Sunday, January 13, 2019

Winter break broke - and refreshed - me


My winter holiday trend is to either stay in Japan or vacation in Australia, the latter being the preferred one (hint: seasons). I broke that trend this year, having decided to go to Sicily for once. In retrospect, given I had less rest than I’d envisioned, it would have been better to go a different time of the year.

I can already begin the account of my vacation with the day I landed, when the volcano was waking up and causing airport disruptions and earthquakes. I was lucky enough to see the beginning of the activity from the airplane, and more importantly lucky enough that my plane could land. Other travelers arriving after me weren’t as lucky.

The main event governing the whole vacation was my parent’s decision to go to Argentina for New Year’s. Which was great, but it meant that we only had a few days together, as our respective trips overlapped almost entirely. The days before their departure, namely Christmas eve, Christmas day and Boxing day, were an endless rolling of lunches turned dinners turned late-night eats turned leftovers breakfast. It was a food marathon in the real Sicilian sense or the term, just the way we like it in the south of Italy. After my parents left I had to convince everyone else I was FINE being alone. I’ve lived more than half of my life by myself, yet this piece of info doesn’t register with their minds. When I am away I am away and they don’t know nor worry. But when I am around, my wellbeing is everyone’s concern. Family. Heh.

In the end, because of one reason or another, I didn’t really spend much time home alone nor did I have some free time to do a few things I had in mind. First, a cold I caught a few days after our blowouts added to the disruption of my half-made plans to meet friends, shop, hang out. I could not catch up with a couple of besties, nor could I say goodbye to a few childhood friends. I will have to make up for the lost chances next time. Another day, what was supposed to be a 2-hour hairdresser appointment became a whole day event with dinner included.

Also, a couple of days before my departure to return to Japan, the weather conditions changed sharply and it snowed, something we’re not used to see at our altitudes. But it was an annoying snowfall, because it was short and turned all roads icy at night (which we are definitely not prepared for) and I, for the first time, found myself trying to get my car to move up a slope and losing traction. Quite an interesting feeling, fortunately without any consequences, except that I couldn’t drive all the way to my parents’ house (which is uphill) because of the ice so I had to leave the car downhill and walk up the short distance home…the good thing of living in a small town: you can walk everywhere. It then snowed through the night and we woke up under 10cm of crunchy snow. Last time (and first time) I saw so much snow in my hometown I was about five years old. Go figure.

All in all it was a nice vacation, with a focus on social and familial interactions. I met people, most importantly family members. I found nice weather, although we went from nearly 20 degrees (and ate granita by the seaside) before new year’s to -1 degrees one week after. I also ate a lot, and I am not sharing any photographs of all the dishes out of respect (ha, no, actually I was too busy eating and didn’t take photos).

A must-do every time I return to Sicily, I enjoyed day-time and night-time walks around the city center in Catania. My vacations are not vacations unless I do my well beaten usual rounds in town, re-discovering hotspots such as the fish market, the backstreets of dome square, the restaurants alleys, the seaside. I am constantly amazed at how magical and appealing that town is.

I am now back to my home away from home, recovering from the long flight and the nasty cold but ready to return to the regular work life and to start the new year.

******************

Le mie vacanze invernali di solito le passo in Giappone o in Australia, quest’ultima di gran lunga preferita (suggerimento: le stagioni). Quest’anno ho interrotto la tradizione e ho deciso di andare in Sicilia. A posteriori, vista la quantità di riposo inferiore alle aspettative, sarebbe stato meglio andare un periodo dell’anno diverso.

Posso gia iniziare il resoconto delle ferie con il giorno stesso del mio arrivo, quando il vulcano ha deciso di svegliarsi e causando problemi agli aerei e addirittura forti terremoti. Sono stata fortunata a poter osservare l’inizio dell’attivita vulcanica dall’aereo e ancora più fortunata a essere atterrata. Coloro che dovevano arrivare dopo di me non sono stati altrettanto fortunati.

L’evento re dell’intera mia vacanza e’ stato il fatto che i miei genitori hanno deciso di trascorrere il capodanno in Argentina. Il che era fantastico, ma ha significato che ci siamo visti solo per pochi giorni visto che i nostri rispettivi viaggi si sovrapponevano quasi perfettamente. I giorni prima della loro partenza, ovvero la vigilia di natale, il natale e santo stefano, sono stati dominati da un continuo di pranzi diventati cene diventati bocconi notturni diventati colazioni. Ovvero, una maratona alimentare nel vero e siciliano senso del termine, proprio come piace a noi del sud. Dopo che i miei sono andati via ho dovuto convincere tutti che stare da sola andava BENE. Più di meta’ della mia vita l’ho vissuta da sola,  eppure quest’informazione proprio non la vogliono registrare. Quando sono via sono via e nessuno sa ne’ si preoccupa. Ma quando sono li il mio benestare e’ interesse di tutti. La famiglia.

Alla fine, per un motivo o per un altro, non ho poi passato tanto tempo sola, ne’ ho avuto modo di fare alcune delle cose che avevo in mente. Intanto, per iniziare un raffreddore preso nei giorni dopo le abbuffate ha contribuito alla distruzione dei miei mezzi piani di uscire, incontrare gli amici, fare acquisti. Non ho potuto vedere alcune delle migliori amiche, ne’ ho potuto salutare amici d’infanzia. Mi sa che dovrò rifarmi una prossima volta. Poi un altro giorno, che prevedeva soltanto un appuntamento di due ore dalla parrucchiera si e’ trasformato in una cosa di un giorno con inclusa una cena.

Poi ancora, alcuni giorni prima della mi partenza per il Giappone le condizioni meteo sono cambiate drasticamente e ha nevicato, una cosa a cui non siamo abituati alle nostre latitudini. Ma e’ stata pero’ una nevicata finta, nel senso che e’ durata poco e di sera ha causato il formarsi di uno strato di ghiaccio sulle strade (cosa a cui no siamo proprio preparati) e per la prima volta mi sono ritrovata nella situazione in cui, con la macchina, non riuscivo a guidare per una salita per via del ghiaccio. E’ stata un’esperienza interessante devo dire, e per fortuna senza conseguenze, tranne per il fatto che ho dovuto lasciare la macchina e tornare a casa a piedi…almeno nei paesi piccoli e’ facile poter raggiungere tutto a piedi. Quella stessa notte ha nevicato meglio e ci siamo svegliati sotto 10 cm di neve fresca e croccante. Immaginate solo che l’ultima volta (e la prima) che ha nevicato cosi, che mi ricordi, io avevo forse 5 anni.

Considerando il tutto, e’ stata una bella vacanza con un focus su interazioni sociali e con la famiglia. Ho incontrato gente, ho trovato bel tempo (tanto da poter mangiare granita al lungomare), ho mangiato un sacco (e non condivido nessuna foto per rispetto…no no, a dire la verità non ho manco fatto foto che ero impegnata a mangiare).

Una cosa che devo assolutamente fare quando vado in Sicilia, mi sono goduta la mia città, Catania, di giorno e di sera. Le vacanze non sono vacanze senza prima fare il solito e ben consolidato giro alla riscoperta dei vari punti nevralgici quali la pescheria, le stradine dietro la piazza del duomo, le viuzze dei ristoranti, il lungomare. Non faccio che stupirmi ogni volta per quanto magica e attraente possa essere questa città.

Ora sono di nuovo a casa lontano da casa a recuperare dopo il lungo viaggio e ancora sofferente per il brutto raffreddore che ho preso, pronta a ricominciare con la vita lavorativa e con il nuovo anno.













Saturday, December 22, 2018

Stop and breathe - 2018 year end


We are about to wrap up this year, over and done with it, hopeful about the future and impatient to leave the past behind. It is once again time for introspections and resolutions…

If I had to review my year based on the amount of blogging I did, well, it did not go that well. Year 2018 saw the lowest posting rate yet, with an average of a mere 3 entries per month and beating the previous year. Now, year 2017 was all about pushing towards getting the PhD done with, and exactly 12 months ago I did finally submit the paperwork. I had a prolific year, but all the efforts that went into making that happen were taken away from anything else, ergo the low post rate.
I then thought that after I earned my Dr title I wouldn’t have to push hard (well, as hard)….but I wrote even less this year than last.

Indeed, after reviewing my year, I see that I have, again, worked my butt off, and forgot to enjoy things in life. Or actually I shall say I forgot to plan in advance to enjoy things in life. I did manage to do new things here and there, ticked a few items off my very long list of things to do, places to see et cetera. But on a last minute basis, and on a short notice basis. The prospect for the upcoming year doesn’t look much rosier, but I am prepared.

Being December 21st a Friday, a lot of us used to Christmas and new year’s holidays made that day the last working day of the year. And just to continue with the last minute theme, I left work on Friday with guilt because I didn’t manage to finish all I wanted. I wanted more time, I needed more time to tidy up, to organize, to write my notes, to say goodbye….I left the office feeling unaccomplished. That’s a first. That moment looked further away in time, until it suddenly arrived and found me unprepared.

But it is now time to take a break and breathe. 

As for new year’s resolutions, of course I don’t have any. However, I have realized I need to do more for myself: be stronger and fearless, let go of anxiety (it is OK to not care), less ‘shoulds’ more ‘wants’. I’ve spent my life striving to reach those goals, succeeding at times and failing other times…writing them down here maybe will help to better aim and focus. Let’s see.

I do like to look back at this post I wrote at beginning of this year (here), because it really looks like there is a very robust pattern in the last few years. I shall return to this post next year and see whether that pattern is still there.

**********

Stiamo per finire anche quest’anno di cui ne abbiamo abbastanza, speranzosi per il futuro e impazienti di lasciarci alle spalle il passato. Ancora una volta, e’ tempo per un po’ di introspezione e buoni propositi…

Se dovessi giudicare il mio anno in base al numero di post, direi che non e’ andato bene. L’anno 2018 e’ stato quello con la frequenza di pubblicazioni più bassa in assoluto, con una media misera di 3 post al mese. Ora, il 2017 e’ stato l’anno della concentrazione per finire il dottorato, e esattamente 12 mesi fa finalmente facevo richiesta di tesi. E’ stato un anno prolifico, ma tutti gli sforzi sono andati verso quella missione, lasciando il resto a niente, ergo la bassa frequenza sul blog. Ho poi erroneamente pensato che dopo aver ottenuto il titolo di dottore non avrei dovuto insistere più di tanto….ma alla fine quest’anno ho scritto meno dell’anno scorso.

E difatti, dopo aver dato una rapida occhiata al mio anno, vedo che ho comunque lavorato un sacco dimenticandomi di divertirmi di più. Anzi, dovrei dire: dimenticandomi di organizzare per tempo per divertirmi di più. Per carità, ho fatto cose nuove, ho depennato alcuni elementi dalla mia lunghissima lista di cose da fare o posti da vedere, ma ho fatto tutto all’ultimo minuto. Sempre all’ultimo minuto. Le cose non sembrano più rosee per il prossimo anno, ma sono preparata.

Visto che quest’anno il 21 dicembre e’ stato di venerdì, molti di noi che usano fare le vacanze per natale e capodanno hanno scelto questo giorno come l’ultimo lavorativo. E giusto per continuare ancora col tema dell’ultimo minuto, sono andata via il venerdì sentendomi in colpa per non aver finito tutto quello che volevo. Volevo più tempo, più tempo per riorganizzare, per annotare tutto, per concludere, per salutare….ho lasciato l’ufficio insoddisfatta. E’ la prima volta che mi capita. Quel momento sembrava cosi lontano nel futuro fino a che improvvisamente e’ arrivato e mi ha trovata impreparata.

Ma adesso e’ tempo di fermarsi e respirare.

Per quanto riguarda i propositi per il nuovo anno, ovviamente non ne faccio. Devo pero dire che mi rendo conto che devo fare qualcosa di più per me stessa: essere più forte, meno ansiosa (non preoccuparsi va bene), meno dovrei e più voglio. Ho passato tutta la vita cercando di raggiungere questi obiettivi, a volte con successo e altre volte no. Forse se me li scrivo qui ora mi saranno di più aiuto, chissà.

Mi piace guardare indietro al post che ho scritto all’inizio dell’anno (qui), perché sembra proprio che negli ultimi anni si sia definito uno schema. Mi sa che ci ritornerò tra un anno per vedere se l’andamento continua immutato.



Thursday, December 20, 2018

Jazzy night


I do like listening to jazz music, although I wouldn’t be able to match a player to a song, or a singer to a voice, nor I’d know the many subtle differences among styles. And yet, I’ve always wanted to find places where to listen to some decent beats from time to time. So, on a cold Saturday night after my dinner on a boat (HERE) I went to a very small jazz bar in Yokohama area.

There are very famous jazz bars in Tokyo and Yokohama area of course, like Blue Note, but staying up to date with the performance schedule and book a seat there are nearly mission impossible. However, it is much much easier to pick a lesser known place, where probably not many people go and where less famous musicians perform, where one could go in without prior reservation.

Until now, I hadn’t made any effort to explore the live concerts scene, not just jazz but every genre. I could name dozens of reasons why, all lame excuses really, but such is the human nature sometimes. The difference this time was that the opportunity made a thief: the dinner cruise I signed up for also included the option of a jazz concert, and so it was very easy to make up my mind (even more so as I was chauffeured here and there and I didn’t have to worry about a thing).

I ended up in Hinodecho, which is -not surprisingly- full of such bars. The area is actually famous for being a former red light district now elevated to host art galleries and ateliers. And although it was a Saturday, the streets were empty and quiet except for a very insistent old man, Chinese or Japanese, who wanted to take a photo of the foreign woman walking on the street (ehrm, that’d be me) at all costs…But yes, not a soul around, perhaps they all were warming up inside one of the bars that lined the street.

The jazz spot, called Dolphy, was very much like a set of an old movie, exactly how one would expect it: dim lights, small wooden tables and uncomfortable wooden chairs (mine was even rocking, I thought it would break any minute), a wall full of jazz vinyls, spirits along the counter and a stage on one side of the room. After learning about this place, I did check its website out (yes it’s got one) and noticed the busy live schedule….pretty impressive for such a small and what I believed a rather unknown locale! 

There were no more than 10 people in the bar, which could probably hold about 15 people or 20 tops, sipping their drinks, reading or quietly chatting with their company while waiting for the live music to start. Fortunately, nobody was smoking, not sure whether it was the bar policy or a nice coincidence.

The program that night featured a performance by a trio of vocals, trumpet and piano. I don’t know how to precisely define their style, but I can say it was not as smooth as I’d have imagined… to my poorly trained ear it sounded free of rules and heavily improvised. Basically like when everyone is playing their own music and singing their own song. Overall I enjoyed the music and the singing, and especially I did like the singer’s hoarse voice, the results of I don’t know how many cigarettes a day. 

I listened to the first set of songs, which lasted about one hour, but then slowly went back home as the darkness of the place and the alcohol (you have got to drink some strong spirits while in a jazz bar, right?) were making me very sleepy.

Now that I know what kind of places to look for I might try more bars this winter, if the motivation to go out on a cold night will be strong enough.

*************

Mi piace la musica jazz anche se devo dire che non sarei in grado di associare una canzone a un musicista o la voce di un cantante alla rispettiva faccia, e neanche so le sottili differenze tra i tanti stili. Nonostante ciò, ho sempre voluto trovare un posto dove ascoltare della buona musica di tanto in tanto. E quindi, in una fredda domenica sera, dopo la mia cena in barca (qui) sono andata a un jazz bar a Yokohama.

Ci sono locali jazz famosissimi tra Tokyo e Yokohama, ad esempio il Blue Note, pero’ stare al passo con la scaletta dei concerti e degli eventi dal vivo, e poi prenotare sono una missione impossibile. Invece e’ molto più facile scegliere un posto meno noto, dove magari non molti vanno e dove suonano artisti meno conosciuti, dove non c’e’ bisogno di prenotare.

Fino ad ora non ho fatto nessuno sforzo nell’esplorare la scena musicale, non solo concerti jazz ma proprio concerti in generale. Potrei trovare una decina di scuse, tutte abbastanza meschine, ma tale e’ la natura umana a volte. Di diverso c’e’ che stavolta si e’ presentata l’opportunità: la cena a cui ho partecipato includeva come opzione il concerto jazz, quindi e’ stato semplice decidere (a maggior ragione per il fatto che non mi dovevo preoccupare neanche degli spostamenti).

Sono finita a Hinodecho, un’area famosa per essere stata un distretto a luci rosse ora elevato a zona di artisti e atelier. Nonostante fosse un sabato, le strade erano praticamente vuote e tranquille, fatta eccezione per un signore avanti con gli anni, forse cinese o giapponese, che a tutti i costi voleva fare una foto all’unica donna straniera in giro per la strada (ovvero, me)…ma a parte questo, non c’era un’anima in giro, forse anche perché tutti erano al calduccio in uno dei tanti locali per la strada.

Il jazz bar, che si chiama Dolphy, era come uscito da un vecchio film, proprio come uno se lo aspetterebbe: luci soffuse, tavoli di legno, sedie di legno scomode (e anzi quella dove sedevo io minacciava di rompersi da un momento all’altro), una parete piena di dischi, alcolici sul bancone e un palco su un lato della stanza. Dopo essere venuta a conoscenza di un tale posto, sono poi andata a controllare il calendario sul sito del bar (ah, si ce l’hanno) e devo dire hanno una lista bella fitta di concerti…non male per un posto tanto piccolo e quasi sconosciuto.

Non c’erano più di 10 persone nel locale, che tra l’altro non penso abbia spazio per più di 15 o 20, che sorseggiavano i loro drink, o leggevano o chiacchieravano nell’attesa che la musica iniziasse. Per fortuna, non so se coincidenza a regole del bar, non si fumava, quindi l’aria era respirabile. In programma quella sera c’era un trio voce, pianoforte e tromba. Non saprei definire precisamente il loro stile, ma posso dire che non era quello che mi aspettavo…al mio orecchio poco educato il tutto pareva senza regole e improvvisato. In pratica come quando ognuno suona e canta per conto proprio. Devo dire che comunque mi e’ piaciuta la musica e soprattutto la voce roca della cantante, resa a quel livello da non so quante sigarette al giorno.

Sono stata nel bar fino alla prima pausa, per circa un’oretta, ma poi mi sono pian piano diretta verso casa, visto che l’oscurità del posto e l’alcol (si va a un jazz bar, si bevono alcolici, no?) mi avevano fatto venir un gran sonno.

Ora che so che tipo di posti cercare e’ possibile che provi altri bar quest’inverno, sempre che riesca a trovare una motivazione tale da uscire col freddo gelido.





Sunday, December 16, 2018

Bay Cruise Dinner

There’s nothing better than experiencing a bay cruise in Yokohama to enter the right holiday season mood.

My evening began at Osanbashi pier, which is where all ocean cruise ships dock. While not everyone can afford an ocean cruise, there are many other, humbler or posher, cruise plans, like wedding receptions, birthday parties, new year’s celebrations, watching the summer fireworks and such that we can all try. The plan I signed up for was the most basic one, which consists of just dinner and drinks while the boat tours the bay. 

The boat for the cruise, called Royal Wing, is basically a restaurant on water serving lunch, tea-time and dinner and can easily host something like three hundred people at a full capacity. There were in fact 3 or 4 banquet halls, which featured even a bar counter and a stage for various performances. There was also a fancier restaurant where people could dine in a more intimate atmosphere, while watching the view. All party rooms were full, which surprised me and at the same time it did not…I bet the boat fills up every day. I may have one or two concerns about all the pollution all these cruises generate, but the entertainment industry doesn’t care about that. And somehow, neither do we, service users seeking for new experiences.

The hall I had dinner in was at the bottom of the boat (nicely decorated inside and outside for the upcoming Christmas, obviously) and it had round tables for diners and round windows for watching outside along the sides.The big bolts and thick steel holding the glass looked real enough, so I believe one doesn’t need to worry about being washed away in case of rough waters. The food was Chinese, and enough to feed double the number of people in there. 

Halfway through the cruise I went to the outdoor deck, despite the freezing air, to check the boat and more importantly the night view. Attached to the railing on one side of the observation deck there was a heart shaped frame made of pink led lights, and predictably everyone waited patiently in the cold in oder to take a photo.

Because I blindly joined a group, and because I had never bothered before to check the various plans offered by the cruise company, I didn’t know what to expect. However, had I known I was going to dine in a viewless room (could see form the round windows only standing in front of one), I probably would have tried something else…there’s no point in being on a boat if one can’t see the outside from their tables while cruising. Still, I got my ticket at a discounted price so I am not complaining.

All considered, although this is not something I would like to do often, I was positively impressed by the level of the tour. I signed up for the most basic course and yet we had a good quality dinner, the harbor view, and plenty of entertainment: a short piano and flute performance entertained the guests with a mix of songs one could say were fitting the Christmassy atmosphere, then a ballon artist created bear or dog balloons for the children (and that helped with keeping them quiet too), and just to make sure guests can bring home a memorable souvenir, a professional photographer walked around the room and took pictures of people wearing sailors hats.

Like all good things, the cruise ended too quickly and I found myself back on land before realizing it was all over. But the evening was not over yet, as something else was planned to happen after dinner. I will write about it in a later post, so stay tuned.

**********

Non c’e’ niente di meglio che provare una mini crociera a Yokohama per entrare nel pieno dell’atmosfera festiva.

La mia serata e’ iniziata al molo Osanbashi, che e’ dove attraccano tutte le crociere. Non tutti si possono permettere una crociera da giro del mondo, ma per fortuna ci sono altre opzioni, più o meno modeste, come matrimoni, feste di compleanno, di capodanno, eccetera che tutti possiamo provare. Il programma che ho scelto era uno proprio minimale che consisteva in una cena a bordo con giro della baia.

In pratica la nave che offre il servizio altri non e’ che un ristorante sull’acqua per pranzi e cene e può contenere fino a circa trecento persone. Difatti c’erano tre o quattro sale per cerimonie, con tanto di angolo bar e palco per l’orchestra. C’era pure un ristorante più piccolo e molto più sciccoso fatto per chi volesse cenare in una atmosfera più intima e osservare la città. Tutte le sale erano piene, e la cosa mi ha stupito e non, allo stesso tempo…scommetto che ogni giorno la nave e’ sempre piena. Mi piacerebbe sapere quanto inquinano tutte ste crociere brevi, ma all’industria dell’intrattenimento questo non interessa. Beh, da un lato non interessa molto neanche a noi che usufruiamo del servizio e vogliamo provare cose nuove.

La sala in cui ho cenato si trovava alla base della nave (che era decorata dentro e fuori con addobbi natalizi, manco a dirlo) e aveva tavoli rotondi e oblò’ lungo i due lati che erano i fianchi della nave. Il pesante ferro e i grossi bulloni che tenevano il vetro saldo sembravano veri, quindi suppongo che reggano in caso di mare grosso.

I piatti erano tutti cucina cinese, e c’era abbastanza da mangiare per il doppio di quelli che si trovavano li. A meta’ tragitto sono andata sul ponte della nave per dare un’occhiata al panorama fuori, nonostante il freddo gelido. Attaccata a un lato della ringhiera c’era una cornice di lucine a forma di cuore, e ovviamente non c’e’ bisogno di dire che tutti hanno pazientemente aspettato al freddo per poter fare una foto li.

Visto che ho partecipato a questa cena un po’ alla cieca, e visto che non avevo mai pensato di dare un’occhiata alle varie opzioni che la compagnia offriva, non sapevo cosa aspettarmi. Infatti se avessi saputo che saremmo finiti in una sala senza vista (si poteva vedere fuori dall’oblò solo in piedi), avrei provato qualcos’altro…qual’e’ il vantaggio di essere in barca se uno non può vedere fuori da dove sta seduto? Ma comunque, avendo preso il biglietto a prezzo vantaggioso, non mi lamento di nulla. Come si dice, a caval donato non si guarda in bocca.

Considerando il tutto, seppure questa non e’ una cosa che farei spesso, sono stata positivamente colpita dal livello. Ho scelto la cosa più basilare eppure la cena era di qualità, avevamo la vista dal mare, e c’era un sacco di intrattenimenti: musica dal vivo con una breve selezione di melodie che si addicevano al clima natalizio e festivo, un artista che creava animali con i palloncini per il molti bambini (e che sono quindi stati tranquilli invece di scalmanare), e anche un fotografo professionista che a richiesta faceva foto ai passeggeri facendo loro indossare cappelli da marinaio (cosi da avere un bel ricordo della serata).

Come tutte le cose belle, la crociera e’ finita troppo in fretta e mi sono ritrovata nuovamente al molo. Ma la serata non e’ finita li, c’era qualcos’altro in programma di cui parlerò la prossima volta.










Friday, November 30, 2018

Cucina Marina - Girls dinner with theme - Act VI

It’s been a while, a long while, since I organized one of my girls dinners with theme. Blame the job, blame the weather or whatever, I haven’t had the time nor the energy to put into arranging an event. But eventually I did, I managed to get together with some of my female coworkers and friends and cook a themed dinner, one where each dish has to contain the theme ingredient or anyway must fit it. 

We were a cool mix, representing India, France, China and Italy. But what would you do if among your guests you have vegetarians, lactose intolerant, and allergic to eggs? Heh…I went straight for double trouble: two themes instead of one, an exception to the rule actually. I picked the theme “Vegan” by necessity, as that would elegantly solve all the food restrictions in one go. But if it is a must, that’s not fun, that’s why I also decided on the “Autumn” theme for the dishes look and taste, as it is that season (and besides, many of my ladies suggested something along the same lines).

Fortunately we have plenty of fruits and veggies that easily fit both themes this time of the year: chestnut, sweet potato, pear, persimmon, mushrooms, pumpkin, grape, apple, orange, and many more. So I didn’t have any problem to come up with good autumn recipes.

Neither did any of the girls, for that matter. I have to say that despite the limitations and restrictions, we had an unprecedented bonanza, we had so many different, and wonderful, and delicious dishes to feed our whole lab. I am not exaggerating when I say we couldn’t fit them all on the table.

Starting with the guests dishes, we had amazing pumpkin curry, briyiani rice (which had lots of yellows and oranges and greens and reds, just like trees in a park) and spiced autumn rice of a pretty red orange color. We also had rice stuffed paprikas, caramelized onions, pumpkin and mushroom phyllo wraps, and a pretty autumn pizza made with pumpkin cream, beans and greens. I mean, all that would have sent anyone into a food coma already…but nope, there’s more.

On my part, I had to cook some pasta obviously, and I opted for a chestnut sauce to go with it. Then I made a mushroom soup, a grape and fig salad and finally a 100% vegan sweet potato pie. It is not easy to make desserts without eggs and dairies, but the result was acceptable, judging by the wide open eyes at the revealing of the dessert.

In addition to all that, we also had small bites and even a tube of purple sweet potato chips that miraculously went unnoticed throughout the evening…and I am now nibbling on them while writing. 

And yet we’re not done here. Although most of us didn’t drink alcohol, that’s not enough a reason for not having some themed beverages. I improvised a pear and rosemary sparkle mocktail to start off the evening and also a warm spiced persimmon tea. I am not a fan of persimmons, I basically never eat them, but I might give them a second chance form now. So much, in fact, that the day after the dinner I made a few sweet rolls (with butter and eggs for the shortcrust this time) with the leftover persimmon from the tea. I wish I had the idea, vegan-friendly version, on the same evening of the dinner, but the food marathon was wearing us out pretty well already. I bet my girls went back home rolling and I hope no one got sick from overeating.

I always like gatherings that have the cooking in common…I can’t explain well, but the instant sense of harmony, the sharing of cooking styles, the chatter, the clatter…they bring people close. It was worth bringing myself to arrange something after seeing the results, so the hope is that I will organize more dinners and invite more ladies in turn. 

And…suggestions for the next theme are welcome.

****************

E’ da tempo, tanto tempo che non organizzo una delle mie cene solo donne con tema. Vuoi per il lavoro, o per il tempo o qualsiasi altra scusa, non ho finora avuto ne’ il tempo ne’ le forze per arrangiare qualcosa. Ma alla fine ce l’ho fatta e io e alcune colleghe ci siamo riunite per una cena a tema, una di quelle in cui tutti i piatti devono avere l’ingrediente relativo al tema o comunque devono essere pertinenti.

Abbiamo formato un bel gruppo tra Francia, Italia, Cina e India. Ma cosa fareste se tra gli ospiti avete vegetariani, intolleranti al lattosio e allergici a uova? Eh…io mi sono complicata le cose e ho scelto due temi, facendo un’eccezione alla regola. Dettato dalla necessita, ho optato per il tema “vengano”, perché in questa maniera tutti i problemi vengono evitati in maniera elegante. Pero’ se uno le cose le deve fare perché obbligato non e’ bello, per cui ho scelto pure il tema “autunno” per forma e sostanza dei vari piatti.

Visto che si e’ in autunno ( e molte delle colleghe hanno suggerito qualcosa simile) non e’ stato un grosso problema per me trovare un sacco di ingredienti che facilmente rientrano in entrambi i temi: castagne, funghi, patata dolce, pere, cachi, mele, zucca, uva, arancia e molto ancora.

Di fatto neanche le mie colleghe hanno avuto problemi. Nonostante le varie limitazioni abbiamo avuto una abbondanza di piatti meravigliosi, buonissimi e diversi. Non esagero quando dico che non ci stavano tutti sulla tavola.

Iniziando con le portate delle mie ospiti abbiamo mangiato un curry di zucca fantastico, riso briyani (che aveva tutti i colori degli alberi in un parco verde, giallo e arancione e rosso), e un riso speziato di un bellissimo color arancio. Inoltre c’erano peperoni ripieni di riso, cipolle caramellate, involtini di funghi e zucca, una pizza autunnale fatta con crema di zucca e ceci e broccoli. Insomma gia tutto questo sarebbe stato abbastanza da mandarci in coma, ma no…c’e’ dell’altro.

Da parte mia ho preparato, ovviamente una pasta che ho condito con un sugo di castagne, poi una zuppa di funghi, insalata di fichi secchi e uva, e una crostata alle patate dolci interamente vegani. Non e’ per nulla semplice fare dolci senza burro ne’ uova, ma a giudicare dagli occhi brillanti delle mie amiche il risultato deve essere stato decente.

In più avevamo anche piccoli assaggi e poi anche un pacco di patatine di patate dolci a polpa viola, che miracolosamente sono state dimenticate durante la cena…e me le sgranocchio mentre scrivo.

E ancora non e’ finita. Anche se molte di noi non bevono alcolici, non per forza uno si deve privare di beveraggi anch’essi a tema. Ho improvvisato un aperitivo fresco frizzante alla pera e rosmarino, e un te’ ai cachi. Devo dire che non sono una amante di cachi, infatti non li mangio per nulla, ma mi sa che gli darò’ un’altra possibilità. E manco a dirlo, il giorno dopo la cena ho fatto delle girelle di frolla (con burro e uova stavolta) con i cachi per il te’ rimasti. Certo, sarebbe stato meglio se avessi avuto l’idea vegana equivalente per la cena, ma mi sa che la maratona culinaria ci aveva gia consumate. Spero che nessuna delle mie ospiti si sia presa una indigestione per il troppo mangiare. Mi sa che sono tornate a casa rotolando.

Mi piacciono sempre gli incontri che si basano sul cucinare assieme…non lo riesco a spiegare bene, ma il senso immediato di armonia, la condivisione di stili di cucinare, il chiacchiericcio, lo spiattellare…tutto avvicina la gente. Riuscire finalmente a organizzare una cena ha ripagato bene, quindi spero in futuro di creare nuove occasioni per invitare altre colleghe e amiche.

E chiaramente….fatevi avanti con idee per il prossimo tema.
















Wednesday, November 21, 2018

Jeju island - a Korean waterland


Recently I spent a weekend in Jeju, a Korean island known for being the Koreans’ summer escape and located a mere 2-hour flight away form Tokyo.

Some of my coworkers and my former boss from Australia, were going to the island for a scientific conference, and so while they were planning their business trips, I considered to join them just for the sake of a weekend getaway (conference topic not being my current interest but Jeju being a new destination), and to catch up with ex-boss…after all Korea is definitely closer than Australia, and better suited for a two-day weekend trip.

This island is famous for green tea and tangerines which hanging off trees all over the island this time of the year. Above everything, Jeju is famous for its nature’s beauty, its cliffs and its dormant volcano in the center of the oval-shaped island. And the nature was indeed beautiful. The fall colors were showing in all their shades of red and yellow, more pronounced nearer the mountain and greener along the coastal areas. The atmosphere was overall laid back, cities were a mix of old and new, traditional and modern. Jeju also boasts an entertainment -slash- amusement -slash- shopping -slash- luxury hotels -slash- conference center complex called Shinhwa World. Pretty much everyone visiting the island ends up there sooner or later.

But getting around was rather inconvenient…and not because I am too spoiled now with Japan’s public transport networks as one might argue (well that too), but because it really was bloody inconvenient. It seems they have two complementary problems on Jeju: people like to speed on the road and there are more oldies than young people, so they take safety seriously there. So seriously that they put road signs to warn about old people almost everywhere. And set low speed limits. And put cameras everywhere. AND. PUT. SPEED. BUMP. EVERY. 100. METERS! Good that I didn’t really plan any sightseeing ahead or I would have been terribly disappointed, as it takes forever to get from A to B in there thanks to said bumps. 

Speaking of sightseeing, the idea was for everybody to hit the road on Saturday as soon as we got our means of transport at the airport, take the scenic drive along the coast and hopefully stop at various key spots on the way. For that we well thought to rent a van for a day instead of trying our luck with buses or taxis, and it was the best decision for many reasons. Having a Korean colleague doing all the talking and driving made everything much much muuuuuuch easier, as it looks like English wasn’t an option that could be given for granted.

In the end we couldn’t stop at but one place along our route..we did not know about the damned road speed bumps yet, so yeah we wasted some time…But we were lucky. This place, known as coffee street, is just a few KM form the airport, but because of the city traffic (and said effin bumps) it took us forever. There, clustered all around the volcanic rock cliffs, were several cafes and restaurants with sunset view that are very popular among couples, youngsters and tourists. The spot was indeed really nice, made nicer by the fancy and unique styles of each cafe. We grabbed a drink and chatted a bit (about work), watching the sun setting over the ocean. After that, all was left for the first day was to get to the hotel, and then find some Korean BBQ place where to have dinner.

The Sunday started with an ugly breakfast (apparently we picked the only hotels in Jeju with horrible coffee), but then it improved drastically (a decent coffee in one of the many cute shops helped). I managed to get a few of my colleagues to join me on a small sightseeing heist, and went to see the Jeongbang waterfall, not far from where we stayed the night. The day was sunny and warm, and the waterfall was awesome: a 28 meters drop over the vertical cliffs directly into the ocean, the only one of this kind in Asia. To get to the cove one has to walk down a series of steps and through some trees, but then the whole view opens up in all its glory.

Not too far from there, there is another waterfall called Cheonjiyeon hidden in the back of a nice forest park, which is 12 meters wide and with a 20 meters drop. During rainy times, when the river overflows, the waterfall looks like a water curtain. When I was there, there were only a few rivulets, but the beauty and peacefulness of the place were unbeatable. The water, some of the most transparent and crystal clear water I’ve seen, kept flowing downstream, and various fish and eels called it home. This waterfall is not as spectacular as the other one, but it’s easily reachable and so it was worth a visit nonetheless. And here is one fun fact: there is a third waterfall that’s called Cheonjeyeon (and no, it’s not the same word, read carefully), which is truly majestic and said to be a sacred place where some nymphs used to bathe. While the two names are perfectly and easily distinguishable by the Koreans, they are confused by all others. It took me some mining to figure this out after hours spent trying to locate the waterfall and getting two completely different locations on Jeju map. If you ever plan to go to Jeju, remember this. They’re not the same, they’re not close.

And at last I leave you with some Jeju snippets:

*all boys sported the same pageboy-ish haircut. You could tell any asian from a Korean just by paying attention to their hairstyle.
*all cars were white, black or grey. Homologation for the win.
*taxis smelled of garlic. Everything smelled of garlic.
*Jesu is famous among the Chinese so much (the casino and the shops) that it’s Chinese and not English to be used as a foreign language
*the touristic city in the south, Seogwipo, is really cute, with hilly paved roads, lots of street art and painted walls. A touristy town indeed.
*wifi was available and free all over the island. Take this, Japan!
*road speed bumps…have I mentioned them yet?

************

Sono recentemente stata a Jeju, un isola coreana a sole due ore d’aereo da Tokyo e famosa per essere la meta estiva dei coreani.

Alcuni dei miei colleghi e il mio ex capo dall’Australia, sono andati a Jeju per una conferenza scientifica, e mentre loro si preparavano per il viaggio di lavoro io ho ben pensato di farmi un fine settimana di vacanza (visto che il tema della conferenza non e’ al momento il mio interesse primario, e visto che Jeju era una meta ancora non visitata), ma anche per rivedere il vecchi capo…del resto la Corea e’ decisamente più vicina che l’Australia e si presta meglio a un viaggio di due giorni.

L’isola e’ famosa per il te’ verde e per i mandarini che in questo periodo dell’anno pendevano dagli alberi carichi. Ma soprattutto Jeju e’ famosa per la sua natura, le coste rocciose e un vulcano dormiente che si erge al centro dell’isola ovale. E davvero la natura era bellissima. I colori dell’autunno brillavano in tutte le fantasie di rosso e giallo, più marcati verso l’interno dell’isola e più tenui verso la costa. In generale l’atmosfera era rilassata, le città erano una mescolanza di vecchio e nuovo, e di tradizionale e moderno. Sempre a Jeju c’e’ pure un complesso di hotel, parco divertimenti, centro conferenze, negozi e ristoranti chiamato Shinhwa World. E in pratica a un certo punto durante la loro visita, tutti i turisti vi fanno tappa.

Ma ciò che e’ stato davvero antipatico erano gli spostamenti, e non lo dico perché uno magari pensa che sono viziata dalla rete di trasporti giapponese (beh quello un po’ anche), ma perché era proprio scomodo. Pare che ci siano due problemi complementari a Jeju: la gente va veloce in strada e ci sono più vecchi che giovani…al che la sicurezza e’ una cosa che viene presa sul serio. Tanto seriamente che dappertutto nell’isola ci sono segnali di pericolo, telecamere su tutte le strade, limiti di velocita' rigorosi e anche dossi artificiali ogni 100 metri. Ma alla frequenza di uno ogni cento metri. Una cosa esagerata. Per fortuna non avevo pianificato nulla riguardo al mio giro turistico prima di andare, altrimenti sarei rimasta delusa visto che ci vuole una vita per spostarsi da A a B per via dei suddetti odiosi dossi.

Per quanto riguarda i luoghi di interesse, l’idea era di mettersi in strada non appena usciti dall’aeroporto il sabato e guidare lungo la costa cosi da poterci fermare nel caso ci fosse piaciuto qualcosa. Abbiamo pensato bene a noleggiare una macchina invece di impazzire dietro a taxi o autobus, e la decisione si e’ rivelata vincente per varie ragioni. Avere un collega corano tra il gruppo che si e’ preoccupato sia della guida che della comunicazione ha reso le cose molto ma molto ma molto più facili. In effetti l’inglese, questo sconosciuto, non era una opzione scontata.

Alla fine ci siamo potuti godere solo una sosta…non avevamo idea della presenza massiccia dei maledetti dossi stradali, per cui abbiamo perso tempo. Ma siamo stati fortunati e ci siamo fermati in un bel posto noto col nomignolo di coffee street, che effettivamente era a pochissimi chilometri dall’aeroporto ma per via del traffico cittadino prima e dei dannati dossi poi, ci abbiamo messo una vita. Li’ vari locali e caffe meta di turisti e giovani si affacciavano sulla costa, raggruppati attorno a una sporgenza rocciosa, e promettenti tramonti memorabili. Ogni caffe’ aveva un suo stile, sia esteriore che interiore, e ne abbiamo scelto uno molto pittoresco. Abbiamo preso qualcosa, e abbiamo aspettato il tramonto chiacchierando (ovviamente di lavoro). Dopo di che non ci e’ rimasto altro tempo eccetto che per raggiungere il nostro albergo e trovare un posto dove cenare e provare la carne alla griglia.

La domenica e’ incominciata con una brutta colazione (a quanto pare abbiamo preso l’unico hotel dell’isola in cui non sanno fare un caffe) ma poi si e’ ripresa drasticamente (grazie anche a un caffe’ preso in uno dei tanti bar carinissimi). Ho convinto un paio di colleghi a seguirmi in una breve escursione e siamo stati a vedere la cascata Jeongbang, non lontano da dove abbiamo pernottato. La giornata era soleggiata e tiepida, e la cascata era fantastica: un salto di 28 metri che si gettava a picco direttamente sul mare, unico in Asia. Per arrivarci bisognava prima scendere varie rampe di scale, poi attraversare un piccolo bosco e poi la vista della cascata in tutto il suo splendore.

Non lontanissimo da questa cascata si trovava un’altra che si chiama Cheonjiyeon, nascosta in mezzo a un parco. Questa cascata e’ larga 12 metri e alta 20, e quando il fiume e’ ingrossato dalle piogge sembra di stare davanti a una tenda d’acqua. Il giorno che l’abbiamo visitata c’erano solo alcuni rivoli, ma la bellezza e la pace del posto erano veramente imbattibili. L’aqua era di un limpido che ha pochi eguali, casa di molti pesci e anguille. Questa cascata non e’ spettacolare come la precedente, ma era facile da raggiungere e quindi valeva la pena fermarsi. C’e’ poi anche un fatto curioso: esiste una terza cascata che si chiama Cheonjeyeon (e no, non e’ la stessa parola se ci fate attenzione), che e’ proprio stupenda e dove, secondo una leggenda, facevano il bagno delle ninfee. Ora, per i coreani i due nomi sono perfettamente e facilmente discernibili, mentre per tutti gli altri sono un mal di testa. Mi ci sono volute ore per capire che c’erano due cascate e non una dopo che varie ricerche mi portavano sempre a due località diverse nella mappa di Jeju. Quindi, se pensate di andare a Jeju ricordate che le due cascate sono diverse e sono distanti.

Per finire, vi lascio con alcuni fatti su Jeju:

*tutti i ragazzi avevano lo stesso taglio di capelli. Bastava guardarli per capire chi fosse coreano e chi no.
*tutte le macchine erano bianche, nere o grigie. Evviva l’omologazione.
*i taxi odoravano di aglio. Tutto odorava di aglio.
*Jeju e’ cosi famosa tra i cinesi (per via del casino’ e dei negozi) che la lingua usata maggiormente e’ il cinese e non l’inglese.
*la cite di Seogwipo nel sud dell’isola, e’ proprio carina, con strade pavimentate che vanno su e giu e con un sacco di murali artistici. Davvero una città turistica.
*connessione internet era disponibile ovunque nell’isola e gratis. Impara, Giappone!
*un sacco di dossi artificiali per strada….lo avevo gia accennato?