Wednesday, April 29, 2015

Showa day with a special housemate

It's Showa Day today in Japan!

Once the birthday of the former emperor, the date was later changed into Greenery day in honor of the former emperor's love for nature and later became the day to remember the former emperor of the Showa dynasty, while the Greenery day was moved to May 4, and the Golden Week was initiated.

So, what do the Japanese do on this day? Not much, in fact. The holiday nowadays only reminds the Japanese about the years of that emperor's controversial ruling.

What did I do on this day? Well, plenty. I was already on dog duty, first day. so, first I had to deal with a sad puppy, after his owner had left. Clearly he doesn't like the fact that someone else is staying in his house, sitting on his couch, walking him.

The exercise is actually the only good thing that works to distract him, and in addition it gives me with an amazing workout. So, I walked him three times today. I probably can skip the evening walk, I reckon, as he is right now passed out on the sofa. I took him to Komazawa olympic park, full of enough distractions to keep him busy, and I was joined by a friend who brought all the necessary items for a picnic, including sandwiches (Saint, now!). The gathering was nice, but often interrupted by a combination of the following: dog barking at kids near us, dog barking at dogs, dog pointing at dogs, dog pointing at random runners, dog munching on grass, dog chasing birds. I basically had to stay on the alert and hoping not to get caught up in some canine diatribe...

I am aware of the fact that doggy here doesn't trust me (where is my human gone?), and ignores me (oh, but wait a second, this human has food!), and I hope I'll win him.

I though that as this being the first day (and just parted form his human), I could give him a few treats, as I need to reassure him somehow that I am not an opponent. Let's see what happens at bedtime: if he hops on my bed, then I am in!

***************

Oggi in Giappone e' Showa day!

Una volta compleanno dell'imperatore precedente, la data fu poi cambiata in giornata dell'ecologia in onore proprio dell'amore che l'imperatore aveva per la natura, e poi dopo ancora  divenne il giorno per commemorare il precedente regime, mentre il giorno dedicato alla natura fu spostato al 4 maggio, cosi che adesso abbiamo la golden week.

Allora, cosa fanno i giapponesi in questo giorno di festa? Beh, non molto. Semplicemente si ricordano degli anni di regno del precedente imperatore, segnati da non poche controversie.

Cosa ho fatto io, invece, in questo giorno di festa? Un sacco. Per me e' stato il primo giorno di dog-sitting e quindi per prima cosa ho dovuto combattere con la tristezza del cagnetto dopo che il suo proprietario e' andato via. E' chiaro che non gli va giu' che qualcun altro e' in casa sua, che usa il suo divano, lo fa passeggiare.

Che poi fargli fare un po' di esercizio e' l'unica cosa che funziona per distrarlo, e in piu' mantiene attiva anche me. Gia' oggi l'ho portato a spasso tre volte,e mi sa che posso pure saltare la passeggiata serale perche' al momento e' appisolato sul divano. Oggi l'ho portato al parco olimpico di Komazawa, pieno di distrazioni cosi da tenerlo occupato, e poi una amica mi ha anche raggiunto con tanto di materiale per picnic e tramezzini (santa subito!). La riunione non e' che sia stata tranquilla, anzi, e' stata ripetutamente minata dalla seguente serie di avvenimenti: cane abbaia contro bambini, cane abbaia contro altri cani, cane punta altri cani, cane punta a sportivi a caso, cane smangiucchia l'erba, cane caccia corvi e colombi. In sostanza, devo stare sull'allerta perenne con lui, nella speranza che non mi includa in qualche diatriba canina...

Sono consapevole del fatto che canino qua non si fida (dove e' andato il mio umano?) e mi ignora (oh, pero' aspetta questa umana ha da mangiare!) , ma spero di vincere la sua benevolenza.

Visto che oggi e' stato il primo giorno assieme, ho provato a ingraziarmelo con alcuni snack, sperando di riassicurarlo cosi' che non mi consideri un opponente. Vediamo che succede all'ora della nanna: se va a dormire nella camera con me, significa che ce l'ho fatta.


Tuesday, April 28, 2015

Temporary partnership

Recently there have been a few changes in my daily routine. Like this one: for the next month I will be broadcasting from Meguro, where I will live and dog-sit.

The reason why I had to move (temporarily, only temporarily) to a different place is that I can't have pets at home, building complex rules. That's why, having offered my dog-sitting expertise (smirk), I am the one who's going where the dog is, not viceversa. And that's going to be for a month.

I hope things will work out between me and him (the hound). We've known each other for years, but we haven't spent much time together...will I be able to take care of another life, 24/7?
I've always had dogs back home in Sicily, fed with whatever leftovers of our meals are there, free to run and bark and scare the hell out of people passing by our property fence. In short, it was low maintenance.
But when one lives in a city, in a house with no land around, then such a pleasurable company becomes a demanding one. The dog's owner knows it well. And I know it well, too. So why agreeing to such a demand? Because, if you knew the dog, you'd have done the same.

I am going to have an interesting month ahead, especially concerning the changing in commuting route: I will have to take trains twice a day, crowded trains during rush hours, twice a day! THIS will be the real challenge. In all my years living in Japan, I never managed to overcome my anthropophobia, despite the recurrent exposure (some say exposure is the key to win, hmmm), and I guess I never will...anyway, there will be plenty of exposure for the next month! I see my expected survival rate to diminish dramatically. Wish me luck!

Fortunately, thanks to the upcoming Golden Week break, I will be spared of some days of terror. I will be rather busy in getting to know my new temp neighborhood in those days, instead.

*************

Recentemente la mia trafila giornaliera ha subito delle modifiche, tra cui questa: tutto il mese prossimo trasmettero' da Meguro, dove abitero' e avro' un cane.

La ragione per cui mi sono dovuta spostare (temporaneamente, eh, solo temporaneamente) da un altra parte e' che non posso tenere animali nel mio appartamento, regole condominiali. E quindi, avendo offerto le mie grandi qualita' come dog-sitter, sono io quella che va dal cane e non viceversa. E questo, per un mese intero.

Spero che tutto vada per il verso giusto tra me e lui (la belva). Ci conosciamo da svariati anni, ma non abbiamo passato tantissimo tempo assieme...ce la faro' a occuparmi di un'altra vita?
In Sicilia, abbiamo sempre avuto cani a casa, sfamati con qualsiasi cibo che avanzava dal pasto del giorno, liberi di correre, abbaiare e spaventare a morte chiunque si avvicinasse alla recinzione. In poche parole, erano poco impegno.
Ma quando si vive in citta', in una casa senza terreno attorno, allora una compagnia piacevole si trasforma in una esigente. Il padrone lo sa molto bene. E lo so bene anche io. Quindi, perche' decidere di sobbarcarsi di tanto impegno? Perche' se conosceste il cane, avreste fatto lo stesso.

Il mese che mi si prospetta sara' proprio interessante, specialmente per quanto riguarda il mio recarmi al lavoro: due volte al giorno dovro' prendere il treno, nelle ore di punta affollate in tutte le direzioni. QUESTA sara' la vera sfida. Difatti in tutti questi anni in Giappone, non sono mai riuscita a sconfiggere la mia antropofobia, nonostante l'esposizione regolare (dicono che la terapia migliore e' guardare il problema negli occhi....beh), e quindi credo non ce la faro' mai. Auguratemi buona fortuna!

Ma, una cosa buona e' che presto ci saranno le vacanze della Golden Week, quindi per qualche giorno saro' salva. Quello che faro' in quei giorni sara' di familiarizzare con la nuova zona.


Needs and Feeds

Maybe preferences, hobbies, likes change with age…or maybe there are different hobbies, preferences, needs for every age.

Maybe at some point flatness in life take over experimentation and curiosity…or maybe due to the weakening of enthusiasm one falls into a routine.

Maybe it's the mood to influence decision making…or maybe decisions taken in life lead to inner decadence.

Whether all of this is true or not, the fact is that while before I loved and enjoyed going out, visiting places, do new things, dancing, now all those very same things bring anxiety. And I am not saying that I don't like those things anymore, no. I am saying that doing those things now takes more energy and requires more motivation. As if I were out of the loop. Or Like a fish out of water.

What tends to happen lately instead, is that I find myself invited at friend's homes, new and old friends, and do what it seems I can do best: take over their kitchens. The last few weeks I was doubly taken: I do give cooking classes and also improvise recipes at other people's places. Both activities are going, for the time being, well.

Speaking of cooking classes, we have to still understand if I am interesting to the public…my second class had to be canceled last minute due to lack of sign-ups, so I was left with a fridge full and a suddenly free afternoon. I actually could have a long relaxed lunch with friends out on a sunny terrace looking at the bay, and I later invited a couple of Sicilian friends over so that they helped me with getting rid of the food I had bought for the class. Win win. No need to add, I also had enough food cooked and more to cook for the day after, at a friend's party. Of course.

The weekend after that, I improvise as pastry chef, and baked a cake for a friend's birthday. So, now I am as comfortable at friend's kitchens as at my own. I do really hope such friends like my taking over…

But now, spring is in its prime, with color explosions everywhere, and it feels like one wants to spend as much time as possible out in the nature more and more, so…take a break from home parties or better switch to picnic mode?

***************

Forse con l'eta' si cambiano i gusti, le preferenze, gli hobby…o forse per ogni eta' ci sono diversi gusti, hobby, necessita'.

Forse a un certo punto la monotonia della vita prende il sopravvento sulla sperimentazione e la curiosità…o forse per lo spegnersi dell'entusiasmo e della curiosità si ricade nella monotonia.

Forse lo stato d'animo influenza le decisioni…o forse le decisioni prese nel corso della vita portano a un decadimento interiore.

Fatto sta che se prima traevo godimento e giovamento dall'andare in giro, visitare posti diversi, fare cose nuove, ballare salsa, ora invece le stesse attività sono solo fonte di ansia. Non che non mi piacciano più le cose che facevo prima, intendiamoci. E' solo che mi sento come se per farle mi costasse molta ma molta più fatica e motivazione. Come se fossi fuori dal giro, insomma. Come un pesce fuor d'acqua.

Cio che ora accade più spesso, invece, e' ritrovarmi a feste in casa di amici, quelli di sempre e quelli nuovi, e anche mettermi ai fornelli e fare ciò che pare io sappia far meglio. Nelle ultime settimane sono stata impegnata poi su due fronti: da un lato do' lezioni di cucina italiana a casa, e dall'altro improvviso ricette in casa d'altri. Entrambe cose che riescono, per ora, molto bene.

Per quanto riguarda le lezioni di cucina, dobbiamo ancora capire se piaccio al pubblico…la mia seconda lezione e' stata cancellata per carenza di studenti, all'ultimo minuto lasciandomi si' col frigo pieno, ma con un pomeriggio inaspettatamente libero. Ho così goduto di un bel pranzo rilassato in terrazza con vista sul mare in compagnia di amici, e ho poi invitato una coppia di siciliani che mi hanno aiutato a disfarmi della spesa fatta in previsione della lezione. E, manco a dirlo, per la festa a casa di una amica avvenuta il giorno dopo, avevo pure roba da portare e da cucinare. 

Fine settimana successivo, mi improvviso pasticciera per una festa di compleanno a casa di, indovina, amici. Ormai mi muovo con disinvoltura nelle cucine altrui come fossero le mie. E spero che agli altri questa "presa di potere" agli altri piaccia…


Ora, con la primavera ormai nel pieno dei suoi colori, pare che la voglia a stare fuori in mezzo alla natura si stia facendo più forte, quindi, chissà…sarà tempo di interrompere con le feste o sarà meglio passare ai picnic?





Thursday, April 16, 2015

Arancini School

It's been a miserable spring so far. Rainy and a** freezing cold. Fortunately, on the day I was meant to teach a cooking class, the weather gave us a break and a little bit of sun showed up.

Yes, I did teach cooking. This was made possible thanks to the people behind Tadaku, a rather young Tokyo based network of international people willing to share their best recipes and people willing to learn.

The day of the class I was a little nervous: I have cooked before, alright, but teach? Never before. So I was afraid I would not make it through the whole 4 hour class.
My students arrived on time. We started with self introductions and a bit of chitchat over coffee, then we transformed my kitchen and dining area in a laboratory where we mixed, blended, chopped, stirred, boiled and made a mess. More importantly, we had a lot of fun.

I was suggested to prepare Sicilian dishes, so I thought that there is no better thing than learn to make arancini: they are simple, they are really tasty, everyone can participate and we can make as many as we like. Indeed, my students loved it, I knew. Because there is no better lesson than that where everyone can practice.

I liked to see them struggle with shaping the balls of rice, and I also was impressed how they finely chopped the onion (so much better than I can!!) and celery. They were all cooperative, interactive and super helpful in cleaning up the mess we made. We had a delicious meal, and a great time. I have pictures that prove it and requests to keep up with the classes.

These people made time in their schedule for my class, some came from far away, they helped me washing the dishes and all, so I felt I had to thank them somehow: a hand written note and a chocolate may be too little, but is a humble gesture of appreciation and gratitude from my side. It will be my personal signature.

So I will be teaching again, and hopefully for some time. Sharing my knowledge and at the same time doing what I like, in the familiar environment of my own place, revealed to be mind soothing and stress relieving. Until I start salsa dancing again, cooking will do just fine. 

Last but not least, take a look at what Tadaku can offer…maybe there is a spot, teaching or learning, for you too.

*************

Finora e' stata una primavera alquanto triste. Freddo gelido e pioggia. Per fortuna, il giorno in cui avrei dovuto tenere una lezione di cucina, il tempo ha retto e anzi ci ha regalato qualche ora di sole.

Si, precisamente, ho insegnato a cucinare. Questo e' stato possibile grazie a Tadaku, una rete ancora giovane di insegnanti e studenti desiderosi di imparare ricette di cucina internazionale basata a Tokyo. Il giorno della lezione ero abbastanza nervosa, perché si, vero che ho cucinato altre volte, pero' mai insegnato. Quindi avevo paura che non avrei retto per tutta la lezione che e' durata 4 ore.
Le mie allieve sono arrivate in orario. All'inizio ci siamo presentate, abbiamo chiacchierato un pochino e preso il caffè, poi abbiamo trasformato la mia cucina e sala da pranzo in un laboratorio dove abbiamo sminuzzato, mescolato, tagliuzzato, bollito e combinato un macello. ma la cosa più importante e' stata che ci siamo divertite.

Mi era stato consigliato di preparare ricette siciliane e quindi ho ben pensato che il piatto migliore era decisamente arancini: semplici, gustosi, in quantità, e ognuno partecipa attivamente. Difatti le mie allieve hanno apprezzato, come pensavo. Perché in fondo non c'e' migliore lezione di quella che consente a tutti di fare pratica.

Mi sono anche divertita a vederle in difficoltà nel formare gli arancini, e sono rimasta a bocca aperta quando le ho viste sminuzzare la cipolla (molto ma molto meglio di me) e tritare il sedano. Tutte si sono rivelate di grandissimo aiuto, volenterose e attive. Ci siamo proprio divertite e abbiamo mangiato benissimo.Ci sono foto che lo provano e anche richieste a continuare con le lezioni.

Queste ragazze hanno pianificato per partecipare alla lezione, alcune sono venute da lontano, mi hanno aiutato a pulire e quindi ho ben pensato di ringraziarle in qualche modo: un messaggio scritto a mano e un cioccolatino forse sono poca cosa, eppure rappresentano un gesto umile di apprezzamento e gratitudine. Penso che ne faro' la mia firma artistica.

Quindi, si, continuerò a insegnare, si spera per un bel po' di tempo. Condividere quello che so e allo stesso tempo fare qualcosa che amo, nell'ambiente familiare del mio appartamento, ha un effetto rilassante e rinvigorente per lo spirito. Fino a che non ricomincio con salsa, la cucina dovra fare da sostituta.


Infine, date un'occhiata a quello che Tadaku offre…magari c'e' pure un posto per voi, che sia come insegnante o studente.






Monday, April 6, 2015

Blossom fiasco

One day trees are bare, the next day they're in full bloom and the day after they are all green. That's more or less, summarized, the lifetime of perhaps the most insane activity in Japan. Yes, I am referring to the cherry blossom viewing. Catching the perfect moment of max blooming factor is a matter of deep concern every year: cherry blossom forecast (yes, it exists) helps a lot, but there is one fierce competitor to nature that complicates things, and that is Nature herself…not only cherry blossom is transient and extremely short, in addition strong winds and rainfall endanger the flowers already short life.

Last weekend of March initiated the sakura frenzy. The first weekend of April already sentenced its termination rather prematurely. By winds and rain that were unpredictable till the very day.

I do not really feel the urge to pick right the one day when the entire metropolis wants to get out and find their spot under a cherry tree ( I'm crowd-o-phobic and this country is crowd-o-phil)…I overall prefer to enjoy spring in a much calmer mode, observe nature waking up little by little. And trust me even doing so is difficult, as we're so caught up in our everyday life that we miss all the fine details (see opening phrase). Despite my firm desertion, though, I paid a visit to Yoyogi park -the supreme hanami spot- on Saturday. As did another 2.3 million people (pets and babies excluded). I bet the planet's center of mass shifted a little. More than for my interest in the park, I was sucked up in the gravity of the situation (getting better and better at puns uh) by my agreeing to meet a friend on a tight schedule but with a wish to see some flowers before the rain came. And for the law of big numbers by which the more people out, the more chances to see someone you know, I ended up stopping every second group of people as I heard my name called often. Mind blowing. On the other hand, running away from the densely packed park and nearby station felt better, much much much better.

The original weekend plan was not to visit the park, but to meet up with friends in Asakusa on Sunday, and spend a few hours by the riverside, at Sumida park. Of course it rained on Sunday. We decided to go ahead with the plan but we just had lunch indoor, and sat at a very nice warehouse-turned-industrial-hipster-chic hostel cafe. Great place with minimal design, populated by backpackers and tourists who chilled out waiting for the rain to stop. I can totally picture myself spending hours there, sunk in my sofa reading, watching people passing by, writing on my laptop, sipping coffee, chatting, all of this happening in slow motion.

Tokyo Sky Tree tip disappeared into the thick clouds. I wonder whether people at the observatory up there saw only clouds below them, Burj Khalifa style (have you seen those amazing aerial images of Dubai in the mist?)…it is the tallest structure in Japan, after all...

I also need to reassure my folks back home about my cries of not finding Easter eggs here: emergency subsided. I had something better the other day. I had colomba (Italian typical easter dessert, dove-shaped). No, not any colomba…real Sicilian artisanal colomba by Fiasconaro…enough said.

**************

Un giorno gli alberi sono spogli, il successivo sono in fiore e quello dopo sono già verdi. In breve, questa e' la durata di una delle attività più caotiche del Giappone…si, infatti, mi riferisco all'abitudine (ossessione) di osservare la fioritura dei ciliegi. Ogni anno, azzeccare quel momento giusto quando la fioritura e' all'apice e' come una lotteria: le previsioni sul grado di fioritura (che esistono, chiaramente) aiutano tanto, ma c'e' una forte opponente alla natura che complica tutto, ed e' la natura stessa…non solo i fiori di ciliegio hanno una vita breve, molto breve, in aggiunta si ci mettono anche vento e pioggia a accorciarne l'esistenza.

Il fine settimana passato, l'ultimo di marzo, ha dato inizio alla frenesia sakura. Questo fine settimana, il primo di aprile, ne ha già decretato la fine decisamente prematura. Si, con vento e pioggia che sono state impossibili da prevedere accuratamente fino al giorno stesso.

Non direi proprio che sia la persona che ha la smania di aspettare quel giorno in cui l'intera metropoli decide di uscire e andarsi a cercare un po' di spazio sotto a un albero di ciliegio (al contrario di questo paese, io non amo le folle)…preferisco piuttosto godermi la primavera un poco alla volta, osservare il risveglio della natura piano piano. E anche questo mi riesce già abbastanza difficile, del resto siamo presi dalle nostre vite per poterci dedicare ai dettagli (vedi la frase di apertura). A dispetto della mia diserzione, pero', ho fatto una rapida apparizione al parco Yoyogi -il posto supremo per hanami- il sabato. E lo stesso hanno fatto altri 2.3 milioni di persone (escludendo infanti e animali). Scommetto pure che il baricentro della terra si e' spostato per qualche tempo. Più che l'interesse verso il parco, sono stata risucchiata dalla gravita' della situazione dalla mia disponibilità a incontrare un'amica con un'agenda fitta di impegni ma che voleva battere sul tempo la pioggia e vedere un po' di fiori di ciliegio. E per la legge dei grandi numeri, secondo la quale più persone ci sono in giro, più possibilità si ha di incontrare qualcuno che si conosce, mi sono dovuta fermare parecchie volte perché mi sono sentita chiamare da chi -ovviamente- mi ha riconosciuta. Dall'altro lato, pero', scappare via dal parco e dalla stazione vicina sovraffollati mi ha dato non poco sollievo.

Il piano iniziale del fine settimana era molto diverso, ovvero incontrare degli amici a Asakusa la domenica per trascorrere qualche ora al parco Sumida, quando, ovviamente, ha piovuto. Nonostante ciò abbiamo comunque deciso di incontrarci e pranzare assieme al coperto, poi ci siamo fermati al caffè di una fabbrica-diventata-ostello-chic-industriale. Un posto proprio bello, dal design minimale, piena di turisti che si rilassavano nell'attesa che la pioggia passasse. Mi vedrei proprio bene seduta comoda in quel caffè a leggere, guardare persone passeggiare, lavorare al pc, eccetera.

La punta di Tokyo Sky Tree era come scomparsa tra le nuvole…chissà se le persone lassù in cima, nell'osservatorio, vedevano solo nuvole sotto di loro, come succede con quelle visioni aeree di Dubai e Burj Khalifa…


E poi ho anche da rassicurare i miei cari a casa che erano preoccupati per il mio non poter trovare uova di pasqua qui: l'emergenza e' rientrata. Ho trovato di meglio. Ho mangiato la colomba, e non una qualsiasi, bensì quella vera siciliana, artigianale, Fiasconaro…ho detto tutto.