Friday, March 24, 2017

Hokkaido in winter -- 北海道

I have to write again about one of my favorite winter getaway destinations. Yes, although it’s almost cherry blossom time around Tokyo, I wasn’t yet ready to let winter go and so I planned a long weekend escape to the north of Japan where spring is still far far away in time. I must say, though, that climate change is affecting even a place like Hokkaido, which used to be buried in meters of snow until late April. I mean, once one could count on mother Nature steadily dumping snow on that island. But now, snow lovers who plan a late March trip, to maybe share the slopes with much less people, have to pray and hope and pray some more for the right weather conditions. Hokkaido being Hokkaido, it doesn’t matter much to the average lover, like me, who enjoys the mountains even without a week of fresh snowfall and still have an epic day on the slopes.

This time I am not going to blab about skiing, as that would be simply redundant. But, there was one thing I didn’t do on my previous trip that I definitely wanted to do this time: reach the top of the Annupuri mountain. Beyond the resort boundaries sits the bare, perfectly capped peak which is there for everyone who has the strength to climb the last 100 meters up to the peak. From up there, one really feels like a rockstar, with the rest of the world, literally, at one’s feet. Plus, the views…oh, the views! Three days of clear blue skies meant that one could even spot the sea, in the distance, not to mention the clarity and sharpness of the furthest detail.

I also focused more on all the details I couldn’t record on my previous visit. First, the beauty of a magic world in cast colours: mountain villages are small and made of wooden cottages, pretty isolated and live on farming. They all occupy one side of a valley, and the rest is a white, flat, even, snow blanket. Where there isn’t snow are snow-coated trees. Where there aren’t trees are rivers. Where there aren’t rivers are roads. 

Also, the roads. It’s a long journey from the airport to the ski resort, but because this is Japan, service is spot-on and shuttle buses pick you up right at the arrivals hall and drop you off at your hotel. But the trip just can’t but bring up, enhance even, the beauty of the wintery landscape. The scenery changes constantly while being all the same…one perfectly cone shaped snowy peak here, one perfectly flat snowy valley there. We drove by a large lake, we cut through forests and snow piles, we passed farm sheds, we crossed towns, we rode up and down hills.

Another thing that’s worth a trip to Hokkaido, just so that I don’t look like I only praise Nature’s doing, is ramen. Associated to the cold months, at least for me, the marvellous varied soupy concoctions are a must eat. And, in order to make sure travellers get their recommended ramen dose even on a tight schedule, there is a dedicated section of the restaurant area right in Sapporo airport that can satisfy even the pickiest, most difficult of tastebuds. A trip to the north island can’t end without a bowlful (or two, or three, or a dozen) of ramen.

An observation I also made the first time I went there, and a trend that’s picking up around other ski areas in central Japan, is about the steadily increasing non-Japanese presence. Every evening, I went out in the “bustling” village of Hirafu, and I couldn’t ignore the fact that, yes, the village is very Japanese but at the same time is not Japanese at all. One evening I must have entered THE get together hub for Australians, as there were no Japanese souls at all. I have to say I don’t mind the Ozzie (now Chinese as well) flavours and vibes in there, I don’t mind using English with hotel staff, restaurant staff and shop clerks, because they all give me a break from the everyday Japan, and make me feel as if I have left the country for a few days. It’s a welcomed change, once in a while.

March is going to give us the last heavy snowfall on the mountains which promises to be great. But for me it’s time to store my gear away until the next winter, alas.

************

Devo per forza scrivere ancora una volta delle mie destinazioni invernali preferite. Eh si, seppure qui a Tokyo e’ quasi tempo di ciliegi in fiore, non mi sentivo ancora pronta ad abbandonare l’inverno e ho quindi pianificato una fuga al nord dove ancora la primavera e’ lontana. Devo dire che pero’ i cambiamenti climatici stanno avendo un impatto anche in un posto come Hokkaido, che era noto per essere sepolto sotto metri di neve fino a fine aprile. Dico, uno poteva contare sul fatto che madre natura regalava un sacco di neve a quest’isola. Invece ora gli amanti della neve che vogliono pianificare un viaggio a fine marzo magari per evitare la folla, devono pregare e sperare che le condizioni siano buone. Ma parlando di Hokkaido, per l’amante medio, tipo me, non importa tanto se c’e’ tanta o tantissima neve visto che anche dopo una settimana senza neve fresca può ancora parlare di condizioni epiche.

Stavolta pero’ non mi metto a parlare di neve e sci, visto che sarebbe abbastanza ridondante, a parte una cosa che non ho potuto fare la volta precedente ma che avevo intenzione di fare: arrivare fino alla cima del monte Annupuri. Oltre ai limiti degli impianti si trova infatti la glabra, perfettamente innevata punta del monte che sta li per tutti coloro che hanno l’energia di arrampicarsi per gli ultimi 100 metri. Lassù ci si sente al pari di una rockstar, con il mondo ai propri piedi. In più, la vista….e che vista! Tre giorni di cieli limpidi e cristallini significavano che la vista si poteva spingere fino al mare.
Mi sono anche dedicata a tutti quei dettagli che avevo tralasciato la vola precedente. Innanzi tutto la bellezza di un mondo magico, in bianco e nero: i villaggi di montagna sono tutti piccoli, fatti di baite in legno, isolati e basati su coltivazioni o allevamento. In ogni valle, il villaggio si trova in un angolo mentre il resto e’ una piatta, uniforme coltre di neve bianca. Dove non c’e’ neve ci sono alberi innevati. Dove non ci sono alberi ci sono fiumi. Dove non ci sono fiumi ci sono strade.

E poi, le strade. Raggiungere gli impianti sciistici dall’aeroporto e’ un viaggio abbastanza lungo, ma la cosa positiva del trovarsi in Giappone e’ che l’impeccabile servizio e’ tale che ci sono autobus che direttamente dal terminal arrivi, lasciano la gente ai loro alberghi. Il viaggio in autobus non fa altro che aumentare l’incanto dello scenario invernale. Lo scenario cambia costantemente, ma ironicamente e’ sempre uguale: un picco di montagna perfettamente conico, una valle perfettamente piatta e bianca. Abbiamo passato un lago bellissimo, abbiamo attraversato foreste e montagne di neve, abbiamo attraversato citta e capannoni.

Un’altra cosa che vale un viaggio a Hokkaido, giusto per non suonare solo ed esclusivamente amante della natura, e’ i ramen. Per me associati ai mesi freddi, questi preparati meravigliosi sono una pietanza assolutamente da provare. E per essere sicuri che i viaggiatori non si facciano mancare una buona dose di ramen anche quando vanno di fretta, all’aeroporto di Sapporo c’e’ un intero piano dedicato che riesce a soddisfare anche i palati più esigenti. Un viaggio verso l’isola del nord non si può concludere senza una (o due o tre o una decina) ciotola di ramen.

Un’altra osservazione, fatto gia noto e che sta prendendo piede in altre parti del Giappone centrale, riguarda la presenza solida e in crescente aumento di non giapponesi. Tutte le sere sono uscita al villaggio di Hirafu, il più mondano, e non ho potuto ignorare il fatto che, va beh, il villaggio e’ molto giapponese ma allo stesso tempo non lo e’. Addirittura una sera devo essere entrata nel locale che e’ IL pub in assoluto frequentato da soli australiani. Dico, non e’ che mi dispiaccia incontrare australiani (o cinesi, ultimamente), e non mi dispiace neanche il fatto di poter usare l’inglese ovunque e comunque, per il semplice fatto che il tutto mi permette di staccare dalla vita giornaliera in Giappone, e mi sento come se avessi lasciato il paese per qualche giorno. Il cambiamento, di tanto in tanto, e’ benvenuto.


Penso che la fine di marzo ci regalerà l’ultima nevicata abbondante, ma per me e’ tempo di conservare l’attrezzatura fino al prossimo inverno.








Tuesday, March 14, 2017

Cooking with kids

Don’t ask me how, as it’s too long to explain, but I became a cooking teacher for kids for one day! Yes, language exchange cooking, I’d call it, and here cooking is in my opinion one of the best ice breakers.

Four school kids, two girls and two boys aged between 7 and 12 years old, came to my place accompanied by their English teacher and tried to step out of their comfort zone by practising English with me. Now, I have no experience in teaching children, even less in interacting with them in a foreign language they barely know, so I can honestly say I was more preoccupied than they were….What to say? How to say it? How to handle them? Will they understand? Will they get bored? Worries, worries, worries. All for nothing. In the end it was a fun experience and I am glad I could be the one engaging them. 

At their age, kids could not understand word by word, but it was all about giving them a preview of what they would be able to do one day, once their skills mature, if they so wish. 

I thought of some dishes from the Sicilian tradition that could be interesting for kids, so I picked recipes that required a lot of hand work and little thinking: arancini, salmon pies and panna cotta (because, well, kids love sweets). And after the cooking was done I could easily tell the kids needed a break from so much English and so much effort, so they gladly took some time to tease each other or make origami that ended up being presents for me (and a friend of mine who helped me with photographs). Lovely.

These kids were well behaved, attentive and I was impressed by how carefully they followed from beginning to end. All of them learned quickly, and surprisingly could make the rice balls without turning my kitchen into a battlefield. Not even some adults can do that much. They remembered all the steps even better than I could, and from what I hear it seems one of them already tried to make dessert at home. Best reward ever!

***********

Non mi chiedete come che e’ lungo da spiegare, ma mi sono ritrovata a insegnare cucina siciliana a dei bambini! Lo chiamerei un evento linguistico di cucina, che, la cucina, tra le altre cose e’ uno dei migliori strumenti per rompere il ghiaccio.

Quattro ragazzini, due maschi e due femmine di eta’ tra 7 e 12 anni, sono stati accompagnati dalla loro insegnante di inglese e si sono sforzati un po’ a fare pratica con me. Ora, io non ho per niente esperienza a insegnare a bambini, tantomeno farlo in una lingua che loro a stento conoscono, quindi posso onestamente dire che io ero più preoccupata di loro…Cosa dire? E in che modo? Come li gestisco? Capiranno qualcosa? Si annoieranno? Pensieri, pensieri, pensieri, alla fine per niente. Infatti e’ stato tutto molto divertente e sono contenta di aver interagito con loro.

I ragazzini, vista la loro eta’, non hanno capito tutto parola per parola, ovviamente, ma in ogni caso l’idea era di prepararli a cosa potrebbero essere in grado di fare un giorno, se ne avranno intenzione.

Per il loro menu ho pensato a qualcosa che richiedesse un sacco di manualità e poco ragionamento, quindi ho optato per arancini, salmone in crosta e poi panna cotta, perché si sa che ai bambini piacciono i dolci. Quando abbiamo finito con le spiegazioni, ho visto che avevano proprio bisogno di staccare con l’inglese e quindi si sono messi a farsi i dispetti oppure hanno fatto un sacco di origami che poi sono rimasti a me come regalo (e anche a una mia amica che mi ha aiutato con le foto). Troppo carini.


Questi ragazzini si sono comportati davvero bene, sono stati attenti e hanno seguito dall’inizio alla fine della lezione, hanno tutti imparato in fretta e sono riusciti a fare gli arancini senza neanche sporcarmi la cucina!! Meglio di molti adulti. Si sono ricordati tutti i passi meglio di quanto potessi fare io, e addirittura mi e’ giunta voce che uno di loro abbia gia provato a fare la panna cotta a casa. Che e’ la più bella ricompensa uno si possa aspettare.










Tuesday, March 7, 2017

Vegetarian food school

Recently I started a new menu for my cooking classes. I chose to provide a vegetarian menu in case somebody out there has been put off because of a lack of green options.

I have to say that coming up with new ideas is not easy. So far, I’ve been focusing on simple dishes that are easy to reproduce at home. We all know, we attend a cooking class, and months later the recipes are well forgotten despite the notes and photos we took. Well, not for my pastas. 

But then, for every potential new menu, I have to also browse around in order not to pick recipes that were already available by someone else, and that’s when things get complicated. Several times I have stumbled upon the very same recipe again and again, which made me wonder whether I should add my own version too…

I also start to see growing competition. Not mine, I mean, but the more I look up some other teachers’s menus, the more I see that they all try to impress. I still prefer to stick to the simplest recipe possible, because I am not confident myself in reproducing some elaborate ones.

Anyway, driven by a-priori knowledge or simple faith, lots of people still sign up for my classes and I receive more requests to open new dates than ever. That’s somewhat reassuring, as I always see uninterpretable expressions on the face of several of my students, whether they’re satisfied or not…

The vegetarian menu, now. Definitely some of my most favorite vegetables were picked for some no-meat, no-fish, no-egg (if you prefer) experiments: a delicious eggplant parmigiana, its ownership still contended between Sicily and Campania regions I guess, then rice filled paprikas, a very much reminder of a recipe my beloved Iranian friend used to cook (you know who you are and I miss you), then fried pumpkin and rice soft cakes with honey as dessert.

There was a lot of frying involved, so definitely not a light meal, yet a rather healthy one.

As usual, the ensemble of people who gather to learn about Sicilian food are from the most different and interesting backgrounds, each of them carrying a story. I was so happy when one of them told me she wanted to learn to cook something good to surprise the husband (who normally is the house cook). That’s so sweet! And I wish her to succeed! I made my student work a lot this time, peeling, slicing, frying. But at the end, although I know that I should have focused more in improving the taste of the food instead of talking about places I visited in Japan, I guess everyone was satisfied with the results, regular attendees or not. 

This being the debut of a new menu, I didn’t have high expectations only high anxiety. From the next time my class can only improve, for the joy of my students.

************

Tempo di nuovi menu per le mie lezioni di cucina. Stavolta ho pensato a un menu vegetariano nel caso ci fosse qualcuno che si e’ sempre tirato indietro per carenza di opzioni.

Devo anche dire che pensare a nuovi menu non e’ facile. Finora mi sono focalizzata su piatti semplici che sono facili da ricreare a casa. Sappiamo bene che mesi dopo aver preso lezioni di cucina, la stessa ricetta imparata con tanto di appunti e foto e’ ormai finita nel dimenticatoio. Beh, non con la mia pasta.

Pero’ ad ogni nuovo menu corrisponde una ricerca per capire un po’ cosa gli altri propongono, giusto per non riproporre le stesse ricette. E le cose si complicano. Infatti mi e’ capitato di trovare la stessa ricetta più volte, al che mi sono domandata se fosse il caso di aggiungere anche la mia versione o no…

Mi sa che comincio ad avvertire anche un pizzico di competizione. Non da parte mia, sia chiaro, ma più menu guardo e più vedo che si prova a fare cose particolari. Nonostante tutto io sono sempre dell’idea che semplice e’ meglio, anche perché non mi sento proprio all’altezza di riprodurre ricette elaborate. 

Comunque, o fidati da informazioni acquisite o da pura fiducia, un sacco di gente si registra per le mie lezioni e ricevo sempre più richieste di lezioni a date specifiche. In un certo senso la cosa mi rassicura, visto che non sempre riesco a interpretare le espressioni che vedo sui volti dei miei studenti, se soddisfazione o critica…

Allora, il menu. Ho scelto tra le verdure che amo di più per questo mix di piatti fatti apposta per chi non ama carne o pesce o uova (se si vuole): una parmigiana di melanzane che tuttora non si sa se e’ originaria della Sicilia o della Campania, poi peperoni ripieni di riso che mi ricordano tantissimo quelli che mi preparava spesso la mia carissima amica iraniana, poi zucca fritta e infine crespelle di riso al miele. Certo, vista la quantità di frittura dieci che i piatti non erano proprio leggeri, ma direi comunque relativamente sani.

Come sempre, un interessante gruppo di studenti con diversi interessi e lavori si e’ riunito a casa per imparare. Una di loro, voleva sorprendere il marito (che di solito e’ chi cucina) con dei piatti nuovi e solo per questo ha scelto la mia lezione. E spero proprio che la sorpresa le riesca, se lo merita. Stavolta li ho fatti lavorare tutti parecchio, per sbucciare, affettare e friggere, ma penso che alla fine siano rimasti tutti contenti, anche se mi rendo conto che avrei dovuto passare più tempo a controllare la cucina piuttosto che parlare dei posti che ho visitato in Giappone…

C’e’ da dire che la prima volta di un menu e’ sempre governata da ansia, ma penso che gia dalla prossima volta le cose non possono che migliorare, per la gioia dei miei studenti.





Sunday, March 5, 2017

Lifestyle - Onsen in Nozawa -- 温泉

In this very abnormally mild winter it’s hard to long for ski trips. Impatience turns into acceptance and acceptance turn into awaiting (for the spring to come).

Almost at the end of the peak ski season I went for my first trip and felt good to be on the mountains, to see and feel the snow after all. Soft and light flurries kept falling on and off during the entire weekend in Nozawa-onsen, a mountain village that’s famous for its high quality slopes and high temperatures hot springs (温泉 onsen). This village boasts 13 public hot spring baths, basically a tub with wooden walls and a roof. People wishing to soak their soreness away after a long day of activities can simply enter the onsen, which has separated areas for males and females, and take a bath. These places are very traditional, and basically used by locals, so when in doubt about the how-to, better to observe and do what the Japanese do.

Before entering the oh so hot water pool in one of those onsens, one must wash. There are only a few and very low faucets with only cold water, so the procedure is to collect some of the oh so hot water from the tub in a bucket,  mix it with the cold water from the tap, and thoroughly wash. It definitely is a traumatic cold experience, all together. Imagine it’s below zero degrees outside, you have to undress in a room with plenty of thin openings (in order to let the steam out, not the strangers’ looks in, mind you),with only the steam from the hot water warming you up, and have to shower somehow before eventually finding relief in the oh so hot water. The relief is nearly an illusion, since the water is over 45 degrees (minimum). That leaves you with two options: one is soak up to the neck as fast as you can and don’t move for 5 minutes, the other is to slowly enter the water one limb at a time. Both options are painful. In both cases you shouldn’t stay in for more than 5 minutes, or your low blood pressure at this point won’t be able to support you when you try to get up. All that said, trying these public baths once in a lifetime is worth it.

Not being a huge fan of nudity display I am not a huge fan of onsens either, though I have learnt over the years to appreciate them. And by repeatedly going through the same rituals, I learnt several tricks.

Those public onsen, like in Nozawa-onsen, are not like the hotel hot springs where soap and toiletries are provided; one has to bring their own soap, shampoo and towel. I had to be warned by a woman that I was using her soap in order to remember that I had to bring mine along…fortunately they understand foreigners’ I-dont-have-a-clue look, and forgive us. After that I chatted with several women and that alone granted me long lasting forgiveness.

Before everything else, is your feet you should get accustomed to the oh so hot water. While and after shower, splash the hot water on them until the pain is gone. By then, the rest of the body has adjusted too.

Somehow older people know better. They always do. A very old lady, peacefully sitting by the edge of an oh so even HOTTER water tub (no other women except the grandma could go), didn’t even give me time to put the tip of my toe in the water by saying I should use the other tub…”that one is less hot”, she said. F*ck! Less hot, uh? I was glad I listened because I nearly burnt when I entered the “less hot” pool…and then I see the very same old woman nonchalantly submerging herself in THAT tub, without a blink. I then saw there was a sign (in Japanese) above each of the two tubs for “not hot” and “hot”. Go figure.

An extra piece of advice is about tattoos. The Japanese don’t like tattooed people, as tattoos are a signature of crime gangs, and pretty much all spas (and gyms, for the same reason) across Japan have very strict rules about tattoos: not welcome. If you have one, chances are that you won’t be able to experience Japanese hot springs.

*************

In quest’inverno stranamente tiepido non viene certo in mente di andare a sciare. L’impazienza si trasforma in accettazione e l’accettazione in attesa (per la primavera).

Quest’anno sono andata in montagna la prima volta quasi alla fine della stagione, ed e’ bello trovarsi in montagna, vedere e toccare la neve, dopotutto. Per tutto il fine settimana, soffici fiocchi di neve hanno imbiancato Nozawa-onsen, un villaggio di montagna che e’ famoso sia per la neve che per le bollenti terme (温泉 onsen). Questo villaggio infatti vanta 13 bagni pubblici, in pratica una vasca di acqua termale con muri e tetto. Chi voglia rilassare il corpo dopo una giornata di attività, possono benissimo andare in queste piccole spa, che sono separate per uomini e donne, e immergersi in vasca. Questi posti sono molto tradizionali e generalmente visitate da gente del luogo, quindi se uno e’ in dubbio sul cosa fare, basta osservare e imitare.

Prima di immergersi, bisogna lavarsi. Ci sono solo un paio di rubinetti da cui scorre solo acqua fredda, quindi la procedura da seguire e’ di raccogliere l’acqua bollente dalla vasca con un catino e mischiarla a quella fredda e lavarsi bene. L’intero processo e’ a dir poco traumatico. Immaginate, fuori la temperatura e’ sotto zero, ci si deve svestire in una stanza piena di aperture (servono a far uscire il vapore, ma non permettono sguardi curiosi dall’esterno) riscaldata solo dal vapore dell’acqua termale, e bisogna lavarsi in qualche modo prima di potersi finalmente immergere nell’acqua che e’ super bollente. La sensazione di tenesse e’ quasi un’illusione, visto che l’acqua e’ a più di 45 gradi. Al che uno ha due opzioni: entrare in acqua quanto più rapidamente possibile fino al collo e restare immobili, oppure immergersi poco per volta. In entrambi i casi si soffre. E in ogni caso, e’ consigliato stare ammollo non più di 5 minuti visto che l’abbassamento di pressione renderebbe quasi impossibile mettersi in piedi. A prescindere pero’ da tutto ciò, e’ un’esperienza da provare almeno una volta nella vita.

Queste terme pubbliche, come appunto quelle a Nozawa-onsen, non sono proprio fornite, infatti ognuno deve portarsi sapone e tovaglia. Io mi sono resa conto che avevo dimenticato il mio quando una signora mi ha fatto notare che avevo usato il suo…ma alla fine, visto che i giapponesi sono comunque gentili e capiscono l’incapacità di noi stranieri, ci perdonano.

Prima di tutto, sono i piedi quelli che vanno preparati all’acqua bollente. Quando i piedi si sono abituati, anche il resto del corpo e’ pronto.

Come sempre accade, gli anziani ne sanno sempre di piu. Una signora stava placidamente seduta al bordo di una vasca (cosi calda che nessun’altra signora era li), e non mi ha neanche dato tempo di mettere un dito nell’acqua che mi dice subito “quell’altra vasca, che questa e’ calda”. Porca miseria! Meno male che era meno calda. Ho quasi avuto uno shock termico nella vasca “meno calda”, non voglio pensare come si potesse stare nell’altra. Invece, la vecchietta con molta calma e disinvoltura si mette tranquillamente ammollo in quella più calda. Ho poi notato i segni per ognuna delle due vasche che dicevano appunto “calda” e “meno calda”. E meno male…

In aggiunta, un consiglio da dare riguarda i tatuaggi. In generale i giapponesi non amano gente con tatuaggi visto che sono associati alla malavita, quindi le terme (e in questo caso anche palestre) in Giappone non accettano gente tatuata. Quindi, se appartenete a questa categoria ci sono alte possibilità che non possiate provare le terme.