Tuesday, June 13, 2017

Hidden gardens of Tokyo

In occasion of a get together with some friends I finally had a chance to visit a lovely Japanese garden in the heart of Tokyo, one that had been on my list for as long as I can remember, but one I never managed to get in for one reason or another.

The garden, unlike the other Japanese style gardens and parks here, doesn’t impose entrance fees and is somewhat hidden from the view such that people definitely have to know where to look. Usually the locals are those who can take advantage of such places, visiting them without the crowds of tourists one can find at, say, Shinjuku Gyoen (arguably the most famous garden in Tokyo).

The entrance to this place, Happo-en, is in front of a building that had one of the biggest second hand bookstores in town. I used to go to that bookstore very often, and every time I went I was reminded of the gardens that were waiting there on the other side of the road, especially because I always saw people wearing elegant clothes, likely to attend some ceremonies like wedding receptions or the like. Gardens are one of the top choices for that.

Anyway, on one fine afternoon, I went there with a couple of my friends, who were so proud of showing me this gem hidden in plain sight. The garden is larger than I thought, it unwinds on the side of a hill, and even has a pond in its deeper middle populated with huge fish (the Japanese koi fish). The perfect balance between trees and grass, between walking trails and bushes is striking, and the whole design screams zen tradition. There is also a line of bonsai trees along one of the walking trails, and the youngest of those trees is perhaps 300 years old! Just amazing. Within the garden premises are also several Japanese style buildings that are used for parties (there is actually also a chapel in there, so that the “religious” weddings can be followed by the reception in the halls nearby).

The place is marvellous during the day already, but in the evening strategically placed lights go up, and the place is even more beautiful. That garden is definitely one of those where I shall return, maybe at different times of the day in order to fully appreciate its beauty.

************

In occasione di una serata tra amici ho avuto finalmente la possibilità di visitare un bellissimo giardino giapponese nel cuore di Tokyo, uno che e’ sempre stato nella mia lista sin dagli inizi ma che non ho mai potuto visitare per un motivo o un altro.

Il giardino, diversamente dalla maggior parte di quelli della sua specie qui a Tokyo, e’ a ingresso gratuito ed e’ poi o meno nascosto alla vista tanto che la gente deve sapere dove guardare per trovarlo. Di solito questi giardini sono quelli che i residenti della zona amano di più, perché sono meno affollati di quelli più famosi, del tipo Shinjuku Gyoen.

Questo giardino, Happo-en, ha il suo ingresso di fronte a un edificio a cui mi recavo spesso visto che aveva il più grosso negozio di libri usati. Ogni volta che andavo a quel negozio, e ci andavo spesso, mi ricordavo del giardino dall7altra parte della strada, anche perché ci vedevo costantemente persone elegantemente vestite, molto probabilmente per matrimoni o cerimonie importanti.

Comunque sia, un bellissimo pomeriggio fine settimanale due miei amici, orgogliosi di farmi scoprire una gemma nascosta in piena luce, mi portano finalmente a questo giardino. Devo dire che la sua grandezza e’ molto più di quello che mi aspettavo. Il giardino si snoda su un fianco di una collina, tanto che i sentieri vanno in basso più ci si addentra, e al centro ci sta pure un laghetto con dei grandissimi pesci. Tutto trasmette tradizione zen, tutto si combina armonicamente tra sentieri e siepi, alberi e prati verdi. Ci sono anche tanti bonsai in esposizione, il più giovane dei quali ha più o meno 300 anni. Infine, non mancano degli edifici tradizionali, dove di solito vengono celebrati i ricevimenti di matrimonio (tanto per dire, c’e’ pure una cappella nel giardino cosi da restare “in zona”).

Questo posto e’ fantastico gia di giorno, ma alla sera un’illuminazione strategica rende il posto ancora più bello. Decisamente questo e’ uno di quei mosti che merita di essere rivisto, magari a differenti ore del giorno cosi fa poterne apprezzare appieno le qualità.





Monday, June 12, 2017

No pizza no life -- A casa di A&P

And once again I took over my friends’ kitchen, or actually just their grill oven, to cook some pizzas.

I had promised I would make pizza for them, so it was about time that we got into business. We didn’t have an oven, but against all odds, we managed to make the best out of the little grilling device all stovetop pieces in Japan have. Normally, as also indicated by a very self-explanatory drawing next to the start button, it is used to grill fish, although I have used it for so many other things. But I had never tried it for pizza, so I did it the first time at my friends’ place.

In the afternoon we prepared the dough, a lot of it, and while we let it rise for some time we took a walk around the neighbourhood. I later laid 12 balls of dough on a table, and started preparing the toppings. The dough was beautiful, I have to say, soft and elastic, although I bet it would have liked a few more hours of rest.

We had to try a few different preparation protocols before we actually found one that gave good results, and in the end, it would take me exactly 7 minutes per pizza, 2 minutes to spread and season, 5 minutes to bake. The crematorium, as my friend loved to call her grill oven because it has two rows of flames one above and one below the tray, worked just fine, and we managed to cook the pizza almost as well as a in traditional stone oven, or, well, at least so said my friends’ guests who loved it. We also had an amazing green salad, fruits, ice cream and a pound cake to complete the menu.

I spent most of the dinner time in the kitchen, as per usual, bouncing back and forth between the table and the oven, despite the efforts to keep me from doing too much. They all made sure my glass was always full, though…what else could have I asked for?

**************

E di nuovo mi sono impossessata della cucina dei miei amici per fare, stavolta, le pizze.

Infatti avevo promesso ai miei cari amici che avrei fatto la pizza per loro ed era ora che si arrivasse ai fatti. Nonostante non avessimo un forno adatto, contrariamente alle aspettative siamo riusciti a sfruttare al meglio il piccolo grill che si trova in tutte le cucine giapponesi. E’ piccolo, e come be indica una immaginata vicino al bottone di accensione lo si usa per grigliare il pesce. Io a dire il vero lo uso per altre cose, come abbrustolire il pane per la bruschetta, ma non lo avevo mai provato per la pizza. Alla fine la prima volta lo abbiamo provato a casa dei miei amici.

Prima, il pomeriggio, abbiamo preparato l’impasto e nell’aspettare che lievitasse abbiamo fatto una passeggiata. Dopo ho preparato 12 panetti sul tavolo e ho preparato tutti gli ingredienti. La pasta e’ venuta bene, soffice ed elastica, anche se sono sicura che qualche altra ora di lievitazione avrebbe giovato.

Ci sono voluti un po’ di tentativi prima che trovassimo il protocollo giusto per ottimizzare la preparazione, ma alla fine ci e’ andata benone con 7 minuti per pizza, 2 minuti per stendere la pasta e condirla e 5 per la cottura. Il crematorio, cosi come la mia amica definisce il suo grill visto che ha due file di fiamma, una sopra e una sotto la griglia, ha funzionato a meraviglia e la pizza sembrava quasi come fatta nel forno tradizionale, o per lo meno e’ stata molto apprezzata dagli ospiti che avevamo. Avevamo anche come complemento una insalata verde buonissima, della frutta, un dolce e del gelato.

La maggior parte della serata sono stata ai fornelli, facendo avanti e indietro per cuocere tutte le pizze, nonostante gli sforzi di tutti nel tenermi meno occupata possibile. Ma di una cosa si sono assicurati, che il mio bicchiere fosse sempre pieno. E che posso chiedere di più?





Wednesday, June 7, 2017

Meat medley cooking school

I am coming close to doing cooking classes only for aficionados, it seems…I proposed a new menu recently, and again, as it is happening often, the class was rapidly booked by the usual suspects. This time I had 4 returning customers and one new. I am starting to think that soon I will always get the very same 5 guests each time I teach a new menu. That would actually be fantastic, because it would feel more and more like a dinner among friends than a cooking class.

The last class I gave had indeed that sort of vibe; I already knew the participants (that means that I don't need help in recalling their names...isn't that great?), and as they are returning guests, meaning they like my teaching (or the food, or whatever), I don't need to worry much about the technicalities of the class itself. In facts, we all worked together and chatted in the meantime, we laughed and managed to produce a 5-dishes dinner in just a couple of hours. Not to mention that cleaning up afterwards needed no more than 15 minutes.

I do especially like this group of women, I have to say, they're really nice, I get along well with them and it seems they get along with each other too. The picture we took at the end all together speaks already by itself.

Down to the food, we cooked a medley of meat dishes: my very own baked potatoes with bacon, herbed meatballs, Palermo style cutlets, all accompanied by a light green salad and bruschetta. All dishes were prepared using a minimal set of simple ingredients, but the results were balanced, filling and yummy food. I proposed a ricotta mousse as dessert, with a presentation decoration that was very improvised but very effective.

I do hope the same group will unite again in future cooking occasions (note to self: provide more wine, we like it).

**********

Pare che mi stia avvicinando al fare lezioni solo per clienti affezionati…di recente ho proposto un nuovo menu, e di nuovo, come ormai capita spesso, la lezione e’ stata prenotata dai soliti sospetti. Stavolta avevo quattro studentesse che conoscevo e una nuova. Comincio a pensare che presto mi capiteranno sempre le stesse 5 persone ogni volta che inizio un nuovo menu. Sarebbe fantastico, perché sembrerebbe più una cena tra amiche che una lezione di cucina.

La lezione di cui parlo aveva proprio questo tocco: le partecipanti erano a me note (il che significa che non mi serve aiuto a ricordare i loro nomi. Bello no?), e visto che sono clienti che ritornano (o perché gli piace come insegno o per le ricette o checchessia) non avevo la minima preoccupazione per la lezione in se. E infatti abbiamo praticamente lavorato assieme, nel frattempo abbiamo chiacchierato e ci siamo fatte due risate, e tra tutto ciò siamo riuscite a sfornare ben cinque piatti nel giro di un paio d’ore. Per non parlare della fase di pulizia che e’ stata di soli 15 minuti.

Questo gruppo mi piace davvero tanto, lo devo dire, sono tutte simpatiche, mi ci trovo bene e mi sa che anche loro hanno legato un po. La foto di gruppo che abbiamo fatto alla fine parla da sola.

E ora, le ricette, con il tema carne: la mia personale interpretazione di patate al forno con pancetta, polpette alle erbe, cotoletta alla palermitana e poi per accompagnare un’insalata semplice e qualche bruschetta. Tutti i vari piatti hanno richiesto solo una manciata di ingredienti semplici, ma il risultato e’ stato di una cena bilanciata, sana e buonissima. Come dolce ho proposto una mousse di ricotta, la cui presentazione e’ stata un’improvvisazione del momento ma e’ piaciuta molto.


E ora spero che lo stesso gruppo si possa riunire nuovamente in futuro (nota per me: ci piace bere, quindi più vino).




Sunday, May 28, 2017

Dragon boat race

It's the last weekend of May and finally I get out of the house to do something different. Well, sort of different: I went to watch a boat race in the beautiful Yokohama bay this afternoon.

This boat race is somewhat special, as it is a annual event, where teams of rowers race against each other in low boats. The uniqueness of the event is given by the name of the race itself: the Dragon boat race. It is called this way because the boats feature a Chinese dragon head in the front and a tail in the rear of the boat. The boat themselves are painted to remind of the dragons scaled spires of its body.

The sport is of Chinese origin, and in fact the biggest of such boat races is held in Hong Kong, where it is believed it started. Anyway, when the dragon boat race takes place, it is always a great idea to go have a look as the atmosphere is very festive and energetic. Plus it's out in the open, and we like that regardless.

The races go on through the entire day, and are held on two consecutive weekends, both days. Teams of 20 or so people race, typically three teams at a time, and repeat the race twice, apparently (I did my research). After watching the first race, I could see why the competition drags a lot of supporters, friends and family, such that the park that faces the bay where the race takes place is invaded by cheering people. It is very easy to get dragged into the mood of the day, especially if it is as sunny as it was today (we are close to the monsoon season, so we can’t be sure about it). As soon as a boat race starts, people begin to shout in encouragements, while the teams in each boat row in perfect coordination. Some of them are very fast, and some others are terribly slow, but it is all part of the game and in the end everybody is there for the sport, not for the win. The distance to cover is not huge, and the park promenade just by the water is the best place to be to watch the unfolding of all the events.

Also, because there are many teams that compete over the day, the park itself becomes the place to be, people organise picnics, boat teams rest in between races, the municipality and sponsors also help with setting up music performances, food stands and shows.

After I watched a bunch of teams do their best, I retreated under a tree to relax a bit under the shade and observe people. The one thing that was annoying, but unfortunately necessary, was the race commentator, a woman with a shrill voice. The megaphones tower that had been set up so that time and scores and all sorts of comments in between were announced (shouted, I’d say) made sure that shrill voice pierced your ears good. But in the end, everybody was having a good time, families were enjoying the day, and I was too. So, all in all it was good.

************

Ultimo fine settimana di maggio e finalmente esco di casa per far qualcosa di diverso. O più o meno diverso. Sono andata a vedere una gara di barche a remi nella bellissima baia di Yokohama.

Questa gara e’ in un certo modo speciale, visto che e’ un evento annuale in cui gruppi competono gli uni contro gli altri a colpi di remi. La cosa unica dell’evento e’ proprio il nome: Dragon boat race (ovvero la gara delle barche del drago). Il nome deriva dalla forma delle barche, basse, in cui la prua e’ fatta a mo di testa di drago e il retro come la coda, mentre l’intera barca a remi e’ decorata come a dare l’idea del corpo a scaglie del drago.

Lo sport e’ di origini cinesi, e infatti la gara più famosa e più massiva si tiene a Hong Kong, dove pare il tutto sia iniziato. In ogni caso, se c’e’ sta gara e’ sempre una buona idea quella di andare a dare un’occhiata visto che l’atmosfera e’ festiva e piena di energia. E inoltre, il tutto si svolge all'aperto. Il che, ci piace a prescindere.

Le gare durano tutto il giorno, e si tengono in due fine settimana consecutivi. Gruppi di circa 20 persone, tre alla volta, gareggiano a quanto pare per due turni. Si capisce subito, gia alla prima gara, del perché queste gare attirino cosi tante persone, sostenitori, amici, parenti,tanto che il parco che si affaccia sulla baia dove si tiene la competizione e’ invaso da un sacco di persone animate. E’ facile lasciarsi trasportare dall’aria festiva, soprattutto se e’ un giorno bello come oggi (visto che siamo in procinto di stagione monsonica non si può mai sapere). Nn appena una gara inizia, la gente incomincia a gridare e incitare, mentre ogni gruppo di rematori va in sincrono. Alcuni di loro vanno proprio veloci, mentre altri arrancano, ma alla fine fa tutto parte del gioco e poi si e’ li per partecipare e non per vincere. La distanza da coprire non e’ tanta, e il viale del parco che sta proprio a dirimpetto sull’acqua e’ perfetto per seguire tutti gli sviluppi. 

Che poi, visto che ci sono più gare in un giorno, il parco stesso diventa proprio il posto in cui essere, infatti c’e’ chi organizza picnics, i gruppi di vogatori si riposano tra le gare, e come se non bastasse ci sono anche manifestazioni, concerti, e musica, per non parlare degli onnipresenti stand di cibo da sagra.

Dopo che ho guardato alcuni dei gruppi dare il meglio che potevano, mi sono ritirata sotto un albero per rilassarmi un attimo all’ombra e per osservare la gente. Una cosa che dava fastidio c’era ed era la voce stridula della commentatrice della gara. Infatti i megafoni che erano stati installati cosi da annunciare i tempi e commentare i momenti della gara, assicuravano proprio un gran mal d’orecchi. Alla fine pero’, e’ stata una bella giornata, e va bene cosi.








Saturday, May 27, 2017

A Greek dinner

The other day I arranged a Greek dinner at my place, where only my Greek colleague, with only a very little help form myself, cooked everything. It doesn’t often happen that I let someone use my own kitchen entirely, but when I do…it’s for a good cause, and I couldn’t have asked for a better use of it, looking at how it turned out.

We met early, on the day, to do all the grocery shopping and one hour and 5 bags later we were ready to get to work.
The recipes we prepared were not just the usual ones found at your average Greek restaurant (no moussaka, sorry peeps), so I wanted to definitely watch all the steps of the preparation to learn. I normally am the teacher, but for once I was the student, following directions and instructions. It really felt like a cooking class, only that this time the cook came to me and not viceversa. During the cooking I would also ask questions about the dishes she was preparing and the Greek cooking traditions, since I didn’t know much about either. We were engaged for about 5 hours straight, but weren’t rushing, allowing the flavours of herbs and olive oil to fill the room. 

We prepared the following (hoping I got the names right): gigantes (giant beans baked in tomato sauce), tzatziki (the well known yoghurt and cucumber sauce), zucchini chips that were oh fabulous, keftedes (meat balls with herbs), giouvetzi ( a dish of baked meat and pasta where the meat is stewed beforehand in cinnamon flavoured tomato soup), a lettuce and dried figs salad, and finally the more classic tomato and feta cheese salad.

I mean, it was a feast. I invited over a few friends who took care of drinks and sweets and we were all set. We stayed till late trying to fit as much food as possible in our stomachs, but we cooked for an army anyway, so in the end I indulged in leftovers for a few days. It was good.

I shall arrange more of those cooking events where I focus on one country’s traditions. Indian next?

***********

Qualche giorno fa ho organizzato una cena greca a casa mia, e in quell’occasione una mia collega greca, con un minimo aiuto da parte mia, si e’ messa a cucinare dall’inizio alla fine. Non capita spesso che lascio la mia cucina nelle mani di qualcun altro, ma se succede e’ per una buona causa e tra l’altro non avrei potuto sperare in un migliore utilizzo di casa mia.

Il giorno della cena ci siamo incontrate presto per fare la spesa e un’ora e 5 borse dopo eravamo pronte per cominciare.
Le ricette che abbiamo preparato non erano le classiche che uno trova ai ristoranti di cucina greca (ovvero niente moussaka), perciò ero attentissima a ogni cosa. Di solito sono io quella che spiega, mentre invece stavolta ero quella che ascoltava, e ho seguito tutte le istruzioni passo passo. Sembrava proprio di stare a scuola di cucina, ma con il vantaggio che il cuoco ti viene a casa, piuttosto che il contrario. Mentre cucinavamo ho anche fatto tante domande sia riguardo ai piatti che alle tradizioni, visto che ne so poco di entrambi. Abbiamo passato una cosa come 5 ore filate a cucinare, ma senza avere fretta, dando il tempo agli aromi di erbe e olio d’oliva di inebriare il tutto.

Abbiamo cucinato le seguenti (spero di avere azzeccato i nomi): Gigantes (fagioli giganti infornati in salsa di pomodoro), tzatsiki (la famosa crema di yogurt e cetriolo), zucchine fritte che erano la fine del mondo, keftedes (polpette di carne alle erbe), giouvetzi (pasta al forno con stufato di carne aromatizzato alla cannella), poi una insalata di lattuga e fichi secchi e infine la famosa insalata di pomodoro e feta.

Ora dico, una festa per gli occhi. Ho poi invitato un gruppo ristretto di amici che si sono occupati delle bevande e dolci, e ci siamo abbuffati a dovere. Siamo rimasti fino a tardi, cerando di mangiare il più possibile, ma davvero c’era da mangiare per un esercito…almeno mi sono rimasti gli avanzi per i giorni successivi.


Mi sa che devo organizzare altri di questi eventi a tema culinario, scegliendo magari una nazione diversa ogni volta. Prossima volta indiano?









Monday, May 22, 2017

Island of cows and colors

I am coming out of a long and intense period of work. Just before the Japanese long holiday known as Golden Week I managed to complete writing some scientific articles and I sent them out. After that, I reckoned it was a perfect time to take some days off and rest, before starting the next challenge. It had to be done.

I chose, of course, the beach as a destination. Because the main purpose of taking time off was to recharge, what I had in mind was a place in Japan that maximised my relax and minimised my efforts: one flight at most to get there, pickup service at airport by the hotel, fancy hotel with spa, sauna, outdoor pool and indoor pool (because what if it rains?), big room with ocean (and sunset) view, restaurants and shops. Basically I could have not left the hotel premises, if I really wanted. That place is Okinawa, where I keep returning to every time I can.

Blessed with stable weather conditions for most of my stay and not worrying about the monsoon season that would soon approach the islands, I spent the time chilling by the outdoor pool, drinking refreshing and slightly alcoholic shikuwasa (Okinawa and Taiwan native lemon) beverages. The few times that it rained, it was early in the morning or late in the afternoon. Anyway, it wouldn't rain for more than one hour, and then blue skies would follow.

Now, another one of the many things I don't understand about the Japanese people is this: Okinawa islands offer amazing beaches, sceneries, coral reefs, gorgeous hills and mangrove forests, and all this nature is there waiting to be taken in…hiking, snorkelling, swimming, you name it...and yet, what all people do is signing up for those silly water activities that have nothing to do with the beautiful nature (mostly polluting it, in facts) involving water bikes or boats, then tour the island by car and stop here and there to snap a photo to say "been there". Pfff.

I did also tour the island, but for totally different reasons. I was in search of the perfect secluded beach, and I visited many. It was exactly like in the beach towns in Sicily, where locals know they have to simply drive with an eye on the first trail on the left/right, hidden between trees and weeds and flowers, but definitely taking them to a beach. The tide wasn't unfortunately on my side, being low during the central hours of the day, but that didn't stop me from entering the water wherever I could. Most of the beaches on the island are made of reef, so on low tide they are a no go except for a few that are sandy and have deep enough water to swim even in low tide.

It is crazy how towns in those remote islands remind me of my own island. Seaside villages are all the same everywhere I guess, the houses basically being a big block with large porches or terraces, bougainvilleas (and hibiscuses!!) everywhere, old buildings whose facade is eaten up by the briny air, roads that would welcome a few repairs, farming sheds, laid back people. The one difference is in that Sicily is not even close to be as green as the islands of the Yaeyama group, the southernmost ones in Japan.

There were tens of cow farms on the island, which is famous for its black cow beef, and I don’t really know how those animals can survive in such a hot place. They must be happy, though, eating lush green grass with the beautiful view of the reef…

Seeing the reef barrier from above, something I hadn’t had a good chance to do so far, is fantastic. I could reach the north tip of the island (and rode every possible road), and climbed on a hill that gave the perfect lookout point: all shades of green and blue were mixing with the white of the sand, creating a sharp contrast with the deep blue waters outside the reef.

The holiday was over sooner than I realised, but it was a good one. Now that I am back in a depressing grey Tokyo, though, I wish I could have stayed in paradise longer. All good things come to an end they say, but nobody said they can’t be repeated, right?

**********

Sto uscendo da un periodo di lavoro intenso. Proprio prima del lungo ponte festivo che in Giappone e’ noto come Golden Week, sono riuscita a completare alcuni dei mei articolo scientifici e mandarli. Al che, pareva proprio il momento giusto per prendere una pausa e ricaricare le batterie prima degli impegni successivi. S’ha da fare.

Ovviamente ho scelto come destinazione la spiaggia. Visto che l’obiettivo del prendere un po’ di ferie era quello di riposarsi, quello che avevo in mente era un posto in Giappone che massimizzasse il relax e minimizzasse gli sforzi: solo un volo da prendere, servizio navetta in aeroporto per l’hotel, albergo bello con spa, sauna, piscina all’esterno e all’interno (perché oh, metti che piove?), camera enorme con vista oceano (e tramonto), ristoranti e negozi. In pratica, se proprio avessi voluto, non ci sarebbe stato bisogno di uscire dall’albergo. Quel posto in Giappone e’ Okinawa, uno a cui torno ogni qualvolta posso.

Fortunata col clima, non mi sono dovuta minimamente preoccupare dell’imminente stagione monsonica, ma ho anzi passato tantissimo tempo a bordo piscina, bevendo cocktails a base di shikuwasa (un frutto tra limone e arancia nativo di Taiwan e Okinawa). Quelle poche volte che ha piovuto e’ stato per un’ora o poco più e di solito la mattina o tardo pomeriggio, lasciando poi spazio a cieli azzurri.

Ora, un’altra delle tante cose che non capisco dei giapponesi e’ questa: le isole di Okinawa hanno spiagge e panorami bellissimi, barriera corallina, colline lussureggianti e foreste di mangrovie, e tutta questa natura sta li ad aspettare che la gente vi si immerga…che so, scalare le colline, immersioni, nuoto, insomma la qualsiasi…eppure questa gente non fa altro che dedicarsi a tutti quelle attività acquatiche che non hanno nulla a che vedere con la natura (anzi, piuttosto la inquinano) che includono moto d’acqua o barche, poi si fanno un tour dell’isola con la macchina, si fermano di tanto in tanto per fare una foto cosi da poter dire “io ero qui”, e basta. Che tristezza.

Anche io ho fatto il giro dell’isola, ma per tutt’altro motivo. Infatti ero alla ricerca della spiaggia perfetta, isolata e tranquilla, e ne ho viste tante. Era proprio come in Sicilia, dove la gente del posto guida con l’occhio sul lato della strada per ogni possibile viottolo nascosto tra arbusti e fiori che sicuramente porta alla spiaggia. Sfortunatamente, la marea non mi ha aiutato tantissimo, perché era al suo minimo durante le ore centrali, ma questo dettaglio non mi ha fermata di certo dal provare l’acqua non appena potevo. Visto che la maggior parte delle spiagge dell’isola sono praticamente fatte di barriera corallina, quando la marea e’ bassa non si può proprio nuotare, eccetto per un paio in cui il fondo e’ sabbioso e quindi anche in bassa marea andava benissimo.

E’ davvero incredibile quanto i paesini in queste isole remote mi ricordino della mia isola. I villaggi di mare sono tutti uguali, mi sa, le case sono in pratica un grosso blocco con terrazze, buganvillee e ibisco ovunque, edifici vecchi le cui facciate sono erose dalla salsedine, strade che necessitano più di una miglioria, capannoni agricoli e di allevamento, gente tranquilla. L’unica differenza sta nel fatto che la Sicilia non ha per nulla la vegetazione verde smagliante delle isole Yaeyama, quelle più a sud del Giappone.

Nell’isola ci sono anche tantissimi allevamenti di mucche nere, famose in tutto il Giappone per le loro carni, e io non so proprio come fanno queste povere bestie a vivere in quel caldo. Eppure mi sa che sono felici, visto che mangiano bella erba verde con la vista della barriera corallina.

Una cosa spettacolare e’ avere una vista della barriera dall’alto, cosa che ancora mi mancava. Sono andata fino alla punta nord dell’isola, e sono salita su una collina che dava proprio il punto d’osservazione perfetto: tutte le sfumature di verde e blu si mescolavano con il bianco della sabbia, creando un contrasto netto con l’acqua blu al di fuori della barriera.

La vacanza e’ finita più presto di quando volessi, ma e’ stata una di quelle vacanze perfette e ora che sono di nuovo nella Tokyo grigia e deprimente vorrei gia tornare li. Tutte le cose belle sono destinate a finire, si dice, ma nessuno ha detto che non si possano ripetere, no?











Saturday, May 6, 2017

Expat problems IV - Clothing

I fought the urge for ten years, but I couldn’t do it anymore: I bought a sewing machine, eventually.

For those who don’t know, I know how to make clothes. And one may think why on earth would I want to make my own clothes when I live in Tokyo? Eh, well, because expat problems.

I am not sure how many out there are like me who:

-don’t like Japanese fashion
-don’t fit in the Japanese sizes
-grew up with an Italian sense of fashion (I mean, ITALIAN STYLE, man!)
-know how clothes should fit

I can’t count how many times I wanted to buy something but when I tried it on it just didn’t look right, it would pull on one side, or twist, or be too short on the arms, or be too large on the waist, and so on. If I really liked something, because of a pattern or a design, the tailor in me would immediately know what to do to fix it, so I would buy the stuff, then keep it until the next time I fly home and then fix it there with mum’s machines. In the end, thought, even the intention to buy clothes wore off (haha, pun), and I think I haven’t been shopping for clothes in years. It is also good for my finances, but also I have never been a big fan of shopping anyway.

Same problem happens with shoes, as even the shape and size of the shoes are different for the Japanese…but for that, alas, I can’t do much. I just ignore the whole shopping thing altogether.

But now. Now things have changed. Not much on the buying side, rather on the making side. I can now remodel, fix, change my wardrobe or create something form scratch (which is the part I like the most about sewing, the creativity it involves).

I don’t think I will now switch to full on tailoring, because I don’t quite know how to get all the stuff that I need, like fabric, but at least now I won’t have to wait months before working on a dress.

************

Per anni ho resistito alla tentazione ma alla fine non ho potuto: ho comprato una macchina da cucire.

Per coloro che non lo sanno, ebbene si, so cucire. E verrebbe da pensare perché mai a uno verrebbe in mente di farsi i vestiti quando si vive in un posto come Tokyo? Problemi da espatriati, ecco perché.

In ogni caso, non sono proprio sicura di quanti come me:

-non sono attratti dalla moda giapponese
-non entrano nelle taglie giapponesi
-sono cresciuti con un senso italiano della moda (cioè, dico STILE ITALIANO, cavolo)
-sanno come farsi i vestiti

Ho perso il conto di quante volte ho voluto comprare qualcosa ma poi quando lo indossavo c’era sempre un non so che di sbagliato, o tirava, o torceva, o era troppo corto di braccia, o troppo largo ai fianchi, eccetera. Se proprio mi piaceva qualcosa, o un motivo o proprio un modello, la sarta in me sapeva gia come fare per sistemare il tutto, cosi compravo la roba e poi aspettavo fino a quando tornavo a casa e usavo i macchinari di mamma. Alla fine, comunque, persino l’intenzione di comprare qualcosa e’ svanita e penso che sono anni che non faccio acquisti. La cosa fa bene anche al portafoglio, seppure non sono mai stata una fissata con il fare gli acquisti.

Lo stesso problema si presenta per le scarpe, che anche quelle sono di forma diversa. E pero’, per quelle non c’e’ nulla da fare. Posso semplicemente ignorare gli acquisti.

Ma ora le cose sono cambiate. Non tanto nel comprare quanto nel fare. Ora posso cambiare, sistemare, rinnovare il mio guardaroba oppure creare qualcosa di nuovo, che poi e’ la cosa più bella del farsi i vestiti, quella della creatività.


Penso che non passero’ completamente alla sartoria totale, visto che non so bene neanche come e dove trovare il resto delle materie prime che mi servono, pero’ almeno adesso non dovrò aspettare mesi prima di lavorare a un vestito.



Wednesday, May 3, 2017

Nothing to report

Here we are again, complaining about neglect.

I recently went through my ten years old blog, reading the posts, not at all surprised of the plummeting post frequency curve, and horrified at the bad English the first ones were written in. I still write in two languages, mainly because I need to practice my native language and also because I like writing, so doing it in another language is a challenge I love.

But no matter how hard I try, truth is I have little to nothing to report. What to blame is time. It is the time as the lack of it, the 25th hour I don’t have in order to focus and write, and it is also the time as duration of my stay: after so many years I don’t have so much to tell about other than the same old stuff (and we do not like to be repetitive).
I sit down and try to remember what’s happened in the past month, and it’s either me who can’t remember or nothing of note happened.

Let’s start from the beginning of April. Ahh, the cherry blossom came and it was soon gone…the already narrow hanami (cherry blossom viewing) window was narrower this year. Then easter came and easter was gone…in any case we don’t notice which holiday our own country is celebrating here, and I can’t say I suffer about it. But I have to say that, while easter was the only one among the christian holidays that went unnoticed in Japan, the recent years have seen a turn, as chocolate eggs and easter themed food and decorations have began to pop around. Then work deadlines came and they were soon gone…and I feel I have been meeting deadlines for years now.

It’s now May, and it’s full golden week, that blissful time of the year when it feels like real spring and the Japanese get 3 consecutive days off due to national holidays. What have I planned for this year’s longer than usual weekend? Absolutely nothing. To be honest, I was considering to work during the holidays, welcoming the quiet in the office, imagining already progresses on writing (yes, I do sci-write a lot for work too, recently), and then taking some time off when everybody else is at work…in fact, trying to travel during this long week of holiday is anyway a bad idea. Eventually I decided for staying at home during the peak of traveling, and take holidays later instead.

I guess you’ll be hearing from me soon.

**********

Ed eccoci di nuovo a lamentarci della negligenza. Di recente ho scorso il mio blog oramai decenne, leggendo i vecchi post, per niente sorpresa della brusca caduta nella frequenza degli interventi, e anche esterrefatta a quanto pessimo era il mio inglese. Scrivo ancora in due lingue, principalmente perché ho bisogno di praticare la mia lingua madre e poi perché scrivere mi piace, se poi in un’altra lingua ben venga. Mi piace la sfida.

Ma in ogni caso, non importa quanto io ci provi, non ho molto da raccontare. E qui dobbiamo incolpare il tempo; Da un lato e’ proprio la mancanza di tempo, quella 25ma ora che non ho, e da un lato e’ anche il tempo inteso come durata, visto che dopo cosi tanti anni qui non c’e’ molto altro da dire a parte le solite cose (e non ci piace essere ripetitivi).
Sto qua seduta a pensare a cosa sia successo in questo mese appena passato e, o sono io che non ricordo, oppure non e’ proprio successo nulla.

Partiamo dall’inizio di aprile. Ah, si, i ciliegi in fiore sono arrivati e subito andati…la finestra gia breve in cui si può fare Hanami (ovvero osservazione della fioritura dei ciliegi) e’ stata ancora più breve quest’anno. Poi, la pasqua e’ arrivata e se ne e’ subito andata….ma noi espatriati non ci facciamo caso a prescindere, e non posso certo dire che la cosa mi dispiaccia. Devo anche dire che, sebbene la pasqua fosse finora stata una di quelle festività non osservate in Giappone, negli ultimi anni ho visto un cambiamento, dopo che uova di cioccolato e piatti a tema hanno incominciato ad apparire in giro. Poi le varie scadenze di lavoro sono arrivate e se ne sono subito andate…ho come la sensazione che non ho fatto altro che rispettare scadenze per anni.


Ora e’ maggio, e siamo in piena golden week, quel periodo speciale dell’anno quando sembra primavera e i giapponesi hanno tre giorni consecutivi di ferie. E che cosa ho programmato per questo fine settimana più lungo del solito? Niente di niente. Onestamente pensavo di lavorare durante queste festività, assaporando gia la pace in ufficio, imaginando gia i progressi con la scrittura (e si, scrivo di scienza un sacco ultimamente), e poi di prendere giorni di riposo quando gli altri stanno al lavoro….in effetti spostarsi proprio in questo periodo non e’ proprio il meglio. Alla fine ho deciso di stare a casa durante i giorni di massimo esodo e poi prendere alcuni giorni di ferie dopo, per cui avrete mie notizie più in la.



Monday, April 17, 2017

City ward sports center rocks

Every municipality has its own sports center and residents simply need to show up, either sign up for membership or not, depending on the ward, and use the facilities. Once a member, people pay per day of use, or per activity, again depending on the ward they live in.

Compared to a gym, sports centres are way way cheaper, even those requiring a membership. In fact, while signing up at a gym means that one has to pay a monthly membership fee, normally very pricy even if it is adjusted to the chosen plan and regardless of how many times one actually uses the facility, a membership at the city sports center instead means to only register, get one access card with some credit on it and then pay per time. Most sports centres won’t change more than 5 bucks for either a time-limited or unlimited day usage. Some sports centres, like the one in my city, don’t even require a membership, you just go buy a ticket for your desired activity (training room or court), exchange it for a pass and start your session.

Now, why I didn’t use the city’s sports center in these past 10 years, I don’t know. Or actually I do: laziness, the mother of all excuses.

I have always thought that joining a gym would be a good idea: I make a regular appointment with fitness, I get my mind off stuff and it is always a good way to destress. However, the one exercise I like and I can keep up with the most is running and I like running outside. So the need for a gym is only a necessity during the cold months, when I am even greater at making up excuses, or when it rains (and oh boy in Japan it rains). But, as mentioned, signing up to a gym means that I would have to pay a tremendous monthly fee for just running a few times a month for a few months. There are other ways I could use the gym, true, like attending evening classes or swimming, but there are some difficulties even there. Anyway, at that point I could have tried the fitness center in the city. True. And yet… 

First the issue was that I didn’t know about it, in my first years in Japan. Then the issue became the language. Then the next issue was that I had no company and going alone was not an option. So, yes, excuses, right. Especially if I add that the center is a walk away from where I live.

Lately, instead, I found a colleague who also wants to join a gym but wants the freedom to go without the burden of a (very expensive) monthly fee…you know, us researchers are shamefully dirt poor. I must say that, now that (finally) the weather seems to be getting stable and pleasantly warm, using the fitness center would not be a necessity since we could run outside again, but we decided to try anyway, in order to know how things worked there or how easy it was to enter.

Well, I was surprised. There are two or three courts, one training room with plenty of weight lifting machines, spinning bikes and treadmills, nice changing rooms with showers, and so on. All we needed to do was to simply pay 300yen for three hours in the training room. And we didn’t even have to show IDs to prove we were residents!

The only disadvantage I can see in using the sports center is that its capacity is limited. The place is not equipped with many of the same training machine, so I can imagine that evenings or weekends it could be difficult to go through one’s own training routine without having to wait for a free piece. The same problem can happen at a regular gym, though.

But again, now I can basically resume my outdoor running…however, it is nice to know that I can always have a last minute plan B. 

All in all, really, I don’t know why I didn’t start going there much earlier... No more excuses now.

************

Ogni citta ha il proprio centro sportivo pubblico dove i residenti semplicemente si recano, si registrano oppure no, in base a quale regolamento vige, e possono usare gli spazi del centro. Quando si diventa membri del centro sportivo, si paga per giornata o in base a cosa si vuole fare, sempre in base a quali sono gli arrangiamenti del centro in questione.

Questi centri sportivi cittadini sono molto più economici di una palestra, anche quelli che richiedono che uno sia membro. Infatti, mentre fare una registrazione completa a una palestra significa dover pagare una cifra molto alta nonostante il piano scelto e a prescindere da quante volte si usano le attrezzature, registrarsi al centro sportivo significa che uno semplicemente si iscrive, ottiene una carta prepagata ricaricabile e può pagare in base all’uso. La maggior parte di centri hanno cifre intorno ai 5 euro che possono essere per una giornata intera o per una specifica attività. Alcuni centri addirittura, tipo quello nella mia citta, nemmeno richiedono una registrazione: basta pagare e andare a sudare. Il perché io non sia mai andata in tutti questi anni, non saprei. No, anzi, no, lo so: pigrizia.

A dire il vero avevo sempre pensato di frequentare una palestra: intanto ho un appuntamento regolare con l’esercizio fisico, poi mi distraggo e scrollo lo stress di dosso. Pero’, e’ anche vero che l’attività che riesco a fare più o meno regolarmente e’ la corsa, e soprattutto mi piace correre all’aperto. Quindi avrei praticamente bisogno di una palestra solo per i mesi freddi, che di scuse se ne trovano a non finire, o quando piove (e come piove in Giappone!). E pero’ se voglio andare in palestra devo pagare un abbonamento mensile da paura solo per un utilizzo di un paio di mesi, un paio di volte al mese. Certo, ci sono anche altre attività che uno potrebbe fare in palestra, tipo yoga o piscina, ma anche li ci sono delle difficolta. E allora uno potrebbe dire che avrei ben potuto pensare al centro sportivo. E pure li…

Intanto all’inizio quando sono arrivata non sapevo di questi centri. Poi c’era il problema della lingua. Poi c’era il problema che non volevo andare da sola. Scuse e basta, certo. Soprattutto se aggiungo che il centro si trova praticamente a due passi da casa mia.

Invece ultimamente ho trovato un collega che come me vorrebbe andare in palestra ma non vorrebbe pagare una cifra eccessiva…si sa, noi ricercatori viviamo perennemente con le pezze al culo. Devo dire che ora, ed era ora, pare che il tempo si sia stabilizzato e le giornate sono piacevolmente tiepide, quindi si potrebbe ricominciare con la corsa all’aperto. Pero’, visto che volevamo anche sapere quanto difficile potesse essere usare il centro sportivo, abbiamo deciso di provare lo stesso.

E devo dire che la cosa mi ha sorpreso. Il posto e’ bello grande, con una stanza che ha tutti gli attrezzi e pesi possibili, biciclette, tappeto da corsa, eccetera, spogliatoi con docce e tutto. E tutto quello che bisognava fare e’ stato pagare e via. Non ci hanno neanche chiesto un documento di residenza!


C’e’ solo uno svantaggio che posso gia vedere, nell’andare al centro sportivo, che la capacita e’ limitata. Infatti non e’ che ci siano molte macchine dello stesso tipo, quindi posso immaginare che nei fine settimana uno potrebbe anche dover aspettare molto per finire il proprio circuito di allenamento. Comunque, questo problema c’e’ anche nelle palestre regolari. In ogni caso, ora posso ricominciare a correre fuori, ma e’ bello sapere che posso sempre cambiare il programma all’ultimo minuto.

Sul serio, ma chissà perché non sono mai andata prima! Ora niente più scuse.

Monday, April 10, 2017

Tiramisu - S.O.P.

Something fun happened at work recently thanks to an excellent idea given by one of the office secretaries: we had a tiramisu day. That’s right, scientists can do other things besides staring at their computer monitors all day trying to figure out how to save humanity.

The good excuse to put the party machine in motion was to use up all the food supplies we have in stock for emergencies (you know, Japan, earthquakes…) before they expired. In fact, we had received a new bulk of supplies, so we could get rid of the old ones. Most of these supplies were canned bread, which sounds awful but actually it is not, and there came the suggestion to use those sponge breads as base for tiramisu. I couldn’t say no to such an idea, so I decided to prepare it acting like my food recipe was a lab experiment protocol and made jokes about making it into a scientific paper publication. 

We had all details figured already: funding body (the boss himself contributed to the expenses for buying the “reagents”), principal investigator, main author (the one who did al the dirty work, aka myself), secondary authors (my colleagues who helped in preparing the breads), samples origin and description, methods, validations (the replication of the tiramisu experiment into 6 trays of goodness, the tasting of all colleagues), results, and all.

I spent a couple of hours in the afternoon to prepare all the tiramisu, in-situ, then I stored it in a cool place (the labs cold room, yay!) until the end of the working day when everybody was called in to try a piece. The final result was better than I expected. I feared those breads I used would not be right for the recipe, but in the end everybody liked it, as the high rate of disappearance of the tiramisu form the trays indicated. It was a good way to end a day, and it was also a good excuse to bring people together.

***********

Grazie a una fantastica idea che mi e’ stata suggerita da una delle segretarie in ufficio, un giorno abbiamo fatto il tiramisu. Ebbene si, gente di scienza può fare anche altre cose oltre a fissare lo schermo del computer tutto il giorno per capire come poter salvare l’umanità. 


La scusa per mettere in moto la macchina dell’intrattenimento e’ venuta dal fatto che si voleva utilizzare tutte le scorte che avevamo per le emergenze (sapete, no, Giappone, terremoti..) prima che scadessero. Difatti, avendo ricevuto le scorte nuove, potevamo benissimo disfarci di quelle vecchie. La maggior parte delle scorte erano pagnotte in lattina, che suona brutto, ma credetemi non lo e’.

Cosi si fece strada l’idea di utilizzare le pagnotte come base per il tiramisu, e non potendo dire no mi sono dedicata ai preparativi. Ho persino fatto finta che la mia ricetta fosse un metodo sperimentale di ricerca, e non sono mancate le battute riguardo a voler pubblicare il lavoro su una rivista scientifica. Avevamo gia tutto in mente: l’agenzia di supporto economico (il capo e’ stato colui che ha finanziato l’acquisto dei “reagenti”), l’investigatore principale, autore principale (la sottoscritta, colei che ha fatto tutto il lavoro sporco), autori secondari (i colleghi che mi hanno aiutato con la preparazione dei panetti), origine dei campioni e descrizione, procedure, verifica dei risultati (replicazione dell’esperimento su 6 vassoi, i colleghi che hanno fatto i test di assaggio), risultati e tutto. 

Ci sono volute un paio d'ore nel primo pomeriggio per preparare il tiramisu, sul posto, poi l'ho messo a consolidare in un posto fresco (il lab con i congelatori haha) fino a quando e' giunta la fine della giornata lavorativa e ho richiamato tutti. Il risultato finale e' stato meglio di quello che mi aspettavo, devo dire. Infatti mi preoccupava l'aver utilizzato i panetti per questa ricetta, ma alla fine tutti hanno apprezzato, come ha dimostrato la velocita con cui il tutto e' sparito. E' stato un bel modo per finire la giornata, e anche una buona occasione per raggruppare tutti, ogni tanto.






Friday, March 24, 2017

Hokkaido in winter -- 北海道

I have to write again about one of my favorite winter getaway destinations. Yes, although it’s almost cherry blossom time around Tokyo, I wasn’t yet ready to let winter go and so I planned a long weekend escape to the north of Japan where spring is still far far away in time. I must say, though, that climate change is affecting even a place like Hokkaido, which used to be buried in meters of snow until late April. I mean, once one could count on mother Nature steadily dumping snow on that island. But now, snow lovers who plan a late March trip, to maybe share the slopes with much less people, have to pray and hope and pray some more for the right weather conditions. Hokkaido being Hokkaido, it doesn’t matter much to the average lover, like me, who enjoys the mountains even without a week of fresh snowfall and still have an epic day on the slopes.

This time I am not going to blab about skiing, as that would be simply redundant. But, there was one thing I didn’t do on my previous trip that I definitely wanted to do this time: reach the top of the Annupuri mountain. Beyond the resort boundaries sits the bare, perfectly capped peak which is there for everyone who has the strength to climb the last 100 meters up to the peak. From up there, one really feels like a rockstar, with the rest of the world, literally, at one’s feet. Plus, the views…oh, the views! Three days of clear blue skies meant that one could even spot the sea, in the distance, not to mention the clarity and sharpness of the furthest detail.

I also focused more on all the details I couldn’t record on my previous visit. First, the beauty of a magic world in cast colours: mountain villages are small and made of wooden cottages, pretty isolated and live on farming. They all occupy one side of a valley, and the rest is a white, flat, even, snow blanket. Where there isn’t snow are snow-coated trees. Where there aren’t trees are rivers. Where there aren’t rivers are roads. 

Also, the roads. It’s a long journey from the airport to the ski resort, but because this is Japan, service is spot-on and shuttle buses pick you up right at the arrivals hall and drop you off at your hotel. But the trip just can’t but bring up, enhance even, the beauty of the wintery landscape. The scenery changes constantly while being all the same…one perfectly cone shaped snowy peak here, one perfectly flat snowy valley there. We drove by a large lake, we cut through forests and snow piles, we passed farm sheds, we crossed towns, we rode up and down hills.

Another thing that’s worth a trip to Hokkaido, just so that I don’t look like I only praise Nature’s doing, is ramen. Associated to the cold months, at least for me, the marvellous varied soupy concoctions are a must eat. And, in order to make sure travellers get their recommended ramen dose even on a tight schedule, there is a dedicated section of the restaurant area right in Sapporo airport that can satisfy even the pickiest, most difficult of tastebuds. A trip to the north island can’t end without a bowlful (or two, or three, or a dozen) of ramen.

An observation I also made the first time I went there, and a trend that’s picking up around other ski areas in central Japan, is about the steadily increasing non-Japanese presence. Every evening, I went out in the “bustling” village of Hirafu, and I couldn’t ignore the fact that, yes, the village is very Japanese but at the same time is not Japanese at all. One evening I must have entered THE get together hub for Australians, as there were no Japanese souls at all. I have to say I don’t mind the Ozzie (now Chinese as well) flavours and vibes in there, I don’t mind using English with hotel staff, restaurant staff and shop clerks, because they all give me a break from the everyday Japan, and make me feel as if I have left the country for a few days. It’s a welcomed change, once in a while.

March is going to give us the last heavy snowfall on the mountains which promises to be great. But for me it’s time to store my gear away until the next winter, alas.

************

Devo per forza scrivere ancora una volta delle mie destinazioni invernali preferite. Eh si, seppure qui a Tokyo e’ quasi tempo di ciliegi in fiore, non mi sentivo ancora pronta ad abbandonare l’inverno e ho quindi pianificato una fuga al nord dove ancora la primavera e’ lontana. Devo dire che pero’ i cambiamenti climatici stanno avendo un impatto anche in un posto come Hokkaido, che era noto per essere sepolto sotto metri di neve fino a fine aprile. Dico, uno poteva contare sul fatto che madre natura regalava un sacco di neve a quest’isola. Invece ora gli amanti della neve che vogliono pianificare un viaggio a fine marzo magari per evitare la folla, devono pregare e sperare che le condizioni siano buone. Ma parlando di Hokkaido, per l’amante medio, tipo me, non importa tanto se c’e’ tanta o tantissima neve visto che anche dopo una settimana senza neve fresca può ancora parlare di condizioni epiche.

Stavolta pero’ non mi metto a parlare di neve e sci, visto che sarebbe abbastanza ridondante, a parte una cosa che non ho potuto fare la volta precedente ma che avevo intenzione di fare: arrivare fino alla cima del monte Annupuri. Oltre ai limiti degli impianti si trova infatti la glabra, perfettamente innevata punta del monte che sta li per tutti coloro che hanno l’energia di arrampicarsi per gli ultimi 100 metri. Lassù ci si sente al pari di una rockstar, con il mondo ai propri piedi. In più, la vista….e che vista! Tre giorni di cieli limpidi e cristallini significavano che la vista si poteva spingere fino al mare.
Mi sono anche dedicata a tutti quei dettagli che avevo tralasciato la vola precedente. Innanzi tutto la bellezza di un mondo magico, in bianco e nero: i villaggi di montagna sono tutti piccoli, fatti di baite in legno, isolati e basati su coltivazioni o allevamento. In ogni valle, il villaggio si trova in un angolo mentre il resto e’ una piatta, uniforme coltre di neve bianca. Dove non c’e’ neve ci sono alberi innevati. Dove non ci sono alberi ci sono fiumi. Dove non ci sono fiumi ci sono strade.

E poi, le strade. Raggiungere gli impianti sciistici dall’aeroporto e’ un viaggio abbastanza lungo, ma la cosa positiva del trovarsi in Giappone e’ che l’impeccabile servizio e’ tale che ci sono autobus che direttamente dal terminal arrivi, lasciano la gente ai loro alberghi. Il viaggio in autobus non fa altro che aumentare l’incanto dello scenario invernale. Lo scenario cambia costantemente, ma ironicamente e’ sempre uguale: un picco di montagna perfettamente conico, una valle perfettamente piatta e bianca. Abbiamo passato un lago bellissimo, abbiamo attraversato foreste e montagne di neve, abbiamo attraversato citta e capannoni.

Un’altra cosa che vale un viaggio a Hokkaido, giusto per non suonare solo ed esclusivamente amante della natura, e’ i ramen. Per me associati ai mesi freddi, questi preparati meravigliosi sono una pietanza assolutamente da provare. E per essere sicuri che i viaggiatori non si facciano mancare una buona dose di ramen anche quando vanno di fretta, all’aeroporto di Sapporo c’e’ un intero piano dedicato che riesce a soddisfare anche i palati più esigenti. Un viaggio verso l’isola del nord non si può concludere senza una (o due o tre o una decina) ciotola di ramen.

Un’altra osservazione, fatto gia noto e che sta prendendo piede in altre parti del Giappone centrale, riguarda la presenza solida e in crescente aumento di non giapponesi. Tutte le sere sono uscita al villaggio di Hirafu, il più mondano, e non ho potuto ignorare il fatto che, va beh, il villaggio e’ molto giapponese ma allo stesso tempo non lo e’. Addirittura una sera devo essere entrata nel locale che e’ IL pub in assoluto frequentato da soli australiani. Dico, non e’ che mi dispiaccia incontrare australiani (o cinesi, ultimamente), e non mi dispiace neanche il fatto di poter usare l’inglese ovunque e comunque, per il semplice fatto che il tutto mi permette di staccare dalla vita giornaliera in Giappone, e mi sento come se avessi lasciato il paese per qualche giorno. Il cambiamento, di tanto in tanto, e’ benvenuto.


Penso che la fine di marzo ci regalerà l’ultima nevicata abbondante, ma per me e’ tempo di conservare l’attrezzatura fino al prossimo inverno.