Tuesday, June 13, 2017

Hidden gardens of Tokyo

In occasion of a get together with some friends I finally had a chance to visit a lovely Japanese garden in the heart of Tokyo, one that had been on my list for as long as I can remember, but one I never managed to get in for one reason or another.

The garden, unlike the other Japanese style gardens and parks here, doesn’t impose entrance fees and is somewhat hidden from the view such that people definitely have to know where to look. Usually the locals are those who can take advantage of such places, visiting them without the crowds of tourists one can find at, say, Shinjuku Gyoen (arguably the most famous garden in Tokyo).

The entrance to this place, Happo-en, is in front of a building that had one of the biggest second hand bookstores in town. I used to go to that bookstore very often, and every time I went I was reminded of the gardens that were waiting there on the other side of the road, especially because I always saw people wearing elegant clothes, likely to attend some ceremonies like wedding receptions or the like. Gardens are one of the top choices for that.

Anyway, on one fine afternoon, I went there with a couple of my friends, who were so proud of showing me this gem hidden in plain sight. The garden is larger than I thought, it unwinds on the side of a hill, and even has a pond in its deeper middle populated with huge fish (the Japanese koi fish). The perfect balance between trees and grass, between walking trails and bushes is striking, and the whole design screams zen tradition. There is also a line of bonsai trees along one of the walking trails, and the youngest of those trees is perhaps 300 years old! Just amazing. Within the garden premises are also several Japanese style buildings that are used for parties (there is actually also a chapel in there, so that the “religious” weddings can be followed by the reception in the halls nearby).

The place is marvellous during the day already, but in the evening strategically placed lights go up, and the place is even more beautiful. That garden is definitely one of those where I shall return, maybe at different times of the day in order to fully appreciate its beauty.

************

In occasione di una serata tra amici ho avuto finalmente la possibilità di visitare un bellissimo giardino giapponese nel cuore di Tokyo, uno che e’ sempre stato nella mia lista sin dagli inizi ma che non ho mai potuto visitare per un motivo o un altro.

Il giardino, diversamente dalla maggior parte di quelli della sua specie qui a Tokyo, e’ a ingresso gratuito ed e’ poi o meno nascosto alla vista tanto che la gente deve sapere dove guardare per trovarlo. Di solito questi giardini sono quelli che i residenti della zona amano di più, perché sono meno affollati di quelli più famosi, del tipo Shinjuku Gyoen.

Questo giardino, Happo-en, ha il suo ingresso di fronte a un edificio a cui mi recavo spesso visto che aveva il più grosso negozio di libri usati. Ogni volta che andavo a quel negozio, e ci andavo spesso, mi ricordavo del giardino dall7altra parte della strada, anche perché ci vedevo costantemente persone elegantemente vestite, molto probabilmente per matrimoni o cerimonie importanti.

Comunque sia, un bellissimo pomeriggio fine settimanale due miei amici, orgogliosi di farmi scoprire una gemma nascosta in piena luce, mi portano finalmente a questo giardino. Devo dire che la sua grandezza e’ molto più di quello che mi aspettavo. Il giardino si snoda su un fianco di una collina, tanto che i sentieri vanno in basso più ci si addentra, e al centro ci sta pure un laghetto con dei grandissimi pesci. Tutto trasmette tradizione zen, tutto si combina armonicamente tra sentieri e siepi, alberi e prati verdi. Ci sono anche tanti bonsai in esposizione, il più giovane dei quali ha più o meno 300 anni. Infine, non mancano degli edifici tradizionali, dove di solito vengono celebrati i ricevimenti di matrimonio (tanto per dire, c’e’ pure una cappella nel giardino cosi da restare “in zona”).

Questo posto e’ fantastico gia di giorno, ma alla sera un’illuminazione strategica rende il posto ancora più bello. Decisamente questo e’ uno di quei mosti che merita di essere rivisto, magari a differenti ore del giorno cosi fa poterne apprezzare appieno le qualità.





Monday, June 12, 2017

No pizza no life -- A casa di A&P

And once again I took over my friends’ kitchen, or actually just their grill oven, to cook some pizzas.

I had promised I would make pizza for them, so it was about time that we got into business. We didn’t have an oven, but against all odds, we managed to make the best out of the little grilling device all stovetop pieces in Japan have. Normally, as also indicated by a very self-explanatory drawing next to the start button, it is used to grill fish, although I have used it for so many other things. But I had never tried it for pizza, so I did it the first time at my friends’ place.

In the afternoon we prepared the dough, a lot of it, and while we let it rise for some time we took a walk around the neighbourhood. I later laid 12 balls of dough on a table, and started preparing the toppings. The dough was beautiful, I have to say, soft and elastic, although I bet it would have liked a few more hours of rest.

We had to try a few different preparation protocols before we actually found one that gave good results, and in the end, it would take me exactly 7 minutes per pizza, 2 minutes to spread and season, 5 minutes to bake. The crematorium, as my friend loved to call her grill oven because it has two rows of flames one above and one below the tray, worked just fine, and we managed to cook the pizza almost as well as a in traditional stone oven, or, well, at least so said my friends’ guests who loved it. We also had an amazing green salad, fruits, ice cream and a pound cake to complete the menu.

I spent most of the dinner time in the kitchen, as per usual, bouncing back and forth between the table and the oven, despite the efforts to keep me from doing too much. They all made sure my glass was always full, though…what else could have I asked for?

**************

E di nuovo mi sono impossessata della cucina dei miei amici per fare, stavolta, le pizze.

Infatti avevo promesso ai miei cari amici che avrei fatto la pizza per loro ed era ora che si arrivasse ai fatti. Nonostante non avessimo un forno adatto, contrariamente alle aspettative siamo riusciti a sfruttare al meglio il piccolo grill che si trova in tutte le cucine giapponesi. E’ piccolo, e come be indica una immaginata vicino al bottone di accensione lo si usa per grigliare il pesce. Io a dire il vero lo uso per altre cose, come abbrustolire il pane per la bruschetta, ma non lo avevo mai provato per la pizza. Alla fine la prima volta lo abbiamo provato a casa dei miei amici.

Prima, il pomeriggio, abbiamo preparato l’impasto e nell’aspettare che lievitasse abbiamo fatto una passeggiata. Dopo ho preparato 12 panetti sul tavolo e ho preparato tutti gli ingredienti. La pasta e’ venuta bene, soffice ed elastica, anche se sono sicura che qualche altra ora di lievitazione avrebbe giovato.

Ci sono voluti un po’ di tentativi prima che trovassimo il protocollo giusto per ottimizzare la preparazione, ma alla fine ci e’ andata benone con 7 minuti per pizza, 2 minuti per stendere la pasta e condirla e 5 per la cottura. Il crematorio, cosi come la mia amica definisce il suo grill visto che ha due file di fiamma, una sopra e una sotto la griglia, ha funzionato a meraviglia e la pizza sembrava quasi come fatta nel forno tradizionale, o per lo meno e’ stata molto apprezzata dagli ospiti che avevamo. Avevamo anche come complemento una insalata verde buonissima, della frutta, un dolce e del gelato.

La maggior parte della serata sono stata ai fornelli, facendo avanti e indietro per cuocere tutte le pizze, nonostante gli sforzi di tutti nel tenermi meno occupata possibile. Ma di una cosa si sono assicurati, che il mio bicchiere fosse sempre pieno. E che posso chiedere di più?





Wednesday, June 7, 2017

Meat medley cooking school

I am coming close to doing cooking classes only for aficionados, it seems…I proposed a new menu recently, and again, as it is happening often, the class was rapidly booked by the usual suspects. This time I had 4 returning customers and one new. I am starting to think that soon I will always get the very same 5 guests each time I teach a new menu. That would actually be fantastic, because it would feel more and more like a dinner among friends than a cooking class.

The last class I gave had indeed that sort of vibe; I already knew the participants (that means that I don't need help in recalling their names...isn't that great?), and as they are returning guests, meaning they like my teaching (or the food, or whatever), I don't need to worry much about the technicalities of the class itself. In facts, we all worked together and chatted in the meantime, we laughed and managed to produce a 5-dishes dinner in just a couple of hours. Not to mention that cleaning up afterwards needed no more than 15 minutes.

I do especially like this group of women, I have to say, they're really nice, I get along well with them and it seems they get along with each other too. The picture we took at the end all together speaks already by itself.

Down to the food, we cooked a medley of meat dishes: my very own baked potatoes with bacon, herbed meatballs, Palermo style cutlets, all accompanied by a light green salad and bruschetta. All dishes were prepared using a minimal set of simple ingredients, but the results were balanced, filling and yummy food. I proposed a ricotta mousse as dessert, with a presentation decoration that was very improvised but very effective.

I do hope the same group will unite again in future cooking occasions (note to self: provide more wine, we like it).

**********

Pare che mi stia avvicinando al fare lezioni solo per clienti affezionati…di recente ho proposto un nuovo menu, e di nuovo, come ormai capita spesso, la lezione e’ stata prenotata dai soliti sospetti. Stavolta avevo quattro studentesse che conoscevo e una nuova. Comincio a pensare che presto mi capiteranno sempre le stesse 5 persone ogni volta che inizio un nuovo menu. Sarebbe fantastico, perché sembrerebbe più una cena tra amiche che una lezione di cucina.

La lezione di cui parlo aveva proprio questo tocco: le partecipanti erano a me note (il che significa che non mi serve aiuto a ricordare i loro nomi. Bello no?), e visto che sono clienti che ritornano (o perché gli piace come insegno o per le ricette o checchessia) non avevo la minima preoccupazione per la lezione in se. E infatti abbiamo praticamente lavorato assieme, nel frattempo abbiamo chiacchierato e ci siamo fatte due risate, e tra tutto ciò siamo riuscite a sfornare ben cinque piatti nel giro di un paio d’ore. Per non parlare della fase di pulizia che e’ stata di soli 15 minuti.

Questo gruppo mi piace davvero tanto, lo devo dire, sono tutte simpatiche, mi ci trovo bene e mi sa che anche loro hanno legato un po. La foto di gruppo che abbiamo fatto alla fine parla da sola.

E ora, le ricette, con il tema carne: la mia personale interpretazione di patate al forno con pancetta, polpette alle erbe, cotoletta alla palermitana e poi per accompagnare un’insalata semplice e qualche bruschetta. Tutti i vari piatti hanno richiesto solo una manciata di ingredienti semplici, ma il risultato e’ stato di una cena bilanciata, sana e buonissima. Come dolce ho proposto una mousse di ricotta, la cui presentazione e’ stata un’improvvisazione del momento ma e’ piaciuta molto.


E ora spero che lo stesso gruppo si possa riunire nuovamente in futuro (nota per me: ci piace bere, quindi più vino).