Friday, January 2, 2015

Cucina Marina - A cheesy date

Conventionally, a year ends on December 31 and another year starts on January 1. From the perspective of time, which day it is doesn't really matter: the cycle of life continues, sunrise in sunset out, and it repeats indefinitely. Although new year's day is just a placeholder, a mark, and whether it is an astronomical, political, social, historical, symbolic convention, the baseline fact remains: everyone observes it one way or another.

I am not a huge fan of new year's celebration, I am more of a celebrate-each-day-with-gratitude kind of person, but it is also true that our actions are very much influenced and conditioned by the environment around us…hence, I fall victim too and somehow I gave a special meaning to a very ordinary day (because they all do).

I decided I would have a special date with a special person, cook something really really nice and sit warm and comfy watching the snow fall. I went very creative with the menu this time, giving it a rather cheesy spin: rice paper rolls filled with mushrooms and savory garlic cheese, spinach and white mushroom salad with blue cheese cubes, puree of garlic&pepper cheese and eggplant. Freshly baked rye bread was a great addition to the table, and for a sweet touch I made chocolate and walnuts muffins.

Being my own guest was a happy and yummy "start" of a year. Because, what the hell, don't I count something?

************

Per convenzione, un anno finisce il 31 dicembre e un altro anno inizia il 1 gennaio. Dal punto di vista del tempo, che giorno sia non ha nessuna importanza: il ciclo della vita continua, alba dopo tramonto, e si ripete all'infinito.

Sebbene il capodanno sia solo un segnaposto, un simbolo, e a prescindere da quale sia la convenzione che si usa, storica, politica, sociale, astronomica, il fatto di base e' sempre lo stesso: tutti osservano la tradizione, in un modo o in un altro.

Non sono una amante di feste di capodanno, sono più una persona che ama festeggiare ogni giorno con gratitudine, a prescindere, pero' e' anche vero che siccome le azioni sono spesso influenzate dall'ambiente circostante, e' facile cadere vittima del circolo vizioso e, come tutti fanno, dare un significato speciale a un giorno normale.

Ho deciso di passare il capodanno con una persona speciale, cucinare qualcosa di veramente buono e accoccolarsi al caldo a osservare la neve che cade. Stavolta il mio menu e' stato davvero creativo, con un ingrediente principale: formaggio. Allora, si parte da involtini di carta di riso ripieni di funghi e formaggio aromatizzato all'aglio, poi insalata di spinaci e funghi champignon con un tocco di gorgonzola, poi pure' di melanzane e formaggio al pepe. Ho poi anche fatto del pane integrale per acompagnare, e come dolce dei muffin di cioccolato e noci.


Come inizio d'anno e' stato proprio buono e felice, soprattutto se ad essere mia ospite sono io stessa. Eh, perché, porca miseria, conterò pur qualcosa io?




2 comments:

  1. What a wonderful message and that menu sounds delicious! Also, I can't believe it's snowing in Tokyo again this year!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thanks!
      Yes, in the end the snow lasted only a few hours, but, heh, I am sure it will snow in the next months.
      The cheesy menu was also a way to get rid of all leftovers ;)
      Next time we'll cook together something super delicious!

      Delete