Thursday, May 10, 2018

Greener Tokyo

Other than parks, Tokyo and Yokohama metropolitan area offers tens of Japanese style gardens, each of them unique. Since it appears I started to go hunting for parks and gardens, I thought I may do the same for gardens.

I went through my old blog posts and I found one where I mentioned the lack of large green areas except a handful of city parks and gardens (here). That was many years back and I have visited many more since then. Although I still think that for an urban area this huge more parks of the Yoyogi kind should be created, the small blobs of green that can be found here and there can help to break from the concrete jungle.

Of all green spots, Japanese style gardens are peaceful and exquisite. They are often developed around one central pond with fish and turtles, and the plants are chosen in a way that the garden looks pretty in every season. Entering those gardens is like being enveloped in another place in time.
No wonder that many couples decide to take their wedding photographs there. Even I, when I signed up for a Kimono wearing session, was taken to the Koishikawa Korakuen garden for the photographs (here). Also when I modeled for a handbags magazine, I was taken to another garden, Kyosumi Teien (here).

I have to say that, maybe because of the focus on something else, I hardly remember those two gardens. I even went back to Kyosumi garden recently, without recognizing it at all. Crazy. The nice thing about this garden, now that I have made new memories about it, is that there are many walking paths made of large flat rocks over the central pond. That meant close encounters with the hungry and enormous carp fish crowding up wherever humans went begging for food. The atmosphere was serene and visitors become suddenly oblivious of the cacophony of the city all around. Since Kyosumi garden is very close to the Fukagawa Edo museum, a cultural and traditional tour in Tokyo by visiting these two places together is highly recommended. 

I also visited a couple of other gardens, Rikugien and Kyu-Yasuda gardens over the last couple of weekends, when it was fortunately sunny and warm.

The former, supposed tone one of he best in Tokyo, didn’t really strike me as such. Except for a hill that was good for a bird’s eye view of the garden, the rest was just average. I bet it is because I went in the wrong season: that garden is in fact full of maple trees that change color in fall. That’s the time to go. Perhaps I will give it another shot come autumn.

Kyu-Yasuda gardens were instead another story. I think they’re the nicest I’ve seen so far. Also, they have free access so I was overly surprised when I was greeted by a pleasant pond and greenery view, not to mention the view of Tokyo sky tree from there. These gardens are also close to the Edo-Tokyo museum is (here).

In addition, this very same garden is close to a park called Yokoamicho, which is a memorial park. A very big and beautiful building, or memorial hall, occupies most of the park area. It is dedicated to the victim of the Great Kanto earthquake in the last century. In the same park grounds is also the Kanto earthquake memorial and museum, a memorial statue for dead children and a memorial monument for Korean victims (yeah, odd). For some mysterious reason, a memorial monument (a bed of flowers) dedicated to the victim of WWII air raids is there too. Finally, the park featured a small but pretty Japanese style garden as well. Another recommended tour, this one.

One last mention, even though it is not of a garden: Kameido Tenjin temple, not too far form Kyu-Yasuda, features a wondertastic wisteria all around trellises that close around a central pond by the temple entrance. Absolutely a must-see around the end of April, when all flowers are fully bloomed.

 I still have a few more gardens and parks in my list. I hope to give some more updates soon on this theme.
****************

Oltre che ai parchi, l’area metropolitana di Tokyo e Yokohama offre decine di giardini giapponesi, ognuno dei quali e’ unico. Visto che pare io abbia incominciato la saga dei parchi, mi pareva equo fare lo stesso per i giardini.

Ho riletto il mio blog e ho trovato un pezzo in cui lamentavo la carenza di ampie aree verdi eccetto che per un paio di parchi (qui). Questo era tanti anni fa, e da allora ne ho visti di parecchi. Seppure sono comunque sempre dell’idea che ci vorrebbero più parchi urbani del calibro di Yoyogi, ci sono tanti piccoli nuclei verdi sparsi dappertutto che aiutano a fuggire dalla giungla cittadina.

Tra tutti gli spazi verdi, i giardini giapponesi sono i più tranquilli e carini. Spesso si sviluppano attorno a un laghetto centrale con carpe e tartarughe, e le piante in essi vengono scelte in modo tale da rendere il giardino bello a ogni stagione. Entrare in uno di questi giardini e’ come ritrovarsi in un altro spazio e un altro tempo.
Non c’e’ quindi da meravigliarsi che tante coppie scelgano i giardini per le loro foto ricordo. Mi ricordo che anche io, quando ho indossato un kimono per delle foto, sono andata ai giardini Koishikawa Korakuen (qui). E anche quando ho servito da modella per una pubblicità di borse siamo stati ai giardini Kyosumi Teien per le foto (qui).

Che poi, vista la mia concentrazione alle foto, di entrambi i giardini non ricordo nulla. Sono persino stata di nuovo a Kyosumi Teien di recente e non ho riconosciuto nessun angolo del giardino. Roba da pazzi. La bella cosa di questo posto, e ora lo so perché ho nuovi ricordi, e’ che molti sentieri sono fatti da enormi rocce piatte che attraversano il laghetto centrale. Il che significa che si possono vedere davvero da vicino le carpe enormi che seguono chiunque si avvicini nella speranza di un boccone. L’atmosfera li’ e’ serena e i visitatori dimenticano immediatamente del cacofonico mondo attorno. Visto che i giardini Kyosumi sono molto vicini al museo all’aperto Fukagawa Edo, un giretto culturale e tradizionale a Tokyo includendo entrambi questi siti e’ vivamente consigliato.

Poi, qualche fine settimana fa, quando c’era sole e caldo, sono andata anche in due nuovi giardini, RIkugien e Kyu-Yasuda.

Il primo, che pare sia tra i più belli a Tokyo, non mi ha colpita più di tanto. A parte una collina da cui si poteva osservare il giardino dall’alto, non c’era molto. Scommetto che sono andata nella stagione sbagliata…infatti questo giardino e’ pieno di aceri giapponesi che diventano rossi in autunno. Quello e’ il periodo giusto per andare, e forse lo rifarò.

Invece Kyu-Yasuda sono stati una rivelazione. Per me sono i più belli finora. E poi sono addirittura a ingresso gratuito, cosa che mi ha sorpreso vista la bellezza del posto e lo sfondo della Tokyo sky tree. Anche il museo Edo-Tokyo (qui) si trova nelle vicinanze.

Un valore aggiunto: di fronte ai giardini c’e’ il parco Yokoamicho, che e’ pieno di memoriali. La maggior parte del parco e’ presa da un edificio imponente che funge da padiglione della memoria, dedicato alle vittime del terribile terremoto che si verifico a Tokyo il secolo scorso. Sempre nello stesso parco c’e’ poi il museo alla memoria del terremoto, una statua commemorativa per i bambini morti nel disastro e un monumento per commemorare le vittime coreane (boh). Per chissà quale misteriosa ragione c’e’ poi anche un monumento (un prato fiorito) dedicato alle vittime dei raid aerei della guerra mondiale. Infine, in un angolo del parco e’ stato ricavato un piccolo squisito giardino giapponese. Un altro itinerario caldamente suggerito, questo.

Ultima menzione, anche se giardino non e': il tempio Kameido Tenjin, poco lontano da Kyu-Yasuda, ha un meraviglioso traliccio di glicine tutt'intorno a un laghetto prima dell'ingresso al tempio. Assolutamente da visitare a fine aprile, quando la fioritura e' all'apice.

Ci sono ancora molti altri giardini giapponesi nella mia lista, quindi spero di avere presto altri aggiornamenti sul tema.


Kyosumi Teien

Rikugyen



Kyu-Yasuda

Yokomeicho park memorial


Kameido Tenjin wisteria

Tuesday, May 8, 2018

Hayama seaside tour

The imperial family has their summer residence, or better say one of them, in Hayama, a beach town not too far from Yokohama. The villa is literally on the beach, protected by a high concrete wall with wire and guards 24/7. It was often used by the Showa emperor, the one before the current emperor.

Part of the grounds from the residence were donated to the city, which did a great work in refurbishing the land into a park, namely the Hayama Shiosai park and museum. Inside it, for a tiny entrance fee, visitors can wonder through a marvelous Japanese style garden (including a natural waterfall and a pond with the clearest water I’ve seen), a couple of buildings where various events are held, a couple trails running through a pine tree forest, some lookout spots with grass and benches, and a museum.

The museum itself is special, as it features among its exhibits (which are the entire marine life under the water in Salami bay) some specimen collected by the Showa emperor himself. There are reproductions of all the fish, crustaceans, shellfish and more, corals and seaweeds found in the bay subdivided based on the sea depth they live at. There are also real specimen kept well preserved in alcohol jars. Truly amazing.

The beach is, unfortunately, not the best I know. But it is the best I haven seen in the area so far. Although not yet groomed (beaches are serviced between July and August only in here) and a little stinky (the ocean’s salinity is not as high as that in the Mediterranean see, so the “ocean” smell is stronger in here), I guess the place has potential. The water is clearer than elsewhere, and also the beach is quieter because of its relative distance from the main train station. Those who want to go to the beach near the imperial villa, Isshiki, should hop on a bus, usually crowded, that has to dodge the traffic all along the narrow roads. On paper the ride should be 15 min, but in reality it takes between 30 and 45 minutes.

However, the majority of people gets off a few stops before, either at the Hayama marina, a nice restaurant and shops complex by the sailing boat piers, or at Morito beach (with a famous temple nearby). So, Isshiki (and the royals) see less people on average. Moreover, while the houses in Hayama describe well the wealth level of the residents (which include famous Japanese personalities), most of the restaurants and boutiques are found around Morito beach and the temple.
Those who are not interested in the beach, neither in the nice park mentioned above, usually go the Hayama and Kamakura modern art museum, whose entrance is also connected to the park entrance. From he museum outdoor plaza people can appreciate the nice view of the sea.

For a beach town, however rich, I didn’t expect to find such a diverse array of activities. Hopefully, the beach is as good and as nice as they all say. Coming from Sicily, my standards are way different, so the only way for me to agree or disagree with the claims is to see for myself. Come summertime, I’ll find out.

**************

L famiglia imperiale possiede la residenza estiva, o meglio una delle residenze, a Hayama una città di mare non lontano da Yokohama. La villa e’ proprio sulla spiaggia, protetta da una alta cinta in cemento e filo spinato e da guardie 24h. Era usata spesso dall’imperatore che precedette quello attuale, Showa, e dopo di lui parte del terreno della residenza fu donato alla città che ne ha fatto un parco che si chiama Hayama Chiosai park and museum.

Il lavoro di ripresa e’ grandioso, e nel parco, a cui si accede previa piccolo costo di ingesso, si trova un giardino giapponese meraviglioso, con tanto di cascata naturale e laghetto per i pesci la cui acqua e’ la più limpida che abbia visto sinora. Ci sono anche un paio di edifici, anch’essi sorta di museo, un boschetto di pini, e delle terrazze con prato da cui si gode di una bella vista del mare.C’e’ poi anche un museo. Questo museo e’ speciale, visto che tra i soggetti in esposizione (che in pratica altri non sono che l’insieme della vita sottomarina della baia  di Sagami) ci sono anche animali collezionati dall’imperatore in persona. Ci sono riproduzioni fedeli di tutti i pesci, crostacei, conchiglie, coralli e alghe, catalogati per profondità delle acque in cui vivono. Ci sono poi anche pesci veri e propri ben preservati sotto alcol. Davvero un museo incredibile.

La spiaggia, invece non e’ tra le migliori che io conosca. Anche se e’ la migliore tra quelle che ho visto in zona. Seppure non era mantenuta pulita (le spiagge qui sono servite solo a luglio e agosto) e fosse un po’ maleodorante (l’oceano non ha la stessa salinità del mediterraneo quindi odora un po’ di più di “mare”), il posto ha il suo potenziale. L’acqua e’ più limpida che altrove nell’area, e la spiaggia e’ più tranquilla vista la sua distanza dalla stazione più vicina. Quelli che vogliono andare in quella spiaggia vicina alla residenza imperiale, Isshiki, devono infatti prendere un autobus che e’ sempre affollato e si deve svincolare dal traffico lungo una strada stretta e tortuosa. Su carta il tragitto e’ 15 minuti, ma in pratica ci vogliono tra 30 e 45 minuti.

In ogni caso, la maggior parte della gente scende prima, o al porticciolo con le barche a vela, dove ci sono anche ristoranti e qualche negozio, o all spiaggia Morito. Di norma, quindi, Isshiki (e i reali) vedono meno visitatori. Inoltre, anche le case di Hayama descrivono bene il livello di benessere dei suoi residenti (tra cui si annoverano personaggi famosi giapponesi), mentre i ristoranti e negozi si concentrano intorno alla spiaggia Morito e al suo tempio vicino.
Quelli che invece non sono interessati ne’ alla spiaggia ne’ al parco di cui sopra, di solito si fermano al museo di arte moderna, il cui ingresso e’ praticamente attaccato all’ingresso per il parco. Dal piazzale esterno del museo si gode di una bellissima vista del mare.

Per quanto ricca, non mi aspettavo che una città di mare fornisse cosi tante attività. La speranza ora e’ che la spiaggia in effetti e’ come la dipingono. Venendo dalla Sicilia, i miei standard sono molto diversi, quindi l’unico modo che ho per poter concordare o no con le pretese e’ di provarla di persona. Non appena arriva l’estate lo faro’.





Thursday, May 3, 2018

The Edo-Tokyo museum

Tokyo city is so huge that deciding where it starts and where it ends is difficult.

However large, it is very small when one considers the hot spots such as touristic sights, museums, parks, observation decks and entertainment. But since 2012, with the opening of Tokyo Sky tree in the north east side of town, things have changed a little. The tower is located on the east side of the Sumida river, just facing the well known Asakusa’s Sensoji temple. Once considered shitamachi ( 下町、suburbs), the neighborhood of Ryogoku, Kameido, Monzen-nakacho have now become touristic destinations thanks to the advent of the Sky Tree.

That’s not just due to the tower alone, though. In fact, only in Ryogoku are the sumo stadium, a sumo museum, a very nice Japanese style garden, and further east the Kameido Tenjin temple which is famous for its wisteria trellises. Also in Ryogoku is a themed museum, the Edo-Tokyo museum, that recounts the history of Tokyo, since the days when it was called Edo till more recent times. This is not to be confused with the Fukagawa Edo museum, which is actually not too far from there and recreates an open-air setting of old Tokyo.

Since I don’t find myself on the east side, usually, I decided to visit a few of those mentioned sites, especially the Edo-Tokyo museum. The building itself is a sight to behold, not necessarily because it is architecturally catchy: the main entrance on the ground floor is wide and spacious, but other than a shop and the ticket counter there’s little else. On the roof there is a large plaza equipped with seating space. From there start large pillars on the four corners of the structures for supporting the rest of the building above, which consists of the museum itself. Essentially, from outside the building looks like a stilt house built on the roof of another house….

Inside, the museum is divided into two zones, the one that describes Edo, and the one that features modern Tokyo. Massive 1:1 reproductions of the wooden Nihombashi bridge and a theatre (where they hold shows for the museum visitors) occupy the whole height of three floors (there are no partitions, in fact, between floors here). Scale models of various places, such as the imperial palace grounds, districts of Edo and such are also scattered everywhere, together with full size houses complete with tools and furniture so to give visitors an idea of how life was back then.

I liked the ages-by-ages description (accompanied with dozens of exhibits) of old Tokyo, how it became important, who were the shoguns who eventually became the nation’s rulers, fires, floods, the opening to the westerners, trade and travel routes, and more. Moving into the modernization of Japan, a corner of the museum was then dedicated to the horrors of the world war and to how lifestyles changed accordingly. After the war it was time for the reconstruction and for putting the basis of today Tokyo, with electrical and electronic appliances, cars, western style furniture, fashion and love for sports (like golf).

Another nice thing of this museum is that visitors can try a lot of the items, such as sitting inside a shogun palanquin or carrying wooden water buckets. And, lastly, I was truly amazed by the perfection of all miniatures in the scale models, and I am sure that I won’t need to question the accuracy and the truthfulness of all details.

This museum is not what people expect, and although I left with somewhat mixed feelings, I’d recommend it to those who love history and culture.

***************

La città di Tokyo e’ cosi grande che e’ difficile decidere dove inizia e dove finisce.

Seppur enorme, e’ sempre piccola se si considerano i punti topici del tipo destinazioni turistiche, musei, parchi, intrattenimento. Ma dal 2012, con l’apertura di Tokyo Sky Tree nella zona nord est della città, le cose sono cambiate un pochino. La torre si trova a est del fiume Sumida, proprio di fronte al famoso tempio di Asakusa. Una volta le aree di Ryogoku, Kameido, Monzen-nakacho erano considerate suburbane mentre adesso, grazie all’avvento della torre, sono veri e propri centri turistici.

Eppure ciò’ non dipende soltanto dalla nuova Sky Tree. Infatti, gia’ solo a Ryogoku ci sono lo stadio del sumo, un museo del sumo, un giardino giapponese e, poco più distante, il tempio Famedio Tenjin che e’ famoso per i suoi tralicci di glicine. Sempre a Ryogoku c’e’ il museo Edo-Tokyo che racconta la storia di Tokyo sin dai tempi in cui si chiamava Edo fino ai giorni nostri. Questo museo non va confuso con il museo all’aperto Fukagawa Edo che non e’ lontanissimo e che ricrea l’atmosfera dell’antica città di Edo.

Visto che solitamente non mi trovo da quelle parti, ho deciso di fare un giro e visitare il museo Edo-Tokyo. L’edificio di suo e’ una cosa imponente, anche se architetturalmente non e’ niente: l’ingresso principale al piano terra e’ spaziosa, ma a parte la biglietteria e un negozio non c’e’ altro. Sul tetto c’e’ una sorta di piazzale con varie panche e sedie. Da qui partono enormi pilastri ai quattro angoli che sorreggono il resto dell’edificio, dove si trova il museo vero e proprio. In pratica, visto da lontano quest’edificio sembra una palafitta costruita sul tetto di una casa….

Il museo all’interno e’ diviso in due zone, una che tratta la vecchia Edo e una centrata sulla Tokyo moderna. L’intera altezza della sala, per cui non ci sono suddivisioni in piani, ma un unico locale, e’ poi occupata da riproduzioni fedeli in scala 1:1 del ponte di legno di Nihombashi e un teatro (dove si tengono piccoli siparietti per i visitatori del museo). Altri modelli in scala riproducono l’area del palazzo imperiale, vari rioni della vecchia Edo, eccetera. Ci sono anche riproduzioni di case arredate e piene di utensili, a dimensione reale, cosi da dare un’idea di come si viveva un tempo.

Mi e’ piaciuta la serie descrittiva per annate della vecchia Tokyo, come e’ diventata importante, quali erano i vari shogun che poi sono diventati i signori della nazione, incendi, allagamenti, l’apertura all’occidente, tratte commerciali e di viaggio, e altro ancora. Andando verso la modernizzazione del Giappone, una parte del museo e’ dedicata agli orrori della guerra mondiale e di come gli stili di vita si fossero adattati di conseguenza. Dopo la guerra venne l’epoca della ricostruzione che ha gettato le basi della Tokyo odierna, con l’uso di apparecchiature elettriche e elettroniche, automobili, arredamento stile europeo, moda e amore per lo sport tipo il golf.

Un’altra cosa bella del museo e’ che molti oggetti in mostra si potevano provare, ad esempio sedersi dentro una delle portantine degli shogun, oppure provare a issare secchi di legno per l’acqua. Per finire, mi hanno colpito immensamente le miniature dei modelli in scala, e sono sicura che ogni dettaglio e’ più che accurato.

Questo museo non e’ come la gente se lo aspetta, e seppure sono andata via con opinioni contrastanti consiglierei questa tappa a chi e’ appassionato di storia e cultura.







Sunday, April 29, 2018

Tokyo calls Catania

A casual conversation over text messages ended up with one of my very good friends from Sicily meeting me in nothinglessthan: TOKYO.

Last weekend I finally met her at the airport and together started a 4-day sightseeing tour de force. Although I always say I would rather take friends to places I haven’t yet been myself (which we did), re-discovering Tokyo and Yokohama with my friend was great, and the fact that I knew my way around helped us to cover more ground and optimise on time. In the end, it took us little over 2 days to touch all the must-see landmarks, so we could even afford a one day trip to the city of Kamakura and return to a couple of places for shopping as well. Being both tireless and walk lovers helps (we walked about 15 KM on average per day).

I am also glad my friend let me lead her around, even if that meant that perhaps I decided for us both a bit too often. I tried to fit a few seasonal events in the mix, as to let her experience something more traditional and local than “this is Shibuya crossing”…so we went to Nezu shrine, where its famous azaleas garden was in full bloom. It had been a while since I had visited it last (I wrote something about it here), and I loved to see it again.

Also, while we were in da hood, we couldn’t not check out Yanaka ginza: the old shopping street with pottery and tea shops had managed to elude me all these years and I have to thank my friend for having finally had the chance.

Even in Kamakura, although the number of temples is so high one could basically pick different ones at every visit, I saw something new. I suggested to rent a bicycle, which allowed us to steer from the uber-beaten temple grounds, except the two or three must-see, and we reached one I had not yet visited, commonly known as the bamboo temple. Indeed, its bamboo garden behind the main shrine (which doesn’t say much just by itself) was fantastic, even more so because there’s a tea house in it and people went all dressed in kimono. 

As for food, I made sure my friend tried all the most famous dishes and street food, without forgetting to take her to my beloved watering hole near home to introduce her to the owners and to my friends, and also had space for some Chinese and Thai food. If that’s not a successful week, I don’t know what is.

The one problem we had, though, was that we could only be in one place once: either day time or night time. All those who live in Tokyo know that the city changes completely from day to night, and the very same places (say Shinjuku streets) look like a different place after sunset…we needed more time for that and more energy, as we were just dead after dinner.

All in all it was also great break for me, I could take some days off work, I could spend quality time with a dear friend in a city I love, and I still saw new stuff after all these years. I hope I made my friend’s holiday one to remember and cherish. To me it was.

*************

Uno scambio di messaggi inusuale finisce con l’incontrare una delle mie più care amiche dalla Sicilia nientedimenoche: a Tokyo.

Finalmente lo scorso fine settimana l’ho prelevata all’aeroporto e abbiamo iniziato un'intensa 4-giorni turistica. Seppure dico sempre che preferirei portare i miei amici in posti che io stessa non ho ancora visitato (cosa che abbiamo fatto), fare di nuovo la turista a Tokyo e Yokohama assieme a lei e’ stato bellissimo. Tra l’altro, il fatto che io so gia come e dove andare ci ha pure permesso di ottimizzare i tempi e coprire più aree. E difatti in poco più di due giorni abbiamo praticamente fatto tutti i siti raccomandati e siamo anche riuscite a fare un giorno a Kamakura. Il fatto che siamo entrambe instancabili e amanti del camminare ha contribuito (abbiamo coperto una media di 15km al giorno).

Sono contenta che la mia amica mi abbia lasciato fare, anche se spesso ciò significasse che decidevo un po’ troppo spesso per entrambe. Ho anche cercato di inserire nella nostra tabella di marcia alcuni eventi stagionali o locali, in modo da non limitarci alla classica “ecco l’incrocio di Shibuya” e vedere qualcosa di più tradizionale…e cosi siamo anche andate al tempio di Nezu dove il suo giardino di azalee ha dato spettacolo. Era da un po’ che non ci andavo (l’ho anche descritto qui) e non mi e’ affatto dispiaciuto.

Mentre eravamo li’, non si poteva non fare una passeggiata a Yanaka ginza, la vecchia stradina con negozi di ceramiche e te che, tra l’altro, e’ riuscita ad evadermi per tutti questi anni, ma stavolta ce l’ho fatta grazie alla mia amica.

Persino a Kamakura, dove visto l’elevato numero di templi, si potrebbe comunque visitarne uno diverso ogni volta, ho visto qualcosa di nuovo. Abbiamo optato per affittare una bici, che ci ha permesso di allontanarci dai templi più battuti e siamo andati a uno che e’ noto per il suo giardino di bambù. Il fatto che ci fosse una casa da te, e che tutti visitassero il boschetto in kimono ha reso la nostra visita speciale.

Per quanto riguarda il settore cibarie, ho fatto in modo di farle assaggiare tutto quello che e’ più tipico, dai ristoranti al cibo da strada, senza dimenticare di portarla al mio ritrovo serale preferito vicino casa cosi da presentarle i proprietari e gli amici. In tutto questo abbiamo anche incluso la cucina cinese e quella tailandese. Se questa non e’ una settimana di successo, ditemi voi cosa può esserlo.

C’e’ stato pero’ un problema, ovvero potevamo essere in un posto solo una volta: o solo di giorno o solo di sera. Coloro che abitano a Tokyo sanno benissimo che la città cambia moltissimo e gli stessi posti, tipo la via principale a Shinjuku, hanno un’apparenza completamente diversa tra giorno e notte….ma per quello ci sarebbe servito più tempo e anche più energia visto che arrivavamo distrutte a casa gia dopo cena.

Alla fin fine e’ stata anche una tanto voluta pausa per me, ho potuto prendere qualche giorno di ferie, ho potuto trascorrere i giorni con una cara amica nella citta che amo, e ho anche visto posti nuovi ancora dopo tutti questi anni. Spero che la mia amica abbia trascorso una vacanza da non dimenticare, perche' per me lo e’ stato.









Saturday, April 28, 2018

Field festival - past and present


Tsurumi city has its own matsuri, or festival. It is called rice field fest, so prayers and rituals and events must obviously be dedicated to bring about a good harvest. Usually events are held by the station entrance and the temple.

What happens in such times is similar to what happens in our towns in case of religious festivals: an idol or mini shrine is taken out of the temple and carried along the city streets, either on a shoulder or on a cart. Music players follow suit, comfortably sitting at the back of a truck. At the end of the tour, everybody returns to the temple, jumping and singing, where all other worshippers wait for the closing ceremony to begin. Meanwhile, those who were working hard to carry the shrines rest by the roadsides eating and drinking.

In 2007, a lifetime ago, I stumbled upon what looked like a play without managing to understand what that was. Only now, thanks to the info in an email at work about the festival and a flier on my building bulletin board with pictures of people dressed in costumes I recognised from back then, I could piece the things together. However, if I remember well, what I witnessed in 2007 lasted a whole weekend and the play was part of the thing. It might just be I made a blunder..
Also, the date was different: it was in July rather than April 29th (which is a national holiday here, btw), so it is entirely possible that it was something else altogether.

In the case of this rice field festival, the program for the day is rich: at the temple, the main location, they start at 12:00 with pantomime, music, dances, various concerts, more events and acting, and they finish at 18:30. The second location, the space area in front of the train station is the stage for another pantomime, again with a theme on harvest and sending away evil I guess, where people in traditional costumes act. At the end there is a drumming performance (called taiko in Japanese).

I remember I was shocked the first time I saw this, as they all play following the same rhythm and speed, emanating a lot of energy. I was also surprised to see two foreigners, man and daughter, obviously so integrated in the Japanese society to be allowed to participate. I kept seeing the two over the years as well.

Anyway, if anyone should happen to have nothing else planned for this Sunday, know there’s a festival to experience here.  

***********

La citta’ di Tsurumi ha pure il suo matsuri, ovvero festival. Si chiama festa del riso, ed e’ chiaramente dedicata alla coltivazione e i riti pagani e non sono volti alla propiziazione del raccolto. Di solito i vari eventi si tengono tra l’area davanti alla stazione e al tempio.

Quello che succede in tali eventi e’ un po’ come accade da noi nel caso di feste patronali o simili: si comincia con l'uscita dell’idolo o portantina dal tempio, e poi la processione lungo le vie della citta’, o a spalla o su un carretto, seguita da una banda musicale che sta seduta sul retro di un furgoncino e suona fondamentalmente tamburi e flauti. Alla fine del giro la portantina viene riportata cantando al tempio, dove uno stuolo di fedeli aspetta impaziente per la cerimonia di chiusura. Nel frattempo coloro i quali si sono presi l'impegno di trascinare lo scrigno col dio per le strade, si godono il meritato riposo, semplicemente organizzando un picnic lungo i marciapiedi.

Nel lontano 2007 mi sono imbattuta proprio nel mezzo di una recita, o pantomima, che non sapevo spiegarmi cosa fosse. Solo oggi a distanza di anni, grazie alle informazioni sulla festa in una email in ufficio, ho collegato quell’evento con una locandina affissa alla bacheca del palazzo di casa dove ho riconosciuto alcuni dei costumi visti in passato. Se non ricordo male, pero’, nel caso del 2007 tutto il fine settimana da venerdì a domenica era impegnato da processioni religiose, oltre che esserci questa rappresentazione, quindi potrebbe anche darsi che io abbia preso un granchio…
Tra le altre cose, la data era diversa: a luglio invece che all’ormai fissato 29 aprile (tra l’altro giorno di festa nazionale), quindi magari si trattava davvero di qualcosa di diverso.

Nel caso di questo festival del campo di riso, il programma della giornata e’ fitto: al tempio, la location principale, si inizia alle 12:00 con pantomima, musica, danza, si continua con vari concerti, altre esibizioni canore o folcloristiche, e si chiude alle 18:30. Poi davanti alla stazione si assiste ad un’altra esibizione, che suppongo abbia come tema qualcosa correlato alla prosperità del raccolto, dove si possono notare ragazze in costume tradizionale (forse mondine?), un demone o drago e altri personaggi che non ho ben identificato. C’e’ poi la finale con la banda di percussionisti che teatralmente suonano solo tamburi enormi, detti taiko in giapponese, perfettamente sincronizzati e seguendo un ritmo che sa molto di tribu’. 
Rimasi stupita la prima volta che vidi che a suonare i tamburi c’erano anche due "forestieri", padre e figlia di non piu’ di 10 anni, ormai giapponizzati al punto da fare persino i devoti alla festa. Li ho poi rivisti di anno in anno, sempre ai tamburi, chiaramente integrati nella società e partecipi delle attività. 

In ogni caso, se a qualcuno dovesse capitare di trovarsi senza nulla da fare questa domenica, sappiate che c’e’ questo festival tutto da scoprire.


Saturday, March 31, 2018

Kasai Rinkai park - where sky and ocean meet


On I went again to discover another of the several parks in Tokyo. I checked the Kasai Rinkai park (葛西臨海公園) out, neighbour to nothing less than Tokyo Disneyland.

We’re in full cherry blossom frenzy here, and that means that the last weekend of March and the first weekend of April are the two weekends all parks in Tokyo and Yokohama area are taken by storm. Aware of the crowds, but still in need of some nature, I picked a destination that’s off the beaten path and, importantly, that’s not famous for having hundreds of cherry trees….

Saying that Kasai park, which is directly sitting by Tokyo bay, is a seaside park is an understatement, as there are: bare grounds for picnics and outdoor games, a concrete wharf all along the south side of the park, large paved roads around and through the park for running and cycling, great variety of trees, lots of them, a cherry tree tunnel, two huge bird sanctuary ponds, an observatory made almost entirely out of glass to gaze at the bay, the Tokyo Sea Life aquarium (that experienced unwanted popularity when a rogue penguin escaped into the bay), the BIGGEST ferris wheel in town and a ferry dock (there are daily cruise courses that connect Asakusa to Kasai park via Odaiba and vice versa). In short, an amazing place to spend the day.

The park, as I was hoping, was not crowded. Or, I should say it was crowded, but it didn’t feel like it. A short trail connecting the aquarium and the ferris wheel was lined with big cherry trees on both sides, creating a tunnel of pink flowers, and that’s where most of the people were concentrated. The rest was pretty much lacking human souls, except for some people strolling or cycling, or for those lining up by the food trucks near the entrance. The families with small kids must have been more interested in the aquarium or in taking a ride on the ferris wheel. 

The view of the bay form the wharf was really nice, although I guess nothing beats the view from the ferris wheel cabins. However, since the line to get on it was pretty long, I parked myself in a dummy spot and enjoyed the quiet for some time.

Sadly, the ferry terminal was not operational -don’t know what the reason was or whether it was permanent- so I had to recalculate my glamorous return route since I was hoping I could go back by water to Odaiba, take a stroll there by the beach and then go home form there. I hope they’ll restart that service even though it takes much longer to get to the park (or return from it) by water than by train…with the arrival of the good season who wouldn’t want to hop on a ferry for a ride in Tokyo bay?

***************

E di nuovo sono andata alla scoperta di uno dei tanti parchi di Tokyo, che si chiama Kasai Rinkai (葛西臨海公園) , vicino di casa di niente meno che Tokyo Disneyland.

Qui siamo in piena frenesia primaverile per via della fioritura dei ciliegi, il che significa che l’ultimo fine settimana di marzo e il primo di aprile sono quelli in cui tutti i parchi dell’area metropolitana di Tokyo e Yokohama vengono invasi. Consapevole del fatto, ma nonostante ciò bisognosa di una fetta di natura, ho scelto una destinazione che e’ un po’ fuori dal giro e che ovviamente non e’ famosa per avere centinaia di alberi di ciliegio…

Dire che il parco Kasai Rinkai, che praticamente sta su mare, e’ un parco litoraneo e’ semplicemente riduttivo, visto che annovera: aree a prato per picnic e giochi all’aperto, una banchina lungo tutto il lato aperto alla baia, strade larghe intorno e attraverso il parco per correre o per i ciclisti, grandi varietà di alberi, e pure molti alberi, poi una galleria di ciliegi, due laghetti pieni di specie protette di volatili, un osservatorio fatto quasi interamente in vetro per osservare la baia, l’Aquario Tokyo Sea Life (che ha ricevuto molte attenzioni alla notizia di un pinguino evaso), la ruota panoramica più grande della città, e un molo per traghetti (e’ possibile fare una mini crociera tra questo parco e Asakusa, con fermata intermedia a Odaiba). In sostanza, un posto perfetto per una giornata.

Come speravo, il parco non era per nulla affollato. Anzi, no, direi che era abbastanza pieno, pero’ non sembrava. Un viale che collega l’acquario e la ruota panoramica era delimitato da due file di ciliegi i cui rami si incrociavano in mezzo a formare un tunnel di fiori rosa, e proprio li si concentravano la maggior parte delle persone. Il resto del parco era praticamente privo di esseri umani, tranne che per gli occasionali ciclisti o passanti, o per quelli che facevano la fila al camioncino dei paninari. Mi sa che chi era li con la famiglia era più interessato o all’acquario o alla ruota panoramica.

La vista della baia dalla banchina non era male, anche se suppongo che deve essere ancora meglio dall’alto della ruota. Ma siccome ogni volta che davo un’occhiata alla fila la vedevo crescre di più, ho preferito trovare un posticino al sole per trascorrere qualche ora in pace.

Peccato pero’ che l’attracco (e la biglietteria) per il traghetto non era aperto, per non so quale motivo (e non so neanche se era temporaneo o no), quindi ho dovuto ricalcolare il mio itinerario glamour visto che avevo proprio pensato di prendere il traghetto fino a Odaiba, fare una passeggiatina sulla spiaggia e poi tornare a casa da li. Speriamo che il servizio riprenda, anche se in effetti lo spostamento via mare impiega molto più tempo che via treno…ma del resto, ora che arriva la bella stagione chi e’ che non preferirebbe un giretto in barca nella baia di Tokyo?










Sunday, March 18, 2018

Work Awards



'Dear Ms. Marina LIZIO,
We are pleased to inform you that you have won the "CLST Technician Incentive Award for 2017"'

....a few days later...

'Dear Ms. Marina LIZIO,
Congratulation. This is to inform you that you have won the 2017 RIKEN
Technology Incentive Award selected by the Human Resources Committee.’


Ha. I had to let it settle for a while, before realising what was happening. Yes, within a week I received the notification of not one but two awards I had won. Who would have thought! Both these awards give credit to those who have made a substantial contribution to the center/institute. They come with a nicely framed certificate and a ceremony all awardees shall attend. While all that is great, it might be a little unpractical given the distribution of all our research centres.

For one of the award ceremonies I had to go to Kobe, where the center (CLST) headquarters are, which is a 2hr bullet train ride (about 500km) down to central Japan. For the other one I had to head to the whole institute (RIKEN) headquarters, north of Tokyo, which is a mere 50km train ride but takes 2hr all the same… Basically I had to travel more than 4hrs each of those days just to be physically there for the total of 2 minutes it takes to shake a hand and receive a certificate...

The trip to Kobe was treated as a one-day business trip, as the destination is more than 100km away. That meant that I could plan some additional activities (I went to the fashion museum, see here). So, what happened on that business trip was that I went, I was briefed on what to do, I stood when my name was called, I bowed to the center director, shook his hand and bagged my award. That was it. Had they given us (7 people in total) a money prize equivalent to the travel costs instead of paying for all awardees trips, we would have all been happier.

Receiving the institute’s award was another thing altogether, although essentially was the same kind of ceremony. The conference room was arranged to fit about 40 people, all of them receivers of the award. Yes, forty.

As it usually is the case for very formal situations, everything was pre-arranged for us: the seating order, the line-up, even how to dress and behave. After all, the president of RIKEN himself was going to hand us our award certificates, so we had to be briefed on how to receive the award as well: walk up when our name is called, bow to the president, step forward, grab the thing with both hands and bow again, step back and bow again. After a very long award ceremony, with photographs, we were then told to form a large circle as we were to discuss how to promote science together with the president and the executive director (who have the same last name but aren’t related). No need to say, everything happened in Japanese.

After, we participated to a small gathering with drinks and food, which all executive directors and big shots took part too. Having to interact with other executives felt odd, at least for me since I don’t know any of them nor what their positions were, so I may have broken the behavioural rules a few times without realising it.

All in all, it was fun to see the president interact with us, showing us his magician side, his artistic side (used to draw when he was a child) and his fun side.

Will these awards have an impact on my career? Probably not much, but at least they sort of give me a motivation to do my best always. Recognition comes to those who deserve it when they least expect it.

*****************


'Dear Ms. Marina LIZIO,
We are pleased to inform you that you have won the "CLST Technician Incentive Award for 2017"'

….qualche giorno dopo….

'Dear Ms. Marina LIZIO,
Congratulation. This is to inform you that you have won the 2017 RIKEN
Technology Incentive Award selected by the Human Resources Committee.'


Caspita. Ci ho messo un po per capire cosa stava succedendo. Difatti, nel giro di una settimana mi sono arrivate non una ma due comunicazioni di vincita di un premio. E chi lo avrebbe mai detto. I due premi sono entrambi per dar credito al lavoro di coloro che hanno contribuito in maniera sostanziale al centro/istituto. Per entrambi e’ prevista la consegna di un certificato con tanto di cerimonia di premiazione a cui bisogna ovviamente partecipare. Sebbene sia una bella cosa, e’ pero’ poco pratica, vista la distribuzione dei vari centri di ricerca e dell’istituto stesso.

Per una delle due cerimonie mi e’ toccato andare a Kobe dove e’ il quartier generale del centro (CLST), che sta nel centro del Giappone a due ore di treno e a distanza di 500km. Per l’altra invece sono andata al quartier generale dell’intero istituto (RIKEN), a nord di Tokyo, che stanno a una mera distanza di 50km ma mi ci e’ voluto lo stesso due ore per arrivarci…in pratica, ognuno dei due giorni mi e’ toccato viaggiare per oltre 4 ore solo per essere fisicamente presente per quei 2 minuti che ci vuole per una stretta di mano e il ricevere un certificato…

I viaggio per Kobe e’ considerato business trip, visto che la destinazione e’ a più di 100km. E ciò significa che ho potuto includere una piccola distrazione (andando al museo della moda, vedi qui). Ma di fatto, sono andata fino a Kobe, ricevuto istruzioni sul come avrei dovuto accogliere sto pezzo di carta, preso il certificato e via. Basta. Finito. Se ci avessero consegnato (a me e gli altri 6 vincitori) una somma in denaro equivalente a quanto hanno sborsato per il viaggio saremmo stati tutti più contenti.

Revere il premio relativo all’intero istituto invece e’ stato tutta un’altra cosa, seppure la cerimonia era essenzialmente la stessa. La sala conferenze era organizzata per accomodare circa 40 persone, tutti spettanti un premio. Ebbene si, quaranta. 

Come di solito succede in casi di situazioni formali, tutto era gia deciso: l’ordine di posto, la lista, regole comportamentali e abbigliamento. Dopo tutto niente meno che il presidente del RIKEN ci avrebbe dato i certificati di merito, quindi ci hanno pure spiegato ben bene come fare: avvicinarsi quando il proprio nome viene chiamato, inchino al presidente, avvicinarsi per ricevere con entrambe le mani il certificato e inchinarsi, fare un passo indietro e chinarsi di nuovo. Dopo una lunghissima cerimonia, con tanto di foto, ci viene detto di formare un cerchio perché si doveva discutere di come incentivare la ricerca, assieme al presidente e al direttore esecutivo (che ha lo stesso cognome del presidente ma non e’ parente). Non c’e’ bisogno di dire che il tutto si e’ svolto in giapponese.

Dopo di che, abbiamo preso parte a un piccolo rinfresco, a cui hanno partecipato anche tutti i vari esecutivi. Devo dire che chiacchierare con i grossi capi e’ stato un poco strano, anche perché io non conoscevo nessuno di loro, ne’ che posizione abbiano. E magari avrò anche commesso qualche strafalcione sociale o di gerarchia senza manco saperlo.

Comunque, alla fine e’ stato interessante vedere come il presidente ha interagito con noi, ci ha pure mostrato i suoi talenti come illusionista, artista (da piccolo disegnava molto) e intrattenitore.

dite che questi premi avranno un impatto sulla mia carriera? Mah, forse non tanto, ma almeno danno una piccola motivazione a fare del propio meglio sempre e comunque. D’altra parte, il riconoscimento arriva quando uno meno se lo aspetta.

Saturday, March 10, 2018

Kobe Fashion Museum

As I was going on a business trip to Kobe, I added a tiny cultural detour and visited the Kobe Fashion Museum to see what the collection in there had to offer.

The museum is located in the man-made Rokko island, a place that makes living quarters, a port, factories, and interior shopping coexist. The whole island is designed in such a way that creates a floating concrete oasis of beauty, peace and quiet, although the docking platforms and cargo cranes might tell otherwise.

Anyway, the fashion museum is in the middle of the island, tucked in a corner of what's called Fashion Plaza (it's got nothing of a plaza, and strictly speaking nothing of fashion). The most impressive thing here is the design of a concert and events space that, from the outside, looks like the Star Trek Enterprise space ship sticking out from the museum roof.

I was rather disappointed by the collection. I somewhat expected to see hundreds of clothing items and fashion accessories from all over the world, but the selection was poorer than I thought. What I planned as a two-hour tour ended up being a 20 min ride and lots of extra time to kill…

Many were the things I didn’t like about this exhibition.

First of all, there was some special temporary exhibition that was about everything except fashion. It featured the works of the famous Japanese master of ushiyo-e (a form of art where woodblock printing is used) Taiso Yoshitoshi. Those paintings, although very fine and unique as they embedded poetry verses as well, depicted gloomy and crude scenes of murders, killings for revenge, suicides, battles, upside-down hangings and so on. So, yeah, violence for the win. There were also paintings of women, fortunately, and also pieces that reflected the changes in modern Japan, its westernisation, where Japanese were drawn wearing dresses typical of the romantic style that was spreading across Europe. Maybe that was the only reference to fashion.

Next, the permanent exhibition on fashion was, as said, minimal. There were a total of 15 mannequins in one room, each of them “wearing” a different dress from the Rococo style (1720 ca) to the style of the late 90’s, passing through empire, romantic, art nouveau, and so on. Basically, the collection only interested on French and British clothing. Sticking out was a Dior dress form the 50’s that was exquisite and could have been worn in our present times (such is Dior couture: timeless), but that was it. No, wait. There was one example of a Chinese fashion item. However, what about the rest of the world? What about the hundreds of styles and currents and traditional clothing items?

One more thing: other than a wide display of hand fans, a few hair pins and a wooden vanity case, the display of fashion accessories ended there. Related to the had fans, there was, at least, one interesting item: a poster revealed the cryptic code behind the hand fan language…whether you’d open it, or close it sharply, or whether you’d touch your left or right cheek, or the back or the front of your head, every gesture concealed a message. Just imagine if the recipients would get the wrong message!

Back to the criticism, all the mannequin were kinda creepy: the sizes of those with dresses dating from before the 20th century were very small, as if they all were children, and their faces were all the same. It felt like being in a horror movie, where clone dolls went after museum visitors. The mannequins with dresses representing the decades in 1900 didn’t even have faces, just a bald white head with no features, and were taller. Much taller.

On one corner of the fashion room there was an art piece worthy of more attention: the rendering of a park scene using 900,000 coloured pins (tailor’s pins, yes). That was cool.

Last but not least, photos were not permitted. I mean, why? The heck! A couple of old people patrolled the rooms as if their lives depended on catching perpetrators…what would be the worst thing that taking a photo would do? Advertise the museum? 

Before I knew it, the fashion museum was over, and so was my detour. It was time for business.

*************

Dovendo andare a Kobe per un viaggio di lavoro, ho aggiunto una breve digressione per visitare il museo della moda, curiosa di vederne la collezione.

Il museo si trova in una isola artificiale che si chiama Rokko, un posto in cui industrie, quartieri residenziali, un porto, e negozi di arredamento coesistono. L’onera isola e’ progettata in modo da dare un’idea di una oasi felice, una piattaforma galleggiante di bellezza e quiete, seppure le piattaforme di carico merci al porto possano raccontare un’altra storia.

In ogni caso, il museo sta proprio in mezzo di codesta isola, relegato in un angolo di un edificio chiamato Fashion Plaza (che ha poco di plaza, e non molto di più di fashion). La cosa più spettacolare era, a mio avviso, la forma esterna di una sala concerti che sembrava come la nave spaziale Enterprise sul tetto del museo.

Sono rimasta molto delusa dalla mostra. Per qualche motivo, mi aspettavo di trovare centinaia di abiti, accessori, e quant’altro da ogni parte del globo. Invece la selezione era più piccola di quanto potessi immaginare. Ciò che avevo pianificato per due buone ore, si e’ trasformato in un giro di 20 minuti e tanto tempo perso….

Molte sono state le cose che non ho apprezzato di questa collezione.

Prima di tutto, c’era una mostra temporanea speciale, che era tutto fuorché legata alla moda. Si trattava dei lavori pittorici di Taiso Yoshitoshi, un famoso artista giapponese disegnatore di ushiyo-e (una forma d’arte simile alla xilografia). 
I dipinti, raffinati e unici artisticamente parlando, raffiguravano scene crude e trucida di assassinii, suicidi, rivali morti ammazzati, sgozzati, decapitati, appesi a a testa in giu, insomma violenza. C’erano per fortuna alcuni dipinti di donne, e anche alcuni lavori che raffiguravano il cambiamento dei giapponesi nell’aggiustarsi ai costumi e alla moda tipica dell’era romantica europei. Forse questo era l’unico collegamento con il tema della moda.

Poi, la mostra permanente sulla moda era, come gia detto, minima. C’erano in totale forse 15 manichini in una unica sala, ognuno di essi con un diverso stile che andava dal periodo Rococo (intorno al 1720) allo stile degli anni 90, attraversando gli stili impero, romantico, crinolina, arte nouveau, eccetera. In pratica la collezione interessava solo la moda inglese e francese. In particolare, un abito di Dior degli anni 50 era talmente bello che potrebbe essere indossato benissimo anche ai giorni nostri (caratteristica della sartoria Dior: senza tempo). E poi basta. Anzi no, c’era un abito tipico della cultura cinese ma poi basta. Come se nel resto del mondo non esistesse una cultura del costume. Va beh.

E un’altra cosa: a parte una larga collezione di ventagli, un paio di accessori per capelli e un antico porta trucchi in legno, anche questa sezione finiva li. Una cosa interessante riguardo ai ventagli era una sorta di guida all’interpretazione del linguaggio criptico dei ventagli…se lo si apre o si chiude di scatto, se lo si avvicina alla guancia destra o sinistra, o sulla fronte o dietro la testa…insomma ogni gesto rappresenta un messaggio cifrato. Non voglio immaginare che succede se uno interpreta male i segni!

Tornando alle critiche, tutti i manichini erano un po’ inquietanti: tutti i manichini con vestiti dei secoli 700 e 800 erano piccoli, come se fossero bambini, e le loro facce erano tutte identiche. Mi e’ sembrato come essere in un film dell’orrore dove bambole clonate perseguitano gli ospiti. I manichini coi vestiti del 900 invece erano semplicemente amorfi, senza facce e alti. Molto alti.

Relegato in un angolo ci stava un pezzo molto più interessante: un quadro di una scena campestre ottenuto utilizzando circa 900,000 spilli con le capocchie colorate. Devo dire che era fenomenale.

E poi, per finire, non era permesso fare fotografie nel museo. Dico, ma perché? C’erano un paio di guardiani vecchiardi che controllavano come se la loro vita dipendesse dall’individuare trasgressori…quale sarebbe la cosa peggiore che può succedere, pubblicità al museo? Mah.

Intanto, la visita al museo finisce prima che me ne renda conto, e cosi anche la mia deviazione. E mi tocca lavura'.






Friday, February 23, 2018

Nature, culture, leisure - all in one at Ikuta Ryokuchi park

I am starting to feel like I am creating a post series dedicated to parks…well, why not! They are the cities green lungs, people’s favorite locations for sport, outdoor activities, picnics, family day out. And there never are enough of them.

I checked out an interesting park the other day, Ikuta Ryokuchi park, a large patch of land on the south side of river Tama, and near to another rather large park Higashi-takane (you can review the story about that one here).

There are several interesting facts about Ikuta park.

First, I came across its existence years ago, when mum came to visit me, but never knew I was in a park, let alone in this specific one! I went with my mother to see the Minka-en open air folk museum, which was nice for her (like anything else we did, being it her first time in Japan) and also for me as I hadn’t yet visited the site. All the while we were strolling through the historical Japanese houses and residences, little we knew we were also inside Ikuta park!

Second, there is an observation platform on the highest hill in the park, which is worth the (leisurely) hike, as you can see as far as the Tokyo Sky Tree, 35km north east. Paved trails run all over and cut through the park, so there are more than one ways to get to the top of the hill. The platform is perfectly square, and along the handrail are the regularly spaced icons of the 12 animals making the Chinese zodiac. I don’t know what’s the reason behind that. But the views are great: one side looks into Tokyo, whereas another side faces the mountain range of the central Alps.

Third, the park offers the possibility to learn about history, art, science, and animation, as there are three museums in the park all very close to each other, and a fourth just a short walk away, at the edge of the park. One is the already mentioned folk museum where some 20-ish houses with thatched roofs stand as testimony of the Japanese past, re-built from the originals. Walking through these houses feels like going back centuries, watching how they look inside gives a glimpse of the lives people led in there. Another museum is the Kawasaki science museum, which also boasts a planetarium so that visitors can learn about astronomy and watch the starry sky even in daytime thanks to some kick-ass engineering and projection mapping. There is also a steam locomotive on display in front of the museum. The other museum is the one dedicated to Taro Okamoto, the beloved Japanese artistic genius at the intersection between Picasso, surrealism, activism and bizarre. The museum was opened thanks to donations from the artist himself to the city of Kawasaki (where he was born), it is small but the artworks are fantastic. Actually, many are Taro’s works on display in Tokyo, like the mural in Shibuya station or the statue in front of the UN university in Aoyama, or in front of this very museum, as he strongly believed that art should be for everybody. Kinda disappointing that no photos were allowed in the museum…so much for Taro’s “art to the public” wishes! Finally, the last museum is the one dedicated to the animation creations of Fujiko Fujio (know Doraemon, the blue alien cat?).

Fourth. The park seems endless. Every time I looked at the map to check which side of the park I was at, believing to have reached the end, I saw more. Forests, rose gardens, birds sanctuary, ponds, all of that had to be left unexplored, at least for this time. 

Fifth. You can try your dexterity in indigo dyeing. Workshops are held regularly, and they are included in the folk museum entrance fee in case you’ll visit that. 

Sixth. There are something like 6 different walking courses one could try that take visitors to different areas of the park. Once the good season arrives, I am going to walk them all. 

This park was a real good discovery, it has the right balance between tree-occupied land and open flat fields with grass for relax. There are plenty of benches and also areas with picnic tables, so really this place is asking for being exploited.

I even got a cool new roll-up park blanket, spring better come quick this year, long lazy park afternoons here I come.

************

Mi sa che senza volerlo ho creato una mini serie dedicata ai parchi…beh, e perché no? Sono i polmoni delle città, i posti preferiti dalla gente per far sport, stare all’aperto, picnic, domeniche in famiglia. E poi non ce ne sono mai abbastanza.

Di recente sono stata a un parco davvero interessante che si chiama Ikuta Ryokuchi, essenzialmente un grosso appezzamento di terra vicino la riva sud del fiume Tama che si trova tra l’altro vicino a un alto parco molto bello, Higashi-takane (vedi la storia qui). Sono tanti gli elementi che rendono Ikuta park molto interessante.

Primo, ci ero gia stata anni fa, quando mamma venne a trovarmi, seppure senza sapere di esserci dentro! Ero infatti andata con mia madre a visitare il museo folcloristico all’aperto, una prima volta (come per tutto il resto) per lei, ma anche per me. E per tutto il tempo che stavamo li a gironzolare tra le abitazioni storiche del museo, poco sapevamo di essere dentro al parco!

Secondo, sulla collina più alta del parco ci sta un osservatorio che vale la scarpinata (piacevole, poi) visto che da li si vede fino alla nuova torre Tokyo Sky Tree che sta a 35km da li. Il parco e’ attraversato da tanti vialetti, in modo da poter raggiungere l’osservatorio da vari lati. La piattaforma d’osservazione e’ perfettamente quadrata e sul corrimano ci sono i 12 segni dell’oroscopo cinese, a intervalli regolari. Non so il perché della loro presenza. Ma la vista e’ fantastica, da un lato sulle montagne innevate e sulla città dall’altro.

Terzo, il parco offre opportunità per farsi una cultura su storia, scienza, arte e animazione visto che ci sono ben tre musei a distanza ravvicinata e un quarto a una estremità del parco, un po più distante. Uno di questi e’ il museo folcloristico gia menzionato, dove una ventina di abitazioni con tetto di paglia, tutte riproduzioni perfette, raccontano la storia del Giappone. Trovarsi tra queste case e’ come tornare indietro secoli, capire come la gente viveva un tempo. Un altro museo e’ quello della scienza che ha pure un planetario da cui e’ possibile osservare lo spazio anche durante il giorno grazie alla tecnologia moderna. Davanti all’ingresso c’e’ una locomotiva a vapore. Il terzo museo e’ dedicato al genio artistico di Taro Okamoto, poliedrico a meta’ tra surrealismo, Picasso, bizzarria e attivismo. Il museo nasce grazie alle opere donate dallo stesso artista alla città di Kawasaki, dove e’ nato. Il museo e’ piccolo ma fantastico. Che poi molte sono le opere di Taro in giro per Tokyo, come ad esempio il murale alla stazione di Shibuya, proprio perché l’artista voleva che l’arte fosse per tutti. Un po’ di disappunto l’ho provato nel museo dove non e’ permesso fare fotografie…un po’ antitetico al volere dell’artista. Per finire, l’altro museo e’ dedicato alle creazioni di un cartonista molto amato…il creatore di Doraemon.

Quarto, il parco sembra essere infinito. Ogni volta che guardavo la mappa per capire da che parte ero, pensando di essere al limite, vedevo di più’. Foreste, roseti, oasi per volatili, laghetti, il tutto ancora da esplorare visto che non avevo tempo.

Quinto, c’e’ un laboratorio di tintura della stoffa dove si può prenotare un corso. Ci sono corsi regolarmente, e se uno visita il museo del folclore, nel costo dell’ingresso e’ inclusa la visita alla tintoria.

Sesto, ci sono una cosa come 6 percorsi diversi da poter seguire, che portano a esplorare sezioni diverse del parco. Non appena la bella stagione arriva, me li passeggio tutti.

Questo parco e’ stato una bellissima scoperta, ha il giusto equilibrio tra parti fitte di alberi e zone aperte su cui organizzare picnic. Ci sono tantissimi tavoli e panche, quindi davvero bisogna viverlo di più’.

Ho persino una coperta nuova nuova, quindi spero che la primavera arrivi presto che ho alcuni pomeriggi di relax da trascorrere.