Tuesday, August 28, 2012

The last OSC retreat


Nel 2008 inizia l'era dei ritiri aziendali. Due giorni lontano dall'ufficio in funzione di meeting costruttivi e pieni di idee nuove e concrete, in una località tranquilla dove ci si può anche rilassare (ovvero la sera, dopo una giornata di presentazioni e discussioni, si beve fino ad ubriacarsi e l'indomani si e' al pari di zombie). Quell'anno e' stato memorabile. (See here)
Quell'anno la sede scelta era fantastica, sul mare, ad Ottobre, un mese ancora caldo ma di bassa stagione. L'evento era una novità, il gruppo era grande e motivato, e ci siamo divertiti. L'anno successivo, per motivazioni varie, il ritiro si fa in sede (cioè, non e' stato un ritiro per niente….).

Dal 2010 le cose cambiano, il ritiro si fa ancora, non più vicino al mare ma in campagna, in mezzo al verde e lontano dalla civilizzazione, in un istituto di educazione femminile, dove si insegna alle donne tutto quello che e' necessario per potersi integrare nella società giapponese, purtroppo ancora fortemente maschilista. Era inverno, i laghetti nel parco dell'istituto erano gelati, ma in compenso e' stato un altro anno fruttuoso, seppur l'idea di un ritiro aziendale di due giorni non ha riscaldato gli animi più di tanto…..sappiamo che significa più lavoro, quindi non ci piace più.

Poi, gli ultimi due anni il ritiro viene spostato ad Agosto, stesso posto in campagna. Quest'anno proprio non avevo nessuna voglia ne' motivazione per andare: sveglia presto, 3 ore di autobus, appena arrivati si parte con presentazioni, poster, eccetera, fino a sera. Contrariamente al mio solito, io che sono una organizzatrice di feste, attiva partecipante piuttosto che semplice invitata, stavolta mi ritiro in camera dopo cena e ci resto fino alla mattina, quando e' ora di, nuovamente, presentazioni, attività di gruppo, conclusioni, ringraziamenti, e quant'altro. Antisociale per scelta e per motivi che non sto qui a spiegare, una scelta forse non apprezzata, di certo non compresa dai colleghi, mi sono quindi dedicata più a far passare il tempo che a partecipare agli eventi di socializzazione. Quest'anno proprio non ci volevo andare a questo ritiro, e dai!
Fortuna vuole che, quest'anno, un partecipante importante ha annullato la sua visita e così siamo potuti tornare a casa un'ora prima rispetto alla tabella di marcia. Gioia immensa, anche se solo per un'ora di differenza!

Visto che, a differenza degli altri anni, non ho esternato uno spirito di gruppo e di coesione, ho fatto più attenzione al percorso, ho guardato dal finestrino dell'autobus il paesaggio che mi scorreva davanti e ne ho apprezzato i cambiamenti: ho riconosciuto i palazzi e i parchi e i templi di Tokyo, sapevo a colpo d'occhio che parte della città stavamo attraversando, Shinagawa, Roppongi, Ikebukuro, e via così. Ci e' voluta un'ora solo per passare in mezzo alla città, poi i palazzi alti con gli uffici, le case condominiali a ridosso dell'autostrada hanno pian piano lasciato il posto a casette più modeste, edifici bassi, il paesaggio si fa più rurale via via che ci allontaniamo, mi accorgo di quanta natura ci sia intorno all'istituto dove siamo diretti.

Comunque, il termine quinquennale del gruppo arriva tra poco, questa serie di ritiri si e' conclusa così, e per sapere cosa ne sarà di questa tradizione bisogna aspettare fino al prossimo anno.

**************

In 2008 the company retreat era begins. Two days away from the office in order to have constructive meetings, full of new and concrete ideas, in a quiet venue where one can even relax (that is, getting drunk after a day of presentations and discussions and looking like a zombie the day after). That year was memorable. (see here)
That year the venue was in a fantastic site, looking at the seaside, in October, a month still warm but not high season for the beach. The event was new, the group was big and motivated, and we had fun. The year after, because of different reasons, our retreat is on site (yeah, I mean, it was no retreat….).

From 2010 things change, the retreat is still on, but not at the seaside anymore, it is held in the countryside, surrounded by nature and away from civilization. We went to a women education center, where women are educated how to integrate into the Japanese society, which is still privileging men, unfortunately. It was winter, the ponds in the park at the venue were iced, but it was at least another good meeting, although the idea of a two day company retreat wasn't that welcomed…we know it means more work, that's why we don't really love it.

The lat two years the retreat is moved to August, same institute. This year I definitely had no wish nor motivation to join: it means wake up early, 3 hours in a bus, presentations and posters and other meetings start as soon as we arrive and last till evening. Opposite to my usual, that is being party organizer and being an active participant in all events rather than just being an invited guest, I this time retire in my room after dinner and there I stay till the next morning, when it is time, again, of presentations, group activities, closing remarks, acknowledgements and such. Antisocial by choice and because of reasons I am not going to explain here, perhaps misunderstood by my colleagues, I then focused more on make the time go faster than joining the social gatherings. I really didn't want to go to the retreat this year, said it!
And we even were lucky this year to go home earlier as one of the intended participants had to cancel his speech last moment. Immense happiness, even for just one hour less of it!

Because, unlike the others, I didn't show any group spirit, I paid more attention to the route by watching the changing landscape from the bus window: I recognized all buildings and parks and temples in Tokyo, I knew at a glance which part of the city we were passing through, Shinagawa, Roppongi, Ikebukuro, and so on. It took more than one hour to just cut through the city! After that the tall office buildings, the big condos facing the highway became smaller and nicer houses, low buildings, we go more into rural areas the more we go away from the center, and I notice there's a lot of nature around the site we are traveling to.

Anyway, the 5-year term for our group is coming soon, this round of retreats in ending this way and to know what will happen of this tradition we'll have to wait until next year.

2008




2010




2011





2012


No comments:

Post a Comment