in Japanese) above each of the two tubs for “not hot” and “hot”. Go figure.

An extra piece of advice is about tattoos. The Japanese don’t like tattooed people, as tattoos are a signature of crime gangs, and pretty much all spas (and gyms, for the same reason) across Japan have very strict rules about tattoos: not welcome. If you have one, chances are that you won’t be able to experience Japanese hot springs.

*************

In quest’inverno stranamente tiepido non viene certo in mente di andare a sciare. L’impazienza si trasforma in accettazione e l’accettazione in attesa (per la primavera).

Quest’anno sono andata in montagna la prima volta quasi alla fine della stagione, ed e’ bello trovarsi in montagna, vedere e toccare la neve, dopotutto. Per tutto il fine settimana, soffici fiocchi di neve hanno imbiancato Nozawa-onsen, un villaggio di montagna che e’ famoso sia per la neve che per le bollenti terme (温泉 onsen). Questo villaggio infatti vanta 13 bagni pubblici, in pratica una vasca di acqua termale con muri e tetto. Chi voglia rilassare il corpo dopo una giornata di attività, possono benissimo andare in queste piccole spa, che sono separate per uomini e donne, e immergersi in vasca. Questi posti sono molto tradizionali e generalmente visitate da gente del luogo, quindi se uno e’ in dubbio sul cosa fare, basta osservare e imitare.

Prima di immergersi, bisogna lavarsi. Ci sono solo un paio di rubinetti da cui scorre solo acqua fredda, quindi la procedura da seguire e’ di raccogliere l’acqua bollente dalla vasca con un catino e mischiarla a quella fredda e lavarsi bene. L’intero processo e’ a dir poco traumatico. Immaginate, fuori la temperatura e’ sotto zero, ci si deve svestire in una stanza piena di aperture (servono a far uscire il vapore, ma non permettono sguardi curiosi dall’esterno) riscaldata solo dal vapore dell’acqua termale, e bisogna lavarsi in qualche modo prima di potersi finalmente immergere nell’acqua che e’ super bollente. La sensazione di tenesse e’ quasi un’illusione, visto che l’acqua e’ a più di 45 gradi. Al che uno ha due opzioni: entrare in acqua quanto più rapidamente possibile fino al collo e restare immobili, oppure immergersi poco per volta. In entrambi i casi si soffre. E in ogni caso, e’ consigliato stare ammollo non più di 5 minuti visto che l’abbassamento di pressione renderebbe quasi impossibile mettersi in piedi. A prescindere pero’ da tutto ciò, e’ un’esperienza da provare almeno una volta nella vita.

Queste terme pubbliche, come appunto quelle a Nozawa-onsen, non sono proprio fornite, infatti ognuno deve portarsi sapone e tovaglia. Io mi sono resa conto che avevo dimenticato il mio quando una signora mi ha fatto notare che avevo usato il suo…ma alla fine, visto che i giapponesi sono comunque gentili e capiscono l’incapacità di noi stranieri, ci perdonano.

Prima di tutto, sono i piedi quelli che vanno preparati all’acqua bollente. Quando i piedi si sono abituati, anche il resto del corpo e’ pronto.

Come sempre accade, gli anziani ne sanno sempre di piu. Una signora stava placidamente seduta al bordo di una vasca (cosi calda che nessun’altra signora era li), e non mi ha neanche dato tempo di mettere un dito nell’acqua che mi dice subito “quell’altra vasca, che questa e’ calda”. Porca miseria! Meno male che era meno calda. Ho quasi avuto uno shock termico nella vasca “meno calda”, non voglio pensare come si potesse stare nell’altra. Invece, la vecchietta con molta calma e disinvoltura si mette tranquillamente ammollo in quella più calda. Ho poi notato i segni per ognuna delle due vasche che dicevano appunto “calda” e “meno calda”. E meno male…

In aggiunta, un consiglio da dare riguarda i tatuaggi. In generale i giapponesi non amano gente con tatuaggi visto che sono associati alla malavita, quindi le terme (e in questo caso anche palestre) in Giappone non accettano gente tatuata. Quindi, se appartenete a questa categoria ci sono alte possibilità che non possiate provare le terme.



Wednesday, February 22, 2017

Expat problems V - Space

Ever felt like there’s not enough room wherever you are?

If there is one thing I will never get used to in Japan is the lack of space. On one hand this is just because there are so many people, especially in Tokyo metropolitan area, that it always feels like they are all going to the same place I am going and at the same time I am going…

However, personal space (the lack of, I mean) is only one side of the problem. These people are real masters when it comes to use all the available space up. For anything, I mean. Big cities have to accomodate for many residents, so there is not much public space, rather an amass of tall ugly buildings (very) next to each other. Also, in order to use  as much space as possible, houses come with little to no balcony…when you only have a 50 square meters lot of land to build your house on, you’d want to cove them all with solid walls and rooms, rather than thinking of a balcony. It makes sense, in a way. What doesn’t make sense is having a mere 50 square meters lot for a house. Ah well, when in Rome…

But there is much more to it. Enter a supermarket, for example. Its isles are so narrow that two people can barely fit; if an isle is larger than that, somebody will soon remedy and put a pile of boxes or a cart with more products, or a tasting stand with women handing food samples of such and such item. There’s a slightly ampler corner here? Let’s put a basket full of some other item to sell! There’s a wide entrance hall here? Let’s set up a selling booth right by the entrance doors!

You get the picture.

Also, city streets. There is no extra space for stopping the car (say, you have to answer a phone call), and yet drivers seem to pick all the worst locations for their temporary stops…

If there is a pedestrian walkway, it is taken up by neon signs on wheels, vending machines, flag stands, bicycles, light poles….I always seem to dodge obstacles here and there.

It’s amazing how cozy some stores are. The poor cashiers (wow, they can fit more than one person there?) are squeezed behind a counter that’s barely as large as the thinnest of them, and if one of them has to got out, all of them have to get out. In general, everything is cozy here. Many shops basically regurgitate items on display, inside and outside, leaving little to no room to walk.

And it seems the Japanese don’t mind the coziness AT ALL.

****************

Vi e’ mai capitato di essere in un posto privo di spazio?

Se c’e’ una cosa a cui non mi abituerò mai in Giappone e’ proprio la carenza di spazio. Da un lato e’ dovuta al fatto che ci sono cosi tante persone, specialmente nell’area metropolitana di Tokyo, che sembra come se tutti stessero andando nello stesso mio posto allo stesso momento…

E pero’, lo spazio personale (o meglio, la mancanza di) e’ solo una parte del problema. Quando si tratta di utilizzare tutto lo spazio a disposizione, questi qua sono maestri. Grosse città devono fare i conti con molti residenti, quindi lo spazio pubblico non e’ molto, anzi ci sono solo palazzotti brutti e alti uno attaccato all’altro. E in più, visto che bisogna utilizzare quanto più spazio si può, le case non hanno balconi, o ce li hanno minuscoli…in effetti, ha senso. Se uno ha solo 50 metri quadri di terreno per costruirci, meglio allargare le mura il più possibile piuttosto che pensare al balcone. Quello che non ha senso e’ l’avere a disposizione solo quei 50 metri quadrati. Paese che vai….

Ma non e’ tutto. Per esempio, i supermercati. I corridoi sono cosi stretti che ci passano a stento due persone; se poi il corridoio e’ leggermente più ampio, c’e’ subito qualcuno che rimedia e ci piazza una pila di scatoloni o carrelli pieni di roba, oppure signore in grembiule e copricapo offrono assaggi ai clienti. C’e’ un angolo morto qui? E mettiamoci un bel cesto con altri prodotti da sbarazzare! C’e’ uno spazio all’entrata del negozio? E mettiamoci un gazebino proprio davanti a sta porta su!

Insomma, capito l’andazzo.

Poi, le strade. Non si trova spazio per sostare da nessuna parte, eppure questi riescono sempre a trovare i posti migliori per fermarsi…

I marciapiedi. Sono intasati con tabelle luminose, distributori automatici, coni stradali, transenne, biciclette, pali della luce….ho sempre come l’impressione di fare una gara a ostacoli.

Impressionante come possano essere minuscoli certi negozi. Quei poveri cassieri (che poi, più di uno, davvero?) sono strizzati dietro a un bancone che e’ appena quanto il più magro di loro, tanto che se uno deve uscire, tutti devono uscire. Tutto qui e’ minuscolo, in linea generale. In pratica i negozi rigurgitano merce, esposta dentro e fuori del negozio, senza lasciare spazio per camminare.

Eppure, i giapponesi non sembrano curarsi di tanta limitatezza. PER NULLA.