Thursday, November 29, 2012

Red, Foliage, Christmas


Gia' si sentono ovunque, le canzoncine natalizie sono il passo successivo agli addobbi. Solitamente Halloween altri non e' che il preludio al Natale per i giapponesi, i quali non si fanno certo trovare impreparati. Decorazioni, luci, addobbi, fanno capolino a ogni finestra, balcone, vetrina di negozio, esercizi commerciali.

Ma queste cose le sappiamo fin troppo bene, ce le sorbiamo per un mese e mezzo tutti gli anni, ne conosciamo le dinamiche fino nel minimo dettaglio, ne apprezziamo/disprezziamo la diffusione, ce ne facciamo una ragione, insomma. Ci siamo anche abituati a veder scomparire tutto proprio tutto all'indomani del giorno di Natale, quando a nessuno importa più niente dell'atmosfera di festa e ci si prepara per i festeggiamenti, tra l'altro molto modesti, per la fine dell'anno. 

Ma le canzoni….

E' mai possibile che in tutti i migliaia, centinaia di migliaia di luoghi a Tokyo e dintorni si senta sempre e solo la stessa musichetta? E' una moda che tutti seguono, e' un CD natalizio con una sola traccia da mandare in un loop infinito, e' una regola, e' un fatto di costume, e' una mera coincidenza…..cos'e'? Gia' a meta' novembre ne lo le p***e piene di sentire la stessa tiritera! Pure per le strade ce le fanno ascoltare, proprio come a dire che se non hai la possibilità di ascoltarle dal tuo panettiere di fiducia, non c'e' problema, te le spariamo dagli altoparlanti lungo la ginza (shopping street) così recuperi….

Poi non siamo ancora neanche a dicembre e già Krispy Creme mi vende ciambelle con facette di omino di neve, le pasticcerie già forniscono torte natalizie….il pandoro mi dovete imparare a fare, il PANDORO, non le torte di panna montata e fragole!!!
Queste cose i giapponesi non le capiranno mai.

Per fortuna a distrarre dalla frenesia del Natale, tra l'altro festa non giapponese e non riconosciuta nel loro calendario al che a noi nei giorni natalizi tocca lavorare, dicevo a distrarci ci pensa l'autunno col suo spettacolo di colori dai gialli ai rossi, in decine di sfumature più o meno intense. Novembre e' senza dubbio il mese più bello in terra nipponica, perché regala giorni tiepidi e pieni di sole, aria pulita e poco umida, e le castagne…e io non me ne sono quasi accorta...

Purtroppo proprio in questa stagione ho la testa talmente per aria che non mi sono resa conto dell'operato della natura, e mi sto perdendo praticamente il fenomeno autunnale per intero. La cosa intristisce parecchio. Stamattina guardavo dal balcone gli alberi nel parco sotto casa e mi sono accorta che le foglie sono rosse. Tutte. Che vita! Essere talmente immersi nella quotidianità del tutto da perdersi gli spettacoli gratuiti che la natura ci offre scandendo il tempo, le gioie delle cose semplici, il tempo non scorre più lento e non riusciamo più a gustare i piccoli piaceri della vita, una tazza di cioccolata seduti sulla panchina di un parco a leggere un libro, una passeggiata con una persona amica, una corsa lungo il fiume….

*************

They are heard everywhere, the christmas jingles are one step after decorations. Usually, for the Japanese Halloween is the prelude to Christmas, and they definitely are not found unprepared. Decorations and lights pop up at every window, balcony, shop windows, businesses.

But we very well know all of this, we suck it up for a month and a half, we know its dynamics in detail, we appreciate/depreciate its spreading, we resign ourselves to it, so to speak. We even got used to the fact that the day after Christmas all of this is gone, and no one cares anymore, too busy to prepare for the year end celebrations, which are quite modest here.

But jingles….

How is it possible that in all thousands, hundreds of thousands places in Tokyo and surroundings they play always the same one song? Is it a trend, is it a Christmas special CD version with one track only to play continuously, is it a rule to follow, is it a tradition, is it a coincidence only…what is it? Middle November and I have already had enough to listen to the same chorus again and again! They even play them along the streets, as to say that if you don't have the chance to hear music at your baker's store, we broadcast them on the Ginza (shopping stet) so that you catch up…
Also, not even December and Krispy Creme is selling already snowman donuts, cake shops already sell Xmas cakes…..pandoro, learn to make PANDORO and not whipped cream cakes with strawberries on top!
These things, the Japanese will never learn.

A distraction, fortunately, to this Xmas frenzy, which is not a Japanese holiday among other things so that we have to work on Christmas days, so a distraction comes with fall and its colors, from yellows to reds, in tens of more or less shades. November definitely is the most beautiful month in this land, because it gives us warm and sunny days, with clean and dry air, and chestnuts….and I have barely noticed…

Too bad that in this period I have my mind elsewhere that I have missed nature's work, and I am basically missing on the red leaves at all. It is sad. This morning I was looking at the trees in the park below my building and I have finally saw their leaves are all red. All of them. What a life, being so submerged by the daily routine to miss the free spectacular events nature offers us by beating time, the joy of simple things….time doesn't go slow anymore and we can't enjoy the little pleasures in life, a cup of hot chocolate sitting at a bench in a park reading a book, a stroll with a dear friend, a jog along the river….




No comments:

Post a Comment