Friday, July 18, 2014

Bon Odori with Fireworks

Andrew, my friend and colleague, tonight told me that he was surprised to see me at the temple. He thought I was done with all this traditional Japanese stuff…I am talking about the Bon Odori, the time in summer when people light up lanterns and dance in circle. 

Well, he was half-right. I actually do like the tradition, but I don't like the agitation such events bring. I mean, I simply don't like crowded places, having people bumping into me, people talking loudly, people even brushing me while walking (absentmindedly, in case of the Japanese)…so I don't know why I had decided to go and see -again- the bon odori dance at Sojiji Temple. It can be because of the memory I have of when I went last (See HERE), with the company of a couple of friends. Maybe the fact that I was playing with their kid made me oblivious to the crowd, or maybe it was just that I went on a low turnout day (or time of the day). 

This time, instead, as soon as I got to the temple entrance, I saw the uniform and dense carpet of human heads before me, the two lines of food stall on the sides with long lines of humans queueing to get some food and drinks, and I was really having second thoughts about walking up the long paved road leading to the main temple gate and to the dance stage. But another colleague was already there, waiting for me, so I motivated myself and slowly, cursing and cold-sweating, I found the person I was looking for.

As if to prize to my model of behavior for fighting the urge to scream at the horde of people and getting to meet my friend, there even was a fireworks display. It was really nice, just enough sparks and booms to cheer everyone up, make the little ones cry and make the grown-ups go ooohhh and ahhhhh. After that, lights go up again, music starts playing again and the dancing in circle continues.

Eventually, after being captivated by the dance, I see other colleagues who came to see the dance too, a first time for all of them. At the end of the day I was glad I went, following the spree of the moment, as it was a ton of fun. Me and Yuki even photo-bombed a couple posing by the temple main gate…I so hope we made it to be in the picture!

****************

Andew, mio amico e collega, stasera mi dice che non se l'aspettava proprio di vedermi al tempio. Pensava che io ne avessi abbastanza di queste tradizioni giapponesi…mi riferisco alla danza chiamata Bon Odori, ovvero quando in estate si accendono lanterne e si balla.

Diciamo che ci ha azzeccato per meta'. La tradizione mi piace, ma quello che non sopporto e' l'agitazione che tali eventi mi provocano. E' solo che non mi piacciono gli spazi affollati, o persone che mi sbattono inavvertitamente contro, persone che parlano a voce troppo alta, addirittura persone che mi sfiorano per sbaglio (e nel caso dei giapponesi questo accade spesso visto che hanno la testa altrove)…e quindi non so proprio perché mi sia decisa ad andare di nuovo a vedere la danza bon odori al tempio Sojiji. Penso che sia stato in base al ricordo che avevo dell'ultima volta che sono andata (Vedi QUI), in compagnia di una coppia di amici. Forse era perché giocavo con il loro figlio e quindi non mi sono proprio resa conto della folla, oppure era perché siamo andati in un giorno (o ora del giorno) con minore affluenza.

Stavolta invece, non appena sono arrivata all'ingresso del tempio e ho visto il denso e uniforme tappeto di teste umane di fronte a me, le file di bancarelle dove la gente aspettava in coda per comprare qualcosa da mangiare o da bere, ho avuto dei ripensamenti e non mi sentivo proprio di fare il viale d'ingresso che porta su fino al tempio. Ma un altro collega era già li che mi aspettava e quindi mi sono fatta coraggio, e lentamente, tra imprecazioni e lamenti, ho trovato la persona che stavo cercando. 

Come se fosse stato un premio per la mia buona condotta nel combattere il bisogno di gridare contro alla moltitudine che mi separava dal mio collega, c'erano pure i fuochi d'artificio. Uno spettacolo carino, con abbastanza luci e scintille da far felici tutti, far piangere i piccoli e far meravigliare i grandi. Dopo, le luci si riaccendono, la musica riparte e si ricomincia con la danza.


Alla fine, dopo aver ceduto alle danze, vedo altri colleghi che erano venuti al tempio. Era la prima volta che assistevano a questo tipo di tradizione. E sono stata contenta di aver seguito l'impulso del momento, dopotutto, ed essere andata, perché e' stato proprio divertente. Oh, io e Yuki abbiamo persino provato un bel photobomb a una coppia….spero davvero che ce l'abbiamo fatta.





No comments:

Post a Comment