Monday, June 27, 2016

My body, your voice - Roppongi Crossing @MAM

It is again time for art. It is again time for Roppongi Crossing, the themed Japanese contemporary art exhibition that’s organised at the Mori Art Museum every three years and one of my favorite events in the art scene.

This year the topic is “My body, your voice”, which is well described from the museum website information quoted here:

With globalisation, the continuing development of IT and the proliferation of SNS platforms, people now more than ever have the ability to communicate with the world as an individual. As well, with increased opportunity for virtual communication via the Internet, there is an inevitable change in self identities and in relationship between the self and others. Thus a review of the variety of existing frameworks in the society as well as the sets of values that until now have been taken for granted is needed. This exhibition features artists that shine a spotlight on individual events and stories based on their own research - through which alternative histories, images on physical body and gender, as well as alternative landscapes emerge. Who am `I`? How is my body connected to history and to other people?

The themes were about relationships with oneself and others, about gender and sexuality, the future.
As usual I was impressed by the exhibition, although this time I didn’t really enjoy it as much as the previous editions. The reason was that, many, too many, of the artworks were videos. I have nothing against this media as a form of art, but I would allow only one or two of them at a time: when I enter the room with the video, I never know when it started, how long it will last and what it is about unless I sit there and watch it a couple of times, just to allow myself to catch up to the part I started watching form. And also, there is no guarantee I will understand it. But this is just a matter of taste, and, after all, the beauty of art. It is subjective.

Other than this thing, I liked several works a lot. Paintings, photographs, installations of mechanical devices, a sneak peek into a dark room full of physics equipment, a genetic experiment where a family was created from two women’s DNA…I did love a lot the science-y room, because it really made people think about the future advancements in science and medicine, although the hypothesis thrown through the art is rather scary: if it was real, the human race can reproduce without men.
The suffering caused by physical deformities and amputations was evident in the photographs of a female artist who projected her mutilated body (missing both legs) in each and every piece she created, often portraying herself.

Visitors of the exhibition could also play a game in what my friend and I named as “The buttons room”: people were encouraged to grab a bowl of buttons and throw them at two targets placed far away with the goal of hitting them and the button resting on the target. Impossible. Great way to fool someone into winning prizes.

But there is one thing I have to criticise the museum for: the city view observation floor below the museum is one of the highlights of the Mori tower. Now, if there is one thing people want to do when at those places it is to see the city, possibly without reflection of the inside on the window, and possibly in peace. Neither conditions were met this time.

The organisers, in fact, well thought of setting up a space for…wait for it…Sailor Moon fans. Yes, I mean, the cartoon every one watched since the 90’s, that one. I thought Akihabara was the place for such things…

So there was a huge congestion of people (nerds?) at the entrance of the observation floor, screaming and frantically taking pictures of posters, collection dolls, full size shiny-in-white reproduction of sailor moon and her prince charming, et cetera, et cetera. For me and my friend all that meant no quiet, no photos, no good view anyway, no space, no fun. 

This is the first time I am disappointed with MAM, and hope there won’t be a second one. The Roppongi Crossing exhibition is until July 10. The other one, I hope it’s over, already.

*******************

E’ di nuovo tempo di arte. E’ di nuovo tempo di Roppongi Crossing, la mostra di arte contemporanea giapponese a tema che viene organizzata al Mori Art Museum ogni tre anni e che rappresenta uno dei miei appuntamenti preferiti con l’arte. Il tema di questa edizione e’ “My body, your voice”. La descrizione della mostra e’ qui di seguito, direttamente dal sito del museo, che traduco per comodità: 

Con la globalizzazione, col continuo miglioramento della tecnologia e la proliferazione di piattaforme sociali, la gente ora come mai prima ha la possibilità di comunicare col mondo come individui. Inoltre, con l’aumentare delle occasioni per comunicazioni virtuali via internet, c’e’ un cambio inevitabile sull’individualismo e le relazioni con gli altri. Quindi ci vuole una rassegna sia della varietà di mezzi esistenti nella società, sia dell’insieme di valori che fino ad oggi sono stati considerati scontati. Questa mostra presenta artisti che gettano una luce su eventi individuali e storie basate sulle loro ricerche - tramite cui emergono storie e paesaggi alternativi, come anche l’immagine della sessualita. Chi sono ‘io’? Come e’ connesso il mio corpo alla storia e ad altre persone?

Quindi i temi sono relazioni con se stessi e gli altri, sessualità e omosessualità, passato e futuro.
Come sempre rimango sempre colpita dalla mostra, seppure stavolta devo dire che non me la sono goduta cosi tanto. Il motivo, penso, e’ che c’erano troppi video. Non ho niente in contrario al video come forma d’arte, attenzione, e’ che io per una mostra ne metterei solo uno o due al massimo: quando entro la stanza col video non so da quando e’ iniziato, quanto e’ lungo, e qual’e’ il filo conduttore a meno che non lo guardo tutto fino alla fine e ricomincio fino a riperdere da dove l’ho iniziato…e poi, tra le altre cose, non e’ detto che lo capisco. Ma alla fine, questa e’ solo una questione di gusto, e dopotutto la bellezza dell’arte. Che e’ soggettiva.

A parte questo dettaglio, il resto della mostra poi mi e’ piaciuto. In particolare mi e’ piaciuta una stanza in cui si ipotizzava su una famiglia creata a partire da due donne e dal loro DNA…ha fatto pensare molto in fatto di avanzamenti in ambito scientifico e medico, anche se l’ipotesi che l’arte sottintende fa abbastanza paura: se fosse possibile, la razza umana un giorno può riprodursi e prosperare senza l’intervento maschile.

La sofferenza interiore causata da deformità fisiche era evidente nelle fotografie e installazioni realizzate da una giovane artista che raffigurava il proprio corpo mutilato (entrambe le gambe amputate) in ogni sua opera, e spesso usava se stessa come soggetto. 

I visitatori della mostra poi hanno anche potuto intrattenersi a un gioco a premi in quella che io e la mia amica abbiamo ribattezzato “la stanza dei bottoni”: ognuno poteva prendere una ciotola con dei bottoni e poteva tentare la sorte nel colpire coi bottoni un bersaglio distante (cercando pero’ di far rimanere il bottone sul bersaglio). Praticamente una bellissima dimostrazione di quanto e’ facile raggirare qualcuno con la scusa di premi in palio.

Ora pero’ c’e’ una cosa che devo criticare al museo: il piano con l’osservatorio proprio sotto al museo e’ la cosa migliore dell’edificio. Se c’e’ una cosa che la gente vuole fare una volta li e’ di poter osservare in pace la citta senza riflesso di luci nel vetro e senza schiamazzi. Nessuna di queste condizioni stavolta si e’ verificata.

Infatti, chi ha organizzato la mostra, ha anche ben  pensato di organizzare proprio all’osservatorio, uno spazio dedicato a …nientedimenoche…sailor moon. Si, si, il cartone animato, quello che tutti i bambini hanno guardato in tv sin dagli anni 90. E io che pensavo che queste cose si verificassero a Akihabara…

E quindi c’era una calca di gente (appassionati?) all’ingresso dell’osservatorio che strillavano, si facevano le foto con i poster dei loro idoli, compresa una coppia sailor moon principe azzurro biancovestiti a grandezza naturale, eccetera eccetera. Per me e la mia amica tutto questo ha significato niente pace, niente foto, niente spazio, niente di niente.


E’ la prima volta che sono insoddisfatta del museo, e spero non ci sia una seconda volta. La mostra su Roppongi Crossing sara’ fino al 10 luglio. L’altra mostra, spero sia gia finita.









Wednesday, June 22, 2016

Candle Night Tokyo

Since 2003, in connection to the summer solstice, an even called “Candle night” has been held in Tokyo. And yes, I wasn’t aware of it until the most recent years. 

The one-day event is meant to raise awareness about electricity consumption and concerns about our planet. You can see it as a sort of Earth Hour and Earth Day combined. During the Candle night event several concerts and presentations take place, the main stage being temple Zojoji in Tokyo. I think the choice is because of the historical importance of this temple, as it represented the buddhist and administrative center during the Tokugawa shogunate. Still today it is one of the main temples in Tokyo and it is the place where the new year’s countdown happens.

Anyway, the Candle night event not only inspires people not to abuse electricity by lighting candles, but aims at the broader goal of making people understand about resources and waste. So, it is not odd to see second hand clothes sales, organic food trucks, arts and crafts stands. The main thing though is hundreds of candles on the temple’s main shrine stairs that are lit when the sun goes down. The fact that it’s the beginning of summer helps considerably to feel more involved with the atmosphere, makes people want to go out, sit by the candle light holding a cold drink and enjoy the night. For the occasion, even the nearby Tokyo Tower, which is normally lit until 11pm, is kept in the dark.

On a note of criticisms, though, I’d say that the Tokyo Tower souvenir stands camouflaged among the handmade bags stands were a bit out of place for my taste. I understand the geographical proximity (really, the tower is on the other side of the road, on a hill), sure, and the fact that it means money. But, seriously? On a day that was held for reminding people not to abuse the Earth?

Also, I wonder about all the electricity that music stages, and all food and goods stands must use…not that smart uh. I think the Japanese aren’t ready yet for a switch to savers. They are too used to having their game centres ridiculously lit 24/7, their convenience store always open and air conditioned, their mega screens blasting useless commercials or music videos.

Why was I there then? Well, although I didn’t stay until the night, watching candles in the summer night is always nice (especially when the settings are of the caliber of a buddhist temple in the heart of Tokyo). But the real reason was that I was spending the afternoon with friends at Shiba park, a beautiful green lot right by the temple grounds. We had our late lunch, we tried to feed birds (proof, we have proof of that!), we took photos of girls taking selfies while making soap bubbles (yeah, it’s apparently a thing among teens, don’t ask why), we watched all dog owners and families enjoy the day. 

It was a super chilled afternoon and a so much needed escape from the jungle of concrete we wander in every day.

****************

Sin dal 2003, in corrispondenza del solstizio d’estate, in Tokyo si tiene un evento chiamato “Candle night”. E non ne sono venuta a conoscenza se non negli ultimi anni. 

L’evento di un giorno ha come obiettivo quello di sensibilizzare sul consumo energetico e sullo sfruttamento del pianeta. E’ una specie di Earth hour e Earth day insieme. Durante l’evento si tengono vari concerti, presentazioni, con palcoscenico il tempio Zojoji di Tokyo. Penso che la scelta sia dovuta all’importanza che il tempio riveste nella storia, visto che ha rappresentato il centro buddista e amministrativo durante la dinastia Tokugawa. Ancora oggi il tempio e’ uno dei più importanti, basta dire che e’ proprio qui che si aspetta la fine dell’anno e si festeggia l’arrivo del nuovo.

Comunque, questo evento annuale non solo serve a ispirare la gente a non abusare dell’elettricita e usare invece candele, ma ha anche lo scopo più ambizioso di far capire alla gente che cosa sia una risorsa e a cosa e’ lo spreco. Per questo, non e’ insolito vedere anche bancarelle con vestiti usati, oggettini e preziosi fatti a mano, camioncini che servono cibi organici. Ovviamente l’elemento principale e’ centinaia di lanterne sistemate sulla scalinata del tempio che vengono illuminate al calar del sole. Il fatto che si e’ in concomitanza con l’inizio dell’estate fa si che ci si senta più coinvolti, la gente esce, si gode la serata a lume di candela sorseggiando una bevanda fresca e chiacchierando. Per l’occasione anche la Tokyo Tower che sta proprio a due passi viene spenta prima del solito.

Ora pero’ vorrei un attimo criticare quelle bancarelle di souvenir che si camuffavano tra quelle di borse fatte con materiale da recupero…capisco che la torre di Tokyo sta proprio la’, cioè proprio dall’altro lato della strada, pero’ insomma, proprio in un giorno che e’ fatto per ricordare alla gente di non abusare del pianeta? Eh…

Che poi mi chiedo da dove prendano tutta quella corrente per alimentare le apparecchiature per il palco e la musica, la corrente per i camioncini, quella per le bancarelle…insomma, non so se i giapponesi siano ancora pronti per passare al risparmio. Sono troppo abituati ad avere le loro sale giochi sempre iper illuminate, o i loro negozi aperti giorno e notte, o i loro mega schermi agli incroci per le pubblicità regresso o per video musicali dubbii.


E quindi, poche mi trovavo li’? Beh, intanto anche se non sono rimasta per tutta la durata dell’evento bisogna dire che una serata estiva a lume di candela e’ sempre bella, soprattutto se poi lo scenario e’ del calibro di un tempio buddista nel centro di Tokyo…Che poi la verità e’ che mi trovavo con degli amici al parco Shiba, che sta proprio attaccato al tempio, a farci un picnic pomeridiano. Ci siamo dedicati al relax, chiacchierando del più e del meno, abbiamo provato a dar da mangiare agli uccellini (di cui esistono prove), abbiamo fatto foto di ragazze che si facevano foto tra le bolle di sapone (e si non mi chiedete il perché di questo fenomeno adolescenziale), abbiamo osservato famiglie e animali da compagnia godersi la bella giornata al parco. 

E devo dire che ci voleva proprio una fuga dalla giungla di cemento in cui ci ritroviamo a vagare ogni giorno.




Saturday, June 18, 2016

Expat problems II - Beauty products

Supermarket cashier: looks at my purchased items and then at me.
Friend: looks at me and laughs.
Me: “So what! I am an alcoholic hygienist.”

My shopping list was 3 bottles of wine and six deodorants. And now, unless you’re another expat, you’re also thinking the same thing the cashier was thinking. Right. Well, let me explain you…
It all started with the move to Japan. Nope, I don’t mean the drinking. When we are living in an extremely different country than ours, different regarding the climate, the ethnic background, the needs…things can get a bit complicated, uncomfortable, and annoying.

Personal care and beauty products start to acquire a new meaning in such a context, since the ones we were used to adopt and knew worked aren’t available where we now live. Some examples? 

Most of face creams and moisturisers have whitening agents added, as it seems Japanese women don’t like the color of their skin and thus want to change it to a milky white (or better wan white).

Deodorants are basically ineffective on non-Japanese, as we sweat more and smell different.

Make up foundations, not that essential, actually, but the example gives an idea of the problem, aren’t matching the skin complexion of any non-Japanese women, being it on the lighter side or even worse the darker side.

Epilation waxes and creams are ineffective, as the Japanese come with pretty much no body hair. They offer 5 bladed shavers for the beardless Japanese men, mind you, but don’t have a decent waxing product for the women.

So now you see why the unusual shopping list every time the opportunity presents itself.

Another connected issue, which in Japan is common to pretty much everything, is sizes. Maybe there is one body lotion of a familiar brand, sure, but it is big enough for a one time use. Or, let’s mention sunscreen cosmetics, now that we are in summer. One would expect that, looking back at the whitening creams, full block sunscreen be super easy to get. Right? Well, no, sorry. First of all, why on earth SPF for children sunscreen goes up to only 28, while women can find creams with SPF 50+? And second of all, our aforementioned problem, why are the bottles so so, but oh so damn small? I put some lotion on my nose and it’s finished already. 

And I am not going to mention all the trouble one who would like less toxic products has to go through, considering the ridiculously high price for those all-natural, organic, not-tested-on-animals products…Thankfully, online shopping helps a bit more with cosmetics than with food. Easier to put chemicals on our body than amino acids in it, apparently. 

They say beauty costs, but here it is a pain and a luxury.

*************

Cassiere del supermercato: guarda i miei acquisti e poi me.
La mia amica: mi guarda e ride.
Io: “Sono una igienista alcolizzata. Qual’e’ il problema?”

La mia spesa consisteva in 3 bottiglie di vino e sei deodoranti. Ora, a meno che siate espatriati anche voi, avete pensato la stesa cosa del cassiere. Giustamente. Ma lasciate che vi spieghi…
Tutto e’ iniziato quando mi sono trasferita in Giappone. No, non dico il bere. Quando si vive in paesi completamente diversi dal nostro, diversi dal punto di vista del clima, dell’etnia, delle necessita….le cose si complicano un poco, tendendo al fastidioso.

Un nuovo significato, a tal riguardo, lo assumono i prodotti per l’igiene personale visto che quelli a cui siamo abituati non facilmente sono reperibili dove viviamo. Alcuni esempi?

La maggior parte di creme per il viso contengono agenti sbiancanti, visto che e’ noto che le giapponesi non amano il colore della loro pelle e lo vogliono mantenere latteo (per non dire cereo).

I deodoranti non hanno alcun effetto sui non giapponesi, visto che sudiamo di piu di loro e puzziamo in maniera diversa.

I fondotinta, non proprio essenziali ma e’ giusto per dare un’idea della gravita’ della cosa, non si adattano per niente al colore del viso, soprattutto per quelle dalle pelli molto scure.

Le cerette e le creme depilatorie sono praticamente inutili, visto che e’ cosa nota che le giapponesi non hanno quasi per nulla peli sulle gambe. Che poi, per gli imberbi uomini giapponesi hanno rasoi con addirittura cinque lame, dico cinque, e invece per una tinta ceretta bisogna fare i salti mortali.
Insomma, ora si capisce il perché del mio carrello della spesa un po’ insolito.

Un problema annesso, che qui in Giappone e’ un fattore comune a tutto, e’ la dimensione. Magari una crema per il corpo di una marca familiare la troverei anche, ma e’ cosi piccola che usata una volta, e’ finita. Oh, facciamo l’esempio delle creme solari, visto che siamo nel periodo. Uno si aspetterebbe che, soprattutto visto il volere restare bianchi, che creme a protezione totale si trovino facilmente, giusto? Beh, no, per niente. Intanto, ora qualcuno mi spieghi perché per le creme dei bimbi il fattore di protezione arriva massimo a 28 quando invece quello per gli adulti e’ tipo 50+? E poi, dico, riconducendoci al problema delle dimissioni, ma perché sto flaconi sono microscopici? Cioè, basta che metto un po di crema sul naso, posso gia comprarne un’altra per il resto della faccia.

E non parliamo poi di tutti i sacrifici che uno dovrebbe fare nel caso volesse prodotti più naturali, visto che i prezzi per tutto ciò che e’ organico o non testato su animali sono alle stelle…per fortuna qui gli acquisti online aiutano di più. Come dire, e’ più facile mettere sostanze chimiche sul nostro corpo che aminoacidi dentro.


Si dice che la bellezza costa, ma qui e’ un sacrificio e un lusso.


Friday, June 10, 2016

Expat problems I - Food

Me: “Do you perhaps have pecorino cheese at home?”
A: “Nope, but if you want I can give you parmesan cheese”
...

As she put it, not even during Prohibition were people so desperate.

Expat problems…But it’s not like that for all expats in the world. I guess it depends on where we come from and where we end up living. In the age of globalisation, of world-wide trade and commerce, goods from our own countries are very likely found on stores shelves of pretty much any other country. I have to say, this is only applicable, alas, to the developed part of the world…oh, and Japan. Heh.

This is especially true for food items, and not just because we are spoiled brats who want to only follow our home diet, no. It’s only because sometimes the only thing that heals our nostalgic soul is eating some food from our country.

Now, while in the rest of the civilised world one can easily find all kinds of breads, cheeses, produces from, say, Europe, in a super duper modernised and technologic city like Tokyo those goods that are common elsewhere are instead special, exotic items. European food in Tokyo is 1) hard to find, 2) if found is not the real thing anyway, and 3) overall expensive.

The “smuggling” rate among Tokyo expats is the highest, with people carrying unmentionable precious palatable items in their suitcases when returning from Euro trips. I get my coffee shipped directly by my mother, the cheese from A. when coming back form Rome, sundries tomatoes and artichokes brought by friends visiting, sausages and cured meets by D, and so on…every time one of us announces a trip outside of Japan, the trafficking machinery is put in motion, wish lists are written, biddings are done, game is on.

Especially now that I have taken up teaching cooking, lack of proper ingredients for my recipes is a daily problem. Teaching Italian cooking may be fine, but teaching regional recipes can only happen if I cheat on the shopping list. I mean, how to make an artichoke sauce for pasta when I have NEVER seen a artichoke in a supermarket? How to make fennel salad when fennel is NOWHERE to be found? How to prepare ricotta cheese cannoli when the ricotta found here is as pricy as gold and looks and tastes like solid yogurt?

At least alcohol is cheap, to drown our frustration in wine any time we need.

******************

Io: “Ma non e’ che hai pecorino a casa?”
A: “No, pero’ se vuoi ti porto il parmigiano”
...

Come dice lei, stiamo messi peggio dei tempi del proibizionismo.

Problemi da espatriati…Ma non e’ cosi per tutti gli espatriati del mondo. Dipende da dove si parte e dove si finisce. Nell’era del mercato globale, i beni delle nostre terre si trovano praticamente dappertutto. O meglio, questo vale solo per la parte sviluppata del mondo…ah, e per il Giappone. Eh.

In particolare questo vale per prodotti alimentari, e non solo perché siamo ragazzini viziati che vogliono solo mangiare la cucina di mamma, no. E’ solo per quelle volte in cui ci si sente nostalgici quando solo l’avere cibo nostrano ci fa stare un po’ meglio.

Ora, mentre si diceva nel resto del mondo civilizzato si trova ogni tipo di salume, formaggio, prodotti da forno e altro da, diciamo, l’Europa, nella super modernizzata e tecnologica citta quale Tokyo questi beni che sono comuni altrove diventano speciali, esotici, mitici. I prodotti europei a Tokyo sono 1) difficili da reperire, 2) se reperibili non sono comunque quelli veri, e 3) in generale costano una cifra.

Lo spaccio di alimenti tra espatriati a Tokyo penso sia il più efferato, con gente che si porta al ritorno dall’Europa articoli per il palato inimmaginabili e preziosissimi. Ad esempio, io mi faccio mandare il caffe da mama, i formaggi me li porta A quando torna da Roma, gli amici siciliani mi portano i pomodori secchi e i carciofi, D mi rimpinza di prosciutti e salami…insomma, ci stiamo capendo. Ogni volta che qualcuno annuncia un viaggio fuori dal Giappone, la macchina del traffico illecito si muove, si fanno liste e si fanno scommesse. Insomma, ci si da’ da fare.

In particolare di questi tempi che faccio anche scuola di cucina, la mancanza di ingredienti precisi per le mie ricette e’ un problema ormai fisso. Insegnare a cucinare piatti italiani magari ancora e’ fattibile, ma quando si passa a ricette regionali, le posso realizzare solo se baro con gli ingredienti. Dico, come si fa a fare una pasta con crema ai carciofi se non ho MAI visto un carciofo da quando sto qui? Come si fa una insalata di finocchio quando non lo si trova da NESSUNA parte? Come preparare i cannoli con la ricotta se la ricotta che trovo qui oltre a costare a peso d’oro sembra yogurt rappreso?


Per lo meno abbiamo il vino che costa poco cosi da poter affogare il dispiacere ogni volta che e’ necessario.


Tuesday, May 31, 2016

Hiking Mitsutoge -- 三つ峠山

A Saturday hike between the provinces of Yamanashi and Shizuoka brought a so much needed breath of fresh air, literally and figuratively speaking, to my otherwise ordinary days.

Normally not a hiker, I embarked on a 14km ascent to Mitsutoge peak and descent to Kawaguchi lake just for one reason: I needed to get out of town. It turned out to be a great decision, although my calves might have not thought the same the next day…

The starting point, Mitsutoge station, was more or less 800 meters above sea level, and the top was at 1800 meters…going up was rather challenging but not difficult - all the people in the group, from the non expert to the expert went up without problems.

The hiking trail was very well marked, although signs in English were found only near Mitsutoge station. Anyway we managed not to get lost even with our primitive knowledge of Japanese. And, I mean, there was pretty much just one trail to follow, plus all the times we were in front of a bifurcation, it turned out to be just a detour on the main trail.

At the beginning, we were walking along a concrete road for quite a while, wondering whether the entire trail was going to be that way, until we found our first detour. The path was soft, still a bit wet from the rain of the previous day, and followed a stream of water that opened onto a pretty waterfall.

The water ran down the bare rocks, carving and smoothing them out, creating pools all the way down. One of them looked just perfect for a dip. Back to the main trail, we started going up quite abruptly, cutting through tall trees. Eventually we left the paved path and started walking on rougher grounds, still following the same water stream already mentioned. The beauty of the mountain was undiscussed. This time of the year everything was green, a bright green, at times painted by purple or coral flowers.

It is said that Mitsutoge mountain gives the best views of mount Fuji. Indeed, whenever we could see an opening in the leafy vegetation while hiking, there was Fuji towering above the clouds. We did spend a silly amount of time just to take photo after photo the whole day. Now we do have a collection of pictures with the same subject, but from several altitudes.

Nearing the top of the mountain, we felt a bit like we were on an explorer’s adventure, as we had to wade across mud, walk on gravel, and cross bridges. Speaking of the top, Mitsutoge is made of three peaks, one of them famous for being the perfect rock climbing spot. And not surprisingly, when we walked past and around the peak, all we saw were dozens of climbers hanging on the vertical wall of rock…while stones fell each time someone put a foot or hand in the wrong place…

At that height, all one could hear was the faint echo of the climbers’ calls. It was so silent that at one point I could hear the noise of rocks breaking off one side of the mountain, plunging down, echoing…for a moment I thought about what could have happened if one of them hit someone and I did cold sweat.

When we made it to the top the view was as promised: stunning. Luckily, the clouds that kept sitting around the base of Fuji all day and then threatened to cover it completely behaved, so before we could sit down and eat some lunch we made sure we covered all possible viewpoints.

The descent was as beautiful, if not more than the ascent. The trail down to lake Kawaguchi is much longer than the one up, but it is much easier. We were basically taking a stroll downhill. The ground was soft under our feet, and the trees created super pretty green tunnels that looked like paintings, moss grew on trees, the light sifted through the tree leaves in patches, revealing some details of the forest and hiding others.

Before reaching the lake, however, we had to go back up another small hill, which is the one where the Kawaguchiko ropeway ends. Again, from there we could snap another few zillion pictures of Fuji (because one never takes enough pictures), this time with a clearer view of the towns in the valley. There was also a striking difference between the silence and quiet of the forest, where we met few to no people the entire day, and the overly crowded ropeway station and annex viewpoint. Too bad. Quiet would have been better, but I guess one can’t find perfection everywhere.

In the end, we all had a great time, we were blessed with nice weather (not scorching hot but not rainy either), we even spotted snakes, frogs, spiders, we tried to guess which birds singing we were hearing, we saw Fuji.

The ideal end of our day could have been to sit by Kawaguchi lake, a drink in hand, and watch the sunset. But because the way back home from there is long, we’ll keep the lake for another time.

***************

Una passeggiata fine settimanale tra le montagne delle provincie di Shizuoka e Yamanashi ha portato una ventata di freschezza alle mie giornate.

Nonostante non faccio di queste attività il mio forte, mi sono buttata in una marcia di 14km tra il monte Mitsutoge e il lago Kawaguchi per un solo motivo: avevo proprio bisogno di staccare. E’ stata una decisione fantastica, anche se forse i miei polpacci non la pensavano cosi…

Il punto di partenza, stazione di Mitsutoge, si trovava a circa 800 metri di altitudine, mentre la cima della montagna era a 1800…diciamo che l’ascesa e’ stata tosta ma non difficile - alla fine tutto il gruppo, dal meno esperto al più esperto, e’ salito senza problemi.

Il sentiero era ben segnalato, anche se indicazioni in inglese ce ne stavano poche e solo vicino alla base, ma comunque anche con la nostra conoscenza primitiva del giapponese siamo riusciti a non perderci. Che poi, diciamocelo, non e’ che c’era tanto da perdersi visto che praticamente ci stava solo un sentiero principale. E anche quando ci siamo ritrovati di fronte a un bivio, alla fine si trattava sempre di una deviazione e poi alla fine si ritornava al sentiero principale. All’inizio abbiamo camminato sull’asfalto tant’e’ che chi chiedevamo se la salita non fosse tutta cosi, fino a che non abbiamo incontrato la nostra prima deviazione. Il sentiero era soffice, ancora umido per via della pioggia del giorno prima, e seguiva un ruscello che poi si apriva in una cascata. L’acqua scivolava tra le rocce, smussandole e lisciandole, creando anche dei piccoli laghetti a ogni livello. Uno di questi era profondo e limpido abbastanza da spingere a farcisi un tuffo.

Tornati di nuovo al sentiero principale, la strada va rapidamente in pendenza. Alla fine il sentiero pavimentato lascia spazio a terreno brullo, sempre seguendo il percorso del ruscello di prima, e la bellezza della foresta si e’ rivelata all’improvviso, con verde immenso interrotto da sprazzi di fiori rossi o viola.

Dicono che da questo monte, Mitsutoge, la vista del Fuji e’ la migliore in assoluto, e infatti ogni volta che il verde si apriva e ci lasciava osservare al di la’ della montagna, il Fuji era sempre li’ che si ergeva al di sopra delle nubi. Non si può quantificare il tempo che abbiamo perso per fare foto, ma possiamo quantificare le foto fatte, che erano sempre dello stesso soggetto, ma a diverse altitudini.

Nell’approcciarci alla cima ci siamo anche sentiti un po’ esploratori, perché ci e’ toccato attraversare pozzanghere, ponti pericolanti, ghiaia e pareti verticali scivolose. Parlando di cima, quella di Mitsutoge e’ fatta di tre picchi, e uno di questi e’ abbastanza famoso per essere meta di scalatori. Infatti, non ci ha sorpreso vedere orde di gente organizzate di tutto punto con funi e moschettoni, per scalare la parete verticale.

A quell’altezza tutto quello che si udiva era l’eco distante degli scalatori che si chiamavano tra loro. Era talmente silenzioso che a un certo punto ho distintamente avvertito l’eco di una parte di roccia staccarsi e cadere giu a precipizio…e per un istante ho pensato a cosa sarebbe successo se una di queste rocce fosse caduta su qualcuno e mi sono venuti i brividi.

Quando siamo arrivati alla vetta la vista era come da promessa: Impressionante. Per fortuna le nuvole che stavano alla base del Fuji e che avevano minacciato di coprirlo completamente si sono mantenute basse, e quindi abbiamo approfittato per fare altri milioni di foto da li prima di fermarci per il pranzo. 
La discesa e’ stata altrettanto bella, se non di più della salita. Il sentiero per arrivare al lago Kawaguchi e’ più lungo rispetto a quello per salire, ma e’ molto più facile. In pratica e’ stato come fare una passeggiata in discesa, infatti la strada era soffice, gli alberi poi creavano queste gallerie verdi bellissime, tanto che sembrava di stare in un dipinto, con giochi di luce e ombre, e diversi tipi di muschio facevano capolino qui e li.

Ma prima di raggiungere il lago, ci e’ toccato risalire di nuovo su una collina, che e’ quella su cui arriva la funivia di Kawaguchi. Anche da questa vetta abbiamo fatto un altro miliardo di foto del Fuji (perché diciamocelo, uno non fa mai abbastanza foto), e questa volta anche con una prospettiva più vicina dei paesini a valle. C’era poi una netta distinzione tra la calma durante la camminata nella foresta, dove non abbiamo praticamente incontrato nessuno tutta la giornata, e la folla in cima alla funivia. Peccato. Era meglio in silenzio, ma mi sa che la perfezione non esiste dappertutto.


Alla fine ci siamo tutti divertiti, abbiamo avuto bel tempo tutto il giorno, niente sole a picco ma neanche pioggia, abbiamo visto serpenti, rane, ragni e abbiamo anche cercato di capire che tipo di uccelli sentivamo cantare, e abbiamo visto il Fuji.

Ora, certo, la fine ideale della giornata sarebbe stata quella di aspettare il tramonto seduti al lago sorseggiando una bevanda fresca. Ma siccome la via del ritorno da li’ e’ lunghissima, ci riserviamo il tramonto per la prossima volta.











Monday, May 23, 2016

Saigoyama park - a Sunday afternoon

What the....
The month, again, has nearly gone and I have neglected this blog, again.

Instead of checking out what's happening in the busy Tokyo hubs I prefer to detox. You know there's always something happening if you just look for that…and let us be honest, after so many years in this place, I know exactly what happens and when, as it all happens in a 12-months cycle. So, seen one, seen all. Instead of all the euphoria surrounding an (repeated) event, I was saying, lately I am more about visiting a quiet neighbourhood and spend a few hours in peace. Or even spend the day at home, cook a nice dinner and watch a movie. All of which doesn't certainly help a writer's creative process…

Unless you want to know all about my flat's water pipes check (scheduled exactly at the time I was supposed to meet my friends)!

There are a bunch of yearly checks that have to be done, like fire alarms check, water pipes check for obstructions, and so on. They all take a few minutes and a sign here please, but the annoying thing is that the guys meant to do the inspection always come on a weekday, as a first attempt. Of course, they never find me at home (I haven't managed to over express the gene of ubiquity yet) so all I get is a notice with the date of the second attempt. Sometimes it takes three or four rounds before they figure out I may not be at home during the week. If I could speak better Japanese I could call them and schedule a time that suits me. But eventually, because in Japan people never stop trying, the notice with the inspection set for a weekend day arrives. And, of course, it happens to always coincide with the day I happened to have other plans, hijacking them. 

But luckily, the above mentioned pipes check is quick and easy, so I can still hit the hipster neighborhood of Naka-meguro in time to spend the afternoon with friends in a park near there.

The park in question is Saigoyama park, a tiny plot of land on a hill with a nice elevated view of the city and with promising pretty sunsets (there is a nice lookout terrace with benches where to patiently wait for the red sun to set). The walk from the closest station is one of a kind: those who know about cherry blossom in Tokyo know well that Naka-Meguro is THE place to be that time of the year.

There is indeed a river lined on both sides with leafy and big cherry trees that form a tunnel over the water, and it’s illuminated at night. This time of the year the tunnel is all green, providing shade from the sun to all the passersby and shoppers who decided to head to this cool part of town.

Another thing in favour of Saigoyama park is the vicinity to another nice neighbourhood, Daikanyama. In case the relaxed atmosphere of Naka-meguro is not good for you, you can always reach the park from the more stylish, all fancy boutiques, cafes and buildings of this other trendy area. 

And after the sun is gone, Daikanyama lounge bars or Naka-meguro grill bars are the perfect places to end the Sunday.

********************

Ma por….
Di nuovo, il mese e’ quasi andato e io, di nuovo, ho ignorato questo blog.

Invece di curiosare in giro per i vari nuclei di Tokyo preferisco disintossicarmi. Sappiamo bene che c’e’ sempre qualcosa da fare se uno cerca…e poi, diciamocelo, dopo cosi tanti anni in uno stesso posto so praticamente di cosa succede e quando, visto che tutto si ripete con un ciclo di 12 mesi. Al che, fatto una volta basta e avanza. Invece di tutta l’euforia di un (per nulla nuovo) evento, dicevo, oramai sono molto più propensa a fare un giro in una zona tranquilla e passare qualche ora in pace. Oppure anche stare a casa tutto il giorno, poi preparare una bella cenetta e film. Ovviamente tutto ciò non aiuta di certo il processo creativo di uno scrittore…

A meno che non moriate dalla curiosità di sapere tutto sulle tubature di casa (controlli di routine che di solito si verificano quando devo uscire per incontrare degli amici)!

Esiste una serie di controlli periodici da fare, tipo controllare l’allarme antincendio o, appunto, le tubature per vedere se sono intasate. Ci vogliono solo una manciata di minuti e una firma qui, per favore, ma la cosa che da’ fastidio e’ che il tipo viene a controllare sempre nei giorni infrasettimanali, almeno al primo tentativo. Ci vogliono poi altri 3 o 4 interventi per capire che durante la settimana potrei non esserci (eh, no, ancora il gene dell’ubiquita’ non ce l’ho over-espresso) e dopo una serie di notifiche mi arriva la carta con la data del controllo fissata per il fine settimana…e ovviamente e’ giusto il giorno in cui mi ero sventurata a fare dei piani.

Pero’ fortunatamente stavolta il tipo per fare il controllo e’ arrivato abbastanza presto cosi da lasciarmi tempo per poter andare a Naka-meguro, località molto hipster di Tokyo, per passare il pomeriggio con amici in un parco li vicino.

Il parco in questione si chiama Saigoyama, ed e’ un fazzoletto di terra su una collina, da cui si gode una bella vista della città, e pare anche di un bel tramonto (infatti c’e’ una terrazza carinissima con tanto di panchine dove ci si può sedere e aspettare la fine del giorno). Dalla stazione più vicina si impiegano circa dieci minuti a piedi e si cammina lungo una via famosa a chi vive a Tokyo: infatti si sa che Naka-meguro e’ IL posto per eccellenza per i ciliegi in fiore. C’e’ infatti un fiume sui cui lati si allineano alberi di ciliegio grossi e frondosi che creano una galleria sopra l’acqua. In questo periodo dell’anno e’ tutto verde, e tra l’altro gli alberi offrono ombra a chi passeggia o visita i negozi.


Un’altra cosa a favore di Saigoyama e’ la vicinanza a un’altra zona altrettanto interessante: Daikanyama. Nel caso l’atmosfera rilassata di Naka-meguro non fa al caso vostro, c’e’ sempre l’area più inn di Daikanyama, coi suoi negozi particolari e di un certo livello, i suoi ristoranti e var alla moda. 

E dopo che il sole se ne e’ andato, o si va a bere a uno dei tanti lounge bar di Daikanyama oppure si ve in uno dei ristoranti di carne grigliata a Naka-meguro. Ottimi modi per finire la domenica.



Monday, May 16, 2016

Five weekends of solitude

I think I’ve said it a lot of times already, but I haven’t said it enough…May is the best month of the year, period. At least, concerning my Japanese experience. It’s been a bit wet and cold a few times, true, which is not that ideal when one has to walk a dog reluctant to get out in the rain, but several elements contribute to improve the situation: temperatures are going up, keeping above 20 during the day; air still dry, and doesn’t stink of damp; sunny skies, without a cloud around, and without wind; longer days, right now the sun goes up at 4:30 and goes down at 6:30.

These details may seem ordinary, and yet boost my mood like nothing else. They mean I can spend time outside, I can for example lay down on the grass in a park and bask in the warm light, just like a cat, I can have lunch outside on the campus lawn, I can see the various colourful flowers blooming everywhere, I can dress lightly, I can have drinks at the table outside of my favorite pub at night. I am a summer girl, that’s it.

Unfortunately this special configuration lasts nothing, for soon the tropical weather will come and suffocate us in its constant, unpleasant wave of humidity. So today, another gorgeous, profitable Sunday, now hound-less and plan-less, I decided to cut out some me time and went to the beautiful Mitsuike park. Book, blanket, sunglasses being my necessaire for the afternoon, I hopped on my bicycle and rode to the park. Once there I picked a nice and private spot in the sun and for the next two hours the only things that bugged me were a few ants who decided to climb on my legs.

Yes, I returned to the base after my two rewarding and busy weeks of hound-sitting, and I am back at work. During those two weeks I did tetris 3 dinners at “mine”, one lunch and one dinner party out, two days at a park, two cooking classes and three dog walks a day. Now work is getting busier, entering the new fiscal year with a bunch of new deadlines and challenges. So now, although I miss the company of my super cute, super loving favorite human, and because I have already had enough of one week of work, I was in fact longing for some quiet and solitude.

Too bad we only have 52 weekends in a year, and too bad that four or five of those only can be dedicated to this kind of soul nourishing.

**************

Credo di averlo detto gia troppe volte, ma non l’ho ribadito abbastanza…maggio e’ il mese migliore dell’anno e basta. O per lo meno, in base alla mia esperienza nipponica. E’ anche vero che il tempo e’ stato freddo e umido un paio di volte, che tra l’altro non e’ certo il clima ideale per convincere un cane a uscire per la passeggiatina se piove, pero’ ci sono alcuni elementi che contribuiscono a migliorare la situazione: le temperature ora si mantengono sui 20; l’aria e’ secca e non puzza di umidiccio; i cieli sono limpidi, senza neanche una nuvola; le giornate si allungano con il sole che sorge gia alle quattro e mezza e tramonta alle sei e mezza.

Ora tutti questi dettagli potrebbero suonare poco significativi, ma di fatto migliorano il mio umore di molto. Infatti significano che ora posso passare più tempo fuori, posso per esempio crogiolarmi al sole in un parco, posso pranzare fuori nel prato del campus, vedo fiori di ogni colore sbocciare ovunque, mi posso vestire leggera e la sera posso sedermi fuori al mio bar preferito. Eh gia, sono proprio una che ama l’estate.

Ma purtroppo questa configurazione speciale non dura molto, e a breve saremo soffocati dal clima tropicale che ci soffocherà con la sua umidità costante e opprimente. E quindi oggi, una domenica meravigliosa da approfittare, ora che sono senza cane e senza un piano per la giornata, ho deciso di dedicarmi del tempo e andare al bellissimo parco Mitsuike. Libro, occhiali e copertina in saccoccia, prendo la bici e vado al parco, dove mi scelgo un posticino riservato al sole e per le due ore successive le uniche cose che mi hanno importunata sono state un paio di formiche che hanno ben pensato di farsi un giro sulle mie gambe.

Ebbene si, sono tornata alla base dopo due settimane piene in compagnia del mio cane preferito, e sono tornata al lavoro. Durante quelle settimane sono riuscita a incastrare tre cene a casa “mia”, una cena e un pranzo fuori, due giorni al parco, due lezioni di cucina e tre passeggiate al giorno con il cane. Ora anche il lavoro si fa impegnativo, entrando nel vivo del nuovo anno fiscale con tante scadenze e sfide. E quindi, sebbene mi manca la compagnia del mio cagnone preferito, e poiché dopo solo una settimana di lavoro ne ho gia abbastanza, ero proprio alla ricerca di un po’ di pace e solitudine.


Peccato che ci siano solo 52 fine settimana in un anno, e peccato che solo quattro o cinque di essi possano essere dedicati a nutrire lo spirito in questo modo.

Saturday, May 7, 2016

Of wolves, rain and borrowed items

Weather situation in Japan sucks.

In terms of being cooperative, it's like when you want to sleep in but your dog does everything it can to get you out of bed...

First, with all the possible days available to pick, does it really have to rain right on the day I need to move to my friend's house? Instead of riding my bike I had to use public transport. For two consecutive days...

It then gets super windy, right on the first day of holidays when I could have gone back and pick my bike...

Although I didn't have to go to work, I planned a few long rides to my own place. I had set two cooking classes, for each class thinking of making two trips: one to go and buy ingredients and clean, and one to go and teach. Of course it rained on 50% of my scheduled exercises. On my last class, I had to ride back in the rain. At least, it wasn't cold...

Seriously, Japan, put yourself together.

In all this, my ride is still chained at home, while here in my second home I managed to get a temporary one, not perfect but it gives me a way to move around town, instead of catching trains, and more importantly it was useful on those 50% times to go back home. Tama river was as pretty as usual, but definitely super busy with people profiting of the long vacation to picnic and barbecue.

My two weeks of hound duty are about to end. They have been surprisingly busy and full of canine love. I had guests over pretty much every second day, giving my favorite human chances to distract and interact, and on every other second day I have been out and about, a lunch here, a park stroll there. I could also spend a couple of nights doing nothing, watching movies while my loyal (and at times frustrating) furry friend slept by my feet or on my lap.

Before moving back I will still have to endure a couple of days of commute, as we all have to sadly get back to work, and it looks it is going to be a couple of challenging days: rain and suffering, there I come.

Wish me luck.

******************

La situazione meteo in Giappone fa proprio schifo.

In fatto di essere cooperativo, e' esattamente come quando tu vuoi dormire e il tuo cane fa di tutto per buttarti giu' dal letto...

Intanto, con tutti i giorni a disposizione, e' mai possibile che viene a piovere proprio il giorno in cui mi devo spostare a casa del mio amico? E invece di andare in bici ho dovuto prendere il treno. E questo per due giorni di fila.

Poi, giusto quando iniziano le vacanze e posso andare a prendere la mia bici, se ne viene fuori con un vento pazzesco.

Anche se non dovevo andare a lavorare in questi giorni, avevo comunque pianificato una serie di uscite in bici verso casa mia. Siccome avevo fissato due date per le mie lezioni di cucina, avevo ben pensato di fare due volte per ogni lezione: una volta per andare a comprare gli ingredienti e pulire, e poi una seconda volta per la lezione vera e propria. Ovviamente, mi va a piovere meta' delle volte, e addirittura una volta sono ritornata in bici sotto la pioggia. Almeno non faceva freddo...

Insomma, Giappone, datti una regolata.

Che poi, in tutto questo, la mia bici e' sempre rimasta a casa mentre qui ho trovato una soluzione con una bici prestata, che non e' perfetta ma almeno mi permette di andare in giro mentre sono qui e, cosa piu' importante, mi e' tornata utile in quel 50% delle volte che sono tornata a casa. Il fiume Tama era sempre bello, ma stavolta abbastanza pieno di gente che approfittando del lungo ponte si e' dedicata ai picnic e alle grigliate.

Le mie due settimane in canina compagnia stanno per finire. Sono state due settimane sorprendentemente piene e cariche di affetto a quattro zampe. Ho ricevuto ospiti a giorni alterni, per la gioia del mio essere umano preferito cosi che' ha potuto interagire e distrarsi, e negli altri giorni sono stata un po' qui e un po' li, pranzi fuori, passeggiate al parco e cose cosi. Ci sono state anche alcune serate tranquille passate a guardare film mentre il cane stava a sonnecchiare ai miei piedi.

Prima di ritornare a casa mia dovro' sopportare un paio di giorni di pendolarismo, visto che si ritorna al lavoro, e saranno giorni tremendi di poiggia e sofferenza.

Auguratemi buona fortuna.

Saturday, April 30, 2016

Same place new viewpoint - Meiji-jingu

Day two of my holidays, I discover a not so hidden gem of Tokyo, a place that has always been there but never been. Heh, advantages of living close to the pulsating heart of this town...

So, I am in Shibuya. I am near Meiji-jingu temple, which is right next to the biggest green lung of the city, Yoyogi park, and is itself hidden inside a thick forest. How many times I have visited that temple, now? I mean, either meeting friends at the park and then take a stroll through the giant wooden shinto gate, or taking visitors to the sacred grounds...still, because I always access the temple from one side and one side only, I pretty much ignored the rest of the forest on the other side of the main shrine.

And today, for the fist time I walk through the giant wooden shinto gate on the other side. There is a super nice lawn, big enough to have people doing picnics and kids running around free, and a pretty pond with turtles. All this, while having Shinjuku's skyscrapers in the background.

Today was such a perfect day, after two rainy and cold days, that the idea of not spending it outside just didn't sound right. I was in a rather odd group of people: all but one Italian-Japanese couples, plenty of children to play with and get annoyed by. Then a Japanese couple with a prodigy 4 y/o kid who explained me everything about the universe expansion and that air balloons (we saw one in the sky) are filled with, actually, helium which is, you know, lighter than air...Slap. And then there was me.

Obviously I was the one who got tortured by the kids and I had to spend all the time playing all sorts of games with them, games that involved running hiding, strength challenges and the like.

This after I had already done two walks with the hound around the neighborhood, and before the last walk at night. Oh, and, no need to add this, I was under the sun the whole day. Now not only I am a little tired, but I also got a sun stroke, I think...

Anyway, all worth it. You should have seen the sky today. You should've seen the light seep through the tree tops. You would agree.

*****************

Secondo giorno di ferie e scopro un posto a Tokyo, non cosi segreto a essere sinceri, un posto che e' sempre stato li ma che non ho mai visitato. Quando si dice: i vantaggi dell'abitare vicino al cuore pulsante della citta'...

Quindi, sono a Shibuya. Sono vicino al tempio Meiji-jingu, che e' quello proprio attaccato al polmone verde di Tokyo, Yoyogi park, e che esso stesso si trova nascosto in mezzo a una foresta. Ora, quante volte sono stata a quel tempio? O ci vado per portarci gente che si trova in visita o ci vado per incontrare i miei amici al parco e poi si finisce con la inevitabile passeggiata attraverso l'ingresso....insomma, tante. Eppure, siccome vado sempre e solo da una parte dell'are del tempio, non ho mai avuto neanche l'interesse di vedere cosa ci fosse dall'altra parte del tempio.

E oggi, quindi, per la prima volta mi sono ritrovata a attraversare l'altro ingresso dell'area del tempio. Da quella parte c'e' un ampio prato dove si possono fare picnic e i bambini possono correre e giocare liberamente, e poi c'e' un bellissimo laghetto con tartarughe. Tutto questo mentre sullo sfondo si scorgono i grattacieli di Shinjuku.

Oggi era un giorno perfetto, ma proprio perfetto, dopo due giorni di pioggia e freddo, cosi che non c'era altra opzione che starsene all'aperto. E l'ho fatto assieme a un gruppo di persone abbastanza inusuale: tutte coppie, tranne una, italo-giapponesi con bambini a carico. Poi una coppia giapponese con figlio prodigio di 4 anni che mi ha spiegato tutto quello che c'era da sapere sull'espansione dell'universo e sul fatto che i dirigibili (ne abbiamo visto uno) vanno a elio e non a ossigeno, che, sai, e' piu' leggero...ammazza! E poi ci stavo io.

Ovviamente sono stata quella che i bambini hanno torturato di piu', ho giocato tutto il tempo a quei giochi che richiedono tanto correre, nascondersi, prove di forza eccetera. E tutto cio' dopo che avevo gia' fatto due passeggiate con il cane, e prima della passeggiata serale. Inoltre sono stata praticamente sotto il sole tutto il giorno. Ora, oltre a sentirmi un tantino stanca mi sento come se avessi preso una insolazione...

Ma vabbe', ne valeva la pena. Dico, avreste dovuto vedere il cielo oggi, avreste dovuto vedere come la luce filtrava attraverso le chiome degli alberi. E poi avreste capito.




Thursday, April 28, 2016

Dog-sitting. Again. Day One.

Too much love just the first day!

I am talking about the welcome-back-home treatment that my favorite human gave me. It is now the end of the day, I am typing sitting on the sofa and he's sitting near my feet (not to say ON my feet), falling asleep with the sound of the rain. I mean this is just how the day ended!

When I arrived I was welcomed by a long stream of "where-you-been" whining, face licking, tail wagging, and jumping. After, I had like a second shadow beside me all the time. So far nothing out of the ordinary, I am news and all attentions are on me. Because by now I am well known, though, sort of family member if I may say so, the excitement over my visits is usually gone after the welcome treat. Sigh.

And again because I am well known as being the best at back rubbing, the very second thing he does is sit by me, back side, and wait for the massage. Which, mind you, is over only when he decides he's had enough and walks away selfishly...

Today my step hound must have been in a good mood (or, alternatively, in a very sad mood), so he gave me (read: he wanted) more attentions than usual: would not leave my side, played rough with me immediately after I arrived, leaving bite marks that will last for a while, came to me with his toy and demanded playtime, wasn't snubbing me whenever I asked for some cuddles or wanted to just stroke his fur, sat patiently next to my chair when I was eating dinner WITHOUT bugging me(but just watching intently), ate all his food at once.

In a word, he was happy.

I know that probably from tomorrow I am not going to be news anymore, so I will have to earn his each and every manifestations of affection. It's going to be two long weeks, in this respect, but my chances are good.

For today I am more than satisfied with all his repeated attempts to snuggle next to me, although we'll know at bedtime whether I made his day. If he spoons me, I won.

****************

Troppo affetto gia' il primo giorno!

Sto parlando del trattamento di bentornata-a-casa da perte del mio essere umano preferito. Siamo a fine giornata adesso, io scrivo seduta sul divano e lui sta seduto accanto ai miei piedi (per non dire SUI miei piedi), che si addormenta al suono della pioggia. E dico, questo e' solo come la giornata e' finita!

Quando sono arrivata sono stata salutata da una lunga scia di lamenti della serie "dove sei stata finora", salti, scodinzolii e leccate di faccia. Da li in poi era come avere una seconda ombra tutto il tempo. Ora fino a qui niente di anomalo, visto che rappresento una novita e quindi mi fa le feste. Pero', siccome ormai sa che sono praticamente parte della famiglia, di solito tutta l'euforia svanisce dopo il primo incontro.

E siccome sono per lui quella che fa i massaggi meglio di tutti, la seconda cosa che fa e' sedersi accanto a me e pretendere il suo massaggio. Che poi e' finito quando dice lui, quando si allontana con superiorita'...

Oggi pero' il mio cane adottivo deve essere stato di buon umore (o, se vogliamo, triste), perche' mi ha dedicato (leggi: ha preteso) piu' attenzioni del normale: non si allontanava da me, ha giocato a morsi e graffi non appena sono arrivata, mi ha fatto segno di voler giocare con il suo pupazzo, mi lasciava fare quando mi avvicinavo per una carezza, si e' seduto pazientemente accanto alla mia sedia mentre cenavo e NON mi ha disturbato (mi fissava e basta), e ha mangiato le sue crocchette con appetito.
Insomma, era contento.

Ora so che gia' domani non saro' piu' la novita', quindi dovro' guadagnarmi ogni singola manifestazione d'affetto. Saranno due settimane dure, per questo. Ma ho buone possibilita' di successo.

Per oggi sono gia' piu' che soddisfatta con tutti i suoi vari tentativi di accoccolarsi, anche se sappiamo bene che l'ora della nanna determinera' le sorti: se mi dorme sopra, allora ho vinto.