Tuesday, July 9, 2019

A contagious Lifestyle


I haven’t written a post of the Lifestyle series for a while now, and I have just thought about one that was perfect to be added to the series but I hadn’t realized it until now: I recently started to go through my very old posts because I found out some nasty formatting style that made the text illegible, and while doing that I came across a couple of posts about sickness; that gave me the input to discuss one of the most fascinating topics for non asian people: face masks.

When people get sick here they don’t take sick leave. That’s not just because they are so loyal towards their companies, not just because their absence would mean that someone else must take over their tasks, but also -and especially- because they don't have any sick leave. Yep. Most companies in here don’t provide them, and that’s it. So people medicate and go to work regardless, unless they want to use their paid holidays to stay home and get better, with the risk of course of infecting others. Therefore, not to expose anyone else to the disease they resolved to wear white masks. Wearing a mask is considered proper etiquette: it prevents the spreading of the cold and helps to keep mouth and nose moist.

If you think about it, masks must have become part of every person’s health care routines just out of a necessity: overpopulated metropolis see people in close proximity to one another all the time and if they wouldn’t be so obsessed about, diseases would spread very easily. Take for example influenza virus: it is taken very seriously here, so seriously that it is common practice to circulate emails filled with instructions and directions on how to avoid infection at the workplace. I fished out one very old flier distributed at work several years back on preventive measures to avoid influenza:

-gargle regularly and wash your hands frequently
-get enough sleep and eat food that enhance your immune system
-be aware that there are established 'coughing rules' in Jp, including the use of masks
-when you sneeze or cough cover your mouth and nose with a tissue and stay at least a meter away from others
-make a habit of immediately throwing away tissues that you used for coughing or blowing your nose (reason: this helps maintaining a hygienic environment as both wet and dry tissues can easily spread infections)
-promote to using a mask to those who are coughing
-wash your hands after blowing your nose or sneezing
-masks are available free of charge at the occupational health center. Please come to get one if you're coughing or sneezing.
-if you catch a cold, or suffer of influenza, get medical treatment immediately.

So, yeah, full on.

But there is another side of the story. People don’t really care much nowadays about others who might receive their nasty bugs. They just don’t care (or don’t know) about the basic common sense: it happens way too often to see people coughing or sneezing in trains or buses without covering their mouths or noses with tissues; they literally sneeze to your face (so much for coughing rules and wearing masks, uh). 

And as a counter measure, or as a defense, those who are more sensitive about health issues wear those white masks at any time; however, even in that case, I’ve seen my share of people wearing masks the wrong way covering only their mouths with the mask, not the nose (is it not to smell their own breaths? to feel less discomfort?). Also, everyone working in the public or private sector who has to interact face to face with other people ofter wear masks all the time. Finally, people with seasonal allergies wear masks too, special ones that help filtering the pollen in the air.

Then, given all that abuse or, perhaps, lack of use, someone had the fantastic idea to produce masks with patterns, of various colors, so to invite as many as possibile to buy and wear masks. Masks became part of fashion so much that it is common to spot youngsters who feel they want to make a statement about themselves by wearing fashionable masks (the black ones seemed to be the rage last year, for instance).

This phenomenon it is not only a Japanese thing. In all east asian countries people do the same (the crowdedness thing). In many asian countries, additionally, people do it to fight air pollution. I have seen it a lot in Vietnam or Indonesia, where people have cared more about economy growth than environment.

I do agree it looks odd, but the rationale behind it is right. If it’s done right.

*************************

Da un po’ non scrivo della serie Lifestyle, e mi sono appena ricordata di un post che aveva il potenziale per diventare parte della serie, solo che non me ne ero resa conto fino ad ora: sto ricontrollando i miei vecchi post al momento per via di un errore di formattazione nel sistema che rendeva il testo illeggibile, e mentre sistemavo e correggevo ho rivisto un paio di post relativi a contagi e raffreddori che mi hanno dato l’idea di discutere di uno dei temi più affascinanti per i non asiatici: le mascherine.

Da preambolo bisogna dire che qui non si va in ferie per malattia. E questo non e’ soltanto per via dell’attaccamento alla propria azienda, ne’ tanto perché l’assenza di uno comporterebbe che altri devono coprire e lavorare di più, ma anche -e soprattutto- perché in molte aziende le ferie per malattia non sono previste. E gia’. Semplicemente, non esistono, punto. Di conseguenza chi e’ malato si imbottisce di farmaci e va al lavoro lo stesso, a meno che uno voglia prendere le regolari ferie per stare a casa e recuperare, col rischio di contagiare gli altri. 

Ecco quindi che, per evitare di passare il virus ad altri, si usano le mascherine. Portare una mascherina e’ considerato un segno di comportamento coscienzioso: nelle metropoli sovrappopolate la gente sta continuamente in contatto e se non importasse a nessuno il contagio sarebbe di grosse proporzioni. Prendiamo ad esempio il virus dell’influenza: qui lo si prende talmente sul serio che in azienda girano sempre email con istruzioni e raccomandazioni per evitare un contagio e cosa fare in caso di sintomi. Ho trovato un volantino distribuito anni fa con le seguenti istruzioni:

-fare gargarismi regolarmente e lavarsi le mani frequentemente
-dormire abbastanza ore e mangiare cibo che rinforza il sistema immunitario
-da notare che in Giappone esistono delle 'regole da tosse' da seguire che includono l'uso di maschere
-se si starnutisce o tossisce bisogna coprire naso e bocca con un fazzoletto e stare almeno a distanza di un metro dagli altri
-abituarsi a buttare via immediatamente i fazzoletti usati per tossire o soffiarsi il naso (motivo: questo aiuta a mantenere un ambiente igienico visto che i fazzoletti possono disperdere infezioni)
-suggerire l'uso di maschere a coloro che tossiscono
-lavarsi le mani dopo aver starnutito o essersi soffiati il naso
-maschere gratis sono disponibili al centro occupazionale per la salute. In caso di tosse o starnuti è bene ottenerne una.
-in caso di raffreddore o di sintomi di influenza, bisogna ricevere immediato trattamento medico.

Quindi, capite che non si bada a cautela. Ma c’e’ anche un altro lato della medaglia…Oggigiorno a nessuno interessa se altri vengono contagiati o no. Del buon senso non gliene frega proprio nulla (o forse non sente rendono neanche conto): vedo fin troppo spesso gente che starnuta o tossisce nei treni o autobus affollati, senza neanche coprirsi il viso; in pratica ti tossiscono di fronte (alla faccia di tutte le regole sul portare mascherine eh).

Di conseguenza, quelli che sono un po’ più attenti portano le maschere come contromisura, come difesa; che poi, anche in questo caso, ho visto una quantità di persone che manco bene lo fanno, visto che si coprono solo la bocca con la mascherina (sara’ che gli da fastidio? O non gli va di sentire l’odore del proprio alito? mistero). In aggiunta, molti di quelli che lavorano in settori dove si interagisce col pubblico portano sempre la mascherina. Per finire, anche chi soffre di allergie stagionali indossa mascherine speciali cosi da filtrare i pollini dell’aria.

Per cui, visto l’abuso o il disuso, qualcuno ha avuto la felice idea di produrre mascherine con motivi decorativi, o di vari colori cosi da invitare più e più a indossarle. Le mascherine sono diventate talmente parte integrante della moda che e’ molto comune notare giovani che pensano di comunicare qualcosa riguardo al loro modo di essere tramite l’uso delle suddette mascherine (ad esempio l’anno scorso andava molto quella nera).

Questo fenomeno non e’ solo una cosa giapponese, pero’! La gente in tutte le altre nazioni asiatiche fa lo stesso (motivo: sovrappopolamento). In molte nazioni poi, la gente usa le maschere contro l’inquinamento. Ne ho visto abbastanza in Vietnam o in Indonesia, posti dove preme più la crescita economica che l’ambiente.

Sono d’accordo che sembra strano, ma le motivazioni dietro all’uso di mascherine sono giuste. Se fatto nel modo giusto.

(image: wikipedia)

Sunday, July 7, 2019

July - where's the summer gone?


The second half of this year has arrived, too soon or too late is up to each and everyone to judge.
They say time goes fast when one is having fun….but time goes fast also when one has deadlines. Every day spent is one day closer to the finish line, and the closer one gets to the finish line the more nervous one becomes. This is at least how I see it. I guess the essence of it all is: enjoy what you’re doing while you’re doing it, because it will soon be over.

Having fun though is not an option these days, because we’re in the full of the rainy season. Days and days (and evenings) of grey skies, spikes of heat, humidity as high as the tallest buildings in Tokyo, and rain. There really isn’t much we can do, except hope the sun will shine again (although that will make us wish for colder days, because humidity will go away only when we enter fall). The weekends are the hardest…who works during the week likely doesn’t have time for much else after work. I don’t. But weekends….I mean there is a limited amount of hours I can dedicate to coloring (here). Or cooking, or sewing, for that matter. All these very enjoyable activities have the advantages of training your patience, boosting your creativity and, importantly, take time. Still, if that’s all I can do, weekend after weekend, my days become -ironically- boring. There even aren’t interesting exhibitions I could drag myself to!

Writing my blog you say? About what? I do nothing new, I have time for nothing, so what should I write about?
I tried to fill my weekends with cooking classes, but even that didn’t work. People would not sign up because of the weather, or they would even cancel, and my classes were empty. Plus, I didn’t consider the fact that I also had to get out in the rain to do the shopping for my class, d’uh! So if I did that why not going to a shopping mall or cinema or exhibition space after all! Well, I don’t know. Blues, I guess.

Out of curiosity I looked back at my older posts to find out how often I complained about this time of the year….only one time. Only the first summer I spent in Japan. That’s it. This year I’ve written and complained about it twice already. I am sure it’s because before I had the will to get out, I was motivated to discover and explore, I made plans in an attempt to keep the blues away. Lately I don’t have much more to explore or motivate myself, and so I have more to complain hehe.

To make things worse, all the many (and some of them fun) events that are scheduled all around Japan to mark seasons, special occasions, holidays and the like, are out of synch with the weather. Since I moved to Japan, as far as I can remember, July was the month for outdoor beer gardens, the star festival, the beginning of the fireworks shows, to name a few. That’s because everybody knew the rain would stop some time at the end of June. But this is not the case anymore (blame the global warming or blame the 2011 earthquake that shifted the planet axis, or both) and this month there’s a fat chance we’ll be missing out on a lot of events  because of the rain. I’ve missed some I wanted to check out already. I’s so annoying…beer gardens especially (although still organized the strict Japanese way) are the closest option to outdoor seating, as there is no space in the city for terraces, patios, or any other kinds of dining/drinking options for enjoying the summer. However, it is also true that one doesn’t really want to be out in the summer heat in Japanese cities….

Anyway, long story short we are stuck at home. Great.

******************

La seconda meta’ di quest’anno e’ arrivata, troppo presto o troppo tardi sta a ognuno deciderlo.
Dicono che il tempo scorre in fretta quando ci si diverte…ma il tempo passa velocemente anche quando si hanno delle scadenze. Ogni giorno che passa e’ un giorno più vicino alla scadenza, e più uno si avvicina alla fine più ci si innervosisce. Per lo meno io la vedo cosi’. E penso l’essenza e’ che bisogna vivere il momento, perché presto sara’ passato.

Ma in questi giorno non e’ facile divertirsi perché siamo nel pieno della stagione delle piogge. Giorni e giorni (e sere) di cieli grigi, picchi di caldo, umidità alta come i palazzi a Tokyo, e pioggia. Non c’e’ poi tanto che uno possa fare eccetto sperare che il sole torni di nuovo (anche se poi quando c’e’ il sole desideriamo sempre il fresco). Non e’ tanto difficile star li a far nulla a parte i fine settimana….chi lavora di settimana di certo non ha tempo per far altro dopo il lavoro. Io almeno no. Ma i fine settimana sono tosti. Dico, le ore che posso dedicare al mio libro da colorare (qui) raggiungono un limite. O anche cucinare, o cucire. Tutte queste attività sono si belle da fare, e hanno il vantaggio di esercitare la pazienza, alimentare la creatività, e cosa più importante fanno passare il tempo. E pero’, se questo e’ tutto quello che posso fare, fine settimana dopo fine settimana, le mie giornate ironicamente diventano un poco noiose. E non ci sono nemmeno mostre interessanti che potrei andare a vedere.

Potrei scrivere sul mio blog, vero. Ma cosa? Non faccio nulla di nuovo ultimamente, quindi di che cosa parlo?
Una cosa l’ho provata, di fare lezioni di cucina. Ma anche questa non e’ andata perché la gente o non si prenota oppure annulla la lezione per la pioggia, e quindi le lezioni sono vuote. Inoltre non ho manco considerato il fatto che pioggia o non pioggia, anche io devo uscire per andare a fare la spesa..per cui, se uno proprio deve uscire, a sto punto potrei ben pensare di andare da qualche parte lo stesso, no? Mi sa che e’ proprio il periodo.

Spinta dalla curiosità ho riletto i miei vecchi post per capire quante volte mi sono in passato lamentata di questo periodo dell’anno…eh, solo una volta, e solo la prima estate che ero in Giappone. E basta. Quest’anno invece gia scrivo due post per lamentarmi della cosa. Sono convinta che e’ perché prima avevo voglia di uscire, avevo la motivazione per scoprire e esplorare, e facevo programmi proprio per cercare di evitare il malumore. Ma ultimamente non ho tantissimo da esplorare o non ho la stessa motivazione e quindi ho più tempo per lamentarmi, haha.

A peggiorare le cose, tutte le varie attività e i vari eventi (alcuni pure tanto attesi) che sono organizzati in Giappone per marcare la stagione, o occasioni speciali, festività o altro, sono tutti fuori fase con il meteo. Da che mi ricordo sin dal mio arrivo in Giappone, luglio era il mese per le attività all’aperto, beer garden, il festival delle stelle, i fuochi d’artificio, giusto per dirne alcuni. E questo perché era risaputo che a un certo punto verso la fine di giugno la pioggia cessava. Ormai pero’ non e’ più cosi (prendetevela con il riscaldamento globale, o col terremoto del 2011 che ha spostato l’asse terrestre, o entrami se volete) e c’e’ una grossa possibilità che per via della pioggia ci perderemo tanti di quest eventi quest’anno per via della pioggia. Gia’ un paio me li sono persi, e fa proprio rabbia…specialmente i beer garden (seppur sempre organizzati alla maniera rigorosa giapponese) sono la cosa che più si avvicina al cenare o bere all’aperto visto che nelle grandi città non c’e’ spazio per terrazze o piazze eccetera per potersi godere l’estate. Ma c’e’ anche da dire che poi non e’ che uno abbia tantissimo desiderio di stare fuori durante l’estate bollente giapponese….

In ogni caso, per farla breve…siamo bloccati a casa. Bellissimo proprio.



Wednesday, June 12, 2019

Couscous cook school


My cooking classes are going well, despite the low teaching frequency. This month, though, I managed to plan a few and they are about a new menu I just launched: the arabs infiltrations into our Sicilian culture.

For about 200 years, between years 800 and 1000 A.C, Sicily was invaded by the arabs and such long presence inevitably left traces in our culture: art, architecture, language, traditions, customs, genes, too. And of course food.

For my class I thought of the king dish of arab origin: couscous. The western part of Sicily, geographically the closest to Africa (Tunisia), preserved the couscous culture so much that nowadays an annual festival (one week long!) is held in the town of Trapani, the city of couscous.

The Sicilian variant of this delicious recipe uses, no need to say, fish instead of meat. And that’s what I tried to teach my guests, by starting with preparing a light flavored fish broth and a delicious and lightly spicy deep sea fish in tomato sauce. I must say the recipe turned out yummier than I hoped. Whenever there is fish soup in the equation, at least in my equation, the final result is often a too strong fish smell (I hate the smell of fish); this time instead there was no such a problem.

Tens of other recipes that were adapted exist and persist in our cuisine. One of them is a warm vegetable casserole known with the name of “sciachisciuca” (shee-ikee-shooka). I am not entirely sure of the origin of the name, but while trying to learn about its history, I decided the most plausible explanation is that it comes from the arabic word for the style of cooking, that is in a casserole (shakshouk). Anyway, this other delicious recipes was reinterpreted by the islanders using the local vegetables produce with the addition of capers and boiled eggs.

I don’t know how known a fact it is, but one of our most famous desserts, Cassata (the ricotta cheese cake heavily decorated with candied fruit peel), is another gift from the arabs. We have two versions of this million-calories-per-bite cake: there is an oven baked version, made with a crunchy buttery crust and the cheese filling, and there is a fresh version that’s prepared with fresh ricotta cheese, pre-cooked sponge cake bits, candied peel, marzipan and icing. Now, here again I am not entirely sure which version is the original one, but I might tip my scale towards the baked one…it seems in fact that the uber-caloric, marzipan-coated version was concocted in a convent, where nuns would prepare cakes for the nobility and the monarch (so their look had to be worthy of a royal). 

For the class, we prepared individual mini ricotta cheese cakes, and I have to say the result was great. Everyone managed well, and we looked like workers in a cheese cake factory.

As some of the comments I received said, there is some waiting and patience for this menu, especially the couscous, but it was totally worth it.

**************

Le mie lezioni di cucina stanno andando bene, nonostante la bassa frequenza con cui insegno. Questo mese pero’ sono riuscita a pianificarne addirittura tre e sono relative a un menu fresco fresco di realizzazione: le infiltrazioni arabe nella nostra cultura. 

Per circa 200 anni, tra l’800 e l’anno 1000 circa, la Sicilia fu dominio arabo e una cosi lunga permanenza ha chiaramente lasciato il segno: arte, architettura, lingua, tradizioni, usanze, e alcuni geni. E ovviamente anche la cucina.

Per la mia lezione ho ben pensato al re dei piatti arabi, il cuscus. La parte ovest dell’isola, geograficamente più vicina all’Africa, ha mantenuto cosi tanto la cultura del cuscus che oggigiorno nella città di Trapani si tiene un festival dedicato di una settimana. 

La variante siciliana di questa ricetta deliziosa usa, manco a dirlo, il pesce invece che la carne. E proprio questo cuscus e’ quello che ho provato a insegnare ai miei studenti, dalla preparazione del brodo di pesce fino alla salsa con i filetti di pesce azzurro. Devo dire che la ricetta e’ venuta più buona di quanto avessi previsto. Ogni volta che si parla di zuppa di pesce, o per lo meno la mia zuppa di pesce, rimane in giro sempre un odore di pesce in casa (e io odio l’odore di pesce); ma stavolta questo problema non c’e’ stato.

Ci sono poi decine ancora di ricette che persistono nella nostra cucina. Una di queste e’ un cotto di verdure al tegame col nome di  “sciachisciuca”. Non sono totalmente sicura dell’origine del nome, ma nel provare a informarmi sulla storia del piatto, alla fine mi sono accontentata della spiegazione più plausibile, ovvero che il nome indica il modo di cottura, ovvero al tegame. Comunque, quest’altra ricetta buonissima e’ stata reinterpretata dagli isolani usando verdure locali e aggiungendo capperi e uova sode.

Non so bene quanto noto sia il fatto che uno dei nostri dolci più famoso, la cassata di ricotta, e’ un altro regalo degli arabi. Ci sono due versioni di questo dolce da un milione di calorie per morso: una versione al forno, fatta con una frolla morbida e friabile ripiena di ricotta, e poi c’e’ la versione non al forno, che prevede la combinazione di ricotta fresca, pezzi di pan di spagna, frutta candita, pasta di mandorle e glassa. Ora, neanche in questo caso non sono proprio sicura su quale sia la versione originale, ma mi butterei su quella al forno….pare infatti che la versione fresca peta-calorica sia stata ideata in un convento, dove le suore preparavano i dolci per la classe nobile (quindi le torte dovevano avere una apparenza regale, non di meno).

Per la mia lezione abbiamo preparato tortine di ricotta, e devo dire che il risultato e’ stato grandioso. Tutti si sono destreggiati bene, e a un certo punto sembravamo essere operai del reparto produzione di una azienda di cheese cakes.

Come alcuni dei commenti ricevuti recitano, ci vuole un po’ di pazienza per questo menu, specialmente per il cuscus, ma vale la pena aspettare e pazientare. 








Tuesday, June 11, 2019

A post about rain and colors


It’s been raining non stop for about 26 hours, and it looks like it may continue for another 26 or even longer, but might as well stop any moment. The monsoon season has come for its yearly visit to Japan and we are all getting miserable, already. I reckon all this water is going to sit around until the dreaded sweltering hot days will come, and then everything will smell of putrid and decay. What a great time to be in Japan!

It’s been very cold until now, actually, except for a weekend of alarmingly high temperatures. Just one isolate episode. Now with the incessant rain, and the wind, it feels we jumped straight into fall. I don’t know, man, but a 15 degrees drop in temperatures from one day to the next makes me long for the couch, a book and a hot chocolate.

The coloring book I bought for my holidays is an even greater companion to spend the rainy evenings at home. For one thing, the colored pencils well contrast the dull grey of the world. Now, these books are supposed ho help relax us stressed adults. But here is the thing: I am not sure these books are actually helping me relax…I think they are challenging me.

Since I started coloring them I can’t but observe attentively every plant or flower I pass by, because I want to make sure I memorize every color and every shade so I will be able to reproduce them in my books. Now I get distracted a lot, no matter I am walking or riding my bike, I have to look here or there or over there because I noticed something. One day I will get hit by a car or bang my head somewhere, I am telling you.

I know I shouldn’t care about the real thing and just pick a pencil and follow my whim….but I can’t. Not yet at least. Plus, I don’t have enough tones among my pencils..but worry not, my dear self, I already eyed a wonderful box of colored pencils with all the shades I need!

The good thing about this dangerous sport though, is that I do spend time to notice the nature around me, all the thousands of color combinations and shapes of flowers and leaves. The world out there is wonderful.

*************

Piove senza tregua da più di 26 ore, e potrebbe continuare cosi per altre 26 come potrebbe anche smettere da un minuto all’altro. La stagione monsonica e’ arrivata per la sua visita annuale in Giappone e gia siamo tutti miserabili. Mi sa che tutta quest’acqua resterà in giro fino a quando il caldo torrido arriva e allora tutto avrà l’indistinguibile odore di marcio. Che periodo perfetto per essere in Giappone!

Fino ad ora ha fatto freddo a dire il vero, a parte un fine settimana di temperature allarmanti. Un caso isolato. Ora con la pioggia incessante e il vento, sembra proprio che siamo andati direttamente all’autunno. Mah, non lo so ma questo calo drammatico di 15 gradi da un giorno all’altro mi fa tanto desiderare un divano, un libro e una cioccolata calda.

Il libro che ho preso per le mie vacanze, quello da colorare, e’ un compagno ancora migliore per passare queste sere a casa. Basta gia pensare alle matite colorate che contrastano perfettamente il grigiore del mondo. Ora pero’, sti libri in teoria dovrebbero aiutare noi adulti a rilassarci. Ma qui e’ dove le cose s mettono male: non credo proprio che stiano avendo l’effetto giusto…anzi, proprio l’opposto.

Da quando ho iniziato a colorare non faccio altro che osservare con attenzione ogni pianta o fiore che vedo lungo il mio cammino, perché voglio assicurarmi di memorizzare ogni gradazione di colore per poi riprodurre il tutto nei miei libri. Adesso mi distraggo parecchio, non importa se sto camminando o se sono in bici, ma devo assolutamente guardare da qualche parte perché ho notato qualcosa. Un giorno o l’altro andrò a sbattere da qualche parte, se non vengo prima investita.

Lo so che non mi dovrei preoccupare dei colori reali e lasciarmi andare alla fantasia, ma non ce la faccio. Per lo meno non ancora. E poi non ho abbastanza colori….ma non mi preoccupo più di tanto, ho infatti gia adocchiato un set di matite colorate che e’ divino e ha tutti i toni che voglio.

La cosa positiva di questo sport estremo, invece, e’ che sto notando molto di più la natura intorno, con tutte le sue sfumature di colori e forme. Il mondo la fuori e’ davvero meraviglioso.



Sunday, May 26, 2019

Vietnam on the road

While in Vietnam I did a crazy thing, which was to go on a 300km one-day road trip.

The whole thing came to be as I thought to visit the imperial palace in Hue city, about 150km away (here). One of the routes to get there is a well known one, offering stunning views of the coast, the land and some forest. The most iconic trait is the one known as Hai Van pass, about halfway between Hue and Da Nang. The pass itself in all its length is about 20km up and down the mountains; in the past its peak was considered the frontier between the south of Vietnam and the north, but apparently it works as a climatic boundary as well, keeping the south warmer and drier compared to the north. Its highest point is nearly 500 meters, very often immersed in deep fog. It is indeed the fog, together with the twisting road, that give the pass a bad name in matters of road safety (a recently built tunnel, the longest in Asia, has reduced traffic along the coastal road and improved safety); however, in terms of scenic beauty it is considered one of the best coastal roads in the world. Since it got featured in the British TV documentary Top Gear, Hai Van pass has become famous among motorbike riders, and it well deserves its fame. In there, its only you and the road, which winds up and down through the forest and the fog in a series of hairpin turns. As the elevation increases, the view enlarges revealing impressive views.

At the pass highest point there were remains of a French fort, used also during the Vietnam war, now a touristic site. It was an ideal spot for a break, as there are some shops selling souvenirs, snacks and beverages and visiting the ruins made for a little bit of leg stretching.

Right after descending the Hai Van pass, before reaching Hue, I made another stop along the route to check out the so called Elephant springs. These are just semi-natural river pools in the middle of the forest, with clean and crystal clear water, and the occasional waterfalls. The name comes from the resemblance of some big boulders along the river course to elephants. Like all other attractions, once a site gets the attention from tourists, the exploiting form the locals begins: fees on top of fees are required, and foreign tourists are redirected (accompanied, you never know they may figure out it’s arranged) towards not so pretty parts of the river, where bamboo platforms are built so that people can rest and put their things while they soak in the pool. And they have to pay for those, too, if they want to swim. All those fees are said to contribute to maintain the place -an ecotourism site according to how they advertise it- as pristine as possible, but what I saw was neglect of the surrounding nature, the trails and the whole area littered with all sorts of garbage. In any case, the natural beauty of the place is unarguable, and having a dip in those fresh waters on a hot day definitely makes up for everything else.

There is a detour riders can take to make this trip even more memorable, if their time and plans allow: on the north east of Da Nang city there is a small mountainous peninsula and national park, called Son Tra (or Monkey Mountain), lined by winding and steep roads leading to an observation point. Roads are really steep, and your average scooter won’t make it, so keep it in mind. But actually, if one wants to ride 150km one-way to Hue, they would have thought of a motorbike with a good engine already.

I can think of at least two good reasons why this is worth doing, other than adding an extra bit of twisting mountain roads fun: first is to just get to the peak, where views are truly breathtaking, and 360 degrees over the ocean and the city. There is a statue of Confucius sitting by a game board with an empty seat opposite to him, that’s so that everybody (me included) gets a photo while playing him. The second reason is to visit the Linh Ung pagoda and temple grounds, an area dedicated to worshipping the goddess of mercy, of which there is an 70-something meters tall statue surrounded by beautiful plants and flowers. The entrance gates are elaborate with carvings and paintings, of Chinese influence, and the yard inside the perimeter is dotted with statues of monks, Chinese zodiac animals and bonsai trees. The pagoda sits in another courtyard of its own, again dotted with plants and flowers and statues, and again the Chinese origins are clear in the presence of guardian dragons, exquisite and colorful carvings. The site looks over the city of Da Nang, protecting it from winds, storms and what not, providing visitors with stunning views. And you can spot monkeys there, as well (hence the nickname).

I made a trip to this peninsula (and took a picture with Confucius) on a different day than the trip to Hue, since it is rather time consuming, but know that, as I mentioned, if you don’t have time limitations (or are on a one-way only drive), the whole thing can be packaged together.

Last but not least: the views from both the Monkey mountain peak and Hai Van pass were impressive, but they were not all in my opinion….each long or short trip I took, from start to finish, was for me a constant flow of “whoa” and “wow” and “oh” because the landscape changed quickly and I felt I was in front of a postcard every turn of my head. I can’t spend enough words to describe what I saw, and I hope the few selected pictures will do justice to this wonderful land.

***************

Mentre ero in Vietnam ho fatto una pazzia, ovvero fare un viaggio di un giorno di 300 chilometri in totale.

Il tutto e’ partito dal desiderio di visitare il palazzo imperiale nella città di Hue, che dista 150km (qui). Una delle strade per arrivarci e’ molto famosa e offre vedute bellissime della costa, dell’entroterra e della foresta. Il tratto più notorio e’ quello conosciuto col nome di Hai Van, un passo montuoso più o meno a meta’ strada tra Hue e Da Nang. Il passo in se’ e’ circa 20km su e giu per la montagna e in passato era considerato la frontiera tra il nord e il sud del Vietnam. Pare anche che il passo montuoso divida il paese in due zone climatiche, visto che ripara il sud dai climi freddi del nord. Il picco del passo montuoso vero e proprio si trova intorno ai 500 metri, ed e’ spesso immerso nella nebbia. Ed e’ proprio la nebbia, assieme ai tornanti della strada, che danno al passo montano una brutta reputazione dal punto di vista della sicurezza stradale (di recente e’ stato aperto un tunnel, il più lungo in Asia, che ha migliorato e reso più sicuro il traffico sulla litoranea); invece, per la panoramicità, la strada e’ considerata tra le più belle al mondo. Da quando una puntata del programma Top Gear ne ha parlato, questa strada e’ diventata famosa tra i motociclisti, e per tutte le giuste ragioni. Lungo il passo montuoso, ci sono solo l’uomo e la strada che si snoda tra la foresta e tra la nebbia in una serie di tornanti a gomito. E più uno va su, più la vista si fa impressionante.

Al picco del passo si trovano rovine di un forte francese, che fu usato anche durante la guerra, e che ora e’ un sito turistico. SI e’ rivelato un buon posto per fare una sosta, e per sgranchirsi le gambe.

Prima di raggiungere Hue, immediatamente dopo il passo, mi sono fermata per visitare le cosiddette sorgenti dell’elefante. Queste non sono alto che piscine semi-naturali di acqua di fiume che scorre nel mezzo della foresta, le cui acque sono tra le più pulite e trasparenti che ho visto. Il nome si riferisce ad alcune rocce lungo il corso che sembrano avere forma di elefante. Come tutte le altre attrazioni, non appena questa ha ricevuto l’attenzione dei turisti, lo sfruttamento ha inizio: bisogna pagare costi di ingresso, parcheggio, e altro, e spesso i turisti stranieri vengono accompagnati (non sia mai che vadano soli che poi si rendono conto della fregatura) a delle piattaforme in parti non proprio belle del fiume, per cui devono anche pagare se vogliono passare del tempo e fare un bagno. Tutti questi pagamenti, dicono loro, contribuiscono al mantenimento del posto (lo chiamano sito di eco-turismo), ma quello che ho visto io invece era sporcizia dappertutto, e poca cura in generale della natura circostante. A prescindere da tutto ciò, pero’, la bellezza del sito e’ indiscutibile, e in effetti fare un bagno in quelle acque fresche e pure in una giornata calda fa dimenticare tutto il resto.

C’e’ poi una deviazione da fare per rendere quest’avventura ancora più memorabile, nel caso uno ha la possibilità: proprio fuori Da Nang c’e’ una piccola penisola montuosa, chiamata Son Tra (Monkey mountain), alla cui sommità si trova un osservatorio che si può raggiungere attraverso strade erte e tortuose. Ma la pendenza e’ considerevole, quindi tenete presente che ci vuole un mezzo abbastanza potente…di sicuro se uno vuole tentare i 150km sola andata per Hue, gia pensa a moto o scooter con motori grossi.

Mi vengono in mente almeno due motivi per cui vale la pena aggiungere questa tappa, a parte aggiungere più strade di montagna tortuose: uno e’ proprio per raggiungere l’osservatorio da cui si gode una vista a 360 gradi. C’e’ poi pure una statua di Confucio seduto davanti a un gioco di pedine, e non c’e’ bisogno di dire che una foto mentre si tenta di vincerlo va fatta. Il secondo motivo e’ per visitare la pagoda Linh Ung, un’area sacra dedicata al culto della dea della misericordia. Un cortile ampio, puntellato di statue, piante e fiori, fa da scenario alla statua di circa 70 metri della divinità, ma il resto non e’ da meno. Ci sono varchi d’ingresso intarsiati e colorati, elaboratissimi, che seguono li stile architettonico cinese. La pagoda si trova in un cortile separato, anch’essa difesa da statue di draghi e preceduta da un arco anch’esso intarsiato e decorato con motivi cari al buddismo cinese. E non dimentichiamoci che si possono avvistare delle scimmie nell’area (da cui il nome della montagna).

La visita al tempio e la foto con Cofucio le ho fatte separatamente dal viaggio verso Hue, visto che comunque ci vuole tempo, ma come dicevo per chi non ha problemi di orari può fare tutto assieme. 

C’e’ poi un’ultima cosa da dire: si, le vedute panoramiche sia dal passo di Hai Van che la montagna Son Tra erano proprio spettacolari, ma non c’erano solo quelle….ogni viaggio, piccolo o lungo, dall’inizio alla fine, era un flusso constante di esclamazioni di ammirazione e stupore, e ogni volta che mi guardavo intorno vedevo scenari da cartolina. Non c’e’ abbondanza di parole con cui descrivere quello che ho visto, e spero solo che la piccola selezione di foto qui facciano giustizia a questa bellissima regione.



















Saturday, May 25, 2019

Vietnam villages tour

While I was vacationing I needed to see a bit more of the beautiful country Vietnam is, this time. In fact, my wish to return there was not driven only by the amazing beaches and the chilled out vibes (not to mention the level of pampering my currency allows me to afford there), but also by culture and landscapes. I am serious.

One day, with no prior research nor other information than a pin on a map, I set for a drive south, along a thin strip of land between the ocean and the river to reach the fishermen village of Tam Thanh, famous for its murals. I was not surprised to see how quickly things changed once one leaves the bigger urban centers….no road signs in any language other than Vietnamese, no road signs at all I’d say, and no English spoken of course. But reaching the intended village was yet an interesting adventure on its own. Actually, it turned out (when I searched for more info about the place after I returned) that the core of the village where all the artsy and craftsy things happen was further down the road from where I stopped…I guess I did miss most of the murals.Oh, well.

The beach there was really beautiful and deserted, not a soul, although fishing boats dotted the shore for miles. I bet it would get crowded in the later hours of the day, as per Vietnamese habit. It would have been a great place to go if it were closer to where I was staying.

Back from my digression. The murals were stunning, depicting fantasy themes or else daily life actions, like people fishing, kids playing and so on, and some of them were so realistic they seemed alive. Not only that, but all houses were colorful, their facades painted bright green, or blue, or yellow. They did really make a great effort to give the place a name, and an identity. I liked it.

On a different day I instead toured the vicinity of Hoi An to find a village of carpenters and craftsmen. Again, just a pin on a map was all I armed myself with, and so again it took me a bit of time to find the right place. Once again I was amazed by the skills these people have: wood carving, boat restoring, metal bending and what not. I entered a shop to find beautiful paintings (with the painter in one corner of the shop/studio ready to begin another one) depicting scenes from Vietnamese daily life or landscapes. His works were truly fantastic and there and then I promised myself I’d go back again in the future to buy a handful of canvas from him. Another guy was sitting by his workshop, holding a piece of wood between his bare feet while he maneuvered hammer and scalpel with his hands. Right by the river was a boat repairing shipyard, where men and women were painting, sewing, shaping the wood of old boats to fix or restore them…awesome.

It was thanks to these small trips that I could have a better glimpse of a Vietnamese life, that life happening away from beaches and restaurants, that life tourists hardly get to know. The landscape quickly changed from big town shops and restaurants, and from paved roads and sidewalks, to farmers villages, water buffaloes and rice fields.

To go to the murals village, I rode along a seemingly endless, straight road that ran through the absolute nothing. I saw buddhist cemeteries on both sides, extending for miles, sand hills, artificial sweet water ponds where people maybe farmed some kind of fish or seaweed, mounds of garbage piled on both sides of the road that would horrify any environmentalist…overall the area looked pretty much no man’s land, except for a couple of small villages that dotted all that nothingness.

A different picture was that emerging from the bike ride to the craftsmen village, a nicer one actually. I went through rice paddies, rivers, I saw water buffaloes, I crossed bridges, villages, I saw people paddling their boats, harvesting their crops, tending their cows, taking tourists on boat rides. In short, I observed a typical day in the life of the Vietnamese. I don’t know if they ever get tired of the landscapes they see every day, but I was fascinated by the different ranges of greens and blues, and those flowers in all possible colors.

But now a sad note regarding the beaches. I did love the beach, despite the daily invasion of families with bamboo sheets, but not all I saw was perfect. I did check out various beaches, for example the beach near Tam Thanh murals village, and there was one that was really close to where I was staying, walking distance, called Cua Dai. From the road it looked the perfect postcard worth place, a long line of large palm trees, thin golden sand and emerald water. But….the shore was reduced to nothing because of the erosion. I am not sure whether the sand is eaten up by the strong sea currents or by the strong winds or by a combination of both, but the result is disheartening: the fine gold sand one sees from the road abruptly drops into the water with a deep gap, and the little beach that is left is still there thanks to giant sandbags arranged as embankment. The situation was even worse for those businesses that offered lying chairs and umbrellas, because guests sitting there would have no view of the sea, rather the view of the sandbags.

I did see a little of this erosion phenomenon also at the beach I regularly went to, although the degree was less. I fear that a few years from now, that area of Vietnam won’t have beaches anymore….I am glad I could return there now, but really hope someone finds a solution to such serious issue.

****************

Gia che mi trovavo in vacanza, ho sentito il bisogno di vedere un po’ di più di questa terra meravigliosa che e’ il Vietnam. Il mio desiderio di ritornarci infatti non era solo dovuto alle bellissime spiagge e all’atmosfera rilassata (per non parlare dei capricci che la valuta mi consente), ma anche alla cultura e i paesaggi. Davvero.

Senza a priori aver cercato informazioni, a parte un sito su una mappa, un giorno mi sono diretta a sud lungo una lingua di terra tra l’oceano e il fiume. La mia destinazione era il villaggio di pescatori Tam Thanh che e’ famoso per dipinti a parete. Non mi sono stupita di come le cose cambiassero in fretta non appena si esce dai centri urbani….niente segnali a parte in vietnamita, anzi niente segnali proprio, e nessuno parla inglese ovviamente.

Ma raggiungere il villaggio e’ stata comunque un’avventura di suo. A dire il vero ho capito (solo dopo aver fatto un po’ di ricerche sul posto al mio rientro) che il centro del villaggio dove stavano tutte le cose più artistiche era un po’ più avanti di dove mi sono fermata…vabbe’, mi sono persa qualcosa. La spiaggia li era veramente bella, deserta, anche se un sacco di barche da pesca punteggiavano la spiaggia per chilometri. Scommetto che nel tardo pomeriggio la spiaggia si riempie di locali, come per loro usanza. Sarebbe stata una spiaggia perfetta se fosse stata più vicina a dove mi trovavo.

Chiusa la parentesi, i murali erano proprio impressionanti, e rappresentavano temi di fantasia oppure scene di vita quotidiana come pesca, ragazzini che giocano, e molti erano cosi realistici da sembrare vivi. Non solo, ma anche le case erano tutte colorate, con le facciate dipinte di colori sgargianti. Davvero un lavoro enorme per dare al posto un nome e un’identità. 

Un altro giorno, invece, sono stata nelle vicinanze di Hoi An e ho visitato un villaggio di falegnami. Come prima, mi sono praticamente munita di un semplice punto su una mappa, tant’e’ che mi ci e’ voluto un poco per trovare il posto giusto. E di nuovo sono rimasta esterrefatta dalla manualità di questa gente: intarsi del legno, sculture, riparazione di barche, lavorazione del metallo e quant’altro. Sono entrata in un negozio dove ho visto dipinti spettacolari (mentre il pittore proprio stava in un angolo a prepararsi per un altro lavoro) che rappresentavano scene di vita quotidiana o paesaggi vietnamiti. Le opere di questo artista erano proprio fantastiche e mi sono ripromessa che in futuro ci ritornerò per far incetta di dipinti. Un altro artista stava seduto davanti al suo laboratorio tenendo pezzo di legno tra i piedi mentre usava le mani con martello e scalpello. Sulle rive del fiume c’era u cantiere in cui le barche venivano riparate,dipinte, modificate, eccetera…fantastico.

Grazie a queste piccole escursioni ho potuto avere un’idea migliore della vita in Vietnam, quella vita che scorre lontana dalle spiagge e dai ristoranti, quella vita che i turisti non si curano di conoscere. Il paesaggio e’ cambiato rapidamente dalla serie di grossi negozi e ristoranti o dalle strade e marciapiedi ben mantenuti ai villaggi di allevatori, bufali e campi di riso.

Per andare al villaggio dei murali sono andata lungo una strada dritta e che sembrava non finire mai, in mezzo al nulla, cimiteri che si estendevano per chilometri, montagne di sabbia, accumuli di spazzatura su entrambi i lati della strada che farebbero inorridire gli ambientalisti, laghi artificiali in cui forse si allevavano pesci o chissà cosa. Praticamente sembrava di attraversare la terra di nessuno, eccezion fatta per un paio di villaggi che spezzavano la monotonia del nulla.

Un’immagine diversa invece era quella che emergeva per raggiungere il villaggio dei carpentieri, ed era un’immagine molto più lieta. Ho attraversato risaie, ponti e villaggi, ho visto bufali, gente in barca, che si occupava del raccolto, che accudiva il bestiame, che portavano turisti lungo fiume. In sostanza, ho osservato lo svolgersi di un giorno nella vita dei vietnamiti. Non so se questa gente si stanca mai del paesaggio che vedono ogni giorno, ma io sono rimasta affascinata da tutte quelle gradazioni di verde e blue, e dai fiori in tutti i colori possibili.

Ora pero’ mi preme una triste osservazione riguardo alle spiagge. Mi sono piaciute, nonostante l’invasione giornaliera delle famiglie con le stuoie di bambù, ma non tutto quello che ho visto era perfetto. Ho visto varie spiagge, come ad esempio quella del villaggio dei murali, e ce ne stava una proprio vicina a dove pernottavo, chiamata Cua Da. Ora, dalla strada questa spiaggia sembrava proprio quel posto da cartolina con una fila di palme frondose e ombrose, una spiaggia fine e dorata e un mare verde smeraldo. Eppure…la spiaggia era ridotta a niente a causa dell’erosione. Non so se a causa del vento sferzante o delle correnti o da entrambi, ma il risultato era sconfortante: la spiaggia dorata e fine che uno vede dalla strada si getta improvvisamente sull’acqua con un grande dislivello, e quel poco di spiaggia che e’ rimasta e’ li grazie a enormi sacchi di sabbia a fare da argine. La situazione e’ ancora peggiore per quei lidi o ristoranti che offrono sdraio e ombrellone, perché i clienti non hanno per niente una vista mare, piuttosto una vista sacchi di sabbia.

Ho notato lo stesso fenomeno anche alla spiaggia dove mi recavo abitualmente, anche se meno accentuato. Mi sa che tra qualche anno quella parte di Vietnam non avrà più spiagge…sono contenta di esserci andata ora, ma spero che qualcuno trovi presto una soluzione a questo serio problema.


 

 



 














Thursday, May 23, 2019

Vietnam - Hue


Last time I was in Vietnam I didn’t really do much other than visiting the pretty town of Hoi An (here) that was just a few kilometers away from my accommodation. That whole holiday was meant to be a beach holiday, and I stayed true to my word.

This time I went a little further and attempted a one day motorbike trip to the city of Hue (former Vietnam capital) in order to visit the walled imperial city, also know an citadel and an UNESCO site. From Hoi An, where I was staying, Hue is 150km north and it takes an average of 3 hours to get there. Nobody recommends to embark on this journey for just one day, but there weren’t many things I wanted to do or see in Hue, so I was confident I could fit the 300km return trip and sightseeing of the citadel in one day.

Eventually I managed, thanks to an early morning departure and a very minimal tour of the site. I have to also add the fact that all main roads in Vietnam are in good conditions, and allow to reach decent speed. The only thing to watch out for is other bike riders, as they ride carelessly. Not dangerously, just lightheartedly. It always seems to me these people in south east Asia don’t even bother with driving school, kids ride mopeds too, and I have never seen the police flagging any of them down. Ever. Also, they are famous for carrying anything imaginable on their two wheels: I witnessed a woman riding a motorbike (was while driving, so no photo proof, sorry) loaded with live ducks squeezed in buckets. People, I mean, ducks! DUCKS! ALIVE! IN BUCKETS!

Anyway, other than paying extra attention to all those senseless riders, the 3+3 hours on the road were rewarding, in terms of the surrounding nature, human settlements and interventions, the route itself.

Hue seemed to have kept a lot of the French influence in the region, as I could see in the buildings while driving through the city roads, although most of it was destroyed during the Vietnam war and then rebuilt. Crazy to think that I was walking the soil that saw one of the most horrible wars, but I was happy to see how well the country is recovering and prospering again.

The walled city, former residences of the Nguyen emperors, has a square shaped perimeter of 2km by 2 km, and enclosed something like 150 buildings. Not many of those buildings were left standing after the war, although renovations and rebuilding are under way in order to restore the place and keep it a touristic site. There are two walls that form the citadel: an outer one, which serves simply as a fortified military divider between the outside and the citadel; then an inner wall, surrounded by a moat that protects the forbidden city, the private royal residences, where only members of the imperial family were allowed.

The citadel is so huge that it could easily take one day to visit…given that I was set to go back within the same day, I simply walked through one part of the forbidden city without even trying to figure out which room or pavilion I was in. I know, shame on me. My rush was also motivated by the fact that the day was really hot and humid, and there wasn’t much shade except for a few corridors (beautifully decorated and lined with posters telling the history of the palace) or gazeboes in the palace grounds…All in all, even from the little excursion I did, I could tell the forbidden city was truly amazing and I can imagine how life could have unfolded within those walls back then.

Done with the citadel, not much else was there for me to do in Hue, except maybe a short and quick stroll along the Perfume River, which owes its nickname to the pleasant fragrance of the flowers from the trees along the river that are dispersed by the wind. The riverside was pretty and I bet it must look great at night, when people are out and all businesses and restaurants come to life.

Now I had done what I had gone to Hue for, so I could get going. And not only I made a good time on the way back, I was back early enough to splash in the hotel pool before dinner.

*************

La volta scorsa in Vietnam non ho fatto molto, a parte visitare la bella città di Hoi An (qui) che era a poca distanza da dove avevo l’albergo. L’intera vacanza era designata come vacanza al mare e cosi e’ stato.

Stavolta invece sono andata un po’ oltre e ho deciso di dedicare una giornata per andare a visitare la città di Hue (in passato capitale del Vietnam), in particolare per la sua cittadella imperiale che e’ un sito UNESCO. Da Hoi An, che era la mia base, Hue e’ 150 chilometri a nord, e ci vogliono circa 3 ore per raggiungerla (in scooter). Tutti consigliano di andare per più di un giorno, vista la distanza, ma siccome non c’erano tante cose che mi interessavano a Hue mi sentivo abbastanza sicura di poter fare il viaggi di 300 chilometri in totale più la città imperiale in giornata.

E alla fine ce l’ho fatta, complici una partenza la mattina presto e un giro minimo della cittadella. Devo anche dire che tutte le strade principali in Vietnam sono ben mantenute e quindi permettono di mantenere una velocità decente. L’unica cosa di cui uno deve guardarsi e’ chiunque sia in motorino, visto che sono un po’ distratti. Non ci sono grossi pericoli, e’ solo che questi qua guidano senza criterio. Mi da’ l’impressione che la gente nel sudest asiatico non si preoccupano proprio di andare alla scuola guida, pure i bambini guidano gli scooter, e non ho mai visto la polizia fermare nessuno. Inoltre qui sono famosi per essere in grado di trasportare qualsiasi cosa in motorino. Dico, ho visto una signora guidare sto scooter e dietro si portava due cesti carichi di oche vive (niente foto a testimonianza visto che ero anche io in strada)…cioè capiamoci, oche. Vive. In cesti. Sulla statale. OK.

Comunque sia, a parte dover stare attenti ai motoristi scriteriati, il viaggio in scooter e’ stato davvero soddisfacente, sia per la natura e il paesaggio circostante, sia per la strada di per se.

Mi e’ sembrato di capire che Hue ha mantenuto tante influenze francesi, a giudicare dallo stile degli edifici che vedevo per strada in città, anche se bisogna ricordare che la maggior parte e’ stata distrutta durante la guerra e poi ricostruita. E’ pazzesco se ci penso, che mi trovavo sullo stesso suolo in cui si e’ combattuta una delle più truci guerre, ma sono stata anche contenta di vedere che la regione si sta riprendendo e si sta risollevando.
La città-fortezza imperiale, residenza degli imperatori della dinastia Nguyen, ha un perimetro quadrato di 2km per lato, e racchiudeva circa 150 edifici. Ormai pochissimi di questi edifici sono ancora in piedi, seppure gli sforzi per ristrutturare e mantenere quanto più possibile sono in corso. Ci sono due cinte murarie che circondano la cittadella: una solida recinzione militare che serve semplicemente a separare la fortezza da tutto il resto, e poi le mura interne, circondate da un fossato, proteggono la parte più privata della cittadella, dove risiedeva la famiglia imperiale e dove a nessuno era permesso entrare.

la cittadella e’ veramente grande, tanto che ci vuole un giorno intero per visitarla…ma visto che io dovevo rientrare in giornata mi sono limitata a una piccolissima sezione, senza preoccuparmi più di tanto a leggere le varie informazioni storiche che si trovavano lungo le pareti o i corridoi degli edifici. Lo so, vergogna. Ma avevo fretta anche perché quel giorno ear caldissimo e umidissimo, e dentro la cittadella non c’era poi tanto riparo quindi via. Ma anche il mio piccolissimo giro e’ bastato per apprezzare la bellezza del posto e di certo posso immaginare come deve essere stato viverci in passato.

Una volta vista la cittadella, non c’era tanto altro per me da vedere a Hue, a parte una breve passeggiata lungo il fiume profumato, cosi chiamato per via della piacevole fragranza che si sprigiona dai fiori lungo il fiume.

Fatto ciò, la mia missione a Hue si poteva concludere e quindi ho iniziato il viaggio di ritorno. E non solo sono arrivata in albergo in giornata come preventivato, ma sono anche tornata abbastanza presto da potermi godere una nuotata in piscina prima di cena.