Monday, February 29, 2016

BAR Street - Tokyo

There is a bar somewhere near the Meiji Jingu stadium in Tokyo that may as well be one of the most interesting I have been in, so far.

The place is called BAR Street, its sign a red circle with a white stripe crossing it, horizontally…those of you out there who still remember some theory from the driving school days may have already guessed it. Kinda not that welcoming a sign, if one ever wants to enter.

Anyway, when the elevator doors open, patrons are ejected to a dimly lit square, or I shall better say a “street”, where small outdoor tables and chairs are arranged, and then a set of 7 different tiny bars opening around such street. I guess it was meant to look like some summer towns in the Mediterranean, and yes that’s what I thought at a first glance. Each of the bars is unique, in both style and drinks selection: a bar for tequila lovers, one for herbal concoctions lovers, a bar specialised in sake (Japanese rice/potato wine), one for whiskey, a bar with a tropical flavour, an oyster bar, and…you get the picture.

There is even a special deal for women, called “Ladies fast pass”. This deal allows girls to buy a pass for the night, spending only 3000yen for unlimited, free flow drinks. Ehm, choosing from a rather scarce list of beverages, actually. Er, well, unlimited but within 10 hours form the time of purchase. Which, ehm, should be between 6pm and 8pm. And, ehm, friends without the pass, or any male friend, can’t even try a sip of the girls drink. Strict rule. We had one of the bar hosts to scold us girls when we passed the pina colada glass to the guys who were with us. Who, ehm, had purchased their drink already…

Well, I was not that thrilled to know all these many zillion trillion exceptions to the pass use, but the place fortunately made up for the bartenders lack of flexibility. We could even grab out drinks at any of the bars and then bring them with us to one of the tables on the “street”. So, yes, all in all it was a nice night out.

Buying the ladies pass is only convenient if you, woman, are thinking to have more than 5 drinks, otherwise just go and enjoy the vibes, without having to conform to all the cannot-do-this rules imposed by the pass. I think our group ended up spending the same amount of money, with and without pass. But we drank enough, and we were satisfied enough with the place (especially with the pina colada and someone, apparently, with the Japanese bartender at the whiskey place) to be thinking to go again.

**************

C’e’ un bar da qualche parte vicino all stadio Meiji Jing di Tokyo che e’ sinora uno dei più interessanti che mi e’ capitato di scovare.

Questo posto si chiama BAR Street, e l’insegna e’ un cerchio rosso con una striscia bianca proprio in mezzo…ora, coloro che ancora si ricordano qualcosa della teoria di guida avranno gia capito a cosa mi riferisco. Che poi non e’ che sia uno di quei segni che invitano a entrare, se proprio la vogliamo dire tutta.

Comunque, quando si aprono le porte dell’ascensore, i clienti vengono rigurgitati dentro una piazzetta poco illuminata, o meglio dire una “strada” su cui sono sistemati piccoli tavolini e sedie e lungo la quale si trovano 7 diversi bar. Se l’impressione che ho auto a prima vista e’ quella giusta, e’ come se questo angolo fosse stato pensato per assomigliare alle città del mediterraneo. Ogni bar e’ unico, sia nello stile che nella selezione: un bar per gli amanti della tequila, uno per chi invece preferisce liquori alle erbe, uno per il vino giapponese, uno per i sapori più tropicali…insomma, avete capito.

Addirittura, le donne possono usufruire di una promozione, un pass che si può acquistare per l’equivalente di 30 euro circa e che permette di bere senza limiti. Scegliendo tra una lista scarsa di bevande, a dire il vero. E che, poi non e’ proprio senza limiti ma fino a dieci ore dall’acquisto del pass. Che poi può essere acquistato solo tra le sei e le otto di sera. E, in aggiunta, le amiche che non hanno il pass e tutti gli amici uomini non possono neanche assaggiare. Oh, serio. Una delle bariste ci ha ripreso quando abbiamo passato ai ragazzi la pina colada per fargliela provare…che poi, dico, erano amici nostri e tra le altre cose avevano gia preso il loro drink…va beh.

Si, alla fin fine proprio contenta di sapere di tutte queste miriadi di eccezioni non mi ha certo fatto piacere, pero’ il posticino ha un po’ salvato la situazione e ci ha ripagati della mancanza di flessibilità dei gestori. E poi, dai, potevamo tranquillamente ordinare da bere al bar e poi andarci a sedere a uno dei tavolini in “strada”.

Ora, donna, comprare questo pass ti conviene solo se hai in programma di bere più di cinque drink, altrimenti goditi tranquillamente l’atmosfera, senza tra l’altro dover seguire tutte le regole stupide che sono imposte a chi usa il pass. Penso che nel nostro gruppo abbiamo finito col pagare tutti la stessa cifra, ma abbiamo bevuto abbastanza e siamo rimasti soddisfatti (in particolare dalla pina colada e qualcuno, a quanto pare, dal bartender giapponese che stava a whisky bar) a tal punto che pensiamo di ritornarci.





Thursday, February 25, 2016

Is this Japan? - Nozawa exploited

It so happened that this year’s ski season is rather odd. Blame El Nino or global warming or both, thing is that we’ve been experiencing a rather unusual winter. 

To begin with, there was no snow on Fuji mountain until late December, which then melted completely and then came back only in late January.

Then, temperatures were way above the average for the season, all over Japan, as if we had skipped winter altogether and entered spring. It has been cold on and off, and cherry trees are confused…
Except for the Hokkaido region in northern Japan, where snowfalls have sadly come later but fortunately more abundant, the rest of Japan’s ski resorts underperformed compared to the same period of just one year ago.

Even my trips to the mountains this year are stretched. At least, thanks to a holiday in the middle of February, I could book myself a long weekend to my most beloved ski resort in central Japan: Nozawa Onsen.

The fear of finding bad conditions was always haunting us (it was three of us friends), but reality surpassed our expectations. Indeed, waiting for us were fresh, soft powder snow from the night before our arrival, two days of clear blue skies and sun bathed mountain ranges panoramas, empty slopes, basically private spa, bar hopping and live music at night. Bliss. The third day was the one that worried us the most, as it was forecasted rainy and warm…and that’s why one of us gave up on skiing and went to see the monkeys (once again the Monkey year reference) that soak in the hot springs (ref here). Instead, those who persevered and stayed on the slopes were rewarded with no rain and cold. Yesss!

There was one element, though, that surprised me a lot: massive presence of overseas tourists. Or, shall I say, Australian tourists. I have nothing against them exploiting Japanese excellent snow, it just feels strange to see and hear so many of them all in one tiny spot. I knew they all went to Hokkaido, where lives the biggest Australian community outside of Australia, thanks right to the settling of foreign residents who made the ski resorts tourist-friendly….but Nozawa? I remember going last season, but didn’t notice whether the massive “invasion” was already happening, maybe because on weekends there is a bigger influx of Japanese and non Japanese skiers and snowboarders with the tours. 

This year, perhaps because I was there on weekdays, I could notice the only type of people around the streets and at the ski resort. Evenings were even worse, even if it was weekday evenings. And if it felt weird to me, a non Japanese, I don’t want to imagine how it must feel for a Japanese. Or maybe it’s not a big deal, it’s source of income for the businesses…

In any case, it is very hard to imagine a very but very Japanese style mountain village like Nozawa, populated by caucasians with tattoos, beards and a funny accent. Hokkaido doesn’t feel like that, especially because the village where all major ski resorts are is not so traditional, and definitely because I was prepared for that. Nozawa, instead, with its public baths enclosed in wooden buildings, its Hogyo style roofs, its thick and hard pillows in the tatami rooms….I can’t see how all this is not clashing with the increasing (and rude) foreign presence. Rude, because among other things I shall refrain from mentioning, for the first time here in Japan I have seen a vandalised toilet…  

All in all, I can’t but restate that I had a ball during that long weekend, especially because I was in great company. Now it’s getting cold again in Tokyo area, and it is snowing in the mountains…there is hope for yet another unforgettable snow experience before we can call the season an end!

And, please, careless visitors, pay an effort to respect and acknowledge all those people do to make sure you enjoy your stay.

**************

E poi capita che la stagione sciistica quest’anno sia proprio strana. Che sia colpa de El Nino, del riscaldamento globale o di entrambi, il fatto e’ che quest’inverno e’ proprio inusuale.

Intanto non c’era neve sul Fuji fino a fine dicembre, neve che poi si e’ sciolta completamente e poi e’ tornata solo a fine gennaio.

Poi, le temperature sono state molto al di sopra delle medie stagionali, dappertutto, come se avessimo saltato l’inverno e fosse gia primavera. Il freddo va e viene, e confonde i ciliegi…

A parte la regione di Hokkaido, al nord del Giappone, che ha visto ahimè nevicate un po’ in ritardo ma abbondanti fortunatamente, nel resto del Giappone i vari impianti sciistici hanno registrato un forte calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Persino le mie capatine in montagna quest’anno sono centellinate. Almeno sono stata fortunata che durante un fine settimana lungo a Febbraio ho potuto organizzare, grazie a un giorno di festa, un viaggetto al mio posto preferito nel Giappone centrale: Nozawa Onsen.

La paura di trovare condizioni pessime ci ha punzecchiato (eravamo in tre ad andare), ma alla fine la realtà ha superato le aspettative. Non solo c’era neve soffice e fresca dalla notte prima, ma anche due giorni di cieli blu, catene montuose investite dal sole, piste libere, terme praticamente private, giro dei bar e musica dal vivo. Il terzo giorno era quello che ci preoccupava di più, visto che si prevedeva pioggia e caldo, e proprio per questo motivo uno di noi aveva deciso che invece di sciare avrebbe visitato il parco delle scimmie (sempre restando nel tema dell’astrologia cinese) poco distante. Per quelli che invece hanno resistito e sono andati a sciare, beh, c’era un bel freddo e non ha piovuto.

Pero’ c’era un elemento che mi ha sorpreso parecchio: una presenza massiccia di stranieri. O meglio dire australiani. Ora, non e’ che io abbia qualcosa in contrario al loro sfruttare le eccellenti nevi giapponesi, ma e’ solo che fa strano vederne e sentirne cosi tanti in un posto tanto piccolo. Sapevo che molti di loro vanno a Hokkaido, che rappresenta praticamente la comunità di australiani più grande dopo l’Australia, proprio grazie al fatto che i residenti stranieri hanno reso il posto molto più appetibile…ma Nozawa? Mi ricordo di essere andata li l’anno scorso e non ho notato per nulla l’invasione di massa…forse perché di solito si va nel fine settimana che e’ comunque affollato di giapponesi e non giapponesi che arrivano coi gruppi organizzati.

Quest’anno invece ci ho fatto caso di più, anche perché essendo li durante la settimana, la tipologia di “abitanti” si notava subito. E la sera era peggio. Che poi, se e’ sembrato strano a me, non oso immaginare come possa sembrare ai giapponesi…o forse no, visto che tutto e’ un business.

A ogni modo, mi sa troppo di strano immaginare un villaggio di montagna vero ma vero giapponese come Nozawa, popolato da tipi con tatuaggi, barba lunga e un accento strano. Non e’ lo stesso per Hokkaido, forse proprio perché il villaggio dove si trovano i maggiori impianti sciistici e’ per nulla tradizionale, e forse un po’ perché ero preparata. Invece Nozawa, con i suoi edifici in legno che racchiudono le terme, i suoi tetti tipici, i suoi cuscini duri nelle stanze d’albergo in stile tradizionale….non posso capire come tutto ciò non stride con la crescente (e rude) presenza straniera. Dico rude perché, a parte cose che e’ meglio tacere, proprio qui ho visto per la prima volta in Giappone un caso di bagno vandalizzato.

Alla fine, non posso che ripetere che quel fine settimana lungo e’ stato fenomenale, specialmente per la compagnia. Ora nell’area di Tokyo e’ tornato il freddo, e nelle montagne e’ tornata la neve…c’e’ ancora la speranza di un altra avventura indimenticabile prima che la stagione volga al termine.

E, per piacere turisti stranieri, sforzatevi un poco a rispettare e riconoscere tutto quello che queste persone fanno per assicurarsi di farvi star bene.




Monday, February 22, 2016

Year of the Monkey

We're about two weeks into the new Chinese year, and I still haven't given my usual summary on what's expected for all 12 horoscope signs…tell me about busy…

It's a Monkey year this year, a year where -according to some predictions- Chicken, my animal sign, will do great in all sectors. Yeah, riiiiiight.

Monkey people are described as being intelligent, curious, and achieving. Also, they can use their cleverness for trickery, and turn everything to their advantage. Be creative with what you have is their live-by motto. Especially for Monkeys, anything can happen this year, in both good and bad sense. Well, well, well…

Reading about Chinese horoscope, I learned that the animal sign governing the year usually is the least lucky. Don't ask me why. So, this year Monkeys will have a hard time, with highs and lows in all sectors, finance, love, health, career. Well, peeps, good news for you is that if you follow the Feng-shui directions you can turn bad luck into good luck. Yeah, riiiiiight.

Anyway, let’s have a super brief overview of what’s going to happen for all signs…Rat sign is endowed with general good fortune, and good mood; Cow, time to show what you’ve got once the opportunity comes; Tigers need to learn new skills if they want to advance; Rabbit sign has people skills on their side; Dragon is trouble-free this year; for Snake, this is also a good fortune year, so no problem at all; Oh, fame and wealth awaits the Horse sign this year; Sheep, in order to get the good fortune that’s waiting somewhere, you have to work hard for it; some persistence is needed for Monkeys, but if rules are followed, luck will be with you; Chicken, careful not to overdo…when you think everything’s going well, pitfalls may endanger your luck; efforts will pay off for Dog; Pigs, evaluate carefully the situation before a leap.

But is there something more to Monkeys we don’t know? Well, that monkeys are important in Chinese culture is obvious, as they represent one of the 12 signs…but in mythology there is a lot about monkeys too, while some folk tales describe monkeys as supernatural beings, very likely due to the resemblance to humans.

In Japan, monkeys were once believed to be mediators between humans and gods, later on they began to represent the cunning and foolish other side of human nature, then again seen as some sort of sacred or wise animal. It’s enough to remember the carvings of the three wise monkeys in one temple in Japan…

Speaking of monkeys, it occurs to me that I’ve always wanted to check out a place where monkeys are trained to be waiters…what best year than the year of the monkey for that? 

So, to go back to the horoscope, it seems each and everyone -according to predictions- will be busy trying to catch their lucky star.

Now, do your best, everyone, and follow your Feng Shui’s ten commandments to drift away from your rotten luck.

Happy year of the Monkey to all.

*************

Siamo gia a due settimane dall’arrivo del nuovo anno cinese e non ho ancora fatto il moi solito riassunto sulla situazione astrale…quando si dice impegnata…

Quest’anno corre l’anno della scimmia, un anno in cui, a detta di certe previsioni, i galli (il mio segno) andranno bene in tutti i settori. Certo, certo.

Le persone del segno della scimmia sono considerate intelligenti, curiose e che ottengono risultati. Ma anche che possono usare la loro intelligenza per fregare, o per rigirare tutto a proprio vantaggio. Il loro motto e’ di essere creativi con ciò che si ha, arrangiarsi, insomma. Proprio per i nati sotto il segno della scimmia, in quest’anno può succedere di tutto, nel bene e ne male. Eh, beh….

Nel documentarmi riguardo all’oroscopo cinese ho imparato che di solito per il segno dell’anno corrente non e’ un buon anno. Non mi chiedete il perché. E quindi il segno della scimmia avrà qualche difficolta quest’anno, o per lo meno alti e bassi, in tutti i settori della vita. Ma, cari miei, non disperate perché se seguirete i consigli del Feng Shui riuscirete a trasformare la cattiva in buona sorte. Certo, certo.

Comunque, vediamo velocemente cosa accadrà per i 12 animali… topo, in generale buona fortuna e buon umore; mucca, quando l’opportunità si presenta, mostra ciò che hai; tigre, meglio imparare se si vuole avanzare; coniglio, la socialità non manca; drago, non ci sono problemi quest’anno; serpente, anche per te nessun problema; cavallo, fama e ricchezza ti attendono; pecora, la fortuna ti attende, ma te la devi guadagnare; scimmia, come detto la fortuna va e viene ma seguire le raccomandazioni aiuta a tenerla vicino; gallo, attenzione a non gongolare troppo, che le insidie si nascondono dietro l’angolo; per il cane, le fatiche saranno ricompensate; e infine, maiale, valutare bene la situazione prima di ogni salto nel buio e’ d’obbligo.

Ma c’e’ qualche altro significato celato dietro al mito della scimmia? Che le scimmie sono importanti nella cultura cinese lo sappiamo bene, vista la loro rappresentanza nello zodiaco, ma anche nell mitologia ci sono parecchie referenze. Alcune storie popolari presentano la scimmia come un essere sovrannaturale, forse per via dell’ovvia somiglianza agli esseri umani.

In Giappone la scimmia era una volta vista come l’intermediario tra l’umano e il divino, poi divenuta un essere scaltro e ingannevole, poi infine di nuovo saggio e sacro. Basta nominare per esempio il fregio ornato di un tempio famoso in Giappone dove sono intarsiate le famose tre scimmie sagge…

Insomma, tornando all’oroscopo, pare che -sempre in base alle predizioni- sara’ per tutti un anno abbastanza impegnato alla ricerca della stella della fortuna.

Fate del vostro meglio e seguite sempre i suggerimenti del feng shui per starsene quanto più al lontano possible dalla sfida.

Buon anno della scimmia a tutti.



Thursday, February 4, 2016

Centomila

I have been maintaining this blog for nearly a decade. I started my first post in November 2006, and it was…how to describe it…simple, shallow, ill-written, poor.

Much water has passed under the bridge since, and I have slowly reached the unimagined reward of 100K visits just this January. An average of 1100 per year, if we want to break the number down, which still makes mine nothing compared to the REAL blogs out there. Still, if I consider that I reached my first 10K visits in August 2011, in the 4 and a half years that followed I increased my audience 10 folds. Looks like all the hours spent on writing and improving were worth the efforts.

I don't really have so much time to write now, alas. Life and work balance is not ideal at the moment. Not only that. One can find little time here and there if one really wants to. What's problematic is finding topics to write about. Okay, no, it's not even that. One can always find something to write about, no matter what. It's the scope that makes keeping up with the blog a bit difficult.

The original motivation to start a blog was to allow people back home to know what I was doing, how my life was, how the country I lived in looked like, how the food tasted. I started a blog because I wanted to share all I experienced about Japan. And I want it to stay that way. No other stuff but Japan-related. I allowed myself to digress a little in matters of travels, true, but other than that I am being loyal to my initial mission. So, you see that the longer I live in Japan, the less is left unexplored, unwritten, uncovered.

Speaking of not having time, I haven't done my usual year end recap last year. Resolutions I am done with since a long while ago, so let's not even worry about it. Let's just say 2015 was another demanding year and that hopefully the new year will bring a good harvest.

This year started rather well, actually. After a NYE spent flying over a festive Melbourne, the absolute first thing I did in the new year was dancing salsa. They say "well begun is half done", right? Let's just hope I don't use up all my resources too early…

*************

Ho questo blog da quasi un decennio. Il mio primo post l'ho pubblicato nel novembre 2006 ed era, come dire, semplice, scritto male, una schifezza.

Ma ne e' passata di acqua sotto i ponti da allora, e pian piano ho raggiunto il traguardo inimmaginabile di centomila visite proprio questo gennaio. Se vogliamo far una media, sono circa 1100 visite al mese, che per carità non dice nulla rispetto ai VERI blog che ci sono in circolazione. E pero', se consideriamo che le mie prime 10mila visite le avevo raggiunte in agosto 2011, nei soli quattro anni successivi ho praticamente decuplicato il mio pubblico. Allora mi sa che tutte quelle ore passate a migliorare e correggere sono state utili a qualcosa, in fondo.

Triste da dire, ma oramai non ho più molto tempo per scrivere. Il bilancio tra vita privata e lavorativa non e' dei migliori al momento. Pero', no, non e' questo. Si trova sempre del tempo se uno vuole. Il problema e' trovare argomenti. E, no, neanche quello e'. Che alla fine uno trova sempre qualcosa da scrivere. E' invece la natura proprio degli argomenti che mi da' qualche difficoltà.

All'inizio l'idea di avere un blog era per far sapere alle persone a casa quello che facevo, che vita conducevo, come era questa terra dove abito, come sapeva il cibo. Ho iniziato un blog perché volevo condividere le esperienze di vita in Giappone. E vorrei che le cose restassero così. Nient' altro che cose giapponesi. E' vero, mi sono lasciata andare a parlare dei miei viaggi, lo so, ma a parte quello sono stata sempre fedele alla missione iniziale. Si capisce bene che più passa il tempo e meno cose restano da scoprire e da scrivere.

A proposito di non avere tempo, non ho scritto il mio solito sommario di fine anno. I propositi di fine anno non li considero neppure visto che non ci provo da anni ormai. Diciamo solo che il 2015 e' stato un altro anno difficile e si spera che il novo anno porti un buon raccolto.

A dire il vero, il nuovo anno e' iniziato abbastanza bene. Dopo aver passato la vigilia di capodanno a volare sopra una Melbourne festiva, la prima cosa in assoluto che ho fatto nel nuovo anno e' stato ballare salsa. E se si dice che "chi ben comincia e' a meta' dell'opera…", spero solo che le mie energie non si esauriscano troppo presto.