Tuesday, September 27, 2016

Vietnam - An Bang

The sun in Vietnam has mercy for no one. 

An Bang seaside village in central Vietnam is a lovely place, where the sand is white, the water blue, fishermen roam the seas, souvenir and fruit vendors walk the beach up and down, stray puppy dogs come join you (and eventually follow you back home). It is lovely for those and many other things, but the the tropical Sun shining down at vacationers is deadly.

I've suntanned for two weeks straight at that beach, making sure there was always a thick coat of sunscreen lotion all over me, starting with the one with stronger SPF then decreasing…lucky me. Others were not that lucky. Or conscious…I saw a young very blond girl whose skin was hotpink-red from head to toes; young guys with all (im)possible red patterns across their pale bodies; old people with pale chests and burned backs or vice-versa...I saw the results of naive underestimation of the sun’s damaging powers in everyone.

Some friends and I shared a stunning vacation villa, 100 meters from the above mentioned beach, for two weeks. The house had three bedrooms, an outdoor kitchen, a huge patio where the dining table was, and a garden with benches, trees and flowers. And all sort of animals one can think of: geckos, spiders, lizards of a beautiful dark green, frogs, rats, fish, butterflies, crabs, jumping bugs, cockroaches...Well, we were in the middle of the nature, weren't we?

I mean, An Bang is a village alright, but translated in Vietnamese it means that the biggest supermarket was a bunch of crammed shelves in a woman's front yard who kept the cash money in a yellow bag, that there was no difference between a road and a private driveway, sand was everywhere, plants grew wild, people didn't bother.

The villa came with two housekeepers and one security guy with a wrinkly face who laughed at every word we (and he himself) said, showing several missing front teeth and several others yellowed by smoking. These people were a bit too present, in my opinion, coming in the morning and basically leaving in the evening, although there wasn't much for them to do except cooking breakfast and clean the rooms. They were discreet, very, but invasive at the same time. I guess it's normal for them Vietnamese as I saw everyone having their house doors open at all times, but I guess for us Europeans it was a bit too much. Anyway, when we asked the manager for some more privacy we were given more, but eventually we gave in to their apparently necessary coming and going.

In the afternoon the beach would start to be populated by the Vietnamese, who use the sea water to basically wash themselves. I was told they prefer the early and late hours of the day to enjoy the beach. And indeed, groups of people would sit together around a grill and stay there to eat (or maybe sell to tourists?). Together with them came a lot of dogs, of a funny breed with long tails and short legs, all without apparent owner but all in good shape. Probably well fed by the tourist who dine at the restaurants in the many beach houses along the coast. I fell for a super cute puppy whom I called Charlie and who managed to find where I was staying and came after me a few times. I wish I could have taken him with me.

Anyway, while in this wonderful place, my days unfolded as follows: wake, rich breakfast, beach, change, dinner, sleep. Rain came a few times in the late afternoon and overnight, one day there was a big storm, but other than that we enjoyed an amazing weather. I already miss sitting in the porch, having a few drinks, admire the garden, play cards or read, listening to the rain drops.

As for food, that was another enticing experience. The several restaurants lined along the beach offered a wide choice of cuisines, from the most elaborate fusion dishes plus live music to the basic noodle soups (pho). We even found our favorite place, which had an impressive list of food and drinks and the owner was nice and welcoming.

All in all I had what I was looking for. I had the beach, I had good company, I was away from everything, I relaxed. I think these two weeks made up for all the summer holidays I've missed over the years. And, at the end of the day, it’s those simple things we can’t live without. Take me there, please.

******************

Il sole del Vietnam non risparmia nessuno.

Il villaggio di An Bang nel Vietnam centrale non e’ niente male, la sabbia e’ bianca, l’acqua blu, i pescatori solcano i mari, venditori ambulanti di frutta e braccialetti vanno avanti e indietro, cagnolini forse senza padrone ti seguono fino a casa. E’ un posto molto bello sia per queste e altre cose, eppure il sole tropicale e’ mortale.

Sono stata in quella spiaggia a abbronzarmi per due settimane, sempre assicurandomi che ci fosse uno strato spesso di crema solare sulla mia pelle, iniziando da quella con protezione più alta…per fortuna. Altri non sono stati cosi fortunati. O lungimiranti…ho visto questa ragazza biondissima dalla pelle di un rosso gambero uniforme dalla testa ai piedi; ragazzi con ogni (im)possibile segno di abbronzatura sui corpi pallidi; anziani con un lato rosso e l’altro cadaverico, insomma ho visto i risultati di quello che il sottovalutare il potere del sole comporta.

Ho condiviso una bellissima villa che stava a soli 100 metri dalla spiaggia con degli amici per due settimane. La casa aveva tre camere, una cucina all’aperto e una veranda con tavolo e sedie che si apriva su un bellissimo giardino con piante e fiori tropicali. E poi c’erano tutti quegli animali che uno può trovare nella natura incontaminata: gechi, lucertole verde brillante, ragni, rane, ratti, pesciolini, farfalle, granchi, insetti che saltano, scarafaggi…in effetti il villaggio dove stavamo era molto rurale, difatti il supermercato più grande era un paio di scaffali nel cortile di casa di una signora che teneva l’incasso in una borsa di plastica gialla, non c’era differenza tra strade e viali d’ingresso privati, c’era sabbia ovunque, la vegetazione cresce indisturbata e la gente non si preoccupa di niente.

La villa includeva anche due donne per le pulizie e un signore dalla faccia rugosissima che fungeva da guardiano. A ogni cosa che dicevamo (e che lui diceva) si metteva a ridere, mostrando un bel po’ di denti mancanti e altri ingialliti dal fumo. Ora, queste persone erano un po’ troppo presenti, venivano la mattina e andavano via la sera, anche se poi quello che dovevano fare era solo preparare la colazione e rifare i letti. Erano molto discreti, ma allo stesso tempo invasivi Magari i vietnamiti, che pare lascino le porte di casa spalancate a ogni ora del giorno e della notte, non ci fanno caso, ma per noi era un po’ troppo. Alla fine, anche quando abbiamo richiesto di essere lasciati soli, ci siamo dovuti abituare alla loro presenza apparentemente necessaria.

Di pomeriggio la spiaggia si popolava di vietnamiti, che a quanto pare amano darsi una risciacquata in mare. Pare anche che preferiscano le ore più fresche della mattina e del pomeriggio per godersi la spiaggia. E difatti orde di gente si raccoglieva intorno a dei grill e stavano li a cerchio a mangiare (o forse vendere pesce ai turisti?). Assieme a loro si facevano vivi anche molti cani, di una razza strana dalla coda lunga e le zampe corte, che sembravano essere tutti senza padrone ma comunque stavano in salute. Magari campano grazie ai turisti che vanno a cena nei tanti ristoranti del lungomare. Un cucciolo in particolare, che ho chiamato Charlie, mi ha rubato il cuore e addirittura un paio di volte e’ riuscito a rintracciarmi e trovare la casa dove stavo. Peccato non poterlo portare con me.

I miei giorni in questo posto meraviglioso erano scanditi al ritmo mi sveglia, ricca colazione, spiaggia, cena, letto. Un paio di volte la sera si e’ messo a piovere, e una volta un giorno intero, ma per il resto ci sono stati giorni memorabili. Mi manca gia sedere nel terrazzo, drink in mano, ammirare il giardino, giocare a carte o leggere, ascoltare la pioggia.

per quanto riguarda l’esperienza culinaria, anche li ci siamo trovati benissimo. L’offerta variava tra internazionale chic e locale (pho), e ovviamente abbiamo anche trovato il “nostro” ristorante dove tutto era buono e la proprietaria carinissima.


Per farla breve, questa vacanza era proprio ciò che mi ci voleva e le due settimane hanno ripagato per tutte quelle estati che mi sono persa negli ultimi anni. Che poi, a fine giornata, sono queste piccole cose quelle di cui non possiamo fare a meno.























Monday, September 26, 2016

Vietnam - Intro

I thought I was meant to spend summer holidays in Japan. Then I went to Vietnam.

Of all Asian countries, Vietnam is the one with the fastest economical growth of the last years. Competed for in the past by Japanese, Chinese, French, then internally divided between north and south, today’s country boundaries make it look like a panhandle spooning nearby Laos and Cambodia, keeping them from falling onto the Indonesian archipelago and break it apart.

Its population is chatty, very curious about you (they had no problem asking me to take a foto of them with one of my friends!) and as soon as one of them sees you buy something, all of them will pull you here and there to make you buy more. However, people are so discreet that’s frightening. In a way they can be invasive and their looks might seem inquisitive, while they can still be respectful.

Vietnam currency is cheap (thankfully for us, still) and notes are shabby, so worn-out they may crumble like an old papyrus sheet from year 4000 BC.

The Vietnamese national sport is honking, must be. People honk for whatever reason, greet, alert, catch attention, demand right of way, or for no reason what so ever. If not this, then their sport must be bamboo-balanced-baskets shoulder carrying.

You don’t need to find a cab, because the cab finds you (honking at you of course).

The word for “thanks” sounds like “come on”, which I find funny. It’s like I am thanking them by being rude.

Police is corrupt. Or corruptible. Or bribable. I speak for direct experience. When I booked my trip, I knew the visa policies for my country, so I planned my stay accordingly. Only that I made the most stupidest calculation mistake that costed me some money (and a hell of a scare), which was to count the days wrong. So, on the day of my departure from Vietnam the passport control officer shook his head in disapproval and showed me my passport with the date of my expected exit (the day before I actually was flying). I am taken to another police officer who worsens my fears as he sits there looking at my flight tickets, then my passport, then the tickets again, then makes some phone calls, never speaks to me. Long story short, another guy explains me that by the Vietnamese laws I have to pay a fine, but “you don’t receive any receipt for the payment so you don’t know where this money goes”. Government fines my a**. And so I hand all the money I had saved to buy presents in the duty free shops, happy that it was enough to secure myself a seat on my flight and escape some potential unpleasantness.

There is a 4 to 1 people to moped ratio. Meaning that you’ll see a family of four on one bike.
There is a 4 to 1 moped to car ratio. And that means a lot of motorbikes.

Traffic laws. Wait, are there any? Pedestrians cross roads without watching (surprise, not because distracted on their smartphones), walk in the middle of the road, bikers seem to be unmoved by cars behind/next to them, they all amass at the crossings traffic light and occupy even the walkways, taxis just honk, trucks overtake as if they are being chased by a killer on a speedway…

Besides all these fun and less fun facts, Vietnam is a beautiful country with beautiful people. Its economy is now lifted by tourism, as can be seen on the coastal areas where long stretches of beach are privatised, alas, projecting several big high end holiday resorts for vacationers. But this is not all.

Vietnam is big on agriculture as well, producing highly appreciated tea, coffee and rice. Fishing is another huge resource, and I can’t but love their round bamboo floating devices that can sail against all laws of physics or their thin and long flat boats they use to carry people and fruits along the river. I wonder how this country will look 20 years from now, surely different than now.

I didn’t include tours around Vietnam for my vacation, as what I wanted was to find a beach and just lay there for two weeks doing absolutely nothing, so I picked a stretch of sand more or less in the center of Vietnam and switched the brain off. More to come.

**********

Pensavo che avrei passato le ferie estive in Giappone, poi invece mi sono ritrovata in Vietnam.
Di tutte le nazioni asiatiche, il Vietnam e’ l’unica la cui economia e’ la più in crescita degli ultimi anni. In passato conteso tra Giappone, Cina e Francia, poi dopo divisa internamente tra nord e sud, i suoi confini oggi lo fanno assomigliare a una lingua di terra che abbraccia Laos e Cambogia per evitare di farli cadere sull’arcipelago indonesiano.

La popolazione del Vietnam e’ chiacchierona, e molto curiosa (non hanno avuto problemi a chiedermi di far loro una foto con uno dei miei amici) e non appena uno di loro mi vede comprare qualcosa, tutti gli altri cominciano a tirare di qua e di la per farmi comprare ancora. In ogni caso, sono persone discrete ma al punto da intimorire. In un certo senso possono essere molto invasivi e i loro sguardi inquisitori, ma rimangono comunque rispettosi.

La valuta vietnamita e’ veramente conveniente, per ora, e le banconote sono cosi consunte che quasi si polverizzano al tocco come un papiro egiziano del 4000 avanti cristo.

Lo sport nazionale dei vietnamiti deve essere suonare il clacson. Tutti suonano per chissà quale ragione, salutare, attirare l’attenzione, allertare, chiedere precedenza, oppure proprio per nessun motivo. Se on e’ questo, allora lo sport nazionale deve per forza essere sollevamento cesti con canna di bambù in spalla.

Non c’e’ mai bisogno di fermare un taxi. Il taxi ferma sempre te per primo (e avvisa con un bel colpo di clacson).

La polizia e’ corrotta. O corruttibile. O comunque pagabile. E parlo per esperienza diretta. Quando ho prenotato il mio viaggio, ho programmato tutto in base alle regole per il visto. L’unico problema e’ che ho stupidamente calcolato male i giorni cosi che ho dovuto poi sborsare una cifra. Infatti, il giorno della mia partenza dal Vietnam l’ufficiale che mi controlla il passaporto mi mostra che in realtà, in base alle regole, io sarei dovuta rientrare il giorno prima. Quindi vengo portata in un altro ufficio, sudando freddo, e li un altro poliziotto passa lo sguardo dal mio passaporto al mio biglietto, avanti e indietro, senza dire una parola, poi fa alcune chiamate e finalmente un altro tizio mi spiega che in base alle leggi del Vietnam devo pagare una multa ma che “devo capire che non so che fine fanno questi soldi, o in che tasca vanno a finire”. Multa? Non mi pare. Al che ho dovuto lasciargli tutti i soldi che avevo conservato per comprare alcuni regalino ma almeno mi sono assicurata un volo di uscita e ho evitato una situazione potenzialmente infelice.

Il rapporto persone motorini e’ 4 a 1, nel senso che su un motorino ci si va in quattro.
Il rapporto motorini macchine e’ 4 a 1, nel senso che di motorini ce ne stanno tanti.

Codice stradale. No, cosa, scusa? I pedoni attraversano senza guardare (e non perché sono concentrati sui loro telefoni), camminano in mezzo alla strada, quelli in motorino non si preoccupano delle macchine intorno a loro, si ammassano agli incroci e addirittura usano i marciapiedi, i taxi non fanno altro che suonare, i camion fanno sorpassi come se fossero inseguiti da un killer in autostrada…

Ma oltre a questo, siamo seri, il Vietnam e’ una terra bellissima con gente bellissima. La sua economia e’ ormai fondata sul turismo come mi e’ stato possibile constatare dalle zone costiere dove interi spezzoni di spiaggia sono privatizzati per costruire futuri alberghi e villaggi vacanze. Ma non e’ tutto. Il Vietnam e’ ancora un paese agricolo, fondamentalmente, che produce te, caffe e riso di qualità apprezzata. Un’altra risorsa e’ la pesca, e non posso che amare le loro calotte galleggianti in bambù che sfidano le leggi della fisica e le loro barche longilinee che usano come taxi d’acqua e trasporto frutta. Sarei curiosa di vedere questo paese tra 20 anni, sicuramente cambierà radicalmente.


Non ho programmato spostamenti in giro per il Vietnam per la mia vacanza, perché quello che volevo era semplicemente trovare una bella spiaggia e starmene li per due settimane a far nulla. E difatti ho scelto un paese del Vietnam centrale e poi ho spento il cervello. Seguiranno altre storie.










Saturday, September 24, 2016

Hong Kong in less than 12 hours

I visited Hong Kong. The fourth most densely populated city (after Macau, Monaco and Singapore). For just one day. Actually, less than that. It was one of those visits I didn’t have time to plan nor I had invested into…honestly, as I was in between flights, I knew there wouldn’t be much time to properly venture into the jungle of tall buildings and narrow roads: I had to wait some hours for the first train in the morning, get to Central, maybe figure out what to do, make sure to be back at the airport at least 2 hours before my next flight…in addition the most important factor (weather) wasn’t cooperating, as it stayed cloudy until late morning and then it started pouring. So nope, blind date it was.

The one and only thing worth doing in that short time span (maths done) was, obviously, to go to The Peak Observatory - by taxi, because no I have no intention to look for the more picturesque bus or train options, and to go despite the grey sky. One never knows, things may change. Well, they didn’t and when I arrived to the base of the observatory it started raining lightly, so I instead went up to the nearby shopping mall’s terrace to check the uber famous view of the harbour below. Well, what was not yet swallowed by the fog…

Anyway, earlier in the day I had done some walking around the little streets in the vicinity of Central station, Elgin, Staunton, Stanley, Pedder streets (and others I will never remember) and felt very tiny and scared among all those tall buildings standing attached to each other. 

I left Hong Kong debating whether it was as I expected or not.

The big modern Asian city signature was there, of course, sort of a more compact and more vertical version of Tokyo with a shiny financial center and pedestrian bridges. It was crowded, and traffic went bananas as soon as it started raining. That was somewhat expected too, as was the British influence, seen in the buildings, streets and places names, driving codes, etc.

At the same time I sort of expected that the British influence would have also impacted on other life aspects, like organisation, manners, politeness. I instead saw a city that reminded me a lot of my own in Sicily: chaos, overlooking, rude people with no patience with poor lost tourists who are just asking for an information (I mean, not a random pedestrian, but those who are paid exactly for providing that kind of service), blocked side walks, absence of direction signs…

Even the airport personnel seemed incapable of showing a polite smile or just a relaxed face. I know that I get spoiled in Japan with its excess of mannerism, I know and I take note. But again, I guess since everybody more or less behaves the same way, nobody is bothered by this lack of attentions. Very well, then. Next time I will blend in better.

A few more things worth telling:

HK trams have triple function as a tram, double decker London style bus, ads space.
There is a lot of hidden art here and there. One just needs to find it.
Construction scaffolding can use bamboo: not sure how stable or safe that is, but surely is cool.
I had no idea of how hilly HK island is. Most of its streets are, in fact, stairs.
My departure gate was 206. I remember it because it was so far away that if one managed to reach the end of the universe, one would find gate 206 beyond that!

*****************

Sono pure stata a Hong Kong, la quarta citta più densamente popolata (dopo Macau, Monaco e Singapore), solo per un giorno. Anzi,meno. Era una di quelle visite per cui non ho avuto tempo di pianificare nulla, ma neanche ci ho pensato a farlo più di tanto…infatti, visto che di transito si trattava, sapevo che non ci sarebbe stato abbastanza tempo per avventurarsi nella giungla di edifici alti e strade strette: avrei dovuto prima aspettare il treno alla mattina, poi andare alla stazione centrale, poi capire che fare, poi tornare in aeroporto in tempo per il volo…e in più, il fattore determinante (meteo) non cooperava per nulla visto che era prima nuvoloso e poi addirittura e’ sceso il diluvio. Quindi no, appuntamento al buio fu. 

A conti fatti, quindi, l’unico obiettivo sensibile era ovviamente l’osservatorio The Peak, e ci sono andata in taxi perché non avevo proprio intenzione di cercare l’opzione treno o bus più pittoresca, e ci sono andata nonostante il cielo grigio. Chissà, magari le cose cambiamo. Eh, no, non cambiano e infatti quando sono arrivata all’osservatorio iniziava gia a piovigginare, cosi che invece di andare su sono andata alla terrazza del centro commerciale vicino per dare un’occhiata alla vista panoramica più famosa che c’e’. O meglio, a quello che non era gia stato ingurgitato dalle nuvole….

Comunque, prima di ciò avevo comunque fatto un giro per le stradine intorno alla stazione centrale, e mi sono davvero sentita piccola piccola e impaurita tra tutti quei palazzoni alti tutti attaccati.
Sono ripartita senza aver deciso se Hong Kong era come me la aspettavo o no.

La firma da grande e moderna citta asiatica era li, una specie di Tokyo in versione più compatta e verticale con un centro finanziario e tanti ponti pedonali. Era affollata, e il traffico e’ impazzito non appena ha iniziato a piovere. E fino a qui niente di inaspettato, come anche per esempio l’influenza britannica negli edifici, nomi di strade e posti, stile di guida, eccetera.

Allo stesso tempo pero’, speravo che quell’influenza si fosse fatta strada anche in altri settori come l’organizzazione, l’educazione, le buone maniere. Invece ho visto una citta che mi ha ricordato più la mia Sicilia che altro: caos, gente menefreghista e rude, senza pazienza per i poveri turisti che chiedono solo una semplice informazione (e dico, non mi riferisco a passanti, ma a quelli che sono pagati proprio per fornire quel tipo di aiuto), marciapiedi bloccati, assenza di segnaletica.

Pure il personale in aeroporto sembrava proprio incapacitato a mostrare quel poco di sorriso finto o un viso non teso. So che il Giappone mi vizia con il suo eccesso di cortesia, e ne prendo atto sempre. Pero, poi penso anche che visto che tutti più o meno si comportano cosi, la gente non ci bada. Bene, vorrà dire che la prossima volta mi calero’ meglio nella parte.

E infine alcuni elementi degni di nota:

I tram a HK pare abbiano una tripla funzione, di tram, autobus a due piani e banner pubblicitari.
C’e’ un sacco di arte nascosta in giro che aspetta solo di essere scovata.
Le impalcature nei lavori di costruzione sono in bambù, che e’ fico pero’ a me da’ l’idea di poca sicurezza.

Non avevo idea di quante salite e discese ci siano a HK. E difatti molte strade sono in realtà scalinate.












Sunday, September 4, 2016

Tokyo Jazz Festival

The Tokyo Jazz Festival is back in town for the weekend.

Although it’s at its 15th edition, this year only could I remember (or shall I say be reminded) in time. The main venue is the Tokyo International Forum hall, where all the big artists perform. The show schedule is always impressive, running from midday till late night for three days, with groups from both Japan and overseas. It’s also very fun to see what collaborations between artists turn up to, like the one I saw yesterday with Paul Grabovsky’s quartet and the Japanese Masaki Nakamura.

There are three venues, though, once can choose among. 
The main one, as said, is the concert hall, and to attend any of the scheduled jazz numbers, you’d have to have bought your expensive tickets well in advance. 

The other one, FREE, is the forum’s plaza. There, a small stage hosts performers while people can just stop by and listen, sit at some of the tables around the plaza and have a drink or a bite ordered from the food trucks. I personally like this one, not only because it is free of charge so that I can go even last minute, but also because it is outside, there is a general summer festival feeling to it, I meet friends and can chat in between shows. During the day, some jazz workshops are held for those who want to learn more. 

The third venue is the Cotton Club Tokyo, a jazz bar not far from the main venue where most of the late night shows are performed. In there, too, seats have to be booked in advance. So, perhaps no luck for those who, like me, can’t really plan ahead.

Also, the international forum building is open till late at night on that weekend, and people can wander around in it, admire its unique architecture, check the exhibitions, have a go at one of the many pianos in the music halls.

Always good to be in this part of town, where old and new mix well to the point you wouldn’t notice.

***********

Questo fine settimana c’e’ il Tokyo jazz festival. 

Anche se e’ arrivato alla sua 15-esima edizione, e’ stato solo quest’anno che mi sono ricordata (o meglio, che mi hanno ricordato) in tempo. La sede scelta e’ come sempre la sala concerti del Tokyo international forum, dove si esibiscono gli artisti maggiori. La lista di concerti e’ come sempre da paura, per tre giorni di fila dalla mezza mattinata fino a sera tardi, con artisti sia dal Giappone, sia dall’estero. E’ sempre molto bello vedere come la combinazione tra artisti diversi si evolve sul palco, come per esempio quella che ho visto io eri tra Paul Grabovsky e Masaki Nakamura.

Tre sono le locazioni scelte per il festival. 
La principale e’, come detto, la sala concerti dove per accedere bisogna prenotare, e con molto anticipo. Altra cosa da aggiungere, visto il calibro degli artisti, i biglietti di solito costano un po’. 

L’altro posto, e l’unico gratuito, e’ la plaza del forum. C’e’ un piccolo palco a un lato della piazza cosi che la gente può soffermarsi e ascoltare l’artista di turno, oppure passeggiare e poi sedersi a uno dei tavoli cosi da godersi una bevanda o fermarsi per mangiare qualcosa. Ci sono anche un sacco di camioncini tra cui scegliere. Mi piace particolarmente andare agli eventi gratuiti, non solo per il fatto se sono gratuiti, ma anche perché tutto accade all’aperto, c’e’ una certa atmosfera da feste estive, e poi posso chiacchierare con gli amici tra le varie esibizioni. Tra l’altro, durante il giorno ci sono anche workshop cosi che la gente che e’ interessata può imparare qualcosa di nuovo riguardo al jazz.

Infine, il terzo posto e’ il cotton club Tokyo, che e’ aperto fino a tardi e anche li chi vuole assistere deve aver prenotato in tempo per aggiudicarsi un posto a sedere. Quindi no, non c’e’ speranza per quelli che come me si riducono sempre all’ultimo minuto.


E poi c’e’ anche da visitare l’edificio in se, l’international forum, che e’ aperto fino a tardi per l’occasione, e si può dare un’occhiata alle mostre, o all’architettura unica. E’ sempre bello trovarsi in questa parte della citta, dove vecchio e nuovo si mescolano senza che uno se ne accorge.

Sunday, August 28, 2016

Koenji Awa Odori - 高円寺の阿波踊り

There is dance and dance. There is tradition observing dance and fools’ dance. There is Bon Odori and Awa Odori.

Another first time for me came this weekend, when I headed to Koenji, the hipster/vintage neighbourhood west of Tokyo, to watch the uber famous Awa Odori. This dance originated centuries ago in Tokushima from the more traditional Bon odori, the dance every community in Japan participates to in occasion of the August celebrations for the return of the spirits of the dead. The officially accepted version on the origins of the Awa Odori, which takes its name from the older name of Tokushima, recounts that a bunch of drunk men and women were trying to imitate the Bon Odori moves following some drumming, but were too wobbly to do it properly. Not surprisingly, Awa odori is also known as fools’ dance.

Over the years, this dance was somewhat perfected and became the official Tokushima city dance. Nowadays, Awa Odori is the most popular and the most enjoyed dance all over Japan as it calls for letting it go and have fun together. It is so popular that every year in August, the 200-something dance groups parade along the main street and compete. Several cities in Japan adopted the Awa Odori festival as well, especially Koenji which became the second top city for that, drawing thousands of people for the two-day event held at the end of August, rain or shine.

Koenji itself, by the way, is one of those neighbourhoods you want to spend a day in, because it is very peculiar, mixing second hand stores, kitsch stores, fancy and whisper bars, yummy food. If only it weren’t so far away from where I live!! Anyway, it is one of those places that make you feel you’re not in Japan at all.

Back to the dance, there is something unique about it, I can’t understand what, but there is definitely something. People sit down on mats or on reserved benches on both sides of the main street, other people stand behind making walking a challenging activity. Performing groups are composed of both men and women and children can take part, too. Women wear colourful yukata, a stray hat shaped like a half moon, traditional sandals and their moves are gentle and elegant, following a rigorous formation. Men wear a cotton strip or towel around their head, shorts and dance more freely, as to recall the drunk folks that once upon a time started the dance. In the group, some women can also dance the men part. Children are usually put to dance the male choreography. Finally, the rest of the people with instruments (shamisen, metal plate, flute), then follow the drummers who give the pace and the beat. Because this is a competition, there is a lantern bearer in front, to signal the neighbourhood the group comes from. In addition, there can be some kind of jolly characters, such as the thief, recognisable as the guy with a scarf tied under the nose (apparently this was how thieves and ninjas camouflaged themselves). And also there can be a free style dancer, usually in a bright costume, that does whatever he likes.

The parade was more entertaining than I expected, I loved the costumes, the women make up and hair styles under their hats, and the overall enthusiasm in the air. Even if it rained at times, people didn’t seem to be bothered so much, as kept dancing, singing, and involve bystanders. I even braved the crowds for this (and crowded the place was), I even managed to tolerate the police who cordoned the whole station and nearby streets in order to channel people to the right direction and shouted in my ears with megaphones. The dance parade lasts three hours, if one is interested in having an unblocked view of the whole thing (and take good photos unlike me), it is better to arrive a few hours earlier than the start to pick a good spot, and only leave hours after the end. 

The endless number of bars with tables outside and food and drink stands will ensure that everyone keep their energy, hydration and fun levels high for the entire evening.

***************

Ci sono danze e danze. Ci sono danze tradizionali e danze da pazzi. Ci sono Bon Odori e Awa Odori.

Questo fine settimana ha visto un’altra prima volta, che e’ stato andare a Koenji, il quartiere vintage di Tokyo per assistere alla famosissima Awa Odori. Questa danza e’ nata centinaia di anni fa a Tokushima e deriva dalla più tradizionale Bon Odori, la danza che commemora il ritorno degli spiriti degli avi a meta’ Agosto. La versione ufficiale delle origini della Awa Odori, che prende il nome dall’antico nome di Tokushima, vuole che un gruppo di uomini ubriachi provarono a ballare al ritmo della Bon Odori ma non ci riuscivano. Anche per questo motivo Awa odori e’ conosciuta col nome di danza dei matti. Nel corso degli anni, la danza e’ stata perfezionata al punto da diventare la danza ufficiale della prefettura di Tokushima.

Oggi, la danza Awa Odori e’ la più famosa in Giappone e anche quella più amata, visto che e’ un inno al divertimento. E’ cosi popolare ormai che ogni Agosto, circa 200 gruppi di danzatori si esibiscono in una gara lungo la strada principale. Molte altre citta in Giappone celebrano Awa Odori, ma Koenji e’ la citta più famosa dopo Tokushima per questo evento che attira migliaia di visitatori ogni anno, che sia col sole o con la pioggia.

Che poi solo andare a Koenji per un giorno vale la pena, visto che e’ caratteristico, pieno di bar alla moda e particolari, negozi di usato e anche roba molto stramba in generale. L’unico ostacolo per me e’ che e’ troppo lontano da dove vivo, ma davvero e’ uno di quei posti che non mi fa sentire di stare in Giappone.

Tornando all’evento, c’e’ qualcosa di veramente unico in questa danza, non so cosa. Gli spettatori si siedono ai bordi della strada principale, gli altri stanno pazientemente in piedi dietro, rendendo difficile farsi strada. I gruppi che si esibiscono sono composti da uomini e donne, e spesso anche i bambini partecipano come possono. Le donne indossano yukata colorati e bellissimi, un cappello di paglia a forma di mezzaluna, e sandali tradizionali. Le loro movenze sono gentili e eleganti, e stanno in formazioni ordinate. Gli uomini indossano pantaloncini e una bandana alla testa e danzano in maniera più libera, in modo da ricordare quegli ubriaconi che iniziarono anni or sono. Spesso si vedono anche donne ballare la coreografia degli uomini, assieme ai bambini. Alla fine di ogni gruppo ci sono i suonatori, chi flauto, chi chitarra e poi quelli coi tamburi a dare il ritmo. Visto che e’ una sorta di gara, c’e’ sempre un aprigruppo che porta una lanterna su cui sta iscritto il nome del rione di cui il gruppo fa parte. In più, ci sono poi dei personaggi extra, tipo quello che fa la parte del ladro, con una bandana annodata sotto al naso (pare che si camuffassero cosi un tempo), e quello che fa un po’ il libero con vestiti da colori sgargianti e brillanti e non segue alcuna coreografia. 

La parata e’ stata più interessante di quanto avessi preventivato, mi sono piaciuti moltissimo i costumi, il trucco e le acconciature delle donne, e mi e’ piaciuto anche l’entusiasmo generale che stava nell’aria. Anche se ha piovuto a tratti, nessuno sembrava particolarmente disturbato, anzi anche la gente a bordo strada veniva spesso coinvolta nell’euforia generale. Ho pure sfidato la mia riluttanza nell’andare in posti affollati (anzi affollatissimo, in questo caso), e ho pure ignorato le urla ai megafoni della polizia che cercava di incanalare la gente in una certa direzione, per evitare calche. La parata e’ durata in tutto tre ore, quindi se non si vuole stare in piedi per tutto il tempo, e’ meglio programmare di arrivare in anticipo di qualche ora e poi andare via la sera tardi cosi da evitare il grosso della confusione. 

Di sicuro ci sono i bar e bancarelle in numero infinito ad assicurare che i livelli di energia, idratazione e divertimento si mantengano alti per tutta la sera.