Sunday, December 14, 2014

Tombola in Tokyo

Cooking for others is something I love doing, you know. But sometimes having someone cooking for you is lovely, too.

In a beautiful urban setting, with pretty night views of Tokyo all around, 40 guests got together to celebrate the upcoming Christmas and new year holidays. The menu was all Italian from begin to end, and, being used to cook for big groups myself, I know that the girls who organized the dinner must have cooked for a loooong time, on top of the amount of work that must have gone into the planning, set up and all. Also, it was a nice mix of cuisines between the north and the south of Italy. The host, Bianca, brought her Emilia-Romagna traditions on the table with piadina (flat round bread, usually eaten folded in half and filled with raw ham and soft cheese), while the Neapolitan Imma surprised us with ricotta cheese tarts. We also had salty cupcakes, olives and sun dried tomatoes, salami, the nation-wide, par excellence Sunday lunch dish lasagna, oysters, roast beef accompanied with baked potatoes and Italian panettone and my Christmas favorite pandoro (a softer, sweeter fruits-and-raisin-less panettone variant). Everything was delicious, really.

The men of the house wore a nice "uniform" of black shirt and gold tie, that I think was a winner. The dress code for the event was red/gold. Not all the 40 guests sticked to the code, but overall the effort paid back. It was nice to see different shades of red and also some gold and glitter.

I think the best part of the dinner was the Tombola (Italian bingo-like game), for both the fun of playing the game and the surprise at how the Japanese understand it should be played. Oh, I do have to mention that we didn't just have a Tombola kit (cards, bowl with numbers): we had the Neapolitan Smorfia Tombola kit! What's smorfia, you might ask…it is a way to interpret night dreams and assign numbers to actions, things, events happening in them. The belief is that numbers "given" in dreams are lucky and if bet on at lotto would bring a sure win. The few Italians present knew well the rules and played accordingly, whereas the Japanese didn't really get the game and, Oh the horror!, some even ruined the cards, by marking their numbers with a huge hole (instead of using tiny items to cover the cards cell)…I could feel the pain in my friend's chest at seeing her kit being trashed. 

Anyway, we played the game for quite a while until we had some winners, among whose we also had the one who made a colander out of her card (ironically, the holes she made with dry pasta). Us Italian unanimously asked for the prize to be withdrawn due to mishandling (and also in order to have yet another chance to win hehe), but, ehh…. However, luck came for us too, and in a joint effort to bring the good karma to our win we made group and eventually had one of us bringing a prize home too. In the name of team work, the prize shall be now split among the coalition members!

Switching to another topic, the Japanese can surprise for whatever bizarre reason. I met a Japanese guy who, of all places, lived for a short while in Sicily, and, of all places in Sicily, he lived in Ragusa, a small and rather boring town in the south. Really, it is a beautiful town with all its baroque buildings, cathedrals and such, but other than that is not very appealing especially to young crowds. Anyway, the fact alone that he was teaching Japanese there was not as surprising as the fact that he spoke Italian with Sicilian accent. He obviously just became my best Japanese friend.

To conclude, I was glad I did join the dinner, I was glad that for once I didn't have to cook nor bring anything, and the participation fee that we paid was well worth to the cent!

************

Cucinare per gli altri e' qualcosa che mi piace tanto fare, e' risaputo. Ma anche, a volte, avere qualcuno che cucina per me non e' tanto male.

In un bel palazzo con una vista notturna di Tokyo molto carina, 40 invitati si sono ritrovati a celebrare l'arrivo delle festività natalizie. Il menu era tutto Italiano e, essendo comunque esperta in fatto di cucinare per grossi gruppi, so che le ragazze che hanno organizzato la cena devono aver lavorato per giorni, non sono per la preparazione dei piatti ma anche dell'intero evento. E c'era anche una bella mescolanza di pietanze del nord e del sud dell'Italia, con Bianca, la padrona di casa, che ha portato l'Emilia in tavola con la piadina e Imma che ha portato un po' di Napoli preparando una sfoglia alla ricotta. Altre portate hanno previsto tortine salate, olive e pomodori secchi, lasagne, ostriche, arrosto con patate e, signore e signori, pandoro e panettone. E' stato tutto molto ma molto buono.

Gli uomini della casa avevano anche una bella "uniforme" addosso, vestendo una camicia nera e una cravatta oro che ho trovato una scelta molto glamour. La richiesta per l'abbigliamento era rosso/oro, e seppure non tutti gli invitati si sono attenuti, il risultato finale e' stato carino, con varie sfumature di rosso, qualche oro e anche qualche luccichio qui e li. 

La parte migliore della serata e' stato il momento della tombola, sia per la gioia nostra nel giocare che per la comicità suscitata dai giapponesi nel loro strambo modo di interpretare le regole del gioco. C'e' poi da aggiungere che la tombola non era una tombola qualsiasi: era la tombola della smorfia! Noi italiani sapevamo bene le regole, mentre, orrore orrore, alcuni dei partecipanti giapponesi hanno completamente reso inutili le schede, visto che invece di coprire i numeri usciti, hanno ben pensato di perforare le caselle…il dolore della mia amica nel vedere le sue schede rese inutilizzabili e' stato visibile e condiviso.

Comunque, abbiamo giocato per un bel po', e tra i vincitori c'era anche la signora che aveva fatto della scheda uno scolapasta (ironia volle che nel fare i buchi la signora ha usato proprio la pasta cruda). la compagine italiana all'unanimità ha chiesto per l'annullamento del premio, anche perché così ci sarebbe stata un'altra occasione per noi di vincere, ma…In ogni caso, la fortuna ha visitato anche il nostro gruppo, che ormai era diventato una coalizione così da concentrare il karma positivo sulle nostre schede, visto che una di noi si e' portata a casa un premio. Ora, in nome del lavoro di squadra dovremmo dividere il premio!

Cambiando un attimo discorso, c'e' poi il fatto che i giapponesi stupiscono per le ragioni più bizzarre. Tra gli invitati c'era un giapponese che, di tutti i posti, ha vissuto in Sicilia, e di tutti i posti in Sicilia, ha vissuto a Ragusa, che e' una città piccolina e abbastanza noiosa, seppur ricca di chiese e edifici in stile barocco, ma pur sempre povera di intrattenimento. Che poi di veramente sorprendente non e' stato tanto il fatto che lui si trovasse a insegnare giapponese proprio li, quanto piuttosto che parlava italiano con accento siciliano. Ovviamente e' diventato il mio migliore amico giapponese!


Per concludere, e' stato proprio bello partecipare alla cena, ancora più bello non dover cucinare o portare nulla, e il contributo di partecipazione che abbiamo pagato e' valso tutto fino all'ultimo centesimo.












Monday, December 8, 2014

Cucina Marina - ラブラブ (love)

While experimenting in the kitchen sets new highs in my passion, it challenges my anxiety too.
I usually find that when I cook for myself, no matter how extreme I go, the results are always mind blowing. Nothing ever goes wrong, the mixing of flavors and ingredients just works. However, if I have to do the cooking for others, there come all my fears and inevitably something goes wrong.

It is is exactly what happened for yet another of my Cucina Marina events trying to surprise my guests with something special. I had in mind a menu made for two, where the food and the presentation would come together to celebrate love and sharing. From the tissues with printed hearts, to the spicy chocolate, nearly everything was feelings-infused.

Heart-shaped, cocoa-flavored crackers were to be served with various spreads, such as salmon, olive, pumpkin. I also decided to try and make some rye bread sticks, and those, out of surprise, came out really good for being a first-timer. The main dish was chicken tajine served with couscous. Not too much of a lovers' plate, I know, but I really wanted to cook that one. It came out just perfect.
Dessert was decided after lots of thinking and engineering, with the hope of a stunning presentation: yin-yang mousse. Delicious spicy chocolate smooth mousse coupled with the creamiest raspberry mousse, served on one plate for two.

So, where was the pitfall?

Well, the pink part of my mousse was not hard enough, so that my idea of turning out the dessert to present it standing on its own just wasn't applicable. One would say that novel things should be tested at least once before, right? And test I did. Only, when I tested it I realized I used too much thickening agent, so the second time I used a bit less. Apparently too little, this time.

On my defense, though: if the recipe requires 7 grams of something, how the hell am I going to measure that? Next time I have to work with such small amounts I will make sure to dose everything in the lab, where I can have a scale precise to the nanogram. And then I can say that my cooking was an act of science.

**********

Seppure sperimentare in cucina e' motivante, e' anche stressante.

Di solito, quando cucino per me non importa come, ma i risultati sono sempre impressionanti. Mai nulla va storto e la combinazione di ingredienti e sapori funziona, punto. Quando invece cucino per gli altri, ecco che tutte le paure mi assalgono e arriva l'ansia che mi fa sbagliare tutto.
E' proprio quello che e' successo per un altro dei miei appuntamenti con Cucina Marina, nel cercare di stupire i miei ospiti con qualcosa di speciale. Avevo in mente un menu per due, dove sia la scelta dei cibi che la presentazione si uniscono per celebrare amore e comunione. Dai tovaglioli con stampe a cuori fino al cioccolato al peperoncino, quasi tutto era infuso di sentimenti.

Cracker al cacao a forma di cuore sono stati serviti con creme alla zucca, o di salmone, o di olive. All'ultimo minuto ho anche deciso di preparare dei grissini, che sono stranamente venuti bene per essere stati il primo e unico tentativo finora. Il piatto principale era una specialità nordafricana: tagine di pollo e cuscus. Lo so che tanto da innamorati non e', ma e' un piatto che volevo proprio preparare. E' venuto perfetto.
Il dolce e' stato deciso dopo tanto pensarci e lavorarci per avere i miei strumenti, nella speranza di una presentazione da premio: mousse bicolore. Meta' cioccolato piccante e meta' ribes, servita in un piatto per due.

E dunque, dove sta il problema?

Allora, il problema sta nell'aver fatto la mousse di ribes troppo fluida, e quindi l'idea di sformare la composizione bigusto per presentarla in maniera particolare non ha proprio funzionato. Ora, uno direbbe che e' sempre buona norma fare una prova no? Cosa che io ho fatto, ovviamente, ma quando ho testato il tutto mi sono accorta di aver usato troppo addensante e quindi la seconda volta ne ho usato meno. A quanto pare, troppo poco, stavolta. Pero', dico, se una ricetta richiede 7 grammi di addensante, dico come si fa a misurarlo? Se mi capita di dover cucinare con quantità così piccole, meglio se mi preparo le dosi al laboratorio così che posso contare su strumenti esatti al nano-grammo. E poi potrò permettermi di dire che i miei piatti sono frutto della scienza.



Monday, December 1, 2014

Ginkgo Avenue in Aoyama

Autumn leaves will be gone soon, but before that happens there is something you really want to see this time of the year: Ginkgo Avenue ( Icho Namiki - 銀杏並木) in Aoyama, a road lined with, as the name suggests, tall ginkgo trees on both sides. My plan was to go there late in the afternoon and wait until the sun went down. Unfortunately the full power of the golden hour was reduced a lot by too many clouds, so that the gold didn't shine as much as I was hoping, but still the sight was beautiful.

The rain of the previous days didn't give me any hopes to find leaves still attached to the trees, so I was rather surprised to see that, yes, a few trees were almost bare, but most had a beautiful gold color (which looked orange in some of my photos) and many weren't even yellow yet!

One thing I liked was that on both sides of the road were not one, but two lines of trees. They were apart enough to leave room for a paved walkway, and still close enough to make sure branches on both sides met above our heads to create a gold (or green, depending on seasons)  roof, occasional broken through by a ray of sun. If the wind blew gently, gold leaves would flicker their best yellow while falling softly, and there was NO WAY I could capture that moment.

One thing I didn't like, instead, was that the road wasn't closed to the traffic. I mean, I know that one can't just restrict the access to vehicles on a main road in the city center, but at the same time this steals all the magic...Maybe they have some hours of no traffic, or maybe on special days they can do that, I don't know. I think people would benefit of a few motor-free hours on a weekend day...it works wonders in Ginza, so I can only imagine what it could do here.

Too many people were there with me too, stopping at every step to make sure they had a picture of every single leaf of every single tree...that part was a bit sickening, I have to say, me and my friend Anna -new to town and motivated to see places- felt the oppressiveness and the anxiety of being surrounded by so many people. I really don't know what was worse, the people or the cars.

There is more than just an avenue to keep one entertained for a day, though: this is the area where the national 1964 olympic stadium is, together with the Meiji Jingu stadium and the Meiji Jingu park. The second main venue for those olympic games was the stadium built at Yoyogi, not far from here. This is already enough to keep olympic fans busy with a sports tour. This, until now, since in occasion of the 2020 olympic games, those complexes will have to be teared down and re-built. Anyway, in case sports is not in your primary interests, the mini version of Versailles palace in a Japanese garden Akasaka Residence is just a walk away from the Ginkgo Avenue, and that promises to be a great stop for nature and architecture lovers.

Because the idea was, again, to see the light at the end of the day, the morning time was spent around the park at Yoyogi where we also grabbed a bocadillo at the Spanish food festival. That park is always a great choice: always busy with people, dogs, events, performers, joggers, its trees being a beautiful combination of red, yellow, green and all other autumn shades. Not to mention the leaves dancing in the air at the faintest gust impossible to photograph. 

One is never disappointed by Yoyogi. Ever.

********

Presto le foglie autunnali cadranno, ma prima che succeda c'e' qualcosa che vale davvero la penda di vedere: Ginkgo Avenue ( Icho Namiki - 銀杏並木) in Aoyama, una strada ai cui lati ci sono, come dice il nome stesso, alberi di ginko. Il piano era di andare nel pomeriggio e aspettare il calare del sole.
Purtroppo il potere dell'ora d'oro e' stato smorzato dalle troppe nuvole e lo spettacolo non era quello sperato, ma comunque pur sempre bellissimo. La pioggia caduta nei giorni precedenti non mi dava speranze alcune di trovare ancora foglie attaccate agli alberi, ma invece con mia sorpresa la maggior parte degli alberi , a parte una manciata quasi spogli, erano ancora dorati e addirittura molti erano ancora verdi!

Una cosa che mi e' piaciuta e' stata che non c'era una fila di alberi da ambo i lati della strada, ma ce ne erano ben due, distanti abbastanza da creare una galleria di rami e foglie tra cui i raggi del sole si facevano spazio. Se poi c'era il venticello che soffiava, si potevano osservare foglie dorate svolazzare piano piano. Mi e' stato impossibile immortalare questo fenomeno, seppure ci ho messo tanta buona volontà.

Una cosa che invece non mi e' piaciuta e' che la strada non era chiusa al traffico. Dico, non e' che e' facile sbarrare una arteria principale nel centro della città, pero' questa cosa ruba tutta la maglia del posto… Puo anche darsi che in effetti ci sono alcune ore senza traffico o anche alcuni giorni specifici in cui si può fare, non saprei. Pero' penso che tutti gioverebbero di qualche ora a traffico zero. Dico, a Ginza funziona alla grande, quindi immagino che possa avere un effetto migliore qui. 

Un'altra cosa e' che c'erano troppe ma troppe persone. Si fermavano a ogni passo, chissà poi per cosa, forse per essere sicuri di fare una foto a ogni singola foglia di ogni albero? Dai! Devo confessare che io e la mia amica Anna -arrivata da poco e con tanta voglia di vedere in giro- ci siamo proprio sentite oppresse e ci ha colto l'ansia. Non saprei proprio dire cosa ho sopportato di meno, se il traffico o le persone.

L'are in cui si trova questo bellissimo posto ha più di una strada alberata per una giornata di svago: quando si svolsero le olimpiadi nel 1964, si svolsero allo stadio olimpico che sta proprio in questa zona, assieme allo stadio di baseball e il parco omonimo che prendono il nome dall'imperatore di un tempo Meiji. Tra le varie sedi separate c'e' anche lo stadio a Yoyogi, non lontano da qui. E già abbiamo abbastanza materiale per gli appassionati di sport olimpici per un tour lungo un giorno. Ma se proprio lo sport non e' la vostra passione, niente paura perché proprio attaccata a Ginko Avenue ci sta la residenza di Akasaka (immaginate una piccola reggia di Caserta immersa in un giardino giapponese), una manna per gli amanti di architettura e storia, e anche natura.

Ora, visto che l'idea era di recarsi al viale alberato nel tardo pomeriggio, la mattina la passiamo al parco Yoyogi dove ci fermiamo per prendere un bocadillo alla sagra del cibo spagnolo. Sto parco risulta sempre essere un'ottima scelta: sempre pieno di gente, un sacco di cani coi padroni, eventi, fiere, sagre, spettacoli e poi ben studiata combinazione di rossi verdi e gialli delle varietà di alberi che puntellano il parco. E non ci dimentichiamo delle foglie disperse dal vento impossibili da fotografare.


Insomma, non si e' mai delusi da Yoyogi. Mai.









Monday, November 24, 2014

Inokashira Park - 井の頭公園

How do you know a picnic is an Italian picnic? They eat pizza…

Theatre of the Italian-Japanese get together of the weekend is Kichijoji's (吉祥寺) Inokashira park. Voted for several years the most desirable place where to live in Tokyo, Kichijoji is indeed vibrant, youthful and artistic. Now, I didn't know exactly what to expect from this town, but I was impressed when I saw it: all possible shops and stores one could ever need in a lifetime, small dim smokey alleys with restaurants and drinking joints, stylish (or kitsch, really depends on personal opinions) examples of architecture, and more. To get to the park there's a narrow and busy street, lined with shops and restaurants, and this itself is already an interesting sight. There is something appealing about the mix and clash of styles in Kichijoji…it is a big hub, in short.

Inokashira park (井の頭公園) is a beautiful and quite large park in west Tokyo, stretching out between Kichijoji and the nearby Gibli Museum, known to all anime lovers for all that came out of the genius mind of Hayao Miyazaki. But it must be said that the park is also famous for its cherry blossom, and for being a very entertaining and pleasant weekend spot for all Tokyo residents. 

Another thing the park came to the news a while ago, that perhaps many don't know or forgot, is a murder: in 1999 a dismembered human body was found in this park. Now, don't jump to conclusions too early…first I wasn't in Japan in 1999 and second if I ever did and wanted to dispose of a body I would not leave it in a place where it can be easily found. D'uh.

Anyway, that's in the past. Present day Inokashira park is home to many events, fairs, festivals year-round. Young, families and oldies come to spend some time on weekends, while artists and musicians entertain kids and passersby. 

Inside the park a lake plays the role of the main attraction, its waters hectic with traffic (paddle boats, rowing boats), and with cherry trees all around seeming to jump into the water. I bet their growth was forced into getting that shape, for the sake of the Japanese. Maple trees and tall cypresses are the other major varieties here. I liked that so many leaves had fallen that the ground was covered in a thick soft blanket, ideal setting for having people spread their picnic sheets and sit down in the shade. There is also a zoo, a buddhist temple and a bunch of cafes in the park.

So, there we are with our take away pizzas, sitting and chatting happily while life unfolds around us and time passes. Later we join life too, checking all the handiworks some people display and sell on their small stands, stopping every person with dogs to pet them (that's what a walk is like when you have a three year old kid with you), taking photos. Mostly, I took pictures. Of trees, people, my friends. That was a lovely day. 

**************

Come si riconosce un picnic italiano? Dalla pizza…

Teatro di un incontro domenicale italo-giapponese e' il parco Inokashira a Kichijoji (吉祥寺). Votata per alcuni anni consecutivi la città in cui si desidera abitare, Kichijoji e' infatti vibrante, giovane e artistica. Non sapevo cosa aspettarmi sul serio da questo posto, eppure mi ha lasciato di stucco: ogni possibile negozio di cui uno possa avere bisogno in una vita intera, piccole stradine strette con baretti e ristoranti affumicati, esempi interessanti di architettura (se di stile o no, dipende dal gusto credo), e altro. Per raggiungere il parco si cammina lungo una stradina stretta e affollata, piena di negozietti e ristoranti, che già di per se e' una attrazione. C'e' proprio qualcosa di veramente attraente nell'incontro-scontro di stili a Kichijoji…insomma, per dirla in poche parole, la città e' un centro nevralgico.

Inokashira (井の頭公園) e' un bel parco, ampio e che si allunga tra Kichijoji e il museo Gibli, che molti appassionati conoscono per le opere di Hayao Miyazaki. Ma bisogna dire che il parco e' anche famoso per i suoi ciliegi, e per essere una destinazione per il fine settimana amata dai residenti e non. Un'altra cosa che ha reso famoso questo parco, che forse molti non conoscono o preferiscono dimenticare, e' che nel 1999 fu scoperto un corpo fatto a pezzi. Ora, non giungiamo a conclusioni affrettate…prima di tutto nel 1999 non ero ancora in Giappone, e secondariamente se pure volessi disfarmi di un corpo non penso che lo farei in un posto dove chiunque può trovarlo…no?

Comunque, questo era nel passato. Oggi invece Inokashira e' un bellissimo posto, dove si organizzano eventi e feste tutto l'anno. Giovani, famiglie e anziani si ritrovano qui a spendere qualche ora nel fine settimana, mentre artisti di ogni sorta intrattengono piccoli e adulti. 

Nel mezzo del parco c'e' un lago che fa da attrazione principale, abbastanza trafficato c'e' da dire (pedalo e barche a remi), e circondato da alberi di ciliegio che sembrano cresciuti apposta per tuffarsi in acqua. Scommetto che sono stati forzati nella crescita a assumere questa posizione, per il piacere dei giapponesi. Altri alberi presenti nel parco, aceri e cipressi. Bellissimi. Altissimi. Mi e' particolarmente piaciuto che c'erano così tante foglie cadute a terra che sembrava di camminare su un tappeto soffice e spesso. Non c'e' niente di meglio per invitare a sedersi per un piccini. Infine, sempre nel parco, si possono trovare un tempio, uno zoo e alcuni bar. 


Quindi eccoci qui, con le nostre pizze da asporto, seduti a chiacchierare allegramente mentre intorno a noi la vita scorre. Più tardi ci aggreghiamo alla vita che passa, mettendoci a guardare le bancarelle con lavori fatti a mano, disturbare ogni persona che avesse cani per accarezzarli (che cosa pensate che succeda quando nel gruppo si ha una bimba di quasi tre anni..), fare foto. Per la maggiore, io ho fatto foto. Persone, i miei amici, gli alberi. E' stata una bellissima giornata.















Monday, November 17, 2014

Jogashima - 城ヶ島

It was all set for Saturday's trip: the time, the meeting spot, the itinerary, the sun…

Jogashima (城ヶ島) is a tiny island at the tip of Miura peninsula, connected to mainland by a sturdy bridge (toll fee apply, surprisingly). The entry to Jogashima is Misaki (三崎), fishing town with another of the biggest fish markets in Japan. The whole island is made of rocks of volcanic origin, and reminded me of the black coastline in Eastern Sicily, there where the fire gods sleep. For years now, I've been thinking to get to Jogashima island on a storm day, just to sit there and watch the waves crash onto the rocks and splash water all around, observe the power of nature. That day eventually came, only it was sunny and with weak currents. 

First things first, come lunchtime there I was patrolling the streets in Misaki together with two girl friends to find food. Here is the first highlight of the day: the food. Misaki is known for its tuna, and fish in general. All restaurants serve fresh tuna cuts, either raw or cooked, smoked or dried…It is a feast for the eyes and the mouth. There is even a place that serves a whole tuna head!! Yes, and, for a comparison, it is twice my own head in size…in case you were wondering, no we didn't eat that, as I don't like my food staring at me while I eat it.

Once on the island, we were in desperate need of coffee, and we visit the only one shop available ran by an old couple. The cafe walls were plastered with movie posters and actors photographs. All movies, all actors. Old movies, recent ones, modern actors, old ones…the place was a mausoleum. Super kitsch but super unique, where coffee wasn't at all good, but what do we expect from an old Japanese couple in a remote island anyway? Then, the second highlight of the day: Grandpa started small talk to then end up pulling out notebook after notebook of information: this guy recorded everything, E-VE-RY-THI-NG!! Showed us the list of the top 100 movies of all times, the strongest earthquakes in Japan since 1800, the top 10 countries with the highest GDP, the names of all nobel prize winners, formulas for neutrinos and other quantum physics stuff, the most read newspaper in the world, the names of all Japanese scientists….I stop here, but know that the guy went on and on and on for nearly one hour, making us worry whether we would be able to get out of there at all.

Eventually we managed to break free and started to look for hiking trails. Thing is, we sat for so long at the grannies' cafe that we had to re-frame our original sightseeing area, in order not to miss the sunset (and the waves). Instead of heading to the park that covers the south east portion of the island, ditching the lighthouse, the tunnels and the paved trails, at the port we turned right (because girls are always right) at the first glimpse of trails and suddenly we were in the middle of the forest. While going up, we spotted a very old tiny woman bent forward and carrying a huge basket full of greens on her shoulders. We thought: 1) amazing, how old must she be? 2) what is it that she's carrying back from the forest? 3) will she reach home? 4) quick, quick, take a picture! 

After we hiked the first few hundred meters we realized that we were walking through people's gardens and the old woman was coming back from picking veggies from her own piece of land. Now that I think of it, I have no idea how they know who owns what garden and where, since there were no signs WHATSOEVER…

Anyhow, after a few more right turns (women are always right, remember) we could hear and see the ocean below, just in time for watching the last hour of light to bathe everything in gold. The south side of Jogashima is amazing, a plateau of land that rose some 50 meters from the water looking down to a rugged coast beaten by winds and waves (oh, the sound of water!). Here, eruptions, storms and winds have shaped the rocks for hundreds of years, creating striking patterns, caves (which we didn't have enough time to explore), arches and homes for shellfish and hermit crabs. In the far distance is the coast of Izu peninsula, guarded by mount Fuji.

We spent most of our remaining time there on the beach, waiting for the sun to set, waiting for my wave to come.

One last note to self: make sure your camera and phone lenses are clean…I took amazing shots of the sunset, beautiful rays of light breaking into the photograph, alright...but too dazzling, actually. Damn halo!

****************

Tutto era pronto per la gita di sabato: ora, posto, itinerario, sole…

Jogashima (城ヶ島) e' un'isoletta alla punta della penisola Miura, collegata alla terraferma da un ponte robusto e per cui si paga, stranamente, un pedaggio. L'ingresso a Jogashima e' la città di Misaki (三崎), porto e paese di pescatori che vanta uno dei più grossi mercati del pesce in Giappone. L'isola e' fatta di roccia vulcanica, cosa che mi fa ricordare la costa ionica della Sicilia, laddove dormono gli dei del fuoco. Per anni, ho cercato di andare a Jogashima in un giorno di tempesta, per sedermi e guardare le onde schiantarsi sulla costa, ammirare il potere della natura. Quel giorno alla fine e' arrivato, solo che era soleggiato e con poche correnti.

Per prima cosa, io e due amiche aggregatesi per la giornata perlustriamo le strade di Misaki per pranzare. E qui ecco la prima cosa bella: il cibo. Misaki e' famosa per pesce in generale, ma in particolare per il tonno. Tutti i ristoranti servono tagli freschi di tonno, cotti o crudi, affumicati o essiccati…insomma, una festa per gli occhi e il palato. C'e' persino un posto che serve una intera testa di tonno! E, giusto per un paragone, e' più grossa della mia. Nel caso ve lo stiate chiedendo: no, non ci siamo fermate a mangiare li..ho una certa avversione a mangiare qualcosa che mi guarda dritto negli occhi.

Arrivate all'isola ci siamo intrufolate in quello che si e' rivelato essere un mausoleo del cinema: una vecchia coppia tiene un baretto abbastanza kitsch ma molto unico, i cui muri erano completamente tappezzati di locandine di film (tutti i film) e fotografie di attori vecchi e giovani, moderni e non. Il caffè ovviamente non era degno di nota, ma che volete aspettarvi da una coppia di nonnetti giapponesi in un paesino remoto? E ecco la seconda cosa bella della giornata: il signore a un certo punto ha incominciato a uscire quaderni e quaderni in cui aveva preso nota di ogni cosa, O-GNI-CO-SA!! Ci ha mostrato la lista dei 100 migliori film di tutti i tempi, i terremoti più forti in Giappone sin dal 1800, le 10 nazioni con il più alto PIL, i nomi di tutti i premi nobel, formule di fisica quantistica, i giornali più letti al mondo, i nomi di tutti gli scienziati giapponesi….insomma, mi fermo qui per non annoiarvi, ma sappiate che il nonnino e' andato avanti per quasi un'ora, tanto che ci stavamo preoccupando di non poterne uscire più. 

Alla fine siamo riuscite a liberarci e abbiamo cercato di addentrarci nel bosco. Il problema pero' era che, avendo perso un sacco di tempo per il "caffè", abbiamo dovuto ridimensionare la nostra area di esplorazione originaria perché non volevamo certo perderci il tramonto (e le onde). Quindi, invece del parco che copre la parte sud-est dell'isola, con il faro e le gallerie, dal porto abbiamo tagliato non appena abbiamo notato un sentiero che ci ha portato subito in mezzo al verde più assoluto. Abbiamo anche visto una signora che avrà avuto quasi cent'anni, piccola e curva che portava sulle spalle una cesta piena di roba. Al che abbiamo subito pensato: 1) ammazza, ma quanto e' vecchia? 2) ma che starà mai portandosi dietro? 3) veloce, dai, foto!!

Dopo aver fatto i primi metri di cammino ci siamo accorte di essere in mezzo agli orti, e quindi la vecchina di prima sicuramente stava tornando dal suo orto dopo aver raccolto la verdura. Che poi, ora che ci penso, non potrò mai capire come facciano questi a riconoscere dove sta il proprio orticello visto che non ci sono indicazioni di nessun tipo…

Comunque, dopo qualche minuto abbiamo raggiunto la costa, giusto in tempo per vedere la luce dorata del tramonto colorare tutto con toni caldi. Il lato sud di Jogashima e' spettacolare, si erge sul mare in maniera uniforme e cade a precipizio su una costa rocciosa su cui si infrangono onde e sferzano i venti (ah, il suono delle onde!). Qui, eruzioni, tempeste e mareggiate hanno dato forma alle rocce per centinaia di anni creando archi, caverne e case per i tanti molluschi che vivono tra le insenature. Più in la verso l'orizzonte si intravede la costa di Izu e il profilo del monte Fuji.

Abbiamo passato la maggior parte del tempo qui, aspettando con calma il tramonto e la mia onda.


Un'ultima cosa: assicurarsi che le lenti di macchina fotografica e smartphone siano pulite…ho fatto delle foto spettacolari con la luce del sole che squarcia l'immagine, solo per poi rendermi contro che era troppo accecante. Per via dell'alone attorno alla lente…porca miseria!