Thursday, April 28, 2016

Dog-sitting. Again. Day One.

Too much love just the first day!

I am talking about the welcome-back-home treatment that my favorite human gave me. It is now the end of the day, I am typing sitting on the sofa and he's sitting near my feet (not to say ON my feet), falling asleep with the sound of the rain. I mean this is just how the day ended!

When I arrived I was welcomed by a long stream of "where-you-been" whining, face licking, tail wagging, and jumping. After, I had like a second shadow beside me all the time. So far nothing out of the ordinary, I am news and all attentions are on me. Because by now I am well known, though, sort of family member if I may say so, the excitement over my visits is usually gone after the welcome treat. Sigh.

And again because I am well known as being the best at back rubbing, the very second thing he does is sit by me, back side, and wait for the massage. Which, mind you, is over only when he decides he's had enough and walks away selfishly...

Today my step hound must have been in a good mood (or, alternatively, in a very sad mood), so he gave me (read: he wanted) more attentions than usual: would not leave my side, played rough with me immediately after I arrived, leaving bite marks that will last for a while, came to me with his toy and demanded playtime, wasn't snubbing me whenever I asked for some cuddles or wanted to just stroke his fur, sat patiently next to my chair when I was eating dinner WITHOUT bugging me(but just watching intently), ate all his food at once.

In a word, he was happy.

I know that probably from tomorrow I am not going to be news anymore, so I will have to earn his each and every manifestations of affection. It's going to be two long weeks, in this respect, but my chances are good.

For today I am more than satisfied with all his repeated attempts to snuggle next to me, although we'll know at bedtime whether I made his day. If he spoons me, I won.

****************

Troppo affetto gia' il primo giorno!

Sto parlando del trattamento di bentornata-a-casa da perte del mio essere umano preferito. Siamo a fine giornata adesso, io scrivo seduta sul divano e lui sta seduto accanto ai miei piedi (per non dire SUI miei piedi), che si addormenta al suono della pioggia. E dico, questo e' solo come la giornata e' finita!

Quando sono arrivata sono stata salutata da una lunga scia di lamenti della serie "dove sei stata finora", salti, scodinzolii e leccate di faccia. Da li in poi era come avere una seconda ombra tutto il tempo. Ora fino a qui niente di anomalo, visto che rappresento una novita e quindi mi fa le feste. Pero', siccome ormai sa che sono praticamente parte della famiglia, di solito tutta l'euforia svanisce dopo il primo incontro.

E siccome sono per lui quella che fa i massaggi meglio di tutti, la seconda cosa che fa e' sedersi accanto a me e pretendere il suo massaggio. Che poi e' finito quando dice lui, quando si allontana con superiorita'...

Oggi pero' il mio cane adottivo deve essere stato di buon umore (o, se vogliamo, triste), perche' mi ha dedicato (leggi: ha preteso) piu' attenzioni del normale: non si allontanava da me, ha giocato a morsi e graffi non appena sono arrivata, mi ha fatto segno di voler giocare con il suo pupazzo, mi lasciava fare quando mi avvicinavo per una carezza, si e' seduto pazientemente accanto alla mia sedia mentre cenavo e NON mi ha disturbato (mi fissava e basta), e ha mangiato le sue crocchette con appetito.
Insomma, era contento.

Ora so che gia' domani non saro' piu' la novita', quindi dovro' guadagnarmi ogni singola manifestazione d'affetto. Saranno due settimane dure, per questo. Ma ho buone possibilita' di successo.

Per oggi sono gia' piu' che soddisfatta con tutti i suoi vari tentativi di accoccolarsi, anche se sappiamo bene che l'ora della nanna determinera' le sorti: se mi dorme sopra, allora ho vinto.


Tuesday, April 26, 2016

Rinshi no mori forest park

On one of my now rare visits to Tokyo center, I discovered, not too far from Meguro, Rinshi no mori park(林試の森公園). Totally a casual encounter, due to the vicinity of an art gallery I wanted to check out, representing the reason why I was in the neighbourhood. 

The exhibition was about photography, black and white pictures by Mickael Dweck (www.michaeldweck.com). I didn’t know the photographer, nor I knew his works, but in the 10 square metres room the gallery consisted of I could have a sense of his works, already. Beautiful images combining beach, surf, sea and naked bodies. Apparently, some of his photo books can cost up to US $3000!!

Done with the exhibition, I hit the park, and later at home I looked it up online to see if I could learn more about it because I loved it. Turns out I could…

The forest park was first used as a nursery, then it was used for plant research, then finally donated to the municipality and opened to the public in the late 1980’s. Now, the research activity was the main cause of why the park features so many different trees and plants: the aim was nothing sci-fi, rather to simply grow various tree and grass species from Japan and especially overseas (some 50 or so species) to monitor their growth and adaptation to the environment. Thankfully, all trees were left behind when the research was finished. So now in the forest one can see several species each of oaks, cypresses, pine trees, zelkoovas, camphor trees, and many more, all tall and huge. Each tree is labeled with name and origin, and around the park are also signs about birds and insects and other animals that call the park home. 

It looks like the forest park is also used (upon reservation) as a camping space for school children, so to expose them to the wild nature and let them experience life in a campground, where one can cook, explore and learn about nature. Go figure.

In the center of the park there’s a small pond where turtles and carps swim undisturbed, and actually flocking the deck side waiting for people to feed them. There is no real area dedicated to picnics and cherry blossom viewing, I mean flat grassy grounds, like in other parks in town, but I guess Rinshi no mori was never meant to be THE cherry blossom viewing spot…however, several large areas of flat and open ground are dedicated to activities for both children and adults. There are even two playgrounds, one of which is a sort of mini adventure park, and it was so cool I confess I wanted to play there too.

Another great attraction, only available during summer months is the splash pool, where kids can bathe and stay wet for as long as they like, playing around the water pipes and ponds. This time of the year the pond was still dry and dirty, but I bet it will soon be brought to shine and used again.
I was really impressed by the charm of the park, it’s not that popular, it’s not that central, but it is still in the middle of the city and as quiet as a tomb when it comes to hearing traffic noises. 

Glad to have been there, especially glad that I was in company of a couple of good friends to enjoy the beautiful day together. We spent hours just sitting under a tree, eating and chatting. I bet the park keeps cool even in the heat of summer. 

Now I have a place to run to when the dreadful Japanese summer comes.

************

In una delle mie ormai rare visite in città, ho scoperto, non molto lontano da Meguro, il parco Rinshi no mori (林試の森公園). E’ stata una casualità a dire il vero, proprio perché il parco si trovava a due passi da una galleria d’arte che mi interessava. 

La mostra era su un artista, Mickael Dweck (www.michaeldweck.com), che non conoscevo ma che ho molto apprezzato quando ho visto le sue foto, opere in bianco e nero di mare, surf e sole. A quanto pare, i suoi libri di fotografia possono arrivare a costare più di 3000 dollari!

Dopo aver finito con la mostra, mi dirigo al parco e poi dopo a casa ho cercato maggiori informazioni sul parco visto che mi e’ proprio piaciuto.

Allora, un tempo il parco era una nursery, poi utilizzato per delle ricerche e poi alla fine donato alla città e aperto al pubblico alla fine degli anni 80. Questa ricerca ora non e’ nulla di speciale, bensi’ solo piantare e far crescere vari tipi di alberi giapponesi e non circa una cinquantina di specie provenienti dall’estero) per capire se tali piante potessero adattarsi all’ambiente circostante. Per fortuna, dopo che la ricerca e’ stata conclusa, gli alberi sono rimasti nel parco cosi che oggi si possono ammirare varie specie di quercia, cipresso, pino, eccetera eccetera, tutti alberi altissimi e enormi. Poi ogni pianta e’ etichettata con nome e provenienza, e in giro per il parco si trovano anche tabelle dove sono elencati tutti gli animali e insetti e uccelli che abitano li’. 

Pare anche che questa foresta sia utilizzabile (previa prenotazione) come campeggio per i bambini delle scuole cosi che possano imparare qualcosa sulla vita da campeggio, come fare un falò, come cavarsela in mezzo ai boschi. Vai a sapere.

In mezzo al parco c’e’ un piccolo laghetto dove si trovano carpe e tartarughe, pigre e sempre accalcate vicino la pedana di osservazione cosi da acchiappare qualche mollica che arriva dalle persone che si fermano a osservarle. Non c’e’ pero’ una vera e propria area dedicata ai picnic, spiazzi di prato su cui sedere come invece si trova in altri parchi, ma alla fine non penso che questo parco qui fosse stato pensato per essere in assoluto il posto per queste cose….comunque, spiazzi ampi ce ne sono ma sono più che altro per gioco e sport vari. Ci sono anche vari parchi giochi, uno dei quali sembra una sorta di mini avventura, bello a tal punto che anche a me non sarebbe dispiaciuto giocarci.

Un’altra attrazione, soprattutto per i ragazzini, ma che e’ disponibile solo in estate, e’ una piscina in cui i bambini si divertono a tuffarsi e giocare per ore. Ancora non e’ in funzione, ma sono sicura che preso sara’ messo in funzione, ripulito e pronto per tuffi e spruzzi.

Devo proprio dire che questo parco-foresta ha il suo fascino, e poi nonostante non sia poi proprio centrale, e’ comunque in mezzo alla città e da li non si sente per nulla il rumore del traffico circostante. Sono proprio contenta di essere stata li, soprattutto perché ero in compagnia di due buoni amici. Ci siamo infatti intrattenuti per ore a passeggiare, chiacchierare e mangiare all’ombra degli alti cipressi. 

Scommetto che anche nel picco dell’estate questo parco rimane fresco..mi sa che so dove rifugiarmi quando la calura diventerà insopportabile.







Sunday, April 24, 2016

Lethargy - temporary or chronic?

The writer’s creative block continues. These are times of very low intellectual stimulation and very low activity of any kind. 

A habit is forming, though: the middle-week aperitif. Usually it’s myself, an Italian and a Spanish girl friends, we get together on Wednesdays at our favorite local bar to bitch about work-life balance and all other topics that require some talking through, not to mention that we support each other when we’re down. We needed a way to de-stress and rewire, and we long for the meeting day, seen also as a great way to break the week.

Other than that, nothing else much is going on. Work keeps its strong hold on me, stress levels fluctuate between high and very high, extra activities are limited to a volleyball game among coworkers or a jog after work once in a while…at least now that even the late cherry trees have finally bloomed, we can confidently say that spring is in full swing, it’s getting warmer and days are getting longer, so there is hope for more sports, more outdoor activities and more energy.

Also, I have just renewed my contract for one more year. My tenth. Who would have thought. I wonder whether the day I can break the evil cycle will come. 

The road to my personal goal is long and challenging, now more than ever, and at times I feel I won’t make it. I can’t put my thoughts together, I can’t understand the meaning of this, I am disoriented and running on low energy supply once again. April is the month we begin a new work year, when we set our goals and mull over the past achievements to try and do better. My goals were set, with some compromise here and some concessions there, no winners no losers. There is only exhaustion and vexation. 

I will soon take a break, thought, a very much needed break. The Japanese golden week is approaching, this year in particular representing indeed a golden opportunity to bridge across three holiday weekends and turn them into a nearly two-weeks vacation. It will be a stay-cation again, and, you already guessed well, I am soon moving to my second home to spend more or less two weeks with my favorite human. Two weeks of healthy lifestyle, bike rides and park runs with the company of a pair of alert pointy ears and a curious wet nose. More importantly, it will be two weeks without having to wake up to go to work. God bless. Hopefully I will have some chances to discover great restaurants and cafes in the neighbourhood, ideally pet-friendly, so that I can take my book and my loyal friend with me and chill for a few hours. 

Who needs the Bahamas! 
No wait…can I take the dog with me?

**************

Il blocco dell’artista continua. Questi sono tempi di scarsa stimolazione intellettuale e in generale di poche attività.

Pero’ e’ anche vero che c’e’ un’abitudine che pare stia prendendo piede: aperitivo infrasettimanale. Siamo di solito io, un’amica italiana e una spagnola che ci riuniamo di mercoledì per trovarci al nostro bar preferito per parlare di rapporto lavoro-svago e di qualsiasi altra cosa che richiede discussioni, per non parlare poi di quando ci tiriamo su a vicenda. Di fatto ci voleva un modo per scrollarsi di dosso lo stress e poi anche per spezzare la settimana, e noi non vediamo l’ora che arrivi il giorno.

A parte quello pero’, non c’e’ altro di nuovo. Il lavoro e’ sempre in agguato, con i livelli di stress che fluttuano tra alto e molto alto, le uniche attività extra-lavorative sono occasionali partite di pallavolo con colleghi e corsa la sera…per lo meno ora che anche i ciliegi più tardivi hanno fiorito, possiamo ben dire che la primavera e’ qui, le giornate si fanno lunghe e tiepide, e quindi posso sperare in un po’ più di sport, di attività all’aria aperta e di più energia.

Poi, ho rinnovato il mio contratto per un altro anno. Il decimo. E chi lo avrebbe mai detto. Chissà se un giorno riuscirò a rompere questo circolo vizioso.

La via verso il mio obiettivo e’ lunga e irta, ora più che mai, e spesso penso di non farcela. Non riesco a raccogliere i miei pensieri, non riesco a capire, mi ritrovo disorientata e con le riserve energetiche ai minimi storici nuovamente. Aprile e’ il mese in cui si incomincia l’anno lavorativo, quando ci prefiggiamo gli obiettivi e ripensiamo a cosa abbiamo fatto in passato per cercare di far meglio. Gli obiettivi li ho fissati, alcuni compromessi qui e qualche concessione li, senza vincitori ne’ vinti. Per ora c’e’ solo affaticamento e fastidio.


Pero’ pero’, presto potrà prendermi una pausa molto ma molto necessaria. Sta per arrivare la golden week, e quest’anno in particolare e’ davvero un’occasione d’oro per fare un ponte lungo due settimane. Faro’ di nuovo vacanze a casa, e non la mia casa, dico, infatti saro’ di nuovo a prendermi cura del mio animale essere umano preferito. Saranno due settimane di vita salutare, di giri in bici e di passeggiate al parco, sempre in compagnia di un paio di orecchie a punta e un naso curioso. Ma la cosa più importante e’ che saranno due settimane senza doversi svegliare la mattina col pensiero di andare al lavoro. Evviva. E si spera che avrò la fortuna di trovare dei bei ristoranti o bar dove poter portare il cane cosi da rilassarmi di fronte a un libro e qualcosa di buono da sorseggiare. 

Chi ha bisogno delle Bahamas! 
Anzi, no aspetta….posso portare il cane?


Saturday, April 23, 2016

Wanwan carnival - aka dog festival

Over the years I have been revising my understanding about the Japanese love for their pets, as I have witnessed several unusual and exotic human-animal pairs. I was aware of cats on a leash, rabbits and ferrets, guinea pigs taken out for a walk in the park and even lab rats. I mean, those are, somewhat, normal.

But then I started seeing squirrel monkeys, owls and, recently (read the story below) even meerkats!! And, okay, many people out there have a fancy for tigers, cougars, poisonous snakes, whatever wild animal, but…they are kept in cages in those people’s homes! Unfair and cruel, true, not to say dangerous in case they manage to escape. Instead, people here choose their pets to later take them out on a leash.

Last weekend I braved Yoyogi park, the biggest and best spot for seeing and being seen by people you know. I did not go to the park for the cherry blossom, which is history already, but simply because I found myself in the area for other reasons. Regarding the picnics, this year I gracefully succeeded in avoiding the big gatherings that are usually arranged during cherry blossom days. You all know how much I like crowded (over-crowded) places…I also received a great help from the weather being very random, lately, and cold.

Anyway, there I was, heading to the park for a so much needed immersion in nature on a warm day, when I accidentally walked through what looked a pet-centered event (wanwan carnival, in fact, where wanwan is the cute onomatopoetic name for dogs): stands with pet goods and foods, toys, clothes (yes, clothes for your four-legged baby), strollers and all sorts of cosmetic treatments (still for your four-legged baby), yapping pimped little dogs, lots of them. I thought I was in a nightmare, and I guess no one can understand it unless they’ve lived in Japan and seen what the Japanese do to and for their pets… see here.

Together with proud and loving dog owners, a meerkat owner was sitting there, his pet on a leash and dressed with some sort of clothes, standing on its back legs apparently posing for the zillion people who were wandering around the event’s area.

I don’t want to know how felt that poor owl forced to stay awake in the middle of the day near its owner (as you may know, owls are nocturnal predatory birds), or that poor meerkat in a costume…or even that poor fluffy dog in a beret and suspenders ready to be taken to a photo shooting!!!

I immediately thought of my friend’s dog, that if only I could have taken him there on that day he’d think he’s in disneyland: lots of tiny annoying little doggies and each of them being a chase-and-kill opportunity…

***********

In questi anni ho dovuto rivisitare le mie conoscenze riguardo ai giapponesi e il loro amore per gli animali da compagnia, visto che ho avuto modo di vedere le più inusuali coppie uomo-animale. Uno oramai si aspetta un po’di gatti, conigli e anche criceti al guinzaglio…ma poi uno vede anche scimmiette, gufi e, recentemente, addirittura manguste! Ora, so che ci sono anche persone che si gongolano nel possedere tigri, pitoni o altri animali ancora più esotici, ma almeno quelli non vanno in giro al guinzaglio. Certo, cosa crudele e pericolosa, nel caso queste bestie riescano a scappare dalle loro gabbie, ma pur sempre esistente. Invece qui la gente si sceglie gli animali cosi che li può portare a spasso.

Il fine settimana scorso sono andata al parco Yoyogi, che e’ il posto più grande e decisamente quello migliore per incontrare persone che si conoscono, nel senso che si incontra sempre qualcuno che si conosce ogni volta che uno va. Non sono certo andata al parco per i fiori di ciliegio, che ormai sono storia passata, ma semplicemente perché mi trovavo nei dintorni per tutte altre ragioni. Per quanto riguarda invece gli appuntamenti primaverili da picnic, diciamo che sono riuscita elegantemente a evitarli dal primo all’ultimo quest’anno. Tutti sanno bene quanto io ami i posti affollati…e in mio aiuto e’ accorso anche il tempo, che e’ stato proprio imprevedibile e decisamente freddo.

In ogni caso, mi dirigevo al parco quando mi sono imbattuta in quello che sembrava un evento tutto centrato sui cani (difatti si chiamava wanwan carnival, dove wanwan e’ il nome onomatopeico dato ai cani): bancarelle con ogni sorta di oggetti e cibo per cani, giochini, vestiti, si si vestiti per gli amici a quattro zampe, passeggini e vari trattamenti cosmetici, poi una miriade di cagnolini piccoli e fastidiosi. Pensavo di essere in un incubo, e per capirmi penso che prima bisogna vivere qui e rendersi conto di quello che i giapponesi sono capaci per i loro animali domestici…(qui)

Assieme a padroni orgogliosi e amorevoli, ci stava pure un signore con la sua mangusta che se ne stava li su due zampe, vestita di tutto punto, mentre tutti i passanti si fermavano per fotografarla.
Davvero, non posso pensare a come possa essersi sentito quel gufo (vi ricordo che i gufi sono uccelli rapaci notturni), o quella povera mangusta…o persino quel povero cagnolino in bretelle e coppola pronto per un servizio fotografico!

E non ho potuto non pensare al mio cane adottivo, che se solo lo avessi portato li quel giorno, avrebbe pensato di essere a disneyland, con un sacco di cagnolini fastidiosi ognuno rappresentante una perfetta occasione di caccia alla preda…





Monday, April 11, 2016

The good and bad of cooking classes

My cooking classes are losing popularity, I think. To begin with, I know I am not offering as many of them as I would like. But while before I always held a fully booked class, with additional requests to hold more classes, now I barely reach the minimum required. Maybe it is just a period when everybody is more interested in going out and do what 30 other million people do: hanami, or cherry blossom viewing.

And then it gets even worse when somebody cancels last minute…

I went ahead with a one-to-two class that was supposed to have 3 students minimum (although normally I fix the minimum as 2 persons), just because I felt too bad in having to cancel on two people and, especially, because I am not sure I will propose this menu again. There I was, spending all morning to find all ingredients for the class, spending all afternoon to set up, and then I receive the notice of cancelation by one of the two students. Bummer….Maybe I should have just canceled after all. But of course the class had to go on, so the one who showed up had perhaps the best learning experience of all: private class, a lot of extra food to bring back home, a few more extra treats and hopefully a positive opinion about the whole thing!

She, my student, didn’t know that I spent the morning to slaughter fish…a task I hate to be honest. Not much because of the sight of blood and guts, but because of the bad smell that inevitably permeates every surface and kitchen tool. And that’s an irony, really, that in the country of already-cleaned, already-deboned, already-packaged, I -for crying out loud- I couldn’t find sardines that were cleaned and ready to cook on the day! To spare you the gruesome details, let’s just say I had to submerge my entire flat in bleach in order to kill the stench of disemboweled fish. At the same time cursing myself for having picked a recipe that uses sardines.

All that mess for just one student…

Fortunately I knew the person who attended the class, as she also attended all my previous ones, so the one-to-one lesson wasn’t that awkward. She could basically cook together with me, we chatted about a lot of random things the entire time and, according to what she said, she spent a good evening. “Lucky me!” she said. Well, yes, also lucky me I say, because I know it would have not gone that smooth if it were a different person. Having only one student is like playing Russian roulette, it can go well or it can go wrong. Especially because breaking the ice is not so easy when two completely different cultures are made interact and when the parties don’t know each other. Also, one can’t be too friendly or too professional. Defining the middle ground can be difficult.

A positive outcome of having to teach to one person is that the time required to prepare everything shrinks considerably. In the 4 hours I planned, we managed to prepare and cook all the 6 dishes of the menu (yes, a lengthy one) and finished perfectly on time! Had I taught to more people, I would have had to decide what to cook ahead, and then just quickly explain how I had done it.

My proposed spring menu consisted of the infamous sardine rolls, a cold pasta salad, frittata with zucchini, stuffed mushrooms, smoked salmon and avocado sandwich and fresh fruit. All dishes that can be eaten even cold, and can easily be brought to a picnic. After all, this class was thought to give lunch box enthusiasts a chance to prepare their meal-to-go during these days of cherry blossom. The menu idea was born after the project I took part in, not long ago HERE.

Next time, frozen shrimps! And fries!

***************

Le mie lezioni di cucina stanno perdendo popolarità. Intanto so che non ne faccio tante come dovrei (o vorrei), ma mentre prima avevo un gruppo pieno ora raggiungo a malapena il numero minimo di partecipanti. Forse e’ solo per colpa del periodo, visto che al momento sono tutti presi da quello circa 30 milioni di persone fanno: ammirare i fiori di ciliegio.

E poi le cose si aggravano quando qualcuno annulla all’ultimo minuto…

Ho comunque deciso di continuare con una classe per due, pensata per minimo tre studenti (anche se di solito il mio minimo e’ due), solo perché mi sembrava brutto dover annullare e anche perché, soprattutto, non so se riuscirò a riproporre questo menu di nuovo. E cosi eccomi li a passare la mattinata per cercare gli ingredienti necessari, e tutto il pomeriggio a organizzare per poi ricevere la comunicazione che una delle due studenti non ce la fa…porca miseria, forse era proprio il caso di annullarla questa volta! Ma invece no, lo spettacolo deve continuare, e quindi l’unica che si e’ presentata penso abbia avuto la migliore esperienza in assoluto: lezione privata, un sacco di avanzi da portare a casa, alcuni trattamenti speciali e, si spera, un’opinione positiva!

Lei, la mia studente, pero’ non sapeva che ho passato tutta la mattinata a pulire pesce…una cosa che a dire il vero non sopporto. Non tanto per la vista delle interiora, quanto per la puzza che permea tutto. E poi questo e’ proprio ironico, che nel pese del tutto-pulito, tutto-diliscato, tutto-impacchettato io non trovi sardine gia belle e pronte! Vi risparmio i dettagli truci, e vi dico solo che poi ho praticamente fatto un bagno di candeggina alla cucina per sperare di togliere il puzzo di pesce sventrato. E allo stesso tempo mi sono mandata a quel paese per la scelta della ricetta con sardine.

E comunque, tutto sto gran casino per una sola persona…

La cosa buona e’ stata che la conoscevo gia, visto che e’ stata a tutte le mie lezioni passate, quindi la lezione non era poi tanto strana. Abbiamo praticamente cucinato assieme e abbiamo chiacchierato del più e del meno per tutto il tempo. Mi dice che e’ stata fortunata a essere l’unica, e io penso che sono stata fortunata ad avere lei…fosse stata un’altra sarebbe andata diversamente credo. Fare lezione a una persona sola e’ un po’ una roulette russa, che non si sa mai come va. In particolare in casi in cui rompere il ghiaccio e’ reso ancora più complicato dalle differenze culturali e dal fatto che non ci si conosce. E poi non si sa mai quanto si debba essere distaccati o calorosi. Insomma, trovare l’equilibrio non e’ facile.

Un’altra cosa buona di questa lezione privata e’ che il tempo per preparare tutto basta e avanza. Nelle quattro ore dedicate alla lezione, abbiamo preparato da zero tutte e sei le ricette (menu lungo stavolta) e abbiamo pure finito in perfetto orario. Fossimo stati di più, avrei dovuto preparare qualcosa prima e poi semplicemente spiegare come fare.

Il menu che ho proposto si componeva delle malfamate sardine, una insalata di pasta, panini con avocado e salmone, funghi ripieni, frittata di zucchine e frutta. Sono tutti piatti che possono essere mangiati anche freddi, e che si prestano quindi bene per un picnic. Dopo tutto questo menu e’ stato pensato per gli entusiasti del cibo da asporto che possono cosi preparare il loro pranzo e portarselo con se in questi giorni di primavera. L’idea e’ scaturita dal progetto con Yahoo Japan a cui ho preso parte non molto tempo fa QUI.

E comunque, la prossima volta calamari surgelati e patatine!



Wednesday, March 30, 2016

March, native language and watering holes - one month recap

“Inelegantly, and without my consent, time passed.” 
― Miranda July

Yes, inelegantly and without my consent March passed. Thee days all christians celebrate Easter, whereas all Japanese and Japan residents celebrate cherry blossom rain or shine. Blossoms are not quite there yet, and in fact forecasts put the peak of blooming around early April, but hanami (flower viewing) parties are in full swing as soon as the first flower makes its timid move into this world. I had a jog over the weekend and I noticed all big cherry trees along the path just waiting for a few consecutive days of stable, warm weather to pop those flowers open.

March went by in a heartbeat, its last two weeks being a series of insanely busy days, one after another without a break in the middle. The results of this time free-fall are still visible on and around me: a messy apartment, sad and cold plants, an empty fridge, no sport whatsoever (I had the first run since autumn just last weekend), no writing and no more boots! I had my feet soaked wet a few times in the rain, and yet I haven’t managed to buy a new pair of rain boots! Tell me about time flying…

In addition, March left me tired…it could be because of the changing of the season, or it could be because of a chronic exhaustion my job has brought me into, or the emotional fatigue that saying goodbye to friends brings, it could be the drinking and eating out EVERY night. And, heh, it could also be because I’ve spoken the most Italian in this month (not even! 10 days only!) than in my 9 years here in Japan!

For nearly two weeks I played as tourist guide for several people all coming from Italy and taking advantage of the super convenient vacation packages to Japan this time around. Friends, or friends of friends, or relatives of friends, I’ve met them all. And I’ve guided them all, evening after evening, through the eateries and watering holes of the metropolis.

I then had a short break from my native, now sloppy language and dedicated my attentions to my favorite human (I mean my adopted wolf). It was a much needed vocabulary switch, given that the challenge it’s not over yet. The most awaited for, and possibly the most entertaining of all couple of friends is just arrived in town. And after their departure I am pretty sure I won’t need to speak Italian for many years to come.

So now greetings in greetings out, drinking in drinking out, the month has come to an end. New people have come to Japan, old friends have visited Japan, good friends have left Japan behind (and left huge emptiness in the hearts of those who stay), green leaves have started to grow again on trees, bunnies have hidden all chocolate eggs. It is now time for regeneration, renovation and a fresh start.

And hopefully it will all happen elegantly, and with my consent.

**********

In maniera poco elegante e senza il mio consenso, il tempo e’ passato. In questi giorni i cristiani celebrano la pasqua, mentre i giapponesi e i residenti in Giappone celebrano la fioritura dei ciliegi, con o senza sole. Non ci siamo ancora, difatti le previsioni danno l’apice della fioritura verso inizio Aprile, eppure i picnic all’ombra dei ciliegi qui iniziano non appena il primo fiore fa la sua timida apparizione in questo mondo. Nel fine settimana durante la mia corsa ho visto che ormai i boccioli stanno per esplodere e hanno solo bisogno di un paio di giorni consecutivi di caldo e tempo stabile.

Il mese di marzo e’ volato, davvero, e in particolare le ultime due settimane sono state praticamente una serie ininterrotta di giorni pieni. I risultati di tale caduta libera sono visibili su e attorno a me: una casa nel caos, piante tristi e infreddolite, frigo sempre vuoto, niente tempo per fare sport (appunto, la mia prima corsa dall’autunno e’ stata qualche giorno fa), niente tempo per scrivere e niente stivali!! Gia un paio di volte mi si sono inzuppati i piedi nella pioggia eppure non ho ancora potuto prendere un paio di stivali da pioggia nuovi! Quando si dice proprio che il tempo vola…

In aggiunta, Marzo mi ha lasciata stanca…sara’ per il cambio di stagione, o sara’ per via dell’affaticamento cronico che il lavoro mi causa, o la stanchezza emozionale che il salutare gli amici che partono inevitabilmente mi assale, o può anche essere tutto quel bere e mangiare OGNI sera. E forse può anche dipendere dal fatto che ho parlato più italiano in 2 settimane (anche meno, direi appena 10 giorni) che in 9 anni in Giappone.

Per circa due settimane ho infatti fatto la guida turistica per varie persone che si sono regalate un viaggio a Tokyo, grazie anche alle offerte vantaggiose che si trovano questo periodo dell’anno. Amici, parenti di amici, amici di amici, insomma li ho incontrati tutti e li ho guidati tutti, sera dopo sera, attraverso le bettole e locali della metropoli.

Poi ho avuto una brevissima pausa dalla mia lingua nativa oramai dimenticata e ho dedicato le mie attenzioni al mio essere umano preferito (cioè il mio cane adottivo). CI voleva proprio un cambio del vocabolario, anche perché la sfida italiana non e’ ancora finita. La coppia più attesa, e forse la più divertente, si trova in città proprio in questi giorni. E dopo la loro partenza credo che non avrò più bisogno di parlare italiano per anni.


E quindi, saluti dopo saluti, bevute dopo bevute, il mese e’ giunto al termine. Nuove persone sono arrivate in Giappone, vecchi amici hanno visitato, buoni amici hanno deciso di cambiare paese (lasciando un vuoto immenso nei cuori di chi resta), gli alberi stanno mettendo le nuove foglie, e i coniglietti hanno gia nascosto le uova di cioccolato. Ora e’ tempo di rinnovamento e di nuovi inizi. 

E si spera che stavolta avvenga in maniera elegante, e col mio consenso.


Tuesday, March 29, 2016

Easter has come to Japan

Breaking news! Easter has reached Japan!

Those of you who don’t know, should know a couple key facts: Japan marketing strategies are the most convincing of all, meaning that a product is advertised in so many possible ways that customers have no choice but get it; Japan has adopted a lot of religious and non religious celebrations from several other countries, as long as they make people spend money; Japan events calendar has celebrations for all.

Now, of all the possible celebrations, of all money making events worth adopting, Easter wasn’t one of them. And I can’t understand why it has taken so long for it to stick, after all it’s got all the elements industry loves: chocolate, presents, sweets, special dishes, happiness wishes (my favorite is and always be “happy merry christmas”). Perhaps because White day falls around the same time of the year, and right after is the cherry blossom, easter risked to be shadowed by those two major, and very Japanese indeed, events…but I don’t buy it. There is something going on on a monthly basis here, so I don’t really think a busy calendar is all it takes to prevent another feast from happening.

Anyway, this year was not the case. This year Easter was not just a Disneyland matter. This year chocolate eggs (mini size), easter bunnies, easter candies, easter ice cream, easter cakes, easter meals and the whole shebang have hit the market. It was about time…I don’t mean it because I wanted to celebrate it -I actually can’t care the less- but I mean it was about time that the Japanese marketing experts saw its potential.

As it happens with all other adopted festivities, Easter is stripped from any original meaning, and out if its proper context has no appeal. Those who believe, instead, can indulge in traditions without having to go out of their ways (international deliveries, online shopping and so on). I remember that it was also difficult to get panettone around Christmas time, but then became common. I want to see now how long it will take for the easter cake (called colomba, aka ‘dove’) to make a steady appearance in stores. 

No wait. I don’t think I want to wait that long. Mum, just send me that cake!

********************

Notizia bomba! La pasqua ha raggiunto il Giappone!

Per quelli tra di voi che non sanno molto, eccovi un paio di fatti salienti: le strategie di marketing in Giappone sono le più convincenti in assoluto, nel senso che un prodotto e’ pubblicizzato cosi tanto che la gente non ha altra scelta che comprarlo; il Giappone ha adottato praticamente tutte le ricorrenze religiose e non di vari paesi, basta che portano soldi; il calendario giapponese ingloba feste per tutti.

Ora, di tutte queste possibili ricorrenze, di tutti questi avvenimenti che fanno spendere e spandere, la Pasqua non si annoverava tra questi. E a dire il vero non capisco il perché visto che ha tutti gli elementi che l’industria del consumo ama: cioccolata, regali, dolci, piatti speciali, auguri di buone feste. Forse visto che il White Day cade proprio intorno allo stesso periodo, e poi subito dopo c’e’ la fioritura dei ciliegi, mi sa che la Pasqua e’ stata sempre un po’ in ombra al cospetto di questi due eventi tipicamente e prettamente giapponesi…ma no no non la bevo. Dico, ogni mese c’e’ sempre qualcosa qui, quindi non credo che sia solo un calendario fitto che limita l’arrivo di un’altra festività. No, no.

In ogni caso, quest’anno non e’ stato cosi. Quest’anno la Pasqua non e’ stata solo una cosa di Disneyland. Quest’anno le uova di cioccolato (seppur mini), i coniglietti, il gelato, le torte e i dolci, i piatti di pasqua, e tutto sono finalmente arrivati. Ed era ora. Non lo dico perché cosi uno si sente più ispirato a festeggiare -non me ne può fregare di meno a essere sincera- ma perché’ mi pareva fosse arrivata l’ora che gli esperti delle vendite ne carpissero il potenziale.

Come capita pero’ con tutte le altre feste adottate, la Pasqua e’ spogliata di ogni significato originale e quindi non e’ che sia poi tanto sentita al di fuori del suo contesto. Quelli che invece ci credono finalmente possono abbandonarsi alle tradizioni senza rompersi il collo per trovare quello di cui hanno bisogno (tipo le spedizioni da casa o acquisti su internet). Mi ricordo che prima era difficile anche trovare il panettone per Natale, mentre ora e’ diventato facilissimo. Voglio proprio vedere quanto ci metterà la colomba pasquale a diventare una presenza fissa nei banconi. 

No anzi no, non mi va di aspettare. Mamma, mandamene una!!!




Friday, March 18, 2016

Make me a bento, please!

Something new happened at Cucina Marina, something fun: this girl was one of the 10 selected cooking teachers to participate in a collaboration between (Tadaku) (the cooking website) and Yahoo Japan.

The idea behind the collaboration is about two things proverbially very dear to the Japanese, the cherry blossom season and food. Around the end of March, the bloom factor will be at its peak here in Tokyo, and fervent preparations are already happening for the Japanese not to be disappointed: forecast, best spots, travel packages, special offers and all. As to how to combine the above mentioned two important aspects of Japanese culture, Yahoo thought to ask some food professionals and the “Hanami Bento” project was born. Basically, since people always bring their own lunch boxes (bento) to the park to see the cherry blossom, then why not creating a limited edition, special series of lunch boxes prepared by non-Japanese?

Here is where I and the other 9 Tadaku cooking experts come into the picture. We think of a few dishes from our own countries that we can fit in a bento, we show how they’re done and we promote them on the Yahoo Japan website.

But the true experience is shooting the bento preparation when a team of 3 to 6 people take photos, ask questions and arrange the food in the cook’s kitchen. So on the day of the shooting, my living room is turned into a studio filled with umbrellas, spotlights, fake white walls, kick-ass cameras, bags with all sorts of equipment. Cool.

I picked a set of 6 different dishes to fit into the lunch box. Of those, two were chosen for a step-by-step documentary, so that I had to basically do like what we see in the cooking shows on TV like spreading the ingredients on the table, then slowly mixing them, stopping here and there during the process to allow the photographer to take a shot of a critical passage (ポイント - point, in Japanese) and then arranging the food on a nice plate for a final photo. After going through all the cooking steps, we finish off by taking the pictures of all other dishes that were prepared in advance, and eventually we get to the moment of arranging everything together in the bento. It wasn’t easy. Or at least, it wasn’t as easy as I thought. But thanks to the expert eyes of the Tadaku and Yahoo Japan people, the final result was beyond great.

On a side note, watching commercials and ads about food is one thing, but watching how it’s done is another thing. I mean, I know well how much emphasis (Intenshity!! More intenshity!) is used when trying to sell a product…I know how good the Japanese are with their promotions and publicity and all. But seriously, I was there, preparing the food, finishing it, putting on the plate and watching the guy taking pictures of it…I saw the real food, alright? And yet, watching the same thing through the camera…..whoa! Stuff looked like it came out from one of those 3 stars Michelin restaurants in NYC!! I just could not believe I was behind those dishes…

Anyway, going back to the promotion, there is a web page featuring all you need to know for the upcoming cherry blossom days (here), and there is also a page featuring the 10 cooks (here) and their proposed lunch boxes (posing in rather funny moves to catch all readers’ attentions) you can browse and giggle about.

***************

Qualcosa di nuovo e’ successo a Cucina Marina, qualcosa di divertente: la sottoscritta e’ stata una dei 10 insegnanti di cucina selezionati per partecipare a una collaborazione tra (Tadaku) (il sito di cucina) e Yahoo Japan.

L’idea dietro alla collaborazione riguarda tue cose molto molto care ai Giapponesi, i ciliegi in fiore e il cibo. Verso la fine di marzo a Tokyo si dovrebbe raggiungere il picco della fioritura e quindi i preparativi fervono più che mai per non lasciare delusi i giapponesi: previsioni, suggerimenti dei posti migliori, pacchetti viaggio, offerte speciali e tutto relativo al fenomeno. Per combinare i due aspetti culturali sopra citati, questi grandi furbacchioni di Yahoo Japan hanno avuto l’idea di interagire con i professionisti del cibo e cosi e’ nato il progetto “Hanami Bento”. In pratica, visto che la gente si porta sempre dietro il pranzo (bento) quando va al parco durante la primavera, allora perché non creare una edizione limitata di questi bento con una serie speciale di ricette preparate da non giapponesi?

E qui e’ dove io e altri 9 esperti cuochi di Tadaku facciamo la nostra apparizione. Pensiamo a alcuni piatti della nostra tradizione culinaria che possano sposarsi bene con l’idea del pranzo a sacco, facciamo vedere come si preparano e poi vengono promossi nel sito di Yahoo Japan. Ora, la vera esperienza e’ quando si documenta il processo, da 3 a 6 persone vengono a casa per fare foto, prendere appunti, fare domande eccetera.E quindi il giorno fissato per le foto, casa mi si trasforma in uno studio fotografico con ombrellini per la luce, faresti e punti luce, pannelli bianchi, macchine fotografiche spaziali e tanto altro. Fichissimo, insomma.

Ho scelto sei piatti diversi da arrangiare nel bento. Di questi, due sono stati scelti per ricette passo-per-passo, e devo dire che sembrava proprio essere in uno di quei programmi di cucina dove prima il cuoco mostra gli ingredienti, poi prepara il piatto mentre si prendono foto dei vari passaggi critici (ポイント - point, in giapponese), e poi serve il tutto su un bel piatto da portata. Dopo che abbiamo finito con le ricette illustrate facciamo anche le foto ai restanti piatti e poi arriva alla fine il momento in cui tutto va sistemato all’interno del bento. Non e’ stato facile, o almeno non cosi facile come pensavo. Ma grazie all’esperienza dei ragazzi di Tadaku e il fotografo di Yahoo Japan il risultato e’ stato spettacolare.

Ora, come commento esterno, devo dire che guardare le pubblicità in televisione e’ una cosa, esservi dentro e’ un’altra. Nel senso che so bene quanta enfasi viene data qui alla pubblicità di un prodotto, so bene quanto attenti e bravi sono i giapponesi nelle loro strategie di vendita, pero’, dico, io stavo li davanti, ho cucinato, ho sistemato tutto nei piatti e ho visto il fotografo in azione. Cioè, ho visto il piatto vero, va bene? E poi ho visto la stessa cosa in foto. Oh, tutta un’altra storia, come se quei piatti fossero usciti da un ristorante 3 stelle Michelin. Semplicemente non ci ho creduto, non e’ possibile che ci fosse la mia mano dietro a quei piatti…

Comunque, per tornare alla promozione, c’e’ una pagina web con tutto quello che c’e’ da sapere sulla imminente fioritura (qui) e poi anche una pagina con i 10 cuochi e le loro proposte picnic (qui). Buon divertimento.






Sunday, March 13, 2016

Lifestyle - Bento お弁当

It’s been a while since our last appointment with the saga “Lifestyle”…

I thought I had covered all aspects of the Japanese lifestyle, even more than that, when something I did recently made me realise I left one episode out. It was when I collaborated with Yahoo Japan to prepare a lunch box, that it occurred to me: this time I introduce you to the concept of 弁当 (bento), or lunch box.

Somehow, in every culture we see a common theme to bringing one’s own lunch. In the old times it was maybe a cloth wrapped around some bread and cheese, nowadays is the sandwich or some junk food chains paper bag with chips and burgers.

But lunch boxes in Japan have evolved to a different level, they are not just mere food containers, they are not just tupperware…they are stylish pieces of art. They come in ceramic, wood, all-in-one containers with compartments or stacked containers, even the plastic ones are nicely shaped and decorated, with fancy bands to seal them and accompanying set of chopsticks to go with, they are themed with movie or cartoon character, they are for kids and adults…they look so pretty that I want to buy and collect them all, even if I don’t really use them.

I believe lunch boxes in Japan must have existed longer than in any other place. Or, at least, their use was dropped elsewhere (and then only recently picked up again) but in Japan, where it continued and flourished. Maybe even went beyond the original purpose: the bento tradition, once restricted to mothers or wives preparing food-to-go packaging for children or husbands, went broader and hit the market. In grocery stores and supermarkets, plastic containers of all sizes and shapes are up for grabs on the shelves. There even are whole shops (and shop chains) dedicated to bento, where you enter, take the food you like from the trays or order it at the counter, put all in a plastic container and here you are, your lunch box is ready.

Be it for your lunch, your picnic, your dinner, your quick fix, your save-it-for-later, be it prepared one day ahead or freshly packaged, whatever is your choice, make it a bento choice.

*******************

E’ passato un po’ di tempo sin dall’ultimo episodio di “Lifestyle”…

Pensavo di aver coperto tutti e più gli aspetti dello stile di vita veramente giapponese, ma poi nel corso di un progetto di cui mi stavo occupando in collaborazione con Yahoo Japan, mi sono resa conto che avevo tralasciato questo elemento. E quindi stavolta si parla di bento ( 弁当 ), altrimenti detto “sportina” o merenda.

Più o meno in ogni cultura si può notare un tema comune riguardo al portarsi il pranzo da casa. Magari in passato si usava ricoprire pane e formaggio con una tovaglietta, mentre nei giorni nostri può essere un panino o qualche altra cosa.

Ma e’ in Giappone che il bento si e’ evoluto, non e’ solo un contenitore per cibo…e’ un pezzo d’arte. Questi contenitori possono essere di ceramica, legno, plastica, possono essere tutto in uno oppure divisi in piccoli scompartimenti, possono essere a più livelli, decorati e colorati, con elastici per tenerli ben saldi, con le bacchettine a formare un set, arricchiti con i temi presi dai film o dai cartoni animati, ce ne sono di diversi per piccoli e adulti…insomma, sono cosi carini che anche se non li uso li vorrei comprare tutti, farne collezione.

Secondo me i bento in Giappone devono essere esistiti da sempre, nel senso che mentre altrove non si e’ più praticata questa cosa del portarsi il mangiare dietro (solo ripresa recentemente), in Giappone e’ continuata e si e’ anche portata oltre all’uso classico: una tradizione che prima era tipica familiare, dove madri o mogli preparavano il pranzo per i figli o mariti, ha investito il mercato. In tutti i super mercati e alimentari ci sono sezioni con cibi pronti da impacchettare in contenitori di plastica da asporto, ci sono addirittura intere catene di negozi specializzati in bento dove entri, scegli quello che vuoi, impacchetti tutto ben bene e il pranzo e’ pronto.

Che sia per il pranzo, o un picnic, per cena, per una merenda rapida, che sia preparato in anticipo o preso al momento, in ogni caso c’e’ sempre un motivo per farsi un bento.



Monday, February 29, 2016

BAR Street - Tokyo

There is a bar somewhere near the Meiji Jingu stadium in Tokyo that may as well be one of the most interesting I have been in, so far.

The place is called BAR Street, its sign a red circle with a white stripe crossing it, horizontally…those of you out there who still remember some theory from the driving school days may have already guessed it. Kinda not that welcoming a sign, if one ever wants to enter.

Anyway, when the elevator doors open, patrons are ejected to a dimly lit square, or I shall better say a “street”, where small outdoor tables and chairs are arranged, and then a set of 7 different tiny bars opening around such street. I guess it was meant to look like some summer towns in the Mediterranean, and yes that’s what I thought at a first glance. Each of the bars is unique, in both style and drinks selection: a bar for tequila lovers, one for herbal concoctions lovers, a bar specialised in sake (Japanese rice/potato wine), one for whiskey, a bar with a tropical flavour, an oyster bar, and…you get the picture.

There is even a special deal for women, called “Ladies fast pass”. This deal allows girls to buy a pass for the night, spending only 3000yen for unlimited, free flow drinks. Ehm, choosing from a rather scarce list of beverages, actually. Er, well, unlimited but within 10 hours form the time of purchase. Which, ehm, should be between 6pm and 8pm. And, ehm, friends without the pass, or any male friend, can’t even try a sip of the girls drink. Strict rule. We had one of the bar hosts to scold us girls when we passed the pina colada glass to the guys who were with us. Who, ehm, had purchased their drink already…

Well, I was not that thrilled to know all these many zillion trillion exceptions to the pass use, but the place fortunately made up for the bartenders lack of flexibility. We could even grab out drinks at any of the bars and then bring them with us to one of the tables on the “street”. So, yes, all in all it was a nice night out.

Buying the ladies pass is only convenient if you, woman, are thinking to have more than 5 drinks, otherwise just go and enjoy the vibes, without having to conform to all the cannot-do-this rules imposed by the pass. I think our group ended up spending the same amount of money, with and without pass. But we drank enough, and we were satisfied enough with the place (especially with the pina colada and someone, apparently, with the Japanese bartender at the whiskey place) to be thinking to go again.

**************

C’e’ un bar da qualche parte vicino all stadio Meiji Jing di Tokyo che e’ sinora uno dei più interessanti che mi e’ capitato di scovare.

Questo posto si chiama BAR Street, e l’insegna e’ un cerchio rosso con una striscia bianca proprio in mezzo…ora, coloro che ancora si ricordano qualcosa della teoria di guida avranno gia capito a cosa mi riferisco. Che poi non e’ che sia uno di quei segni che invitano a entrare, se proprio la vogliamo dire tutta.

Comunque, quando si aprono le porte dell’ascensore, i clienti vengono rigurgitati dentro una piazzetta poco illuminata, o meglio dire una “strada” su cui sono sistemati piccoli tavolini e sedie e lungo la quale si trovano 7 diversi bar. Se l’impressione che ho auto a prima vista e’ quella giusta, e’ come se questo angolo fosse stato pensato per assomigliare alle città del mediterraneo. Ogni bar e’ unico, sia nello stile che nella selezione: un bar per gli amanti della tequila, uno per chi invece preferisce liquori alle erbe, uno per il vino giapponese, uno per i sapori più tropicali…insomma, avete capito.

Addirittura, le donne possono usufruire di una promozione, un pass che si può acquistare per l’equivalente di 30 euro circa e che permette di bere senza limiti. Scegliendo tra una lista scarsa di bevande, a dire il vero. E che, poi non e’ proprio senza limiti ma fino a dieci ore dall’acquisto del pass. Che poi può essere acquistato solo tra le sei e le otto di sera. E, in aggiunta, le amiche che non hanno il pass e tutti gli amici uomini non possono neanche assaggiare. Oh, serio. Una delle bariste ci ha ripreso quando abbiamo passato ai ragazzi la pina colada per fargliela provare…che poi, dico, erano amici nostri e tra le altre cose avevano gia preso il loro drink…va beh.

Si, alla fin fine proprio contenta di sapere di tutte queste miriadi di eccezioni non mi ha certo fatto piacere, pero’ il posticino ha un po’ salvato la situazione e ci ha ripagati della mancanza di flessibilità dei gestori. E poi, dai, potevamo tranquillamente ordinare da bere al bar e poi andarci a sedere a uno dei tavolini in “strada”.

Ora, donna, comprare questo pass ti conviene solo se hai in programma di bere più di cinque drink, altrimenti goditi tranquillamente l’atmosfera, senza tra l’altro dover seguire tutte le regole stupide che sono imposte a chi usa il pass. Penso che nel nostro gruppo abbiamo finito col pagare tutti la stessa cifra, ma abbiamo bevuto abbastanza e siamo rimasti soddisfatti (in particolare dalla pina colada e qualcuno, a quanto pare, dal bartender giapponese che stava a whisky bar) a tal punto che pensiamo di ritornarci.