Wednesday, February 17, 2010

Shisar Kingdom Okinawa - WWII 沖縄

La seconda guerra mondiale ha devastato l'intero Giappone, e le isole di Okinawa non sono state immuni allo scempio e alle invasioni che hanno distrutto molti castelli e abitazioni e hanno fatto migliaia, se non centinaia di migliaia, di vittime.

La guerra combattuta a Okinawa è nota con il nome di "Tifone d'acciaio", ed è durata per circa 3 mesi e la perdita in vite di civili è stata una tra le più alte, sia per causa delle armi, sia per cause indirette come coercizione al suicidio di massa o fame.
I monumenti ai caduti, monumenti alla pace, musei fanno da retroscena alle bellezze dell'isola e inducono ognuno di noi a immaginare come possa essere stata visssuta la vita ai tempi della guerra. Nella parte sud dell'isola di Okinawa si concentrano diverse testimonianze storiche, tra cui il quartier generale sotterraneo americano, il museo della memoria, il parco della pace. Quest'ultimo è costruito su di un promontorio che guarda al mare color smeraldo, con una piazza circolare attorno alla quale, a forma di arena, sono sistemate delle grosse lapidi in granito (Cornerstone of Peace) su cui sono scolpiti i nomi di tutti coloro, giapponesi e non, che sono morti in guerra, combattuta sul suolo dove si erge il monumento. Una stradina conduce verso un osservatorio sul mare, attraversando un'area monumentale dove ogni prefettura del Giappone ha costruito il proprio monumento a sostegno della pace. Un altro monumento, chiamato Himeyuri, è stato eretto sul luogo, non molto lontano da qui, dove una scolaresca di ragazze, forzate a portare assistenza ai feriti, ha preferito commettere un suicidio di massa all'interno di una cava piuttosto che arrendersi agli americani. Storie tristi e cruente, storie di estremo patriottismo e storie di violenza si mescolano in questa terra in bilico tra cielo e mare, e la sensazione di pace e serenità trasmessa dal parco fa per un attimo dimenticare le atrocità che ogni guerra porta sempre con se come segno indelebile del suo passaggio.

Per via della loro posizione strategica, vicinissime alla cina e abbastanza vicine alla Korea, le isole di Okinawa sono state addocchiate dagli americani come base per controllare queste due nazioni instabili e a rischio, e quindi anche dopo la fine delle ostilità diverse basi sono state lasciate sul territorio e sono operative tutt'oggi, in particolare nella parte centrale dell'isola.

***************************************************************

The second world war destroyed the entire Japan, and the Okinawa islands weren't immune to the devastation and the invasions that burned lots of castles and houses down and made thousands, if not hundreds of thousands, of victims.
The battle fought in Okinawa, aka "Typhoon of steel" lasted for 3 months and the loss in civilians lives was one of the biggest, both because of the weapons and because of indirect causes like mass suicides and starvation.
The monuments for peace and the museums are a background to the beauties of the islands and make all of us imagine how life during war must have been. In the south part of Okinawa island are some historical sites, among which the American underground quarters, the memorial museum and the peace park. This last one is located on a hill that looks at the emerald sea, and it has a round square aound which, in a shape of an arena, lots of stones with carved the names of all Japanese and not Japanese who perished in the battle fought on the grounds where the park is. This place is also known as Cornerstone of peace. A narrow path leads to a lookout on the ocean, sneaking through an area where all prefectures of Japan have built their cenotaph. Another monument, called Himeyuri, was built on the place where, not too far from here, a group of school girls after being forced to give first aids to the injured,preferred to committ mass suicide inside a cave rather than surrender to the Americans. Sad and cruel stories, stories of exteme patriotism and of violence mix in this land on the verge between sky and water, and the feeling of peace and serenity conveyed by the park make us to forget for a few seconds all the atrocities that any war carries as a sign of its passage.

Because of the strategic location, very close to China and close enough to Korea, the Okinawa Islands were spotted by the Americans as a base to keep an eye on these two unstable countries, and so even after the end of the war several bases are left there and are still operational ever since, especially in the central part of the island.

No comments:

Post a Comment