Thursday, April 16, 2015

Arancini School

It's been a miserable spring so far. Rainy and a** freezing cold. Fortunately, on the day I was meant to teach a cooking class, the weather gave us a break and a little bit of sun showed up.

Yes, I did teach cooking. This was made possible thanks to the people behind Tadaku, a rather young Tokyo based network of international people willing to share their best recipes and people willing to learn.

The day of the class I was a little nervous: I have cooked before, alright, but teach? Never before. So I was afraid I would not make it through the whole 4 hour class.
My students arrived on time. We started with self introductions and a bit of chitchat over coffee, then we transformed my kitchen and dining area in a laboratory where we mixed, blended, chopped, stirred, boiled and made a mess. More importantly, we had a lot of fun.

I was suggested to prepare Sicilian dishes, so I thought that there is no better thing than learn to make arancini: they are simple, they are really tasty, everyone can participate and we can make as many as we like. Indeed, my students loved it, I knew. Because there is no better lesson than that where everyone can practice.

I liked to see them struggle with shaping the balls of rice, and I also was impressed how they finely chopped the onion (so much better than I can!!) and celery. They were all cooperative, interactive and super helpful in cleaning up the mess we made. We had a delicious meal, and a great time. I have pictures that prove it and requests to keep up with the classes.

These people made time in their schedule for my class, some came from far away, they helped me washing the dishes and all, so I felt I had to thank them somehow: a hand written note and a chocolate may be too little, but is a humble gesture of appreciation and gratitude from my side. It will be my personal signature.

So I will be teaching again, and hopefully for some time. Sharing my knowledge and at the same time doing what I like, in the familiar environment of my own place, revealed to be mind soothing and stress relieving. Until I start salsa dancing again, cooking will do just fine. 

Last but not least, take a look at what Tadaku can offer…maybe there is a spot, teaching or learning, for you too.

*************

Finora e' stata una primavera alquanto triste. Freddo gelido e pioggia. Per fortuna, il giorno in cui avrei dovuto tenere una lezione di cucina, il tempo ha retto e anzi ci ha regalato qualche ora di sole.

Si, precisamente, ho insegnato a cucinare. Questo e' stato possibile grazie a Tadaku, una rete ancora giovane di insegnanti e studenti desiderosi di imparare ricette di cucina internazionale basata a Tokyo. Il giorno della lezione ero abbastanza nervosa, perché si, vero che ho cucinato altre volte, pero' mai insegnato. Quindi avevo paura che non avrei retto per tutta la lezione che e' durata 4 ore.
Le mie allieve sono arrivate in orario. All'inizio ci siamo presentate, abbiamo chiacchierato un pochino e preso il caffè, poi abbiamo trasformato la mia cucina e sala da pranzo in un laboratorio dove abbiamo sminuzzato, mescolato, tagliuzzato, bollito e combinato un macello. ma la cosa più importante e' stata che ci siamo divertite.

Mi era stato consigliato di preparare ricette siciliane e quindi ho ben pensato che il piatto migliore era decisamente arancini: semplici, gustosi, in quantità, e ognuno partecipa attivamente. Difatti le mie allieve hanno apprezzato, come pensavo. Perché in fondo non c'e' migliore lezione di quella che consente a tutti di fare pratica.

Mi sono anche divertita a vederle in difficoltà nel formare gli arancini, e sono rimasta a bocca aperta quando le ho viste sminuzzare la cipolla (molto ma molto meglio di me) e tritare il sedano. Tutte si sono rivelate di grandissimo aiuto, volenterose e attive. Ci siamo proprio divertite e abbiamo mangiato benissimo.Ci sono foto che lo provano e anche richieste a continuare con le lezioni.

Queste ragazze hanno pianificato per partecipare alla lezione, alcune sono venute da lontano, mi hanno aiutato a pulire e quindi ho ben pensato di ringraziarle in qualche modo: un messaggio scritto a mano e un cioccolatino forse sono poca cosa, eppure rappresentano un gesto umile di apprezzamento e gratitudine. Penso che ne faro' la mia firma artistica.

Quindi, si, continuerò a insegnare, si spera per un bel po' di tempo. Condividere quello che so e allo stesso tempo fare qualcosa che amo, nell'ambiente familiare del mio appartamento, ha un effetto rilassante e rinvigorente per lo spirito. Fino a che non ricomincio con salsa, la cucina dovra fare da sostituta.


Infine, date un'occhiata a quello che Tadaku offre…magari c'e' pure un posto per voi, che sia come insegnante o studente.






No comments:

Post a Comment