Monday, October 20, 2014

This is for my cousin Nick - The joyful traveler

Take flying, for example. Have you ever thought about how fascinating airplanes are?

I mean, they get you up in the air, take you miles and miles away while you read, or sleep, or watch movies, or play games or chat. Huge and heavy monsters, with engines so powerful to beat gravity, they fly 12000 feet above the ground, through the cold air (so cold that if you put a hand out the window it would freeze completely in 10 minutes) carrying people and dreams and hopes…they, in short, are what brings us the closest to God.

Waking up while flying over Hong Kong has its own charm. Lush vegetation coats the little islands scattered in the ocean, mountains surround the unreal line up of tall buildings and skyscrapers. The sun sifts through the thick tropical morning air, becoming stronger in dissolving the mist particles by the hour. 

Watching the whole of Japan pass under the aircraft, its snowy mountains, Fuji, the coastline, making sense of all the distances, it all opens new horizons. 

Crossing the line of day, going from bright to dark or vice-versa, that's so cool. 

Have you ever seen the Arctic Sea? At night it shines, like the rest of the land covered in a thick layer of snow. Siberia is just an endless expanse of emptiness dotted here and there with solitary lights. 

Landing and taking off at night, recognizing the Tokyo tower right there, on the left side, feels pretty much like home. 

And yet there is more to see on any new travel. Isn't it all magic…

It has become more and more common to have inflight live streaming videos…of the outside. And the way we perceive flying has changed. Think about it. Once we had to hope to have a window seat and we would keep out camera out so that we could capture the world outside. That was already something amazing, terrific. Now even on a three hours flight we can experience the thrills of being in the cockpit.

Being fed the live video showing the maneuvering throughout take off, and, then, landing procedures is exciting and frightening at the same time. I can see the tarmac, as if I am driving a car, all the lines and signs that mean nothing to me, I see the runaway distancing more and more, and my field of view enlarging more and more, until every detail is lost into the picture of the ocean below…

When flying from Hong Kong to Tokyo, I even learned something new. Did you know that the airplane front wheels are out 20 minutes before landing, already? I thought they were down only when the airplane is about to touch down on its rear wheels…A flight that was revealing. I mean, I could see the ground below getting closer and closer and closer and OMG we are going to hit hard and why oh why the pilot is not going back up again this is so damn scary oh here we go here we go OH WOW the smoke of the rubber slithering damn I can't see a thing…

The cameras keep recording, after yet another successful and smooth landing, I could see all the turns, the cars and trucks of all airport workers passing in front of us, I could see the man in a yellow hat and yellow striped jacket waving his arms and telling the pilot when to stop. 

That. Was. Awesome.

************

Considerate volare, per esempio. Avete mai fatto caso a quanto siano affascinanti gli aerei?

Dico, ci portano su in alto, ci portano chilometri e chilometri lontano mentre dormiamo, o chiacchieriamo, o guardiamo un film. Mostri enormi e pesanti, con motori così potenti da sconfiggere la forza di gravita, volano fino a 12000 piedi d'altezza, attraversano l'aria fredda, ma così fredda che se mettessimo la mano fuori dal finestrino sarebbe completamente surgelata in 10 minuti, e trasportano persone, sogni, speranze….praticamente sono la cosa più vicina alla divinità che abbiamo.

Svegliarsi mentre si sorvola Hong Kong ha il suo fascino. Vegetazione lussureggiante copre le isolette che puntellano l'oceano, montagne circondano la fila surreale di palazzi e grattacieli. Il sole filtra attraverso l'aria spessa mattutina e poi pian piano dissolve l'umidita tropicale.

Guardare il Giappone che scorre sotto l'aereo, le montagne innevate, il monte Fuji, la costa, il rendersi conto delle distanze, tutto apre nuovi orizzonti.

Attraversare la linea del giorno, da buio a luce o vice versa, questa cosa e' pazzesca. 

Avete mai visto il mare artico? Di notte brilla, come il resto del continente coperto da uno spesso strato di neve. La Siberia e'  un vuoto infinito puntellato da luci solitarie.

Atterrare e partire di sera, riconoscere il profilo familiare della torre di Tokyo, li sulla sinistra, fa sentire come a casa.

E con ogni viaggio c'e' altro e altro ancora. Non e' magico tutto ciò?

Ultimamente e' anche abbastanza comune guardare il video di quello che succede fuori dalla cabina, cambiando il modo in cui percepiamo l'esperienza di volare. Pensateci. Prima si doveva sperare di avere un posto finestrino, ci si armava di macchina fotografica e si pazientava per ottenere belle foto. E quello era già abbastanza spettacolare. Ora, persino con un volo di tre ore si può vedere cosa si vede dalla cabina di pilotaggio.

Il fatto di osservare tutte le fasi di decollo e atterraggio terrorizza e affascina allo stesso tempo. E' come se stessi guidando la macchina, posso vedere la pista, tutte quelle linee e quei simboli che non capisco, e l'allontanarsi pian piano mentre il campo visivo si allarga fino ad includere il tutto nella vastità dell'oceano di sotto…

Ho addirittura scoperto qualcosa che non sospettavo nel volo tra Hong Kong e Tokyo. Lo sapevate che le ruote davanti dell'aereo sono già fuori almeno 20 minuti prima di atterrare? Io pensavo che il portello venisse aperto appena prima di toccare terra…un volo rivelatore. E poi dico, potevo vedere la pista che si faceva sempre più vicina e ODDIO ma perché il pilota non risale su ci stiamo per schiantare al suolo oh questo atterraggio fa paura eccoci eccoci ci siamo quasi OH WOW guarda il fumo non appena le ruote toccano terra non vedo nulla….

Il video continua ad andare avanti dopo un perfetto atterraggio così che vedo tutte le manovre, i vari mezzi aeroportuali che passano di fronte all'aereo, l'omino in giallo che fa segno al pilota di fermarsi.

E' stato un bell'atterraggio, non c'e' dubbio.








Sunday, October 12, 2014

Workshop in Okinawa - HTSA2014

Some time ago I applied for a workshop in next generation sequencing data analysis taking place in Okinawa, of all places...
It turned out I was selected, together with other lucky applicants from Europe, Japan, south east Asia and Australia, and so I spent a week in a beautiful place, learning everything I didn't yet know on high throughput data analysis (that's just A LOT of data).

The course is held at the Okinawa Institute of Science and Technology (OIST), located a mere 20 min walk from a nice beach, in Onna region in the center of Okinawa main island. 

The institute sits on a hill, and views from its labs are simply breathtaking: emerald waters, waves crashing coral reefs, deep blue ocean in the far distance, lush vegetation. The main campus has a quite interesting architecture that mixes and blends Japanese style old stone brick castle walls with super modern structures, water fountains, ponds, airy walkways, all harmonized together via the use of natural and local materials. The entrance to the central building looks and feels like walking in a subway, then an elevator takes you up a few levels above the ground and that's when you realize you were in the heart of the hill. Sort of like some James Bond movies where the villain owns a villa with underground secret quarters. The annex lab buildings (a few more under construction) are connected to the main one via suspended bridges so that the whole institute looks like a terrestrial version of the Star Trek's Enterprise. Altogether, the institute is modern and international. Researchers out there seeking escape to a remote paradise, OIST is the place for you.

For one week we were tortured with hours and hours of R packages, functions, installations, and I could see in the face of those coming directly from the lab workbench the pain and suffering in understanding concepts that, for them, are definitely hard to grasp.

Other than the course, we tried to squeeze some play time in. My plan was, no need to say, hit the beach as soon as possible and as much as possible. Too bad that the week got framed at both ends by not one but two powerful typhoons, which caused a bit of a stir and changed the rules. Especially the second one, Vongfong (yellow bee, Chung translates), was regarded as the most powerful of this year, category: 'violent' (which to me translates into: one level below 'apocalypse'…). It was later downgraded to 'very strong', but remains scary due to its massive size (check the NASA images if you think I am exaggerating). Because of that the whole week's weather and our arrival/departure flight schedules were deeply affected. So deeply, in fact, that many of us couldn't complete the course due to an earlier return than planned (you can well call it evacuation). Those who, for one reason or another, couldn't leave before the airport closed, had the opportunity to experience something out of the ordinary. But no panic, just stay indoor is enough to keep safe. Vongfong is supposed to reach Tokyo area in a couple of days, and we are already prepared for it. A bit of extra support is welcomed, so wish us luck.

Concluding facts:

1- Air conditioning is a threat to a Sicilian. Being 10 hours per day in a room at 20 degrees is like hibernation. I caught a bug right on the first day, but I was simply ignoring the virus, refusing to fall ill. Late, once I set foot in the airplane, all the strength abandoned me and the symptoms took over.

2- Going to Okinawa for work just doesn't make sense. I mean, it should not happen. Unless your work involves sunbathing and diving, that is.

3- Mother Nature giveth and taketh as She pleases: two storms brought cloud, rain, wind and panic, but then a clear sky revealed a beautiful total lunar eclipse for us all to see.

4- Betting on birthdays works. It's statistics. 

5- If one can explain ZENBU (bioinformatics super webtool) without knowing what it is, than they can explain everything ("everything" as in translation of "zenbu" from Japanese).

************

Qualche mese fa mi sono registrata per partecipare a un corso di aggiornamento sull'analisi di dati nientedimenoche a Okinawa....
Con mia sorpresa sono stata selezionata per partecipare, assieme ad altri fortunati volenterosi di imparare e provenienti da Australia, Asia, Europa, e così ho passato una settimana intera in un bellissimo posto cercando di imparare quello che non sapevo già su analisi di dati, un sacco di dati.

Il sito in cui tutto ciò avviene e' l'istituto di scienze e tecnologie di Okinawa (OIST), che si trova a una mera distanza di 20 minuti a piedi dalla spiaggia, nel bel mezzo dell'isola di Okinawa, area Onna.
L'istituto siede in cima a una collina da cui si gode una vista mozzafiato: mare cristallino, barriera corallina, l'oceano blu, vegetazione lussureggiante. Il campus possiede un'architettura interessante che mescola vecchio e nuovo, lo stile in pietra delle mura di difesa giapponesi con la più avanzata tecnologia, fontane, passerelle sospese e via discorrendo, il tutto armonizzato dall'uso di materiali naturali locali. 

L'ingresso principale al campus sembra un corridoio della metropolitana, mentre un ascensore porta al vero "piano terra", visto che si capisce solo dopo che la galleria d'ingresso e' scavata dentro la collina. Avete presente i film di James Bond dove ci sono ascensori a appartamenti segreti sotterranei? Ecco, lo stesso. I laboratori, di cui un paio ancora in costruzione, sono collegati al corpo principale da corridoi sospesi che fanno sembrare l'intero istituto una copia terrestre della nave spaziale Enterprise. Tutto considerato, l'istituto e' moderno e internazionale. Voi ricercatori che state complottando una fuga verso un paradiso remoto, OIST e' il posto che fa per voi.

Per una settimana ci hanno torturato per ore e ore con programmazione, funzioni, installazioni, e si vedeva chiaramente nell'espressione di quelli che provengono dal laboratorio tutta la sofferenza provata nel cercare di capire concetti difficili da afferrare.

Oltre che le lezioni, abbiamo cercato di includere qualche ora di relax. Il piano era ovviamente di andare in spiaggia, tuttavia la presenza di non uno bensì due tifoni hanno cambiato le regole del gioco. Soprattutto il secondo tifone, Vongfong (Chung mi dice che significa ape gialla), e' stato catalogato come il più potente dell'anno, categoria 'violento' (che per me equivale a dire: un gradino più in baso di 'apocalisse'…), più tardi abbassato a 'serio' ma comunque sempre abbastanza terrorizzante per via della sua estensione (andatevi a cercare le foto della NASA se non ci credete). A causa sua, il tempo dell'intera settimana e anche gli orari di arrivo/partenza dei voli sono stati condizionati drasticamente, al punto che molti di noi non hanno completato il corso perché siamo stati evacuati dall'isola per via precauzionale. Quelli che per un motivo o l'altro non sono riusciti a ripartire prima della chiusura dell'aeroporto hanno vissuto un'esperienza fuori dall'ordinario. Ma niente paura, basta stare chiusi al riparo e non succede nulla di serio. Il tifone dovrebbe raggiungere l'area di Tokyo tra un paio di giorni, e noi siamo già preparati, ma visto che un po' più di sostegno e' sempre benvenuto, augurateci buona fortuna.

Per concludere:

1- L'aria condizionata e' una minaccia per i siciliani. Trovarsi per 10 ore al giorno in una stanza con temperatura a 20 gradi e' lo stesso che farsi ibernare. Mi sono ammalata praticamente subito, ma ho semplicemente ignorato il virus e ho rifiutato di ammalarmi. Dopo, in aereo, le mie difese sono crollate.

2- Andare a Okinawa per lavoro non va bene. Voglio dire, non dovrebbe succedere. A parte se il lavoro e' del tipo che prevede abbronzatura e immersioni, ecco.

3- Madre natura da' e prende a piacere: due tifoni hanno portato pioggia, vento e panico, ma anche un cielo limpido in tempo per regalarci una bella vista dell'eclisse di luna.

4- Scommettere sulle date di nascita funziona. E' tutta statistica.


5- Se uno riesce a spiegare ZENBU (un super webtool per la bioinformatica) senza sapere cos'e', allora può spiegare tutto ("tutto" e' anche la traduzione di "zenbu" dal giapponese).














Friday, October 10, 2014

Cucina Marina - Hawaiian birthdays

The best part of throwing a party at your place is having leftovers for days. Technically, though, if I don't even cook the food, that's not qualified as leftover. 

The worst part of throwing a party at your place is having all leftovers gone within 24 hours because you will be away for a week from the next day. You don't really want all that good food go bad while you are away, or worse transform into something else and give rise to new forms of life…

Well well well, it all starts with a Hawaiian themed dinner with coworkers. I keep out of the story the how we came up with the theme and the dinner. There we are, 14 people squeezed in my living room, eating Hawaiian style fried rice (with SPAM meat, of course!), tropical salad, which were the picks from Cucina Marina chef, together with a rather rich shopping taken care by my guests. Don't ask me how foie gras, French cheese and French wine, or Polish vodka became part of the menu, but that's what we had and that's what we had.

I also baked a cake, the classic Hawaiian upside-down cake with pineapple, in its double role of dessert and birthday cake for few colleagues whose birthdays were between end of September and early October.

Also, my guests brought a ginormous amount of alcohol (tells a lot about priorities uh?) that went down very quickly and nearly all the boys (and a girl) were soaked drunk to the bone.

We've had the expected distribution of a hell lot of trash, a few knocked glasses with spills all over the place, lots and lots of laughter, mandatory furniture reshuffle, occasional shelves dismantling, smokers on the balcony missing the cake, late nighters, garbled/nonsense conversations, hugs, me walking around all evening with a hand towel hanging off my shorts pocket.

I was also particularly glad to see how committed my guests were to the theme, especially considering that there was not enough time to organize a proper theme-ization…people showed off their Hawaiian shirts, or shorts, arrived wearing flower garlands, bough Hawaiian beer. We had a blast.

So…success?

***************

La parte migliore dell'avere feste a casa e' che c'e' mangiare pronto per giorni. 

La parte peggiore dell'avere feste a casa e' che c'e' da mangiare per giorni anche quando lo si deve finire entro 24 ore dalla partenza per una settimana di lavoro fuori sede. E' infatti un peccato dover buttare tutto, o anche lasciare tutto in frigo con la sorpresa al ritorno di trovare nuove forme di vita…

Dunque, dunque tutto inizia con una cena per colleghi col tema Hawaii. Lasciamo da parte la storia sul come si sia arrivati al tema e alla cena. Eccoci qui, 14 persone accalcate nella mia piccola casetta, a mangiare riso hawaiano e insalata tropicale (due ricette direttamente provenienti dalla Cucina Marina), in aggiunta a un carrello della spesa abbondante portato dai miei ospiti. Ora, non chiedetemi come abbiano fatto pate' di fegato d'oca, formaggi e vino francese e vodka polacca a trovarsi a casa mia, ma questo c'era e questo si e' mangiato.

Ho anche preparato una torta, la classica ricetta hawaiana della torta sottosopra, a fungere sia da dolce che da torta di compleanno per un paio di colleghi i cui compleanni cadono tra fine settembre e inizi ottobre.

In aggiunta, i miei commensali si sono proprio lasciati andare con la lista degli alcolici (quando si dice che ci sono priorità nella vita, eh?), che sono comunque andati giù e quasi tutti erano fradici.

Abbiamo avuto la distribuzione prevista di una montagna di spazzatura, un paio di bicchieri rovesciati con conseguente allagamento del pavimento, un sacco ma un sacco di risate, il necessario riorganizzare la mobilia, l'occasionale smantellamento di scaffali, i fumatori in balcone che non vedono la torta, gli ospiti che stanno fino a tardi, conversazioni ingarbugliate e senza senso, abbracci e io che me ne vado in giro tutta la sera con la tovaglia a penzolare dalla tasca.

Mi e' poi particolarmente piaciuto vedere quanto si sono impegnati tutti con questa storia del tema hawaiano, nonostante il tempo limitato per prepararsi, e si sono presentati con magliette e pantaloni a tema, collane di fiori, hanno pure portato birra hawaiana. Insomma, una grande serata.


Quindi….un successo?







Tuesday, September 30, 2014

Melbourne, Take 5

There is one big difference between being in Melbourne for work and for visiting family. Other than the obvious one that work is not leisure. 

Being in town for work means that I have my hotel where to stay, and I am on my own. ON. MY. OWN. I could build a personal, more intimate relationship with this city, because it is just us, me and the streets, me and the river, me and the park, me and the cafes. Something that is not always possible as guests. 

The city wakes up very early on weekdays, people rushing to get that coffee on the go and start another working day. Trams cut through, loading and unloading commuters, freshly shaven men, red-lipped women, business travelers. 

Being this my fifth time (five times!!) down under, I more or less know how to get around. First things first, after I am done with the conference stuff, I re-familiarized with the CBD (did you know that the streets in the CBD have an order? King, William, Queen, Elizabeth, and so on….easy to remember), I arranged to meet friends, and I was free to walk as much as I wanted, stay as late as I wanted, no curfew, no depending on others. I checked the best coffee place in town, a few of the too many nice pubs, I did even get a tram card!! Being again in Melbourne felt so so good. Especially when I meet locals asking ME directions...

There is also something about the Yarra river I can't quite explain. No matter how many times I walk along its banks, no matter how many pictures I take from every possible angle of every possible view at any possible time of the day, I still have to go there, take more pictures and walk around restless. Must be the hydrogen bonds… (get it? get it?)

But, being with family means that I can hop in a car and forget about the rest, as others will take care of all the details. The advantage of visiting relatives lays in pampering, spoiling, caring. No need to say, every day of my stay was planned ahead (especially regarding the feeding schedule), and weather allowing, we could largely stick to the plan. In a way, thinking of it now, being with my folks felt like coming back home after a short vacation. 

On my first weekend "home" we all went to a park for a picnic, I played soccer with the kids,  and loved soaking in the spring sun. The day after I  had a girls only date with my cousins and we all spent a lovely day at a boathouse by the river.

Visiting the countryside is also part of the routine when I am in Melbourne, and for the first time I could see green all around, as I usually visit during the summer months when everything is dry and rough. There is also something magic about being on the road on a rainy day, watching the fog enveloping all trees and hills in the distance.

I can't not check out the seaside, and this time Altona beach is our pick: a long, wide and shallow stretch of sand and rocks that despite the beautiful summery day was rather empty. Football grand final on that day may explain why…

Even the most famous most Italian bar on the most Italian street Brunetti on Lygon is barely filled. By the way, I was told that all the waiters working there make sure to stress their Italian (fake or not) accent. I know where to look for my next job, then... 

As quick as it started, my short stay in Melbourne is already at its last day, the only few things left to do being make sure that my cousins have kisses and hugs enough to last to the next return.

***********

C'e' un'enorme differenza tra essere a Melbourne per lavoro e per trovare i parenti. A parte la ovvia differenza che il lavoro non e' piacere.

Essere in città per lavoro significa che sto in hotel, e sono per conto mio. DA. SOLA. E' possibile costruire una connessione più intima, personale con questa città, perché siamo solo noi, io e le strade, io e il fiume, io e il parco, io e i caffè. Qualcosa che non e' possibile quando si e' ospiti.

La citta si sveglia presto durante la settimana, gente che si affretta a ordinare un caffe al volo e incominciare la giornata. I tram attraversano il centro, caricano e scaricano pendolari, uomini sbarbati, donne dalle labbra rosse, gente d'affari.

Essendo questa la mia quinta volta in Australia (cinque volte!!), diciamo che conosco bene la zona. Per prima cosa, non appena la mia conferenza e' finita, prendo tempo per familiarizzare di nuovo con il centro (lo sapevate che le strade qui seguono un ordine preciso? King, William, Queen, Elizabeth, eccetera…facile da ricordare), per organizzare incontri con amici, cammino fin quando ne ho voglia, sto fino a tardi, non mi preoccupo di disturbare nessuno per ritornare a casa. Ho poi anche provato vari bar con i caffè più buoni, ristoranti, pub, e mi sono persino procurata una tessera per il tram! Essere di nuovo a Melbourne mi fa stare bene. Soprattutto quando la gente del posto ferma ME per chiedere informazioni…

C'e' poi qualcosa di particolare riguardo al fiume Yarra che non riesco a spiegare. Non importa quante volte lo attraverso, quante foto faccio do ogni possibile scorcio a ogni possibile ora del giorno, ma devo tornarci, e stare quanto più vicino possibile. Deve essere tutta colpa dei legami a idrogeno…(capita?)

Pero', stare in famiglia significa salire in macchina e dimenticarsi di tutto il resto visto che ci pensano gli altri. Il vantaggio di andare a trovare i parenti e' la cura, l'essere viziati e coccolati. Non c'e' bisogno di dirlo, che tutti i miei giorni erano già pianificati (specialmente per quanto riguarda la tabella di alimentazione), e tempo permettendo siamo riusciti in generale a attenerci al piano. A pensarci adesso, sembrava come se fossi tornata a casa dopo una breve vacanza.

Il primo fine settimana a "casa" siamo tutti andati al parco per un picnic, ho giocato a calcio con i piccoli e ho assorbito il sole di primavera. Il giorno dopo sono andata per una uscita sole donne, e abbiamo visitato una rimessa per barche sul fiume.

Fare un giro in campagna e' parte integrante del viaggio ogni volta che vado a Melbourne, e stavolta ho visto verde tutto intorno, mentre quando di solito vado, in estate, e' tutto glabro e arido. C'e' poi un certo non so che di magico riguardo al trovarsi in strada mentre piove, guardare la nebbia che abbraccia tutti gli alberi e le colline tutt'intorno.

Non posso poi non fare un salto al lungomare, e stavolta si va a Altona: una striscia lunga, piatta e larga di sabbia e sassi che alla faccia del bellissimo giorno di sole e' abbastanza vuota. La finale di football nello stesso giorno potrebbe spiegare il perché. Persino il bar italiano più italiano che c'e' nella strada più italiana che c'e', Brunetti a Lygon street, e' poco popolato. Comunque, mi e' stato detto che tutti quelli che lavorano li si preoccupano di parlare cono un marcato accento italiano, vero o falso che sia. Mi sa che so a quale porta bussare quando cercherò lavoro…


Così come e' iniziata, la mia breve vacanza rapidamente volge al termine, e l'unica cosa che rimane da fare e' assicurarmi che i miei cugini ricevano abbastanza baci e abbracci fino al mio prossimo ritorno.


















Thursday, September 18, 2014

ICSB 2014 Melbourne - recap

First of all I am glad that I am not a selected speaker at this conference as my boss wished...there is a high level of presentation skills and also a confidence I don't have. Yet.

Second, not being a native English speaker can be a problem in some cases...think of the Chinese presenters. Some of them are perfectly understandable, but others, like the guy whose talk I attended...it is impossible to pick up any words. At all. Maybe native speakers can sort of grasp what he's trying to say, but I can't. Yadda yadda to me.

So, I am twice as glad that I am not one of the speakers. I think my eloquence would be shadowed by my bad pronunciation. Standing by my poster is just about enough. And prone to less anxiety.
Going back a little to give some context, here I am by the beautiful south Yarra riverside in beautiful Melbourne where the Exhibition Centre is located.

This part of town is a great place to be now, day and night: restaurants and bars with live music along the south warf promenade, outlet mall, the nearby casino, the view of the tall city buildings, lots of grass and seats so that one can bask in the sun (like what i did on Sunday, when the weather just gifted the city with a perfect spring day)...

Attendance for the systems biology conference is quite low...I mean I am surprised by the small scale of the event, especially if compared to the Japanese Molecular Biology conference that's thousands of people. And is a domestic conference....
But, no need to say, the quality of the conference here is really high.

Everything is organized in such a way that we get more science than we can actually hope for and more food than what we can eat...lunch boxes with even a muffin! And a fruit! Gasp! There are cookies, pastries, and mini muffins served during tea breaks (yeah, we are in a British colony, remember), we also had a great selection of sandwiches, and they do take extra care about all food restrictions people might have....I want the same catering company for our events! The bonus on this was that we didn't have to pay a dime at all, as all refreshments were free. Hm, generous sponsors? It looks like the case.
Conferences are great for networking. People meet, talk, first about their respective jobs, but then also about their own countries, life, likes and so on.

Attendees, or delegates as we are referred to, cover a wide range of characters: your dolled up, pin up girls from the eastern European countries (Poland) walking in their 4 inches heel pumps (who said science isn't sexy? BTW, the day after they showed up in sneakers and hoodies haha), your nice looking researchers, your good mix of young and less young, of students and professors, your big tall super friendly Dutch woman, your long haired, tired looking Frenchman, your confused Japanese guy, and well, yes, also your old professor. The real geek type, you know, those with thick glasses, long hair and beards who don't care about looks and have their presentation slides filled with formulas and numbers? Not here. FYI, scientists now are well groomed, take care of their bodies, are sociable and fun. Lots of blue eyes around and blonde hair. And beards. Hipster is the new science!

BTW, what's with the over-representation of the bearded human? It is SO evident outside of Japan. Perhaps I have lived in Japan for too long. Ohdammit, I do love Melbourne.

**********

Innanzitutto sono contenta che non mi abbiano scelta per il seminario come il mio capo sperava....c'e' un alto livello di capacita' espressiva e di confidenza che non posseggo. Per ora.

Secondariamente, non essere madrelingua inglese puo' avere delle conseguenze negative...ad esempio prendiamo i cinesi. Alcuni di loro li si capisce perfettamente, ma altri, come quello che ha dato il seminario che ho seguito, e' impossibile capirli. Ma proprio per niente. Forse i madrelingua riescono a capirli nonostante tutto, ma io no.

DI conseguenza, sono due volte contenta del fatto che non devo parlare in pubblico. La mia eloquenza verrebbe mascherata dalla mia povera pronuncia. Penso proprio che stare in piedi vicino al mio poster e' piu' che abbastanza. E provoca meno ansia.

Ora, per contestualizzare, dovrei dire che mi trovo presso il fiume Yarra nella bellissima Melbourne, dove si trova il centro conferenze.
Negli ultimi anni questa parte della citta' si e' abbellita parecchio, giorno e sera ci si intrattiene a bar, ristoranti, centri commerciali, il casino', la vista della citta e' stupenda e c'e' un sacco di spazio per sedersi e crogiolarsi al sole (come ho fatto la domenica, un perfetto giorno di primavera).

La conferenza mi ha sopreso per essere abbastanza contenuta, soprattutto se paragonata a, che so, la conferenza di biologia molecolare in giappone che e', tipo, migliaia di persone. Ma ovviamente la qualita' di questa conferenza e' ottima, ed e' organizzata in maniera tale che abbiamo piu' scienza di quanto possiamo assimilare e piu' cibo di quanto possiamo mangiare, il menu varia, ci sono box con addirittura un muffin e un frutto!!!Oppure un assortimento di panini gustosi, poi tanti tanti dolci e frutta fresca per le pause the (si, the, non caffe'. Del resto siamo in una colonia inglese)..comunque, voglio la stessa organizzazione per gli eventi nostri in Giappone! E in piu' non abbiamo dovuto pagare extra per i rinfreschi visto che era tutto incluso...forse abbiamo degli sponsor abbastanza generosi.

Le conferenze sono un ottima occasione per creare contatti, prima ci si mette a discutere di lavoro e poi si procede con il posto in cui si vive, da dove si proviene, eccetera.

I partecipanti hanno le piu' svariate caratteristiche: ci sono le classiche studentesse polacche, super truccate e con ai piedi tacchi alti (chi ha detto che la ricerca non e' sexy? Che poi, queste si sono presentate il giorno dopo in scarpe da tennis e felpa), i classici ricercatori bellocci, quelli giovani, quelli piu anzianotti, stidenti e professori, la classica professoressa olandese alta e imponente, il francese dai capelli lunghi e l'aria trasandata, eccetera. Quello che non si vede piu in giro e' il tipico sfigato, quello che non si cura del suo aspetto, ne' del suo abbigliamento, quello che ha le sue presentazioni fitte di formule...infatti, questo e' ormai superato. Anche i ricercatori adesso sono belli, biondi, socievoli e con cui ci si vuole intrattenere.

Che poi, in questi giorni ho solo visto uomini barbuti. Che sia la nuova tendenza? Forse sono stata per troppo tempo in Giappone. E si, amo Melbourne.

Friday, September 12, 2014

Whine, Wine and Systems Biology

I didn't bother to charge my laptop battery before departure, as I thought that I wouldn't need to use the computer during the short flight to Hong Kong and that I could have done so during the long-ish wait at the terminal....yeah, if I had remembered to bring the plug adaptor.
So now with the little juice left I try to let time pass.

Anyway, people do need to seriously learn to travel...

Chinese woman sitting next to me, I guess that Kevin could have lived as happily as before even if you didn't call him 7 (Seven, I counted) times from the moment the wheels touched the ground to the moment the plane stopped. I mean, that's, like, 4 minutes in total. People know you are traveling, they can wait.

And, Chinese woman next to me again, why on earth do you have to walk over me - I have a aisle seat - and rush to get your bags while the aisle is completely packed by people who thought doing the same? I mean, if the door's not open, guess what, you can't leave the plane even if you make it to front line.

And what is this need to stand up as soon as the plane comes to a halt....it's not that, you know, if you miss this stop the conductor will deliver you to, say, Katmandu. There is only one stop, and it is final. They'll wait for you to sesembark before calling it a day. No need to be in a hurry.

I feel more claustrophobic in those 5 minutes while everyone stood than in a Tokyo subway train...but that's another story.

I hate landings. They are stressful. MAN.

So, where am I traveling to? There is a systems biology conference in Melbourne and I am attending it. To be honest, I DREAD flying long distances, especially given that I can't sleep.

During the past two weeks my insomnia worsened, I wonder whether the wineries in Victoria state ("the place to be" according to car plates) will be of any help for this.

More to come. About the conference, that is...

*************

Non mi sono minimamente preoccupata di ricaricare la batteria del computer visto che pensavo che non mi sarebbe servito nel breve volo su Hong Kong e che avrei potuto tranquillamente sedermi e ricaricare la batteria mentre in transito...se mi fossi ricordata dell'adattatore per le prese forse ci sarei riuscita. Percio' cerco di trascorrere l'attesa con quel poco di batteria che mi rimane.

Comunque, la gente dovrebbe davvero imparare a viaggiare...

Tu, donna cinese che siedi accanto a me, sono sicura che Kevin avrebbe vissuto felicemente come prima anche se tu non lo avessi chiamato 7 volte (sette, le ho contate) dal momento in cui le ruote hanno toccato terra fino a quando l'aereo si e' fermato. Dico, questo e' in totale tipo 4 minuti. La gente sa che stai viaggiando, possono benissimo aspettare.

Poi, sempre tu, donna cinese seduta accanto a me, che bisogno c'e' di scavalcarmi -ho un posto corridoio- per raggiungere le tue borse e aspettare in piedi nel corridoio che e' pieno di altri passeggeri che hanno pensato di fare lo stesso...Dico, se le porta non si apre, indovina un po', non ti fanno lasciare l'aereo anche se sei in prima fila.

E poi qual'e' tutto questo bisogno di mettersi in piedi non appena l'aereo si ferma...non e' che se non scendi a questa fermata la prossima e', che so, Katmandu. La fermata e' una sola ed e' quella. Non c'e' bisogno di correre.

Sono piu' claustrofobica in questi 5 minuti di attesa che in un treno di Tokyo...ma questa e' un'altra storia.
Non li sopportio gli atterraggi.

Dunque, dove mi dirigo? C'e' una conferenza di biologia dei sistemi a Melbourne, ed e' li che sto andando. Onestamente, non li sopporto proprio i viaggi lunghi, soprattuto perche' non dormo.

Nelle ultime due settimane la mia insonnia e' peggiorata parecchio, magari le aziende vinicole dello stato del Victoria saranno di aiuto.

Presto altre informazioni. Sulla conferenza, intendo.

Tuesday, September 2, 2014

Cycling in Tokyo - Route 15, temples, rivers and shabu-shabu

Sunday. The smell of 5-grains cake baked the night before still lingers in the living room.

AM 7:00. It's a sunny morning outside, ideal for a bicycle ride.

AM 7:10. Nope, it's not a sunny morning anymore. Plan change, I am not riding in the rain. 

PM 1:00. Against all odds the sky opens up again, so without hesitation I am off to what will be a very 32 KM entertaining bicycle ride across Tokyo.

Some technical information about the whole adventure: I rode a bike from my workplace in Tsurumi to Asakusabashi, where my friend and owner of the bike I want to ride is, all the way along route 15 but the last few kilometers, when I took route 6. Easier route, and one I know quite well, so that I don't need to check the map while riding. See? Very responsible of me. Now, not having a proper bike, nor proper experience in dealing with car drivers in the city, I kept a low profile and rode along the walkways. Note to experienced cyclists: Tokyo metropolis doesn't always have bike lanes (maybe only 25% of the roads have). Also people here have really no common sense in riding a bike. And engineers have no common sense in urban planning. For these reasons, using the pedestrians sideways is pretty normal and widely practiced, although not pretty safe all the time...

PM 2:00. I fetch the bike at RIKEN and I start my ride while the day turned sunny and hot. I take it as a good sign of a mission that's going to end well. I make a brief stop at a bike shop to get the tyre pumped, then I am off, destination Tokyo Sky Tree and vicinity.

PM 2:30. I am already in Kawasaki, crossing the prefectural border between Kanagawa and Tokyo prefectures that's physically and conveniently shared with the Tama river. Nice view on that day over the river banks!

PM 3:45. South Shinagawa!!! I made it fast, despite all the architectural barriers that slowed down my ride and annoyed me this much…Expectedly, in a heavily urbanized centre like Tokyo metropolitan area, it is not unusual to find constructions that either make pedestrians and cyclists lives a hassle or make the city look ugly (see later when I get to Nihombashi), and I indeed had to make detours here and there, leaving the main road to get back in it a few blocks further, simply because I was on the wrong side of the road and I couldn't continue  because there were no lines  at the crossing I was meant to pass (or no traffic lights, or there was a bridge for pedestrian that had no lane for bikes, meh). But that meant more adventures, as I discovered things along the way…getting lost was impossible, given that the road signs with directions are super clear and easy to read. But spotting temples (like the pretty one in South Shinagawa), canals, cute little houses, a nice view was instead always a bonus.

PM 4:10. I leave the temple where I stopped for 30 minutes and keep on going….I am reaching the core of the city, the are that sits within the circle of Yamanote train line that roughly marks the center boundaries….And the weather still looks good. Chance of rain has dropped to zero. It can't be better. 
PM 4:40. I am in the embassies area, near Tokyo Tower, and I can't not take a detour just to get a bit closer. But not too close, as I want to make it to my final destination before dark….this time of the year night comes around 6:30pm.

PM 5:00. Ginza!!! I am here, cycling along the most expensive stretch of route 15 while it is closed to the traffic. I have the best fun here, where I took millions of photos of people strolling and sitting and window-shopping, while cycling. And, I also met a couple of friends by chance! Besides, I am getting real close now to Asakusabashi.

PM 5:20. Nihombashi. This district is really famous because it maintains an old splendor, where one can see buildings that look full of history, and perhaps the most beautiful bridge in whole Tokyo (where the district takes its name from). This bridge and the whole neighborhood is totally spoiled by the highway tracks that run just above the bridge and follow the canal for a good portion of its course, hiding everything else to the view. Shame shame shame.

PM 5:40. I finally see the Tokyo Sky Tree, standing tall and shining. Just few minutes later I am stopping by the bridge in Asakusabashi to take photos of the lively sides of the canal that recalls ancient times. It reminds me a little bit of Kyoto, with all the boat houses directly facing the water and a little bit of Fukuoka with all the small restaurants lined up along the canal. Just. Beautiful.

And here my ride is over. It was a great afternoon, made greater by one detail: I did not encounter one single red light all along the route! Not one single time! My riding pace went like in a fluid motion, slowed down only occasionally by spacial-unaware pedestrians or by lack of room on the side walks. In the end I made it within 4 hours, which was much faster than my expectations given all the detours.

Even on my way back home (by train) I had a smooth ride: I had the train just waiting for me when I departed and also when I transferred. It must have been my lucky day.

*************

Domenica. Il profumo della torta ai cereali e cannella fatta la sera prima si sente ancora nell'aria.

Ore 7:00. Cielo sereno, giornata ideale per una gita in bici.

Ore 7:10. Non e' più una giornata di sole. Piano annullato. Non mi va di stare in giro sotto la pioggia.

Ore 13:00. Alla faccia delle previsioni meteo, il cielo si fa pian piano azzurro, quindi senza esitare mi accingo a iniziare quella che sarà una divertente gita in bicicletta per 32 chilometri attraversando Tokyo.

Ora passiamo a un paio di informazioni tecniche: ho percorso la distanza tra Tsurumi, dove lavoro, a Asakusabashi dove abita il mio amico e nonché proprietario della bici che mi ritrovo. Ho scelto la superstrada 15, che collega le due città, e poi solo gli ultimi chilometri ho preso la 6. L'itinerario e' quello più semplice, e poi conosco la strada molto bene così che non ho avuto bisogno di controllare la mappa mentre mi trovavo in strada. Che persona responsabile, visto? Ora, il fatto che non avevo una bici apposta per le corse, e non fidandomi molto degli autisti in città, invece di pedalare sulla strada ho scelto i marciapiedi. Nota per i ciclisti appassionati: Tokyo non e' che abbia poi tante piste ciclabili…tra le altre cose la gente qui non ha proprio senso pratico in bici, e gli ingegneri non sembrano avere molto senso pratico nella pianificazione urbana. Di conseguenza, per questi motivi, l'uso dei marciapiedi e' altamente incentivato e raccomandato, seppure non e' tanto sicuro…

Ore 14:00. Prelevo la bici dal RIKEN e inizio il giro, con un sole che batte a picco che prendo come segno di buona riuscita della missione. Mi fermo un attimo al negozio di bici per gonfiare le ruote e poi sono già pronta per il viaggio con destinazione Tokyo Sky Tree.

Ore 14:30. Sono già a Kawasaki, e sto per attraversare il confine tra le province di Kanagawa e Tokyo, confine che coincide esattamente con il corso del fiume Tama, bellissimo sotto il cielo blu.

Ore 15:45. Shinagawa sud!!! Alla faccia di tutte le barriere architettoniche che mi hanno rallentato e fatto innervosire, ho fatto prestissimo…c'e' infatti da aspettarsi che in un centro urbanizzato come Tokyo e' facile trovare spesso ponti, cavalcavia, svincoli di autostrade e tutto ciò che o rende difficile la vita di pedoni e ciclisti o rende la città veramente inguardabile (più su questo argomento quando raggiungo Nihombashi), e difatti spesso ho dovuto deviare di un bel po solo perché mi trovavo sul lato della strada senza strisce pedonali all'incrocio (oppure non c'era il semaforo o c'era un cavalcavia solo per pedoni). Tuttavia ogni deviazione era una nuova avventura visto che scoprivo qualcosa di nuovo ogni volta…perdersi e' impossibile visto che le indicazioni sono a prova di bambino. Il bonus era scovare un tempio (tipo quello a Shinagawa), un fiume, un quartiere carino…

Ore 16:10. Dopo essermi fermata per 30 minuti al tempio, riparto e mi addentro nel vero e proprio centro di Tokyo, quello marcato dalla linea circolare del treno…e la giornata e' ancora serena e senza più minaccia di pioggia. Meglio di così non può andare.

Ore 16:40. Raggiungo l'area delle ambasciate straniere, vicino Tokyo Tower. Ovviamente una deviazione e' d'obbligo, ma non troppo altrimenti rischio di arrivare a destinazione col buio….in questo periodo dell'anno infatti fa già buio alle 18:30.

Ore 17:00. Ginza!!! Eccomi qui, a pedalare lungo il pezzo di strada più costoso durante le ore chiuse al traffico. Mi e' piaciuto tantissimo qui, andarmene in giro in bici e fare foto della gente che passeggia, o che guarda le vetrine o che si rilassa…ho pure incontrato per caso una coppia di amici! E ora sono proprio vicina a Asakusabashi.

Ore 17:20. Nihombashi. Questa zona e' tanto famosa perché conserva ancora un certo antico splendore, si vanta di costruzioni che hanno un certo non so che di architettonico e allo stesso tempo antico, e possiede forse il ponte più bello di tutta Tokyo (lo stesso da cui il distretto prende nome). Ora, il suddetto ponte e l'intera area sono completamente rovinati dal fatto che proprio sopra il canale su cui sorge il ponte si snoda l'autostrada, nascondendo praticamente tutto. Vergogna, vergogna, vergogna.

Ore 17:40. Posso finalmente scorgere il profilo di Tokyo Sky Tree! Un paio di minuti dopo mi trovo già a fare un giro intorno al ponte a Asakisabashi che e' tanto bello e sa di tempi passati. Un po' mi ricorda Kyoto e un po' Fukuoka, con le sue piattaforme per salire in battello e le file di ristoranti lungo le sponde del canale. Proprio bello.

Qui si conclude la mia avventura e consegno la bici al suo proprietario. E' stato un pomeriggio fantastico, reso speciale da un dettaglio: in tutto il tragitto non ho beccato un singolo semaforo rosso, neanche uno!! Era come se andassi in un movimento fluido, solo rallentato ogni tanto da passanti senza concezione spazio-temporale o da marciapiedi troppo stretti. Alla fine ci ho messo solo 4 ore, che e' poco considerando tutte le varie deviazioni.


Persino il mio ritorno a casa (in treno) e' stato liscio come l'olio. Sara' che era il mio giorno fortunato. 

RIKEN

Pump, pump, pump!

Kawasaki

Tama river

Border crossing

Kamata

cute dark couple

Omori

Temple - Omori

Temple - Omori

Shinagawa shrine

Shinagawa shrine 

Canal near Shinagawa

Approaching Shinagawa

Shinagawa

Tamachi

Shinbashi

Ginza

Nihonbashi

Asakusabashi

Canal in Asakusabashi