Thursday, September 8, 2011

LK&KL Part2, the ultimate Malaysian experience

Come potevo immaginare che in Malesia avrei messo piede in una vera casa tradizionale? Quella che per costruirla, viene chiamato lo sciamano per identificare il sito esatto dove essa verra' eretta e anche per placare lo spirito del sottosuolo? Quella che e' costruita intorno a un pilastro portante e per cui si sotterra una moneta sotto ogni pilastro al fine di portare fortuna alla famiglia?
Una casa tipica malese e' come costruita su palafitte, così da utilizzare lo spazio sottostante come stalla o dispensa. La casa in se' e' divisa in tre ambienti, la cucina, la zona notte e il corpo centrale. Gli uomini usano la scala del corpo centrale per entrare, mentre le donne della famiglia usano l'ingresso secondario della cucina. Non ci sono vetri alle finestre in una casa malese, solo ante a battente che filtrano i raggi solari ma lasciano passare l'aria.

Come potevo apprendere che in Malesia, nel giorno che precede le nozze, si uccide un bufalo d'acqua e la futura sposa mangia solo una zuppa di intestini?

Come facevo a sapere che una donna viene giudicata dalla futura suocera nel modo in cui pesta il sambal (salsa fatta di gamberi e peperoncino) nel mortaio? Pare che ci voglia una combinazione di qualità' essenziali per fare il sambal, un po' di forza, un po' di insistenza, un po' di pazienza, eccetera….se il sambal e' approvato dalla futura suocera, allora la donna può' sposarsi.

Tutto questo e molto altro ancora e' stato possibile grazie a Shuk, uno chef a Langkawi, proprietario di un ristorante proprio sulla spiaggia di Cenang, che ha deciso di dare lezioni di cucina malese ai turisti che si trovano in vacanza nell'isola.

Ma la sua non e' una mera lezione di cucina, e' molto di più'. Shuk ci racconta delle tradizioni malesi, delle feste, delle cerimonie a cui partecipa tutto il villaggio e per cui bisogna invitare tutto il villaggio, della storia, dell'architettura, delle credenze popolari. Ad esempio, ci raccontava che il posto in cui ha costruito la casa era infestato dagli spiriti, tanto che i suoi parenti hanno tutt'ora paura a dormire in casa sua…

Assieme a Shuk ci intratteniamo per un aperitivo al fresco dei portici, poi chiacchieriamo del più e del meno e finalmente veniamo scortati in cucina dove comincia la nostra lezione, principalmente fatta dal fratello di Shuk. Un terzo fratello, invece, ci aspetterà al ristorante, al nostro rientro, per il dessert da assaporare sulla spiaggia e ricevere il nostro ricettario.

Assieme alle ricette, abbiamo quindi arricchito il nostro bagaglio culturale e personale, ci siamo avvicinati alle tradizioni, e in più abbiamo anche fatto amicizia con altri "studenti", alcuni dei quali erano al nostro stesso resort e ci siamo quindi incontrati spesso nelle sere seguenti durante l'aperitivo al bar.
Quando si dice soldi spesi bene…..

*******************

How could I know that, in Malaysia, I would have walked in a real traditional house? The one that , to build it, the "doctor" in the village is called to identify the exact site where the house will be built and also to calm down the spirit in the soil? The one that is built around a main pillar and for which there is a coin under every single pillar in order to bring luck to the family?
A typical Malaysian house is built above the ground, so that the space underneath can be used as a stable or as a deposit for stuff. The house itself is made of three areas, the kitchen, the sleeping house and the main body. Men use the stairs to the main body entrance, while the women in the family use the secondary entrance to the kitchen. There is no glass on the windows, but just panels that let the air go through but keep the sun away.

Houw could I learn that in Malaysia, on the day before a wedding, they kill a water buffalo and the bride would eat only a intestines soup for dinner?

How could I imagine that a woman is judged by the future mother in law by the way she makes sambal (shrimp and hot chili paste) in the mortar? It seems that a combination of essential qualities is needed to make sambal, a bit of strength, a bit of patience, a bit of insistence, and so on….if the mother in law approves it, then there will be the wedding.

All of this and even more was possible thanks to Shuk, a chef in Langkawi, owner of a restaurant right on Cenang beach, who has decided to give Malaysian cooking lessons to the tourists who are in vacation there.
His is not a mere cooking class, but much more. Shuk tells us about Malaysian traditions, the parties, the celebrations which the whole village participates to, and which the whole village must be invited to, history, architecture, popular beliefs. He told us, for instance, that the place where he built his house is haunted by a spirit and his relatives are still afraid to sleep there…

Together with Shuk we have a drink under the house, then we chat about this and that, and eventually we are shown the house and the kitchen where our class begins, carried on by Shuk's brother. A third brother would wait for us at the restaurant where we will have desserts and where we will receive our recipes book.

Along with the cooking, then, we enriched our knowledge, we came closer to Malaysian traditions, and we made friends with other "students", too, some of them staying at our same resort, and actually we met for the happy hour in the following nights.
When one says they've spent their money well... 









No comments:

Post a Comment