Monday, April 17, 2017

City ward sports center rocks

Every municipality has its own sports center and residents simply need to show up, either sign up for membership or not, depending on the ward, and use the facilities. Once a member, people pay per day of use, or per activity, again depending on the ward they live in.

Compared to a gym, sports centres are way way cheaper, even those requiring a membership. In fact, while signing up at a gym means that one has to pay a monthly membership fee, normally very pricy even if it is adjusted to the chosen plan and regardless of how many times one actually uses the facility, a membership at the city sports center instead means to only register, get one access card with some credit on it and then pay per time. Most sports centres won’t change more than 5 bucks for either a time-limited or unlimited day usage. Some sports centres, like the one in my city, don’t even require a membership, you just go buy a ticket for your desired activity (training room or court), exchange it for a pass and start your session.

Now, why I didn’t use the city’s sports center in these past 10 years, I don’t know. Or actually I do: laziness, the mother of all excuses.

I have always thought that joining a gym would be a good idea: I make a regular appointment with fitness, I get my mind off stuff and it is always a good way to destress. However, the one exercise I like and I can keep up with the most is running and I like running outside. So the need for a gym is only a necessity during the cold months, when I am even greater at making up excuses, or when it rains (and oh boy in Japan it rains). But, as mentioned, signing up to a gym means that I would have to pay a tremendous monthly fee for just running a few times a month for a few months. There are other ways I could use the gym, true, like attending evening classes or swimming, but there are some difficulties even there. Anyway, at that point I could have tried the fitness center in the city. True. And yet… 

First the issue was that I didn’t know about it, in my first years in Japan. Then the issue became the language. Then the next issue was that I had no company and going alone was not an option. So, yes, excuses, right. Especially if I add that the center is a walk away from where I live.

Lately, instead, I found a colleague who also wants to join a gym but wants the freedom to go without the burden of a (very expensive) monthly fee…you know, us researchers are shamefully dirt poor. I must say that, now that (finally) the weather seems to be getting stable and pleasantly warm, using the fitness center would not be a necessity since we could run outside again, but we decided to try anyway, in order to know how things worked there or how easy it was to enter.

Well, I was surprised. There are two or three courts, one training room with plenty of weight lifting machines, spinning bikes and treadmills, nice changing rooms with showers, and so on. All we needed to do was to simply pay 300yen for three hours in the training room. And we didn’t even have to show IDs to prove we were residents!

The only disadvantage I can see in using the sports center is that its capacity is limited. The place is not equipped with many of the same training machine, so I can imagine that evenings or weekends it could be difficult to go through one’s own training routine without having to wait for a free piece. The same problem can happen at a regular gym, though.

But again, now I can basically resume my outdoor running…however, it is nice to know that I can always have a last minute plan B. 

All in all, really, I don’t know why I didn’t start going there much earlier... No more excuses now.

************

Ogni citta ha il proprio centro sportivo pubblico dove i residenti semplicemente si recano, si registrano oppure no, in base a quale regolamento vige, e possono usare gli spazi del centro. Quando si diventa membri del centro sportivo, si paga per giornata o in base a cosa si vuole fare, sempre in base a quali sono gli arrangiamenti del centro in questione.

Questi centri sportivi cittadini sono molto più economici di una palestra, anche quelli che richiedono che uno sia membro. Infatti, mentre fare una registrazione completa a una palestra significa dover pagare una cifra molto alta nonostante il piano scelto e a prescindere da quante volte si usano le attrezzature, registrarsi al centro sportivo significa che uno semplicemente si iscrive, ottiene una carta prepagata ricaricabile e può pagare in base all’uso. La maggior parte di centri hanno cifre intorno ai 5 euro che possono essere per una giornata intera o per una specifica attività. Alcuni centri addirittura, tipo quello nella mia citta, nemmeno richiedono una registrazione: basta pagare e andare a sudare. Il perché io non sia mai andata in tutti questi anni, non saprei. No, anzi, no, lo so: pigrizia.

A dire il vero avevo sempre pensato di frequentare una palestra: intanto ho un appuntamento regolare con l’esercizio fisico, poi mi distraggo e scrollo lo stress di dosso. Pero’, e’ anche vero che l’attività che riesco a fare più o meno regolarmente e’ la corsa, e soprattutto mi piace correre all’aperto. Quindi avrei praticamente bisogno di una palestra solo per i mesi freddi, che di scuse se ne trovano a non finire, o quando piove (e come piove in Giappone!). E pero’ se voglio andare in palestra devo pagare un abbonamento mensile da paura solo per un utilizzo di un paio di mesi, un paio di volte al mese. Certo, ci sono anche altre attività che uno potrebbe fare in palestra, tipo yoga o piscina, ma anche li ci sono delle difficolta. E allora uno potrebbe dire che avrei ben potuto pensare al centro sportivo. E pure li…

Intanto all’inizio quando sono arrivata non sapevo di questi centri. Poi c’era il problema della lingua. Poi c’era il problema che non volevo andare da sola. Scuse e basta, certo. Soprattutto se aggiungo che il centro si trova praticamente a due passi da casa mia.

Invece ultimamente ho trovato un collega che come me vorrebbe andare in palestra ma non vorrebbe pagare una cifra eccessiva…si sa, noi ricercatori viviamo perennemente con le pezze al culo. Devo dire che ora, ed era ora, pare che il tempo si sia stabilizzato e le giornate sono piacevolmente tiepide, quindi si potrebbe ricominciare con la corsa all’aperto. Pero’, visto che volevamo anche sapere quanto difficile potesse essere usare il centro sportivo, abbiamo deciso di provare lo stesso.

E devo dire che la cosa mi ha sorpreso. Il posto e’ bello grande, con una stanza che ha tutti gli attrezzi e pesi possibili, biciclette, tappeto da corsa, eccetera, spogliatoi con docce e tutto. E tutto quello che bisognava fare e’ stato pagare e via. Non ci hanno neanche chiesto un documento di residenza!


C’e’ solo uno svantaggio che posso gia vedere, nell’andare al centro sportivo, che la capacita e’ limitata. Infatti non e’ che ci siano molte macchine dello stesso tipo, quindi posso immaginare che nei fine settimana uno potrebbe anche dover aspettare molto per finire il proprio circuito di allenamento. Comunque, questo problema c’e’ anche nelle palestre regolari. In ogni caso, ora posso ricominciare a correre fuori, ma e’ bello sapere che posso sempre cambiare il programma all’ultimo minuto.

Sul serio, ma chissà perché non sono mai andata prima! Ora niente più scuse.

Monday, April 10, 2017

Tiramisu - S.O.P.

Something fun happened at work recently thanks to an excellent idea given by one of the office secretaries: we had a tiramisu day. That’s right, scientists can do other things besides staring at their computer monitors all day trying to figure out how to save humanity.

The good excuse to put the party machine in motion was to use up all the food supplies we have in stock for emergencies (you know, Japan, earthquakes…) before they expired. In fact, we had received a new bulk of supplies, so we could get rid of the old ones. Most of these supplies were canned bread, which sounds awful but actually it is not, and there came the suggestion to use those sponge breads as base for tiramisu. I couldn’t say no to such an idea, so I decided to prepare it acting like my food recipe was a lab experiment protocol and made jokes about making it into a scientific paper publication. 

We had all details figured already: funding body (the boss himself contributed to the expenses for buying the “reagents”), principal investigator, main author (the one who did al the dirty work, aka myself), secondary authors (my colleagues who helped in preparing the breads), samples origin and description, methods, validations (the replication of the tiramisu experiment into 6 trays of goodness, the tasting of all colleagues), results, and all.

I spent a couple of hours in the afternoon to prepare all the tiramisu, in-situ, then I stored it in a cool place (the labs cold room, yay!) until the end of the working day when everybody was called in to try a piece. The final result was better than I expected. I feared those breads I used would not be right for the recipe, but in the end everybody liked it, as the high rate of disappearance of the tiramisu form the trays indicated. It was a good way to end a day, and it was also a good excuse to bring people together.

***********

Grazie a una fantastica idea che mi e’ stata suggerita da una delle segretarie in ufficio, un giorno abbiamo fatto il tiramisu. Ebbene si, gente di scienza può fare anche altre cose oltre a fissare lo schermo del computer tutto il giorno per capire come poter salvare l’umanità. 


La scusa per mettere in moto la macchina dell’intrattenimento e’ venuta dal fatto che si voleva utilizzare tutte le scorte che avevamo per le emergenze (sapete, no, Giappone, terremoti..) prima che scadessero. Difatti, avendo ricevuto le scorte nuove, potevamo benissimo disfarci di quelle vecchie. La maggior parte delle scorte erano pagnotte in lattina, che suona brutto, ma credetemi non lo e’.

Cosi si fece strada l’idea di utilizzare le pagnotte come base per il tiramisu, e non potendo dire no mi sono dedicata ai preparativi. Ho persino fatto finta che la mia ricetta fosse un metodo sperimentale di ricerca, e non sono mancate le battute riguardo a voler pubblicare il lavoro su una rivista scientifica. Avevamo gia tutto in mente: l’agenzia di supporto economico (il capo e’ stato colui che ha finanziato l’acquisto dei “reagenti”), l’investigatore principale, autore principale (la sottoscritta, colei che ha fatto tutto il lavoro sporco), autori secondari (i colleghi che mi hanno aiutato con la preparazione dei panetti), origine dei campioni e descrizione, procedure, verifica dei risultati (replicazione dell’esperimento su 6 vassoi, i colleghi che hanno fatto i test di assaggio), risultati e tutto. 

Ci sono volute un paio d'ore nel primo pomeriggio per preparare il tiramisu, sul posto, poi l'ho messo a consolidare in un posto fresco (il lab con i congelatori haha) fino a quando e' giunta la fine della giornata lavorativa e ho richiamato tutti. Il risultato finale e' stato meglio di quello che mi aspettavo, devo dire. Infatti mi preoccupava l'aver utilizzato i panetti per questa ricetta, ma alla fine tutti hanno apprezzato, come ha dimostrato la velocita con cui il tutto e' sparito. E' stato un bel modo per finire la giornata, e anche una buona occasione per raggruppare tutti, ogni tanto.