Thursday, April 16, 2015

Arancini School

It's been a miserable spring so far. Rainy and a** freezing cold. Fortunately, on the day I was meant to teach a cooking class, the weather gave us a break and a little bit of sun showed up.

Yes, I did teach cooking. This was made possible thanks to the people behind Tadaku, a rather young Tokyo based network of international people willing to share their best recipes and people willing to learn.

The day of the class I was a little nervous: I have cooked before, alright, but teach? Never before. So I was afraid I would not make it through the whole 4 hour class.
My students arrived on time. We started with self introductions and a bit of chitchat over coffee, then we transformed my kitchen and dining area in a laboratory where we mixed, blended, chopped, stirred, boiled and made a mess. More importantly, we had a lot of fun.

I was suggested to prepare Sicilian dishes, so I thought that there is no better thing than learn to make arancini: they are simple, they are really tasty, everyone can participate and we can make as many as we like. Indeed, my students loved it, I knew. Because there is no better lesson than that where everyone can practice.

I liked to see them struggle with shaping the balls of rice, and I also was impressed how they finely chopped the onion (so much better than I can!!) and celery. They were all cooperative, interactive and super helpful in cleaning up the mess we made. We had a delicious meal, and a great time. I have pictures that prove it and requests to keep up with the classes.

These people made time in their schedule for my class, some came from far away, they helped me washing the dishes and all, so I felt I had to thank them somehow: a hand written note and a chocolate may be too little, but is a humble gesture of appreciation and gratitude from my side. It will be my personal signature.

So I will be teaching again, and hopefully for some time. Sharing my knowledge and at the same time doing what I like, in the familiar environment of my own place, revealed to be mind soothing and stress relieving. Until I start salsa dancing again, cooking will do just fine. 

Last but not least, take a look at what Tadaku can offer…maybe there is a spot, teaching or learning, for you too.

*************

Finora e' stata una primavera alquanto triste. Freddo gelido e pioggia. Per fortuna, il giorno in cui avrei dovuto tenere una lezione di cucina, il tempo ha retto e anzi ci ha regalato qualche ora di sole.

Si, precisamente, ho insegnato a cucinare. Questo e' stato possibile grazie a Tadaku, una rete ancora giovane di insegnanti e studenti desiderosi di imparare ricette di cucina internazionale basata a Tokyo. Il giorno della lezione ero abbastanza nervosa, perché si, vero che ho cucinato altre volte, pero' mai insegnato. Quindi avevo paura che non avrei retto per tutta la lezione che e' durata 4 ore.
Le mie allieve sono arrivate in orario. All'inizio ci siamo presentate, abbiamo chiacchierato un pochino e preso il caffè, poi abbiamo trasformato la mia cucina e sala da pranzo in un laboratorio dove abbiamo sminuzzato, mescolato, tagliuzzato, bollito e combinato un macello. ma la cosa più importante e' stata che ci siamo divertite.

Mi era stato consigliato di preparare ricette siciliane e quindi ho ben pensato che il piatto migliore era decisamente arancini: semplici, gustosi, in quantità, e ognuno partecipa attivamente. Difatti le mie allieve hanno apprezzato, come pensavo. Perché in fondo non c'e' migliore lezione di quella che consente a tutti di fare pratica.

Mi sono anche divertita a vederle in difficoltà nel formare gli arancini, e sono rimasta a bocca aperta quando le ho viste sminuzzare la cipolla (molto ma molto meglio di me) e tritare il sedano. Tutte si sono rivelate di grandissimo aiuto, volenterose e attive. Ci siamo proprio divertite e abbiamo mangiato benissimo.Ci sono foto che lo provano e anche richieste a continuare con le lezioni.

Queste ragazze hanno pianificato per partecipare alla lezione, alcune sono venute da lontano, mi hanno aiutato a pulire e quindi ho ben pensato di ringraziarle in qualche modo: un messaggio scritto a mano e un cioccolatino forse sono poca cosa, eppure rappresentano un gesto umile di apprezzamento e gratitudine. Penso che ne faro' la mia firma artistica.

Quindi, si, continuerò a insegnare, si spera per un bel po' di tempo. Condividere quello che so e allo stesso tempo fare qualcosa che amo, nell'ambiente familiare del mio appartamento, ha un effetto rilassante e rinvigorente per lo spirito. Fino a che non ricomincio con salsa, la cucina dovra fare da sostituta.


Infine, date un'occhiata a quello che Tadaku offre…magari c'e' pure un posto per voi, che sia come insegnante o studente.






Monday, April 6, 2015

Blossom fiasco

One day trees are bare, the next day they're in full bloom and the day after they are all green. That's more or less, summarized, the lifetime of perhaps the most insane activity in Japan. Yes, I am referring to the cherry blossom viewing. Catching the perfect moment of max blooming factor is a matter of deep concern every year: cherry blossom forecast (yes, it exists) helps a lot, but there is one fierce competitor to nature that complicates things, and that is Nature herself…not only cherry blossom is transient and extremely short, in addition strong winds and rainfall endanger the flowers already short life.

Last weekend of March initiated the sakura frenzy. The first weekend of April already sentenced its termination rather prematurely. By winds and rain that were unpredictable till the very day.

I do not really feel the urge to pick right the one day when the entire metropolis wants to get out and find their spot under a cherry tree ( I'm crowd-o-phobic and this country is crowd-o-phil)…I overall prefer to enjoy spring in a much calmer mode, observe nature waking up little by little. And trust me even doing so is difficult, as we're so caught up in our everyday life that we miss all the fine details (see opening phrase). Despite my firm desertion, though, I paid a visit to Yoyogi park -the supreme hanami spot- on Saturday. As did another 2.3 million people (pets and babies excluded). I bet the planet's center of mass shifted a little. More than for my interest in the park, I was sucked up in the gravity of the situation (getting better and better at puns uh) by my agreeing to meet a friend on a tight schedule but with a wish to see some flowers before the rain came. And for the law of big numbers by which the more people out, the more chances to see someone you know, I ended up stopping every second group of people as I heard my name called often. Mind blowing. On the other hand, running away from the densely packed park and nearby station felt better, much much much better.

The original weekend plan was not to visit the park, but to meet up with friends in Asakusa on Sunday, and spend a few hours by the riverside, at Sumida park. Of course it rained on Sunday. We decided to go ahead with the plan but we just had lunch indoor, and sat at a very nice warehouse-turned-industrial-hipster-chic hostel cafe. Great place with minimal design, populated by backpackers and tourists who chilled out waiting for the rain to stop. I can totally picture myself spending hours there, sunk in my sofa reading, watching people passing by, writing on my laptop, sipping coffee, chatting, all of this happening in slow motion.

Tokyo Sky Tree tip disappeared into the thick clouds. I wonder whether people at the observatory up there saw only clouds below them, Burj Khalifa style (have you seen those amazing aerial images of Dubai in the mist?)…it is the tallest structure in Japan, after all...

I also need to reassure my folks back home about my cries of not finding Easter eggs here: emergency subsided. I had something better the other day. I had colomba (Italian typical easter dessert, dove-shaped). No, not any colomba…real Sicilian artisanal colomba by Fiasconaro…enough said.

**************

Un giorno gli alberi sono spogli, il successivo sono in fiore e quello dopo sono già verdi. In breve, questa e' la durata di una delle attività più caotiche del Giappone…si, infatti, mi riferisco all'abitudine (ossessione) di osservare la fioritura dei ciliegi. Ogni anno, azzeccare quel momento giusto quando la fioritura e' all'apice e' come una lotteria: le previsioni sul grado di fioritura (che esistono, chiaramente) aiutano tanto, ma c'e' una forte opponente alla natura che complica tutto, ed e' la natura stessa…non solo i fiori di ciliegio hanno una vita breve, molto breve, in aggiunta si ci mettono anche vento e pioggia a accorciarne l'esistenza.

Il fine settimana passato, l'ultimo di marzo, ha dato inizio alla frenesia sakura. Questo fine settimana, il primo di aprile, ne ha già decretato la fine decisamente prematura. Si, con vento e pioggia che sono state impossibili da prevedere accuratamente fino al giorno stesso.

Non direi proprio che sia la persona che ha la smania di aspettare quel giorno in cui l'intera metropoli decide di uscire e andarsi a cercare un po' di spazio sotto a un albero di ciliegio (al contrario di questo paese, io non amo le folle)…preferisco piuttosto godermi la primavera un poco alla volta, osservare il risveglio della natura piano piano. E anche questo mi riesce già abbastanza difficile, del resto siamo presi dalle nostre vite per poterci dedicare ai dettagli (vedi la frase di apertura). A dispetto della mia diserzione, pero', ho fatto una rapida apparizione al parco Yoyogi -il posto supremo per hanami- il sabato. E lo stesso hanno fatto altri 2.3 milioni di persone (escludendo infanti e animali). Scommetto pure che il baricentro della terra si e' spostato per qualche tempo. Più che l'interesse verso il parco, sono stata risucchiata dalla gravita' della situazione dalla mia disponibilità a incontrare un'amica con un'agenda fitta di impegni ma che voleva battere sul tempo la pioggia e vedere un po' di fiori di ciliegio. E per la legge dei grandi numeri, secondo la quale più persone ci sono in giro, più possibilità si ha di incontrare qualcuno che si conosce, mi sono dovuta fermare parecchie volte perché mi sono sentita chiamare da chi -ovviamente- mi ha riconosciuta. Dall'altro lato, pero', scappare via dal parco e dalla stazione vicina sovraffollati mi ha dato non poco sollievo.

Il piano iniziale del fine settimana era molto diverso, ovvero incontrare degli amici a Asakusa la domenica per trascorrere qualche ora al parco Sumida, quando, ovviamente, ha piovuto. Nonostante ciò abbiamo comunque deciso di incontrarci e pranzare assieme al coperto, poi ci siamo fermati al caffè di una fabbrica-diventata-ostello-chic-industriale. Un posto proprio bello, dal design minimale, piena di turisti che si rilassavano nell'attesa che la pioggia passasse. Mi vedrei proprio bene seduta comoda in quel caffè a leggere, guardare persone passeggiare, lavorare al pc, eccetera.

La punta di Tokyo Sky Tree era come scomparsa tra le nuvole…chissà se le persone lassù in cima, nell'osservatorio, vedevano solo nuvole sotto di loro, come succede con quelle visioni aeree di Dubai e Burj Khalifa…


E poi ho anche da rassicurare i miei cari a casa che erano preoccupati per il mio non poter trovare uova di pasqua qui: l'emergenza e' rientrata. Ho trovato di meglio. Ho mangiato la colomba, e non una qualsiasi, bensì quella vera siciliana, artigianale, Fiasconaro…ho detto tutto.





Saturday, March 28, 2015

Cold Sapporo - 札幌

And then there's Sapporo.

One of the main Hokkaido cities, Sapporo (札幌) offers little to tourists. If you ask any Japanese why they would go to Sapporo, they'd answer with "food". But again, name a place in Japan where food is not the main thing. Hokkaido specialties are: milk and especially cheese cakes, although at the airport I found them made with New Zealand cheese (tsk tsk), snow crab (with smooth and spiky shell), soup curry, cantaloupes, at sky rocketing prices of $100 each, lavender and RAMEN (soup noodles). 
Especially the noodles don't strike as a special food of an area of Japan only, right? And true enough, Ramen Museum docet (here), every region in Japan has their own special flavor of ramen, although the miso (soy bean paste) ramen originated from here. The most popular variant in Hokkaido is with corn and butter. Right, there is a 2cm x 2cm square of butter in your bowl. It. Is. So. Good.

Priorities are priorities, so, once Jordan, Jen-C and I land in Sapporo, we immediately go for the "ramen street" at the airport restaurant area to start the trip the right way. The days that follow (in Ozville) are marked by more and more ramen, even Singaporean laksa just to make sure we get our recommended daily dose of hot broth, and we finish 5 days later with yet another bowl of ramen at the "ramen street" in Sapporo station. This ramen street not to be confused with the most famous Ramen Yokocho (ラーメン横丁) in Susukino, which is a few blocks away from the central station, hidden between and inside buildings.

There is another thing people go to Sapporo for, which is the snow festival in February. In occasion of the one week event, huge ice sculptures are carved and lit at night. But, as the reader is aware, our snow festival was elsewhere...

At any rate, there isn't much else to do or see in Sapporo. A few old looking buildings spared by the bombings, a dwarf version of the Tokyo tower, and the red-light-district-turned-entertainment-and-restaurant area of Susukino, where all action happens. We didn't even walk through Odori park, a long and narrow park that cuts the city through, the snow festival place, because it was just a huge dumping space for melted, dirty snow.

One thing that could have been worth visiting is the Sapporo brewery, which we snubbed for the more sinful and yet disappointing chocolate factory…maybe tired of the mountain, maybe disorganized, maybe clueless, maybe just wanting to go back home, we wrongly thought chocolate was worth more than beer. Foolish resolution.

Not that the tour wasn't interesting, but there was more than one disturbing thing: the factory was made by all means to look like an amusement park. And this is a very Japanese thing. To cute-ify and market everything. The building outside resembles those medieval houses, with turrets, small windows and such, decorated with snowmen, tree houses outside in a courtyard. Inside, the tour is a bit random and "multidisciplinary": together with collections of chocolate boxes, drinking sets, measurers, scales exposed in rooms with baroque frescoes, a walk through high walkways with glass walls looking down at the cookie/choco production line (that was interesting) and tunnels where animations explained the history and the process of chocolate making, we saw gramophones (no, they were not made of chocolate), children toys, steel monsters riding motorbikes, cookie baking classes, women making sugar sculptures and, of course, the unmissable souvenir stores and cafes.

In short, a two hours walk through the streets of Sapporo is enough to give a sense of the town, modern and busy. What I liked a lot, though, was Nakajima park, near the fancy hotel we were staying. It has a very nice pond in the middle, still iced for the most part, full of pine trees (now I know where all Christmas trees come from), covered in snow, peaceful. I think I spent two hours only in that place, walking all walkable trails, covering all the area, with inclusion of the temple nearby, and a must-take-a-picture-from-the-bridge Toyohira river, disappearing in the distance between the mountain peaks.

Perhaps a visit in summer can give different impressions. Everything was white and cold now, which retains its own magic, but I guess a fair comparison against a warmer background could also be made.

For now, this is all I have on Sapporo. Bring the spring on!

***************

E poi c'e' Sapporo.

Una delle principali città di Hokkaido, Sapporo (札幌) offre pochino ai turisti. Se uno chiede a qualunque giapponese di spiegare le ragioni di un viaggio a Sapporo, risponderebbe con "cibo". Si, ma poi datemi un solo posto in Giappone dove non si va per il cibo. Le specialità di Hokkaido sono: latte e specialmente torte al formaggio, anche se poi ho trovato torte con formaggio della Nuova Zelanda (ma, come!), granchio gigante, zuppe al curry, melone, allo spropositato prezzo di 100euro l'uno), lavanda e RAMEN (spaghetti in brodo). Che poi, diciamocelo, non e' che i ramen siano proprio specifici di una sola regione, no? Come insegna il Ramen Museum (qui), ogni area ha la propria ricetta speciale, anche se pare che i ramen al miso (pasta di soia fermentata) sono proprio di qui. La specialità di Hokkaido e' ramen al mais e burro, nel senso che c'e' un bel quadrato di burro, esatto. Ed e' proprio ma proprio buono.

Avendo le nostre priorità, non appena Jordan Jen-C e io atterriamo a Sapporo, ci lanciamo immediatamente verso i ristoranti dell'aeroporto, cercando la famosa "ramen street" per incominciare il viaggio nel modo giusto. I giorni a seguire (a Ozville) vedono ancora ramen, e persino laksa (ramen di Singapore), proprio per non farci mancare la razione quotidiana di brodo caldo. Chiudiamo cinque giorni dopo con ancora un'altro ramen alla "ramen street" alla stazione di Sapporo. Questa qui non va confusa con la più famosa Ramen Yokocho (ラーメン横丁) a Susukino, che e' poche centinaia di metri dalla stazione, nascosta tra palazzi del centro.

C'e' un'altro motivo che attira gente a Sapporo, ed e' il festival della neve che si tiene a Febbraio. In occasione di questo evento di una settimana, si preparano enormi sculture di ghiaccio che vengono anche illuminate la sera. Ma per noi, come il lettore avrà già ben capito, il festival della neve era altrove…

Comunque, in sostanza non c'e' tantissimo da fare e vedere a Sapporo. Ci sono un paio di costruzioni di altri tempi risparmiate dalle bombe, una versione nana della torre di Tokyo, e poi il quartiere a luci rosse trasformato in centro nevralgico della città Susukino, dove si concentra la vita notturna. Non ci siamo neanche fatti una passeggiata al parco Odori, che e' quello dove vengono preparate le sculture, perché questo periodo dell'anno non e' altro che una massa informe di neve sporca.

C'e' pero' una cosa che vale la pena di fare, ovvero il birrificio Sapporo, che pero' noi abbiamo snobbato a favore del più peccaminoso ma deludente stabilimento di produzione del cioccolato…forse stanchi della montagna, forse disorganizzati, forse senza idee, forse solo vogliosi di tornare a casa, abbiamo erroneamente pensato che il cioccolato fosse più importante della birra. Decisione stupida.

Non che lo stabilimento non fosse di per se interessante, e' che c'erano molti elementi inquietanti: lo stabilimento era più un parco a tema. E questa devo dire che e' una cosa proprio giapponese. La cosa di commercializzare e rendere carino tutto. L'edificio assomiglia a quei palazzi medievali, con tanto di torri a punta e finestre piccole, omisi di neve dappertutto, case sull'albero nel cortile interno. Il percorso guidato all'interno era un po' a caso e non proprio monotematico: assieme alla collezione di scatole di cioccolata di ogni tempo, misurini, bilance, tazze e altro esposte in stanze dall'aspetto decisamente baroccheggiante, assieme a una galleria di cioccolata dove la storia e la produzione di cioccolato viene raccontata per filo e per segno, vediamo la vera e propria catena di produzione da passerelle aeree, e poi ci sono anche una esposizione di grammofoni (no, non di cioccolato), stanze dove si possono prendere lezioni di cucina (biscotti), donne che fanno sculture di zucchero, e poi gli immancabili pasticceria e negozio di souvenir.

Quindi, in sostanza, una passeggiata di qualche ora e' più che sufficiente per avere un'idea di Sapporo, città moderna e attiva. Quello che mi e' invece piaciuto tanto e' stato il parco Nakajima che si trovava vicino al bellissimo hotel dove pernottavamo. Il parco ha un laghetto al centro, che era ancora mezzo ghiacciato, molti pini (e ora so anche da dove vengono gli alberi di natale), e ancora tanta neve, ma era proprio un'oasi di pace e tranquillità. Penso di aver passato due ore solo in questo parco, passeggiando per ogni vicolo e coprendo tutta l'area, inclusi il tempio li vicino e poi il fiume Toyohira perché una foto dal ponte va fatta. Una foto del fiume che si perde in mezzo alle montagne innevate.

Puo darsi che un viaggio in estate susciti diverse impressioni. In questo periodo c'e' ancora troppa neve e freddo, che certamente ha la sua magia, eppure, chissà, forse vedere più colori potrebbe servire.


Per adesso, questo e' tutto quello che ho su Sapporo. Che la primavera abbia inizio!





















Wednesday, March 25, 2015

Niseko unlimited - ニセコ

I didn't know there was so much snow in Australia…no, really. Going there even took less than 2 hours from Tokyo, by plane!

I looked out the window of my hotel room and I saw snow, skiers and more snow. I then went down to have breakfast and I saw Australians... Welcome to Niseko Village, hereafter referred to as Ozville.

My second trip to the northernmost island of Japan, Hokkaido, is to Niseko, arguably the best ski resorts area in Japan. Despite being the biggest Australian colony outside of Australia. Haha. Well, recently also targeted by Chinese and Indonesian/Malaysian/Thai tourists. The ski area covers roughly a half of mount Annupuri, second highest ski mountain after Asahikawa, perfectly shaped snow coated cone comprising of 4 resorts connected at the top and providing powder lovers with excellent runs and top class snow. I didn't believe what is said about Niseko that its snow is like nothing else humans have experienced (Hokkaido is blessed with more than 10m snow in one season). Well, now I do. Although it hadn't snowed for a week, conditions were still excellent, so I can easily guess at the peak of season must be beyond terrific. And with 4 resorts to choose from, stay assured that any expectations are met. If I really have to find something bad I'd say that the snow at the very top of the mountain, that is, the last 100 meters that separate you from touching the sky, was a bit icy due to the cold and dry nights and hence risky, but otherwise I would have loved to climb those last few meters up, crossing the resort boundaries, for the ultimate backcountry experience...

But up and down we went, rode each and every slope again and again, pushed our limits, dodged trees, hit new speed records.

Facing mount Annupuri is the even more perfectly shaped snow capped cone of mount Yotei, volcano actually, that gently rises from the flat valley, and gifts Niseko skiers and boarders with dazzling views (when not shyly hiding behind the clouds). 

For three days I woke up in a place where trees were buried in snow, frozen in space and time, where clouds brushed the mountain, right above our heads, where steamy hot thermal water welcomed us in the outdoor private bath at the end of each day. For three days I was in heaven. 

Now, back to Ozville…the four Annupuri, Hanazono, Niseko Village and Hirafu resorts offered good coffee, benches and tables outside where people can sit, relax and enjoy a sunny day. So very Japanese NOT. I didn't see the crepes guy with his booth, nor did I spot the soft cream cart, both a steady presence in all ski resorts in Japan. In Hirafu, the largest center of all in the area, only one out of ten restaurants was Japanese, even less than that were Japanese shops and stores. The Japanese character of the area, in other words, has been completely modified over the years, due to the increasing Australian presence. Many of them own properties and "made gold out of snow" (to cite The Age) setting up businesses, providing packages, tours, lessons and more. Even breakfast at the hotel where we were staying (very nice place) accommodated for the pickiest customer. Oh, but there is a restaurants and shops complex meant to look Japanese. Buildings are designed to look old style Japanese houses, there is a main road marked by a fake shinto gate, but it's all show. I guess it's for tourists to be able to return home with some overpriced souvenirs and a few pictures of "Japan"...

But, there was one thing that can't be but Japanese: outdoor onsen. The hotel featured a large indoor bath with thermal water and also an outdoor one, so inviting and soothing that the idea of being out in the cold air at night wasn't so bad after all. 

Anyhow, the reason why everybody (including us) goes to Ozville is only one: best quality snow. Whether luxury and a homey feel are provided or not, whether genuine or adjusted local context, those are entirely optional. What matters is the unique snow experience this trip represented. I now have a scar, one of those I longed to have, that I am proud to show, like a well inked tattoo.

There's no good way to properly mention all those bits that made the last ski trip for this season a memorable one…I am afraid that I would only be able to mix my impressions of food, company, stay, board, nature and all just like a huge car accident pileup. But fear not, it's only nine months to Christmas. Countdown has officially started.

**************

Non sapevo che ci fosse così tanta neve in Australia…e pensare che sta a sole 2 ore di volo da Tokyo!

Guardando dalla finestra della mia stanza in hotel ho visto neve e solo neve. Poi, andando a colazione ho visto solo australiani... Benvenuti a Niseko Village, da qui in poi ribattezzato Ozville.

Il mio secondo viaggio verso Hokkaido, l'isola del Giappone più a nord, ha come meta Niseko, che posso dire e' il miglior posto in Giappone per lo sci, nonostante rappresenti la più grande colonia australiana fuori dall'Australia. Hehe. A dire il vero, negli ultimi anni e' stato anche preso di mira da turisti cinesi e del sud-est asiatico. L'area sciistica copre praticamente meta' fiancata del monte Annupuri, la seconda montagna dopo Asahikawa, una montagna a forma di cono su cui si adagiano 4 diversi impianti da sci collegati alla cima, che regalano agli appassionati neve di prima classe e piste eccellenti. Non credevo a quanto si dice di Niseko, che vanta neve come nessun uomo abbia mai provato (in una sola stagione a Hokkaido possono cadere oltre 10m di neve), ma ora ci credo: nonostante non avesse nevicato per una settimana, le condizioni erano ancora ottime, quindi posso immaginare come possa essere nel pieno della stagione. E con 4 impianti tra cui poter scegliere, sono sicura che le aspettative di tutti possono essere soddisfatte. Se proprio dovessi cercare qualche neo, direi che per gli ultimi metri prima di raggiungere la cima, la neve era un po' ghiacciata, quindi leggermente rischiosa, ma altrimenti mi sarebbe piaciuto scalare gli ultimi metri oltre i confini dell'area sciistica per provare un fuoripista unico…

Ma noi siamo andati su e giù, provato ogni pista più e più volte, spinto al limite delle possibilità, schivato alberi, e toccato nuovi record di velocità.

Di fronte al monte Annupuri si trova l'ancora più perfetto cono innevato del monte Yotei, anzi vulcano, che si erge gentilmente dalla valle piattissima, e regala a chi scia viste panoramiche da cartolina (in quei pochi casi in cui non si nasconde timido dietro le nuvole).

Per tre giorni mi sono svegliata in un posto dove gli alberi sono seppelliti dalla neve, immobilizzati nello spazio e nel tempo, dove le nuvole accarezzano la montagna, proprio sopra di noi, dove acqua termale bollente ci dava il benvenuto nella vasca all'aperto alla fine di ogni giornata. Per tre giorni sono stata in paradiso.

Ora, tornando a Ozville…i quattro impianti Hirafu, Annupuri, Niseko Village e Hanzono avevano tavoli e sedie fuori all'aria aperta, il caffè servito era ben fatto, e dei classici negozietti dove ci si compra la crepe o il gelato, tipici di ogni area sciistica giapponese, neanche l'ombra. In sostanza, Ozville e' proprio non giapponese. Addirittura a Hirafu, che e' il centro più grosso, solo un ristorante su dieci era giapponese e ancora meno erano i negozi e locali. Per farla breve, il carattere giapponese e' stato completamente modificato nel corso degli anni, per via della sempre crescente presenza australiana. Molti sono addirittura gestori di varie attività, come tour, pacchetti vacanze, alberghi, lezioni di sci e quant'altro. In pratica, per citare The Age, gli australiani hanno fatto della neve oro. Pero' e' stato recentemente costruito un piccolo centro con negozi e ristoranti dall'aspetto molto giapponese: case di legno che ricordano l'architettura di un tempo, ma e' tutta apparenza. Credo sia stato pensato per quei turisti che vogliono tornare a casa con qualche souvenir e qualche foto del "Giappone"…

Ah, ma c'e' una cosa che non può che essere giapponese: le terme esterne. L'albergo offriva una vasca di acqua termale all'interno e una all'esterno, molto invitante e rilassante al punto che l'idea di stare fuori al freddo di sera non era poi così male.

Comunque, il motivo per cui tutti (noi inclusi) vanno a Ozville e' uno solo: neve della migliore qualità. Se con lusso e familiarità o senza, se con un contesto locale genuino o artefatto, poco importa. Quello che conta e' l'esperienza unica che rimane da questo viaggio. Ora ho una cicatrice, una di quelle che morivo dalla voglia di avere, che sono orgogliosa di mostrare, come un tatuaggio ben fatto. 


Non c'e' un modo per elencare in maniera appropriata tutti quei piccoli elementi che hanno reso l'ultimo viaggio della stagione un viaggio memorabile, ho paura che se ci provo sarei solo in grado di incasinare il tutto come accade nei tamponamenti a catena. Ma niente paura, mancano solo nove mesi a natale. Il conto alla rovescia e' iniziato.












Saturday, March 14, 2015

Arepas movie night and other parties

It all started with a call for a gathering at the Wago Residence to watch the videos Hiroshi took on our ski trip.

It all ended with some lychee tea.

In between…arepa de huevo…

Thanks to a slight but significant predominance of Colombians, dinner had a certain bias towards a tropical menu. And with authentic Colombian ingredients.

The arepa is a corn cake, either fried or baked, which constitutes one of the basis of south american diet, particularly in Colombia and Venezuela, and the variant we prepared was stuffed with a whole egg.

Now, it looks rather simple to make, but I challenge any of you to try and pour an entire raw egg inside one of those cakes without a) breaking the egg yolk b) breaking the cake and c) having tried it before. No, seriously, try.

The making of the dough is straightforward. Shaping it into pancake-size disks too. Deep frying one cake by one, is a piece of cake (pun). It is at this point that things can go fubar, when the fried corn tortilla is taken out, then one has to make a hole in it and somehow pour the egg inside the hole. The pouring and subsequent sealing back of the opening are to be executed within seconds, so that the cake can be put back into the hot oil and fried a second time, to allow the egg to harden.

We were all concentrated when it was egg time, still, and nervous around the kitchen, watching anxiously and hoping for a happy ending…

Cake after cake, success rate increased as much as the rest of the food decreased. Eventually we all remembered the primary motive that had brought us all together and we had some good laughs at watching me tumble down and the others graciously ski down the slopes of Nozawa...

There have been a few more gatherings at Marina's too, which contributed a great deal to make my days better and I don't describe in detail each and every one of them not because they don't matter (rather the opposite), but simply because they all follow the usual SOP, where the usual suspects bring the usual truckload of sushi and beer and the usual host baking or cooking to make sure the truckload of food is doubled.

So, in a nutshell, here is what I call high quality time: good food and good company make life better and give good memories.

***********

Tutto e' incominciato con una riunione alla Residenza Wago per guardare i video che Hiroshi aveva fatto in montagna.

Tutto e' finito con una tazza di te'.

E in mezzo….arepa de huevo…

Grazie a una leggera ma significativa predominanza di colombiani, la cena non poteva non avere certi accenti tropicali. E in aggiunta avevamo a disposizione ingredienti colombiani autentici.

La arepa e' una tortina di mais, fritta o infornata, che costituisce uno degli alimenti fondamentali della dieta sudamericana, in particolare in Colombia e Venezuela. La variante che abbiamo cucinato era con un uovo intero dentro.

Ora, seppur sembra facile da fare, sfido chiunque a provare a versare un uovo intero dentro una di queste tortine senza a) rompere l'uovo b) rompere la tortina e c) aver mai provato prima. Dico sul serio, provateci e ditemi.

Fare l'impasto e' semplicissimo. Fare i dischi di pasta anche. Friggere le tortine una alla volta e' un gioco da ragazzi. Ma e' proprio a questo punto che le cose si complicano esponenzialmente, quando la frittella va tolta dall'olio, si pratica un'apertura attraverso la quale si versa l'uovo dentro, in qualche modo. Versare l'uovo e richiudere la fessura sono operazioni che vanno eseguite in una manciata di secondi in modo tale che la tortina possa essere ripassata nell'olio bollente cosi che l'uovo si addensa.

Eravamo proprio concentratissimi in cucina, tesi e nervosi ogni volta che si era sul punto di aprire la frittella, a nutrire la speranza di un'esecuzione perfetta…

Frittella dopo frittella, il tasso di successo aumentava mentre la quantità di cibo diminuiva. Alla fine ci siamo poi ricordati del motivo che ci aveva riunito e ci siamo fatti due risate nel guardarci: io che me la facevo a capitomboli e loro sciavano graziosamente nelle piste di Nozawa…

Ci sono pure state altre cene organizzate a casa mia, che sono servite a rendere i miei giorni meglio sopportabili. Il solo motivo per cui non dedico racconti a parte non e' di certo il fatto che non sono importanti (anzi, proprio il contrario), ma e' che seguono il solito protocollo, dove i soliti sospetti si fanno vivi con la solita camionata di sughi e birre e io come al solito cucino o inforno così da essere sicuri che la camionata di cose da mangiare raddoppia. 


Questo, in breve, e' cio che chiamo alta qualità: buon cibo, una buona compagnia così da vivere una vita migliore e avere bei ricordi.








Tuesday, March 3, 2015

Kiroro in my heart - 心のキロロ

Freedom, inner peace, wonder, mystic connection with the infinite white, perfection: the ultimate summary of my first encounter with the snowy mountains of Hokkaido.

I lived in Japan for so many years and yet I had never been to Hokkaido. Until, on one of those buy-on-impulse days (this reminds me of my likewise trip to Seoul), I booked a weekend trip to Otaru (小樽), a pretty seaside city north-west of Sapporo. Now, not only I can say I have visited Hokkaido, I can also say that I have seen snow and beach coexist. Whoa.

There is a reasonably big ski resort there where I went, Kiroro, which promises: powder snow, ocean views, under-crowded slopes, lots of fun. Well, other than the clear view, promises were well kept! So well, in fact, that my flying up north for just one actual day of snowboarding was totally worth it. 
The way events unfolded at the beginning of the trip was a bit unfortunate: the flight I was booked on departed with nearly 4 hours delay. This is at the very far away Narita airport, which, allow me, sucks. But, turning the bad luck into good luck, I teamed up with a group of guys who were going to the same destination, and we killed those hours in front of a nice tempura dinner at one of the many airport restaurants. Good thing that they let us exit the secured boarding area in order to get some food…

Many apologies for the inconvenience later, we finally flew over the skies of Tokyo bound to Sapporo, where we landed just in time to make it for the last train to Otaru, our destination. Scottish whiskey tasting while en route was a must. Instead of exploring the town's nightlife options, though, I had to carefully sneak into my room, trying not to wake the others up, and crawl into bed. 

From Otaru to the ski resort there is only a 30 minutes bus ride, and the higher we went the nicer the view was: lots of snow capped peaks around and a town by the sea of Japan under a white blanket. As already mentioned, a cloudy sky didn't allow us to check the view from the top of the mountain, but I can live with that. The perfect snow conditions on the runs made me easily forget about everything. The entire day was a great challenge to improve my skills, because the people I made group with for the day could go much faster, so in order to catch up I had to workout quite a lot. And improve I did. While we were boarding through the trees I lost track of them, but I found my way out into the open without trouble, trying also new stuff while I was at it. Such a great company they were! Such a great time I had!

And the trees! Oh, beautiful Nature's artworks of frost! 

And the snow! Whipped cream mixed with sugar candy mixed with puffy clouds!

A few more highlights of this very long and yet too short weekend:

Tokyo Sky Tree can be still seen from the planes taking off at Narita!! At night, the spinning beam of the Tokyo Sky Tree illumination of choice is recognizable even from that far.

Nearing Sapporo, the flight route allows for amazing views of the tip of Aomori prefecture, the one most north, right before Hokkaido. There is a strip of land called Shimokita peninsula that stretches out, thin and long, lit up by million white and yellow lights revealing its shape in the dark sea at night. For a moment it was like being in space, looking down at the geography of an entire continent.

Jetstar might suck, but at least in this case, baggage was delivered at the speed of light. By the time we reached the baggage claim area, our bags were already out. On both outbound and inbound flights!

The view from my hotel room was stunning. 

Now…is my board ready yet? I'm not done with you, Hokkaido!

*****************

Liberta, pace interiore, meraviglia, connessione mistica con il bianco infinito, perfezione: questo e' il riassunto ultimo del mio primo incontro con le montagne innevate di Hokkaido.

Ho vissuto in Giappone per tanti anni eppure non ero ancora stata in Hokkaido. Fino a quando, in uno di quei giorni di acquisti impulsivi (come quando sono andata a Seul), ho prenotato un fine settimana a Otaru, una bella cittadina di mare a nord est di Sapporo. Ora, non solo posso dire di aver visitato Hokkaido, ma posso anche dire di aver visto mare e neve assieme.

Li dove sono andata c'e' un resort, Kiroro, che promette: neve, vista mare, piste poco affollate, divertimento. A parte la vista mare, causa cielo nuvoloso, le promesse sono state ben mantenute! Così bene a dire il vero che il casino di andare li per un solo giorno effettivo sulle piste e' valso davvero la pena.

All'inizio gli eventi stavano già precipitando, quando il volo e' stato ritardato di ben 4 ore. Tutto questo all'aeroporto di Narita, che e' lontanissimo, e fa proprio venire la depressione. Ma, a cambiare la cattiva in buona sorte ci pensa il fatto di aver incontrato altri ragazzi che andavano alla mia stessa destinazione, così che abbiamo ammazzato il tempo alla grande con una bella cena a base di tempura in uno dei ristoranti dell'aeroporto. E altra cosa buona e' stata che ci hanno permesso di uscire dalla zona imbarchi e poi rientrare.

Dopo centinaia di annunci con tanto di scuse per il ritardo, finalmente si vola verso Sapporo, dove tra le altre cose siamo riusciti a malapena a beccare l'ultimo treno per Otaru, la nostra meta. Un assaggio di whiskey scozzese durante il tragitto e' stato d'obbligo. E invece di esplorare le opzioni notturne della città, mi e' toccato entrare nella mia camera a passo felpato per non svegliare le mie compagne di stanza, e sono crollata a letto.

Da Otaru, le piste sono a circa 30 minuti di strada, e la strada si faceva sempre più panoramica con l'altitudine, tant'e' che si poteva benissimo vedere sia la costa e il paesello tutto imbiancato, sia le montagne innevate tutto intorno. Per colpa della nuvolosità purtroppo non sono riuscita a vedere il mare dalla vetta, come ho già accennato, ma comunque non mi sono di certo intristita più di tanto per questo. Le condizioni perfette delle piste mi hanno subito fatto dimenticare tutto il resto. L'intera giornata e' stata abbastanza impegnativa per quanto riguarda migliorare la mia tecnica, anche perché ero in gruppo con dei ragazzi che andavano molto più veloce di me e quindi mi dovevo dare da fare per non restare troppo indietro. E di migliorare ho migliorato. Anche quando abbiamo deciso di farci i percorsi in mezzo agli alberi, nonostante abbia perso di vista i miei compagni di pista, non mi sono certo lasciata intimorire e sono riuscita nell'intento senza problemi, anzi già che c'ero ho pure provato qualcosa di nuovo. Che compagnia bestiale che ho avuto! E che giornata di puro divertimento!

E gli alberi! Bellissimi capolavori gelati naturali!

E la neve! Panna montata mescolata a zucchero filato e a nuvole! 

Altri commenti degni di nota relativi a un fine settimana lungo eppure breve:

anche da Narita si può vedere Tokyo Sky Tree! Infatti nell'oscurità della sera, l'illuminazione della torre fa si che la si possa distinguere a distanze infinite.

Nell'avvicinarsi a Sapporo si passa sopra la regione di Aomori. All'estremita' nord di questa regione si allunga una penisola, che si chiama Shimokita, che e' sottile sottile e di sera, con tutte le luci accese a definirne i contorni, era come osservarla dallo spazio.

La compagnia Jetstar farà pur spazientire, ma i bagagli sono stati consegnati alla velocità della luce. Sia all'andata che al ritorno.

La vista dalla stanza d'albergo era fenomenale.


E ora…e' pronta la mia tavola? Hokkaido, non ho ancora finito con te!