Thursday, February 4, 2016

Centomila

I have been maintaining this blog for nearly a decade. I started my first post in November 2006, and it was…how to describe it…simple, shallow, ill-written, poor.

Much water has passed under the bridge since, and I have slowly reached the unimagined reward of 100K visits just this January. An average of 1100 per year, if we want to break the number down, which still makes mine nothing compared to the REAL blogs out there. Still, if I consider that I reached my first 10K visits in August 2011, in the 4 and a half years that followed I increased my audience 10 folds. Looks like all the hours spent on writing and improving were worth the efforts.

I don't really have so much time to write now, alas. Life and work balance is not ideal at the moment. Not only that. One can find little time here and there if one really wants to. What's problematic is finding topics to write about. Okay, no, it's not even that. One can always find something to write about, no matter what. It's the scope that makes keeping up with the blog a bit difficult.

The original motivation to start a blog was to allow people back home to know what I was doing, how my life was, how the country I lived in looked like, how the food tasted. I started a blog because I wanted to share all I experienced about Japan. And I want it to stay that way. No other stuff but Japan-related. I allowed myself to digress a little in matters of travels, true, but other than that I am being loyal to my initial mission. So, you see that the longer I live in Japan, the less is left unexplored, unwritten, uncovered.

Speaking of not having time, I haven't done my usual year end recap last year. Resolutions I am done with since a long while ago, so let's not even worry about it. Let's just say 2015 was another demanding year and that hopefully the new year will bring a good harvest.

This year started rather well, actually. After a NYE spent flying over a festive Melbourne, the absolute first thing I did in the new year was dancing salsa. They say "well begun is half done", right? Let's just hope I don't use up all my resources too early…

*************

Ho questo blog da quasi un decennio. Il mio primo post l'ho pubblicato nel novembre 2006 ed era, come dire, semplice, scritto male, una schifezza.

Ma ne e' passata di acqua sotto i ponti da allora, e pian piano ho raggiunto il traguardo inimmaginabile di centomila visite proprio questo gennaio. Se vogliamo far una media, sono circa 1100 visite al mese, che per carità non dice nulla rispetto ai VERI blog che ci sono in circolazione. E pero', se consideriamo che le mie prime 10mila visite le avevo raggiunte in agosto 2011, nei soli quattro anni successivi ho praticamente decuplicato il mio pubblico. Allora mi sa che tutte quelle ore passate a migliorare e correggere sono state utili a qualcosa, in fondo.

Triste da dire, ma oramai non ho più molto tempo per scrivere. Il bilancio tra vita privata e lavorativa non e' dei migliori al momento. Pero', no, non e' questo. Si trova sempre del tempo se uno vuole. Il problema e' trovare argomenti. E, no, neanche quello e'. Che alla fine uno trova sempre qualcosa da scrivere. E' invece la natura proprio degli argomenti che mi da' qualche difficoltà.

All'inizio l'idea di avere un blog era per far sapere alle persone a casa quello che facevo, che vita conducevo, come era questa terra dove abito, come sapeva il cibo. Ho iniziato un blog perché volevo condividere le esperienze di vita in Giappone. E vorrei che le cose restassero così. Nient' altro che cose giapponesi. E' vero, mi sono lasciata andare a parlare dei miei viaggi, lo so, ma a parte quello sono stata sempre fedele alla missione iniziale. Si capisce bene che più passa il tempo e meno cose restano da scoprire e da scrivere.

A proposito di non avere tempo, non ho scritto il mio solito sommario di fine anno. I propositi di fine anno non li considero neppure visto che non ci provo da anni ormai. Diciamo solo che il 2015 e' stato un altro anno difficile e si spera che il novo anno porti un buon raccolto.

A dire il vero, il nuovo anno e' iniziato abbastanza bene. Dopo aver passato la vigilia di capodanno a volare sopra una Melbourne festiva, la prima cosa in assoluto che ho fatto nel nuovo anno e' stato ballare salsa. E se si dice che "chi ben comincia e' a meta' dell'opera…", spero solo che le mie energie non si esauriscano troppo presto.



Sunday, January 24, 2016

Day ski trip to Kagura

We've been waiting and waiting…
…but it eventually made its faint appearance.

I am talking about SNOW! Powder lovers you can now breathe! What looked like an endless summer, with peak temperatures up to 25 celsius in December, is finally over and the first snowfall hit Tokyo as well on Monday, hijacking traffic and public transport. Fortunately, the city went through a nearly total shutdown after I had gone to the mountains for the first trip of the ski season…
From now on, weather forecast experts promise fresh and abundant snow all over the place.

Because the snow conditions have been a bit uncertain until recently, I didn't plan a weekend trip for my return to the mountains; I picked a ski resort that could be reachable within reasonable time so that I could return within the same day. I went to Kagura ski resort (かぐらスキー場), with the company of three other friends who, like me, couldn't wait any longer. Somehow, compared to other ski resorts in the Nagano-Nigata-Gunma prefectures fun triangle, it snows the earliest in Kagura and it snows until after the season is over elsewhere, so this place topped my picks list. And it can be reached in less than two hours from central Tokyo, making it a great one day getaway. Indeed, we left Tokyo at 8:30am on a Saturday, and at 10am we were already changing and getting our gears. We were surprised to see that the train was rather quiet for being a ski Saturday, but when we got off at our station we understood why: the infrequent shuttle bus schedule. As organized as the Japanese are, they must have known the bus timetable and planned their departure accordingly…

The resort covers two sides of a mountain, it has tens of slopes, and it even connects to the nearby Naeba ski resort via what they call the "dragondola", the longest lift in the world (covering a stunning distance of 5.5 kilometers). That's not the only stunning thing in here. Kagura mountain base is connected to the slopes by a huge cable car. And with huge I mean HUGE, like the car was as long as a train car and twice as wide. From the cable car stop, reaching the top of the mountain was a long, very long commute, with several transfers. Not all ski lifts were operating due to lack of snow, but we were lucky to have fresh snow (it snowed all morning) falling on top of the recent snowfalls.

We had a great day, despite a few silly accidents…like Jo managing to forget ski poles, me about to get off the lifts realizing….er…well…I had buckled my snowboard on the wrong foot. Translated: I fell flat on the snow. Yes, I know I should know which is my lead foot already, but it's a much more complicated story, that one. Then, right after that one of my snowboard's bindings strap snapped.

Fortunately it was the front one so I could snowboard down to the base (together with Jo so he could grab a pair of poles), ready to rent a board for the day. Fortunately there was a shop that sold parts, so I got my new straps and asked the guys at the rental place to fix them (and I am omitting the details re the painful 50 min it took to search and repair of a bloody strap).

The rest of the day was just so fun, better than I could have anticipated. Entertaining slopes, soft powder, quiet resort, good company…yeah, we're planning the next trip already.

******************

Abbiamo aspettato a lungo…
….ma alla fine e' apparsa.

Sto parlando della NEVE!! Amanti della neve, ora potete tirare un sospiro di sollievo. Quella che sembrava un'estate infinita, con temperature massime anche di 25 gradi a Dicembre, e' finita e la prima nevicata e' arrivata a Tokyo il lunedì, mandando in tilt il traffico e i trasporti. Per fortuna, la città si e' spenta solo dopo che ero stata in montagna per il primo assaggio della stagione…
Da ora in poi, gli esperti prevedono neve e neve e ancora neve.

Visto che le condizioni in montagna non erano molto certe, non ho organizzato una cosa lunga un intero fine settimana. Ho invece cercato un posto che poteva essere raggiunto entro un certo tempo così da poter tornare in giornata. La scelta e' andata per Kagura (かぐらスキー場), in compagnia di altri amici che come me non potevano più aspettare. Per qualche strana ragione, rispetto agli impianti del triangolo del divertimento Nagano-Nigata-Gunma, a Kagura nevica prima che altrove e a fine stagione continua a nevicare mentre altrove smette, ecco perché l'ho scelta. E poi in meno di due ore ci si arriva, da Tokyo, così che in una giornata si può andare e tornare. Difatti, partendo alle 8:30 la mattina, alle 10 eravamo già cambiati e pronti per sciare. Ci siamo un po stupiti al vedere il treno abbastanza vuoto, considerato che era un sabato, ma quando siamo arrivati alla nostra stazione abbiamo capito perché: gli orari poco frequenti dell'autobus per raggiungere la base. Essendo i giapponesi ben organizzati, di sicuro hanno pianificato la loro partenza in base a quelli.

Kagura copre due fianchi della montagna, ci sono decine di piste, e l'impianto e' collegato al vicino Naeba tramite una seggiovia lunghissima, la più lunga del mondo a quanto pare, chiamata "dragondola" e che copre una distanza bestiale di 5.5 chilometri. Ma c'e' dell'altro di sorprendente: la base e' collegata alle seggiovie tramite una funivia le cui cabine sono enormi, e intendo ENORMI, lunghe come un vagone di un treno e larghe il doppio. Da li alla cima della montagna e' un susseguirsi di seggiovie da prendere una per volta. Nonostante molte delle seggiovie fossero inattive per mancanza di neve, noi siamo stati fortunati che quel giorno ha nevicato tutta la mattinata, così che abbiamo avuto neve fresca, e ci siamo divertiti. A parte un paio di piccoli disguidi..tipo Jo che si dimentica i bastoni da sci, io che al momento di scendere dalla seggiovia mi accorgo di avere legato il piede sbagliato allo snowboard…E, questo tradotto vuol dire che ho perso l'equilibrio. So che dovrei sapere quale sia il mio piede principale, ma questa e' un'altra storia. Dopo di che una delle chiusure dello snowboard si rompe mentre la stavo stringendo. Per fortuna sono riuscita a scendere giù fino alla base così da cambiare tavola e affittarne una per il resto della giornata. Invece c'era un negozio che aveva i ricambi (e taciamo qui l'odissea di quasi un'ora nel cercare sti maledetti ricambi) e così si e' riusciti a sistemare la mia di tavola.

Il resto della giornata e' andato benone, meglio di quanto mi fossi aspettata. Piste intriganti, neve soffice e fine, poca confusione, bella compagnia….eh si, stiamo già pensando alla prossima volta.



Tuesday, January 19, 2016

2016 dental odyssey

It seems 2016 can be the year of many firsts…it is now time for a dentist visit in Japan. Dun dun dun!
While I was vacationing in the hot and sunny Melbourne, I started accusing annoying pain right where wisdom teeth should be. Yes, they are growing and they are swelling my gums. Nothing too serious yet, but worth checking.

So I suck up my fear of the dentist (don't we all are a little) and I go look for one. I thought of the dental hospital, attached to the dental university we have in town, assuming they must know what they're doing there. I thought dentists at a university must be super experienced, considering that they teach students as well and have many guinea pigs to practice on (including myself, sigh), but I didn't consider the fact that they would bounce me back and forth form a department to another for an entire morning.

I show up at the hospital, I fill a form and I am sent to general dentistry for a check. All good, all good. I enter a huge room that looked like a company open space office, only it had dentist chairs instead of desks. Scary. 

A young lady checks my mouth, and after I told her my wisdom teeth were hurting she (sadistically?) went and pressed and punctured the aching area, asking whether it hurt…hello? I just told you? She then calls the dentist who now has to check too to make sure she was right. Ouch and ouch! Hello? I just told her? She just tortured me? He sends me to another department to take a panorama image of my teeth, which turns out can't be done because I have pierces in my ears (nonsense), which means pressing a tiny plate onto the already aching, already sore, already tortured gum and X-ray my jaw, whose photo is sent back to the previous doctor, who well thinks to check my mouth one more time, followed by the student…hellooooo? You just tortured me 30 min agoooo? You think it's dramatically changed state?

Verdict: I need a surgeon. WHAT? Surgeon? Geez.

I am juggled to a third room where another young dentist checks my mouth (again) and tortures me (again), who says that, regardless of pierces, I have to get a panorama image, which means I go back to where I was just 35 min before and receive another shot of X-rays. After that I am sent home since that day they're all busy and can't do more. I shall return next week, thanks see you. So, five spins of the wheel of torture, three hours and two X-ray images later I am still at square one.

While I wait for the day of the appointment to come, the pain goes away.

One week later I am again at the hospital, the same doctor shows me a nice halloween smiley (mine) from a computer and tells me he's going to operate on me, but after he's checked my mouth again, just in case…

At this point, trying to buy time, I ask him a million other questions, I ask to show me my X-ray again and I make up my mind: no tooth extraction, thanks. 

You can say I chickened out, well, fair enough, I did too. But I saw that my teeth have some space to grow, so I will let them.

So ends my dental odyssey. For now.

On a side note, I was impressed with the old (I mean ancient old hardware and software) but efficient computerization of the hospital: patients receive a card upon first time registration that's tied to your name and patient ID, which is itself tied to a digital medical record that can be circulated throughout the entire hospital. As I mentioned before, after I got X-raid in one department, the images were already sent to the dentists in the other two departments so all they had to do was open my folder and read out. For every time I go to that hospital now, I insert my card to a reader machine that spits out the day's agenda and before leaving I again insert the card in the machine that spits out the bill for the day's treatments, to be paid at the same machine. Awesome. Imagine if Italy worked that way too...

****************

Pare che il 2016 sia un anno di varie prime volte…e' tempo di una visita dentistica in Giappone!!
Mentre ero in vacanza nella calda Melbourne, ho risentito di dolori proprio li dove stanno i denti del giudizio. Eh si, stanno crescendo e infiammano le gengive. Niente di veramente serio al momento, ma meglio farli controllare.

Così metto da parte la paura del dentista e mi metto a cercarne uno. Ho ben pensato di andare all'università dentistica che e' associata all'ospedale qui in città, pensando che sappiano bene il loro mestiere da quelle parti, visto che ci sono dentisti che insegnano sul campo, con molti casi cavia (tra cui me) da studiare. Pero' non avevo pensato al fatto che mi avrebbero palleggiato da stanza a stanza per un'intera mattinata.

Allora, arrivo all'ospedale, riempio un modulo e vengo mandata a dentistica generale per un controllo. Bene, bene. Entro uno stanzone che sembrava un ufficio aziendale, solo che a posto delle scrivanie c'erano sedie da dentista. Paura.

Una ragazza mi controlla la bocca, e dopo che le ho accennato ai denti del giudizio doloranti lei (sadica) va a premere e punzecchiare l'area dolorante e addirittura mi chiede se fa male…ma, dico? Non te l'ho appena detto? Poi chiama il dentista che deve a sua volta controllare e usa lo stesso procedimento. Ahia! Scusa? L'ho appena detto a lei? Mi ha appena torturata? Il dentista mi manda quindi a un altro dipartimento per fare una lastra panoramica, che pare non può essere fatta perché, udite udite, ho i piercing all'orecchio, e quindi invece mi vedo infilare una lastretta in bocca che devo pressare sulla parte già infiammata, dolorante e torturata, per fare un'istantanea dei molari, la quale viene poi inviata al suddetto dentista che pero' prima pensa bene di ricontrollarmi la bocca, non si sa mai…e poi nuovamente la studentessa….scusateeeeee? Mi avete torturata solo 30 minuti fa? Pensate sia cambiato qualcosa?

Comunque, il verdetto e' che ho bisogno di un chirurgo. Come? Un chirurgo? Ohmamma.

Vengo sbattuta in un altra stanza dove un altro giovane dentista ricontrolla e ritortura, e poi dice che senza panoramica dentale non può fare nulla, quindi eccomi li che, alla faccia dei piercing( lo dicevo io che era una cavolaia), torno dove stavo solo 35 minuti prima e mi faccio nuovamente irradiare. Dopo di che mi mandano a casa per quel giorno visto che non c'e' spazio per me. Devo ritornare tra una settimana, arrivederci. E quindi, dopo cinque giri della ruota della tortura, dopo tre ore e due radiografie, sono di nuovo punto e a capo.

Ora, il bello e' che nella settimana di attesa, il dolore mi passa del tutto.

La settimana successiva torno all'ospedale e il dottorino di prima mi mostra un bel sorriso da scheletro (il mio) da un monitor e mi dice che siamo pronti all'estrazione. Ma no, aspetta che prima controlliamo ancora una volta, non si sa mai…

A questo punto io, cercando di guadagnare tempo, gli faccio un milione di domande e guardando e riguardando la lastra gli dico che no, oggi non operiamo, ho cambiato idea. Potremmo benissimo dire che e' stata la paura dell'intervento, e forse lo e' anche, pero' io nella mia panoramica ho visto che lo spazio per i miei denti c'era quindi li lascio crescere fino a che si può.

E qui finisce la mia odissea dentistica. Per ora.

A parte, invece, va la constatazione dell'arcaico (in termini di software e hardware) ma efficientissimo sistema informatico dell'ospedale: i pazienti la prima volta ricevono una tessera che funge da cartella medica elettronica universale. Come avevo accennato, seppure la radiografia ai denti mi e' stata fatta in un dipartimento separato, gli altri due dentisti che mi hanno vista avevano già le immagini nel loro computer. Gli e' bastato caricare il mio file e aprire le immagini. Ora, tutte le volte che torno in quell'ospedale, basta che inserisco la mia tessera in un lettore che mi sputa fuori la lista di visite della giornata e alla fine mi sputa fuori il costo di tutto, che si paga pure alla cassa automatica…mitico. Immaginatevi se fosse così anche in Italia...


Sunday, January 17, 2016

Pizza school

After a long break, I am back on teaching cooking again.

The subject this time was pizza, not a genuine Sicilian dish, perhaps, but very appreciated by foodies and everyone else pretty much. The menu I put together was not easy to finalize…I had to use the dining table as a workbench so that my students could have enough space and light for easier practice, I had to bake one pizza at a time since the oven I have is too small and it took longer than forever, I had to use my coffee table for extra space. If I want to teach people how to make pizza I will have to move to a place with a proper kitchen, not a toy kitchen like the one I have now, and with a wood fire oven…unless you find me a kitchen oven that can reach 450 degree celsius without melting in the house. There is absolutely no way whatsoever that a pizza can come out burnt on the edges and soft at the same time from an electric oven. No. Way. But that's a limitation I'll have to learn to live with. Fortunately my students understood that and still loved the results of 3 hours joint efforts in making a pizza baked in an ordinary oven...

In the afternoon, before the lesson started, I had prepared half dose of the pizza dough, as a backup in case what we made during the class would not turn out good for any reason. The main worry was that it did not rise due to the cold. My doughy did rise wonderfully, instead, so we used the extra batch to make some sweet bread for dessert. During the lesson, we prepared the sauce for all pizzas, a green salad to go as a side dish and a stunning drowned broccoli plate (yes, broccoli were drowned in wine, that's why their name), then I went on to show how to prepare pizza from scratch making sure there was a hands-on part. This time the girls could try kneading the dough, sending puffs of flour all over my apartment.

The days that followed the pizza class were also busy with other classes, different menus, different students, all of them Japanese women with interesting stories to tell. One of them was called Marina! Finally, I meet someone who has the same name as mine. I have been told mine is a rather common name in Japan, or at least it is a Japanese name too, but in all my years in Japan I had never met anyone with that name. Until now. 

Teaching for three nights in a row was tough, although entertaining. I spent three full days cleaning the apartment from the previous day's mess and then making a mess again, so now I don't want to hear about cooking at least for the rest of the month. It's anyway time to gear up for the snow season and hang up the apron…or, shall I wear it over the ski jacket?

********

E dopo una lunga pausa ritorno a insegnare.

Stavolta si parla di pizza, che seppur non e' un piatto tipico siciliano, e' amata da tutti ma proprio tutti. Il menu che avevo pensato non e' stato semplice da realizzare..intanto ho dovuto usare il tavolo da pranzo come piano di lavoro in modo che gli studenti potessero osservare bene, poi ho dovuto cuocere una pizza alla volta nel mio forno piccolino e quindi ci abbiamo messo una vita, e infine ho dovuto anche utilizzare il tavolo da caffè come spazio extra. Mi sa che se voglio continuare a insegnare come fare la pizza devo trovarmi una casa con una cucina vera e propria, non questo giocattolo che mi ritrovo, e che abbia un forno a legna come si deve…a meno che riesca a trovare una cucina con un forno che può raggiungere i 450 gradi senza sciogliersi. Non c'e' altro modo che un forno a legna per ottenere una pizza bruciata ai bordi ma soffice allo stesso tempo. Pero' questa del forno e' una limitazione a cui devo abituarmi, purtroppo. Per fortuna che i miei studenti capiscono il problema e hanno comunque apprezzato i risultati di tre ore di lavoro…

Nel pomeriggio prima della lezione avevo comunque preparato un po di pasta per la pizza nel caso qualcosa andasse storto, che poi e' il caso in cui la pasta non lievita per via del freddo. Invece, la lievitazione e' andata bene e quindi abbiamo usato la pasta in più per fare le frittelle dolci di pane. Nel corso della lezione abbiamo preparato la salsa per la pizza, un'insalata semplice e un piatto di broccoli, i tipici 'broccoli affogati' che vengono preparati annegandoli nel vino, da cui il loro nome.Alla fine abbiamo poi preparato la pizza partendo da zero e mi sono assicurata che tutti provassero a impastare e spianare la pasta, anche se ciò ha comportato l'infarinatura dell'intera cucina e sala da pranzo…

Anche i giorni seguenti hanno visto lezioni di cucina, menu diversi, partecipanti diversi, tutte donne giapponesi con storie interessanti da raccontare. Una di loro si chiama Marina! Era ora che incontrassi qualcuna col mio stesso nome qui in Giappone! Mi hanno detto che il mio nome e' molto comune, o comunque un nome che esiste qui, eppure finora non avevo mai incontrato nessuna. 

Avere lezioni per tre giorni di fila e' stato faticoso, anche se molto divertente. Pero' ho praticamente passato tre giorni a pulire casa in anticipazione della lezione e poi ridurla di nuovo un disastro…che nessuno mi parli di cucinare per almeno un mese! Comunque e' tempo di prepararsi per la stagione sciistica e appendere il grembiule al chiodo…o lo metto sopra la tuta da snowboard?







Tuesday, January 12, 2016

Acupunctured!

There is a first time for everything, they say.

So time came for my first acupuncture experience. It started from a birthday present I received, a catalog where I could choose an "experience" from, and a ticket to be used with it. Out of a thousand of different activities, among which some extreme ones like paragliding, or diving, or yoga classes, or pottery classes and the like, I went for acupuncture.

My idea was actually relaxation, something like body massage with oils or spa but found nothing. No, not true…all massage experiences I could choose among were Thai style, which IS the best for stress release as your body is flexed, folded, bent and twisted around, but not what I was looking for this time. I needed something softer. Instead, I found a two-hour はりきゅうマッサジ course (harikyu massage. Harikyu means acupuncture in Japanese) and I told myself I could use this opportunity and try a new treatment. After all, acupuncture can help relieve stress, muscle soreness and tension as well. For sure I needed to do something after the long trip from Australia I had just returned, and before the long weekend of cooking classes that awaited me…

Being it the first time to receive the treatment, I was asked to fill a medical questionnaire in Japanese, which I couldn't read fully so I had to rely on the help of the masseuse. She was super nice and explained to me all terms, with gestures if necessary, in order for me to check all the points.

I changed into the clothes provided in the massage room and I received a wonderful one hour acupressure massage: it's a massage technique that doesn't involve oils, it rather consists in applying pressure with fingers on the same points used in acupuncture. The masseuse went on tho-rou-gh-ly from head to toes, making sure she found all the tense points. After that, she took the needles and began to insert them all around my neck, shoulders and back, and everywhere else she felt at touch I was sore. If you think they hurt, well, know they don't. Compared to the Chinese ones, Japanese acupuncture needles are very very thin, like a hair, and they're not inserted deep in the skin. I barely felt them (at the end the lady showed them to me and also explained how she inserted them).

And then came electricity. Oh yeah. All needles get wired to a machine and a small charge is sent to the body through all of them, and for the next 10 minutes the patient is left to feel the pulsating tiny shocks working on all punctured points. Muscles definitely do relax after that. I don't know whether it is the electricity or the acupuncture points or both, but relief is real. You just have to try for yourself and get your spine electrocuted (lightly).

Two hours and 20 something needles later I was a new person, walking lightly and moving fluidly again with no pain whatsoever, but now with a new addiction. And I can thank my friend for that.

****************

Si dice che c'e' una prima volta per tutto.

Bene, giunse il momento per la mia prima agopuntura. Tutto inizio' con un regalo di compleanno ricevuto, un catalogo di esperienze tra cui scegliere, e un biglietto valido per provare una di esse. Tra tutte le varie attività possibili, tra cui anche alcune estreme tipo para pendio, si annoveravano yoga, immersione, lezioni di ceramica o di cucina, e chi più ne ha più ne metta. Tra tutte queste, io ho scelto l'agopuntura. A dire il vero volevo qualcosa del tipo massaggio o spa, ma non ho trovato nulla. Anzi no, no un momento…tutti i tipi di massaggi che ho visto erano tipo tailandese, che, vero, e' un perfetto anti stress perché piega e strizza il corpo in ogni direzione, ma non era quello che cercavo.

Avevo in mente qualcosa di più leggero. E così ho trovato un menu di due ore per agopuntura e così ho deciso di provare qualcosa di nuovo. E poi, alla fine anche l'agopuntura aiuta a eliminare lo stress e la contrazione muscolare. Proprio quello che mi ci voleva dopo il lungo viaggio dall'Australia e prima del lungo fine settimana di lezioni di cucina che mi aspettava.

Visto che era la prima volta che andavo, ho dovuto riempire un questionario tutto in giapponese che non potevo leggere ma che pero' ho potuto completare grazie all'aiuto della massaggiatrice che mi ha spiegato, anche a gesti se era necessario, il significato di tutti i termini.

Per quasi un'ora ho poi ricevuto un massaggio spettacolare, quel massaggio che punta a identificare con la sola pressione delle dita, i punti nevralgici che sono poi quelli stessi dell'agopuntura. La massaggiatrice ha decisamente preso il suo tempo per trovare tutti ma proprio tutti quei punti da testa a piedi che erano in tensione e li ha massaggiati per bene. Poi ha preso gli aghi e ha cominciato a inserirmeli nel collo, la schiena e le spalle, e altre zone che lei riteneva fossero indolenzite. Che poi, se pensate che gli aghi facciano male vi sbagliate. Io non li ho neanche sentiti (a fine seduta la massaggiatrice mi ha poi spiegato come faceva a inserirli). C'e' da dire che rispetto a quelli cinesi, gli aghi giapponesi sono più sottili, come un capello, e vengono inseriti i superficie.

E poi arrivo' l'elettricità. Si si. Gli aghi vengono infatti collegati a un generatore di corrente e poi delle piccole scariche a intervalli regolari vengono mandate tramite essi, per circa dieci minuti. E la persona e' lasciata li a sentire i muscoli lievemente pulsare. E di sicuro i muscoli si rilassano. Ora, non so se e' l'effetto della corrente, o la scelta dei punti di inserimento, o entrambe le cose, fatto sta che ci si rilassa davvero. Bisogna provarci di persona e farsi dare la scossa (leggera, eh) lungo la schiena.

Due ore e circa 20 aghi dopo, ero una persona nuova, camminavo leggera e con movimenti di nuovo fluidi, e di certo con una nuova dipendenza. E di questo, posso solo ringraziare la mia amica.



Images taken from http://harikyumassage-zen.com/, the place I went to

Monday, January 4, 2016

Voyage in the sunlight - Viaggio al sole

Coincidences are fun sometimes, and just great some other times. My last two weeks saw a series of fortunate passages over a ray of sunshine. 

I woke up to a beautiful sunrise the morning I had to go to the airport to begin my holidays. A transfer in the kingdom of everlasting pollution, the people's republic of China, then a departure at sunset. Sadly, the chinese sunset was a bit dull and boring, but still a pretty amazing coincidence. I later arrive in Australia, my destination, in time to salute the rising sun again. Every morning, for as long as my vacation lasted, I did wake up together with the sun, its light painting everything it reached a beautiful pink orange.

More coincidences were waiting for me, though. On the evening of my departure from Australia a spectacular sunset (and the most dramatic of all) of golds and reds shone against the evening baby blue sky, accompanying me all the way to the airport. I was already so grateful to Mother Nature for such a great end of 2015, when another stroke of luck prolonged my sparkling end of the year: I actually saw the city fireworks from the plane at midnight! My cousins were right, I could see them, but only thanks to a 25 minute delay on the time of departure. Explosions all over the city, along the river, in the bay, in people's backyards. Definitely a heart-throbbing moment. Not only it was great to travel between years instead of stressing out about what to do to celebrate (and have a perfect excuse to turn all invitations down), but I have to say that there is no better place to watch the fireworks from than a plane.

And here I open a very broad parenthesis on the airplane staff…so, I was traveling with a Chinese airline, and that's alright. We've all experienced their lack of niceness at some point in life. Not that all Chinese are rude, but most of the ones I encounter don't actually have manners. I mean, I believe they don't do it on purpose when they are rough, they simply don't know what for the rest of the world is polite. This is my guess, at least, and my two cents are to be taken with a grain of salt since I live in the country of the uber politest people of all. But, to get to the point: no one word from the crew at midnight? I mean, ONE WORD? If it weren't for the firework display that was blooming below us, we would have never realized we had entered 2016. Not a sip of sparkling wine as a gesture of kindness to the passengers? Not even a small snack/treat/cookie/other-than-usual-stuff with our dinner just to show they care? Pffff! I know they celebrate their own NY, but still…well, fine by me, what do I care about NY anyway?

The series of fortunate coincidences continues when we land in great mother China just minutes before sunrise, the first one of 2016, and then, finally, when I arrive home in Japan, where the familiar view of the dark profile of Fuji against the setting sun was there to welcome me.

So, the circle is closed, from sunrise to sunset, traveling across countries and across years having the sun as my companion. A sign that this new year will be on fire, maybe? Happy New Year everyone!

***************

A volte le coincidenze sono divertenti e altre volte fenomenali. Queste due ultime settimane hanno visto una serie di passaggi fortunati oltre la linea del sole.

Mi sono svegliata con una bellissima alba la mattina della mia partenza per le ferie. Poi una fermata nel regno del sempiterno inquinamento, la repubblica popolare cinese, e partenza nuovamente al calar del sole. E' triste che il tramonto fosse stato un po' scolorito e noioso, ma comunque la coincidenza e' stata alquanto incredibile. Arrivo più tardi in Australia, la mia destinazione, giusto in tempo per salutare di nuovo il sole nascente. E poi, per tutta la durata della mia vacanza, mi svegliavo la mattina assieme al sole che colorava tutto di una luce rosa arancio.

Ma molte altre coincidenze mi aspettavano dietro l'angolo. La sera della mia partenza per il ritorno a casa un tramonto spettacolare (e quello più drammatico) di oro e rosso splendeva contro il cielo azzurro della sera e mi accompagnava all'aeroporto. Ero già più che riconoscente a madre natura per una fine del 2015 così spettacolare, quando un altro colpo di fortuna allunga ancora la mia fine d'anno scoppiettante: sono riuscita a vedere i fuochi d'artificio dall'aereo! I miei cugini avevano ragione, li ho visti, anche se e' stato grazie a un ritardo di 25 minuti della partenza. Così che ho potuto vedere tutte le esplosioni dei fuochi in giro per la città, lungo il fiume, nella baia, nei giardini delle case. Un momento davvero da batticuore. Non solo e' stato già grandioso il fatto di viaggiare tra due anni invece che stressarmi a pensare a come festeggiare (e avere una perfetta scusa per rifiutare gli inviti), ma devo dire che non c'e' posto migliore di un aereo per ammirare i fuochi d'artificio.

E qui vorrei ora aprire una ampia parentesi riguardo al personale di bordo…dunque, ho viaggiato con una compagnia cinese, che va bene. Almeno una volta nella vita abbiamo tutti avuto a che fare con la loro carenza di modi. Non e' che tutti i cinesi sono rudi, ma molti di quelli che incontro non hanno proprio educazione. E che poi so che non lo fanno apposta a essere grezzi, proprio non sanno come essere educati e basta. O almeno così credo, anche se poi questi miei cimenti vanno presi un po' con le pinze visto che abito nel paese dove la gente e' stra-educata. Ma ora, giungendo al punto, dico neanche una parola allo scoccare della mezzanotte? Dico UNA? Se non fosse stato per i fuochi d'artificio fuori non ci saremmo manco accorti dell'arrivo dell'anno nuovo. Dico, un goccio di spumante giusto come gesto nei confronti dei passeggeri? Non un piccolo dolce o qualcos'altro fuori dall'ordinario giusto per mostrare un attimo di delicatezza? Niente. Lo so che i cinesi festeggiano il loro di capodanno, peperò'….mah, va bene anche così che me ne frega a me alla fine?

La serie di coincidenze fortunate continua all'arrivo di nuovo nella grande madre cinese, alcuni minuti prima dell'alba, la prima del 2016, e poi alla fine quando ritorno a casa in Giappone dove la vista familiare del profilo scuro del Fuji contro il sole che tramontava era li a ricevermi. 


E così il cerchio si chiude, dall'alba al tramonto, viaggiando tra nazioni e tra anni, col sole come compagno. Forse il segno che questo mio nuovo anno sarà infuocato? Buon anno a tutti.


Wednesday, December 30, 2015

Full moon Australian Christmas

So, Australian holidays it was, then, again. 

As I mentioned, I did not plan well for this trip, though, and I think I was not staying long enough in order to make everyone happy. But family will never be happy, no matter how long one visits for, we all know that. However, I could meet everyone despite my short stay, and I am so grateful for that. Them people always make an effort in order to be all together at least once.

As per Italian tradition, the family gets together on the evening before Christmas to wait until midnight. So we did not break the tradition this year either, preparing food since two days before, food that could feed two armies, because no Italian family in history survives the Xmas dinner without having leftovers lasting until new year's. No one. Though, if I may, these days I can't but think of those who don't have the luxury of a meal in these days of celebrations. There should be a system such that what doesn't get eaten can be delivered to who's in need.

My eating marathons started the day I arrive and ended the day I left, and it is a non-stop calories festival. And let's not forget that the association chocolate-christmas has no rivals in the south hemisphere, even when the thermometer tells you your sweets won't make it from the shop to home. So, I arrived in Australia with some Japanese chocolate for people to try, and I returned to Japan with even more chocolate. Well, I DID say that I wanted chocolate for Christmas, didn't I. I thought that by saying so I would manage to limit their presents to me to a minimum. 

Not only my hopes were crushed, in addition I was showered with gifts of all sorts and value coming from all directions. And I DID say not to give me anything as I was traveling light and couldn't bring anything back with me. Imagine if I didn't…. I'll have to work on a better evil strategy to completely discourage people not to give me stuff. One surprise, though, made me super happy and made me forget my being uncomfortable (with always crying appreciation, mind you) around gifts: a present from the family dog (well, I mean, the dog owner actually gave me a gift, right?). They know me so well. Oh, did I love that.

My holiday went well, I spent a great amount of time with the people I care about, and I could find some time to meet friends in the city, being allowed to… wait for it… use public transport! GASP! Yes, correct, I, for the first time, was considered old and wise enough to be granted train usage within the vast and dispersive city of Melbourne. YAY! Must have been the coincidental and rather painful beginning of a wisdom tooth growth. Or maybe I am just becoming "part of the furniture", as my cousin says, so that each time I return I am less of a guest and more of a family member.

Other than eating and drinking (including the chocolate and the wine I couldn't fit in my luggage) I didn't do much else, also because I have visited so many times that we're running out of new places to see and new things to do. I mean, nearby, since my short holidays don't allow for adventure trips. There was the customary day at the countryside, where one of the cousins lives with the family.

There, in the old gold mining town, time has stopped, and the only people around are those in need of some peace, a good vintage shirt and a good old book to read at one of the main cafes. There was a wallaby hanging around my cousin's garden, apparently a regular visitor, not frightened at all by our presence and not interested in us either. I could have sat there and watch it for hours…so nice!

No visit in Melbourne is complete without the usual tour of family members' swimming pools, time and weather allowing. Sure enough, I had my share of swimming and sunbathing in the summer sun. Oh, actually I did something new this time, too: we went to the beach. I know it may sound strange, but when so many relatives own a pool in the backyard, there's no need to drive all the way to the seaside. I've seen several beaches around Melbourne, all pretty and inviting, but so far I hadn't stopped at any for recreational use, only touristic. So, yes, real beach experience it was. Windy, too. I also met more relatives belonging to another ozzie branch of the seemingly endless family tree. Amazing how my network of people grows each time. Oh, and first time for me to see the full moon on Christmas!!

Ten days went fast, I can't believe I did jigsaw all my dates and meeting appointments in such a way I didn't miss anyone. Again, if it was possible it was only thanks to the people's availability and flexibility, keen on meeting me even on NYE, when they could have instead gone for their countdown party plans.

And at the absolute very very end of another long, at times good and at times bad year, there I am flying again across the line of day (and of year). Goodbye, Oz.

******************

E anche stavolta vacanze australiane.

Come avevo accennato, non mi sono proprio preparata per questo viaggio e penso proprio che non sto rimanendo a lungo abbastanza per poter fare tutti contenti. Ma sappiamo bene che la famiglia non e' mai soddisfatta, non importa quanto a lungo stiamo. A prescindere da ciò, sono pero' riuscita a vedere tutti e di questo sono molto grata. Queste persone fanno sempre uno sforzo per trovarci tutti assieme, almeno una volta.

Come vuole la tradizione italiana, la famiglia tutta si riunisce alla vigilia di Natale. E così non abbiamo di certo interrotto la tradizione, e abbiamo iniziato a cucinare e preparare con giorni di anticipo una quantità di cibo in grado di sfamare due interi eserciti. Perché non c'e' famiglia italiana che si rispetti che non abbia avuto abbastanza da mangiare da poter arrivare fino a capodanno con gli avanzi. In queste circostanze mi viene da pensare, se me lo concedete, a coloro che non si possono permettere tanta abbondanza. Dovrebbe esserci un sistema che recupera ciò che noi buttiamo via per poterlo dare a chi di bisogno.

Le mie maratone mangerecce iniziano il giorno in cui arrivo e finiscono il giorno in cui riparto, un festival delle calorie senza sosta. E non dimentichiamoci del legame natale-cioccolato che non ha rivali nell'emisfero australe, anche quando il termometro dice bene che il cioccolato, dal negozio, a casa non ci arriva. In sostanza, sono arrivata in Australia con la mia cioccolata giapponese da far provare e sono tornata in Giappone con più cioccolata di prima. Beh, di dire ho detto che per Natale volevo cioccolata, in effetti. E' che mi aspettavo che così dicendo avrei limitato la quantità di regali a me dedicati, invece non solo le mie speranze non hanno trovato riscontro, in più ho ricevuto non so quanti regali di ogni tipo, forma e valore. 

E meno male che avevo raccomandato tutti di non darmi nulla visto che viaggiando leggera non potevo portare tanto indietro…e meno male. Mi sa che devo trovare una strategia diabolica migliore di questa per il futuro così da scoraggiare tutti. Una soppressa che invece ho gradito tantissimo per via del mio arcinoto amore per i cani e che mi ha fatto dimenticare l'imbarazzo (ma apprezzo tantissimo il gesto, eh) che provo ogni volta che ricevo regali: ho ricevuto una borsa proprio dal cane di famiglia..nel senso, la padrona mi ha fatto il regalo, intendiamoci. Oh, se mi conoscono bene questi qua.

La vacanza e' andata bene, ho passato tantissimo tempo con le persone a me care, e ho anche trovato qualche ora di tempo per incontrare gli amici in centro, dove ci sono andata…attenzione attenzione…coi mezzi pubblici! Caspita! Si si esatto per la prima volta sono stata considerata abbastanza grande e saggia da poter utilizzare il sistema dei trasporti pubblici e addentrarmi nella vastità della citta di Melbourne! Deve essere stato il fatto, del tutto una coincidenza, che mi sta spuntando il dente del giudizio. O forse e' solo che, come dice mia cugina, "faccio parte della mobilia", quindi ogni volta che torno sono meno ospite e più membro della famiglia.

A parte bere e mangiare (e includo la cioccolata e il vino che mi hanno regalato) non ho fatto granché, anche perché essendo le mie visite ormai cosa ordinaria, non ci sono posti nuovi da vedere o cose nuove da fare. Nel senso, cose che siano nelle immediate vicinanze intendo, visto che le mie vacanze brevi non mi permettono avventure. C'e' stato il solito giro in campagna dove abita uno dei cugini. Li', nella vecchia città mineraria il tempo si e' fermato, e le sole persone che stanno in giro sono quelle a caccia di abiti vintage, vecchi libri e un buon caffè. C'era pero' un piccolo canguro che stava a curiosare nel giardino di mio cugino, a quanto pare un visitatore regolare, che non era ne' spaventato e ne interessato a noi. Sarei potuta restare li a guardarlo per ore...troppo bello.

Nessuna visita a Melbourne e' completa se non si fa il solito giro delle piscine a casa dei vari cugini, tempo permettendo. E anche stavolta ho fatto la mia parte nuotando e abbronzandomi al sole estivo. Ah, aspetta, no ho fatto qualcosa di nuovo anche stavolta: sono andata in spiaggia. So che sembra strano, ma quello che intendo dire e' che avendo così tante piscine in giardino, non viene proprio il desiderio di raggiungere la spiaggia. Le varie spiagge di Melbourne le ho viste, ma solo a scopo turistico non a scopo ricreativo. E quindi stavolta si, l'esperienza spiaggia c'e' stata. E poi ho anche incontrato un altro ramo di famiglia australiana dell'apparente infinito albero genealogico. Incredibile come il mio giro di conoscenze si allarghi di volta in volta. Ah, e poi c'e' anche la prima volta che la luna piena cade proprio il giorno di Natale!

Dieci giorni sono volati, e non riesco ancora a credere che sono riuscita a incastrare tutti i miei impegni in modo da non tralasciare nessuno. Ma ribadisco che ciò e' stato possibile solo grazie alla disponibilità di tutti, parenti e amici compresi che sono stati disposti a incontrarci anche fino alla vigilia di capodanno quando potevano avere altri piani più interessanti in serbo per festeggiare.

E proprio alla vera fine di un altro anno lungo, a tratti bello e a tratti brutto, sono in viaggio ancora una volta attraversando la linea del giorno (e dell'anno). Arrivederci, Oz.






Saturday, December 26, 2015

Christmas South-bound

It is time for a winter break. Yes, already. Year 2015 passed so quickly that I barely noticed it.
It didn't even feel this December, we experienced a heat wave that made the temperature rise up to 22 celsius last weekend. It's still balmy, although I expect the biting cold to reach Tokyo very soon. Perhaps while I am away.

I was really good this time around, I sent my presents way early, and -oh the irony- they haven't arrived…I already see the disappointment on my nephews' and niece's faces for not receiving anything this year. Oh well, I'd have to make it up for it at the next chance.

I said goodbye to the coworkers, managing to ditch all the year-end parties without even pretend to be sad or sorry about it, I lightheartedly and happily dusted my desk and took all the mess away…it looked like no one had ever been sitting there.

Done with work, it was then time for the pre-departure anxiety to kick-in. Unpacked and disorganized till the very last few hours before take off, I am serious. I know the close friends who know about my OCD-ish nature won't believe it, but truth be told, I had to make an extra effort to clean my place up and sort my stuff out.
I had to turn to my favorite human to lower my stress levels. I went, got a loving lick on the face, let his eyes melt my fears away and then I was ready to go.

Easy to guess where I was headed to, this time of the year. Again, I was going to spend the Christmas holidays in a warm place. Yes, I am repetitive and predictable, but once one finds what works, one sticks to it.

I think I prefer not to be in Japan fro Christmas if I can help it. It is not really because I am one of those who must celebrate the event with presents and food, but because the atmosphere is not just the right one, there are no holidays in Japan for Christmas, there are way too many christmasy songs being played in ALL shops and streets, decorations are up in November already and are removed the day after Christmas. Too strange and, well, fake somehow.

And of all places, I think I prefer Australia. I know it is sad not to be with the family on this very special occasion, but I am done with over priced airplane tickets, over crowded airports and disruptions due to extreme weather. Also, I prefer being in my beloved Sicily when I can take advantage of its beauty and its beaches. So, yes, the way to south is easier. And a part of family is there too, waiting for me each year with undiminished affection. Celebrating Christmas in the hot weather, wearing shorts and sandals has become natural to me, although eating Christmas food is still challenging, because the menu is the same one that came to Australia with the first immigrants from Europe, rich and heavy, typical of winter.

The trip was long but not particularly tiring. I tried a new airline company, this time, and transferred in China. What struck me immediately was that in descending I couldn't really see much, and I thought the airport was in the middle of the nowhere. Instead, it was just so foggy that I could see the buildings only when we landed. Or maybe it was not fog, hard to tell. Even though Guangzhou, where I stopped over, is very far from Beijing where pollution levels are over the roof, there is a chance that it was polluted too. I guess Great Mother China only knows one way of welcoming travelers: via a thick yellow layer of dust.

A few movies and announcements later, I landed in Melbourne, where, instead, the sky was so blue and the sun so bright it almost hurts the eyes.

I carried my super small suitcase full of kit-kats of various flavors to share, not ready at all, not rested at all, but happy to see the people who always jump through hoops in order to make my stay the most perfect one.

Let the festivities begin. And Merry Christmas everyone.

*************

E si, e' gia' giunto il tempo per una pausa invernale. Il 2015 e' passato proprio velocemente, e questo dicembre addirittura non l'ho sentito per niente. Tra l'altro ha fatto abbastanza caldo, roba da 22 gradi di giorno, che non sembrava proprio inverno. Puo' darsi che mentre sono via le temperature si abbassino.

Stavolta sono stata proprio brava nel preparare i miei regali e spedirli, solo che, ironia della sorte, non sono arrivati. Mi sa che dovro' rimediare al dispiacere dei miei nipoti alla prima opportunita'.
Al lavoro, ho salutato i miei colleghi, e senza dispiacere sono riuscita a schivare i vari cenoni di fine anno che si organizzano e ho pulito la mia scrivania a cuor leggero. Alla fine era come se nessuno l'avesse mai utilizzata.

Una volta finito il lavoro per quest'anno, e' poi giunto il momento dell'ansia pre-partenza. Fino all'ultimo minuto non sono stata per nulla organizzata e con le valigie da fare. So che molti tra quelli che mi conoscono non ci crederanno, vista la mia personalita', eppure e' cosi, quest'anno ho proprio fatto tutto all'ultimo secondo, sistemare, pulire, e preparare. E' stato solo grazie al mio essere umano preferito se la calma e' tornata, dopo una visita lampo.

Comunque, la mia destinazione per questo periodo dell'anno e' molto prevedibile, e si si lo so che sono ripetitiva, ma quando si trova qualcosa che piace e funziona, lo si ripete. E io ripeto le mie ferie natalizie in un posto caldo. Quindi si va a sud.

Che poi, a dirla tutta, non e' che mi piaccia tanto essere in Giappone durante il natale. Non perche' io sia una di quelle che debba festeggiare necessariamente con regali e tonnellate di cibo, ma perche' l'atmosfera non e' per niente quella giusta, le decorazioni natalize cominciano ad apparire gia' a novembre, poi spariscono gia' il giorno dopo Natale, e poi sono stanca delle canzoni natalizie passate fino alla nausea. E' semplicemente troppo strano e in qualche modo finto.

Tra tutti i posti a disposizione, il mio e' l'Australia. So che e' triste non essere con la propria famiglia in questi giorni, ma non mi va proprio di dover sopportare il freddo, i costi dei biglietti esorbitanti, gli aeroporti affollati. E poi la mia bella Sicilia me la godo di piu' quando posso andare al mare. Tra le altre cose, c'e' un pezzo di famiglia pure in Australia che mi riceve sempre con immutato affetto. Ormai festeggiare il Natale in pantaloncini e ciabatte e' diventato la normalita', anche se ancora mi risulta difficile accettare il menu, visto che quello e' rimasto come un tempo, ricco, pesante e fatto per l'inverno.

Il viaggio non e' stato particolarmente pesante, seppure lungo. Ho viaggiato con una compagnia aerea diversa, e mi sono fermata in Cina. La cosa che mi ha colpito di piu' e' stata che durante l'atterraggio non potevo vedere proprio nulla, quindi pensavo che l'aeroporto fosse proprio in mezzo al nulla, invece mi sono poi resa conto che era solo una spessa coltre che impediva di vedere bene. Guangzhou, dove ho fatto scalo, non e' vicino a Pechino, dove invece i livelli di inquinamento dell'aria sono bestiali, eppure questo e' il benvenuto che la Grande Madre riserva a tutti, uno strato di polvere giallastra.

Melbourne invece mi ha accolta con un cielo blu e un sole talmente brillante da far male agli occhi.
Non appena sono uscita, col mio bagaglio minuscolo pieno di kit-kat diversi, stanca, impreparata ma felice di incontrare quelle persone che si fanno sempre in quattro per rendere la mia permanenza perfetta.

Che le feste abbiano inizio e buon Natale a tutti.

Friday, December 18, 2015

Coffee Festival at UNU

It finally happened that I visited the United Nations University. 
UNU is a recurrent acronym in my Tokyo life, because many of my good friends are or were working there. Apparently it is also one of the sights to see in Tokyo. So, after years of bypassing the building without paying attention to it, I found the excuse to go…and guess what: COFFEE. It indeed is the only one thing that could drag my sorry a** all the way to Aoyama, the hip and cultural area of Tokyo, for a two-day coffee festival happening right at UNU. That way I could hit two pigeons with a stone: see the place and check out the festival.

The place…well, the pyramid shaped layout the architect chose to build couldn't but remind me of hierarchies and chains of command. I am tempted to ask my friends what floor their offices are/were at, I wonder whether I'll get a rough idea of their level as well. There is an open space inside the building, like a court, and that's where -I guess- students can take their lunches, or just breathe fresh air. And here comes again the pyramid theme, as there is a Louvre-ish glass pyramid in the center of the court. I shall ask about it. Other than the presence of students and UN staff, conferences on global hot topics, like poverty, environment and such are hosted at UNU. There are galleries in the public areas that can be visited, but of course on a weekend entrance is closed to the public. Too bad.

On weekends, however, the area in front of the UNU centre is crowded anyway, as a famous market, known among the Japanese and the foreign community as the UNU farmers' market, takes place. It is there where products from the land, all organic, are sold by local producers. 
Now, the market WAS interesting. 
Fruits, spices, herbs, teas, handmade preserves and vegetables are neatly displayed on wooden racks, all sellers wear neat aprons, food trucks are parked all around the square space to feed the hungry. Some food trucks were the coolest example of how a minivan and food serving team up. If you thought food trucks only serve panini's or kebabs or fried potatoes, then think again. There even was a guy who made pizza in his minivan! Yes, pizza, correct. And the oven was fueled by a real wood fire! Not safe at all, maybe, considering how close the oven is to the petrol tank, but…I mean, it was pizza. Surely it was the highlight of the whole event.
On one side of the market there was a space for those who sell antique and second-hand items. In some cases, sellers were "antique" too…

The coffee festival…there can be a lot to say about it and nothing at the same time. The space was, in my opinion, not enough in order to contain the herds of people gathered for the occasion. All stands, or shall I say tables, were arranged all around the internal court, and people were queueing in front of each of them. They were queueing, first because that's what people do here in Japan, and second because they wanted to have a taste of this or that kind of coffee, so if they wanted to try several products before making up their minds and later buy what they liked, or just they were curious, they could buy a carnet of 5 tickets worth 5 sips of 5 different types of coffee. Third, because the Japanese loooooooove those "free trial" promotions, the line to get the ticket in order to wait in line at the stands was endless. If someone measured the line people made by queueing all day (10am to 4pm), this festival would enter the guinness book of records. No kidding. 
It goes without saying that I was NOT there for the tickets carnet, I was there just for the atmosphere, to take advantage of the good weather…I couldn't even smell the coffee!

In the end, the festival was a disappointment. It was on a smaller scale than I thought, and not that enjoyable seen the crowds, so I happily ditched it for a walk in the neighborhood with a more architecture-oriented, artsy focus…not that I spent too much time in looking for something interesting, though: in Tokyo interesting things come to you.

****************

Alla fine ce l'ho fatta a visitare l'università delle nazioni unite. 
L'acronimo UNU e' molto ricorrente visto che tanti miei amici ci lavorano o ci lavoravano. Tra le altre cose, pare che l'edificio sia uno di quei posti nella lista delle cose da vedere a Tokyo. E così, dopo esserci passata davanti senza prestarci attenzione, finalmente si presenta una scusa per poter andare: CAFFE. Non poteva che essere il caffè l'unica cosa che poteva tirarmi fuori di casa e andare fino a Aoyama, il quartiere culturale e alternativo di Tokyo, dove appunto c'era un festival del caffè che si teneva proprio a UNU. Praticamente prendo due piccioni con una fava: vado a vedere il posto e faccio una capatina alla manifestazione.

Per quanto riguarda il posto…allora, la scelta architettonica di costruire un edificio a piramide mi suggerisce solo gerarchie e catena di comando. Mi viene da chiedere ai miei amici a quale piano si trovassero gli uffici dove hanno lavorato e vedere se in effetti corrispondono a un certo livello professionale. All'interno del palazzo c'e' come un cortile interno che e' secondo il luogo dove gli studenti si recano per una pausa. E anche qui torna il tema della piramide, perché ce ne e' un'altra, che fa molto museo Louvre, al centro del cortile. A parte studenti e personale delle nazioni unite, ci sono anche molte conferenze su temi di impatto ambientale, povertà, e alte tematiche globali che vengono organizzate qui. Dentro il palazzo, nelle aree aperte al pubblico, si possono anche visitare alcune gallerie, che pero', visto che si era nel fine settimana non erano accessibili. Peccato.

Ma comunque, va detto che il piazzale di fronte al palazzo e' comunque pieno di gente nel fine settimana, perché e' li che si svolge il mercato, un mercato famoso tra i residenti. Vengono venduti prodotti come frutta e verdura organici, tutti prodotti locali, o anche spezie, oggetti realizzati a mano e altre cosine carine. Questo mercato si che era interessante! Tutto e' sistemato in maniera ordinata su scaffali di legno, i venditori indossano tutti grembiuli puliti e modesti, e tutto intorno alla piazzetta ci sono i camioncini con le cose da mangiare nel caso qualcuno si volesse fermare per un boccone. Alcuni di questi camioncini erano proprio l'esempio vivente e funzionante di come cibo e motori possano fare squadra. Se pensavate che i camioncini fossero buoni solo per i panini, ricredetevi, perché al mercato ce ne stava uno che addirittura serviva pizza. E con tanto di forno a legna dentro! Che poi non so quanto sia sicuro, vista la vicinanza di fuoco e serbatoio di benzina, ma lasciamo stare…
In un angolo del mercato invece c'erano quelli che vendevano oggetti d'antiquariato…che poi anche i venditori stessi mi sembravano veri e propri pezzi d'antiquariato…

Per quanto riguarda il festival…ci sarebbero un sacco di cose da dire e niente allo stesso tempo. Lo spazio dedicato alla manifestazione a mio avviso non era grande a sufficienza per contenere la massa di gente che e' andata. I vari stand, o dovrei meglio dire tavoli, erano sistemati tutti intorno al cortile interno, e le persone facevano la fila a ognuno di essi. Ora, facevano la fila intanto perché qui in Giappone si fa così, e poi perché tutti volevano assaggiare questo o quel caffè, e quindi nel caso in cui o fossero solo curiosi, oppure volessero provare diverse varietà prima di acquistare quella preferita, c'era l'opzione di comprare un set di 5 tagliandi da usare per 5 assaggi. E poi, terzo, visto che i giapponesi amano proprio queste promozioni "assaggio", c'era praticamente una fila infinita per comprare i tagliandi per fare la fila. Se qualcuno avesse misurato la fila che la gente ha fatto per tutta la durata della manifestazione penso che sarebbe entrata nel libro dei record. 
Non c'e' bisogno di aggiungere che io di certo NON ho fatto la fila…ero li più per l'atmosfera, per approfittare del bel tempo che per fare gli assaggi. 


In sostanza, per chiudere, sta cosa si e' rivelata una delusione. Al che, non volendo stare intrappolata nella folla, me ne sono andata in giro per Aoyama per una passeggiata a sfondo artistico-architettonico…che poi non ci vuole molto per trovare qualcosa di interessante, anzi: a Tokyo l'interessante trova te.










Sunday, December 13, 2015

Keep calm and back rub on

December starts with hound duty, again, for one week. Yess!

My favorite human was more than happy to see me, as far as my wild guess goes. He followed every step I took in the house, maybe just to make sure I wasn't going anywhere. Or perhaps was just making sure it was really me, like, pinch-me-I-cannot-believe-my-very-own-eyes-that-is-you. And I have to say that every time we get together we take important steps forward in the bonding process. This time, he understood I know the rules to his game and so I happily put wrestling and biting time into our routines. Bring on the playtime!

For some weird reasons, my temporary companion was way more attached than usual: on top of not leaving me alone for a minute (to the level of complaining behind the toilet door), he would not stop whining, almost howling, every time I was back in the evening, he slept glued to me, he also sat next to me and allowed me (read: wanted me) to rub his back. I mean, we did enjoy *every day* those otherwise uber rare moments where I could sit on the sofa watching movies and stroke his fur while he was asleep beside me. Bliss. Even when I was being very firm with him (he can't eat my food, period), he would just sit closer and body-language me the request of a massage. He only misses words. Seriously, he is too cute. You have got to see him when he's happy and waggles his curly tail. Too. Cute. 

One can argue that having a wolf at home helps staying warm in winter, and indeed I went to sleep under two thick blankets, one synthetic and one all natural hound fur. And with a second fur blanket I actually mean a thick layer of dog fur. Not only all over the bed, but all over the house. Instead of building up the winter fur, this dog was losing it!! Whenever he moved, it was like indoor snowfall. I ate fur, I breathed fur, I wore fur, I swept fur.

For my home-work route, this time, I replaced my commute of choice (bike) with train, I had to, as we all thought it was too cold to ride mornings and evenings. Well, we were wrong. The first few days the weather was indeed not so cold for cycling; so much that I found a little motivation to go pick up my bike and get back on a two-wheeled means of transport. But, alas, the fun lasted only a couple of days, because I caught a bad cold in the middle of the week and my friends from work convinced me to be a responsible person or I'd risk to fall ill to the point of not being able to take care of the dog…that thought made more tolerable having to deal with one of the worst species of humans: daily commuters. So. Train it was for the remaining week. Heh.

Having to use the train had disastrous consequences on my mood, as one could guess. All mornings, as soon as I reached the train station, all the hound-induced positiveness just faded and I had to wait until the end of the day when I was reunited again with my wordless, but expressive favorite human. 
I think I have reached the ideal groove with morning, evening and late night strolls, necessary for me to take a break from the hustle and bustle and for my the hound to stretch his legs and mark his territory (again, and at the very same spots each time, rain or shine). It is a bit too demanding, true, because by doing so I can't do anything else, I can't cook or bake, I can't concentrate and write, my free time between returning home and bedtime is very limited. But I consider the days spent like this a good chance to reevaluate what's really important. After all, I can disconnect for a week or two. Gladly. The world keeps spinning and won't notice. 

I remember liking summer night walks, but I reckon winter night walks are great too. I came to like these late night walks, especially. The air is thin and cool, and still. There is no one soul out on the streets, like gong out when the Super Bowl is up and all the people are home watching TV. The peace of the neighborhood was broken only at times by seeing other dogs, spotting a Japanese couple shagging in a car (true story), coming across night runners. It's that kind of peace that helped to relax at the end of a long and nervous day, although triggered sad thoughts sometimes. You know…feeling blue. It can happen.

In this respect, I think the dog and I became symbiotic in our mood swings. I can't tell whether it is the dog behavior that induces mine or vice-versa, but we both feel the same way at the same time and find solace the same way: a back rub (I mean, I stroke his fur ok). Even during a walk, there are moments when we stop, we sit cozy and just wait for the moment to pass. We get along just great, us two. Bonding process successfully accomplished?

By now I hope everyone reading has gotten a compelling wish to get a dog, but before you do, keep in mind that having a dog means, by first hand experience:

- you have no privacy whatsoever
- you will always have the feeling of being followed everywhere
- you will be stared at while you eat
- whatever thing you're eating, your dog wants it desperately
- don't wear nice clothes when playing or you'll end up wearing a colander
- you have exactly one nanosecond from the moment you open one plastic bag, wrapping, packaging to the moment your dog materializes
- all you bring home goes through an attentive and thorough nose inspection
- your dog sitting on your stomach is the sign you've got to get out of bed. Well, if you manage to get your dog off you, that is…

And one last very important piece of advice. A dog is not a toy, is not a mere company. They are not there for you only when you want to, only for your convenience. They need attentions, care, presence and patience. Think about the commitments you're making, the change in life you're going to experience before you get one.

****************

Dicembre inizia con un'altra settimana canina. Felicita'.

Il mio essere umano preferito e' stato super felice di ricevermi, almeno così ho pensato, visto che mi ha seguito passo dopo passo, probabilmente per assicurarsi che non sarei andata da nessuna parte. Oppure si voleva solo rassicurare che fossi io veramente io. Devo aggiungere che ogni volta che ci vediamo il processo che ci vede legare migliora, e stavolta ha capito che posso tranquillamente giocare al suo gioco di salti e morsi, e quindi ora e' parte integrante delle nostre giornate. Vai col divertimento!

Per qualche strana ragione pero', stavolta il mio compagno temporaneo era più attaccato del solito: a parte il non lasciarmi sola un solo minuto (al livello che non potevo neanche chiudermi in bagno troppo a lungo), ogni sera quando tornavo non la smetteva di mugolare, si addormentava appiccicato a me, si sedeva sempre attaccato alle mie gambe e si faceva accarezzare. Cioe, dico, ogni sera, ogni sera, mi dedicava quei momenti altrimenti rari in cui potevo sedermi in divano con lui accanto che si faceva accarezzare fino ad addormentarsi. Pure quando io ero dura con lui (tipo, il mio mangiare non e' il tuo e basta) , si metteva accanto a me e mi faceva capire che aspettava paziente un massaggio. Sul serio, gli manca solo la parola. E poi e' troppo carino. Dovreste vederlo quando scodinzola quella coda arrotolata. Proprio carino.

Ora, uno penserebbe che in inverno avere un cane a casa aiuta a stare caldi, e per davvero e' così. Infatti io praticamente dormivo con due coperte, quella sintetica e quella di vera pelliccia. Ma nel senso che il letto era ricoperto da un ricco strato di pelo. E non solo il letto, tutta la casa era piena, tant'e' che respiravo, mangiavo, vestivo e pulivo il pelo che il cane perdeva. Stranamente, si si, perché di solito in inverno dovrebbero invece mettere su pelliccia, invece che perderla, no?

Stavolta, per quanto concerne gli spostamenti casa-lavoro, ho dovuto rimpiazzare la bici col treno. infatti, ho dovuto farlo visto che all'inizio si sentiva che sarebbe stata una settimana fredda. Non potevamo sbagliarci di più. I primi giorni della settimana faceva non tantissimo freddo, così che ho raccolto un po' di motivazione in braccio e sono andata a prendermi il mio mezzo di trasporto preferito. Purtroppo pero', il divertimento e' durato solo un paio di giorni perché mi sono presa un brutto raffreddore. Io sarei tranquillamente andata in bici comunque, pero' i miei cari colleghi mi hanno fatto desistere, così da non rischiare di ammalarmi di brutto e non essere in grado di badare al cane…solo questo pensiero e' bastato per rendere tollerabile la coesistenza con una delle specie umane peggiori: i pendolari. E così, treno fu per il resto della settimana. E vabbe'.

Come si può ben immaginare, viaggiare in treno ha avuto effetti disastrosi sul mio umore. Tutte le mattine, non appena raggiungevo la stazione, tutta la positività mi abbandonava e dovevo aspettare fino alla fine del giorno per ritornare al mio umano preferito che senza parole si esprime più che bene.

Penso di aver raggiunto il ritmo ottimale di 3 passeggiate al giorno, necessarie sia a me per estraniarmi dalla frenesia lavorativa e sia al cane per sgranchirsi le gambe e fare il solito giro di marcatura del territorio, sempre negli stessi posti, ovviamente. Chiaro, e' un po' tanto, anche perché così facendo non mi resta tempo per null'altro, eppure questi giorni spesi così mi servono per rivalutare ciò che davvero e' importante. E poi, che volete che gliene freghi al mondo se mi disconnetto per una settimana o due…

Ricordo che mi piacevano un sacco le passeggiate nelle notti estive, ma devo dire che anche quelle invernali non sono da meno, in particolare quelle proprio nel mezzo della notte. L'aria e' sottile e fresca, e immobile. Non c'e' un'anima per le strade, come quando uno esce il giorno che c'e' il Super Bowl in TV. La pace del quartiere viene interrotta ogni tanto solo dalla saltuaria corsa sportiva di qualcuno che si allena, o qualche altro cane, o una coppia imboscata in macchina ..no no sul serio, visti! Comunque, in giro c'e' quella pace che aiuta tanto a rilassarsi dopo una lunga giornata snervante, anche se può portare a pensieri tristi ogni tanto. Ma va bene, può starci.

Per quanto riguarda l'umore, sono sempre più convinta che io e questo cane siamo simbiotici, ci sentiamo alla stessa maniera allo stesso momento…non so chi induca l'altro, ma risolviamo il problema alla stessa maniera: un massaggio (io al cane, chiaro). Persino durante le nostre passeggiate, ogni tanto ci fermiamo un attimo, vicini, e aspettiamo che passi. Proprio una bella coppia. Direi che il processo di affezione reciproca e' concluso?

E ora penso che chiunque legga delle mie storie canine abbia sentito il bisogno di prendere un cane…beh, prima pensate a cosa significa (parlo per esperienza diretta):

- non esiste privacy
- sei sempre seguito ovunque vai
- quando mangi sei osservato
- qualsiasi cosa mangi, il cane la vuole disperatamente
- non indossare mai vestiti buoni quando giocate o ti ritrovi a vestire uno scolapasta
- hai esattamente un nanosecondo dal momento in cui apri una busta e il momento in cui il cane si materializza 
- qualsiasi cosa che porti a casa viene minuziosamente annusata per ispezione
- il segno che e' giunto il momento di alzarsi e' un cane seduto sul tuo stomaco

Ora, un'ultima raccomandazione seria. Un cane non e' un giocattolo ne' una mera compagnia. Un cane non e' li per te solo quando vuoi tu. Un cane vuole attenzioni, pazienza, cure e presenza. Prima di prenderne uno assicurati di comprendere bene a quali cambiamenti la tua vita andrà incontro.