Friday, November 9, 2018

The Akigawa Valley - 秋川渓谷


I tried to combine a day in the nature with some red leaves watching on Sunday. November is usually the perfect month to capture the colors of fall, that wonderful and yet saddening period when nature starts to shut down to conserve energies during the cold winters. I picked Akigawa valley (秋川渓谷), in west Tokyo, so called due to the river Aki (meaning autumn) that flows through it.

The prefecture of Tokyo is narrow north to south but very wide east to west; half of it is mountainous, a thing us city residents often forget.  It also takes quite some time to get to, as there are very few options to travel directly from the city to the mountain (special routes only on weekends and few times a day). Once in the mountains, the train lines spread like a tree branch, without interconnections, and schedules are more relaxed, which means getting around needs some extra planning in order not to miss any trains and waste the day.

And so, four trains and two hours after leaving my station on Sunday, I arrived to the valley. The weather was not the best, unfortunately...it rained a little in the morning, thankfully while I was traveling, then it stabilized for a few hours (my given window of opportunity) and then it became cold and ugly again.

There are a few hiking trails and walking trails starting at the Musashi-Itsukaichi station, the entry point to the valley. I opted for the walking trail, which follows more or less the Aki river upstream but features also occasional detours in order to touch other points of interest such as temples or monuments. I picked a useful map, where key foliage spots were marked by drawings of -you guessed- red leaves. The colors were beautiful indeed, despite the grey layer due to the heavy clouds.

The most interesting part of the whole trail was the Iwasekyo gorge. The trail here goes alongside the river, cuts through a pine forest, hangs precariously around rock cliffs, and old landslides here and there along the trail are patched by wood or metal bridges. Perfect for the Indiana Jones in each and everyone of us. And because this is Japan, there are dozens of public toilets, clean and well maintained, all along the trail. Important piece of info.

Long stretches of the walking trail were along the local roads, and a few times I felt like I was going to the wrong direction because of the detours. If it weren’t for the sound of the water somewhere below or near  to reassure me of the fact I was on the right route, I’d have thought I was lost. The very attraction of the trail, though, is not the gorge. Most visitors go indeed to a spot further upstream to see what is the symbol (rough guess) of the valley: Ishibunebashi bridge.

I have to say now, given the publicity the spot gets…I was expecting a lot more than red battered suspended bridge hanging over a part of the river where some stones form a small whirlpool. That’s it. And it’s even conveniently located at a mere 10 minutes bus ride from the trail station. I convene that perhaps on a right day, when the colors of sky, water and trees align, the place must be extremely charming, so I can’t give a conclusive verdict. To me, still, the gorge was the stunning part. I can say though that the entire walk was nice and worth the long train ride: I saw a whole lot of nature, herons chilling by the water, people fishing, camping and barbecuing, bungalows in the forest with a view of the gorge, and decent foliage. I walked by pretty houses in quiet neighborhoods, I smelled the fresh mountain air and listened to the gurgling of the river.

All together it took me about 3 hours to follow the recommended course from the station to the bridge and back, although the trail continues for a little further from there and then loops back to the bridge (they really want to make sure you pass by it, either the way up or the way down…). Those three hours were pretty much the time I had before it started raining again, so I can definitely say my mission was a success.

*************

Una domenica ho provato a combinare un giorno di immersione nella natura e un pizzico di colori autunnali. Novembre di solito e’ il mese perfetto per catturare i rossi e gialli dell’autunno, quel periodo meraviglioso eppure triste quando la natura inizia a ibernarsi per sopravvivere ai freddi inverni. Ho scelto come destinazione la valle Akigawa (秋川渓谷), a ovest di Tokyo, cosi chiamata per il fiume Aki (che significa autunno) che la attraversa.

La prefettura di Tokyo e’ corta da nord a sud ma molto estesa da est a ovest; e la meta’ e’ montuosa, cosa che noi residenti in città dimentichiamo spesso. Per raggiungere le montagne ci vuole un bel po’, visto che poche sono le possibilità di tragitti diretti (a parte un paio di servizi al giorno nel fine settimana). Arrivati poi nelle montagne, le linee ferroviarie si diramano senza possibilità di interconnessioni, e con orari più rilassati. QUindi significa che per spostarsi in queste zone ci vuole attenta pianificazione, per evitare di perdere coincidenze e buttare all’aria un’intera giornata.

E dunque, quattro treni e due ore più tardi sono arrivata nella valle. Purtroppo il tempo non era dei migliori…in mattinata durante il tragitto in treno aveva piovuto, poi e’ stato stabile per qualche ora (il mio intervallo da sfruttare) per poi piovere di nuovo.

Ci sono un paio di percorsi da fare a piedi o tra le montagne che partono dalla stazione Misashi-Itsukaichi, il punto di ingresso alla valle. Io ho optato per il percorso a piedi, che più o meno segue il corso del fiume con alcune deviazioni verso punti di interesse, tipo templi o monumenti. Mi sono munita di una mappa in cui i punti salienti da cui osservare le foglie rossicce erano indicati da -appunto- piccole foglie rosse. Devo dire che infatti i colori erano bellissimi, nonostante la patina grigia dovuta al cielo nuvoloso.

La parte più interessante del tracciato era la gola Iwasekyo. Qui il percorso segue il fiume passo passo, attraversa una foresta di pini, si eleva pericolosamente attorno a speroni di roccia, e spesso parti del percorso franate in passato sono salvate da ponti in legno o ferro. Praticamente una passeggiata perfetta per l’indiana Jones in ognuno di noi. E inoltre, cosa importante, visto che si e’ in Giappone, tutto il percorso e’ puntellato con bagni pubblici, puliti e ben mantenuti.

Una buona parte del tracciato si snodava lungo le strade urbane, e ogni tanto mi sono sentita un po’ spaesata per via di tutte le varie deviazioni. Se non fosse stato per i gorgoglii dell’acqua nelle vicinanze che mi riportavano sulla retta via, avrei pensato di essermi persa. la vera attrazione dell’area pero’ non era la gola, ma un posto leggermente più a monte che apparentemente e’ il simbolo della regione: il ponte Ishibunebashi.

Ora, in base alla pubblicità che sto ponte riceve, mi aspettavo qualcosa di più di un ponte rosso in cattivo stato sospeso su una cascatella che a dire il vero e’ un piccolo mulinello d’acqua tra le rocce. Finito. E pure c’e’ un autobus che in 10 minuti dalla stazione porta gli interessati direttamente e comodamente qui. Magari nel giorno giusto, quando i colori del cielo, fiume e vegetazione si allineano la vista deve apparire estremamente bella, quindi non mi voglio esprimere più di tanto. Ma per me, la gola era la parte assolutamente migliore. Devo dire pero’ che tutto sommato l’intera passeggiata e’ stata molto bella ed e’ valsa la pena farsi il lungo tragitto in treno: ho visto un sacco di natura, aironi che si riposavano in riva al fiume, gente che pescava, stava in campeggio, faceva grigliate, un gruppo di bungalow carinissimi nella foresta, e poi bellissimi colori autunnali. Sono passata davanti a casette carine e attraverso quartieri tranquillissimi, ho respirato l’aria fresca di montagna e ho ascoltato il mormorio dell’acqua.

In totale ho impiegato circa tre ore a fare il percorso dalla stazione al famoso ponte e ritorno, anche se il tracciato invece di finire al pointe continuava per un altro pezzo per poi ritornare al ponte. E queste tre ore erano proprio il tempo che ci e’ voluto prima che ricominciasse a piovere, quindi posso dire che la mia missione e’ totalmente riuscita.











Friday, November 2, 2018

Modern art of Tokyo


It was a great autumn day in Tokyo. Warm, sunny, without wind, inviting. It was also a week day, a work day for most people. It was a free day for me, instead.

Debating whether or not I should get on my bicycle for a ride, I decided in the end to spend a few hours in Tokyo to catch up with some art and walk along the street devoid of people. Well, sort of. Tokyo streets are never deserted…

One gallery I visited is in the Harajuku neighborhood, called Ultra Super New. The artworks displayed there were created by an art collective (musicians, engineers, designers, etc) named Nor and were digitally made. The main installation in the gallery was called “dyebirth” and consists of a device that can mix colored dyes and water to create patterns on a surface. The patterns, or better the drawings of the patterns, are decided by an algorithm inspired by a Belgian physician who came up with a theory called “dissipating structure”. How the device works is simple but so amazing: a pump which is moved around by a mechanical arm following some code, pushes droplets of colored liquid through a needle on a flat surface, and one drop at a time and one needle shift at a time, it creates something. So, in fact, no person is painting or drawing a thing. Each “painting” can take hours to create, and the patterns are all different from one another. 

Shortly after, I went to Ginza to check out the one-room art gallery The Club. In there, paintings by the contemporary artist Jackie Saccoccio were hanging on three walls of the room. These were real painting, I mean canvas, paint and a person that does the work. The paintings were vibrant with colors, smears or drips of paint all over the place. The technique used to create the patterns is also simple and yet effective: the artist either smears or lets paint drip from canvas to canvas, building the layers of colors and the final image. Abstract art is a strange creation, as everybody sees what they want to see in it and everybody is free to like it or not. Truly inspiring.

I was the only person in the room in both places, I guess it was the advantage of doing things while everyone else is at work. But I also can imagine that not many people might be interested in these kinds of works. One alternative explanation is that people are too shy to go in there if there’s no one…the feeling of being watched, observed and oh dear judged can be upsetting for some.

Because it was such a great day, I walked a lot to reach the different galleries. And because of that I spotted another free exhibition, an art fair where a group of selected exhibitors among the Japanese artists, designers and craftsmen were given a dedicated space where to show their (purchasable) creations. All the time the exhibitors were also there, hoping to be asked more about their art and perhaps to sell some. This was a very random ensemble of items and styles, some cryptic and some plain weird but art nonetheless….this is the beauty of modern art. 

It is really amazing how much art happens in Tokyo without us realizing…creations, installations, images, paintings and more are everywhere and every time. And most of them free. The amount of small showrooms and galleries, tucked in places no one would look, is overwhelming.

That day was filled and definitely well spent. I’ll ride my bike another day.

****************

Era un bellissimo giorno d’autunno a Tokyo. Era caldo, soleggiato, senza vento, invitante. Era anche un giorno settimanale, di lavoro per molti. Invece per me era un giorno libero.

Stavo giusto pensando di fare un giro in bici, ma poi alla fine ho deciso di trascorrere qualche ora a Tokyo per vedere alcune esposizioni d’arte e per passeggiare per le strade prive di gente…beh, quasi prive. A Tokyo le strade non sono mail completamente deserte.

Una galleria che ho visitato, Ultra Super New, si trova nel quartiere di Harajuku. Nella sala c’erano pezzi d’arte digitale creati da un collettivo di ingegneri, designers, eccetera noto come Nor. L’installazione principale nella galleria era chiamata “dyebirth” e consiste in una apparecchiatura che mescola colori e acqua su di una superficie creando forme uniche. Queste forme vengono disegnate seguendo un algoritmo che si ispira a un fisico belga che si invento’ una teoria chiamata “struttura dissipativa”. Il funzionamento del macchinario e’ semplice ma fenomenale: un braccio meccanico si muove lungo una superficie, dove lascia cadere una goccia di liquido colorato, seguendo le istruzioni dell’algoritmo, che si va a mescolare con l’acqua per generare il disegno finale. In sostanza i disegni non sono fatti da esseri umani, ma da un programma. E ogni disegno, che viene completato dopo svariate ore, e’ diverso dall’altro.

Subito dopo, mi sono spostata a Ginza per visitare una galleria chiamata The Club dove si trovavano esposti i lavori dell’artista contemporanea Jackie Saccoccio. Questi erano dipinti veri, nel senso, con tela e colori a olio, a cui ci ha lavorato una persona in carne e ossa. I dipinti vibravano di colori, chiazze o rivoli di colore dappertutto. La tecnica usata per realizzare le opere e’ anch’essa semplice ma d’effetto: l’artista spennella il colore sulle tele o lo lascia gocciolare da una tela all’altra, creando cosi strati di colore e forme che danno vita all’immagine finale. L’arte astratta e’ una creazione davvero strana, ognuno ci vede quello che vuole ed ognuno e’ libero di amarla o no. Un’ispirazione davvero.

In entrambe le gallerie ero l’unica persona, mi sa che era per il fatto che tutti gli altri erano al lavoro. Ma posso anche capire che molta gente non ama questo tipo di opere. C’e’ pure una spiegazione alternativa, ovvero che la gente e’ intimorita dall’assenza di altri….quella sensazione di essere spiati, osservati o addirittura giudicati può essere troppo per alcuni.

Visto che la giornata era tanto bella, ho camminato tanto per spostarmi da posto a posto. E grazie al fatto che ero in giro a piedi mi sono imbattuta in una terza mostra, una sorta di fiera dell’arte e dell’artigianato in cui gli esibito erano scelti tra emergenti artisti, designers, ceramisti giapponesi che avevano cosi l’opportunità di farsi un nome e magari vendere qualcosa. Qui ho trovato una collezione abbastanza eccentrica di stili e oggetti, alcuni criptici e altri stranissimi, ma non ogni caso arte…questa e’ la bellezza dell’arte moderna.

E’ proprio pazzesco vedere di quanta arte ci sia in giro per Tokyo e non ce ne rendiamo conto…creazioni, installazioni , quadri, fotografie per tutto e tutti i gusti. E spesso tutte a ingresso gratuito. Anche la quantità di sale per esibizioni e gallerie nascoste nei posti più impensabili e’ inimmaginabile.

Questo giorno e’ stato decisamente pieno e trascorso al meglio. E per la mia bici verra’ un altro giorno.









Thursday, October 25, 2018

Sights of Koh Samui


And so I did the beach tour of Koh Samui. That also served to see what’s the real life on the island, what people do, where and how they live, what nature looks like, and more.

However I also wanted to explore a bit and know more about culture, although I guess I should have picked some cities in the north of Thailand where tourism is still a stranger and life is simple for that. Anyhow, there were a few sights in Koh Samui worth a stop. And a few others that weren’t worth a dime.

Starting with the latter kind, among the must-sees is a place famous for rock formations whose shapes remind of … phallic symbols. Both male and female, even. Yeah, so they say. And yeah, what a big deal NOT! The place is super exploited, with signs along the main roads, guarded parking areas, souvenir shops, food shops, rest areas and the whole shebang. For what? A bunch of rock. Just because of the mischievous nature of human beings. The site is visited by many, as one can guess, especially groups of boys or men who inevitably (and predictably) take dumb photographs. Not many people stop and look at the scenery before their eyes first…and that’s a pity because the view is postcard-worth. The white-ish rocks are all smoothed by centuries of exposure to the natural elements, there is a super tiny cove with a pretty beach, the water is cristalline…and all the giggles are definitely out of place.

Another not so impressive sight is the Laem Sor golden pagoda. But actually it is not golden. It is covered in tiny yellow tiles when one looks at it closer. I kid you not. Okay, it is built by the beach in the south of the island, so it may look romantic or scenic but for all that it takes to get there it is not worth it. Better to hike up to the pagoda towering over the lake in Chaweng. The lake….I did not spend much time to explore the lake or the hills around it because I didn’t like the idea of having to go through the noisy and trafficked roads in the city to get to the pagoda. So I skipped it.

Now the sights worth a stop. I mentioned already the Wat Plai Laem, the new and very colorful temple in Koh Samui. It covers a large area and it designed in a way that makes all shrines and walkways look like they are floating on water. There, a statue of a 18-armed goddess of mercy and compassion welcomes worshippers who come and pray to be saved from suffering. In each of the 18 hands the goddess holds tools that are supposed to ease such pains. Also, the goddess is worshipped by sailors as it is believed that she uses a dragon to travel to the ocean and avoid shipwrecks. There is also a totally unrelated statue of a laughing buddha. It is difficult to grasp the main religious influence in there, as there are elements of Chinese, Indian and Tibetan buddhism. Indeed, the buildings have multiple pointy roofs (typical thai), gold (indian) is used as much as vivid colors (Chinese), and it covers pretty much all kinds of evils one could pray to be saved from. Looks like one of those cases of “one size fits all”. All consider, though, despite the opulence and mishmash of styles the place looks nice and peaceful, other than giving a glimpse into the Thai’s beliefs.

There is another religious site, clearly visible from the plane upon approaching the airport (which tiny but cute), where a golden buddha statue towers over the area. Not very impressive to me after the marvelous temples and statues in Japan, but perhaps worth a visit by tourists who are in south east Asia for the first time.

But what’s really worth seeing is all the amazing Nature out there. It hints as well at how people have evolved their skills to survive as many still live in the jungle in the center of the island. Trees, especially palm trees, grow tall and lush creating a canopy that shelters form either heavy rains or scorching sun. People inhabit mere shelters made of thin wood, keep some chickens or a buffalo (there is a lot of buffalo fighting business there) and posses little. 

There are tens of waterfalls, and probably all of them would be worth checking out. Two of them are listed in all guiding pamphlets and leaflets, and also advertised by big road signs, as they supposedly are the most impressive of all. I decided to see one of these two waterfalls, the one that’s easily reachable from the main road. The waterfall is not very high, but slides down a rocky surface and creates a little pond where people swim. It is not breathtaking, but it’s in the woods, and brings relief from the heat. Plus, as being a sightseeing spot, it comes with souvenir and food shops. The second of the very advertised waterfalls, with an 80m drop, is tucked more into the mountains and can be reached, another main tourist attraction, while sitting (not comfortably) on an elephant’s back. I went to the enclosure where they were kept, in chains because sometimes (stupid) tourists manage to irate them, and definitely you don’t want to anger an elephant, even the small asian ones…As exotic as it may sound, I didn’t even think of paying for an elephant ride, because I don’t like seeing animals, especially wild ones, coerced into pleasing humans.

Anyhow, the best thing I did was to join a jungle quad ride. We rode in two groups through the wild trails, crossed rivers and got soaked, rode over mud and got dirty, we drove under the rain (a sudden 10min downpour), we went up and down rocky hills. Those things stay on all fours on every kind of terrain. Really amazing. I know that a jungle tour on a 4-wheeled motorbike is not really cultural, but it was the best way to get to the mountains: no need to look for directions (GPS is of no help), plus I wasn’t alone. 

I couldn’t have been more satisfied with Koh Samui, given how little planning and consideration it took. Perhaps I should always book my holidays on an impulse.

************

E pure il giro delle spiagge di Ko Samui lo abbiamo fatto. In un certo modo mi e’ anche servito a capire come si vive davvero nell’isola, cosa fanno le persone, dove e come vivono, com’e’ la natura e altro.

E pero’ volevo anche esplorare un po e informarmi sulla cultura, seppure mi sa che per quella avrei dovuto scegliere un posto remoto della Tailandia del nord dove il turismo e’ un perfetto straniero e la vita e’ semplice. In ogni caso c’erano alcuni siti degni di visita anche a Ko Samui…e altri che non valevano proprio la pena.

Iniziando con la seconda categoria, tra le cose da vedere in ogni guida c’e’ un posto famoso per delle formazioni rocciose che ricordano le forme di simboli fallici, maschili e femminili. E, si, infatti…quanto clamore per due pietre! Il posto pero’ e’ super sfruttato, visto che ci sono indicazioni lungo la strada principale, parcheggio, negozi di souvenir e cibarie tipiche, area di riposo e tutto. Esatto, per un paio di pietre. Tutto per la natura maliziosa degli esseri umani. Vai a capire. Molti sono i visitatori, come uno può ben immaginare, soprattutto gruppi di ragazzi e uomini che non possono proprio non possono fare a meno di fare foto da idioti. Peccato che non molti si soffermano prima sul paesaggio, perché la vista e’ proprio da cartolina. Le rocce biancastre sono rese lisce dall’usura del tempo, una spiaggia piccolina si nasconde in un incavo tra le rocce, l’acqua e’ cristallina e tutte quelle risatine da immaturi sono decisamente fuori luogo.

Un altra cosa decisamente da non considerare troppo e’ la pagoda dorata Laem Sor. Che poi, dorata non e’. Infatti se uno si avvicina abbastanza nota che la pagoda e’ rivestita da piccole piastrelle gialle. Tanto meglio allora farsi una breve scarpinata su per la collina che troneggia sul lago Chaweng per vedere quella di pagoda. Il lago non e’ rientrato tra le mie mete, visto che non mi andava l’idea di dovermi addentrare nel traffico cittadino per arrivare alla pagoda. E quindi l’ho tralasciato.

Parliamo ora dei siti che vale la pena visitare. Ho gia accennato al tempio Wat Plai Leam, il recente e coloratissimo tempio di Ko Samui…Si erge su una ampia area ed e’ progettato in modo tale che appaia come galleggiante sull’acqua. Li si trova la statua della dea della pieta e compassione, che ha 18 braccia e a cui si rivolgono coloro che soffrono. In ognuna delle 18 mani la divinità tiene degli oggetti che aiutano a far guarire da tutte le sofferenze. In aggiunta, la dea si muove su di un drago per raggiungere i mari e salvare i marinai dalle tempeste, e quindi e’ anche venerata dai pescatori e marinai. Qui si trova anche la statua di un buddha che ride, che non ha nessun nesso col resto. E’ difficile capire che tipo di influence religiose giocano qui, visto che ci sono elementi presi dal buddismo cinese, indiano e tibetano. E infatti i templi hanno tetti appuntiti (tipici tailandesi), c’e’ molto oro (India) tanto quanto colori vividi (Cina)… in pratica questo sito e’ efficace contro tutti i tipi di male. In fin dei conti, nonostante l’opulenza e la mescolanza, il posto non e’ male, e’ tranquillo e silenzioso e poi da’ comunque un’idea delle credenze dei tailandesi.

C’e’ un altro sito religioso che si vede chiaramente dall’aereo quando si sta per atterrare, e li si trova una statua in oro di buddha su un altare sopraelevato. Niente di che, soprattutto per me che da quando vivo in Giappone le statue e i templi le vedo ormai ogni giorno, ma e’ un valido stop per i turisti che visitano il sudest asiatico per la prima volta.

La verità  pero’ e’ che e’ la natura la cosa che vale la pena di più ammirare. E in aggiunta da’ un’idea di come la popolazione locale si sia arrangiata a sopravvivere nella giungla dell’entroterra. Alberi, e in particolare palme, alti e fitti creano una copertura naturale che ripara da pioggia e sole. Qui la gente vive in capanne semplici fatte in legno, allevano polli oppure bufali (pare che le lotte tra bufali siano uno sport nazionale), e non posseggono molto. 

Ci sono decine di cascate ovunque, e scommetto che tutte sono belle da vedere. Due di queste che pare siano le più sceniche sono inserite nelle guide turistiche e nell’elenco di attività consigliate, oltre che a essere pubblicizzate da grossi cartelli lungo le strade. Ho deciso di vedere una delle due, quella che ha più facile accesso dalla strada principale. La cascata non e’ altissima ma crea un piccolo lago dove ci si può fare il bagno. Non e’ spettacolare ma visto che sta in mezzo agli alberi porta un certo refrigerio sedersi vicino all’acqua per qualche minuto. La seconda cascata ha un’altezza di circa 80 metri e e’ nascosta tra le montagne e si raggiunge facilmente usando un mezzo di trasporto non convenzionale, che ai turisti piace, ovvero su un elefante. Sono andata vicino al loro recinto, dove stavano in catene visto che spesso turisti stupidi irritano gli animali…e diciamo che far arrabbiare un elefante non e’ mai una buona idea. In ogni caso non amo sfruttare gli animali, quindi no gita sul groppone dell’elefante per quanto esotica possa sembrare la cosa.

Invece la cosa più divertente in assoluto che ho fatto e’ stato registrarmi a un tour della giungla in moto a 4 ruote. E’ vero che questo tour non ha tanto di culturale, ma era il modo migliore per addentrarsi nelle montagne: nessun bisogno di seguire indicazioni, e non ero sola tra i sentieri.

Non potevo essere più contenta con Ko Samui, visto quanto poco tempo ci ho messo per organizzare e pensarci su. Forse e’ meglio se d’ora in poi faccio le mie vacanze d’impulso.













Friday, October 19, 2018

Beaches of Koh Samui


So, where where we? 

Like everywhere else in Thailand, the island of Koh Samui is best known for its famed beaches. And, poor me, I had to check them out.

My accommodation was, in my opinion, in the best part of the island: a place called Fishermen Village, on the north east coast and not too far from the airport. This village, as the name suggests, was inhabited mostly by fishermen. However, nowadays the village is famous for its shops and boutiques, spas and restaurants that look out to the sea. Patrons can even sit at a table or on a bean bag on the beach in the evening. What makes it different from all the other areas is that the fishermen village has kept its original look, as all new buildings along the main walking street are designed to match the style of the previous settlements; also, the main street is cozy, quiet and laid back…something I didn’t find anywhere else in the island. As my room had a sea view, I spent the early mornings sitting out on the balcony while having breakfast and watch a couple of fishermen going out to see or coming back with the morning catch. That was THE definition of relax and peace.

This sleepy village gets animated once a week when vendors from all over Samui gather to sell their merchandise here. Spices, herbs, fruits and all sorts of food are sold at temporary stalls together with the clothes and crafts, contributing to the already beautiful settings. However, although the accommodation I had found and the surroundings were perfect, the beach in the village was not the best, so I toured the island to see what it had to offer.

Just a few miles from the Fishermen village I found an amazing place, Maenam, with gold yellow sand and almost no people. One side of the beach was taken by a fancy resort hotel, with pool bar and a gym, massage stations and rope beach bags for its guests. I know all about the hotel because I hung around: the majority of hotels by the beach allow anyone who orders food or drinks to get a chair and an umbrella. A sweet deal I took advantage of basically all the time. The other side of the beach was bare, empty and deserted, except for the occasional beach hopping tourists willing to find a quiet spot. There even were leftovers of a resort or restaurant, hard to tell, either burned down or simply wrecked.

The west coast of Koh Samui is definitely for the people very much into suntan at all costs and stunning sunsets. I didn’t see a lot of activity along these beaches, almost gone during high tide and with more rocks in the water. I am sure though they will soon be transformed into a strip of hotels and restaurants for the ever growing population of tourists. For now, all those willing to escape the bustle in favor of a more laid back holiday can head to this part of Samui and just chill.

The real center of the island is a place called Chaweng, on the east coast. The entire east coast of Samui is actually blessed with long, very long stretches of white beaches that are wide enough for people to suntan, stroll, play, jog and yet feel they’re not invading other people’s space. But I was there in low season, so that might have contributed to such feeling….it might not be like that in the high season. The city of Chaweng has got all the key entertainments like the biggest night market, lively nightlife, a go-kart circuit, indoor skydiving, a nice lake to stroll by, malls and clubs, gyms and of course souvenir shops. That means it was loud, too loud, and too crowded for my taste. I was glad I didn’t stay there.
The tourists I saw here in Chaweng, not sure whether a cause or effect of its popularity, were mainly the younger, tattooed, gym fanatics, partygoer kind, in contrast to the ones at the fishermen village who were those looking for peace and quiet, including myself.

Not too far from the trendy and lively location of Chaweng is Lamai, an area slightly hipster and less crowded but still filled with nice shops and boutiques. The beach was wide and white here in Lamai as well, although the afternoon sun disappeared too early behind the tall trees lining the beach. This was clearly the beach for afternoon jogging, not for suntanning.

The south coast, finally, looked a little bit like the west: less developed, more laid back, quiet and with a real remote island feel.

The lovely and helpful staff at the hotel I was staying in suggested I went to some less beaten shores and I have to say I absolutely loved the recommendations. One beach was inside a cove, surrounded by cliffs and hidden from the road by a resort hotel. White sand, waters calm and crystal clear, stunning natural settings. Not by chance, the place is called Crystal Bay. A real gem.

Another great suggestion was Choeng Mon, tucked in the north-east tip of the island, rather avoided by the mass tourists. In part this was because there was no real sign for the beach entrance, and such entrance was just so dusted and crumbled that looked like a construction site entrance. But once beyond it…Dozens of sailing boats and catamarans dotted the horizon, and a perfectly moon-shaped white coast was enclosed on one side by rocky cliffs and on one side by a tiny strip of sand that was accessible by foot on low tide (and colorful vans on high tide). It also seemed to me that most of the resort guests there (oldies for the most part) were regular visitors, and knew each other well…I guess years spent in the same place, three weeks at a time, earn you some friends. 

To all those who wonder whether the colors seen in photographs of Thai beaches are true: they are. It rained a couple of times while I was in the island, and I clearly saw the differences in brilliance and intensity of the colors…very green greens, very blue blues, very white whites filled my eyes when it was sunny, while they all faded into some more dull, grey-ish shade when it was cloudy and yet still pretty. Got to go and see for yourselves.

*************

Allora, dove eravamo rimasti?

Ovunque in Tailandia le spiagge hanno una certa fama, e lo stesso vale a Ko Samui. E cosi, povera me, mi e’ toccato verificare.

Il mio alloggio era nella parte secondo me migliore dell’isola: un posto che si chiama villaggio dei pescatori che sta nella parte nord est, poco lontano dall’aeroporto. Questo villaggio, come suggerisce il nome, era fatto di pescatori. Tuttavia oggigiorno il villaggio e’ famoso per i suoi negozi e i ristoranti con vista mare. La sera e’ anche possibile sedersi sulla spiaggia per un drink o per cenare. La cosa che rende il villaggio dei pescatori diverso dal resto e’ che ha mantenuto lo stile originale di un tempo, visto che gli edifici recenti sono costruiti a modello di quelli precedenti; inoltre la via principale e’ molto tranquilla e carinissima, cosa che non esiste altrove nell’isola. Visto che la mia camera aveva la vista sul mare, ho passato le mattine seduta sul balcone a gustarmi la mia colazione mentre alcuni pescatori ritornavano dalla loro battuta di pesca. Più rilassante di cosi non si può’.

Questo villaggio tranquillo si anima una volta a settimana quando commercianti di tutta l’isola si riuniscono in una sorta di fiera. L’ambientazione gia’ pittoresca di suo viene arricchita quindi da bancarelle con spezie, erbe, frutta, oggetti di artigianato, e tutto. Tuttavia, seppure l’alloggio che ho trovato e l’ambiente circostante erano perfetti, la spiaggia al villaggio non era il massimo, quindi mi sono fatta un giro dell’isola.

A pochi chilometri dal villaggio dei pescatori c’e’ la bellissima spiaggia di Maenam, sabbia giallo oro e zero gente. Un lato della spiaggia apparteneva a un albergo molto bello, con bar in piscina, palestra, area massaggio e borse da spiaggia in corda per tutti gli ospiti dell’albergo. E so tutto questo perché mi sono trattenuta li’. La maggior parte degli alberghi infatti lascia chiunque usare le sdraio purché si ordini qualcosa al bar o al ristorante dell’albergo, cosa che io ho fatto praticamente sempre. Ritornando alla spiaggia, l’altro lato era vuoto, deserto e desolato, eccetto per la solita manciata di turisti alla ricerca di un angolo tranquillo. C’erano persino resti di quel che deve essere stato ristorante o albergo, difficile dirlo visto lo stato.

La costa ovest di Ko Samui e’ fatta apposta per color che cercano l’abbronzatura a tutti i costi e tramonti meravigliosi. Non c’era tantissima attività da queste parti, dove le spiagge sono piccole, quasi interamente sommerse durante l’alta marea, e dalle acque scogliose, anche se sono sicura che presto anche loro saranno trasformate in una successone di locali e alberghi per la crescente popolazione di turisti. Per ora, chi vuole scappare dal clamore in cambio di un po di pace e serenità si può dirigere verso questa parte.

Il vero centro dell’isola e’ Chaweng, sulla costa est. A dire il vero tutta la costa est di Samui e’ una lunga e larghissima striscia di sabbia fine e bianca, dove ci si può abbronzare in mezzo a chi passeggia, o gioca a racchettoni o a pallone,senza che si abbia la sensazione di non avere spazio personale.Certo, c’e’ da dire che io sono stata li’ fuori stagione, quindi magari sara’ un po’ diverso in alta stagione. La città di Chaweng ha tutto ciò che un turista desideri, ovvero locali, il mercato serale, vita notturna, un circuito per go-kart, un posto dove provare il brivido del paracadutismo, palestre, negozi e molto altro. Ma questo significa che c’era troppa gente e troppo rumore per i miei gusti. Meno male che non ho pernottato li. 
Poi, i turisti che ho visto qui, non so se una causa o un effetto della popolarità del luogo, erano tutti del tipo tatuato, palestrato, giovane, amante del divertimento. Questo era in netto contrasto con la tipologia di gente al villaggio, che invece annoverava quelli che come me volevano solo pace e relax.

Non molto lontano dalla mondana Chaweng c’e’ Lamai, un’area leggermente più elegante e meno affollata, ma comunque zeppa di negozi e locali. La spiaggia qui era sempre bianchissima e finissima, anche se nel pomeriggio il sole andava via presto dietro le alte e fitte palme lungo la spiaggia.

Infine la costa sud era un po’ come la costa ovest, poco sviluppata ma tranquilla e che dava una sensazione di isola remota. 

Le impiegate dell’albergo dove stavo sono state gentilissime e mi hanno suggerito alcune spiagge meno affollate e devo dire che hanno suggerito proprio bene. Una spiaggia stava nascosta in una insenatura tra le rocce, nascosta alla strada da un albergo. Spiaggia bianca, acque calme e cristalline e panorama unico. Non a caso, la spiaggia si chiama Crystal Bay. Una gemma vera e propria.

Un altro ottimo suggerimento e’ stata la spiaggia di Choeng Mon, nascosta nella parte nord est dell’isola, evitata dal turismo di massa. Questo era in parte dovuto al fatto che non c’era una indicazione precisa per l’ingresso e l’ingresso stesso era talmente sgangherato che sembrava l’ingresso di un cantiere. Pero’, una volta superato quell’ingresso…decine di barche a vela e catamarani punteggiavano l’orizzonte, e una costa perfettamente a mezzaluna era racchiusa da un lato da scogli e da un lato da una lingua di sabbia che emergeva solo durante la bassa marea. Ho anche avuto l’impressione che la maggior parte dei residenti dell’albergo (per la maggiore avanti con gli anni) erano clienti abituali e si conoscevano tra loro…mi sa che quando uno passa li 3 settimane alla volta di anno in anno, finisce col farsi degli amici.

Per tutti quelli che si chiedono se i colori nelle foto delle spiagge tailandesi sono reali: realissimi. Mentre mi trovavo nell’isola ha piovuto un paio di volte, e ho notato chiaramente la differenza nella brillantezza e intensità dei colori….verdissimi verdi, blu intensi e bianchi bianchissimi mi riempivano gli occhi quando c’era il sole mentre quando era nuvoloso si coprivano di una patina grigiastra, eppure parevano lo stesso belli. Verificate di persona. 













Monday, October 15, 2018

Picture perfect - Koh Samui


Never was vacation so suddenly finalized.

Contrary to my usual starting to mull over everything and procrastinating over the booking of flights and accommodations for a long time, this time I took the first option that looked good enough before I could change my mind. So one day I am in my home couch pondering what to do with my days off, and the next I am on my way to the airport....Without prior research nor knowledge, I then leaped into the uncertain and ended up spending a week more or less in Koh Samui island, the second biggest in Thailand.

This Koh Samui, now I learn, has an interesting background. Originally inhabited by Malay and Chinese fishermen, the island was pretty much self-sufficient and isolated from main land until after WWII. Its center is mountainous and covered by tropical jungle, whereas the coastal areas boast beaches of all shades of white and all kinds of sand grains. It is a rather small island, fitting in a square of 15km in size more or less, but has a high visitors density. From being without paved roads and airport until the late 70's, in facts, Koh Samui became a tourism mecca with more than half million tourists per year. 

I remember once being told this island was still one of those fairly unknown destinations, unspoiled and pristine. This was about 10 years ago...but what I saw wasn't exactly matching that description. Obviously in just a decade rapid economical growth and modernization transformed the once remote place into a resort hotels and spas paradise. Construction sites are everywhere, new hotels are being built, roads expanded. On this note, I noticed that motorways are generally well maintained, although they show the occasional bump or hole, but I have to say that the roads to get to my home town in Sicily are in worse shape than the roads in Samui. The smaller roads cutting through the island are still sub-optimal, but I reckon they’ll be improved with time.

Most people live in nice brick-walled houses in one of the 7 main district towns, many of which are the concrete equivalent of the typical stilt house (built on pillars) so that the humidity of the ground is kept away from seeping through the rooms. In the forest, and anyway away from the town’s centers, people still live in wooden stilt houses, with minimal furnishing and facilities and basic utilities. Wealthier residents, instead live in private villas (or many-star hotels in case of the tourists) equipped with every comfort item money can buy.

Other than luxury living and vacationing, the island is also famous for coconut, representing one of the major exports. The fruit is used for everything from drinks to crafts, from food to beauty products. I have never seen mountains of coconut shells so high and so big like on this island.

I am not sure whether there was some heritage that could be found in the island, but most of what I saw did not seem to be that old. Even one of the most important religious sites, the Wat Plai Laem, was built perhaps 20 years ago. But more to come on this later. So, essentially the whole place is made to make tourists (Brits and Germans above all) feel at home: international hospitals, hundreds of pharmacies with worldwide known prescription and OTC drugs, bakeries where perfect croissants are made every day, bars of all kinds and with many cocktails to choose among, shops with fancy clothes and accessories, brand stores, malls, shopping centers, guided tour and real estate agencies et cetera. Many are also the Europeans or Australians who set up thriving businesses in the island. Due to the striking European presence English is spoken everywhere on the island, and that gives the impression Koh Samui is a hybrid between a tropical getaway and your home town. I liked that language was not a barrier,  but it somewhat failed my expectation of what an asian tropical place would be (given what I experienced in other southeast asian countries).

Probably the only real local experience left is to check out the daily markets, a place however I personally would not be able to enter. EVER. Due to the hot and humid weather, fresh produce rots quickly. Or that was my most plausible explanation. I had to pass by one of them a couple of times and the stench of fish and meat (or who knows what) in the air was sickening. I don’t know how people manage. Night markets were better, as most of the stuff around was either souvenirs, cooked food, or crafts.

The two main activities I busied myself with were beach-hopping, of course, and sightseeing. I will mention both separately, in the very near future, so stay tuned to know more.

The food experience was one of its own I probably should describe separately as well, but I fear it’ll be a never ending story. As a lover of Asian food, my palate (not to mention my tummy) couldn’t be more delighted to be exposed to such a rich array of local dishes. Every restaurant where I was staying, for instance, either was Thai or offered a small selection of Thai food. Really now, with all of that available, who would want to get away from a place like that?

***************

Mai vacanza fu finalizzata cosi di colpo.

A differenza del mio solito pensarci e ripensarci per sempre quando viene il momento di prenotare voli e alberghi, stavolta ho preso la prima opzione che mi e’ piaciuta prima che potessi cambiare idea. Un giorno sono a casa a decidere cosa fare delle mie ferie, il giorno dopo sono in viaggio…Senza alcuna preparazione a priori, mi sono quindi lanciata nel buio e mi sono ritrovata per una settimana circa nell’isola di Ko Samui, la seconda più grande dell’arcipelago tailandese.

Ora, questa Ko Samui pare abbia dei trascorsi interessanti. Originariamente abitata per lo più da pescatori malesi e cinesi, l’isola e’ stata autosufficiente e isolata dalla terraferma fino a oltre la fine della seconda guerra mondiale. Il centro dell’isola e’ montagnoso e ricoperto da giungla tropicale, mentre le aree costiere vantano spiagge di tutti i toni di bianco e tutti i tipi di grani. L’isola e’ piuttosto piccola, come un quadrato di 15km di lato, ma ha un’altissima densità di turisti. Da che era senza aeroporto e senza strade asfaltate fino alla fine degli anni settanta, infatti, Ko Samui e’ diventata una mecca turistica con oltre mezzo milione di visitatori all’anno.

Mi ricordo che mi fu detto di Samui come di una destinazione ancora relativamente sconosciuta e poco sfruttata. Ma questo 10 anni fa circa…quello che ho visto io invece non combaciava proprio la descrizione. Chiaramente in poco più di un decennio una rapida crescita economica e modernizzazione hanno trasformato questo posto un tempo remoto in un paradiso turistico. Ovunque si vedono cantieri sia per costruzioni di nuovi alberghi sia per lavori stradali. Devo dire che le strade sono generalmente in buono stato, seppure si becca l’occasionale dosso o fosso, ma onestamente la strada che conduce al mio paesino in Sicilia e’ messa molto peggio. Le stradine più piccole che attraversano l’isola sono ancora in condizioni meno che buone, ma sono sicura che col tempo anche quelle saranno migliorate.

La maggior parte della popolazione vive in case in muratura in una delle sette cittadine principali, costruite a modello delle tradizionali palafitte in legno, in modo da evitare l’umidità che si diffonde dal terreno. Invece nel mezzo della foresta, o comunque lontano dai centri abitati grossi, la gente vive ancora in capanne di legno con il minimo essenziale. I residenti più benestanti invece vivono in ville private (o alberghi a più stelle per i turisti) dotate di ogni comfort che può essere comprato.

A parte il lusso per chi vive o soggiorna qui, l’isola e’ famosa per la produzione di noci di cocco, i cui prodotti rappresentano una delle maggiori fonti di esportazione. Di questo frutto si fa tutto, dalle bevande a artigianato, da cibo a prodotti di bellezza. Non ho mai visto montagne di noci di cocco cosi alte come a Ko Samui.

Non sono sicura se ci fosse un qualcosa di storico nell’isola, ma la maggior parte di tutto quello che ho visto non sembrava vecchio per niente. Anche uno dei siti religiosi più importanti, il Wat Plai Laem, e’ stato costruito come 20 anni fa. ma di questo vi racconterò successivamente. Quindi, di fatto l’intera isola e’ fatta in modo da far sentire i turisti (soprattutto tedeschi e inglesi) come a casa: ospedali internazionali, centinaia di farmacie con ogni tipo di medicina, panetterie dove ogni giorno si sfornano connetti perfetti, bar di ogni tipo e per ogni gusto, negozi con accessori e capi di ogni marca, centri commerciali, agenzie di viaggi e immobiliari e altro. Molti sono anche gli europei e australiani che hanno fatto del turismo il loro mestiere nell’isola. Vista la grossa presenza europea, l’inglese si parla ovunque e ciò da’ l’impressione che Ko Samui sia un ibrido tra un’isola tropicale e un quartiere di città. Mi e’ piaciuto il fatto che la comunicazione non fosse un problema, eppure in un certo modo non si confaceva a quello che mi aspettavo di un posto cosi (visti anche i miei viaggi in altre destinazioni del sudest asiatico).

Forse l’unica esperienza di genuinità e’ il mercato, un posto in cui io purtroppo non potrei entrare MAI. Per via del caldo umido, i prodotti freschi si guastano rapidamente..o almeno quella e’ stata la mia spiegazione più plausibile. Un paio di volte sono dovuta passare davanti al mercato e l’odore di chissà cosa, pesce o carne o altro, all’aria era nauseabondo. Non mi rendo conto di come gli altri potessero tollerarlo. I mercati notturni invece erano meglio, visto che li si vendono solo prodotti di artigianato, souvenir o cibi cotti.

Le due attività che mi hanno tenuta occupata sono state ovviamente visitare le spiagge e un po’ di turismo storico-culturale. Di queste ne parlerò successivamente, quindi aspettatevi aggiornamenti.

L’esperienza culinaria sarebbe una che andrebbe trattata indipendentemente, ma se comincio mi sa che non finisco piu. Da amante dei cibi asiatici, il mio palato (e il mio stomaco) sono stati più che deliziati dalla ricca e gustosa varietà delle pietanze tailandesi. Nel villaggio dove ho pernottato ogni ristorante o era tailandese o comunque proponeva un minimo di piatti locali. Ma dico, veramente, con tutto quello che di buono c’e’ in un posto del genere, ma chi se ne vuole andare più?












Friday, October 12, 2018

Cape Manazuru - 真鶴岬

The season for hiking has arrived. Wait. Not just yet, since we’ve been lashed by two powerful typhoons, remnants of the wet season, days within each other and immediately after cooked by temperatures above 30 C degrees…

But since we have one extra day off this month, the sports day (here you’ll find an example of what people do on this day), and since the air was much cooler that day I decided to go for a light and short hike not too far from home. The destination I picked was Manazuru cape (真鶴岬), a rocky volcanic peninsula that juts onto the sea not too far from Yokohama. It was one of those places I’ve had on my list for too long and finally I’ve seen it. Hopefully many other places will be taken off that very same list in the future.

There is little information on the internet about a “well known” hiking trail in Manazuru, and that little info were ambiguous. Some say it’s a hiking trail, some say it’s a walking route. I honestly didn’t really pay too much attention to the descriptions from people who told me had been there or those who wrote about it. After living in Japan for so long I know for a fact that if there is a walking or hiking course, it is well indicated by road signs everywhere…one just needs to know where to look for them. But I had some difficulties to locate the “trail” once I stepped out of the station. My naive assumption was in fact that the trail would be one that goes off the urbanized areas to go through some nature, and so I was baffled when I couldn’t find any trail at all in the vicinity of the train station -where everyone says the trail “begins”. The thing is, all the walking courses do really begin at the station but run along the main road for the first bit…of course I couldn’t find the “trail”! And, as I rightly  assumed I’d find, the maps that displayed all the several walking courses around and across the peninsula were along this main road. D’uh.

At some point near the tip of the peninsula  -about bloody time!- a trail, a real forest trail, splits from the road and goes down to the coast through the trees. Then a concrete walkway allows people to walk the last stretch to reach the tip by the water where iconic rocks (called 三ツ石, meaning Three Rocks) dot the sea, waves crashing on them. I bet diving and snorkeling all around Manazuru must be great.

The view there was wonderful, and reminded me a lot of a beautiful seaside town in Sicily, Acitrezza, where the coast is of same volcanic origin. I don’t know if there is a legend about the rocks of cape Manazuru (like, for example the story about Kushimoto’s rock bridge (here), but surely I do know that about the Sicilian rocks: it is said that the cyclops Polyphemus lived under the Etna volcano, working to create thunderbolts for Zeus. He devoured many of Ulysses’ men while they were stopping by in Sicily, so Ulysses fooled and blinded him to escape; Polyphemus, angry, threw huge lava-hot rocks into the sea to stop him and that’s how the rocks came to be.

Anyhow, back to present-day Japan, after spending some time in contemplation of the sea, I set to return. The route back on the other side of the peninsula is not that exciting, at it sneaks through the town. But it gives an idea of how life is for these seaside towns.

A couple of hiking courses describe a loop and cross the peninsula from coast to coast…those are maybe more interesting than a mere walk along the motorway, and can easily be included or not depending on how much time one wants to spend there.

In my initial trial-end-error search of The Hiking Trail, I actually happened to locate and follow a completely different kind of trails, which run through the woods but are some kind of shortcuts perhaps used once to get from house to house, or simply to get down to the sea. Many of them are rarely used, if not at all, and as a result nature regains control of them quickly. So all the while I was so impatient to find the bloody trail through the forest that never was, flocks of hungry mosquitoes stung me everywhere and I dodged gazillion of chest-high spider webs everywhere. Too bad for such neglect actually, because the forest is gorgeous, mainly made of pine trees and bamboo, and a little regular maintenance of those trails (with signs) would definitely improve a visitor’s experience.

Now, those of you who want to avoid the trafficked main road form the start remember to shower yourself in repellent (even in winter), keep an eye above your head (not to have an eye-to-eye encounter with large arachnids) and one on your feet (not to slip and tumble). Also, don’t sing victory when you think you’ve found The Hiking Trail: if there are no signs, although you are in the forest you’re just going to people’s homes. They have shiny post boxes, which means at least the mailman walks those trails once in a while.

So go explore the beautiful coast and hills of Manazuru, but do the smart thing and get a map…your GPS won’t be of any help there.

*************

La stagione delle passeggiate in montagna e’ arrivata. O meglio, non esattamente, visto che siamo stati presi d’assalto da due tifoni, residui della stagione umida, a pochi giorni di distanza e poi immediatamente dopo siamo stati bolliti da temperature oltre i 30 gradi…

Ma siccome questo mese abbiamo un giorno festivo in più, la giornata dello sport (qui trovate un esempio di cosa si fa in questo giorno), e visto che l’aria era molto più fresca del giorno precedente, ho deciso di visitare un posto non lontano da casa per una passeggiata in mezzo ai boschi. La destinazione che ho scelto e’ capo Manazuru (真鶴岬), una penisola rocciosa di origine vulcanica non lontano da Yokohama. Era nella mila lista da troppo tempo e finalmente l’ho potuto depennare. E magari in futuro molti altri posti in quella lista faranno la stessa fine.

Su internet ho trovato pochissimo riguardo a un sentiero “ben noto” per fare trekking a Manazuru, e quel poco era ambiguo. Alcuni dicono ci sia un sentiero per camminata sportiva, altri dicono sia solo un percorso a piedi per passeggiata. Io a dire il vero non ho prestato moltissima attenzione su cosa e’ scritto o detto di questi fantomatici sentieri. Avendo vissuto tanti anni in Giappone so per certo che se c’e’ un sentiero di sorta, tale sentiero e’ ben segnalato….uno deve solo sapere dove guardare. Ma una volta li ho avuto delle difficolta a trovare sto “sentiero”. Ho supposto infatti che se e’ di un sentiero che stiamo parlando, lo dovrei trovare superando l’area urbanizzata; quindi sono rimasta un po’ disorientata quando non ho visto nessun sentiero che si dipartiva dalla stazione, che e’ dove tutti dicono che inizia. Il fatto e’ che in effetti i sentieri e i percorsi iniziano proprio dalla stazione ma seguono la strada principale per un bel pezzo…e certo che non potevo trovare mai il “sentiero”! Mannagg! E, come mi aspettavo di trovare, le mappe con le indicazioni per i sentieri erano tutte lungo la strada principale…

A un certo punto, ed era pure ora, vicino la punta della penisola un sentiero, uno vero, si diparte dalla strada e porta verso la costa attraverso la pineta. Li’ una passerella di cemento fa si che si possa camminare per l’ultimo tratto fino a raggiungere la punta dove si possono ammirare delle formazioni rocciose sul mare (le tre rocce, 三ツ石) sferzate da ondate e vento. Scommetto che le immersioni in questa zona devono essere fantastiche.

La vista era meravigliosa, e mi ha ricordato tantissimo della cittadina di Aci Trezza in Sicilia, dove la costa e’ anch’essa di origine vulcanica. Non so se esiste una leggenda sulle rocce di capo Manazuru (come ad esempio per Kushimoto -> qui), ma so per certo che ne esiste una per i cosiddetti faraglioni in Sicilia: si narra che il ciclope Polifemo vivesse sotto il vulcano Etna, e li preparasse fulmini per Zeus. Mentre Ulisse e i suoi uomini si erano fermati in Sicilia per riposare, Polifemo ne divoro’ molti; Ulisse per vendicarsi e fuggire acceco’ Polifemo che provo’ a fermarli lanciando rocce infuocate verso il mare.

Ritornando al Giappone odierno, dopo aver contemplato il mare per un po’ decido di ritornare. La via di ritorno sull’altro lato della penisola non e’ molto interessante visto che attraversa la città. ma comunque da’ un’idea di come la gente in vive nei villaggi di mare. 

Ci sono un paio di sentieri che collegano i due lati della penisola che forse sono più interessanti di una passeggiata lungo la strada trafficata, e che possono essere inclusi facilmente in un itinerario più comprensivo in base al tempo che si ha. Nella mia ricerca iniziale del proverbiale sentiero tra la natura mi sono imbattuta in tutt’altra tipologia di sentieri, che passavano attraverso i boschi ma che in realtà sono una specie di scorciatoia che la gente del posto usa o per spostarsi di casa in casa o per raggiungere il mare. Molti sono usati raramente, se non disusi del tutto, e di conseguenza la natura se ne impossessa rapidamente. E mentre cercavo incessantemente sto cavolo di sentiero nella foresta che non e’ mai esistito, sciami di zanzare mi hanno dissanguata e ho evitato per un pelo centinaia di ragnatele ad altezza d’uomo.

Peccato per tale abbandono, perché i boschi sono stupendi, per la maggiore costituiti da pini o bambù, e un piccolo sforzo nella manutenzione dei percorsi (con indicazioni) migliorerebbe di certo l’esperienza di ogni visitatore.

Quindi, quelli di voi che vogliono evitare il traffico della strada principale sin dall’inizio, ricordatevi di immergervi in repellente per le zanzare, anche in inverno, e di tenere un occhio a dove mettete i piedi (per non scivolare) e un altro a dove stanno le ragnatele (per evitare incontri ravvicinati con ragni enormi).

Divertitevi a esplorare la costa e i boschi bellissimi di Manazuru, ma siate furbi e procuratevi una mappa….il segnale GPS in quelle zone non aiuta moltissimo.