Wednesday, April 2, 2014

Cucina Marina - Girl power with theme - Act III

Here comes the time for another appointment with Cucina Marina. The theme for the dinner was chosen as "Nuts4nuts", and as per usual my guests didn't disappoint me at all as a matter of their contribution. We even had the perfect cocktail drink -pina colada, although I had totally forgotten about a great and perfectly fitting addition to the menu (and to my bar): amaretto (almond liqueur, for those who don't know).

For some strange reason the weather must play games every time I arrange one of my dinners. I say so because I remember it was foggy the time before, and very cold the time before that. This time it was so windy that I was afraid my friends would slam on the door instead of ring the bell….

I invited my female coworkers, well representing all four corners of the globe...well, three at least, Europe, Americas, Asia. This is the beauty of working in an international environment.

In the menu we had cheese and nuts dips -quick and easy to make starters, then spaghetti with pistachio pesto (Sicilian style, no bloodshed involved, hehe), coconut chicken, crapes with chestnut and pumpkin filling, spinach and green apple salad with cashews, figs and almond pastries (Sicilian recipe). In addition, baked mixed nuts, two almond cakes, chocolate and peanuts bites all kindly provided by my friends. I think we did great and covered the whole nuts spectrum.

Having so much offer and variety on the table, I completely forgot I had one more dessert to serve, a cake that was brought by one of my female guests. This is the second thing I forgot. A third thing I forgot was to prepare the crapes sauce, so in the end they were quite dry. Oh, well, some fails teach us to do better the next time!
I can always blame the small size and the inconvenience of Japanese kitchens, too: when cooking for 8-10 people, doing well without the right tools is a challenge. 

During the dinner we talked about travels, customs and baggage claims accidents, we revealed our share of bad luck with rude and uncooperative airport staff, we learned more about what routes to fly not, what airports to transfer to not, what items to bring aboard not. On this last point: seriously tweezers and lighters in the cabin are allowed? Next time I will try and set the hair of the passenger sitting behind me and pulling my seat on fire…I swear I'll do. 

Besides having a pile of nutty snacks (wasabi flavored macadamias, salty peanuts, roasted mixed nuts with herbs, honey coated cashews and more stuff I don't even remember) for future use, I ended up with some leftovers. Whether a sign of bad cooking or of generous portions, there is no way to know. However, I better say only tiny amounts of food for each recipe were left (good sign?), but for such cases oven baked pasta pie is always a win: mix with what's left of the spaghetti with crapes stuffing, add some cherry tomatoes, cheese, grill in the oven for a while, serve. The second cake, the one I forgot about, makes a perfect breakfast treat, making sure that it is accompanied by coffee and not by pina colada….

It was sad that a few of the guests I had invited couldn't make it. We missed them, but I am sure they missed us more (or the food?).

Calls for another dinner are open. Any suggestions for the next theme? 

***********

E' tempo di un altro appuntamento con Cucina Marina. Il tema della cena e' stato frutta secca, e come al solito le mie ospiti non mi hanno per niente deluso. Abbiamo persino avuto a disposizione il cocktail perfetto -pina colada, anche se devo confessare che avrei dovuto ricordarmi un elemento perfetto da aggiungere al menu(e al mio bar): l'amaretto.

Le condizioni meteorologiche ogni volta che organizzo una cena sono abbastanza strane. Prima c'era nebbia, mentre stavolta c'era un vento così forte che avevo paura che le mie amiche sarebbero arrivate sbattendo sulla porta invece che suonando il campanello...

Questa volta ho invitato le amiche del lavoro, che hanno ben rappresentato i quattro angoli del mondo….eh, almeno tre, Europa, Asia e le Americhe. E' uno dei lussi che lavorare in un ambiente internazionale offre.

Nel menu della serata c'erano salsine di formaggio e noci, facili da preparare per antipasti e stuzzichino, poi spaghetti al pesto di pistacchio (stile siciliano, ma senza spargimento di sangue), pollo al cocco, crepes con ripieno di castagne e zucca, insalata di spinaci e mele con anacardi, biscotti ai fichi e mandorle (ricetta siciliana). Oltre a queste delizie, le mie amiche hanno contribuito con frutta secca mista con erbe al forno, due dolci a base di mandorle e bocconcini di cioccolato e arachidi. Mi sa che abbiamo coperto l'intero settore frutta secca.

Avendo una grande offerta sulla tavola, non ho pensato che c'era una seconda torta da offrire portata da una delle mie ospiti. Si e' la seconda cosa che ho dimenticato. E c'e' pure dell'altro, visto che ho anche dimenticato di preparare la salsa per le crepes e sono venute acuite. Vero e' che i fallimenti ci aiutano a fare meglio la volta seguente.
Posso sempre dar la colpa alle cucine giapponesi, troppo piccole e poco fornite: quando si cucina per 8-10 persone avere gli attrezzi giusti e' fondamentale.

Durante la cena si e' parlato di viaggi, disavventure con dogana e ritiro bagagli, abbiamo contribuito con la nostra parte di sfortuna nell'incontrare personale poco cooperativo, abbiamo preso nota delle rotte da non fare, degli aeroporti su cui non fare scalo, quali oggetti non portare a bordo. Riguardo a quest'ultimo punto, dico, ma sul serio gli accendini sono permessi in cabina passeggeri? La prossima volta proverò a dar fuoco ai capelli della persona dietro di me che continuamente spinge lo schienale della sedia…giuro!

A parte avere una quantità indefinita di frutta secca varia per usi futuri (nocciole macadam al wasabi, arachidi, anacardi al miele eccetera), mi sono avanzati resti. Se questo sieda interpretare come un segno di cattiva cucina o di porzioni abbondanti non si sa. A dire il vero, mi sono rimaste piccole porzioni di un po di tutto, ma in questi casi un pasticcio di pasta e' sempre un modo efficace per riciclare: metti insieme quel che resta di spaghetti, ripieno per crepes, pomodorini, formaggio, metti in forno e servi. La seconda torta, quella che ho dimenticato di presentare, e' un ottimo pasto da colazione, basta pero che sia accompagnata da caffè e non da pina colada…

Peccato che alcune delle amiche che avevo invitato non hanno potuto partecipare. Ci sono mancate, e di sicuro siamo mancate a loro ancora di più (o era la cena?).


Stiamo preparando la prossima cena. Suggerimenti per il tema?










No comments:

Post a Comment