Tuesday, June 13, 2017

Hidden gardens of Tokyo

In occasion of a get together with some friends I finally had a chance to visit a lovely Japanese garden in the heart of Tokyo, one that had been on my list for as long as I can remember, but one I never managed to get in for one reason or another.

The garden, unlike the other Japanese style gardens and parks here, doesn’t impose entrance fees and is somewhat hidden from the view such that people definitely have to know where to look. Usually the locals are those who can take advantage of such places, visiting them without the crowds of tourists one can find at, say, Shinjuku Gyoen (arguably the most famous garden in Tokyo).

The entrance to this place, Happo-en, is in front of a building that had one of the biggest second hand bookstores in town. I used to go to that bookstore very often, and every time I went I was reminded of the gardens that were waiting there on the other side of the road, especially because I always saw people wearing elegant clothes, likely to attend some ceremonies like wedding receptions or the like. Gardens are one of the top choices for that.

Anyway, on one fine afternoon, I went there with a couple of my friends, who were so proud of showing me this gem hidden in plain sight. The garden is larger than I thought, it unwinds on the side of a hill, and even has a pond in its deeper middle populated with huge fish (the Japanese koi fish). The perfect balance between trees and grass, between walking trails and bushes is striking, and the whole design screams zen tradition. There is also a line of bonsai trees along one of the walking trails, and the youngest of those trees is perhaps 300 years old! Just amazing. Within the garden premises are also several Japanese style buildings that are used for parties (there is actually also a chapel in there, so that the “religious” weddings can be followed by the reception in the halls nearby).

The place is marvellous during the day already, but in the evening strategically placed lights go up, and the place is even more beautiful. That garden is definitely one of those where I shall return, maybe at different times of the day in order to fully appreciate its beauty.

************

In occasione di una serata tra amici ho avuto finalmente la possibilità di visitare un bellissimo giardino giapponese nel cuore di Tokyo, uno che e’ sempre stato nella mia lista sin dagli inizi ma che non ho mai potuto visitare per un motivo o un altro.

Il giardino, diversamente dalla maggior parte di quelli della sua specie qui a Tokyo, e’ a ingresso gratuito ed e’ poi o meno nascosto alla vista tanto che la gente deve sapere dove guardare per trovarlo. Di solito questi giardini sono quelli che i residenti della zona amano di più, perché sono meno affollati di quelli più famosi, del tipo Shinjuku Gyoen.

Questo giardino, Happo-en, ha il suo ingresso di fronte a un edificio a cui mi recavo spesso visto che aveva il più grosso negozio di libri usati. Ogni volta che andavo a quel negozio, e ci andavo spesso, mi ricordavo del giardino dall7altra parte della strada, anche perché ci vedevo costantemente persone elegantemente vestite, molto probabilmente per matrimoni o cerimonie importanti.

Comunque sia, un bellissimo pomeriggio fine settimanale due miei amici, orgogliosi di farmi scoprire una gemma nascosta in piena luce, mi portano finalmente a questo giardino. Devo dire che la sua grandezza e’ molto più di quello che mi aspettavo. Il giardino si snoda su un fianco di una collina, tanto che i sentieri vanno in basso più ci si addentra, e al centro ci sta pure un laghetto con dei grandissimi pesci. Tutto trasmette tradizione zen, tutto si combina armonicamente tra sentieri e siepi, alberi e prati verdi. Ci sono anche tanti bonsai in esposizione, il più giovane dei quali ha più o meno 300 anni. Infine, non mancano degli edifici tradizionali, dove di solito vengono celebrati i ricevimenti di matrimonio (tanto per dire, c’e’ pure una cappella nel giardino cosi da restare “in zona”).

Questo posto e’ fantastico gia di giorno, ma alla sera un’illuminazione strategica rende il posto ancora più bello. Decisamente questo e’ uno di quei mosti che merita di essere rivisto, magari a differenti ore del giorno cosi fa poterne apprezzare appieno le qualità.





No comments:

Post a Comment