Sunday, January 24, 2016

Day ski trip to Kagura

We've been waiting and waiting…
…but it eventually made its faint appearance.

I am talking about SNOW! Powder lovers you can now breathe! What looked like an endless summer, with peak temperatures up to 25 celsius in December, is finally over and the first snowfall hit Tokyo as well on Monday, hijacking traffic and public transport. Fortunately, the city went through a nearly total shutdown after I had gone to the mountains for the first trip of the ski season…
From now on, weather forecast experts promise fresh and abundant snow all over the place.

Because the snow conditions have been a bit uncertain until recently, I didn't plan a weekend trip for my return to the mountains; I picked a ski resort that could be reachable within reasonable time so that I could return within the same day. I went to Kagura ski resort (かぐらスキー場), with the company of three other friends who, like me, couldn't wait any longer. Somehow, compared to other ski resorts in the Nagano-Nigata-Gunma prefectures fun triangle, it snows the earliest in Kagura and it snows until after the season is over elsewhere, so this place topped my picks list. And it can be reached in less than two hours from central Tokyo, making it a great one day getaway. Indeed, we left Tokyo at 8:30am on a Saturday, and at 10am we were already changing and getting our gears. We were surprised to see that the train was rather quiet for being a ski Saturday, but when we got off at our station we understood why: the infrequent shuttle bus schedule. As organized as the Japanese are, they must have known the bus timetable and planned their departure accordingly…

The resort covers two sides of a mountain, it has tens of slopes, and it even connects to the nearby Naeba ski resort via what they call the "dragondola", the longest lift in the world (covering a stunning distance of 5.5 kilometers). That's not the only stunning thing in here. Kagura mountain base is connected to the slopes by a huge cable car. And with huge I mean HUGE, like the car was as long as a train car and twice as wide. From the cable car stop, reaching the top of the mountain was a long, very long commute, with several transfers. Not all ski lifts were operating due to lack of snow, but we were lucky to have fresh snow (it snowed all morning) falling on top of the recent snowfalls.

We had a great day, despite a few silly accidents…like Jo managing to forget ski poles, me about to get off the lifts realizing….er…well…I had buckled my snowboard on the wrong foot. Translated: I fell flat on the snow. Yes, I know I should know which is my lead foot already, but it's a much more complicated story, that one. Then, right after that one of my snowboard's bindings strap snapped.

Fortunately it was the front one so I could snowboard down to the base (together with Jo so he could grab a pair of poles), ready to rent a board for the day. Fortunately there was a shop that sold parts, so I got my new straps and asked the guys at the rental place to fix them (and I am omitting the details re the painful 50 min it took to search and repair of a bloody strap).

The rest of the day was just so fun, better than I could have anticipated. Entertaining slopes, soft powder, quiet resort, good company…yeah, we're planning the next trip already.

******************

Abbiamo aspettato a lungo…
….ma alla fine e' apparsa.

Sto parlando della NEVE!! Amanti della neve, ora potete tirare un sospiro di sollievo. Quella che sembrava un'estate infinita, con temperature massime anche di 25 gradi a Dicembre, e' finita e la prima nevicata e' arrivata a Tokyo il lunedì, mandando in tilt il traffico e i trasporti. Per fortuna, la città si e' spenta solo dopo che ero stata in montagna per il primo assaggio della stagione…
Da ora in poi, gli esperti prevedono neve e neve e ancora neve.

Visto che le condizioni in montagna non erano molto certe, non ho organizzato una cosa lunga un intero fine settimana. Ho invece cercato un posto che poteva essere raggiunto entro un certo tempo così da poter tornare in giornata. La scelta e' andata per Kagura (かぐらスキー場), in compagnia di altri amici che come me non potevano più aspettare. Per qualche strana ragione, rispetto agli impianti del triangolo del divertimento Nagano-Nigata-Gunma, a Kagura nevica prima che altrove e a fine stagione continua a nevicare mentre altrove smette, ecco perché l'ho scelta. E poi in meno di due ore ci si arriva, da Tokyo, così che in una giornata si può andare e tornare. Difatti, partendo alle 8:30 la mattina, alle 10 eravamo già cambiati e pronti per sciare. Ci siamo un po stupiti al vedere il treno abbastanza vuoto, considerato che era un sabato, ma quando siamo arrivati alla nostra stazione abbiamo capito perché: gli orari poco frequenti dell'autobus per raggiungere la base. Essendo i giapponesi ben organizzati, di sicuro hanno pianificato la loro partenza in base a quelli.

Kagura copre due fianchi della montagna, ci sono decine di piste, e l'impianto e' collegato al vicino Naeba tramite una seggiovia lunghissima, la più lunga del mondo a quanto pare, chiamata "dragondola" e che copre una distanza bestiale di 5.5 chilometri. Ma c'e' dell'altro di sorprendente: la base e' collegata alle seggiovie tramite una funivia le cui cabine sono enormi, e intendo ENORMI, lunghe come un vagone di un treno e larghe il doppio. Da li alla cima della montagna e' un susseguirsi di seggiovie da prendere una per volta. Nonostante molte delle seggiovie fossero inattive per mancanza di neve, noi siamo stati fortunati che quel giorno ha nevicato tutta la mattinata, così che abbiamo avuto neve fresca, e ci siamo divertiti. A parte un paio di piccoli disguidi..tipo Jo che si dimentica i bastoni da sci, io che al momento di scendere dalla seggiovia mi accorgo di avere legato il piede sbagliato allo snowboard…E, questo tradotto vuol dire che ho perso l'equilibrio. So che dovrei sapere quale sia il mio piede principale, ma questa e' un'altra storia. Dopo di che una delle chiusure dello snowboard si rompe mentre la stavo stringendo. Per fortuna sono riuscita a scendere giù fino alla base così da cambiare tavola e affittarne una per il resto della giornata. Invece c'era un negozio che aveva i ricambi (e taciamo qui l'odissea di quasi un'ora nel cercare sti maledetti ricambi) e così si e' riusciti a sistemare la mia di tavola.

Il resto della giornata e' andato benone, meglio di quanto mi fossi aspettata. Piste intriganti, neve soffice e fine, poca confusione, bella compagnia….eh si, stiamo già pensando alla prossima volta.



Tuesday, January 19, 2016

2016 dental odyssey

It seems 2016 can be the year of many firsts…it is now time for a dentist visit in Japan. Dun dun dun!
While I was vacationing in the hot and sunny Melbourne, I started accusing annoying pain right where wisdom teeth should be. Yes, they are growing and they are swelling my gums. Nothing too serious yet, but worth checking.

So I suck up my fear of the dentist (don't we all are a little) and I go look for one. I thought of the dental hospital, attached to the dental university we have in town, assuming they must know what they're doing there. I thought dentists at a university must be super experienced, considering that they teach students as well and have many guinea pigs to practice on (including myself, sigh), but I didn't consider the fact that they would bounce me back and forth form a department to another for an entire morning.

I show up at the hospital, I fill a form and I am sent to general dentistry for a check. All good, all good. I enter a huge room that looked like a company open space office, only it had dentist chairs instead of desks. Scary. 

A young lady checks my mouth, and after I told her my wisdom teeth were hurting she (sadistically?) went and pressed and punctured the aching area, asking whether it hurt…hello? I just told you? She then calls the dentist who now has to check too to make sure she was right. Ouch and ouch! Hello? I just told her? She just tortured me? He sends me to another department to take a panorama image of my teeth, which turns out can't be done because I have pierces in my ears (nonsense), which means pressing a tiny plate onto the already aching, already sore, already tortured gum and X-ray my jaw, whose photo is sent back to the previous doctor, who well thinks to check my mouth one more time, followed by the student…hellooooo? You just tortured me 30 min agoooo? You think it's dramatically changed state?

Verdict: I need a surgeon. WHAT? Surgeon? Geez.

I am juggled to a third room where another young dentist checks my mouth (again) and tortures me (again), who says that, regardless of pierces, I have to get a panorama image, which means I go back to where I was just 35 min before and receive another shot of X-rays. After that I am sent home since that day they're all busy and can't do more. I shall return next week, thanks see you. So, five spins of the wheel of torture, three hours and two X-ray images later I am still at square one.

While I wait for the day of the appointment to come, the pain goes away.

One week later I am again at the hospital, the same doctor shows me a nice halloween smiley (mine) from a computer and tells me he's going to operate on me, but after he's checked my mouth again, just in case…

At this point, trying to buy time, I ask him a million other questions, I ask to show me my X-ray again and I make up my mind: no tooth extraction, thanks. 

You can say I chickened out, well, fair enough, I did too. But I saw that my teeth have some space to grow, so I will let them.

So ends my dental odyssey. For now.

On a side note, I was impressed with the old (I mean ancient old hardware and software) but efficient computerization of the hospital: patients receive a card upon first time registration that's tied to your name and patient ID, which is itself tied to a digital medical record that can be circulated throughout the entire hospital. As I mentioned before, after I got X-raid in one department, the images were already sent to the dentists in the other two departments so all they had to do was open my folder and read out. For every time I go to that hospital now, I insert my card to a reader machine that spits out the day's agenda and before leaving I again insert the card in the machine that spits out the bill for the day's treatments, to be paid at the same machine. Awesome. Imagine if Italy worked that way too...

****************

Pare che il 2016 sia un anno di varie prime volte…e' tempo di una visita dentistica in Giappone!!
Mentre ero in vacanza nella calda Melbourne, ho risentito di dolori proprio li dove stanno i denti del giudizio. Eh si, stanno crescendo e infiammano le gengive. Niente di veramente serio al momento, ma meglio farli controllare.

Così metto da parte la paura del dentista e mi metto a cercarne uno. Ho ben pensato di andare all'università dentistica che e' associata all'ospedale qui in città, pensando che sappiano bene il loro mestiere da quelle parti, visto che ci sono dentisti che insegnano sul campo, con molti casi cavia (tra cui me) da studiare. Pero' non avevo pensato al fatto che mi avrebbero palleggiato da stanza a stanza per un'intera mattinata.

Allora, arrivo all'ospedale, riempio un modulo e vengo mandata a dentistica generale per un controllo. Bene, bene. Entro uno stanzone che sembrava un ufficio aziendale, solo che a posto delle scrivanie c'erano sedie da dentista. Paura.

Una ragazza mi controlla la bocca, e dopo che le ho accennato ai denti del giudizio doloranti lei (sadica) va a premere e punzecchiare l'area dolorante e addirittura mi chiede se fa male…ma, dico? Non te l'ho appena detto? Poi chiama il dentista che deve a sua volta controllare e usa lo stesso procedimento. Ahia! Scusa? L'ho appena detto a lei? Mi ha appena torturata? Il dentista mi manda quindi a un altro dipartimento per fare una lastra panoramica, che pare non può essere fatta perché, udite udite, ho i piercing all'orecchio, e quindi invece mi vedo infilare una lastretta in bocca che devo pressare sulla parte già infiammata, dolorante e torturata, per fare un'istantanea dei molari, la quale viene poi inviata al suddetto dentista che pero' prima pensa bene di ricontrollarmi la bocca, non si sa mai…e poi nuovamente la studentessa….scusateeeeee? Mi avete torturata solo 30 minuti fa? Pensate sia cambiato qualcosa?

Comunque, il verdetto e' che ho bisogno di un chirurgo. Come? Un chirurgo? Ohmamma.

Vengo sbattuta in un altra stanza dove un altro giovane dentista ricontrolla e ritortura, e poi dice che senza panoramica dentale non può fare nulla, quindi eccomi li che, alla faccia dei piercing( lo dicevo io che era una cavolaia), torno dove stavo solo 35 minuti prima e mi faccio nuovamente irradiare. Dopo di che mi mandano a casa per quel giorno visto che non c'e' spazio per me. Devo ritornare tra una settimana, arrivederci. E quindi, dopo cinque giri della ruota della tortura, dopo tre ore e due radiografie, sono di nuovo punto e a capo.

Ora, il bello e' che nella settimana di attesa, il dolore mi passa del tutto.

La settimana successiva torno all'ospedale e il dottorino di prima mi mostra un bel sorriso da scheletro (il mio) da un monitor e mi dice che siamo pronti all'estrazione. Ma no, aspetta che prima controlliamo ancora una volta, non si sa mai…

A questo punto io, cercando di guadagnare tempo, gli faccio un milione di domande e guardando e riguardando la lastra gli dico che no, oggi non operiamo, ho cambiato idea. Potremmo benissimo dire che e' stata la paura dell'intervento, e forse lo e' anche, pero' io nella mia panoramica ho visto che lo spazio per i miei denti c'era quindi li lascio crescere fino a che si può.

E qui finisce la mia odissea dentistica. Per ora.

A parte, invece, va la constatazione dell'arcaico (in termini di software e hardware) ma efficientissimo sistema informatico dell'ospedale: i pazienti la prima volta ricevono una tessera che funge da cartella medica elettronica universale. Come avevo accennato, seppure la radiografia ai denti mi e' stata fatta in un dipartimento separato, gli altri due dentisti che mi hanno vista avevano già le immagini nel loro computer. Gli e' bastato caricare il mio file e aprire le immagini. Ora, tutte le volte che torno in quell'ospedale, basta che inserisco la mia tessera in un lettore che mi sputa fuori la lista di visite della giornata e alla fine mi sputa fuori il costo di tutto, che si paga pure alla cassa automatica…mitico. Immaginatevi se fosse così anche in Italia...


Sunday, January 17, 2016

Pizza school

After a long break, I am back on teaching cooking again.

The subject this time was pizza, not a genuine Sicilian dish, perhaps, but very appreciated by foodies and everyone else pretty much. The menu I put together was not easy to finalize…I had to use the dining table as a workbench so that my students could have enough space and light for easier practice, I had to bake one pizza at a time since the oven I have is too small and it took longer than forever, I had to use my coffee table for extra space. If I want to teach people how to make pizza I will have to move to a place with a proper kitchen, not a toy kitchen like the one I have now, and with a wood fire oven…unless you find me a kitchen oven that can reach 450 degree celsius without melting in the house. There is absolutely no way whatsoever that a pizza can come out burnt on the edges and soft at the same time from an electric oven. No. Way. But that's a limitation I'll have to learn to live with. Fortunately my students understood that and still loved the results of 3 hours joint efforts in making a pizza baked in an ordinary oven...

In the afternoon, before the lesson started, I had prepared half dose of the pizza dough, as a backup in case what we made during the class would not turn out good for any reason. The main worry was that it did not rise due to the cold. My doughy did rise wonderfully, instead, so we used the extra batch to make some sweet bread for dessert. During the lesson, we prepared the sauce for all pizzas, a green salad to go as a side dish and a stunning drowned broccoli plate (yes, broccoli were drowned in wine, that's why their name), then I went on to show how to prepare pizza from scratch making sure there was a hands-on part. This time the girls could try kneading the dough, sending puffs of flour all over my apartment.

The days that followed the pizza class were also busy with other classes, different menus, different students, all of them Japanese women with interesting stories to tell. One of them was called Marina! Finally, I meet someone who has the same name as mine. I have been told mine is a rather common name in Japan, or at least it is a Japanese name too, but in all my years in Japan I had never met anyone with that name. Until now. 

Teaching for three nights in a row was tough, although entertaining. I spent three full days cleaning the apartment from the previous day's mess and then making a mess again, so now I don't want to hear about cooking at least for the rest of the month. It's anyway time to gear up for the snow season and hang up the apron…or, shall I wear it over the ski jacket?

********

E dopo una lunga pausa ritorno a insegnare.

Stavolta si parla di pizza, che seppur non e' un piatto tipico siciliano, e' amata da tutti ma proprio tutti. Il menu che avevo pensato non e' stato semplice da realizzare..intanto ho dovuto usare il tavolo da pranzo come piano di lavoro in modo che gli studenti potessero osservare bene, poi ho dovuto cuocere una pizza alla volta nel mio forno piccolino e quindi ci abbiamo messo una vita, e infine ho dovuto anche utilizzare il tavolo da caffè come spazio extra. Mi sa che se voglio continuare a insegnare come fare la pizza devo trovarmi una casa con una cucina vera e propria, non questo giocattolo che mi ritrovo, e che abbia un forno a legna come si deve…a meno che riesca a trovare una cucina con un forno che può raggiungere i 450 gradi senza sciogliersi. Non c'e' altro modo che un forno a legna per ottenere una pizza bruciata ai bordi ma soffice allo stesso tempo. Pero' questa del forno e' una limitazione a cui devo abituarmi, purtroppo. Per fortuna che i miei studenti capiscono il problema e hanno comunque apprezzato i risultati di tre ore di lavoro…

Nel pomeriggio prima della lezione avevo comunque preparato un po di pasta per la pizza nel caso qualcosa andasse storto, che poi e' il caso in cui la pasta non lievita per via del freddo. Invece, la lievitazione e' andata bene e quindi abbiamo usato la pasta in più per fare le frittelle dolci di pane. Nel corso della lezione abbiamo preparato la salsa per la pizza, un'insalata semplice e un piatto di broccoli, i tipici 'broccoli affogati' che vengono preparati annegandoli nel vino, da cui il loro nome.Alla fine abbiamo poi preparato la pizza partendo da zero e mi sono assicurata che tutti provassero a impastare e spianare la pasta, anche se ciò ha comportato l'infarinatura dell'intera cucina e sala da pranzo…

Anche i giorni seguenti hanno visto lezioni di cucina, menu diversi, partecipanti diversi, tutte donne giapponesi con storie interessanti da raccontare. Una di loro si chiama Marina! Era ora che incontrassi qualcuna col mio stesso nome qui in Giappone! Mi hanno detto che il mio nome e' molto comune, o comunque un nome che esiste qui, eppure finora non avevo mai incontrato nessuna. 

Avere lezioni per tre giorni di fila e' stato faticoso, anche se molto divertente. Pero' ho praticamente passato tre giorni a pulire casa in anticipazione della lezione e poi ridurla di nuovo un disastro…che nessuno mi parli di cucinare per almeno un mese! Comunque e' tempo di prepararsi per la stagione sciistica e appendere il grembiule al chiodo…o lo metto sopra la tuta da snowboard?







Tuesday, January 12, 2016

Acupunctured!

There is a first time for everything, they say.

So time came for my first acupuncture experience. It started from a birthday present I received, a catalog where I could choose an "experience" from, and a ticket to be used with it. Out of a thousand of different activities, among which some extreme ones like paragliding, or diving, or yoga classes, or pottery classes and the like, I went for acupuncture.

My idea was actually relaxation, something like body massage with oils or spa but found nothing. No, not true…all massage experiences I could choose among were Thai style, which IS the best for stress release as your body is flexed, folded, bent and twisted around, but not what I was looking for this time. I needed something softer. Instead, I found a two-hour はりきゅうマッサジ course (harikyu massage. Harikyu means acupuncture in Japanese) and I told myself I could use this opportunity and try a new treatment. After all, acupuncture can help relieve stress, muscle soreness and tension as well. For sure I needed to do something after the long trip from Australia I had just returned, and before the long weekend of cooking classes that awaited me…

Being it the first time to receive the treatment, I was asked to fill a medical questionnaire in Japanese, which I couldn't read fully so I had to rely on the help of the masseuse. She was super nice and explained to me all terms, with gestures if necessary, in order for me to check all the points.

I changed into the clothes provided in the massage room and I received a wonderful one hour acupressure massage: it's a massage technique that doesn't involve oils, it rather consists in applying pressure with fingers on the same points used in acupuncture. The masseuse went on tho-rou-gh-ly from head to toes, making sure she found all the tense points. After that, she took the needles and began to insert them all around my neck, shoulders and back, and everywhere else she felt at touch I was sore. If you think they hurt, well, know they don't. Compared to the Chinese ones, Japanese acupuncture needles are very very thin, like a hair, and they're not inserted deep in the skin. I barely felt them (at the end the lady showed them to me and also explained how she inserted them).

And then came electricity. Oh yeah. All needles get wired to a machine and a small charge is sent to the body through all of them, and for the next 10 minutes the patient is left to feel the pulsating tiny shocks working on all punctured points. Muscles definitely do relax after that. I don't know whether it is the electricity or the acupuncture points or both, but relief is real. You just have to try for yourself and get your spine electrocuted (lightly).

Two hours and 20 something needles later I was a new person, walking lightly and moving fluidly again with no pain whatsoever, but now with a new addiction. And I can thank my friend for that.

****************

Si dice che c'e' una prima volta per tutto.

Bene, giunse il momento per la mia prima agopuntura. Tutto inizio' con un regalo di compleanno ricevuto, un catalogo di esperienze tra cui scegliere, e un biglietto valido per provare una di esse. Tra tutte le varie attività possibili, tra cui anche alcune estreme tipo para pendio, si annoveravano yoga, immersione, lezioni di ceramica o di cucina, e chi più ne ha più ne metta. Tra tutte queste, io ho scelto l'agopuntura. A dire il vero volevo qualcosa del tipo massaggio o spa, ma non ho trovato nulla. Anzi no, no un momento…tutti i tipi di massaggi che ho visto erano tipo tailandese, che, vero, e' un perfetto anti stress perché piega e strizza il corpo in ogni direzione, ma non era quello che cercavo.

Avevo in mente qualcosa di più leggero. E così ho trovato un menu di due ore per agopuntura e così ho deciso di provare qualcosa di nuovo. E poi, alla fine anche l'agopuntura aiuta a eliminare lo stress e la contrazione muscolare. Proprio quello che mi ci voleva dopo il lungo viaggio dall'Australia e prima del lungo fine settimana di lezioni di cucina che mi aspettava.

Visto che era la prima volta che andavo, ho dovuto riempire un questionario tutto in giapponese che non potevo leggere ma che pero' ho potuto completare grazie all'aiuto della massaggiatrice che mi ha spiegato, anche a gesti se era necessario, il significato di tutti i termini.

Per quasi un'ora ho poi ricevuto un massaggio spettacolare, quel massaggio che punta a identificare con la sola pressione delle dita, i punti nevralgici che sono poi quelli stessi dell'agopuntura. La massaggiatrice ha decisamente preso il suo tempo per trovare tutti ma proprio tutti quei punti da testa a piedi che erano in tensione e li ha massaggiati per bene. Poi ha preso gli aghi e ha cominciato a inserirmeli nel collo, la schiena e le spalle, e altre zone che lei riteneva fossero indolenzite. Che poi, se pensate che gli aghi facciano male vi sbagliate. Io non li ho neanche sentiti (a fine seduta la massaggiatrice mi ha poi spiegato come faceva a inserirli). C'e' da dire che rispetto a quelli cinesi, gli aghi giapponesi sono più sottili, come un capello, e vengono inseriti i superficie.

E poi arrivo' l'elettricità. Si si. Gli aghi vengono infatti collegati a un generatore di corrente e poi delle piccole scariche a intervalli regolari vengono mandate tramite essi, per circa dieci minuti. E la persona e' lasciata li a sentire i muscoli lievemente pulsare. E di sicuro i muscoli si rilassano. Ora, non so se e' l'effetto della corrente, o la scelta dei punti di inserimento, o entrambe le cose, fatto sta che ci si rilassa davvero. Bisogna provarci di persona e farsi dare la scossa (leggera, eh) lungo la schiena.

Due ore e circa 20 aghi dopo, ero una persona nuova, camminavo leggera e con movimenti di nuovo fluidi, e di certo con una nuova dipendenza. E di questo, posso solo ringraziare la mia amica.



Images taken from http://harikyumassage-zen.com/, the place I went to

Monday, January 4, 2016

Voyage under the sunlight - Viaggio al sole

Coincidences are fun sometimes, and just great some other times. My last two weeks saw a series of fortunate passages over a ray of sunshine. 

I woke up to a beautiful sunrise the morning I had to go to the airport to begin my holidays. A transfer in the kingdom of everlasting pollution, the people's republic of China, then a departure at sunset. Sadly, the chinese sunset was a bit dull and boring, but still a pretty amazing coincidence. I later arrive in Australia, my destination, in time to salute the rising sun again. Every morning, for as long as my vacation lasted, I did wake up together with the sun, its light painting everything it reached a beautiful pink orange.

More coincidences were waiting for me, though. On the evening of my departure from Australia a spectacular sunset (and the most dramatic of all) of golds and reds shone against the evening baby blue sky, accompanying me all the way to the airport. I was already so grateful to Mother Nature for such a great end of 2015, when another stroke of luck prolonged my sparkling end of the year: I actually saw the city fireworks from the plane at midnight! My cousins were right, I could see them, but only thanks to a 25 minute delay on the time of departure. Explosions all over the city, along the river, in the bay, in people's backyards. Definitely a heart-throbbing moment. Not only it was great to travel between years instead of stressing out about what to do to celebrate (and have a perfect excuse to turn all invitations down), but I have to say that there is no better place to watch the fireworks from than a plane.

And here I open a very broad parenthesis on the airplane staff…so, I was traveling with a Chinese airline, and that's alright. We've all experienced their lack of niceness at some point in life. Not that all Chinese are rude, but most of the ones I encounter don't actually have manners. I mean, I believe they don't do it on purpose when they are rough, they simply don't know what for the rest of the world is polite. This is my guess, at least, and my two cents are to be taken with a grain of salt since I live in the country of the uber politest people of all. But, to get to the point: no one word from the crew at midnight? I mean, ONE WORD? If it weren't for the firework display that was blooming below us, we would have never realized we had entered 2016. Not a sip of sparkling wine as a gesture of kindness to the passengers? Not even a small snack/treat/cookie/other-than-usual-stuff with our dinner just to show they care? Pffff! I know they celebrate their own NY, but still…well, fine by me, what do I care about NY anyway?

The series of fortunate coincidences continues when we land in great mother China just minutes before sunrise, the first one of 2016, and then, finally, when I arrive home in Japan, where the familiar view of the dark profile of Fuji against the setting sun was there to welcome me.

So, the circle is closed, from sunrise to sunset, traveling across countries and across years having the sun as my companion. A sign that this new year will be on fire, maybe? Happy New Year everyone!

***************

A volte le coincidenze sono divertenti e altre volte fenomenali. Queste due ultime settimane hanno visto una serie di passaggi fortunati oltre la linea del sole.

Mi sono svegliata con una bellissima alba la mattina della mia partenza per le ferie. Poi una fermata nel regno del sempiterno inquinamento, la repubblica popolare cinese, e partenza nuovamente al calar del sole. E' triste che il tramonto fosse stato un po' scolorito e noioso, ma comunque la coincidenza e' stata alquanto incredibile. Arrivo più tardi in Australia, la mia destinazione, giusto in tempo per salutare di nuovo il sole nascente. E poi, per tutta la durata della mia vacanza, mi svegliavo la mattina assieme al sole che colorava tutto di una luce rosa arancio.

Ma molte altre coincidenze mi aspettavano dietro l'angolo. La sera della mia partenza per il ritorno a casa un tramonto spettacolare (e quello più drammatico) di oro e rosso splendeva contro il cielo azzurro della sera e mi accompagnava all'aeroporto. Ero già più che riconoscente a madre natura per una fine del 2015 così spettacolare, quando un altro colpo di fortuna allunga ancora la mia fine d'anno scoppiettante: sono riuscita a vedere i fuochi d'artificio dall'aereo! I miei cugini avevano ragione, li ho visti, anche se e' stato grazie a un ritardo di 25 minuti della partenza. Così che ho potuto vedere tutte le esplosioni dei fuochi in giro per la città, lungo il fiume, nella baia, nei giardini delle case. Un momento davvero da batticuore. Non solo e' stato già grandioso il fatto di viaggiare tra due anni invece che stressarmi a pensare a come festeggiare (e avere una perfetta scusa per rifiutare gli inviti), ma devo dire che non c'e' posto migliore di un aereo per ammirare i fuochi d'artificio.

E qui vorrei ora aprire una ampia parentesi riguardo al personale di bordo…dunque, ho viaggiato con una compagnia cinese, che va bene. Almeno una volta nella vita abbiamo tutti avuto a che fare con la loro carenza di modi. Non e' che tutti i cinesi sono rudi, ma molti di quelli che incontro non hanno proprio educazione. E che poi so che non lo fanno apposta a essere grezzi, proprio non sanno come essere educati e basta. O almeno così credo, anche se poi questi miei cimenti vanno presi un po' con le pinze visto che abito nel paese dove la gente e' stra-educata. Ma ora, giungendo al punto, dico neanche una parola allo scoccare della mezzanotte? Dico UNA? Se non fosse stato per i fuochi d'artificio fuori non ci saremmo manco accorti dell'arrivo dell'anno nuovo. Dico, un goccio di spumante giusto come gesto nei confronti dei passeggeri? Non un piccolo dolce o qualcos'altro fuori dall'ordinario giusto per mostrare un attimo di delicatezza? Niente. Lo so che i cinesi festeggiano il loro di capodanno, peperò'….mah, va bene anche così che me ne frega a me alla fine?

La serie di coincidenze fortunate continua all'arrivo di nuovo nella grande madre cinese, alcuni minuti prima dell'alba, la prima del 2016, e poi alla fine quando ritorno a casa in Giappone dove la vista familiare del profilo scuro del Fuji contro il sole che tramontava era li a ricevermi. 

E così il cerchio si chiude, dall'alba al tramonto, viaggiando tra nazioni e tra anni, col sole come compagno. Forse il segno che questo mio nuovo anno sarà infuocato? Buon anno a tutti.