Saturday, January 24, 2015

Mochitsuki and Kabuki at work

Work is not only work. Sometimes we can take a break from our experiments or analyses and learn about some pieces of Japanese tradition, like the pounding of rice cakes and kabuki dance.

In occasion of an international party gathering, we participated to the pounding and watched raptured the slow dance moves. Everything was organized and taken care by the Japanese employees for the foreign employees, in order to make those traditions known.

Let's start with the rice cakes. In Japanese they are called mochi (), and the process of preparing the cakes from rice is called mochitsuki (餅つき). Also, the fact that the word full moon can be also called mochi tsuki (餅月, literally, moon as round as a mochi cake) gives the pounding tradition a sort of spiritual connotation, and incentivized the passing of tales and myths over the centuries. All tales are somewhat different, but all of them have in common one element: a rabbit living on the moon pounding rice, and this image is what the Japanese swear they can see on the surface of a full moon. Pounding rice cakes is very common in Japan year-round, but it is mainly around the new year that it becomes more important as it is seen as a purifying act , if we imagine that fatigue is somehow a reward for the strength and stamina the pounding requires. Rice is soaked over night, then cooked, then passed into a stone or wood mortar where usually two pounders make the rice a mash by beating it in turns rhythmically with a mallet. A third person, tosses and turns the rice mass in between pounds. A glitch in the synchronization and finger pesto happens…The stickier the rice becomes, the harder is to pound, and in the five minutes the process takes, you can be sure one is exhausted. In the end the desired shape is made out of the mochi cakes and it can be eaten. In turn, some of us foreigners tried our pounding skills, until all rice was done and all cakes distributed. 

While we ate our cakes, we watched the dance. Now, traditional dance, like the one performed at the kabuki theatre, is rather fascinating: the dancer wears kimono, ornaments, all sorts of accessories and hair pins. Each and every move of the long and slow dance is calculated such that the feelings described in the story the dance is about, are absolutely and unmistakably conveyed to the audience. 
The piece we watched is called Fuji Musume (藤娘), or wisteria maiden, telling the story of a young girl's encounter with love and later with jealousy and betrayal. The story is inspired by the symbiosis between a wisteria and a pine tree, of how their branches intertwine and how essential they are to each other. Very nice dance to watch, and quite different from what we are used to. HERE is a link to a video of the dance first act performed at a theatre. 

I left the party soon after the first act finished, hopefully with few more grains of good luck in my sack after the pounding of rice. 

************

Lavoro non e' sempre e solo lavoro. Ogni tanto si riesce a staccare un attimo e si può anche imparare qualcosa riguardo alle tradizioni giapponesi, come ad esempio come si preparano le tortine di riso e la danza.

In occasione di una festa organizzata al lavoro, dove i giapponesi si preoccupano di trasmettere le usanze ai non giapponesi, ci siamo ritrovati a partecipare al processo di preparazione della pasta di riso e poi abbiamo ammirato le movenze lente e precise della danza da teatro.

Ma incominciamo con il riso. Le tortine sono chiamate mochi (), e la procedura per prepararle e' conosciuta come mochitsuki (餅つき). Oltre a ciò, c'e' anche da dire che pure la luna piena si può chiamare mochi tsuki (ovvero luna rotonda come un mochi ), e pertanto esiste una lunga serie di leggende dalla connotazione spirituale che viene tramandata da generazioni. Tutte le leggende hanno trame diverse, eppure c'e' un elemento comune a tutte: un coniglio che vive sulla luna e prepara i mochi, e i giapponesi sono pronti a giurare che e' vero, che e' quello che vedono quando guardano la luna piena. Preparare queste tortine di pasta di riso e' usanza comune in Giappone, pero' e' intorno alla fine/inizio dell'anno che la cosa assume un significato più importante e simboleggia purificazione…ad esempio, la fatica e il sudore sarebbero una gratificazione per l'energia che pestare il riso richiede. Il riso viene prima tenuto ammollo una notte intera, poi cotto e poi viene pestato in un mortaio di legno o pietra da due persone, di solito, con grossi pestelli. I due si alternano seguendo un ritmo preciso, mentre una terza persona si occupa di rigirare il panetto nel mortaio…al che, si capisce che un errore di valutazione può risultare in pesto di dita…Inoltre, più appiccicoso si fa il panetto, e più pesante e' usare il pestello, e dopo i soli 5 minuti che ci vogliono in totale, uno si sente strapazzato. Alla fine, dopo tutto questo lavoro, si da la forma voluta ai panetti e si mangiano. Anche noi in turno abbiamo testato le nostre forze nel preparare il tutto fino a che tutti abbiamo avuto il nostro pezzo di tortina.

Mentre mangiavamo le nostre torte di riso, ci siamo seduti per assistere alla danza. Ora, questo tipo di danza e' quella che si vede al teatro, ed e' davvero interessante da vedere: la danzatrice in scena indossa un kimono elaborato, con decorazioni, e' riempita di accessori, fermagli e altro. Ogni singola mossa della lunga e lenta danza e' calcolata in modo da trasmettere alla platea le emozioni che provano i personaggi della storia resa nella danza. Il pezzo che abbiamo visto si intitola Fuji Musume (藤娘), che significa ragazza del glicine, e narra la storia di una ragazza innamorata, che prova sia l'amore che la gelosia e il tradimento. Il nome simboleggia anche la naturale simbiosi tra i rami di glicine e il pino a cui si arrotolano. In sostanza, e' stata una bella danza, seppure molto diversa da ciò a cui siamo abituati. Giusto per farvi un'idea, ecco il primo atto qui.


Non appena la danza e' finita, me ne sono andata, con addosso la speranza di aver racimolato qualche dose di fortuna col mio pestare il riso.







Sunday, January 18, 2015

Lifestyle - Coming of age Day

I think this is a good time to start a sub series of the Japanese Lifestyle saga: the national holidays. 
There are many national holidays in Japan, some of them of a stronger religious meaning than others.
New Year's celebrations, we've learned already. Next in line is the Coming of age day (成人の日, Seijin no Hi), the second monday of January. This day represents the passage to adulthood, formally celebrated by all young men and women who turned 20 the year before, and practically it means that now those adults are allowed to drink and smoke by law. Also, they can now vote.

Their day starts early, with first a visit to the ward office in order to receive the necessary instructions and recommendations on how to conduct a virtuous adult life, and to know the list of duties expected from a model citizen. After that, it is common to pay a visit at the temple to receive blessings for a happy and lucky new chapter in life. Because this event is at the beginning of the new year, people take this opportunity also for buying lucky charms at the temple, if they haven't done so already. At the end of the day, another common tradition is to celebrate the coming of age with friends, or with the family.

We wouldn't be talking about this ceremony if it wasn't for a detail: formal wear. There are very few occasions where people wear kimonos in Japan. The coming of age is one of those, as females wear beautifully crafted dresses, called furisode, or kimono for unmarried young women. This is different than the standard one in having different sleeves. To have an idea of what I mean, you can have a look at the Tokyo Fashion blog that has a very good photo coverage (here). While the guys opt for a formal suit and tie, generally, women go through a long series of preparation steps starting early morning with hair style, make up, dressing-up, accessories. Many girls nowadays tend to make an appointment with a studio, so that experts can take care of all the details, and also because putting a kimono on is a thing that requires help by at least two more people. Another practical reason why girls wouldn't do this at home is that buying a kimono for this one occasion in life is not affordable by many, hence rental of the wearables form the same studio that preps the girls is to be preferred. Unless one has a stash of kimono passed on from the mother or grandma.

In short, is a feast for the eyes, and girls don't mind to pose even for strangers or magazines photographers, happy to have their fair share of popularity.

Now, the best places where to spot them dolled up girls is at the main temples. However, on this day all main temples are packed for the occasion that draws families, tourists and curious people. This year, instead of heading to Tokyo, I went to Kamakura, without too much expectations, and in facts I didn't spot hordes of girls in colorful outfits, just one or two here and there. Maybe wrong timing, maybe wrong place, but I had a good time and a good bowl of rice, without having to walk through the packed temples.

******

Penso che questo sia il momento giusto per iniziare una sotto-serie della saga Lifestyle: le festività nazionali. Ci sono molte feste in Giappone, e alcune hanno un significato più religioso di altre.

Sappiamo già come si celebra il capodanno….la festa successiva e' per celebrare il raggiungimento della maggiore eta', il secondo lunedì di gennaio. Questo giorno simboleggia il passaggio alla vita adulta, che riguarda tutti quelli che hanno compiuto il ventesimo anno di eta' nell'anno passato. In pratica, significa che questi adulti sono ora legalmente capaci di bere, fumare, e soprattutto votare.

La loro giornata inizia presto, con prima una visita al comune per ricevere le necessarie istruzioni e raccomandazioni su come condurre una virtuosa vita da adulti, e per conoscere la lista di doveri del cittadino modello. Dopo di ciò, di solito ci si reca al tempio per ricevere la benedizione per un felice e benigno nuovo capitolo della vita. Siccome questa festività e' all'inizio dell'anno nuovo, molte famiglie sfruttano l'opportunità di essere al tempio per comprare i talismani portafortuna per l'anno appena iniziato nel caso non l'abbiano ancora fatto. Alla fine della giornata, un'altra cosa tipica di fare per i neo adulti e' di festeggiare o con la famiglia o con gli amici.

Non ci sarebbe bisogno di menzionare tale evento se non per un particolare: l'abbigliamento formale. Ci sono veramente poche occasioni ormai per cui i giapponesi si vestono in kimono. Uno di questi e' proprio il raggiungimento della maggiore eta', dove le ragazze indossano dei kimono particolari chiamati furisode, colorati e con maniche che arrivano fino a terra, che specificano il loro stato di non sposate. Se volete avere un'idea di cosa intendo, basta dare un'occhiata al Tokyo Fashion blog, che contiene una bella lista di abiti (qui). Mentre gli uomini si limitano a indossare un completo elegante e poco più, le ragazze attraversano un processo preparativo lungo e impegnativo, che prevede sin dalle prime ore del mattino pettinature, trucco, vestizione, accessori eccetera. Al giorno d'oggi, molte ragazze affittano il kimono e si recano a uno studio che pensa a tutto. La spiegazione e' piuttosto semplice: intanto, allo studio tutti i dettagli sono considerati minuziosamente e le ragazze vengono preparate come si deve, secondariamente ci vuole sempre l'aiuto di almeno altre due persone per indossare il kimono, e infine perché comprare un kimono apposta per un'occasione che capita una sola volta nella vita non e' possibile per tutte, visti gli esorbitanti costi. Poi ci sono quelle che sono abbastanza fortunate da avere una pila di kimono ereditati da nonne e mamme, e allora il problema non si pone.

Per farla breve, questa giornata e' una festa per gli occhi, e le ragazze non sono poi tanto dispiaciute di mettersi in posa per farsi fotografare e avere il loro momento di popolarità. 


Ora, i posti migliori per vedere gruppi di ventenni agghindate e' ai templi maggiori. Pero' c'e' anche da dire che proprio per quest'occasione i templi sono inondati di gente, famiglie o curiosi, o turisti. Quest'anno invece di andare a Tokyo a soffrire le folle, sono andata a Kamakura senza aspettarmi troppo pero'. Infatti non c'erano moltissime persone, e solo un kimono qua e la. Forse non era l'orario giusto o il tempio giusto, ma quello che conta e' che ho passato una bella giornata e ho mangiato un buon pranzo senza dovermi preoccupare troppo della confusione.






Thursday, January 8, 2015

Ristorante Granduca A YOKOHAMA

The day before NYE I was asked by a friend to check the 'Granduca' restaurant in Yokohama Chinatown.

The choice of the restaurant is very special, for many reasons. First of all, it is a restaurant of Sicilian food recipes. And who better than me can verify the authenticity?

Second, my sicilian folks may have already heard of the name of the restaurant...In fact, the Granduca is a fine restaurant in Taormina, a Sicily's pearl, located in the center of the touristic pedestrian area in the town. It features grand fish based meals, high quality wines, top service and stellar prices, not to mention the wide terrace that opens onto the gulf, with views of Etna, its frequent puffs of smoke and, occasionally, bursts of lava, the Ionian sea, and mainland Italy on a fine day. It is one of the best summer nights spots that can't be missed if you'll ever go to Sicily. 

Anyway, this was to say that there is a restaurant with the same name, that promises the same genuine cuisine, in the middle of Chinatown. Yes. 

A third reason to check the restaurant out is that, as a lover of Taormina and its beauties as I am, I felt a pang of nostalgia when I first discovered this place. It was many years ago, but it wasn't until now that I had the chance to try it.

My friend told me that he spoke to the chef himself, as to say that he was bringing a Sicilian into the restaurant so to make sure that I would have a real homey experience. Indeed, the owner and cook was responsible for bringing back memories of long forgotten flavors...

We were recommended a beautiful red wine from the west part of Sicily, town named Erice. I could start another long and passionate digression here about this pretty town that's the site for various scientific international conferences, but I leave it to my readers to dig info. I can only say that they also hold a "Molecular Gastronomy" conference there...no need to add that I know where I'm going next for work!

To go back to the dinner, the chef's choice for the menu was superb and really really Sicilian. Starters were a triplet of tiny bread buns in the color of the Italian flag to accompany chickpea puree; spaghetti with sea urchin sauce followed, then stuffed squid and fish filet baked in paper parcels. Meat followed, breaded pork cutlet Palermo style (meat is attached to a rib). Finally dessert was a mix of cakes, and mandarin ice cream served in a coffee cup.

Before leaving, a sip of limoncello, a chat with the owner and a promise to return. I think it's doable, there are many more dishes to try, after all.

**********

Il giorno prima della vigilia di capodanno un amico mi chiede di andare al ristorante 'Granduca' a Chinatown, vicino Yokohama.

La scelta del ristorante e' topica per varie ragioni. Intanto, perché Granduca e' un ristorante di cucina siciliana. E chi, meglio di me, potrebbe verificarne l'autenticità?

Poi, secondo, i miei conterranei potrebbero aver già sentito il nome…infatti, chi non conosce il ristorante Granduca di Taormina, perla della Sicilia? Piatti a base di pesce, vini di qualità, servizio eccellente e prezzi stellari, per non citare l'ampia terrazza che si apre sul golfo, con la vista dell'Etna e i suoi sbuffi e le sue eruzioni, il mare Ionio, e persino la punta dell'Italia nei giorni limpidi. Se vi dovesse captare di trovarvi in Sicilia, assicuratevi di visitare uno dei posti migliori per trascorrere le serate estive. 

Comunque, tutto questo per dire che, si, a Chinatown c'e' un ristorante con lo stesso nome. Avra' la stessa cucina?

Il terzo motivo per andare a questo ristorante e' stato che, essendo perdutamente innamorata di mio di Taormina e le sue bellezze, quando ho scoperto questo posto mi e' venuta una fitta di nostalgia. E' stato anni fa, ma e' solo adesso che ho avuto la possibilità, o creato l'occasione, di andarci. Il mio amico mi ha confessato di aver scambiato due parole col cuoco, visto che voleva assicurarsi che il mio essere siciliana trovasse adeguatezza nel menu. E difatti il proprietario ha riportato in superficie ricordi di sapori che credevo dimenticati…

Ci e' stato consigliato un bel vino rosso di Erice. Ora, potrei iniziare una lunga digressione su questa cittadina che e' teatro d vari convegni scientifici internazionali, ma lascio la ricerca ai lettori. Dico solo che a Erice si tiene una conferenza di "Gastronomia Molecolare"…diciamo che so che viaggi di lavoro fare!

Tornando alla cena, la scelta dello chef e' stata superba. Si inizia con un trio di panini colorati con i colori della bandiera italiana, e poi, signore e signori, il macco di ceci! A seguire spaghetti con ricci di mare, poi filetto di pesce al cartoccio con verdure, calamari ripieni e niente meno che la cotoletta alla palermitana. Il dolce era una combinazione di torte e un leggero sorbetto al mandarino servito in una tazzina di caffè.


Prima di andare, ci siamo fatti offrire del limoncello, ho chiacchierato con il cuoco per sapere di più sul perché e come del ristorante, e infine ho promesso che sarei ritornata li. E la cosa e' molto probabile, dato che ho ancora molti piatti da testare.










Tuesday, January 6, 2015

Hakuba - Iwatake ski resort 岩武

Happy snow year, people!

2015 can't start in a better way than being on the mountains for the first trip of the snow season…destination chosen is, after 4 years, again, Hakuba (白馬). 

Nagano prefecture has everything a skier/boarder could ask for, given the fact that the small town of Hakuba alone sports 7 different ski resorts, all of excellent quality and for all levels: Tsugaike-koen (つがいけ公園), Iwatake (岩武), Happo-One (八方尾根), Goryu (五竜) and Hakuba47, Otari (小谷 with Norikura ,乗鞍 , and Cortina), Minekata (みねかた), Sanosaka (さのさか). All mountains surround the same valley, and the view from any mountain peak of your choice is magic.

While my first visit to Hakuba was at Tsugaike, this time I had the chance to play around on the snow of Iwatake and I really REALLY liked it. Thanks to heavy snowfalls, all slopes (not to mention roofs, cars, roads, etc etc) were coated with a thick layer of powder, making skiing/boarding so enjoyable that I didn't want to leave. The resorts had several lifts, and one gondola that from the base went all the way to the top, stretching along a 2km rope line. From the top, then, I chose a nice, long series of rides that cut through the trees down back to the base. The first time it took me one hour to finish the course, not only because it was the warm up ride and a level higher than my usual, but also because I had to stop here and there to look around, take some photos of the beautiful mountains around and of the valley shining under the sun like diamonds…

In the end, I stuck to the very same course for the entire day, finding it just too enjoyable to try something else. For the last two rides, in addition to the visual inputs, I focused on other inputs: the softness of the snow under my feet, the warmth of the afternoon sun, the sounds around me…yes, I did like listening to the sounds muffled by the helmet, like when your board slices through the snow, when small crystals fly around at every turn, when your need to balance presses on the thick and yet light layer of snow. I did like listening to what I couldn't hear too: few people around meant no voices, no girls screaming for any little movement…only you, your board, the sky and the white earth. And you know what, seriously, they should ban yapping girls from making it up to the slopes. Like, scare the hell out of them saying that they should shut the F up or they'll lose their tongue next time they fall forward…

Anyhow, only one thing really counts: Iwatake was, in a word, phenomenal.

Another day, another resort, there we come Happo-One! This was a bit of a trauma, I have to say. The weather conditions were not that great, it was snowing and visibility was low. I was teaming up with Sheila, amazing woman of unprecedented hangover resistance, in trying to reach the top of the mountain, hoping for better conditions above the clouds. Well… Not only conditions weren't better, they were actually worsened by strong winds that made the already steep slope (the ONLY ONE slope) look like a vertical jump into the abyss. When I saw what was in front of us my heart stopped and I nearly panicked. Oh, no, I did panic, although I had made huge progress on my skills and I couldn't recover for the next hour, even after managing to reach a lower altitude and with better visibility. Just too terrified to continue. Strength came back to my muscles and blood to my veins only when I caught up with two of the girls who took the beginners class and needed some more support. 

No more Happo for me, until I become a pro. Period.


****************

Felice anno innevato, amici!

Il 2015 non poteva iniziare meglio, con la prima puntatina in montagna della stagione sciistica…la destinazione e' stata, di nuovo dopo ben 4 anni, Hakuba (白馬).

La provincia di Nagano ha tutto quello che gli amanti della neve possano desiderare, visto che la sola città di Hakuba ha ben 7 distinti impianti sciistici, tutti di eccellente qualità e per tutti i livelli: Tsugaike-koen (つがいけ公園), Iwatake (岩武), Happo-One (八方尾根), Goryu (五竜) e Hakuba47, Otari (小谷 con Norikura ,乗鞍 , e Cortina), Minekata (みねかた), Sanosaka (さのさか). Tutti i picchi si ergono attorno alla stessa valle, e la vista dalla cima che più vi piace e' magica.

Mentre la mia prima visita a Hakuba e' stata Tsugaike, stavolta mi sono ritrovata a Iwatake e devo dire che mi e' proprio, ma proprio piaciuto. Grazie ad abbondanti nevicate, tutte le piste (per non parlare di tetti, macchine, eccetera) erano coperte da uno spesso strato di neve, e andare giù con il mio snowboard era talmente piacevole che non volevo proprio andarmene. C'erano diverse seggiovie e anche una funivia che portava dalla base fin su in cima alla montagna, seguendo un percorso di circa 2km. E poi dalla cima, si poteva ritornare alla base seguendo una lunga serie di piste attraverso gli alberi. La prima volta mi ci e' voluta quasi un'ora per arrivare, non solo perché era il primo giro e di un livello un poco più alto del mio solito, ma anche perché mi dovevo per forza fermare ogni tanto per guardarmi intorno, fare alcune foto delle montagne e della valle di sotto che brillavano sotto il sole come diamanti…

Alla fine mi sono fatta la stessa serie di piste per l'intera giornata, proprio perché ero troppo innamorata di questa per voler provare altro. Oltre agli stimoli visivi, per le ultime due volte in pista mi sono concentrata anche su altri stimoli sensoriali: la neve soffice sotto i piedi, il caldo sole del pomeriggio, i suoni intorno a me…si, si, mi sono soffermata a ascoltare i suoni che erano camuffati dal casco, come quando la tavola taglia la neve al passaggio, quando cristalli di neve volano a ogni curva, quando c'e' bisogno di trovare l'equilibrio e la tavola schiaccia la neve spessa ma leggera. Mi e' anche particolarmente piaciuto ascoltare i suoni che non sentivo: poche persone intorno a me significava anche non sentire voci, grida delle ragazze che continuavano a cadere…solo me, la tavola, il cielo e la neve. E poi, diciamocelo, io a queste cornacchie che si mettono a gracchiare per ogni minimo movimento le bandirei dalle piste. Ad esempio, le spaventerei dicendo che se non si azzittiscono perdono la lingua alla prossima caduta…

Ma comunque, alla fine una cosa sola conta: Iwatake e' stato, in una sola parola, fenomenale.


Altro giorno, altro posto, e' il momento di Happo-One! Questo devo dire che e' stato un po' un trauma. Le condizioni meteo non erano gran che, con nevicate e bassa visibilità. Ho fatto coppia fissa con Sheila, una donna spettacolare con una resistenza alle sbronze mai vista prima, e ci siamo decise a raggiungere la vetta della montagna, sperando per condizioni migliori al di la delle nuvole. Beh…Non solo le condizioni non erano migliorate, anzi erano peggio visto che soffiavano forti venti che hanno fatto sembrare la pista (l'UNICA pista) come un salto verticale nel buio. Quando ho visto cosa mi stava davanti mi si e' fermato il cuore e mi sono fatta prendere dal panico nonostante i passi da gigante nell'apprendimento della tecnica, tanto che mi ci e' voluta più di un'ora per riprendermi anche dopo avercela fatta a raggiungere latitudini più basse e con migliore visibilità. La forza in corpo e il sangue nelle vene mi sono ritornati solo dopo aver incontrato altre due delle ragazze del gruppo, che arrancavano dopo la loro prima lezione e erano in evidente bisogno di supporto. 

Ora so che fino a quando non diventerò super esperta, Happo non fa per me. Punto.









Friday, January 2, 2015

Cucina Marina - A cheesy date

Conventionally, a year ends on December 31 and another year starts on January 1. From the perspective of time, which day it is doesn't really matter: the cycle of life continues, sunrise in sunset out, and it repeats indefinitely. Although new year's day is just a placeholder, a mark, and whether it is an astronomical, political, social, historical, symbolic convention, the baseline fact remains: everyone observes it one way or another.

I am not a huge fan of new year's celebration, I am more of a celebrate-each-day-with-gratitude kind of person, but it is also true that our actions are very much influenced and conditioned by the environment around us…hence, I fall victim too and somehow I gave a special meaning to a very ordinary day (because they all do).

I decided I would have a special date with a special person, cook something really really nice and sit warm and comfy watching the snow fall. I went very creative with the menu this time, giving it a rather cheesy spin: rice paper rolls filled with mushrooms and savory garlic cheese, spinach and white mushroom salad with blue cheese cubes, puree of garlic&pepper cheese and eggplant. Freshly baked rye bread was a great addition to the table, and for a sweet touch I made chocolate and walnuts muffins.

Being my own guest was a happy and yummy "start" of a year. Because, what the hell, don't I count something?

************

Per convenzione, un anno finisce il 31 dicembre e un altro anno inizia il 1 gennaio. Dal punto di vista del tempo, che giorno sia non ha nessuna importanza: il ciclo della vita continua, alba dopo tramonto, e si ripete all'infinito.

Sebbene il capodanno sia solo un segnaposto, un simbolo, e a prescindere da quale sia la convenzione che si usa, storica, politica, sociale, astronomica, il fatto di base e' sempre lo stesso: tutti osservano la tradizione, in un modo o in un altro.

Non sono una amante di feste di capodanno, sono più una persona che ama festeggiare ogni giorno con gratitudine, a prescindere, pero' e' anche vero che siccome le azioni sono spesso influenzate dall'ambiente circostante, e' facile cadere vittima del circolo vizioso e, come tutti fanno, dare un significato speciale a un giorno normale.

Ho deciso di passare il capodanno con una persona speciale, cucinare qualcosa di veramente buono e accoccolarsi al caldo a osservare la neve che cade. Stavolta il mio menu e' stato davvero creativo, con un ingrediente principale: formaggio. Allora, si parte da involtini di carta di riso ripieni di funghi e formaggio aromatizzato all'aglio, poi insalata di spinaci e funghi champignon con un tocco di gorgonzola, poi pure' di melanzane e formaggio al pepe. Ho poi anche fatto del pane integrale per acompagnare, e come dolce dei muffin di cioccolato e noci.


Come inizio d'anno e' stato proprio buono e felice, soprattutto se ad essere mia ospite sono io stessa. Eh, perché, porca miseria, conterò pur qualcosa io?




Friday, December 26, 2014

Cheesemas 2014

I woke up in the morning, early as my usual, just in time to see the sunrise and later the gorgeous blue clear sky. I got up and I felt exhausted, and both happy and sad. Happy for how the Christmas dinner went, for how my guests mingled and chatted, exchanged presents and, later, evil looks during the bingo game (you know, everyone is everyone's enemy when it comes to winning prizes…). I was also happy for the massive amount of foods and wine, good wine, we had, and for the fact that Christmas traditions were, once again, observed so that I didn't feel nostalgic. But I was also sad, because the house was empty, silent (exception made for my lovely neighbor upstairs you all know), suddenly stripped of any warmth. I was sad because melancholy caught up with me. 

I also felt sorry because once I looked at what was left of the dinner of the day before, I realized that I totally forgot to offer some of the stuff my friends brought…I know that in the confusion of eating/drinking/talking triathlon one doesn't pay attention to a couple of things, but, well, you know, as a host I should be the one who keeps control of the situation, so I always feel bad when I open the fridge the day after and notice an unopened cake box…fortunately, this time, the volume of leftovers was manageable, and I am sure my lovely guests won't mind if I slowly finish the cheese and the cake (makes an awesome and festive breakfast!) within the next few days!

Those who had to leave to catch their last train, know that those of us who stayed longer shamelessly celebrated Cheesemas (cheese being another thing I forgot to put on the table, bad bad bad me for letting this one slip too)...

We were 19 people this year, all beautiful and fun people, gathering while a hint of snow tried but failed to coat Tokyo, Santa came to visit us and give each of us a secret present, and we even had grand prizes for the Tombola game (Italian bingo). I should have known that just one round wouldn't have been enough, I should have planned for a back-up round with more prizes, but, heh, I ran out of ideas when I got the presents for the first one already…fortunately we had chocolate and alcohol which stood a chance to be won. Who doesn't want to win a bottle of wine? Come on!

For the ones interested in the menu, here's a quick list of what we prepared: lasagna, arancini, potential veggie pies (these ones were my back-up plan should we run out of food, as they are quick and easy to bake on the spot), Swedish meatballs and saffron breads, cheese assortments, fried chicken, dumplings, super pretty cakes. I lost the count of how many bottles of wine we had…but I would say we were well covered.

These are times I wish I lived in a palace, one of those with a huge ball room so that I could invite hundreds of people each time.

Anyhow, now the thank you notes…

Thank you Chung for the alternative to turkey, your CFC (Chung's Fried Chicken) disappeared in no time. No leftovers. Ha!
Thank you Sanna and Fredrick for giving me yet another reason to love Sweden. After kex, marabou and berry jam, saffron bread earned a spot in my cupboard.
Thank you Andrew for keeping up with my healthy habits. I owe you a veggie pie.
Thank you Yi for the dumplings and for bringing your lovely wife and son. I hope we weren't overwhelmingly loud.
Thank you Jayson for introducing us to Mason, I am sure that form now on he'll feel loved. Just don't listen to Andrew.
Thank you Michiel for not being able to decide on which cake to buy. Don't fix that!
Thank you Diane for the cutest Christmas cake! Other than the truce beheading of the sugar Mickey Mouse, it felt like we were at Disneyland.
Thank you Anna for finding my fav Christmas sweet and for joining even though you had a heavily jet-lagged friend to take care of.
Thank you Mickael for the cheese, and for your personal rendition of the "Jingle bells" song. I will cold-sweat every time I will hear that song again from now.
Thank you all for the amazing selection of drinks, beers and wines, for bringing a present (nice to see all the many ideas people came up with), and above all for BEING present.

****************

Mi sono svegliata la mattina, presto come al mio solito, giusto in tempo per vedere l'alba e poi il cielo chiaro e limpido. Mi sono alzata sentendomi distrutta, e felice e triste allo stesso tempo. Felice per come e' andata la cena di Natale, per come i miei ospiti si siano intrattenuti tra di loro, si siano scambiati i regali, e, dopo, come si siano lanciate occhiatacce di sfida al momento della tombola (si sa, tutti diventano avversari di tutti a tombola). E ero anche felice per la quantità enorme di cibo e vini, vini buoni, e per il fatto che ancora una volta la tradizione natalizia sia stata osservata, così da non sentire troppo la nostalgia. Pero' mi sono anche rattristata, perché la casa era vuota e silenziosa (eccezione fatta per la vicina di sopra che tutti conoscete), derubata all'improvviso di calore, mi sono sentita un po' cosi. 

E mi sono anche dispiaciuta perché quando ho visto tutta la roba che era rimasta dalla cena della sera prima mi sono accorta che non ho servito alcuni dei piatti che i miei amici hanno portato…lo so che nella maratona di mangiare e bere uno non fa caso a tante cose, pero', in ogni caso, essendo io quella che dovrebbe appunto fare in modo che ciò non succeda, mi sento in colpa quando poi la mattina apro il frigo e trovo una torta neanche spacchettata….per fortuna, stavolta l'ammontare di avanzi non e' stato eccessivo, e sono pressoché certa che i miei ospiti non se la prenderanno se pian piano esaurisco i formaggi e il dolce (funge da una colazione ottima e festiva) nei prossimi giorni!

E gli invitati che sono andati via per non perdere il treno sappiano che quelli rimasti abbiamo ripreso a mangiare e ci siamo tuffati sui formaggi che -mea culpa- mi sono dimenticata di mettere in tavola...

Quest'anno eravamo in 19, tutte persone belle e divertenti, che si sono riunite mentre un accenno di neve provava a far capolino su Tokyo, ci siamo scambiati i regali e abbiamo anche giocato a tombola. Avrei dovuto prevedere che un giro solo non sarebbe stato abbastanza, avrei dovuto pensare a premi per un secondo giro, pero' era già stato abbastanza difficile farsi venire idee per il primo giro di tombola…ma fortunatamente tra cioccolata e alcol, abbiamo organizzato una nuova giocata. E poi, chi e' che non vuole vincere una bella bottiglia di vino? Daiii!

Nel caso ci fossero lettori interessati al menu: arancini, lasagne, torte salate in potenza (nel senso che avevo gli ingredienti, e nel caso i piatti che avevamo non fossero stati abbastanza mi sarei messa a fare due o tre torte sul momento), polpette di carne, panetti allo zafferano, vari tagli di formaggi, pollo fritto, involtini, torte carinissime. Ho perso poi il conto di quante bottiglie di vino abbiamo fatto fuori, ma in ogni caso posso dire che eravamo ben coperti.

E' in questi casi che penso che mi piacerebbe vivere in un palazzo, uno di quei posti con una sala enorme così che posso fare centinaia di inviti per ogni festa.


Comunque, devo semplicemente ringraziare tutti per la collaborazione, il contributo in termini di roba da mangiare e da bere, per aver portato i regali (che poi e' stato interessante vedere che idee uno di fa venire) e soprattutto per essere stati presenti.










Thursday, December 25, 2014

Christmas Eve dinner - aka third-party kitchen appropriation

Merry Christmas, reders!

I have used my own kitchen many times this year, cooking for friends. I've also had the pleasure to NOT cook dinner when invited. Also, I helped friends in their own kitchens, or brought food to friend's places. What was missing in my portfolio was to completely hijack a friend's kitchen. Fortunately, I know Kaoru, who, on Christmas eve, welcomed willing participants into her kitchen, trusting that it won't all come down to a disaster. Guess who ended up doing all the cooking…

Well, not entirely true. I did cook, okay, but without the help of three other wonderful women, especially when it came to operate Kaoru's new sci-fi, hi-fi, wi-fi? oven…join efforts always pay back.

There we are, with our aprons, our wooden spoons and a lot of minced meat to cook. I noticed that we had no munchies on the table. Which, to me, was a great thing for so many reasons, like no junk food means healthier dinner, people ate all the real food with more enjoyment as there weren't peanuts nor chips around, and, more importantly, I think this is the main reason why guests liked what I cooked…

Now I know what it feels like to run a restaurant.

The menu we chose wasn't particularly Christmasy, nor of a specific provenance, tradition-wise, as our main goal was to exploit and explore the magic oven functions. So, meat loaf, cheesy potato gratin, and -personal touch- the there-is-a-treat-not-a-threat-inside Sicilian arancini. I prepared them at home, though, or the smell of fried oil would stick to everyone's clothes. And we don't want that on a Christmas eve dinner. For a green touch, I also added some fresh avocado-shrimp Vietnamese rolls, light and fresh. 

I hope I didn't leave to much of a mess behind, I realized I used every single item, tool, plate I came across (like all great cooks, hehe) without worrying about washing them…thanks Kaoru for inviting, Nat, Kaoru and Michelle for helping with the cooking, and everybody else for eating! 

***********

Buon Natale, cari lettori!

Quest'anno ho usato spesso la mia cucina per molte serate con amici. Ho anche avuto il piacere di NON cucinare quando sono stata invitata a cena da amici. Ho persino dato una mano in cucina ad amici, quando erano loro a cucinare, o ho contribuito portando qualcosa da casa. Quello che mancava nel mio curriculum era impossessarmi della cucina di amici. Per fortuna, pero', conosco Kaoru che la vigilia di Natale mi ha permesso di usare la sua cucina, fiduciosa che non si sarebbe arrivati a un disastro totale….

Ora, bisogna pero' dire che non ho fatto tutto da sola. Ho avuto 3 fantastiche donne ad aiutarmi, soprattutto quando si e' trattato di usare il nuovo forno di Kaoru, molto super tecnologico, criptico, da film di fantascienza…insomma, alla fine lo sforzo congiunto ripaga sempre.

E così siamo li, coi nostri grembiuli, i nostri cucchiai di legno e un sacco di carne da cucinare. Ho poi notato che non c'erano i soliti salatini in giro, il che per me era una gran cosa, visto che l'assenza di stuzzichini significava cena più salutare, tutti hanno mangiato con più gusto e, la cosa più importante, visto che non c'era altro, tutti hanno gradito la mia cucina…

E ora so anche come ci si sente ad avere il proprio ristorante.

Il menu che abbiamo scelto non era prettamente tradizionale di nessun posto, e non era neanche tanto natalizio, a dire il vero. Ma il nostro obiettivo era di esplorare le magiche funzioni del forno, quindi basta che si inforna, si può fare. Quindi, avevamo polpettone, sformato di patate e poi i miei arancini siciliani, che pero' ho avuto l'accortezza di preparare prima a casa, altrimenti i nostri vestiti si sarebbero impregnati dell'odore di fritto. E alla cena della vigilia, non lo vogliamo…per un tocco di freschezza e leggerezza in più, ho anche preparato degli involtini vietnamiti con avocado e gamberi.


Spero di non aver lasciato un casino, mi sono resa conto che ho usato ogni utensile che mi passava sotto mano (del resto, tutti i grandi cuochi lo fanno, haha) senza preoccuparmi di chi li avrebbe lavati..grazie Kaoru per l'invito, Nat, Kaoru e Michelle per l'aiuto nella preparazione, e a tutti gli altri per aver mangiato!







Tuesday, December 23, 2014

Christian Dior Exhibition

Three detours, two fails. That is the evaluation of a stroll in Ginza, Tokyo's brand street, on a Sunday afternoon.

I went together with a group of Italian new friends for a walk along one of the most famous streets here in town, just to see what Christmas decorations they've put up this year and to have dinner somewhere nice and yet typical as it was Franca's last day in Tokyo and we wanted to get together for one last time.

First detour was to see the Italia-gai, or the little Italy area near Shiodome. Now, not that there is a really little Italy in Tokyo, but the name came from the fact that many Italian restaurants and shops are sitting right there next to each other, all around an Italian-like piazza with benches. I didn't find it when I led my friends to a see-it-with-your-own-very-eyes experience. I thought it disappeared, but, no, I just had to walk a bit longer along the road, I checked the maps later, and it's there. Fail number one.

Second detour was right in the centre of Ginza, where they have the biggest Uniqlo store in the world (12 floors of clothes and colors). The reason of the detour was NOT to shop, but rather to go to the top and check the view from up there. Too bad that the shop is entirely made of glass walls, bottom-up, and that the excess of lights made the outside practically impossible to see. Also, the electricity bill those guys get must also be impossible to see…Fail number two.

Later on our walk, a wall made of white panels and two black velvet curtains caught my attention…behind them was a free exhibition on the career of the fashion guru, god of fabric and fragrances, he himself Christian Dior. Yes, Christian Dior. Yes, free. I had to get in there and see. Detour number three, though, was an unexpected success.

We entered a 4-level buildings, three of which are as close to pitch dark, walls are black, ceiling is black, mannequins are black. The only light comes from the videos and demos set inside, plus some dim lights at strategic points to allow people to read captions and descriptions. All around glass boxes with Dior's creations, going from dresses to shoes, from bags to perfumes. Every aspect of the fashion designer's life was displayed: the beginning as art collector -and he made friends with many artists of his time, including the father of surrealism Salvador Dali', then his first clothes that changed the perception of femininity, the flow garden collections, the evolution from white to pink to red, the beautiful gala dresses, famous people wearing Dior dresses, his ties with Japan. Of note, I saw the emperor's wedding photograph, where the future empress wore a Dior wedding dress! I mean, to this point I was already captured. Oh, yes, maybe I should mention an important detail here: I possess the art of seaming and tailoring, I love creating my own clothes, I love the design process from the idea to the finishing touch, and I love haute couture, but this last bit was already clear. So, you can see the multiple layers of fascination this exhibition provoked. I mean, I was in heaven.

In the central area of the basement floor, French ladies were seaming and measuring fabric, and also preparing mini versions of the iconic fragrances that came out of the Dior maison. They spoke French, and Japanese interpreters translated to the visitors. The last floor was brightly lit, but since it had books and other buy-me stuff other than models of design bags, I guess they wanted to make sure people could see very well there…

I really wished I could try those dresses on display on, just for a second, just to see if I could fit in them…which would have not been possible at all after the glorious dumplings mix dinner we had afterwards…

Well, j'adore Dior…

***********

Tre deviazioni, due fallimenti, e' questo il bilancio di una passeggiata domenicale a Ginza.

Ero andata assieme a degli amici Italiani per una passeggiata in una delle strade più famose della città, giusto per vedere le decorazioni natalizie di quest'anno e per trovare un posto locale ma carino dove cenare assieme per salutare Franca prima della sua partenza per l'Italia.

La prima deviazione era per andare al piccolo quartiere italiano a Shiodome, che poi proprio quartiere italiano non e' che lo sia, visto che ha solo una maggiore concentrazione di ristoranti e negozi italiani che si affacciano su una piazzetta stile Italia. Volevo che i miei amici avessero una esperienza visiva così da dirmi la loro, ma non sono riuscita a trovare il posto. Ho anche pensato che magari non esiste più, ma in realtà era solo un pochino più avanti sulla stessa strada, ho poi controllato la mappa. Fallimento numero uno.

La seconda deviazione era per entrare nel negozio Uniqlo più grande al mondo, dodici piani di vestiti e colori. Il motivo di questa deviazione NON era fare acquisti, bensì sapere che vista si avesse da lassù. Il problema pero' era che l'intero palazzo, da piano terra a tetto era una intera vetrata, su cui si riflettevano le luci del negozio così che vedere fuori era praticamente impossibile. Ora, vorrei anche sapere quanto questi pagano di bolletta…secondo me anche quella e' impossibile da vedere…Fallimento numero due.

Più tardi, mentre passeggiavamo, una parete fatta di pannelli bianchi e due tende di velluto nere hanno catturato la mia attenzione…al di la' delle tende c'era una mostra gratuita sulla carriera del guru della moda, dio delle stoffe e delle fragranze, lui niente di meno che Christian Dior. Si, si, Christian Dior. Si, gratuita. Dovevo assolutamente vederla. La deviazione numero tre, pero', e' stata un successo inaspettato.

Siamo entrati in un edificio di 4 piani, di cui tre erano quasi al buio, con pareti, tetto e manichini neri. L'unica fonte di luce era qualche lampada strategicamente piazzata qui e li' per permettere ai visitatori di leggere le descrizioni vicino a ogni opera, niente altro che enormi contenitori in vetro dentro cui si potevano ammirare le creazioni di Dior, dalle scarpe ai vestiti, dalle borse ai profumi. Dall'inizio della attività di collezionista di arte (e in quegli anni fece anche amicizia coi più illustri artisti del tempo, tra cui il surrealista Salvador Dali') fino agli esordi nella moda e poi il successo, la carriera di Dali' era spiegata passo per passo: i suoi primi vestiti che cambiarono il concetto di femminilità, le collezioni fiorate, l'evoluzione dal bianco al rosa al rosso, i vestiti delle serate di gala, personaggi famosi che hanno vestito le sue creazioni, i legami col Giappone. A tal proposito, ho visto una foto carinissima del matrimonio dell'imperatore, e il vestito da sposa della futura imperatrice era proprio firmato Dior. Ero come rapita. Mi sa che qui pero' devo fare una precisazione: visto che anche io posseggo il dono del cucito, visto che amo il processo che da una idea porta al vestito finito, si capisce come mi sentissi in paradiso nel vedere questa mostra.

Al piano sotterraneo, un gruppo di alacri sarte e esperte di fragranze spiegavano in francese a un pubblico estasiato come si fa questo o quell'altro taglio in un abito, o come si prepara questo o quest'altro profumo. Il tutto, tradotto in maniera efficiente da interpreti giapponesi. L7ultimo piano, a parte esibire alcune creazioni di borse, era illuminato a giorno, e siccome quello era il posto dove si potevano comprare libri e quant'altro relativi alla mostra, non stupisce che fosse inteso così che la gente ci vedesse bene…

Quanto mi sarebbe piaciuto poter entrare in quei vestiti, anche solo per un secondo! Certo che se ci avessi provato dopo la cena succulenta che ha seguito la mostra, non ce l'avrei mai potuta fare…

Insomma, che dire, j'adore Dior…