Friday, March 18, 2016

Make me a bento, please!

Something new happened at Cucina Marina, something fun: this girl was one of the 10 selected cooking teachers to participate in a collaboration between (Tadaku) (the cooking website) and Yahoo Japan.

The idea behind the collaboration is about two things proverbially very dear to the Japanese, the cherry blossom season and food. Around the end of March, the bloom factor will be at its peak here in Tokyo, and fervent preparations are already happening for the Japanese not to be disappointed: forecast, best spots, travel packages, special offers and all. As to how to combine the above mentioned two important aspects of Japanese culture, Yahoo thought to ask some food professionals and the “Hanami Bento” project was born. Basically, since people always bring their own lunch boxes (bento) to the park to see the cherry blossom, then why not creating a limited edition, special series of lunch boxes prepared by non-Japanese?

Here is where I and the other 9 Tadaku cooking experts come into the picture. We think of a few dishes from our own countries that we can fit in a bento, we show how they’re done and we promote them on the Yahoo Japan website.

But the true experience is shooting the bento preparation when a team of 3 to 6 people take photos, ask questions and arrange the food in the cook’s kitchen. So on the day of the shooting, my living room is turned into a studio filled with umbrellas, spotlights, fake white walls, kick-ass cameras, bags with all sorts of equipment. Cool.

I picked a set of 6 different dishes to fit into the lunch box. Of those, two were chosen for a step-by-step documentary, so that I had to basically do like what we see in the cooking shows on TV like spreading the ingredients on the table, then slowly mixing them, stopping here and there during the process to allow the photographer to take a shot of a critical passage (ポイント - point, in Japanese) and then arranging the food on a nice plate for a final photo. After going through all the cooking steps, we finish off by taking the pictures of all other dishes that were prepared in advance, and eventually we get to the moment of arranging everything together in the bento. It wasn’t easy. Or at least, it wasn’t as easy as I thought. But thanks to the expert eyes of the Tadaku and Yahoo Japan people, the final result was beyond great.

On a side note, watching commercials and ads about food is one thing, but watching how it’s done is another thing. I mean, I know well how much emphasis (Intenshity!! More intenshity!) is used when trying to sell a product…I know how good the Japanese are with their promotions and publicity and all. But seriously, I was there, preparing the food, finishing it, putting on the plate and watching the guy taking pictures of it…I saw the real food, alright? And yet, watching the same thing through the camera…..whoa! Stuff looked like it came out from one of those 3 stars Michelin restaurants in NYC!! I just could not believe I was behind those dishes…

Anyway, going back to the promotion, there is a web page featuring all you need to know for the upcoming cherry blossom days (here), and there is also a page featuring the 10 cooks (here) and their proposed lunch boxes (posing in rather funny moves to catch all readers’ attentions) you can browse and giggle about.

***************

Qualcosa di nuovo e’ successo a Cucina Marina, qualcosa di divertente: la sottoscritta e’ stata una dei 10 insegnanti di cucina selezionati per partecipare a una collaborazione tra (Tadaku) (il sito di cucina) e Yahoo Japan.

L’idea dietro alla collaborazione riguarda tue cose molto molto care ai Giapponesi, i ciliegi in fiore e il cibo. Verso la fine di marzo a Tokyo si dovrebbe raggiungere il picco della fioritura e quindi i preparativi fervono più che mai per non lasciare delusi i giapponesi: previsioni, suggerimenti dei posti migliori, pacchetti viaggio, offerte speciali e tutto relativo al fenomeno. Per combinare i due aspetti culturali sopra citati, questi grandi furbacchioni di Yahoo Japan hanno avuto l’idea di interagire con i professionisti del cibo e cosi e’ nato il progetto “Hanami Bento”. In pratica, visto che la gente si porta sempre dietro il pranzo (bento) quando va al parco durante la primavera, allora perché non creare una edizione limitata di questi bento con una serie speciale di ricette preparate da non giapponesi?

E qui e’ dove io e altri 9 esperti cuochi di Tadaku facciamo la nostra apparizione. Pensiamo a alcuni piatti della nostra tradizione culinaria che possano sposarsi bene con l’idea del pranzo a sacco, facciamo vedere come si preparano e poi vengono promossi nel sito di Yahoo Japan. Ora, la vera esperienza e’ quando si documenta il processo, da 3 a 6 persone vengono a casa per fare foto, prendere appunti, fare domande eccetera.E quindi il giorno fissato per le foto, casa mi si trasforma in uno studio fotografico con ombrellini per la luce, faresti e punti luce, pannelli bianchi, macchine fotografiche spaziali e tanto altro. Fichissimo, insomma.

Ho scelto sei piatti diversi da arrangiare nel bento. Di questi, due sono stati scelti per ricette passo-per-passo, e devo dire che sembrava proprio essere in uno di quei programmi di cucina dove prima il cuoco mostra gli ingredienti, poi prepara il piatto mentre si prendono foto dei vari passaggi critici (ポイント - point, in giapponese), e poi serve il tutto su un bel piatto da portata. Dopo che abbiamo finito con le ricette illustrate facciamo anche le foto ai restanti piatti e poi arriva alla fine il momento in cui tutto va sistemato all’interno del bento. Non e’ stato facile, o almeno non cosi facile come pensavo. Ma grazie all’esperienza dei ragazzi di Tadaku e il fotografo di Yahoo Japan il risultato e’ stato spettacolare.

Ora, come commento esterno, devo dire che guardare le pubblicità in televisione e’ una cosa, esservi dentro e’ un’altra. Nel senso che so bene quanta enfasi viene data qui alla pubblicità di un prodotto, so bene quanto attenti e bravi sono i giapponesi nelle loro strategie di vendita, pero’, dico, io stavo li davanti, ho cucinato, ho sistemato tutto nei piatti e ho visto il fotografo in azione. Cioè, ho visto il piatto vero, va bene? E poi ho visto la stessa cosa in foto. Oh, tutta un’altra storia, come se quei piatti fossero usciti da un ristorante 3 stelle Michelin. Semplicemente non ci ho creduto, non e’ possibile che ci fosse la mia mano dietro a quei piatti…

Comunque, per tornare alla promozione, c’e’ una pagina web con tutto quello che c’e’ da sapere sulla imminente fioritura (qui) e poi anche una pagina con i 10 cuochi e le loro proposte picnic (qui). Buon divertimento.






No comments:

Post a Comment