Sunday, May 20, 2012

Golden Week 2012 getaway


Golden Week 2012 e' un po' combinata male. Per prima cosa, ho già' fatto le mie due settimane di ferie in Italia e in Belgio (seppure ho passato più tempo dentro uffici per avere nuovi documenti che a casa coi miei) durante la pausa pasquale. Altra cosa, per il motivo di cui sopra, non potevo tornare in vacanza per altri dieci giorni dopo solo una settimana di lavoro. Terza cosa, anche volendo, non c'era tempo di organizzare tutto. Infine, quarto punto, a essere sinceri dopo i sintomi di jet-lag che mi sono durati una settimana intera, non mi dispiaceva proprio farmi un fine settimana a casa senza troppi piani….

Dunque, invece del ponte, mi guadagno il mio pane nei due unici giorni lavorativi della settimana e faccio poi una breve vacanza a Kuala Lumpur il lungo fine settimana successivo (golden week vera e propria). Meta non nuova, già nella lista dei "ce l'ho", ma comunque sempre interessante, e soprattutto economica nonostante la città sia in via di sviluppo costante. 

Li, ho visto che il codice stradale, più che essere rispettato e' liberamente interpretato (cosa abbastanza simile avviene in Sicilia, del resto), e che a Tokyo, in effetti, gli espatriati rappresentano solo una piccolissima percentuale della popolazione, si incontrano molti stranieri che hanno ormai casa qui e si tende a pensare che la comunità sia enorme….Poi, bastano solo due giorni a Kuala Lumpur per capire quanto relativa sia la nostra osservazione: la comunità di stranieri nella capitale malese e' di gran lunga più ampia di quella a Tokyo, molti preferendola alla capitale dell'estremo oriente per il basso costo della vita (e per l'assenza di barriere linguistiche, e per la cultura meno rigida).

La vacanza, che piuttosto che in Malesia sembrava in Svezia per via della nazionalità della gente di cui ero circondata, ha previsto solamente abbronzatura, uscite in centro, BBQ a casa. Poco ma essenziale, e quello che ci voleva sul serio, soprattutto per il caldo, quel caldo che e' mancato sia in Giappone sia in Sicilia e in Europa. Non avevo bisogno di provare il cibo locale (già fatto), di visitare la città con approccio da turista (già fatto), di fare acquisti (non necessari), avevo solo bisogno di fare una vacanza, senza piani e senza troppi pensieri.

Gli effetti benefici sono tuttavia svaniti già al primo giorno di lavoro…..

*************

Golden Week 2012 is a bit complicated. First of all, I just had spent two weeks between Italy and in Belgium as Easter break (although I spent most of the time running around offices and renewing documents than with my family). Secondly, because of the reason above, I couldn't go on vacation again after just a week of work. Third, even if I wanted, there was no time to arrange everything. Finally, fourth reason, to be honest I didn't mind staying at home for a weekend with no plans at all given the fact that I suffered of jet lag symptoms for a week….

So, instead of asking for more vacation, I went to work those two working days of the week, and then I went for a short vacation, the following long weekend (proper Golden Week), to Kuala Lumpur. Not new a destination, it is already it the "been there" list, but still keeps my interest alive and it is still cheap despite the rapid development.

There, I saw that driving code instead of being followed is rather freely interpreted (as it happens in Sicily, too, by the way), and I noticed that in Tokyo, actually, expats represent just a tiny percent of a population: one sees so many foreigners living here and tends to think the community is enormous….Then, in just two days in Kuala Lumpur, one realizes how relatively big the judgement was: the foreigners community in the malay capital is so much bigger than the one in Tokyo, and many prefer it to the far east capital for the low cost of life (and for the absence of language barriers, and for a less strict culture).

My vacation, which could have been in Sweden instead of Malaysia seen the nationality of the folks I was surrounded by, featured only suntan, going out, BBQ at home. Little, but essential, and just what i needed, especially in terms of temperatures, high, missed in both Japan and in Sicily and Europe. I didn't need to try the local food (check), to visit the city with a tourist approach (check), to go shopping (no need). Simply I needed a break with no plans and no worries.

But, the beneficial effects derived from it vanished already at my first day back at work…

No comments:

Post a Comment