Sunday, May 17, 2015

Half time report - no bulls*it

Ten days after starting hound duties things get complicated: after the long (so longed) break, I had to go back to work.

I certainly didn't need to try and live far away from the workplace to appreciate the convenience of an apartment close to the office...I was already grateful for that. Better: I did choose that.
Besides the obvious benefit of lack of commute, there is no other advantage, really. No, okay, I get to enjoy my slow morning routine, too.

So, first time after 8 years (although I used to live far from the workplace when I first moved to Japan) I did commute to work. And commute in my vocabulary is torture, you know, the anthropophobia, the lack of personal space, the mix of odors, the over-crowdedness, the lack of people's spacial awareness, delays...

But I survived 5 days of that. I actually got into the routine smoothly (read: I didn't panic). I am proud of myself for enduring this much. The entire working week I managed to get on my train at 8am sharp, miss no connections, and, above all, avoid the packed train cars at rush hour...

What else changed from my usual days? And is it better or worse?

Having a dog imposes a strict discipline, like morning and evening walks to name just a couple of duties you won't be able to run away from, and if you try to stay in bed you'll have a dog whining, pow-ing you, jumping on the bed and sit on you (annoying level: heavyweight), licking your face, pulling the covers you ably used to hide, growl at you. I have to say I do like them, I mean, the walks not the growling, especially early in the morning and late in the evening, when the city is quiet, not too hot, slow and, especially at night, smells of fresh grass and seeds.

Same as my dog-less routine, I do wake up at the same time (EARLY), with the difference that now in a three hours span I tetris in: walk the dog, make coffee, shower, eat breakfast, 90min commute. Before, breakfast alone took me more than 1 hour (that's my slow morning routine).

Evenings are more or less as tetris-ed: rush to the trains, get the shopping done on the way, walk the dog, eat dinner, pass out. Simply put, there is not time for bulls--t.

Beside the army-like schedule, the company of a pet and the mutual attachment developed are priceless and worth every second. The bonding process is slow on the dog side, remember that those animals are faithful and loyal to their own human only, but little by little they get to trust the step-owner as well.

The bad side is, no need to say, the commute: takes too long and exhausts me, psychologically mostly. Even though I managed to stick to a commuting route that makes a loop and by doing so avoids congested trains and times (worked like a charm), I still hate commuting...I wanted to scream on my second day already, but looking back at it I have to confess that it was not as bas as I had envisioned.

Another thing on the bad side: definitely forget about long fingernails or nail polish...oh, and remembering to put on some face cream before leaving home is already going through the whole beauty routine as well...

What got better is that there is someone always waiting for me at the end of the day and happy to see me. I still think the dog is happier because he knows he'll get out of the house than because I am back, but, hey, he's the one who gets to spend most of the day alone, so I totally accept that...in return he thanks me with lots and lots of grooming, that is he licks my arms and hands thoroughly. Gratitude is mutual.

But, and this will be another story, the next two weeks I will switch commute: I got a bicycle. Gratitude is doubled.

***************

Dopo dieci giorni a badare al cane le cose si fanno complicate: eh si, perche' dopo una tanto desiderata pausa, si deve tornare al lavoro.

Ovviamente non era necessario spostarmi lontano per apprezzare la comodita' di abitare vicino all'ufficio...anzi, la davo gia' per scontata e meglio ancora l'ho proprio voluta. Oltre al vantaggio della vicinanza non c'e' tanto altro...a parte no, va bene, anche il fatto che me la posso prendere comoda la mattina.

Per la prima volta dopo ben 8 anni, seppure quando arrivai in Giappone ho fatto per un po' la pendolare, mi ritrovo ebbene si, a viaggiare ogni giorno. E si sa che per me la parola pendolare e' definita come tortura....si sa, la mia antropofobia, gli odori, la mancanza di spazio personale, la confusione, i ritardi, la mancanza di coordinazione degli altri...

Ma alla fine sono sopravvissuta a tutto questo per ben cinque giorni, e anzi non mi sono lasciata prendere dal panico mentre mi sono adattata alla situazione abbastanza bene e per una settimana di fila sono anche riuscita a prendere il mio treno alle 8 in punto, non ho perso nessun cambio e, soprattutto, ho scelto un percorso che tra tutti era il meno affollato. Mi posso considerare soddisfatta di me stessa.

Cos'altro e' diverso da prima? Ed e' in meglio o in peggio?

Il fatto di avere un cane comporta un sacco di disciplina, ad esempio le passeggiate mattutina e serale non si possono saltare, e se lo si fa, c'e' un cane pronto a ricordarlo con lamenti, zampate, salto sul letto con seduta sulle gambe (della serie, rompiscatole livello massimo), leccate in faccia e in ultimo sequestro della coperta con tanto di ringhio giusto per essere piu' efficaci. Devo dire che mi piacciono, le passeggiate, dico, non le torture, perche' la citta' e' ancora fresca, calma e nell'aria si sente il profumo del verde e dei semi.

Uguale come alle mie pratiche senza compagnia canina, la mattina mi sveglio allo stesso orario (presto, molto presto), ma con una grandissima differenza: mentre prima la colazione mi prendeva un'ora abbondante, ora in sole tre ore incastro passeggiata, colazione, doccia, spostamento di 90 minuti in treno. Alla sera, piu' o meno lo stesso gioco di incastri: corri a prendere il treno, fai la spesa per la via, passeggia il cane, cena, svieni a letto. Insomma, non c'e' spazio per la nullafacenza.

Ora, nonostante i casini, la compagnia di un animale e l'affetto reciproco che si sviluppa sono impareggiabili. Da parte dell'animale il processo di dare fiducia e' molto lento, bisogna sempre tenere in mente che i cani sono fedeli e leali solo al loro padrone, eppure pian piano riescono a fidarsi anche di altri.

Il fattore negativo e' senza bisogno di dirlo, la distanza in treno che soprattutto psicologicamente mi distrugge. Anche se sono riuscita a organizzarmi il mio giro senza incontrare troppa confusione, il fatto di prendere i treni comunque lo odio...gia' al secondo giorno ero stressata, ma guardando ora indietro devo dire che non e' stato poi tanto terribile.

Un'altro lato negativo della nuova situazione: dimenticatevi di unghie curate e smaltate..e se proprio vi ricordate di mettere la crema sul viso la mattina, beh, avete gia' finito con i trattamenti di bellezza...
Una cosa che' e' meglio di prima e' che ora ogni sera c'e' sempre qualcuno a casa felice di rivedermi.

Sono ancora convinta che la felicita' e' piu' verso la prospettiva di uscire che quella di rivedermi, ma che volete alla fine e' il cane quello che si passa una lunga giornata da solo, quindi questo atteggiamento mi sta piu' che bene. Il ringraziamento lo ricevo sotto forma di cure, in particolare pulizia tramite leccaggio di mani braccia. La gratitudine e' reciproca.

Ma, altra storia per il futuro, per le prossime due settimane la pendolare la faro' in bicicletta. E la gratitudine si raddoppia.



Saturday, May 16, 2015

Involtini school

Second cooking class of my career, and I am already teaching in a kitchen that's not my own!

With the hound duties in my calendar, the only way to keep up with the lessons was to simply notify a temporary change of address and hope my students could tolerate the presence of a big dog walking and nosing around the house.

The kitchen in the house I am at the moment is a little bigger than mine, with a lot more gadgets and a nice layout. We could comfortably fit 5 people in the cooking area, in order for the students to see and practice, with an occasional visit of a curious dog.

The whole lesson was a bit of a challenge, especially to my guests, who probably were not used to a pair of ears suddenly sticking up between them and the table, but I have to say that they were fine and I am super grateful at their putting up with his personality (caninality?)... I did prepare also an emergency pork rib, just in case things would not look good.

At the beginning, when they arrived, the dog was jumping around (and on them) so much that we had to take the first 15 minutes to calm him down. In a few occasions I had serious troubles in preventing him to terrorize my guests...you know, your average Japanese women, tiny and not too tall, who can definitely get scared if they see a dog as tall as they are jumping madly. I do hope that the girls were not too traumatized by the experience, although after the initial insanity all went well and he even asked them for back rub and to play.

A nice surprise was to see that one of my students took my first class as well, which makes me think that she liked me. Yess!

This time the menu was made of pasta, beef rolls on sticks, a simple tomato salad and a chocolate mousse that was a killer. Simple and basic ingredients for a nutritious and light meal.

Once again, I made sure my students had a hands-on experience, with the making of the meat rolls, the chopping and the slicing of all ingredients and the creaming of the mousse. Why? Because they are here to learn, and because every result is more rewarding if it is a product of one's effort.

We had no leftovers this time, certainly not because we didn't cook enough food...

So, once again, a success...I hope!

**************

Con la seconda lezione di cucina della mia carriera mi ritrovo gia' in una cucina che non e' quella di casa mia! Visto che mi prendo cura di un cane, l'unico modo per poter continuare con le lezioni era quello di notificare il cambio temporaneo di domicilio e sperare che i miei studenti non si intimoriscando per la presenza di un cane in casa che gironzola e annusa.

La cucina in questa mia casa temporanea e' un poco piu' grande della mia, con molti piu' utensili e ben pensata. Cinque persone siamo riuscite a entrarci, cosi che era possibile osservare e provare, e ogni tanto ricevere pure una visita da un cane curioso.

L'intera lezione e' stata un po' faticosa, specialmente per le mie ospiti che probabilmente non sono abituate a vedersi spuntare un paio di orecchie da sotto il tavolo, ma devo dire che si sono trovate bene e devo ringraziarle tantissimo per essersi sciroppate tanta caninita'...per non lasciare nulla al caso avevo anche preparato una bella costina di maiale per lui, proprio per evitare casini.

All'inizio il cane era talmente preso che non la smetteva di saltare addosso a tutti e ci sono voluti almeno 15 minuti per tornare alla calma. In un paio di occasioni ho anche avuto serie difficolta' a fermare le sue attivita' terroristiche...del resto, con le giapponesi minute e sottili che ci ritroviamo, avere un cane che quando si alza e' alto piu' di loro non e' che poi ci si senta proprio rilassati. Spero tanto che non siano rimaste traumatizzate dall'esperienza, sebbene all'insanita' iniziale tutto e' andato bene.

E' stata una bella sorpresa rivedere una studentessa che aveva gia' partecipato alla mia prima lezione, quindi deduco che le sono piaciuta.

Stavolta ho preparato un menu semplice ma nutriente e allo stesso tempo leggero: spaghetti alla norma, involtini di carne, insalata di pomodoro e una bella mousse delicata al cioccolato che ha steso tutte. Come gia' la volta precedente ho cercato di coinvolgere le ragazze in tutte le fasi della preparazione, tagliare affettare sminuzzare preparare gli involtini, montare la mousse. Tutto cio' serve a farle imparare e poi il fatto che il risultato appaga di piu' se lo si raggiunge con il proprio impegno. No?

Stavolta non abbiamo avuto avanzi, e certamente non e' stato perche' non abbiamo cucinato abbastanza....quindi, spero che anche stavolta sia stata un successo.






Friday, May 8, 2015

Magritte at NACT

The world is a small place, and it is proven by the fact that in a big city like Tokyo, in a small bar among the thousands out there, I met a person from Sicily, and of all he is a friend of my high school mates'.

Really a small world.

Now that he's stably living here with his partner, we're trying to hang out more or less regularly. On a last minute call we agreed to spend the holiday together, especially now that we live sort of close to each other...while I am in Meguro, that is.

After having lunch in Daikanyama (super nice and cool neighborhood in Shibuya), we set off to one of the most interesting looking buildings in town: the National Art Center in Roppongi. The architect Kisho Kurokawa devised a great design for the building, which covers a scaring 30,000 square meters area. The facade is wavy, built in mirror and glass, and plays amazing light reflections inside and outside. One of the places in my must-see list can finally be ticked off.

The reason why we went there was to watch Magritte exhibition. I missed to visit the museum with his works when I traveled to Brussels, so now that I am given a second chance (a bigger one, since the collection is arranged via a collaboration of three museums) I am not going to miss it. The amount of art works comprising the exhibition was way beyond expectations, not to mention the quality: first the need of money made Magritte draw shows fliers and posters, manual illustrations and such. Later on, his paintings on surrealism made him the most known artist of the past century.

This artist is so unique and enigmatic that although interpretations of his art exist, the symbolism and the abstractions are so multi layered that a final agreement on meanings might be impossible.

Spheres, recalling most likely bells he heard in his childhood, hats, figures of the artist himself in a suit, busts, lions, stones and clouds, are recurrent in all Magritte's masterpieces, a clear message of the impenetrability and the darkness of human mind.

I was glad I endured the long queue to get our tickets, this way I could a) share quality time with friends b) check out the art center c) educate myself.

***********

Il mondo e' piccolo, e ne e' prova il fatto che in una citta' grande come Tokyo, in un piccolo locale tra migliaia, incontro una persona della Sicilia, e tra le altre cose un amico dei miei compagni di scuola. Il mondo e' proprio piccolo.

Ora che si e' stabilito qui con la sua ragazza, cerchiamo di incontrarci piu' o meno regolarmente. Per adesso che abitiamo relativamente vicini, fino a che sto a Meguro, ci siamo messi d'accordo in una cosa dell'ultimo minuto e abbiamo trascorso una giornata di festa assieme.

Dopo aver pranzato a Daikanyama (un quartiere molto inn di Shibuya), ci dirigiamo verso uno degli edifici piu' interessanti di Tokyo: il centro d'arte nazionale a Roppongi. Quest'edificio e' stato progettato da Kisho Kurokawa, copre una superficie di 30mila metri quadri ed e' interamente costruito in vetro e metallo, la facciata ha un andamento sinuoso e ondulato e l'effeto di luci e ombre per via dei vetri, sia dentro che fuori e' suggestivo. Finalmente un di quei posti da vedere nella mia lista si puo' depennare.

La ragione della nostra visita al museo e' per la mostra su Magritte. Quando mi trovavo a Brussels non sono riuscita a visitare il museo nazionale, e quindi ora che mi viene data una seconda possibilita' (tra l'altro una mostra immensa che nasce da una collaborazione tra tre musei) non me la voglio certo perdere. La quantita' di opere esposte va al di la' di ogni mia aspettativa, per non parlare della qualita': all'inizio Magritte si dedico' a locandine di spettacoli e manuali pur di racimolare qualche soldo, poi con i suoi dipinti surrealisti lo resero l'artista piu' famoso del secolo scorso.

Quest'artista e' cosi' unico e enigmatico che, nonostante esistano interpretazioni di tutti i suoi lavori, il simbolismo e l'astrazione sono tali da rendere impossibile un accordo tra le varie ipotesi.

Sfere, che quasi sicuramente richiamano i campanelli sentiti durante gli anni della giovinezza, cappelli, ombre dell'artista stesso, busti, nuvole, leoni, rocce sono tutti elementi ricorrenti nelle opere di Magritte, un chiaro messaggio di quanto oscura e impenetrabile sia la mente umana.

Alla fine e' stato un bene aspettare in fila per entrare al museo, cosi' ho infatti potuto a) passare una bella giornata con amici b) andare finalmente al centro d'arte e c) edificare lo spirito.






Wednesday, May 6, 2015

Exotic discovery

You know you haven't been out and about for long when you go to a very popular park in central Tokyo e you don't know there's a huge greenhouse there.

Today I finally could meet a friend who became a mother just a month ago, and we decided to check Shinjuku Gyoen, the most visited, biggest garden in Tokyo, and I was surprised (we both were) to see a huge modern glass building which turned out to be a nice green house, complete with a pond with lotuses, a waterfall, coffee plants, cactuses and giant orchids...

Beautiful place to be, even for a very short period of time, and to feel somewhere exotic, the collection of plants is remarkable, given the small size of the green house.

It reminds me of the existence of a big tropical garden place near the bay (Yumenoshima park), which I haven't yet ticked off my list but that I am sure deserves a trip sooner or later. I do need to find hidden spots, secret gardens in this overpopulated city, or else I will forget what nature looks and feels like.

Shinjuku Gyoen garden is such a place, it can still be crowded at times, but overall is far enough from the station and from the city noise to maintain its charm and beauty.

The peace and quiet of the garden, coupled with an amazing day, were the perfect settings for a stroll of two women and a baby. Hadn't we done so, we wouldn't have a story to tell about banana trees and cactuses.

*************

Sai che non sei stata in giro per lungo tempo quando vai a un parco famoso al centro di Tokyo e non sai che c'e' un vivaio in un angolo del parco.

Alla fine, sono riuscita a incontrare un'amica che e' diventata mamma da poco e ci siamo organizzate per vederci a Shinjuku Gyoen, il giardino piu' grande e piu' visitato di tutta Tokyo, e potete immaginare la mia sorpresea (la nostra, a dire il vero) al vedere questa serra enorme costruita da poco, con dentro laghetto con fiori di loto, cascata, piante tropicali e persino orchidee giganti...
Un posto proprio bello, anche per una visita breve, dove sentirsi in posti esotici e lontani.

Mi fa pensare che nella baia c'e' un altro giardino botanico (Yumenoshima park) che ho li nella mia lista di posti da vedere prima o poi. C'e' bisogno di trovare questi posti nascosti di tanto in tanto cosi da non dimenticarsi della bellezza della natura, che e' facile in una citta' di queste proporzioni.

Il parco a Shinjuku e' proprio uno di questi, che seppur puo' essere affollato a volte, rappresenta un'oasi di pace e tranquillita' proprio in mezzo al rumore cittadino. Ora, tale pace combinata con una giornata ideale per due donne e una bambina rappresenta un'opportunita' difficile da ignorare. E se non l'avessimo fatto, non starei qui a parlare di alberi di banana e cactus.



Monday, May 4, 2015

Golden Staycation

I always mention Golden Week this time around...but what is it?

The end of April is the beginning of an exodus. With April 29th - Showa day - the so called Golden Week starts, which for many Japanese represents the longest vacation of the year, and it continues with May 3rd (Constitution memorial day), May 4th (greenery day) and May 5th (children's day). And if, like this year, one of the holidays fall on a Sunday, it gets shifted to the next Monday as a substitute.

Now some interesting facts: because so many holidays were concentrated in this part of the year, the companies whose businesses were leisure related saw an increase in their incomes exactly during this week, and so the name 'golden' given to the golden week has an obvious meaning.

Many Japanese take days off between April 29 and May 3, or even more, some companies close down completely. During this period, both because of the long vacation and the nice weather that pushes to escape the city, the Japanese travel al lot. They travel so much that it is very common to pay triple costs in the touristic areas in Japan and for buying tickets to fly abroad. Very favorite destinations are the town where their families live, and another top activity for this holiday is attempt an insane tour of a whole continent abroad in one week (i.e. Europe's 8 top capital cities in 8 days).

Besides the political and more social kind of the May 3rd and 4th meaning, May 5th is the most meaningful day, a day when the personalities of children are celebrated, with attention to the boys (girls' day is on March 3rd, actually, also known as dolls festival). Families with boys raise flags with the shape of a carp (koinobori 鯉のぼり), as it is believed from the Chinese tradition that a carp swimming against the current becomes a dragon, and the flags hung in the wind indeed look like swimming fish that is, it brings good luck. All around Japan it is common to find those fish kites raised everywhere.

I am on vacation until May 10, this year. No, I am not going anywhere, this time. If you haven't been following the latest developments, you should know that I opted for a stay-cation. Not at mine, though. So, technically, as I am living in a room other than my own, I am on vacation. However, my vacation is in Tokyo, and with no plans what-so-ever.

To say the whole truth, I did plan something. I was counting on a few bike rides between Shibuya and Yokohama in these days, but I had to change plans. So, I walk the dog for a longer time, choosing a different road each time and explore the neighborhood. Or I see friends for lunch in the city.

All considered, it could be worse. I could be just staying home (my own home)...

*************

Di questi tempi parlo spesso di Golden week. Ma che cos'e'?

La fine di aprile è l'inizio di un periodo di esodo. Con il 29 aprile incomincia infatti la cosiddetta golden week, il più lungo periodo di vacanza per molti giapponesi che include 4 diverse festività pubbliche: Showa day il 29, poi 3 maggio constitution memorial day, 4 maggio greenery day e 5 maggio children's day. Se poi, come accade quest'anno, una delle festivita' cade di domenica, la si sposta al lunedi successivo, e difatti quest'anno abbiamo un giorno in più di vacanza grazie a questa salvifica domenica.

Alcune curiosita': poichè in questo periodo si concentrarono così tante festività, le compagnie che basavano i loro profitti sull'intrattenimento vedevano crescere i loro introiti proprio durante questa settimana, e quindi la settimana in questione venne ribattezzata proprio golden week, dove il golden sta appunto a significare un periodo d'oro di incassi record.

Molti giapponesi prendono le ferie tra il 29 aprile e il 3 maggio, o addirittura alcune aziende chiudono proprio, e in questo periodo, vuoi per la durata delle vacanze, vuoi per il tempo metereologico che spinge ad evadere, viaggiano parecchio. Viaggiano così tanto che è naturale trovare costi triplicati nelle zone turistiche in Giappone e costi triplicati dei biglietti di viaggio per recarsi all'estero. Mete preferite dai giappi, sono o tornare dalla famiglia di origine e trascorrere qualche giorno con loro oppure avventarsi a un folle tour di un intero continente straniero in una settimana.

Il 3 e 4 maggio sono comunque festivita' piu' politiche e sociali, mentre quella del 5 maggio, il giorno dei bambini, e' molto piu' importante. In questo giorno si celebrano i figli maschi (per le femmine c'e' il 3 marzo, noto come festa delle bambole), e in tale occasione si appendono bandiere a forma di carpa. In base alla tradizione cinese, una carpa che nuota contro corrente diventa un drago, di conseguenza queste bandiere a forma di pesce che si muovono al vento sono di buon auspicio. E di conseguenza, dappertutto in Giappone e' possbile vedere tante di queste bandiere.

Quest'anno sono in ferie fino al 10 maggio, ma non sono andata da nessuna parte. Se non avete seguito gli ultimi sviluppi, sappiate che ho optato per una vacanza a casa. Che poi, tecnicamente parlando, vacanza lo e' visto che sto a casa non mia, seppure a Tokyo. E, cosa ancora piu' strabiliante, non ho pianificato proprio nulla. Stavo, a dire il vero, pensando a qualche tratta in bici, tipo da Shibuya a Yokohama, solo che ho dovuto cambiare programmi. Invece, faccio fare passeggiate piu' lunghe al cane cosi che mi metto anche a esplorare la zona, oppure mi vedo a pranzo in centro con amici.

Tutto sommato, poteva andarmi peggio: potevo stare a casa (mia) e basta...




Sunday, May 3, 2015

Cooking video shooting

How many times did I say already that I started cooking classes through Tadaku? Many.

But did I say that I participated in a cooking video with the same Tadaku crew? It was not a full one hour video where I explain how to cook something, rather a one minute or less clip, one in where someone explains some curious facts about this or that thing (like, the origin of the word mayonnaise, or how to cut a baguette). The video I took part in, reveals the secret of how to make a perfect, Sicilian style coating with bread crumbs. I say no more, you have to watch the video once is out.

Because we shot the video at my temporary house, I wasn't entirely sure on how the dog would have behaved, especially knowing that he chooses his targets among those who are not friends of the family (here I mean his owner's friends) following a random, unbiased process. But it went super well, he was super welcoming (huge amounts of jumping and licking) and he even dozed off (as in, there is no food coming my way so I am not interested) for a bit.

Unfortunately (or maybe fortunately), he won't be in the video, because he was either getting back-rubbed on the other side of the room or he was, as said, unimpressed. Perhaps he has a feel on our acting and doesn't believe in a career in the show-biz...hm.

I was wearing the apron I received as a good luck present from my back-to-back office co-worker and friend, who thought I had to have one for my nascent career (obviously he put more trust in me than the dog did). The apron was not coordinated with the one the video host was wearing, but it looked very cute, so I got the OK.

Of the 2.5 hours we took, you'll eventually see 60 mere seconds. A plan in using all the cut (read: embarrassing) scenes is on its way, but I can't promise anything right now.

Video HERE

***********

Quante volte ho gia' detto che ho incominciato lezioni di cucina tramite tadaku? Tante.

Ma ho gia' detto che ho partecipato a un video di cucina con gli stessi signori Tadaku? Non era un vero e proprio corso di un'ora dove spiego tutto quello che cucino, ma piuttosto una clip di un minuto circa, del tipo che uno spiega fatti curiosi, pillole (tipo l'origine della maionese, o come tagliare il pane). Nel video a cui ho preso parte si rivela il segreto di come ottenere una panatura perfetta. Non dico altro, dovete guardarvi il video appena e' pronto.

Siccome il video e' stato fatto nella mia casa temporanea, non e' che fossi tanto sicura di come il cane l'avrebbe presa...soprattutto conoscendo che la selezione delle sue vittime tra gli sconosciuti segue un processo del tutto casuale. Ma invece e' andata benone, e' stato molto accogliente (con una buona dose di salti e leccate) e si e' pure appisolato. Per la serie, se non ci sta da mangiare per me, non mi interessa proprio.

Purtroppo (o forse per fortuna) non ci sara' nel video, perche' o si stava facendo accarezzare oppure, come detto sopra, non era per nulla impressionato. Forse sa che la nostra carriera in televisione proprio non decollera'.

Ora, delle due ore e mezzo di fatica, alla fine verra' fuori solo un video di circa 60 secondi o meno. C'e' l'idea di utilizzare le parti tagliate (leggi: imbarazzanti), ma per ora non prometto nulla.
Il video e' QUI


Saturday, May 2, 2015

Hound duties - good and bad

I don't need to worry where I am going when I walk the dog, nor how long I have been walking him for: if either I take a wrong turn or I want to go back home too early, he simply sits down in the middle of whatever road. Let the night walks alone, which are actually more than fine, morning walks can be a problem if running on a tight schedule (you have a meeting at 9am and doggy is stubborn enough to stop and sit...makes your patience go north).

I learned about when he's going to growl (so I can reassure him), who or what he's going to chase (so I can make detours in our walking route), when he's thirsty (today he just stopped at a water fountain, giving a clear message), when he's understood me (he stops at crossings), when he's happy (he acknowledges my presence), when he's annoyed (he snubs me). It's not even been a week together and I am already sad every time I have to leave the dog alone, because I know he knows that his expectations of going out were crushed. What's going to be of me once I'll return to my ordinary life?

I am winning his trust a bit more each day: one day he decided he can involve me in his game (he comes to me holding his camouflaged pet bottle toy asking for rough play), then that he can groom me by licking my hands and arms and neck and face, then that he can also jump and bite when we are at the park. The long intervals between playtime are plain simple ignoring my presence.

I can take the dog jogging with me, and he seems to like it very much, actually being the one to start the faster walk. It goes seamlessly, until he catches a strong odor, and stops abruptly. That's when I nearly dislocate my shoulder.

Walking a dog in the park at night is a blissful routine: not only I am safer than I can possibly be (try and approach me in the dark, see who will become the victim...), but I also get to exercise, breath fresh air, see the moon through the trees, think. He receives in a walk through the park more compliments than I have received in my life. He's told he's cute, cool, terrific, smart, handsome, he draws everyone's attentions, kids want to touch him (unaware they represent bite size treats), there is even a nut case guy I've spotted around every day who says who knows what and he's praised the dog. In a word he's a star.

As I was warned, I am confined to one tiny tiny corner of the bed. The rest, is his.

*************

Non mi devo preoccupare di dove vado o di quanto tempo ci impiego quando sono a passeggio col cane: o faccio la strada sbagliata o rientro prima del previsto, lui semplicemente si ferma e si siede nel bel mezzo della strada. Ora, nella passeggiata serale ci puo' anche stare, ma il problema e' alla mattina...se un per esempio ha un impegno alle 9 e lui decide di fare i capricci, ecco che la pazienza si perde subito.

Ho imparato tanti segnali, tipo quando sta per ringhiare cosi che lo tranquillizzo, chi o cosa decide di inseguire cosi che posso cambiare tragitto e evitare tragedie, quando ha sete (non c'e' messaggio piu' chiaro del fermarsi davanti a una fontana), quando mi capisce e si ferma agli incroci, quando e' felice (mi considera), quando e' indispettito (mi ignora). Ora, non e' neanche una settimana che mi prendo cura di un cane che gia' mi sento triste ogni qualvolta devo lasciarlo a casa, perche' so che sa che la prospettiva di una passeggiata e' svanita. Che ne sara' di me quando tornero' alla mia vita di prima?

Un pochino ogni giorno sto ottenendo la sua fiducia: prima decide che mi puo' fare giocare con i suoi pupazzetti, poi decide che si puo' dedicare alla mia pulizia leccandomi mani braccia collo faccia, poi decide persino che mi concede il gioco duro dandomi morsi e saltandomi addosso. Nei lunghi intervalli tra un gioco e l'altro semplicemente non mi degna di confidenza.

Posso andare a correre e portarmi il cane che pare gli piaccia tanto, infatti e' lui il primo che parte con la corsa, e il tutto va benone fino al momento in cui si ferma di botto perche' ha sentito un odore forte. E li' ecco che mi parte una spalla.

Il rituale della passeggiata serale nel parco e' proprio una benedizione: non solo sono piu' al sicuro che mai (provate ad avvicinarmi mentre passeggio il cane e vediamo che alla fine e' la vittima...), ma in aggiunta faccio esercizio, respiro aria fresca, guardo la luna tra gli alberi, penso. Ora, l'amico a quattro zampe in una sola passeggiata al parco riceve tutti i complimenti che io ho ricevuto in tutta la mia vita: carino, bello, simpatico, fichissimo, eccetera. Pure il matto del parco, il tipo che vedo tutte le sere, farfuglia qualcosa che sicuramente e' un complimento, i bambini vogliono accarezzarlo, ignari del fatto che rappresentano un bocconcino succulento, ognuno si gira e commenta. Insomma, lui e' una celebrita'.

Di questo ero stata avvisata, che del letto a me tocca solo un angolo, mentre il resto delle due piazze e' suo.




Wednesday, April 29, 2015

Showa day with a special housemate

It's Showa Day today in Japan!

Once the birthday of the former emperor, the date was later changed into Greenery day in honor of the former emperor's love for nature and later became the day to remember the former emperor of the Showa dynasty, while the Greenery day was moved to May 4, and the Golden Week was initiated.

So, what do the Japanese do on this day? Not much, in fact. The holiday nowadays only reminds the Japanese about the years of that emperor's controversial ruling.

What did I do on this day? Well, plenty. I was already on dog duty, first day. so, first I had to deal with a sad puppy, after his owner had left. Clearly he doesn't like the fact that someone else is staying in his house, sitting on his couch, walking him.

The exercise is actually the only good thing that works to distract him, and in addition it gives me with an amazing workout. So, I walked him three times today. I probably can skip the evening walk, I reckon, as he is right now passed out on the sofa. I took him to Komazawa olympic park, full of enough distractions to keep him busy, and I was joined by a friend who brought all the necessary items for a picnic, including sandwiches (Saint, now!). The gathering was nice, but often interrupted by a combination of the following: dog barking at kids near us, dog barking at dogs, dog pointing at dogs, dog pointing at random runners, dog munching on grass, dog chasing birds. I basically had to stay on the alert and hoping not to get caught up in some canine diatribe...

I am aware of the fact that doggy here doesn't trust me (where is my human gone?), and ignores me (oh, but wait a second, this human has food!), and I hope I'll win him.

I though that as this being the first day (and just parted form his human), I could give him a few treats, as I need to reassure him somehow that I am not an opponent. Let's see what happens at bedtime: if he hops on my bed, then I am in!

***************

Oggi in Giappone e' Showa day!

Una volta compleanno dell'imperatore precedente, la data fu poi cambiata in giornata dell'ecologia in onore proprio dell'amore che l'imperatore aveva per la natura, e poi dopo ancora  divenne il giorno per commemorare il precedente regime, mentre il giorno dedicato alla natura fu spostato al 4 maggio, cosi che adesso abbiamo la golden week.

Allora, cosa fanno i giapponesi in questo giorno di festa? Beh, non molto. Semplicemente si ricordano degli anni di regno del precedente imperatore, segnati da non poche controversie.

Cosa ho fatto io, invece, in questo giorno di festa? Un sacco. Per me e' stato il primo giorno di dog-sitting e quindi per prima cosa ho dovuto combattere con la tristezza del cagnetto dopo che il suo proprietario e' andato via. E' chiaro che non gli va giu' che qualcun altro e' in casa sua, che usa il suo divano, lo fa passeggiare.

Che poi fargli fare un po' di esercizio e' l'unica cosa che funziona per distrarlo, e in piu' mantiene attiva anche me. Gia' oggi l'ho portato a spasso tre volte,e mi sa che posso pure saltare la passeggiata serale perche' al momento e' appisolato sul divano. Oggi l'ho portato al parco olimpico di Komazawa, pieno di distrazioni cosi da tenerlo occupato, e poi una amica mi ha anche raggiunto con tanto di materiale per picnic e tramezzini (santa subito!). La riunione non e' che sia stata tranquilla, anzi, e' stata ripetutamente minata dalla seguente serie di avvenimenti: cane abbaia contro bambini, cane abbaia contro altri cani, cane punta altri cani, cane punta a sportivi a caso, cane smangiucchia l'erba, cane caccia corvi e colombi. In sostanza, devo stare sull'allerta perenne con lui, nella speranza che non mi includa in qualche diatriba canina...

Sono consapevole del fatto che canino qua non si fida (dove e' andato il mio umano?) e mi ignora (oh, pero' aspetta questa umana ha da mangiare!) , ma spero di vincere la sua benevolenza.

Visto che oggi e' stato il primo giorno assieme, ho provato a ingraziarmelo con alcuni snack, sperando di riassicurarlo cosi' che non mi consideri un opponente. Vediamo che succede all'ora della nanna: se va a dormire nella camera con me, significa che ce l'ho fatta.


Tuesday, April 28, 2015

Temporary partnership

Recently there have been a few changes in my daily routine. Like this one: for the next month I will be broadcasting from Meguro, where I will live and dog-sit.

The reason why I had to move (temporarily, only temporarily) to a different place is that I can't have pets at home, building complex rules. That's why, having offered my dog-sitting expertise (smirk), I am the one who's going where the dog is, not viceversa. And that's going to be for a month.

I hope things will work out between me and him (the hound). We've known each other for years, but we haven't spent much time together...will I be able to take care of another life, 24/7?
I've always had dogs back home in Sicily, fed with whatever leftovers of our meals are there, free to run and bark and scare the hell out of people passing by our property fence. In short, it was low maintenance.
But when one lives in a city, in a house with no land around, then such a pleasurable company becomes a demanding one. The dog's owner knows it well. And I know it well, too. So why agreeing to such a demand? Because, if you knew the dog, you'd have done the same.

I am going to have an interesting month ahead, especially concerning the changing in commuting route: I will have to take trains twice a day, crowded trains during rush hours, twice a day! THIS will be the real challenge. In all my years living in Japan, I never managed to overcome my anthropophobia, despite the recurrent exposure (some say exposure is the key to win, hmmm), and I guess I never will...anyway, there will be plenty of exposure for the next month! I see my expected survival rate to diminish dramatically. Wish me luck!

Fortunately, thanks to the upcoming Golden Week break, I will be spared of some days of terror. I will be rather busy in getting to know my new temp neighborhood in those days, instead.

*************

Recentemente la mia trafila giornaliera ha subito delle modifiche, tra cui questa: tutto il mese prossimo trasmettero' da Meguro, dove abitero' e avro' un cane.

La ragione per cui mi sono dovuta spostare (temporaneamente, eh, solo temporaneamente) da un altra parte e' che non posso tenere animali nel mio appartamento, regole condominiali. E quindi, avendo offerto le mie grandi qualita' come dog-sitter, sono io quella che va dal cane e non viceversa. E questo, per un mese intero.

Spero che tutto vada per il verso giusto tra me e lui (la belva). Ci conosciamo da svariati anni, ma non abbiamo passato tantissimo tempo assieme...ce la faro' a occuparmi di un'altra vita?
In Sicilia, abbiamo sempre avuto cani a casa, sfamati con qualsiasi cibo che avanzava dal pasto del giorno, liberi di correre, abbaiare e spaventare a morte chiunque si avvicinasse alla recinzione. In poche parole, erano poco impegno.
Ma quando si vive in citta', in una casa senza terreno attorno, allora una compagnia piacevole si trasforma in una esigente. Il padrone lo sa molto bene. E lo so bene anche io. Quindi, perche' decidere di sobbarcarsi di tanto impegno? Perche' se conosceste il cane, avreste fatto lo stesso.

Il mese che mi si prospetta sara' proprio interessante, specialmente per quanto riguarda il mio recarmi al lavoro: due volte al giorno dovro' prendere il treno, nelle ore di punta affollate in tutte le direzioni. QUESTA sara' la vera sfida. Difatti in tutti questi anni in Giappone, non sono mai riuscita a sconfiggere la mia antropofobia, nonostante l'esposizione regolare (dicono che la terapia migliore e' guardare il problema negli occhi....beh), e quindi credo non ce la faro' mai. Auguratemi buona fortuna!

Ma, una cosa buona e' che presto ci saranno le vacanze della Golden Week, quindi per qualche giorno saro' salva. Quello che faro' in quei giorni sara' di familiarizzare con la nuova zona.


Needs and Feeds

Maybe preferences, hobbies, likes change with age…or maybe there are different hobbies, preferences, needs for every age.

Maybe at some point flatness in life take over experimentation and curiosity…or maybe due to the weakening of enthusiasm one falls into a routine.

Maybe it's the mood to influence decision making…or maybe decisions taken in life lead to inner decadence.

Whether all of this is true or not, the fact is that while before I loved and enjoyed going out, visiting places, do new things, dancing, now all those very same things bring anxiety. And I am not saying that I don't like those things anymore, no. I am saying that doing those things now takes more energy and requires more motivation. As if I were out of the loop. Or Like a fish out of water.

What tends to happen lately instead, is that I find myself invited at friend's homes, new and old friends, and do what it seems I can do best: take over their kitchens. The last few weeks I was doubly taken: I do give cooking classes and also improvise recipes at other people's places. Both activities are going, for the time being, well.

Speaking of cooking classes, we have to still understand if I am interesting to the public…my second class had to be canceled last minute due to lack of sign-ups, so I was left with a fridge full and a suddenly free afternoon. I actually could have a long relaxed lunch with friends out on a sunny terrace looking at the bay, and I later invited a couple of Sicilian friends over so that they helped me with getting rid of the food I had bought for the class. Win win. No need to add, I also had enough food cooked and more to cook for the day after, at a friend's party. Of course.

The weekend after that, I improvise as pastry chef, and baked a cake for a friend's birthday. So, now I am as comfortable at friend's kitchens as at my own. I do really hope such friends like my taking over…

But now, spring is in its prime, with color explosions everywhere, and it feels like one wants to spend as much time as possible out in the nature more and more, so…take a break from home parties or better switch to picnic mode?

***************

Forse con l'eta' si cambiano i gusti, le preferenze, gli hobby…o forse per ogni eta' ci sono diversi gusti, hobby, necessita'.

Forse a un certo punto la monotonia della vita prende il sopravvento sulla sperimentazione e la curiosità…o forse per lo spegnersi dell'entusiasmo e della curiosità si ricade nella monotonia.

Forse lo stato d'animo influenza le decisioni…o forse le decisioni prese nel corso della vita portano a un decadimento interiore.

Fatto sta che se prima traevo godimento e giovamento dall'andare in giro, visitare posti diversi, fare cose nuove, ballare salsa, ora invece le stesse attività sono solo fonte di ansia. Non che non mi piacciano più le cose che facevo prima, intendiamoci. E' solo che mi sento come se per farle mi costasse molta ma molta più fatica e motivazione. Come se fossi fuori dal giro, insomma. Come un pesce fuor d'acqua.

Cio che ora accade più spesso, invece, e' ritrovarmi a feste in casa di amici, quelli di sempre e quelli nuovi, e anche mettermi ai fornelli e fare ciò che pare io sappia far meglio. Nelle ultime settimane sono stata impegnata poi su due fronti: da un lato do' lezioni di cucina italiana a casa, e dall'altro improvviso ricette in casa d'altri. Entrambe cose che riescono, per ora, molto bene.

Per quanto riguarda le lezioni di cucina, dobbiamo ancora capire se piaccio al pubblico…la mia seconda lezione e' stata cancellata per carenza di studenti, all'ultimo minuto lasciandomi si' col frigo pieno, ma con un pomeriggio inaspettatamente libero. Ho così goduto di un bel pranzo rilassato in terrazza con vista sul mare in compagnia di amici, e ho poi invitato una coppia di siciliani che mi hanno aiutato a disfarmi della spesa fatta in previsione della lezione. E, manco a dirlo, per la festa a casa di una amica avvenuta il giorno dopo, avevo pure roba da portare e da cucinare. 

Fine settimana successivo, mi improvviso pasticciera per una festa di compleanno a casa di, indovina, amici. Ormai mi muovo con disinvoltura nelle cucine altrui come fossero le mie. E spero che agli altri questa "presa di potere" agli altri piaccia…


Ora, con la primavera ormai nel pieno dei suoi colori, pare che la voglia a stare fuori in mezzo alla natura si stia facendo più forte, quindi, chissà…sarà tempo di interrompere con le feste o sarà meglio passare ai picnic?