Monday, April 17, 2017

City ward sports center rocks

Every municipality has its own sports center and residents simply need to show up, either sign up for membership or not, depending on the ward, and use the facilities. Once a member, people pay per day of use, or per activity, again depending on the ward they live in.

Compared to a gym, sports centres are way way cheaper, even those requiring a membership. In fact, while signing up at a gym means that one has to pay a monthly membership fee, normally very pricy even if it is adjusted to the chosen plan and regardless of how many times one actually uses the facility, a membership at the city sports center instead means to only register, get one access card with some credit on it and then pay per time. Most sports centres won’t change more than 5 bucks for either a time-limited or unlimited day usage. Some sports centres, like the one in my city, don’t even require a membership, you just go buy a ticket for your desired activity (training room or court), exchange it for a pass and start your session.

Now, why I didn’t use the city’s sports center in these past 10 years, I don’t know. Or actually I do: laziness, the mother of all excuses.

I have always thought that joining a gym would be a good idea: I make a regular appointment with fitness, I get my mind off stuff and it is always a good way to destress. However, the one exercise I like and I can keep up with the most is running and I like running outside. So the need for a gym is only a necessity during the cold months, when I am even greater at making up excuses, or when it rains (and oh boy in Japan it rains). But, as mentioned, signing up to a gym means that I would have to pay a tremendous monthly fee for just running a few times a month for a few months. There are other ways I could use the gym, true, like attending evening classes or swimming, but there are some difficulties even there. Anyway, at that point I could have tried the fitness center in the city. True. And yet… 

First the issue was that I didn’t know about it, in my first years in Japan. Then the issue became the language. Then the next issue was that I had no company and going alone was not an option. So, yes, excuses, right. Especially if I add that the center is a walk away from where I live.

Lately, instead, I found a colleague who also wants to join a gym but wants the freedom to go without the burden of a (very expensive) monthly fee…you know, us researchers are shamefully dirt poor. I must say that, now that (finally) the weather seems to be getting stable and pleasantly warm, using the fitness center would not be a necessity since we could run outside again, but we decided to try anyway, in order to know how things worked there or how easy it was to enter.

Well, I was surprised. There are two or three courts, one training room with plenty of weight lifting machines, spinning bikes and treadmills, nice changing rooms with showers, and so on. All we needed to do was to simply pay 300yen for three hours in the training room. And we didn’t even have to show IDs to prove we were residents!

The only disadvantage I can see in using the sports center is that its capacity is limited. The place is not equipped with many of the same training machine, so I can imagine that evenings or weekends it could be difficult to go through one’s own training routine without having to wait for a free piece. The same problem can happen at a regular gym, though.

But again, now I can basically resume my outdoor running…however, it is nice to know that I can always have a last minute plan B. 

All in all, really, I don’t know why I didn’t start going there much earlier... No more excuses now.

************

Ogni citta ha il proprio centro sportivo pubblico dove i residenti semplicemente si recano, si registrano oppure no, in base a quale regolamento vige, e possono usare gli spazi del centro. Quando si diventa membri del centro sportivo, si paga per giornata o in base a cosa si vuole fare, sempre in base a quali sono gli arrangiamenti del centro in questione.

Questi centri sportivi cittadini sono molto più economici di una palestra, anche quelli che richiedono che uno sia membro. Infatti, mentre fare una registrazione completa a una palestra significa dover pagare una cifra molto alta nonostante il piano scelto e a prescindere da quante volte si usano le attrezzature, registrarsi al centro sportivo significa che uno semplicemente si iscrive, ottiene una carta prepagata ricaricabile e può pagare in base all’uso. La maggior parte di centri hanno cifre intorno ai 5 euro che possono essere per una giornata intera o per una specifica attività. Alcuni centri addirittura, tipo quello nella mia citta, nemmeno richiedono una registrazione: basta pagare e andare a sudare. Il perché io non sia mai andata in tutti questi anni, non saprei. No, anzi, no, lo so: pigrizia.

A dire il vero avevo sempre pensato di frequentare una palestra: intanto ho un appuntamento regolare con l’esercizio fisico, poi mi distraggo e scrollo lo stress di dosso. Pero’, e’ anche vero che l’attività che riesco a fare più o meno regolarmente e’ la corsa, e soprattutto mi piace correre all’aperto. Quindi avrei praticamente bisogno di una palestra solo per i mesi freddi, che di scuse se ne trovano a non finire, o quando piove (e come piove in Giappone!). E pero’ se voglio andare in palestra devo pagare un abbonamento mensile da paura solo per un utilizzo di un paio di mesi, un paio di volte al mese. Certo, ci sono anche altre attività che uno potrebbe fare in palestra, tipo yoga o piscina, ma anche li ci sono delle difficolta. E allora uno potrebbe dire che avrei ben potuto pensare al centro sportivo. E pure li…

Intanto all’inizio quando sono arrivata non sapevo di questi centri. Poi c’era il problema della lingua. Poi c’era il problema che non volevo andare da sola. Scuse e basta, certo. Soprattutto se aggiungo che il centro si trova praticamente a due passi da casa mia.

Invece ultimamente ho trovato un collega che come me vorrebbe andare in palestra ma non vorrebbe pagare una cifra eccessiva…si sa, noi ricercatori viviamo perennemente con le pezze al culo. Devo dire che ora, ed era ora, pare che il tempo si sia stabilizzato e le giornate sono piacevolmente tiepide, quindi si potrebbe ricominciare con la corsa all’aperto. Pero’, visto che volevamo anche sapere quanto difficile potesse essere usare il centro sportivo, abbiamo deciso di provare lo stesso.

E devo dire che la cosa mi ha sorpreso. Il posto e’ bello grande, con una stanza che ha tutti gli attrezzi e pesi possibili, biciclette, tappeto da corsa, eccetera, spogliatoi con docce e tutto. E tutto quello che bisognava fare e’ stato pagare e via. Non ci hanno neanche chiesto un documento di residenza!


C’e’ solo uno svantaggio che posso gia vedere, nell’andare al centro sportivo, che la capacita e’ limitata. Infatti non e’ che ci siano molte macchine dello stesso tipo, quindi posso immaginare che nei fine settimana uno potrebbe anche dover aspettare molto per finire il proprio circuito di allenamento. Comunque, questo problema c’e’ anche nelle palestre regolari. In ogni caso, ora posso ricominciare a correre fuori, ma e’ bello sapere che posso sempre cambiare il programma all’ultimo minuto.

Sul serio, ma chissà perché non sono mai andata prima! Ora niente più scuse.

Monday, April 10, 2017

Tiramisu - S.O.P.

Something fun happened at work recently thanks to an excellent idea given by one of the office secretaries: we had a tiramisu day. That’s right, scientists can do other things besides staring at their computer monitors all day trying to figure out how to save humanity.

The good excuse to put the party machine in motion was to use up all the food supplies we have in stock for emergencies (you know, Japan, earthquakes…) before they expired. In fact, we had received a new bulk of supplies, so we could get rid of the old ones. Most of these supplies were canned bread, which sounds awful but actually it is not, and there came the suggestion to use those sponge breads as base for tiramisu. I couldn’t say no to such an idea, so I decided to prepare it acting like my food recipe was a lab experiment protocol and made jokes about making it into a scientific paper publication. 

We had all details figured already: funding body (the boss himself contributed to the expenses for buying the “reagents”), principal investigator, main author (the one who did al the dirty work, aka myself), secondary authors (my colleagues who helped in preparing the breads), samples origin and description, methods, validations (the replication of the tiramisu experiment into 6 trays of goodness, the tasting of all colleagues), results, and all.

I spent a couple of hours in the afternoon to prepare all the tiramisu, in-situ, then I stored it in a cool place (the labs cold room, yay!) until the end of the working day when everybody was called in to try a piece. The final result was better than I expected. I feared those breads I used would not be right for the recipe, but in the end everybody liked it, as the high rate of disappearance of the tiramisu form the trays indicated. It was a good way to end a day, and it was also a good excuse to bring people together.

***********

Grazie a una fantastica idea che mi e’ stata suggerita da una delle segretarie in ufficio, un giorno abbiamo fatto il tiramisu. Ebbene si, gente di scienza può fare anche altre cose oltre a fissare lo schermo del computer tutto il giorno per capire come poter salvare l’umanità. 


La scusa per mettere in moto la macchina dell’intrattenimento e’ venuta dal fatto che si voleva utilizzare tutte le scorte che avevamo per le emergenze (sapete, no, Giappone, terremoti..) prima che scadessero. Difatti, avendo ricevuto le scorte nuove, potevamo benissimo disfarci di quelle vecchie. La maggior parte delle scorte erano pagnotte in lattina, che suona brutto, ma credetemi non lo e’.

Cosi si fece strada l’idea di utilizzare le pagnotte come base per il tiramisu, e non potendo dire no mi sono dedicata ai preparativi. Ho persino fatto finta che la mia ricetta fosse un metodo sperimentale di ricerca, e non sono mancate le battute riguardo a voler pubblicare il lavoro su una rivista scientifica. Avevamo gia tutto in mente: l’agenzia di supporto economico (il capo e’ stato colui che ha finanziato l’acquisto dei “reagenti”), l’investigatore principale, autore principale (la sottoscritta, colei che ha fatto tutto il lavoro sporco), autori secondari (i colleghi che mi hanno aiutato con la preparazione dei panetti), origine dei campioni e descrizione, procedure, verifica dei risultati (replicazione dell’esperimento su 6 vassoi, i colleghi che hanno fatto i test di assaggio), risultati e tutto. 

Ci sono volute un paio d'ore nel primo pomeriggio per preparare il tiramisu, sul posto, poi l'ho messo a consolidare in un posto fresco (il lab con i congelatori haha) fino a quando e' giunta la fine della giornata lavorativa e ho richiamato tutti. Il risultato finale e' stato meglio di quello che mi aspettavo, devo dire. Infatti mi preoccupava l'aver utilizzato i panetti per questa ricetta, ma alla fine tutti hanno apprezzato, come ha dimostrato la velocita con cui il tutto e' sparito. E' stato un bel modo per finire la giornata, e anche una buona occasione per raggruppare tutti, ogni tanto.






Friday, March 24, 2017

Hokkaido in winter -- 北海道

I have to write again about one of my favorite winter getaway destinations. Yes, although it’s almost cherry blossom time around Tokyo, I wasn’t yet ready to let winter go and so I planned a long weekend escape to the north of Japan where spring is still far far away in time. I must say, though, that climate change is affecting even a place like Hokkaido, which used to be buried in meters of snow until late April. I mean, once one could count on mother Nature steadily dumping snow on that island. But now, snow lovers who plan a late March trip, to maybe share the slopes with much less people, have to pray and hope and pray some more for the right weather conditions. Hokkaido being Hokkaido, it doesn’t matter much to the average lover, like me, who enjoys the mountains even without a week of fresh snowfall and still have an epic day on the slopes.

This time I am not going to blab about skiing, as that would be simply redundant. But, there was one thing I didn’t do on my previous trip that I definitely wanted to do this time: reach the top of the Annupuri mountain. Beyond the resort boundaries sits the bare, perfectly capped peak which is there for everyone who has the strength to climb the last 100 meters up to the peak. From up there, one really feels like a rockstar, with the rest of the world, literally, at one’s feet. Plus, the views…oh, the views! Three days of clear blue skies meant that one could even spot the sea, in the distance, not to mention the clarity and sharpness of the furthest detail.

I also focused more on all the details I couldn’t record on my previous visit. First, the beauty of a magic world in cast colours: mountain villages are small and made of wooden cottages, pretty isolated and live on farming. They all occupy one side of a valley, and the rest is a white, flat, even, snow blanket. Where there isn’t snow are snow-coated trees. Where there aren’t trees are rivers. Where there aren’t rivers are roads. 

Also, the roads. It’s a long journey from the airport to the ski resort, but because this is Japan, service is spot-on and shuttle buses pick you up right at the arrivals hall and drop you off at your hotel. But the trip just can’t but bring up, enhance even, the beauty of the wintery landscape. The scenery changes constantly while being all the same…one perfectly cone shaped snowy peak here, one perfectly flat snowy valley there. We drove by a large lake, we cut through forests and snow piles, we passed farm sheds, we crossed towns, we rode up and down hills.

Another thing that’s worth a trip to Hokkaido, just so that I don’t look like I only praise Nature’s doing, is ramen. Associated to the cold months, at least for me, the marvellous varied soupy concoctions are a must eat. And, in order to make sure travellers get their recommended ramen dose even on a tight schedule, there is a dedicated section of the restaurant area right in Sapporo airport that can satisfy even the pickiest, most difficult of tastebuds. A trip to the north island can’t end without a bowlful (or two, or three, or a dozen) of ramen.

An observation I also made the first time I went there, and a trend that’s picking up around other ski areas in central Japan, is about the steadily increasing non-Japanese presence. Every evening, I went out in the “bustling” village of Hirafu, and I couldn’t ignore the fact that, yes, the village is very Japanese but at the same time is not Japanese at all. One evening I must have entered THE get together hub for Australians, as there were no Japanese souls at all. I have to say I don’t mind the Ozzie (now Chinese as well) flavours and vibes in there, I don’t mind using English with hotel staff, restaurant staff and shop clerks, because they all give me a break from the everyday Japan, and make me feel as if I have left the country for a few days. It’s a welcomed change, once in a while.

March is going to give us the last heavy snowfall on the mountains which promises to be great. But for me it’s time to store my gear away until the next winter, alas.

************

Devo per forza scrivere ancora una volta delle mie destinazioni invernali preferite. Eh si, seppure qui a Tokyo e’ quasi tempo di ciliegi in fiore, non mi sentivo ancora pronta ad abbandonare l’inverno e ho quindi pianificato una fuga al nord dove ancora la primavera e’ lontana. Devo dire che pero’ i cambiamenti climatici stanno avendo un impatto anche in un posto come Hokkaido, che era noto per essere sepolto sotto metri di neve fino a fine aprile. Dico, uno poteva contare sul fatto che madre natura regalava un sacco di neve a quest’isola. Invece ora gli amanti della neve che vogliono pianificare un viaggio a fine marzo magari per evitare la folla, devono pregare e sperare che le condizioni siano buone. Ma parlando di Hokkaido, per l’amante medio, tipo me, non importa tanto se c’e’ tanta o tantissima neve visto che anche dopo una settimana senza neve fresca può ancora parlare di condizioni epiche.

Stavolta pero’ non mi metto a parlare di neve e sci, visto che sarebbe abbastanza ridondante, a parte una cosa che non ho potuto fare la volta precedente ma che avevo intenzione di fare: arrivare fino alla cima del monte Annupuri. Oltre ai limiti degli impianti si trova infatti la glabra, perfettamente innevata punta del monte che sta li per tutti coloro che hanno l’energia di arrampicarsi per gli ultimi 100 metri. Lassù ci si sente al pari di una rockstar, con il mondo ai propri piedi. In più, la vista….e che vista! Tre giorni di cieli limpidi e cristallini significavano che la vista si poteva spingere fino al mare.
Mi sono anche dedicata a tutti quei dettagli che avevo tralasciato la vola precedente. Innanzi tutto la bellezza di un mondo magico, in bianco e nero: i villaggi di montagna sono tutti piccoli, fatti di baite in legno, isolati e basati su coltivazioni o allevamento. In ogni valle, il villaggio si trova in un angolo mentre il resto e’ una piatta, uniforme coltre di neve bianca. Dove non c’e’ neve ci sono alberi innevati. Dove non ci sono alberi ci sono fiumi. Dove non ci sono fiumi ci sono strade.

E poi, le strade. Raggiungere gli impianti sciistici dall’aeroporto e’ un viaggio abbastanza lungo, ma la cosa positiva del trovarsi in Giappone e’ che l’impeccabile servizio e’ tale che ci sono autobus che direttamente dal terminal arrivi, lasciano la gente ai loro alberghi. Il viaggio in autobus non fa altro che aumentare l’incanto dello scenario invernale. Lo scenario cambia costantemente, ma ironicamente e’ sempre uguale: un picco di montagna perfettamente conico, una valle perfettamente piatta e bianca. Abbiamo passato un lago bellissimo, abbiamo attraversato foreste e montagne di neve, abbiamo attraversato citta e capannoni.

Un’altra cosa che vale un viaggio a Hokkaido, giusto per non suonare solo ed esclusivamente amante della natura, e’ i ramen. Per me associati ai mesi freddi, questi preparati meravigliosi sono una pietanza assolutamente da provare. E per essere sicuri che i viaggiatori non si facciano mancare una buona dose di ramen anche quando vanno di fretta, all’aeroporto di Sapporo c’e’ un intero piano dedicato che riesce a soddisfare anche i palati più esigenti. Un viaggio verso l’isola del nord non si può concludere senza una (o due o tre o una decina) ciotola di ramen.

Un’altra osservazione, fatto gia noto e che sta prendendo piede in altre parti del Giappone centrale, riguarda la presenza solida e in crescente aumento di non giapponesi. Tutte le sere sono uscita al villaggio di Hirafu, il più mondano, e non ho potuto ignorare il fatto che, va beh, il villaggio e’ molto giapponese ma allo stesso tempo non lo e’. Addirittura una sera devo essere entrata nel locale che e’ IL pub in assoluto frequentato da soli australiani. Dico, non e’ che mi dispiaccia incontrare australiani (o cinesi, ultimamente), e non mi dispiace neanche il fatto di poter usare l’inglese ovunque e comunque, per il semplice fatto che il tutto mi permette di staccare dalla vita giornaliera in Giappone, e mi sento come se avessi lasciato il paese per qualche giorno. Il cambiamento, di tanto in tanto, e’ benvenuto.


Penso che la fine di marzo ci regalerà l’ultima nevicata abbondante, ma per me e’ tempo di conservare l’attrezzatura fino al prossimo inverno.








Tuesday, March 14, 2017

Cooking with kids

Don’t ask me how, as it’s too long to explain, but I became a cooking teacher for kids for one day! Yes, language exchange cooking, I’d call it, and here cooking is in my opinion one of the best ice breakers.

Four school kids, two girls and two boys aged between 7 and 12 years old, came to my place accompanied by their English teacher and tried to step out of their comfort zone by practising English with me. Now, I have no experience in teaching children, even less in interacting with them in a foreign language they barely know, so I can honestly say I was more preoccupied than they were….What to say? How to say it? How to handle them? Will they understand? Will they get bored? Worries, worries, worries. All for nothing. In the end it was a fun experience and I am glad I could be the one engaging them. 

At their age, kids could not understand word by word, but it was all about giving them a preview of what they would be able to do one day, once their skills mature, if they so wish. 

I thought of some dishes from the Sicilian tradition that could be interesting for kids, so I picked recipes that required a lot of hand work and little thinking: arancini, salmon pies and panna cotta (because, well, kids love sweets). And after the cooking was done I could easily tell the kids needed a break from so much English and so much effort, so they gladly took some time to tease each other or make origami that ended up being presents for me (and a friend of mine who helped me with photographs). Lovely.

These kids were well behaved, attentive and I was impressed by how carefully they followed from beginning to end. All of them learned quickly, and surprisingly could make the rice balls without turning my kitchen into a battlefield. Not even some adults can do that much. They remembered all the steps even better than I could, and from what I hear it seems one of them already tried to make dessert at home. Best reward ever!

***********

Non mi chiedete come che e’ lungo da spiegare, ma mi sono ritrovata a insegnare cucina siciliana a dei bambini! Lo chiamerei un evento linguistico di cucina, che, la cucina, tra le altre cose e’ uno dei migliori strumenti per rompere il ghiaccio.

Quattro ragazzini, due maschi e due femmine di eta’ tra 7 e 12 anni, sono stati accompagnati dalla loro insegnante di inglese e si sono sforzati un po’ a fare pratica con me. Ora, io non ho per niente esperienza a insegnare a bambini, tantomeno farlo in una lingua che loro a stento conoscono, quindi posso onestamente dire che io ero più preoccupata di loro…Cosa dire? E in che modo? Come li gestisco? Capiranno qualcosa? Si annoieranno? Pensieri, pensieri, pensieri, alla fine per niente. Infatti e’ stato tutto molto divertente e sono contenta di aver interagito con loro.

I ragazzini, vista la loro eta’, non hanno capito tutto parola per parola, ovviamente, ma in ogni caso l’idea era di prepararli a cosa potrebbero essere in grado di fare un giorno, se ne avranno intenzione.

Per il loro menu ho pensato a qualcosa che richiedesse un sacco di manualità e poco ragionamento, quindi ho optato per arancini, salmone in crosta e poi panna cotta, perché si sa che ai bambini piacciono i dolci. Quando abbiamo finito con le spiegazioni, ho visto che avevano proprio bisogno di staccare con l’inglese e quindi si sono messi a farsi i dispetti oppure hanno fatto un sacco di origami che poi sono rimasti a me come regalo (e anche a una mia amica che mi ha aiutato con le foto). Troppo carini.


Questi ragazzini si sono comportati davvero bene, sono stati attenti e hanno seguito dall’inizio alla fine della lezione, hanno tutti imparato in fretta e sono riusciti a fare gli arancini senza neanche sporcarmi la cucina!! Meglio di molti adulti. Si sono ricordati tutti i passi meglio di quanto potessi fare io, e addirittura mi e’ giunta voce che uno di loro abbia gia provato a fare la panna cotta a casa. Che e’ la più bella ricompensa uno si possa aspettare.










Tuesday, March 7, 2017

Vegetarian food school

Recently I started a new menu for my cooking classes. I chose to provide a vegetarian menu in case somebody out there has been put off because of a lack of green options.

I have to say that coming up with new ideas is not easy. So far, I’ve been focusing on simple dishes that are easy to reproduce at home. We all know, we attend a cooking class, and months later the recipes are well forgotten despite the notes and photos we took. Well, not for my pastas. 

But then, for every potential new menu, I have to also browse around in order not to pick recipes that were already available by someone else, and that’s when things get complicated. Several times I have stumbled upon the very same recipe again and again, which made me wonder whether I should add my own version too…

I also start to see growing competition. Not mine, I mean, but the more I look up some other teachers’s menus, the more I see that they all try to impress. I still prefer to stick to the simplest recipe possible, because I am not confident myself in reproducing some elaborate ones.

Anyway, driven by a-priori knowledge or simple faith, lots of people still sign up for my classes and I receive more requests to open new dates than ever. That’s somewhat reassuring, as I always see uninterpretable expressions on the face of several of my students, whether they’re satisfied or not…

The vegetarian menu, now. Definitely some of my most favorite vegetables were picked for some no-meat, no-fish, no-egg (if you prefer) experiments: a delicious eggplant parmigiana, its ownership still contended between Sicily and Campania regions I guess, then rice filled paprikas, a very much reminder of a recipe my beloved Iranian friend used to cook (you know who you are and I miss you), then fried pumpkin and rice soft cakes with honey as dessert.

There was a lot of frying involved, so definitely not a light meal, yet a rather healthy one.

As usual, the ensemble of people who gather to learn about Sicilian food are from the most different and interesting backgrounds, each of them carrying a story. I was so happy when one of them told me she wanted to learn to cook something good to surprise the husband (who normally is the house cook). That’s so sweet! And I wish her to succeed! I made my student work a lot this time, peeling, slicing, frying. But at the end, although I know that I should have focused more in improving the taste of the food instead of talking about places I visited in Japan, I guess everyone was satisfied with the results, regular attendees or not. 

This being the debut of a new menu, I didn’t have high expectations only high anxiety. From the next time my class can only improve, for the joy of my students.

************

Tempo di nuovi menu per le mie lezioni di cucina. Stavolta ho pensato a un menu vegetariano nel caso ci fosse qualcuno che si e’ sempre tirato indietro per carenza di opzioni.

Devo anche dire che pensare a nuovi menu non e’ facile. Finora mi sono focalizzata su piatti semplici che sono facili da ricreare a casa. Sappiamo bene che mesi dopo aver preso lezioni di cucina, la stessa ricetta imparata con tanto di appunti e foto e’ ormai finita nel dimenticatoio. Beh, non con la mia pasta.

Pero’ ad ogni nuovo menu corrisponde una ricerca per capire un po’ cosa gli altri propongono, giusto per non riproporre le stesse ricette. E le cose si complicano. Infatti mi e’ capitato di trovare la stessa ricetta più volte, al che mi sono domandata se fosse il caso di aggiungere anche la mia versione o no…

Mi sa che comincio ad avvertire anche un pizzico di competizione. Non da parte mia, sia chiaro, ma più menu guardo e più vedo che si prova a fare cose particolari. Nonostante tutto io sono sempre dell’idea che semplice e’ meglio, anche perché non mi sento proprio all’altezza di riprodurre ricette elaborate. 

Comunque, o fidati da informazioni acquisite o da pura fiducia, un sacco di gente si registra per le mie lezioni e ricevo sempre più richieste di lezioni a date specifiche. In un certo senso la cosa mi rassicura, visto che non sempre riesco a interpretare le espressioni che vedo sui volti dei miei studenti, se soddisfazione o critica…

Allora, il menu. Ho scelto tra le verdure che amo di più per questo mix di piatti fatti apposta per chi non ama carne o pesce o uova (se si vuole): una parmigiana di melanzane che tuttora non si sa se e’ originaria della Sicilia o della Campania, poi peperoni ripieni di riso che mi ricordano tantissimo quelli che mi preparava spesso la mia carissima amica iraniana, poi zucca fritta e infine crespelle di riso al miele. Certo, vista la quantità di frittura dieci che i piatti non erano proprio leggeri, ma direi comunque relativamente sani.

Come sempre, un interessante gruppo di studenti con diversi interessi e lavori si e’ riunito a casa per imparare. Una di loro, voleva sorprendere il marito (che di solito e’ chi cucina) con dei piatti nuovi e solo per questo ha scelto la mia lezione. E spero proprio che la sorpresa le riesca, se lo merita. Stavolta li ho fatti lavorare tutti parecchio, per sbucciare, affettare e friggere, ma penso che alla fine siano rimasti tutti contenti, anche se mi rendo conto che avrei dovuto passare più tempo a controllare la cucina piuttosto che parlare dei posti che ho visitato in Giappone…

C’e’ da dire che la prima volta di un menu e’ sempre governata da ansia, ma penso che gia dalla prossima volta le cose non possono che migliorare, per la gioia dei miei studenti.





Sunday, March 5, 2017

Lifestyle - Onsen in Nozawa -- 温泉

In this very abnormally mild winter it’s hard to long for ski trips. Impatience turns into acceptance and acceptance turn into awaiting (for the spring to come).

Almost at the end of the peak ski season I went for my first trip and felt good to be on the mountains, to see and feel the snow after all. Soft and light flurries kept falling on and off during the entire weekend in Nozawa-onsen, a mountain village that’s famous for its high quality slopes and high temperatures hot springs (温泉 onsen). This village boasts 13 public hot spring baths, basically a tub with wooden walls and a roof. People wishing to soak their soreness away after a long day of activities can simply enter the onsen, which has separated areas for males and females, and take a bath. These places are very traditional, and basically used by locals, so when in doubt about the how-to, better to observe and do what the Japanese do.

Before entering the oh so hot water pool in one of those onsens, one must wash. There are only a few and very low faucets with only cold water, so the procedure is to collect some of the oh so hot water from the tub in a bucket,  mix it with the cold water from the tap, and thoroughly wash. It definitely is a traumatic cold experience, all together. Imagine it’s below zero degrees outside, you have to undress in a room with plenty of thin openings (in order to let the steam out, not the strangers’ looks in, mind you),with only the steam from the hot water warming you up, and have to shower somehow before eventually finding relief in the oh so hot water. The relief is nearly an illusion, since the water is over 45 degrees (minimum). That leaves you with two options: one is soak up to the neck as fast as you can and don’t move for 5 minutes, the other is to slowly enter the water one limb at a time. Both options are painful. In both cases you shouldn’t stay in for more than 5 minutes, or your low blood pressure at this point won’t be able to support you when you try to get up. All that said, trying these public baths once in a lifetime is worth it.

Not being a huge fan of nudity display I am not a huge fan of onsens either, though I have learnt over the years to appreciate them. And by repeatedly going through the same rituals, I learnt several tricks.

Those public onsen, like in Nozawa-onsen, are not like the hotel hot springs where soap and toiletries are provided; one has to bring their own soap, shampoo and towel. I had to be warned by a woman that I was using her soap in order to remember that I had to bring mine along…fortunately they understand foreigners’ I-dont-have-a-clue look, and forgive us. After that I chatted with several women and that alone granted me long lasting forgiveness.

Before everything else, is your feet you should get accustomed to the oh so hot water. While and after shower, splash the hot water on them until the pain is gone. By then, the rest of the body has adjusted too.

Somehow older people know better. They always do. A very old lady, peacefully sitting by the edge of an oh so even HOTTER water tub (no other women except the grandma could go), didn’t even give me time to put the tip of my toe in the water by saying I should use the other tub…”that one is less hot”, she said. F*ck! Less hot, uh? I was glad I listened because I nearly burnt when I entered the “less hot” pool…and then I see the very same old woman nonchalantly submerging herself in THAT tub, without a blink. I then saw there was a sign (in Japanese) above each of the two tubs for “not hot” and “hot”. Go figure.

An extra piece of advice is about tattoos. The Japanese don’t like tattooed people, as tattoos are a signature of crime gangs, and pretty much all spas (and gyms, for the same reason) across Japan have very strict rules about tattoos: not welcome. If you have one, chances are that you won’t be able to experience Japanese hot springs.

*************

In quest’inverno stranamente tiepido non viene certo in mente di andare a sciare. L’impazienza si trasforma in accettazione e l’accettazione in attesa (per la primavera).

Quest’anno sono andata in montagna la prima volta quasi alla fine della stagione, ed e’ bello trovarsi in montagna, vedere e toccare la neve, dopotutto. Per tutto il fine settimana, soffici fiocchi di neve hanno imbiancato Nozawa-onsen, un villaggio di montagna che e’ famoso sia per la neve che per le bollenti terme (温泉 onsen). Questo villaggio infatti vanta 13 bagni pubblici, in pratica una vasca di acqua termale con muri e tetto. Chi voglia rilassare il corpo dopo una giornata di attività, possono benissimo andare in queste piccole spa, che sono separate per uomini e donne, e immergersi in vasca. Questi posti sono molto tradizionali e generalmente visitate da gente del luogo, quindi se uno e’ in dubbio sul cosa fare, basta osservare e imitare.

Prima di immergersi, bisogna lavarsi. Ci sono solo un paio di rubinetti da cui scorre solo acqua fredda, quindi la procedura da seguire e’ di raccogliere l’acqua bollente dalla vasca con un catino e mischiarla a quella fredda e lavarsi bene. L’intero processo e’ a dir poco traumatico. Immaginate, fuori la temperatura e’ sotto zero, ci si deve svestire in una stanza piena di aperture (servono a far uscire il vapore, ma non permettono sguardi curiosi dall’esterno) riscaldata solo dal vapore dell’acqua termale, e bisogna lavarsi in qualche modo prima di potersi finalmente immergere nell’acqua che e’ super bollente. La sensazione di tenesse e’ quasi un’illusione, visto che l’acqua e’ a più di 45 gradi. Al che uno ha due opzioni: entrare in acqua quanto più rapidamente possibile fino al collo e restare immobili, oppure immergersi poco per volta. In entrambi i casi si soffre. E in ogni caso, e’ consigliato stare ammollo non più di 5 minuti visto che l’abbassamento di pressione renderebbe quasi impossibile mettersi in piedi. A prescindere pero’ da tutto ciò, e’ un’esperienza da provare almeno una volta nella vita.

Queste terme pubbliche, come appunto quelle a Nozawa-onsen, non sono proprio fornite, infatti ognuno deve portarsi sapone e tovaglia. Io mi sono resa conto che avevo dimenticato il mio quando una signora mi ha fatto notare che avevo usato il suo…ma alla fine, visto che i giapponesi sono comunque gentili e capiscono l’incapacità di noi stranieri, ci perdonano.

Prima di tutto, sono i piedi quelli che vanno preparati all’acqua bollente. Quando i piedi si sono abituati, anche il resto del corpo e’ pronto.

Come sempre accade, gli anziani ne sanno sempre di piu. Una signora stava placidamente seduta al bordo di una vasca (cosi calda che nessun’altra signora era li), e non mi ha neanche dato tempo di mettere un dito nell’acqua che mi dice subito “quell’altra vasca, che questa e’ calda”. Porca miseria! Meno male che era meno calda. Ho quasi avuto uno shock termico nella vasca “meno calda”, non voglio pensare come si potesse stare nell’altra. Invece, la vecchietta con molta calma e disinvoltura si mette tranquillamente ammollo in quella più calda. Ho poi notato i segni per ognuna delle due vasche che dicevano appunto “calda” e “meno calda”. E meno male…

In aggiunta, un consiglio da dare riguarda i tatuaggi. In generale i giapponesi non amano gente con tatuaggi visto che sono associati alla malavita, quindi le terme (e in questo caso anche palestre) in Giappone non accettano gente tatuata. Quindi, se appartenete a questa categoria ci sono alte possibilità che non possiate provare le terme.



Wednesday, February 22, 2017

Expat problems V - Space

Ever felt like there’s not enough room wherever you are?

If there is one thing I will never get used to in Japan is the lack of space. On one hand this is just because there are so many people, especially in Tokyo metropolitan area, that it always feels like they are all going to the same place I am going and at the same time I am going…

However, personal space (the lack of, I mean) is only one side of the problem. These people are real masters when it comes to use all the available space up. For anything, I mean. Big cities have to accomodate for many residents, so there is not much public space, rather an amass of tall ugly buildings (very) next to each other. Also, in order to use  as much space as possible, houses come with little to no balcony…when you only have a 50 square meters lot of land to build your house on, you’d want to cove them all with solid walls and rooms, rather than thinking of a balcony. It makes sense, in a way. What doesn’t make sense is having a mere 50 square meters lot for a house. Ah well, when in Rome…

But there is much more to it. Enter a supermarket, for example. Its isles are so narrow that two people can barely fit; if an isle is larger than that, somebody will soon remedy and put a pile of boxes or a cart with more products, or a tasting stand with women handing food samples of such and such item. There’s a slightly ampler corner here? Let’s put a basket full of some other item to sell! There’s a wide entrance hall here? Let’s set up a selling booth right by the entrance doors!

You get the picture.

Also, city streets. There is no extra space for stopping the car (say, you have to answer a phone call), and yet drivers seem to pick all the worst locations for their temporary stops…

If there is a pedestrian walkway, it is taken up by neon signs on wheels, vending machines, flag stands, bicycles, light poles….I always seem to dodge obstacles here and there.

It’s amazing how cozy some stores are. The poor cashiers (wow, they can fit more than one person there?) are squeezed behind a counter that’s barely as large as the thinnest of them, and if one of them has to got out, all of them have to get out. In general, everything is cozy here. Many shops basically regurgitate items on display, inside and outside, leaving little to no room to walk.

And it seems the Japanese don’t mind the coziness AT ALL.

****************

Vi e’ mai capitato di essere in un posto privo di spazio?

Se c’e’ una cosa a cui non mi abituerò mai in Giappone e’ proprio la carenza di spazio. Da un lato e’ dovuta al fatto che ci sono cosi tante persone, specialmente nell’area metropolitana di Tokyo, che sembra come se tutti stessero andando nello stesso mio posto allo stesso momento…

E pero’, lo spazio personale (o meglio, la mancanza di) e’ solo una parte del problema. Quando si tratta di utilizzare tutto lo spazio a disposizione, questi qua sono maestri. Grosse città devono fare i conti con molti residenti, quindi lo spazio pubblico non e’ molto, anzi ci sono solo palazzotti brutti e alti uno attaccato all’altro. E in più, visto che bisogna utilizzare quanto più spazio si può, le case non hanno balconi, o ce li hanno minuscoli…in effetti, ha senso. Se uno ha solo 50 metri quadri di terreno per costruirci, meglio allargare le mura il più possibile piuttosto che pensare al balcone. Quello che non ha senso e’ l’avere a disposizione solo quei 50 metri quadrati. Paese che vai….

Ma non e’ tutto. Per esempio, i supermercati. I corridoi sono cosi stretti che ci passano a stento due persone; se poi il corridoio e’ leggermente più ampio, c’e’ subito qualcuno che rimedia e ci piazza una pila di scatoloni o carrelli pieni di roba, oppure signore in grembiule e copricapo offrono assaggi ai clienti. C’e’ un angolo morto qui? E mettiamoci un bel cesto con altri prodotti da sbarazzare! C’e’ uno spazio all’entrata del negozio? E mettiamoci un gazebino proprio davanti a sta porta su!

Insomma, capito l’andazzo.

Poi, le strade. Non si trova spazio per sostare da nessuna parte, eppure questi riescono sempre a trovare i posti migliori per fermarsi…

I marciapiedi. Sono intasati con tabelle luminose, distributori automatici, coni stradali, transenne, biciclette, pali della luce….ho sempre come l’impressione di fare una gara a ostacoli.

Impressionante come possano essere minuscoli certi negozi. Quei poveri cassieri (che poi, più di uno, davvero?) sono strizzati dietro a un bancone che e’ appena quanto il più magro di loro, tanto che se uno deve uscire, tutti devono uscire. Tutto qui e’ minuscolo, in linea generale. In pratica i negozi rigurgitano merce, esposta dentro e fuori del negozio, senza lasciare spazio per camminare.

Eppure, i giapponesi non sembrano curarsi di tanta limitatezza. PER NULLA.



Wednesday, February 15, 2017

Expat problems IV - EngRish

This is again about the language wall all expats in Japan have to crash onto. But it’s not the problem foreigners have with Japanese…rather with foreign words in Japanese.

Very often it happens that we go to a foreign country and we spot signs or terms from our own language used in an incorrect way. Well, here too, no exceptions. The amount of de-contextualised stuff expats see here in Japan is overwhelming. I guess many will remember a department store sales sign that made the headlines…you’ll see a visual hint below. 

The advertising on train posters, billboards, stores; the choice of restaurants, shops, businesses names; translations of menus; descriptions on packages; how-to instructions…all are permanent damage to the retina. As if trying to decipher their already cryptic phonetic Japanisation of foreign terms weren’t enough…Indeed. It’s getting complicated. But let’s break this down. 

One first problem is that Japanese language itself doesn’t allow many sounds (as much as all languages do with some degree, I shall say). So, whenever Japanese people say a word that’s not Japanese it takes a while to us foreigners before we figure out what they are saying. And that involves stupor, bedazzlement, then laughter. In that order. I mean, try ask them to say “rolling on the floor”…

Then there is the next level of difficulty. Katakana is one of the Japanese alphabet symbols, used mostly with non-Japanese terms or ads that need to impress. Well, that’s nice indeed for us, compared to the blunt trauma to the brain the Kanji symbols are. But. Reading any foreign word in katakana symbols will make you sound and feel total dumb. You’d have to say it loud and try a few sounds combinations before you hit it (after that comes the eureka moment and the laughter). Mistaa donatzu or makku donarudo (mister doughnut and mc donald’s) have tossed and turned in their graves countless times.

Also, this is not something that interests English speakers. It affects all of us. It took me years -not knowing the whole French vocabulary- to understand that “ankeeto” is taken from “enquete”, which is the French for enquiry (here used in the sense of questionnaire). You just have no idea. Fortunately for the Italians, the Japanese and us share the same set of sounds, so that makes it way way easier to read it (and spot hilarious mistakes).
Fortunately for them (I guess), they don’t know (I hope) what a “too drunk to f**k” or a “f**kin b**ch” writing on a T-shirt mean…

I leave you with a very little sampling of the wonders of EngRish on this other page of mine (here).

***************

Eccoci di nuovo al problema della barriera linguistica a cui vanno a sbattere tutti gli espatriati in Giappone. Ma stavolta il problema non e’ degli stranieri col giapponese…piuttosto con la traduzione in giapponese delle parole straniere.

Spesso ci ritroviamo in una terra straniera e non possiamo non notare segnali e termini della nostra lingua che vengono usati impropriamente. Succede anche qui. La quantità di cose fuori dal contesto che noi espatriati ci dobbiamo sopportare qui in Giappone e’ sovrumana. Forse molti ricorderanno di una pubblicità di saldi in un negozio che fece notizia…troverete un memento visivo alla fine.

Le pubblicità nel treno, sui manifesti, nei negozi, o la scelta di nomi per ristoranti o negozi, o la traduzione dei menu, o le descrizioni nelle confezioni, o ancora le istruzioni all’uso….insomma, un trauma permanente alla retina. Come se gia decifrare la fonetica giapponese delle parole straniere non fosse gia abbastanza…gia, gia, le cose si complicano. Ma andiamo per gradi.

Un primo problema e’ che la lingua giapponese non ha molti suoni (che pero’ vale anche per le altre lingue, più o meno). Quindi, quando una persona giapponese prova a dire una parola non giapponese, ci vuole un bel po prima di capire che cosa vogliono dire. Il processo va da stato confusionale, a incredulità, a risata. Cioè, provate a dirgli di ripetere “volere e’ potere”…

C’e’ poi il secondo livello di difficolta. Il katakana e’ uno dei sillabari giapponesi che fa da alfabeto per le parole non giapponesi (o per colpire nel caso di pubblicità o annunci). Che per carità, e’ gia ottimo se paragonato al trauma cranico dei Kanji veri e propri. Pero’. Il solo fatto di leggere una parola straniera in katakana fa sentire stupidi, come minimo. Prima che uno capisce che parola sta leggendo se la deve ripetere ad alta voce un po’ di volte (e quando la capisce, giu le risate). Mistaa donatzu or makku donarudo (mister doughnut o mc donald’s) si devono essere rigirati nella tomba infinite volte.

Tra l’altro questo problema non interessa solo quelli che parlano inglese, bensi’ tutti. Mi ci sono voluti anni per capire che -non conoscendo molte parole in francese- la parola “ankeeto” viene dal francese “enquete” che significa questionario (in questo caso). Non potete capire. Per fortuna per gli italiani le cose sono un po’ più semplici (e gli strafalcioni più facili da notare), visto che il patrimonio fonetico e’ pressoché identico.

Per fortuna per loro (penso), non sanno sul serio (spero) che cosa certe frasi su una maglietta vogliano dire…

Vi lascio a una carrellata di fantastici casi di EngRish (qui).


Sunday, February 5, 2017

Know your nihonshu -- 日本酒

Then came the day I learned about sake, the Japanese rice wine…

It’s not that I am an expert now, but I can at least pick my own sake without having to rely on others’ recommendations. Since rice wine is THE alcohol product that identifies with Japan (although beer is the drink of choice), learning a bit more about its making will also mean learning a bit more about the people and the culture. And since the lecture was given at work (after working hours heh!), as a part of a whole learning and tasting seminar, it was even convenient to attend.This sake tasting event was just one of several activities that are promoted by our HR section (like yoga classes, outdoor trips, music events, and the like) to allow people to mingle, get their heads off work, spend time learning about new stuff.

We all gathered in a room, a bundle of printouts and booklets neatly arranged at a table for each participant, a white board and a powerpoint presentation. We first were given a short introduction about Hakkaisan, the company whose sake we were going to drink, then a 30-ish minutes explanation on how sake is made and how the procedure is different from making beer or wine.

The whole presentation was in Japanese, and yet I found it interesting. Non Japanese speakers among us were also given translated printouts and could also ask for more explanations to a translator (also working for the company).

The brewing process looks rather long, made of several delicate, important steps. Like with wine, everything matters in the making of a good sake: quality of rice, starch/bran ratio, quality of water, sugar content, fermentation time, conservation, and so on. We also learned a few more things: that all parts of rice are used, recycled into flour or such, and that less than 3 meters of snow in winter is bad news…well, no not really. But, yes, the weather conditions are important, the colder the better. In fact, the Hakkaisan company makes its sake in Nigata prefecture, one of the coldest and one of the most famous for rice production (and for snow).

The highlight of the seminar (to me) was learning how to interpret the alcohol percent we always see in the bottle labels…at least I can make sense of a sweet or dry sake. Science works folks!
What will be very hard to remember is all the million different names for the million different types of sake…mission impossible?

Anyway, after the lecture, we were given the green light and started the tasting. On a table were several bottles of sweet, dry, more expensive, less expensive sake. The woman giving us the lecture was serving generous glassfuls of whatever we wanted to try. People went crazy, obviously, and got drunk fast. I can imagine that some of those bottles were kinda expensive, hence the wish to drink a lot in order to make the participation fee worth it. In the end, all the unopened bottles were given away with a draw. I think one out of three participants got one bottle of choice, myself included. Fortunately I could choose a dry sake, which I like more over the sweet ones. But now whether I shall keep it in fridge after opening or not will be an eternal doubt. I guess I will just have to finish it in one go. Helpers anyone?

**********

E arrivo il giorno in cui imparai di più sul sake, il vino di riso giapponese…

Non e’ che sia diventata esperta, ma almeno ora posso scegliere il mio sake senza chiedere aiuto ad altri. Visto che il vino di riso e’ IL prodotto alcolico che fa Giappone (anche se di fatto più popolare resta la birra), imparare un po di più sulla sua produzione significa anche imparare un po’ di più della cultura e delle persone. E siccome il tutto succedeva in azienda (al di fuori dell’orario lavorativo eh), ovvero un intero seminario con assaggi sulla tecnica produttiva, era anche comodo parteciparvi. L’evento di assaggio del sake e’ solo una delle varie attività promosse (tra cui yoga, gite, eventi musicali e altro) con lo scopo di far interagire di più le persone, distrarle un attimo dal lavoro e passare del tempo a fare qualcosa di nuovo.

Eravamo tutti in una sala, con un fascicolo di fogli e carte e stampati vari ordinatamente sistemati per ogni posto, con una lavagna e una presentazione digitale. Prima ci e’ stata data una introduzione dell’azienda Hakkaisan che e’ quella che produce l’omonimo sake, seguivano poi 30 minuti circa di spiegazione su come e’ ottenuto il sake e la differenza con il metodo di preparazione di birra o vino. L’intera presentazione era in giapponese, eppure l’ho trovata lo stesso interessante. Quelli tra noi che non parlavano giapponese avevano la stessa presentazione stampata in inglese, e volendo c’era pure una ragazza che traduceva per noi.

L’intero processo di fermentazione e’ piuttosto lungo, fatto da vari passo ognuno delicato e importante. Come per il vino, tutto influisce nella preparazione di un buon sake: la qualità del riso, il rapporto amido/crusca, la qualità dell’acqua, la quantità di zuccheri, il tempo di fermentazione, la conservazione, eccetera. In più abbiamo anche imparato altro: che del riso, come del maiale, non si butta via niente (tipo si fa farina o altro dalle parti inutilizzate), e che meno di tre metri di neve in inverno si traducono in una brutta annata…va beh no. Pero’ si, le condizioni esterne contano eccome, più freddo e’ meglio e’. Non a caso, l’azienda Hakkaisan e’ a Nigata, una delle prefetture più fredde e più famose per il riso (e per la neve).

La cosa più bella di tutto il seminario (per me) e’ stato capire come si interpreta la gradazione alcolica..ora posso almeno distinguere i sake dolci da quelli secchi. La scienza e’ scienza.
Quello che invece sara’ difficile da ricordare e’ i vari nomi dei miliardi di tipi di sake…sara’ una missione impossible.

Comunque, dopo la parte teorica siamo passati alla pratica: assaggi. Su di un tavolo c’era una bella selezione di sake, dai dolci ai secchi, dai più economici ai più costosi. La signora che ci ha spiegato il tutto e’ stata molto generosa nel riempire i bicchierini dell’assaggio, e infatti tutti stavano brilli dopo pochi minuti. Posso anche dedurre che, visto che alcune delle bottiglie sembravano abbastanza speciali, tutti si erano messi in testa di bere a più non posso cosi da sfruttare al massimo la quota di iscrizione. Che poi alla fine tutte le bottiglie che erano ancora sigillate sono state donate con un sorteggio. Mi sa che uno ogni tre di noi, me inclusa, ha beccato una bottiglia. Ma mica io mi ricordo se questa che ho va messa in frigo dopo l’apertura o va bevuta tutta….oh, mi serve aiuto a finirla.




Sunday, January 29, 2017

Cucina Marina - Girl power dinner with theme - Act V

I organised another themed, girl-only dinner, after such a long time time, and I have to say I liked how it went.
The theme was hot and spicy, which meant we ate a set of dishes with most varying taste, from the habanero-flavoured meat to the chili chocolate, passing through spiced salads and beans.

A few highlights of the evening include the fact that we all cooked at my place, for a change, and we made a new friend. Indeed, one of my guests is new to Japan, meaning that her friends circle is just starting to grow. She now +4ed her friends’ list and was given the ABC of Japanese communication etiquette. Sorry to say, but she’ll be a Line app sticker fanatic in no time and a worshipper of kawaii…

All the cooking happened, as mentioned, at mine. We surprisingly self-organised very well, even in a kitchen as tiny as mine is, and really spent more time talking than cooking. We were so busy talking that we barely finished the second bottle of wine!! Fortunately, the cooking part didn’t take long, as each recipe was done in under one hour.

Anyway, the contributions to the dinner included: spiced lentils (orange juice and cloves being the main flavouring agents), raita which, although spiced itself, was a perfect salad to balance the hot dishes out, patatas bravas (I still have the hot sauce leftovers in my fridge yay!) and some amazing Irish coffee that perfectly accompanied the dessert. You just try and guess how nice my apartment smelled while all that cooking happened…

My own addition to the dinner: artichoke hearts in chili oil, one of the very few food items from Sicily I ask to get smuggled in, chili con carne, which turned out to be spicier than intended, and my first attempt at chocolate bonbons coated with chili chocolate, in the two dark and milk chocolate variants. My idea was to make pops, but something didn’t work as it should have along the way, so in the end I had to give up on the idea and just serve blobs of chocolate on a plate. Not very appealing to the eye, but certainly appealing to the mouth. Definitely a great match to the flavory, hot,creamy Irish coffee. I will work on the looks when I will need to make a job out of my hobby, now I just focus on the taste.

All together we spent about 6 hours at my place, which flew by so quick that in the end the girls had to almost rush back to the station to catch their train in time. Why oh why don’t you Japan put all night trains? On weekends, at least?

In any case, for me the night went on, and I don’t mean because of the cleaning (that was done in a heartbeat, thanks to the girls who helped me with that), but because I had the coffee. I normally don’t drink coffee at night, but would you blame me for wanting to drink that lovely concoction anyway? Right.

Every time I plan a theme dinner I get asked where I take inspiration from, then we also ended up thinking about challenging themes I could get my head around, so now I have a few ideas for future dinners and I also know my limits: I won’t ever cook any bugs (yeah, that’s how high we aimed)…challenge NOT accepted.

*********

Ancora una volta e’ tempo di cene al femminile a tema, e devo dire che e’ andata molto bene.
Il tema era piccante e speziato, quindi abbiamo avuto una serie di piatti con gusti variabili dal super piccante della carne al sapore meno pungente delle spezie nell’insalata.

Un paio di cose da sottolineare erano intanto che abbiamo cucinato tutto da me, per cambiare, e poi c’era una nuova amica che e’ arrivata da poco in Giappone e quindi ha bisogno di allargare il giro di amicizie. Ora vanta 4 persone in più nella sua lista e da ora in poi, forse purtroppo, sara’ risucchiata nella spirale del kawaii giapponese.

Come detto, abbiamo tutte cucinato da me, cosa che e’ andata abbastanza bene persino in una cucina piccola come la mia. Che poi abbiamo passato più tempo a parlare che a cucinare, cosi tanto che infatti non siamo neanche riuscite a finire la seconda bottiglia di vino. Meno male che la parte in cui si cucina era breve, infatti tutte le ricette erano pronte in meno di un’ora.

Comunque, questo quello che e’ stato preparato: lenticchie all’arancia e chiodi di garofano, raita che nonostante fosse speziata andava benissimo a spezzare il piccante degli altri piatti, patatas bravas di cui conservo la salsa piccante in frigo e infine un fantastico Irish coffee che si sposava perfettamente col dolce. Casa mia, come si potrebbe immaginare, profumava di buono…

Invece io ho preparato intanto un aperitivo di carciofi sottolio, olio piccante, che sono una di quelle cose che non mi faccio mancare da casa, poi un bellissimo chili con carne che era più piccante del previsto e po infine un test con praline di cioccolato sia fondente sia al latte al peperoncino. A dire il vero, la mia idea era di infilzare le palline pralinate in degli stecchini cosi da poterle anche presentare in maniera simpatica, ma a un certo punto dell’esecuzione le cose non sono andate come previsto e quindi ci siamo ritrovate con delle pallottole di cioccolato in un piatto. Va beh, non certo allettanti per l’occhio ma di certo allettanti per la gola. Proprio un accoppiamento perfetto con la cremosita’ del caffe. Poi alla presentazione ci lavoro, per ora mi soffermo al gusto.

Gira e rigira, sei ore sono volate e le mie amiche sono dovute correre via per prendere l’ultimo treno. Perché, Giappone, non metti treni tutta la notte? Almeno il fine settimana?

Per me la serata non e’ finita dopo le sei ore, non tanto per pulire il tutto visto che avevo ricevuto un valido aiuto, ma per il caffe. So che non dovrei bere caffe la sera, che poi non dormo, ma dico potevo privarmi della prelibata bevanda soprattutto preparata in quel modo? Esatto.

Infine, mi si chiede sempre come mi sia venuta l’idea delle cene a tema, e successivamente ci siamo messe a pensare a nuove sfide culinarie. Ora ho qualche idea per le future cene e so anche dov’e’ che mi fermo: non mi vedrete mai a cucinare insetti (eh, si, siamo arrivati fino a li)…sfida NON accettata.