Thursday, September 18, 2014

ICSB 2014 Melbourne - recap

First of all I am glad that I am not a selected speaker at this conference as my boss wished...there is a high level of presentation skills and also a confidence I don't have. Yet.

Second, not being a native English speaker can be a problem in some cases...think of the Chinese presenters. Some of them are perfectly understandable, but others, like the guy whose talk I attended...it is impossible to pick up any words. At all. Maybe native speakers can sort of grasp what he's trying to say, but I can't. Yadda yadda to me.

So, I am twice as glad that I am not one of the speakers. I think my eloquence would be shadowed by my bad pronunciation. Standing by my poster is just about enough. And prone to less anxiety.
Going back a little to give some context, here I am by the beautiful south Yarra riverside in beautiful Melbourne where the Exhibition Centre is located.

This part of town is a great place to be now, day and night: restaurants and bars with live music along the south warf promenade, outlet mall, the nearby casino, the view of the tall city buildings, lots of grass and seats so that one can bask in the sun (like what i did on Sunday, when the weather just gifted the city with a perfect spring day)...

Attendance for the systems biology conference is quite low...I mean I am surprised by the small scale of the event, especially if compared to the Japanese Molecular Biology conference that's thousands of people. And is a domestic conference....
But, no need to say, the quality of the conference here is really high.

Everything is organized in such a way that we get more science than we can actually hope for and more food than what we can eat...lunch boxes with even a muffin! And a fruit! Gasp! There are cookies, pastries, and mini muffins served during tea breaks (yeah, we are in a British colony, remember), we also had a great selection of sandwiches, and they do take extra care about all food restrictions people might have....I want the same catering company for our events! The bonus on this was that we didn't have to pay a dime at all, as all refreshments were free. Hm, generous sponsors? It looks like the case.
Conferences are great for networking. People meet, talk, first about their respective jobs, but then also about their own countries, life, likes and so on.

Attendees, or delegates as we are referred to, cover a wide range of characters: your dolled up, pin up girls from the eastern European countries (Poland) walking in their 4 inches heel pumps (who said science isn't sexy? BTW, the day after they showed up in sneakers and hoodies haha), your nice looking researchers, your good mix of young and less young, of students and professors, your big tall super friendly Dutch woman, your long haired, tired looking Frenchman, your confused Japanese guy, and well, yes, also your old professor. The real geek type, you know, those with thick glasses, long hair and beards who don't care about looks and have their presentation slides filled with formulas and numbers? Not here. FYI, scientists now are well groomed, take care of their bodies, are sociable and fun. Lots of blue eyes around and blonde hair. And beards. Hipster is the new science!

BTW, what's with the over-representation of the bearded human? It is SO evident outside of Japan. Perhaps I have lived in Japan for too long. Ohdammit, I do love Melbourne.

**********

Innanzitutto sono contenta che non mi abbiano scelta per il seminario come il mio capo sperava....c'e' un alto livello di capacita' espressiva e di confidenza che non posseggo. Per ora.

Secondariamente, non essere madrelingua inglese puo' avere delle conseguenze negative...ad esempio prendiamo i cinesi. Alcuni di loro li si capisce perfettamente, ma altri, come quello che ha dato il seminario che ho seguito, e' impossibile capirli. Ma proprio per niente. Forse i madrelingua riescono a capirli nonostante tutto, ma io no.

DI conseguenza, sono due volte contenta del fatto che non devo parlare in pubblico. La mia eloquenza verrebbe mascherata dalla mia povera pronuncia. Penso proprio che stare in piedi vicino al mio poster e' piu' che abbastanza. E provoca meno ansia.

Ora, per contestualizzare, dovrei dire che mi trovo presso il fiume Yarra nella bellissima Melbourne, dove si trova il centro conferenze.
Negli ultimi anni questa parte della citta' si e' abbellita parecchio, giorno e sera ci si intrattiene a bar, ristoranti, centri commerciali, il casino', la vista della citta e' stupenda e c'e' un sacco di spazio per sedersi e crogiolarsi al sole (come ho fatto la domenica, un perfetto giorno di primavera).

La conferenza mi ha sopreso per essere abbastanza contenuta, soprattutto se paragonata a, che so, la conferenza di biologia molecolare in giappone che e', tipo, migliaia di persone. Ma ovviamente la qualita' di questa conferenza e' ottima, ed e' organizzata in maniera tale che abbiamo piu' scienza di quanto possiamo assimilare e piu' cibo di quanto possiamo mangiare, il menu varia, ci sono box con addirittura un muffin e un frutto!!!Oppure un assortimento di panini gustosi, poi tanti tanti dolci e frutta fresca per le pause the (si, the, non caffe'. Del resto siamo in una colonia inglese)..comunque, voglio la stessa organizzazione per gli eventi nostri in Giappone! E in piu' non abbiamo dovuto pagare extra per i rinfreschi visto che era tutto incluso...forse abbiamo degli sponsor abbastanza generosi.

Le conferenze sono un ottima occasione per creare contatti, prima ci si mette a discutere di lavoro e poi si procede con il posto in cui si vive, da dove si proviene, eccetera.

I partecipanti hanno le piu' svariate caratteristiche: ci sono le classiche studentesse polacche, super truccate e con ai piedi tacchi alti (chi ha detto che la ricerca non e' sexy? Che poi, queste si sono presentate il giorno dopo in scarpe da tennis e felpa), i classici ricercatori bellocci, quelli giovani, quelli piu anzianotti, stidenti e professori, la classica professoressa olandese alta e imponente, il francese dai capelli lunghi e l'aria trasandata, eccetera. Quello che non si vede piu in giro e' il tipico sfigato, quello che non si cura del suo aspetto, ne' del suo abbigliamento, quello che ha le sue presentazioni fitte di formule...infatti, questo e' ormai superato. Anche i ricercatori adesso sono belli, biondi, socievoli e con cui ci si vuole intrattenere.

Che poi, in questi giorni ho solo visto uomini barbuti. Che sia la nuova tendenza? Forse sono stata per troppo tempo in Giappone. E si, amo Melbourne.

Friday, September 12, 2014

Whine, Wine and Systems Biology

I didn't bother to charge my laptop battery before departure, as I thought that I wouldn't need to use the computer during the short flight to Hong Kong and that I could have done so during the long-ish wait at the terminal....yeah, if I had remembered to bring the plug adaptor.
So now with the little juice left I try to let time pass.

Anyway, people do need to seriously learn to travel...

Chinese woman sitting next to me, I guess that Kevin could have lived as happily as before even if you didn't call him 7 (Seven, I counted) times from the moment the wheels touched the ground to the moment the plane stopped. I mean, that's, like, 4 minutes in total. People know you are traveling, they can wait.

And, Chinese woman next to me again, why on earth do you have to walk over me - I have a aisle seat - and rush to get your bags while the aisle is completely packed by people who thought doing the same? I mean, if the door's not open, guess what, you can't leave the plane even if you make it to front line.

And what is this need to stand up as soon as the plane comes to a halt....it's not that, you know, if you miss this stop the conductor will deliver you to, say, Katmandu. There is only one stop, and it is final. They'll wait for you to sesembark before calling it a day. No need to be in a hurry.

I feel more claustrophobic in those 5 minutes while everyone stood than in a Tokyo subway train...but that's another story.

I hate landings. They are stressful. MAN.

So, where am I traveling to? There is a systems biology conference in Melbourne and I am attending it. To be honest, I DREAD flying long distances, especially given that I can't sleep.

During the past two weeks my insomnia worsened, I wonder whether the wineries in Victoria state ("the place to be" according to car plates) will be of any help for this.

More to come. About the conference, that is...

*************

Non mi sono minimamente preoccupata di ricaricare la batteria del computer visto che pensavo che non mi sarebbe servito nel breve volo su Hong Kong e che avrei potuto tranquillamente sedermi e ricaricare la batteria mentre in transito...se mi fossi ricordata dell'adattatore per le prese forse ci sarei riuscita. Percio' cerco di trascorrere l'attesa con quel poco di batteria che mi rimane.

Comunque, la gente dovrebbe davvero imparare a viaggiare...

Tu, donna cinese che siedi accanto a me, sono sicura che Kevin avrebbe vissuto felicemente come prima anche se tu non lo avessi chiamato 7 volte (sette, le ho contate) dal momento in cui le ruote hanno toccato terra fino a quando l'aereo si e' fermato. Dico, questo e' in totale tipo 4 minuti. La gente sa che stai viaggiando, possono benissimo aspettare.

Poi, sempre tu, donna cinese seduta accanto a me, che bisogno c'e' di scavalcarmi -ho un posto corridoio- per raggiungere le tue borse e aspettare in piedi nel corridoio che e' pieno di altri passeggeri che hanno pensato di fare lo stesso...Dico, se le porta non si apre, indovina un po', non ti fanno lasciare l'aereo anche se sei in prima fila.

E poi qual'e' tutto questo bisogno di mettersi in piedi non appena l'aereo si ferma...non e' che se non scendi a questa fermata la prossima e', che so, Katmandu. La fermata e' una sola ed e' quella. Non c'e' bisogno di correre.

Sono piu' claustrofobica in questi 5 minuti di attesa che in un treno di Tokyo...ma questa e' un'altra storia.
Non li sopportio gli atterraggi.

Dunque, dove mi dirigo? C'e' una conferenza di biologia dei sistemi a Melbourne, ed e' li che sto andando. Onestamente, non li sopporto proprio i viaggi lunghi, soprattuto perche' non dormo.

Nelle ultime due settimane la mia insonnia e' peggiorata parecchio, magari le aziende vinicole dello stato del Victoria saranno di aiuto.

Presto altre informazioni. Sulla conferenza, intendo.

Tuesday, September 2, 2014

Cycling in Tokyo - Route 15, temples, rivers and shabu-shabu

Sunday. The smell of 5-grains cake baked the night before still lingers in the living room.

AM 7:00. It's a sunny morning outside, ideal for a bicycle ride.

AM 7:10. Nope, it's not a sunny morning anymore. Plan change, I am not riding in the rain. 

PM 1:00. Against all odds the sky opens up again, so without hesitation I am off to what will be a very 32 KM entertaining bicycle ride across Tokyo.

Some technical information about the whole adventure: I rode a bike from my workplace in Tsurumi to Asakusabashi, where my friend and owner of the bike I want to ride is, all the way along route 15 but the last few kilometers, when I took route 6. Easier route, and one I know quite well, so that I don't need to check the map while riding. See? Very responsible of me. Now, not having a proper bike, nor proper experience in dealing with car drivers in the city, I kept a low profile and rode along the walkways. Note to experienced cyclists: Tokyo metropolis doesn't always have bike lanes (maybe only 25% of the roads have). Also people here have really no common sense in riding a bike. And engineers have no common sense in urban planning. For these reasons, using the pedestrians sideways is pretty normal and widely practiced, although not pretty safe all the time...

PM 2:00. I fetch the bike at RIKEN and I start my ride while the day turned sunny and hot. I take it as a good sign of a mission that's going to end well. I make a brief stop at a bike shop to get the tyre pumped, then I am off, destination Tokyo Sky Tree and vicinity.

PM 2:30. I am already in Kawasaki, crossing the prefectural border between Kanagawa and Tokyo prefectures that's physically and conveniently shared with the Tama river. Nice view on that day over the river banks!

PM 3:45. South Shinagawa!!! I made it fast, despite all the architectural barriers that slowed down my ride and annoyed me this much…Expectedly, in a heavily urbanized centre like Tokyo metropolitan area, it is not unusual to find constructions that either make pedestrians and cyclists lives a hassle or make the city look ugly (see later when I get to Nihombashi), and I indeed had to make detours here and there, leaving the main road to get back in it a few blocks further, simply because I was on the wrong side of the road and I couldn't continue  because there were no lines  at the crossing I was meant to pass (or no traffic lights, or there was a bridge for pedestrian that had no lane for bikes, meh). But that meant more adventures, as I discovered things along the way…getting lost was impossible, given that the road signs with directions are super clear and easy to read. But spotting temples (like the pretty one in South Shinagawa), canals, cute little houses, a nice view was instead always a bonus.

PM 4:10. I leave the temple where I stopped for 30 minutes and keep on going….I am reaching the core of the city, the are that sits within the circle of Yamanote train line that roughly marks the center boundaries….And the weather still looks good. Chance of rain has dropped to zero. It can't be better. 
PM 4:40. I am in the embassies area, near Tokyo Tower, and I can't not take a detour just to get a bit closer. But not too close, as I want to make it to my final destination before dark….this time of the year night comes around 6:30pm.

PM 5:00. Ginza!!! I am here, cycling along the most expensive stretch of route 15 while it is closed to the traffic. I have the best fun here, where I took millions of photos of people strolling and sitting and window-shopping, while cycling. And, I also met a couple of friends by chance! Besides, I am getting real close now to Asakusabashi.

PM 5:20. Nihombashi. This district is really famous because it maintains an old splendor, where one can see buildings that look full of history, and perhaps the most beautiful bridge in whole Tokyo (where the district takes its name from). This bridge and the whole neighborhood is totally spoiled by the highway tracks that run just above the bridge and follow the canal for a good portion of its course, hiding everything else to the view. Shame shame shame.

PM 5:40. I finally see the Tokyo Sky Tree, standing tall and shining. Just few minutes later I am stopping by the bridge in Asakusabashi to take photos of the lively sides of the canal that recalls ancient times. It reminds me a little bit of Kyoto, with all the boat houses directly facing the water and a little bit of Fukuoka with all the small restaurants lined up along the canal. Just. Beautiful.

And here my ride is over. It was a great afternoon, made greater by one detail: I did not encounter one single red light all along the route! Not one single time! My riding pace went like in a fluid motion, slowed down only occasionally by spacial-unaware pedestrians or by lack of room on the side walks. In the end I made it within 4 hours, which was much faster than my expectations given all the detours.

Even on my way back home (by train) I had a smooth ride: I had the train just waiting for me when I departed and also when I transferred. It must have been my lucky day.

*************

Domenica. Il profumo della torta ai cereali e cannella fatta la sera prima si sente ancora nell'aria.

Ore 7:00. Cielo sereno, giornata ideale per una gita in bici.

Ore 7:10. Non e' più una giornata di sole. Piano annullato. Non mi va di stare in giro sotto la pioggia.

Ore 13:00. Alla faccia delle previsioni meteo, il cielo si fa pian piano azzurro, quindi senza esitare mi accingo a iniziare quella che sarà una divertente gita in bicicletta per 32 chilometri attraversando Tokyo.

Ora passiamo a un paio di informazioni tecniche: ho percorso la distanza tra Tsurumi, dove lavoro, a Asakusabashi dove abita il mio amico e nonché proprietario della bici che mi ritrovo. Ho scelto la superstrada 15, che collega le due città, e poi solo gli ultimi chilometri ho preso la 6. L'itinerario e' quello più semplice, e poi conosco la strada molto bene così che non ho avuto bisogno di controllare la mappa mentre mi trovavo in strada. Che persona responsabile, visto? Ora, il fatto che non avevo una bici apposta per le corse, e non fidandomi molto degli autisti in città, invece di pedalare sulla strada ho scelto i marciapiedi. Nota per i ciclisti appassionati: Tokyo non e' che abbia poi tante piste ciclabili…tra le altre cose la gente qui non ha proprio senso pratico in bici, e gli ingegneri non sembrano avere molto senso pratico nella pianificazione urbana. Di conseguenza, per questi motivi, l'uso dei marciapiedi e' altamente incentivato e raccomandato, seppure non e' tanto sicuro…

Ore 14:00. Prelevo la bici dal RIKEN e inizio il giro, con un sole che batte a picco che prendo come segno di buona riuscita della missione. Mi fermo un attimo al negozio di bici per gonfiare le ruote e poi sono già pronta per il viaggio con destinazione Tokyo Sky Tree.

Ore 14:30. Sono già a Kawasaki, e sto per attraversare il confine tra le province di Kanagawa e Tokyo, confine che coincide esattamente con il corso del fiume Tama, bellissimo sotto il cielo blu.

Ore 15:45. Shinagawa sud!!! Alla faccia di tutte le barriere architettoniche che mi hanno rallentato e fatto innervosire, ho fatto prestissimo…c'e' infatti da aspettarsi che in un centro urbanizzato come Tokyo e' facile trovare spesso ponti, cavalcavia, svincoli di autostrade e tutto ciò che o rende difficile la vita di pedoni e ciclisti o rende la città veramente inguardabile (più su questo argomento quando raggiungo Nihombashi), e difatti spesso ho dovuto deviare di un bel po solo perché mi trovavo sul lato della strada senza strisce pedonali all'incrocio (oppure non c'era il semaforo o c'era un cavalcavia solo per pedoni). Tuttavia ogni deviazione era una nuova avventura visto che scoprivo qualcosa di nuovo ogni volta…perdersi e' impossibile visto che le indicazioni sono a prova di bambino. Il bonus era scovare un tempio (tipo quello a Shinagawa), un fiume, un quartiere carino…

Ore 16:10. Dopo essermi fermata per 30 minuti al tempio, riparto e mi addentro nel vero e proprio centro di Tokyo, quello marcato dalla linea circolare del treno…e la giornata e' ancora serena e senza più minaccia di pioggia. Meglio di così non può andare.

Ore 16:40. Raggiungo l'area delle ambasciate straniere, vicino Tokyo Tower. Ovviamente una deviazione e' d'obbligo, ma non troppo altrimenti rischio di arrivare a destinazione col buio….in questo periodo dell'anno infatti fa già buio alle 18:30.

Ore 17:00. Ginza!!! Eccomi qui, a pedalare lungo il pezzo di strada più costoso durante le ore chiuse al traffico. Mi e' piaciuto tantissimo qui, andarmene in giro in bici e fare foto della gente che passeggia, o che guarda le vetrine o che si rilassa…ho pure incontrato per caso una coppia di amici! E ora sono proprio vicina a Asakusabashi.

Ore 17:20. Nihombashi. Questa zona e' tanto famosa perché conserva ancora un certo antico splendore, si vanta di costruzioni che hanno un certo non so che di architettonico e allo stesso tempo antico, e possiede forse il ponte più bello di tutta Tokyo (lo stesso da cui il distretto prende nome). Ora, il suddetto ponte e l'intera area sono completamente rovinati dal fatto che proprio sopra il canale su cui sorge il ponte si snoda l'autostrada, nascondendo praticamente tutto. Vergogna, vergogna, vergogna.

Ore 17:40. Posso finalmente scorgere il profilo di Tokyo Sky Tree! Un paio di minuti dopo mi trovo già a fare un giro intorno al ponte a Asakisabashi che e' tanto bello e sa di tempi passati. Un po' mi ricorda Kyoto e un po' Fukuoka, con le sue piattaforme per salire in battello e le file di ristoranti lungo le sponde del canale. Proprio bello.

Qui si conclude la mia avventura e consegno la bici al suo proprietario. E' stato un pomeriggio fantastico, reso speciale da un dettaglio: in tutto il tragitto non ho beccato un singolo semaforo rosso, neanche uno!! Era come se andassi in un movimento fluido, solo rallentato ogni tanto da passanti senza concezione spazio-temporale o da marciapiedi troppo stretti. Alla fine ci ho messo solo 4 ore, che e' poco considerando tutte le varie deviazioni.


Persino il mio ritorno a casa (in treno) e' stato liscio come l'olio. Sara' che era il mio giorno fortunato. 

RIKEN

Pump, pump, pump!

Kawasaki

Tama river

Border crossing

Kamata

cute dark couple

Omori

Temple - Omori

Temple - Omori

Shinagawa shrine

Shinagawa shrine 

Canal near Shinagawa

Approaching Shinagawa

Shinagawa

Tamachi

Shinbashi

Ginza

Nihonbashi

Asakusabashi

Canal in Asakusabashi

Tuesday, August 26, 2014

Summer is over -- L'estate sta finendo

Summer has come and gone. Vacation has just gone, not even bothered to come.

I only took a long weekend as 'summer holiday' at the end of August and went to the only place, close and yet far, where a beach is a beach: Shimoda, again. I know the town in and out by now, and although I would have rather visited a new place, this time Izu would do. The natural scenery of the region is quite impressive and never fails to amaze me: hills covered in trees and bamboos, small houses built on the steep sides, narrow roads, small family-run local businesses, hidden coves, boulders, high cliffs looking down to rough shores. It's like being in a dream place, one where the contrast between mountain and beach life, and the jump from future to past don't exist.

To say the truth, the weekend begins already in Atami, where a fine sunny morning awaits. The beach is too windy, and the sand is too sticky for my taste, but noon comes at some point and it is time to hide from the strong sun and to continue the trip to the south towards Shimoda. I found a resort hotel semi-remote, semi-hidden in the vegetation, with a outdoor pool, ocean view, private open air bath (露天風呂 , rotenburo), big comfortable beds in the room, huge flat TV screen and other amenities. The closest beach is a mere 15 min walk from there. Beach that, I haven't missed to notice, is popular among foreigners, especially families. One day I will have to find out why it is so…

It must be said that together with beauty comes nasty in Japan, especially in summer: horrible cicadas as big as a hand palm, brown in the city and -first time seeing them- black with transparent wings at the seaside; disgusting rock bugs with eight legs walking everywhere, hiding in the cracks, under the stones, swarming when the tide is low; the unbearable smell of seaweed, sea water trapped between rocks, dead nature whenever one nears any rock formations…and the southern coast of the Izu peninsula is mainly cliffs and rocks of volcanic origin…oh dear! The only cute animals around are crabs, in all shades of red, from bright orange to nearly brown, they cross streets, populate any small hole, run around in their funny sideway walk. If they weren't so fearful, I am sure we'd be good friends.

Another thing I will never understand is why rock beaches here in Japan stink so much while Sicilian ones don't. I mean, I am not saying this just because I am Sicilian, really. Anyway, enough a diversion for now.

The evening of our arrival (I went together with my friend Natsuyo) we are greeted by a massive thunderstorm like I haven't seen in a long while and lasts until the first hours of the morning after. 
Trusting the weather forecast that reported only occasional scattered showers, we leave the hotel after breakfast and head to the beach. There, a group of drunk Japanese men (note: it was only 9 am) approach us as soon as the sky turned grey again and invite us to seek shelter under their tent in the event of heavy rain…they explained they were having a huge group with families and were happy to have us too. They even offer us drinks the whole day, and also annoy us a little at some point, but, hey, we all need friends when we have no umbrellas and rain falls in buckets…Beach take one: fail.

At some point there is a break in the rain so me and Nat make it to the hotel safely. Few hours later the sky clears out and we decide to try again and get to the beach. This time there are no dark clouds to threaten us, we can even distinguish clearly Nijima island profile in the distance and we can have a swim too. Beach take two: success.

There is one of the several beaches in Shimoda ward that has so far managed to escape my visit. It is a bit off the touristic routes, and takes a wile to get there. From the road, one must walk down a steep trail through the forest that opens up to a secluded bay with emerald waters and lots and lots of stones for people to enjoy snorkeling. On the last day of our visit, we decide to head there and find out whether the beach was worth the trip. It was very pretty but rather crowded. Being it a Sunday I am not so surprised, and it was also the official last day of the season (meaning there are beach patrol, shops, parasol rentals and such). In spite of the way up to the road from the beach below being a killer, people are not discouraged and even carry heavy and bulky beach gear all the way down and up again. Next time I'll reach it from the water, I reckon. 

A bit annoyed by the crowds, we only spend a couple of hours there, then move to Sotoura beach, never disappointing, and overall entertaining. Dragonflies bustled above our heads for the whole time, maybe as a reminder of the imminent end of summer. 

************

L'estate e' arrivata ed e' finita. Le vacanze invece sono finite senza neanche incominciare.

Come vacanze, ho potuto prendere solo un fine settimana alla fine di agosto e sono andata, di nuovo, nell'unico posto vicino ma lontano che ha spiagge degne di questo nome: Shimoda. Ormai conosco la città dentro e fuori, e anche se preferirei visitare un posto nuovo devo accontentarmi stavolta. Le bellezze naturali di questa zona mi lasciano sempre stupefatta: colline ricoperte di alberi e vegetazione, case piccole che si accavallano sui fianchi delle colline, strade strette e tortuose, piccoli negozi a gestione familiare, calette nascoste, scogli a picco sul mare. Ogni volta e' come entrare in un ambiente da sogno dove il contrasto tra mare e montagna e il salto dal futuro al passato non esistono.

A dire il vero, la vacanza inizia già a Atami, che ci aspetta per una mattinata di sole. La spiaggia e' abbastanza ventosa, e la sabbia appiccicosa, e quando le ore più calde si fanno vicine, ce ne andiamo (sono andata in vacanza con la mia amica Natsuyo) e proseguiamo il viaggio verso Shimoda. Li' ho trovato un hotel abbastanza isolato, semi nascosto nella vegetazione, con piscina esterna, vista mare, terme, letti grandi e comodi, TV a schermo piatto e altre cose. La spiaggia più vicina e' a circa 15 minuti a piedi. Spiaggia che, non ho potuto far a meno di notare, e' una destinazione conosciuta tra gli stranieri in Giappone, soprattutto famiglie. Un giorno dovrò pur informarmi su questo fenomeno…

Bisogna dire che in Giappone la bellezza e' sempre accompagnata da fastidio, soprattutto in estate: orribili cicale, marroni in città e nere con ali trasparenti (viste per la prima volta) al mare; insetti disgustosi a otto zampe che si muovono dappertutto tra gli scogli, nel bagnasciuga quando la marea e' bassa; l'odore forte di alghe, acqua di mare intrappolata tra le rocce, natura morta…e la parte sud della penisola e' praticamente solo fatta di scogliere vulcaniche che nascondono tutti questi pericoli. I soli animali simpatici sono  granchi, ce ne sono tantissimi e coloratissimi, dall'arancione brillante fino al marrone, e si nascondono dappertutto o scappano via nella loro andatura curiosa. Sono convinta che se non fossero così paurosi, saremmo dei buoni amici.

Un'altra cosa che non capirò mai e' perché le coste rocciose in Giappone sono così maleodoranti mentre quelle siciliane no. E non e' che lo dico solo perché vengo dalla Sicilia, giuro. Ma basta con le divagazioni.

La sera del nostro arrivo siamo benvenute da un temporale con tanto di tuoni e lampi che e' durato fino alla mattina dopo. Fidandoci delle previsioni che davano piogge sparse, lasciamo l'hotel dopo colazione e ci dirigiamo verso la spiaggia dove un gruppo di giapponesi già belli ubriachi (nda, parliamo delle 9 di mattina) ci avvicinano per invitarci a usare il loro gazebo nel caso dovesse venire giù la pioggia….ci hanno spiegato che erano un gruppo grande con famiglie e la nostra compagnia era gradita. In ogni caso ci hanno offerto da bere per tutta la giornata, seppure ci hanno un po' dato fastidio ad un certo punto con le loro battute ma dopo tutto abbiamo tutti bisogno di un amico quando c'e' il diluvio e non si ha un ombrello…

A un certo punto smette di piovere, così che io e Nat ce ne torniamo in albergo e ci stiamo fino al primo pomeriggio, quando la minaccia di pioggia e' del tutto svanita e torniamo in spiaggia. Il cielo si fa così limpido che e' anche possibile vedere con chiarezza l'isola di Nijima in lontananza.

C'e' una spiaggia a Shimoda che finora e' sfuggita alle mie visite. E' un po' fuori mano e ci vuole un po' per raggiungerla. Dalla strada, poi, un sentiero ripido in discesa si snoda tra le colline verdeggianti e raggiunge una bella spiaggia nascosta dalle acque cristalline. L'ultimo giorno di vacanza decidiamo di verificare se vale la pena fare lo sforzo di raggiungere la spiaggia. Bella, e' bella, ma abbastanza affollata anche se non mi aspettavo di meglio visto che stiamo parlando dell'ultima domenica della stagione balneare ufficiale (cioè quando ci sono i servizi minimi in spiaggia, tipo ombrelloni e sdraio, la botteghina coi gelati e i panini, eccetera). Nonostante la risalita verso la strada dalla spiaggia e' un suicidio vero e proprio, la gente non si scoraggia mica e anzi si trascina dietro ogni sorta di bagaglio da spiaggia. Per quanto mi riguarda, la prossima volta visiterò la spiaggia in barca.


Visto che la confusione non ci era gradita, stiamo in questo posto solo poche ore e poi andiamo a Sotoura che non si smentisce mai e diverte sempre. Per tutto il tempo le libellule volteggiavano sopra le nostre teste, forse per ricordarci che l'estate sta per finire.












Wednesday, August 20, 2014

Office Allergy

It is scientifically and extensively proven that the environment we live in affects our genes....in science jargon this is known with the term epigenetics. Actually environmental effects are just one form of epigenetics.

My workplace is strictly air-conditioned. The office buildings are located by the river mouth, we have salty particles coming from the sea and pollution coming from the factories around us, and for the safety of the electronic and hardware equipment we are forbidden to let the air from outside in. So, air circulation happens only via vents or air-cons. No open windows. Ever. This is not desirable, actually, but we have to comply.

For a long time I have tried to understand what caused my headaches, my sleepiness through the afternoons, my sinuses to swell to the point I have problems breathing, sneezing. I first thought it was dust, as I may be allergic to that (no striking, unmistakable evidence yet, though). I do suffer of a very mild form of rhinitis, but haven't developed any allergies so far, even in Japan where they say everyone here develops allergy to cryptomeria and cypress pollens.

It is to be noted that I don't feel sick all the time, but only certain days, certain times of the year. So, it must be something seasonal, alright. It usually comes in the afternoon, as if it needed some incubation time, never in the morning.

But, and here is the mysterious part, if it is something in the air, whether pollens or pollutants, whenever I am out of the office it should get worse, then. Nope. As a matter of fact, as soon as i leave the workplace my symptoms disappear....tsk tsk.

Finally it hit me. It might just be dust or it might be something else, depending on what particles are around at different seasons, but the fact that I suffer only in the office is because of air conditioning. So obvious! Especially the last days, it has been very windy, so the air blown into the rooms by the a/c units could have been unusually charged with godknowswhat and being in the office all day with the ventilation system in constant use makes me sick. I need fresh air.

See? The office is epigenetically modifying my DNA so that I now suffer of allergies I didn't suffer of before, and because of that I experience a decrease in concentration and productivity....may this be the chance to ask and obtain to work from home?

*******************

E scientificamente provato in maniera esaustiva che l'ambiente in cui si vive ha effetti sui geni...in gergo scientifico ci si riferisce a epigenetica. O meglio, gli effetti dell'ambiente sull'organismo sono una delle forme di epigenetica.

Nel mio ufficio si va di aria condizionata. L'edificio si trova alla foce di un fiume, quindi abbiamo sia salsedine che polveri provenienti dalle industrie intorno, e per questi motivi abbiamo l'obbligo di tenere le finestre chiuse per evitare che i macchinari e i computer vengano rovinati. Quindi l'unica aria che circola e' aria condizionata. E la cosa non e' ottimale proprio, ma dobbiamo accettarla.

Ora, ho cercato di capire cosa provoca i miei mal di testa, la mia stanchezza, il naso pieno tanto che respiro a fatica e starnuti in ufficio. Prima pensavo fosse la polvere, visto che potrei benissimo esserne allergica. So di avere una leggera rinite, ma sin da quando sono qui non ho sviluppato nessuna allergia, anche se tutti dicono che qui in Giappone tutti a un certo punto hanno allergie al polline di conifere.
Tra le altre cose, non sto male sempre, ma solo in certi giorni e in certi periodi dell'anno, quindi c'e' un certo non so che di stagionale. Di solito i sintomi si fanno sentire il pomeriggio, mai alla mattina, come se ci fosse una fase di incubazione.

Ma, la cosa misteriosa e' che se davvero fossi allergica a qualcosa che e' nell'aria, allora dovrei soffrirne di più all'aria aperta non in ufficio. No? E invece no. Di fatto, appena esco dal mio ufficio tutto passa. Proprio strano.

Ma ora finalmente ho collegato: o polvere o polline, qualsiasi cosa sia, la causa e' proprio l'aria condizionata! I giorni scorsi sono stati parecchio ventosi, e chissà cosa avranno mai portato i venti con se fino a spingerli nel sistema di ventilazione. Ovviamente, essendo tutto il giorno in ufficio, con l'aria condizionata perennemente accesa, il cervello ne risente...ci vuole aria fresca per poter pensare e respirare.


Quindi alla fine posso dire che l'ufficio ha effetti epigenetici sul mio DNA visto che soffro di allergie che non avevo prima e questo causa una riduzione in produttività e concentrazione...non e' che sia questa la volta buona che posso chiedere e ottenere di lavorare da casa?




Tuesday, August 19, 2014

Weather is not what it used to be

I have forgotten how summer vacations look like, how they feel like. 

I can't say with certainty if this happens because of the job, or because of the place I live in, or even both. What is unanimously, universally ascertained, though, is that the weather is to be blamed all the time. 

If I imagine my grandparents complaining, they'd say "the weather is not what it used to be". I mean, the sentence "[subject] is not what it used to be" applies to anything. Well, it works. 

I know I may sound redundant, but certain things were absolute truths when I was younger, like that summer back home in Sicily lasted form April to October. Eight months of dry, warm, sunny days. There was no need to plan ahead, no need to check the forecast, no bad luck: it was sunny and it stayed that way. You knew.

Now even in Sicily it is impossible to know what the days will look like. This is the new absolute truth. And it applies to every place, every time except for weekends… for those we have to always take into account the infamous Murphy's law, so that weekends are poised for bad weather.

This summer in Tokyo has been rather cool compared to the weather projections for this period, we've had lots of rain, lots of winds, out-of-season typhoons. Summer is becoming an issue, especially for me, known to friends worldwide for being a seaside girl. Given that 1) Tokyo has no (good) beaches, 2) summer holidays have to be wisely used, 3) Japanese tourism is organized such that all vacationers must travel to the same locations in a limited time window (outside of which services are no longer available, aka you are on your own), AND finally 4) the weather doesn't cooperate…..well, we are experiencing a crisis.

Now, I am complaining and all because, well, I have nothing else more interesting to talk about right now, but really it is because for the n-th year in a row I haven't had a proper summer vacation and I need one. I mean, even last year when I went to Sicily in August, people I said AUGUST, I could manage only two days at the beach. The rest of the vacation was cold and cloudy. Just saying…
Secondly, I have planned a three day weekend at the seaside. Weather has been gorgeous, guess when? Right, weekdays. Weekend forecasts: cloudy with chance of rain. Great, just great….

*************

Non mi ricordo più come sono le vacanze, cosa si prova.

Non posso dire con certezza se e' per via del lavoro o del posto in cui vivo o tutti e due. Quello che e' certo, in maniera universale e unanime, e' che e' comunque colpa del tempo.

Se penso a quello che i miei nonni direbbero, sarebbe qualcosa del tipo "il tempo non e' più quello di una volta". Anzi, la frase "[soggetto] non e' più come una volta" praticamente va bene con qualsiasi cosa.

So che posso sembrare ripetitiva, ma dico, quando ero più giovane certe cose erano verità assolute e indiscutibili: tipo, l'estate in Sicilia durava da aprile a ottobre. Erano otto mesi di giorni caldi e soleggiati. Non c'era bisogno di programmare in anticipo, non c'era bisogno di controllare le previsioni, non c'era nulla che cambiasse questo stato delle cose. Era estate, e in estate c'e' il sole. Sempre.

Anche in Sicilia invece ultimamente e' impossibile sapere come sia il tempo. E' questa la nuova verità assoluta. E si applica ovunque e sempre, a parte nei fine settimana….ricordatevi la famosa legge di Murphy, perché in effetti nel fine settimana spesso e' previsto brutto tempo.

Quest'estate a Tokyo e' stata abbastanza fresca se paragonata alle proiezioni per questo periodo, abbiamo avuto un sacco di pioggia, vento e anche tifoni fuori stagione. L'estate sta diventando un problema, e questo e' specialmente vero per me, che sono famosa per essere un animale da spiaggia. Considerato che 1) Tokyo non ha (belle) spiagge, 2) le vacanze estive vanno praticamente usate con parsimonia, 3) l'industria turistica nipponica e' strutturata in una maniera tale che tutti i vacanzieri devono viaggiare nello stesso periodo, che e' corto e al di fuori di esso non ci sono praticamente servizi, e infine 4) il tempo non e' cooperativo….insomma, capite che siamo di fronte a una crisi.

Ora, mi lamento perché' intanto non ho altro più interessante da raccontare, ma perché in realtà e' l'ennesimo anno che non faccio una vacanza come si deve. Anche l'anno scorso in Sicilia, e parlo di agosto, non c'e' stata possibilità di una capatina al mare se non per soli due giorni, visto che il tempo era da autunno. No, dico, giusto per fare il punto.

Inoltre, ho programmato una vacanza di un fine settimana (tre giorni) al mare. Indovinate un po' come e' il tempo? Beh, soleggiato durante la settimana e ovviamente nuvoloso con probabilità di pioggia durante il fine settimana. Proprio quello che volevo…

expectation

reality

Saturday, August 9, 2014

Summer school - Women and Science

Five women and three suitcases on a business trip to the middle of the nowhere to participate to a summer school for a couple of days. We are not going back behind a desk to learn, but rather to teach. Or so we think...

In the last years the Japanese have taken gender equality issues more seriously (read: they started to think about gender equality), so that it could be easier for women to pursue a work career. A career that starts very early in the form of orientation for middle and high school girls. And what place can be better than the National Women Educational Center to put together female students and female scientists in order to motivate tomorrow's working class?

From the office directly, me and four other invited colleagues take a long but fun train ride. We stop to grab dinner in Ikebukuro, nice burgers by J.S. Burgers chain, then we continue the trip towards Musashi-Ranzan, our final stop only one stop away from "the end of the world" (all credit goes to Gloria for this pretty realistic expression to define the middle-of-the-nowhere-ness we were): roads were dark, no trace of human life around, not even dogs barking... 

Now, this women's centre is very familiar to us, as we hold our company retreat there once a year. I will never get why we have to go to this remote, boring, isolated place, except for that it is really cheap. I convene that it is quiet and it is nice to walk around, it even has a pretty pond…but still pretty boring and lacking any form of entertainment on a 5km radius. For the emergencies, though, there are beer vending machines. Hotel rooms are simple but large, made for two people each. The pillows they feature, though, are my nightmare and this time I made sure not to forget to bring my own from home.

The next day was deadly: breakfast is eaten before 8:30, T-shirts sporting the event logo are distributed, name tags are handed, prep meeting is started. Focus of the meeting is to come up with a strategy to interact with school girls. The Japanese are well known for their shyness. Younger Japanese are even more reluctant to interact with foreigners. When the common language is English, then, communication just doesn't happen. So, our strategy should be effective in making them comfortable, make them talk and make them creative and ask us questions. Ideally about science, or -mission impossible- about women in science…

What we actually do is just chitchat and get to know the other foreign female scientists recruited from other universities and research institutes in Japan. We made up a very heterogeneous group, with physicists, chemists, engineers, researchers all of different nationalities like Malaysia, Korea, Mongolia, Afghanistan, Vietnam, Thailand, Indonesia, Sri Lanka and of course the European batch with Italy, France and Spain. I loved the mix.

After strategy meeting we get lunch, then set up the meeting rooms for the "International exchange" and then we sit and wait. We are called TA (teaching assistant), but we actually don't teach. What we really do is talk, push these poor terrified girls to tell us something, anything, but we end up doing all the talking while they do the nodding, so after just three hours we are exhausted, with a pounding headache and without voice. But I was happy to see that at least some of the students were eager to interact and showed enthusiasm in speaking English. 

After the Q&A session, there is another interactive session, where small groups with a theme form and the girls can visit each group and learn something. Us TA are required to make, no need to say, another "international exchange" group. D'uh…

Then there is the party dinner, and then another exchange session. Basically the day is 15 hours long. We felt like we ran a marathon, and I don't want to know how tired the students may have been, as they go around all day try to attend everything. Actually, after knowing what they are doing in these days (3 full days of science orientation), I wish I were one of them! They learned how to extract DNA from a banana, how to visualize a protein structure, how to make a gel shift assay how to build a music box, how to interpret sound/music/light waves, went on a field trip to catch some critters, and more other interesting hands-on activities, they saw posters, presentations by other females working/studying in science…all in all I think there was a lot of stuff to make any of them interested in science.

In the morning of the last day, us TAs have another meeting, focused on closing remarks and comments on the quality/impact of the event. Administrative tasks finished, forms signed, goodbyes exchanged, we grab our suitcases (and pillow) and go home.

Science women can be cool, entertaining, and above all pretty.

*************

Cinque donne e tre valigie per un viaggio di lavoro verso il bel mezzo del nulla, al fine di partecipare a un campo estivo per un paio di giorni. Non torniamo dietro ai banchi di scuola per imparare, bensì per insegnare. O così crediamo….

Negli ultimi anni i giapponesi hanno preso sul serio le problematiche sull'eguaglianza dei sessi (leggi: hanno iniziato a pensarci finalmente), in modo da facilitare una carriera lavorativa alle donne. Una carriera che inizia molto presto sotto forma di orientamento per studenti di liceo. E quale posto migliore se non il centro nazionale di educazione femminile per riunire ragazze e donne già in carriera al fine di motivare la classe lavorativa del domani?

Direttamente dall'ufficio io e altre quattro colleghe invitate all'evento ci catapultiamo verso un lungo ma divertente viaggio in treno. Ci fermiamo per cena a Ikebukuro dove assaggiamo i panini di JS Burger, e poi continuiamo fino a Musashi-Ranzan, il nostro capolinea, a una fermata sola di distanza dalla "fine del mondo" (credito per questa descrizione realistica di un posto ai confini della civiltà va a Gloria):  strade buie e deserte, nessuna traccia di vita in giro, neanche un cane che abbaia…

Ora, questo centro di educazione femminile e' luogo conosciuto, visto che una volta all'anno ci andiamo in ritiro aziendale. Non capirò mai perché si decida proprio per quel posto, che e' remoto, isolato e noioso, ma molto probabilmente perché costa pochissimo. Siamo d'accordo che e' pacifico, tranquillo e c'e' persino un bel laghetto, pero', e' comunque noioso e non c'e' nessun tipo di intrattenimento nel raggio di 5km. Almeno per le emergenze ci sono i distributori automatici di birra. Le stanze sono semplici ma spaziose, per due persone, ma i cuscini che ci sono in dotazione sono tra i più intollerabili tant'e' che stavolta faccio in modo di non dimenticare il mio da casa. 

Il giorno successivo e' mortale: colazione prima delle 8:30, distribuzione delle magliette con il logo dell'evento, distribuzione delle targhette col nome, riunione preparatoria. L'obiettivo della riunione e' di trovare una strategia vincente che faccia interagire le ragazze con noi. I giapponesi sono famosi per la loro timidezza. I giovani giapponesi sono ancora più riluttanti a interagire con gli stranieri. Se poi il linguaggio comune e' l'inglese, allora la comunicazione praticamente non avviene. Quindi la nostra strategia deve essere efficace in modo da farle parlare senza pressioni di qualcosa inerente alle scienze -caso ideale-, o anche - caso missione impossibile- inerente alle donne e scienze…

In realtà quello che succede e' che ci mettiamo tutte a chiacchierare per conoscerci meglio, visto che veniamo da diversi istituti di ricerca e università in Giappone, e soprattutto da diversi paesi: abbiamo esperte di fisica, chimica, ingegneria, informatica, biologia da Malesia, Corea, Indonesia, Vietnam, Sri Lanka, Afganistan, Mongolia, Tailandia, e poi  Francia, Spagna, Italia….un bel gruppo, non c'e' che dire.

Dopo la riunione si pranza, poi si sistemano le stanze per la nostra attività e poi ci sediamo e aspettiamo. Il nostro nome ufficiale e' qualcosa del tipo assistenti insegnanti, ma non insegniamo proprio niente. Quello che facciamo e' convincere queste povere e spaventate ragazze a dirci qualcosa, qualsiasi cosa, ma invece finiamo col parlare solo noi così che solo dopo tre ore siamo proprio stremate, senza voce e con un mal di testa epico. Pero' sono rimasta contenta nel vedere che almeno alcune ragazze erano volenterose e hanno dimostrato un certo entusiasmo a parlare in inglese.

Alla fine di questa fase di domande e risposte c'e' ancora spazio per un altro evento di interazione tra noi e le ragazze, che e' praticamente la stessa cosa che abbiamo fatto nelle tre ore precedenti, ma ora la partecipazione e' libera. Poi segue la cena di ringraziamento e poi ancora un'altra ora di socializzazione. In pratica la giornata e' stata di 15 ore piene. Ora, noi eravamo distrutte, ma non oso pensare a come dovevano sentirsi queste ragazzine che per tutto il giorno sono andate da una attività all'altra senza sosta. A essere sincera, dopo aver visto quello che c'era in programma nei tre giorni di orientamento, avrei voluto assistere anche io: estrazione del DNA da una banana, visualizzazione di proteine, costruire una scatola musicale, imparare le lunghezze d'onda, eccetera eccetera eccetera.


La mattina del giorno seguente, noi "insegnanti" abbiamo ancora una riunione che serve per commenti, suggerimenti, fare il punto della situazione. Non appena finiamo con tutte le scartoffie varie, ci salutiamo e ognuno ritorna a casa (cuscino al seguito).









Friday, August 1, 2014

11:11

For many, superstition or not, the recurrence of certain events may just not be a mere coincidence.

There exists a lot of witchery, beliefs, pseudo-science, theories about numbers and their meaning out there, but whether they are good or bad, whether they influence peoples lives or not, and so on, I wouldn't bet a dime on. There is enough new age fueled mambo-jambo available for everyone to read, in case this topic raised any interest, so I won't repeat any of that.

I stick to the one simple explanation: once we start noticing the first coincidence, we're pretty much hooked with the subsequent ones. We, in short, pay more attention to some random events just because we noticed, or someone made us notice, a pattern. All those "striking coincidences" that people seem to find associated to the recurrence of a number are just the result of a grand scam, and so called experts prove their point by bringing manufactured evidence. Simply, they manipulate you into seeing a pattern where there isn't one.

That said, I am sure that from now on I will have you "manipulated", and if you started seeing more occurrences of the same event don't think the universe is trying to talk to you, because it's not. Just blame me.

Think for example of those dates and times with number 11: November 11, the 100 years cycle of the 11/11/11 date (see the amount of marriages worldwide on Nov, 11 2011), the time of the day 11:11....any possible combination or repeated sequence of this number can't but bring up thoughts on supernatural and spiritual, magical and mystical.
Some say the 11:11 time is good news, some say it is bad news, but all numerology experts (do they have experts for that?) agree in one thing, that number 11 is a master number, as a double digit and as a double 1, and is the most powerful of all numbers...

Now, I've been stalked by number 11 for a while.

It all started with an email sent by a friend with subject "11:11", as that was the time it was sent. From then, I started seeing 11's all over the place. When I check the time it's often at 11:11, I select item 11 from a vending machine, my train card is left with 1111 yen credit, and more and more and countless occurrences of this number in every situation. 

I know exactly that it is only a result of a mental involuntary association, but I can't help but notice every time. 

I need a way out of it. 

Perhaps, from now on, you too...

********

Per molti, che sia superstizione o no, il ripetersi di certi eventi non rappresenta una coincidenza.

Esistono un sacco di credenze, di finta scienza, di teorie e altro su numeri e il loro significato, ma non scommetterei sulla loro veridicità o influenza su cose o persone, o effetto positivo o negativo. C'e' abbastanza materiale a disposizione se uno volesse informarsi sull'argomento, quindi non vado oltre.

Io mi soffermerei di più sulla sola e semplice spiegazione che una volta che uno nota la prima coincidenza, poi continua a notare anche le successive. In breve, tendiamo a prestare attenzione a certi eventi solo perché abbiamo notato, o perché qualcuno ci ha fatto notare, un motivo. Tutte quelle coincidenze schiaccianti che le persone associano alla ricorrenza di un certo numero sono solo il risultato di una presa per i fondelli e tutti questi pseudo esperti corroborano l'evidenza costruendola. Praticamente manipolano la gente per far loro notare un motivo dove non ne esistono.

Detto questo, sono sicura che d'ora in poi vi avrò manipolato e nel caso in cui iniziaste a notare il ripetersi dello stesso evento non pensate sia perché l'universo sta cercando di dirvi qualcosa…e' solo colpa mia.

Per esempio, pensate alle date e agli orari con il numero 11… l'11 novembre, e poi il ciclo di ogni centro anni della serie 11/11/11 (andate a vedere il numero di matrimoni nel mondo l'11 novembre 2011), poi le ore 11:11…ogni combinazione e sequenza di questo numero non può che suscitare pensieri sul sovrannaturale e spirituale, su magia e mistero.

Alcuni dicono che l'ora 11:11 ha un significato positivo, altri invece dicono che ha un significato negativo. Eppure tutti gli esperti di numerologia (si hanno esperti per questo) concordano nel considerare il numero 11 un super numero, perché e' una cifra doppia e perché e' doppio 1 che rappresenta il numero più potente in assoluto.

Ora, e' da un po che sono perseguitata dal numero 11.

Tutto e' iniziato con una email di un amico che portava come oggetto "11:11", perché era stata inviata a quell'ora. Da li, ho iniziato a vedere 11 dappertutto. Per esempio, controllo l'ora e sono le 11:11, prendo una bevanda dai distributori automatici ed e' quella alla posizione 11, la mia scheda per il treno ha 1111 yen di credito, e altre infinite coincidenze del genere.

So esattamente che tutto ciò e' il risultato di una associazione mentale involontaria, ma ogni volta non posso far altro che notarlo.

Ho bisogno di uscirne.

E forse, d'ora in poi, anche voi...




Saturday, July 26, 2014

Summer in the city - with surprise

The most dreaded season of the year has eventually arrived. Several signs tell us that the Japanese humid and hot summer started: 

The rise of temperatures, of course, the most obvious. It is not pleasant, sure, especially because humidity makes people feel 15 more degrees on their skin. Still, it is not like that every day. Some days are actually dry and to me those are the best days.

Tropical-like storms, those that come, flood a place and go within an hour. Now, I do like summer storms, watching the lightning and hearing the subsequent thunder, figuring out how far, by the delay in sound, the light can be…if I am safe home. I don't like them if I happen to be outside for any reason, like going back from work. I don't feel safe. But storms like those are only a handful, and mark the end of the rainy season.

The singing of cicadas. This is the most pleasant summer sound of all by the most unpleasant insect of all, and if you have never lived in Japan in summer you will never understand what it means. Just take my word for that.

But one thing I do like about this season is that all bars and restaurants put tables outside, and for a few weeks I feel I am back in the mediterranean where we have our meals outside on the terrace, we meet at cafes and bars by the seaside, we hang out at terraced pubs and pizzerias….

Last night was I think the very first summer night of this sort. Me and friends were walking towards Shinagawa station, which now is not exactly the center of Tokyo's nightlife, but that cafe in one corner was screaming summer from every detail: painted yellow doors all open, yellow sun umbrellas on the tables, plants, tropical cocktails, cool air blasted around the sitting area, lively atmosphere, cute girl with cute friendly dog taking one chair, loud music (note: they could have selected a better lineup, but we were not there for the music after all).

While we were all chatting and drinking, I am served ANOTHER drink. A guy from the table next to ours must have obviously been struck by my beauty, charm, intelligence, confidence, social skills, entertaining skills, sense of humor blah blah blah, so he tried to flatter me with that move of buying me a drink…

Dammit! Don't do that, random foreign guy! I don't have time for you. For soooo many reasons! You are not my type to start with, and I don't want to get that feeling that I am obliged to look at you and thank you, and maybe engage in conversation, and maybe promise you that I will see you again because I don't want to. But since I would feel bad in not doing all these things now that you decided to capture my attention, I have to politely thank you. Now it's really awkward that you and your friends are at the table next to the one where me and my friends are having a great time, since I can't pretend you're not there. Dammit!

So, this is another thing I don't like of summer season, but heh, at least it can happen. Imagine if next time he's my type instead….

***********

La stagione più temuta dell'anno alla fine e' arrivata. Vari sono i segnali mi dicono che l'estate calda e umida giapponese e' iniziata:

Ovviamente, l'innalzamento della temperatura. Chiaro che non e' una cosa piacevole, soprattutto perché l'umidità fa sentire almeno 15 gradi in più. Ma alla fine non e' così costantemente, ci sono giorni in cui l'aria e' secca e quei giorni sono i miei preferiti.

Poi, i temporali, di quelli che arrivano all'improvviso, allagano tutto e vanno via dopo un'ora. Ora, i temporali estivi mi piacciono, mi piace guardare i lampi e poi capire dall'arrivo del tuono quanto lontano e' la pioggia. Tutto questo se sono a casa. Ma se per una qualsiasi ragione mi trovo fuori durante uno di questi acquazzoni, tipo devo tornare dal lavoro, non mi sento proprio al sicuro. In ogni caso, temporali del genere sono solo una manciata, e segnano tra l'altro la fine della stagione piovosa.

Poi, il canto delle cicale. Questo e' il suono più piacevole dell'estate ma emesso dall'insetto più spiacevole e questo e' qualcosa che e' impossibile da spiegare e impossibile da capire se non avete vissuto almeno una estate in Giappone. Credetemi sulla parola.

Pero' c'e' una cosa che adoro di questa stagione ed e' che tutti i bar e ristoranti finalmente offrono tavoli all'aperto e per qualche settimana per me e' come essere nel mediterraneo dove si mangia fuori a qualsiasi ora, ci si incontra nei bar sul lungomare, si passano le serate ai tavoli fuori dal pub o la pizzeria…

L'altra sera era la prima vera serata estiva. Assieme ad un gruppo di amici si passeggiava verso Shinagawa, che non e' esattamente il centro della movida tokyana, ma quel piccolo bar all'angolo sprizzava estate da ogni dettaglio: le porte dipinte di giallo erano tutte aperte, a ogni tavolo c'era un ombrello giallo, c'erano piante fuori, i cocktail tropicali, aria fresca pompata sulla piazzetta, atmosfera vivace, ragazza carina con cagnolino carino seduto al tavolo con lei, musica ad alto volume (da notare che con la musica avrebbero potuto fare di meglio, ma accontentiamoci).

Nel bel mezzo delle nostre chiacchiere mi vedo portare un ALTRO bicchiere di vino…da parte di un tizio che stava al tavolo accanto, ovviamente deve essere stato colpito dalla mia bellezza, dal mio fascino, la mi intelligenza, la mia sicurezza, le mie capacita sociali, il mio umorismo, etc etc etc …
Ma porca miseria! Uomo sconosciuto, non lo fare mai più! Non ho tempo per te, e per varie ragioni! Tanto per cominciare non sei proprio il mio tipo, e poi non mi va che mi devo sentire obbligata a guardarti e ringraziarti, e magari iniziare una conversazione, e magari rivederti una seconda volta..no no no, non se ne parla proprio. Purtroppo, pero', visto che mi sembra brutto che dopo tutto quel che hai fatto per attirare la mia attenzione non ti degno di uno sguardo, ti devo comunque ringraziare. E poi e' proprio brutto averti nel tavolo accanto e far finta di niente per il resto della serata…mannaggia.


Questa e' un'altra cosa che non amo dell'estate, ma oh, succede. E poi immaginate se la prossima volta fosse il mio tipo, invece...