Tuesday, April 22, 2014

Fly AND shop - Easter break 2014

Dreaded flight times are back again. One would think that the more one travels, the more used becomes to traveling. Doesn't apply to me. The more I travel, the less used I get to it. Maybe I should pick more exciting destinations or maybe I simply should try and relax. Thing is, I never happen to travel with a free mind: there is always something behind that bothers me so that I can't really focus on the joys of going places.

So, what's with all these Italian female crew and their fake platinum blond hair with visible regrowth? Is it the current trend? They are all old, their lips blew up with botox, they are all clumsy and can't stop gossiping. Also, they are not that well mannered. maybe I shall stop noticing it, since we all expats are kinda spoiled with Japanese extremely good manners.

But this is not limited to crew members only. No matter how often I fly, I always find the morons of the situation that have no clue whatsoever about manners. I thought the Chinese were the best in "mind the presence of others NOT". But I have to say that Italians and Spanish are catching up fast.

Another thing I should remember is to pre-order my meals when checking in online… put some low cholesterol/vegetarian/halal/something picks, so that my tray comes in first. Muhaha.

The two people sitting next to me were a nice Japanese couple newly weds on a honeymoon. How do I know that? It was typed THIS BIG on a card in their food trays. Special treatment in economy class. Nice. It must be a travel agency package thing, they always give special attentions to honeymooners and couples in Japan. I wouldn't be surprised to discover that they got wedded at Tokyo Disneyland, although they looked more mature than that.

There was another thing that amazed me…Either the Italians know their food business with the Japanese, or the Japanese know their food business with the Italians, but I have never seen this on a plane: I am talking about "home delivery service". Yes. There is a catalog of food and wines and other Italian products, with special offers and such (like a whole package with cheese, wines, sweets, ham, pasta and more). Convenience taken to the highest level: do your shopping on the fly -literally, place the order, get your shopping directly delivered home after you're back. Very Japanese, after all.

For a change, things went smoothly from end to end with the flights (only one transfer). No delays, no rushing to catch my connections, no sickness during the fight, no lost baggage, no obstacles what-so-ever. I even got both my brothers to pick me up at my arrival, something that is not given for granted as we rarely manage to synchronize our calendars.

A two weeks break is about to start, lots of family reunions are planned and good food is waiting to be eaten. Holiday time now.

**********

Il tempo dei temuti viaggi e' tornato. Uno penserebbe che più si viaggia e più ci si abitua a viaggiare. Non e' così per me. Più viaggio e meno mi abituo. Forse e' perché dovrei scegliere destinazioni più interessanti oppure dovrei semplicemente provare a rilassarmi. Il fatto e' che non mi capita mai di viaggiare a mente libera, c'e' sempre qualcosa che mi tiene in pensiero e quindi non mi posso concentrare appieno sull'andare in giro.

Ora, ma cos'e' questa cosa con le assistenti di volo italiane e i loro capelli tinti biondo platino con ricrescita a vista? E' la moda del momento? Sono tutte vecchie, distratte, hanno le labbra gonfie di botulino e non la smettono di spettegolare. E poi non sono neanche così cortesi. Ma forse dovrei smetterla di notare queste cose visto che noi espatriati in Giappone siamo abbastanza viziati dalle buone maniere.

Ma in effetti questa non e' una cosa tipica solo del personale a bordo. Non importa quanto spesso io viaggi, trovo sempre i classici antipatici della situazione che non sanno proprio niente riguardo a educazione. Pensavo che i cinesi fossero i migliori nell'arte del "ignora la presenza altrui", invece devo dire che italiani e spagnoli stanno risalendo la classifica.

Un'altra cosa che devo ricordarmi poi di fare assieme al check-in online e' di pre ordinare i miei pasti, scegliendo una qualsiasi opzione tra vegetariano/etnico/dietetico così da ricevere tutto prima degli altri, hahaha.

Accanto a me sedeva una coppia di giapponesi che si erano sposati da poco, ed erano in viaggio di nozze. Lo so perché nei loro vassoi del pranzo c'era una scritta grossa così. Bello, pero'. Deve essere una di queste cose che organizzano le agenzie di viaggio, visto che dedicano sempre molta attenzione a coppie e vacanzieri in luna di miele. Non mi sorprenderebbe più di tanto se questi due si fossero sposati a Tokyo Disneyland, anche se non mi sembravano di quel tipo li.

C'era un'altra cosa che mi ha meravigliato…ora, o gli italiani conoscono bene i giapponesi in fatto di cibo, o non so, eppure per la prima volta in un aereo ho visto un catalogo per ordinare prodotti alimentari e farli consegnare direttamente a casa al rientro. Con i giapponesi la convenienza raggiunge un livello superiore, e così letteralmente al volo questi possono scegliersi i loro prodotti tipici che desiderano provare e se li fanno spedire a casa mentre loro si godono la vacanza.

Per una volta, tutto il viaggio (con un solo cambio stavolta), da parte a parte, e' andato tranquillamente. Niente ritardi, niente corse per salire sul volo successivo, niente malori durante il viaggio, niente bagagli persi, niente ostacoli, insomma. Tra l'altro stavolta entrambi i miei fratelli erano ad aspettarmi all'arrivo, cosa che non diamo mai per scontata visto che far coincidere i nostri calendari e' impossibile.

Una pausa di due settimane sta per incominciare, sono pianificate tante riunioni di famiglia e tante cose buone aspettano di essere assaggiate. Ora e' tempo di vacanza.


Saturday, April 12, 2014

Forest Park Cherry Blossom viewing

Between the end of March and the beginning of April, the weather Gods allowing, cherry trees blossom everywhere. The Japanese all rush to do what's known as "Hanami" or cherry blossom viewing, they jam up every park or green spot where a cherry tree is available to spend one day eating and drinking. Their way to celebrate the coming of spring. So did I, and joined a group of friends and their mixed Japanese-Italian families. 
As me and my fellas live quite far apart, me in the south and they in the north-west, we agreed to find a place half-way and meet there.

We did find indeed a nice park west of town, a forest park actually as the name suggests (higashi-takadane mori kouen - 東高根森林公園), that was huge and surprisingly quiet. Probably all the other people were targeting other parks more well know or closer to the city. Good on us.

Hugs and kisses rituals done, from the meeting point we start walking to the park. A shortcut was to go through a cemetery (I think the largest I have seen so far), which is not as creepy as it may sound: it opens to an amazing view over Tokyo that extends as far as the Tokyo Sky Tree on the far East, it has got large roads, lots of nature, otherwise identifiable as rough vegetation growing from the neglected graves, and more importantly lots and lots of huge cherry trees in full bloom!

Not unusual to spot groups of people partying under those trees, but we only just walked through it to reach the forest park, the entrance to which was quite uphill. The neighborhood was as surprising: there were huge abandoned houses, huge houses protected by high walls and made safer by security cameras, old semi-disused houses (inhabited) with courtyards resembling a garbage collection center, but also lots of trees, flowers, and great views of the mountains.

The park area was very large, steep on one side but flat in the back. Clever wooden walkways were built all around the forest, so that people could watch for birds, water plants, ponds without getting dirt on their shoes. Most of the cherry trees had already lost their flowers and were turning green already, but as per Japanese tradition, we had to find a spot under or near a tree with enough flowers. And we find a nice and quiet one, eventually, near some benches. The afternoon went by through the classic chattering and snacking, and we made the educational walk around the forest as last, let the kids play for a while at the playground and calling it a day. 

As if we had timed it, we were back around the cemetery to admire the beauty of the cherry trees under the golden hour light, when their white flowers shone of pink and orange. It was a good end.

************

Tra la fine di marzo e l'inizio di aprile, divinità meteorologiche permettendo, ogni dove fioriscono i ciliegi. Tutti i giapponesi in quest'occasione corrono tutti a fare quello che si chiama "Hanami", o anche ammirare i ciliegi, affollano ogni parco o spazio verde che abbia un albero di ciliegio per passare un giorno a bere e mangiare e divertirsi. E' il loro modo per festeggiare l'arrivo della primavera. E così ho fatto anche io, assieme a un gruppo di amici con famiglie miste italo-giapponesi. 

Visto che io e loro viviamo agli antipodi, io a sud e loro a nord est, la soluzione di trovare un posto a meta' strada ha funzionato alla grande. E abbiamo trovato anche un bellissimo parco, una foresta a detta del nome (higashi-takadane mori kouen - 東高根森林公園), che era grande e stranamente non affollato. Probabilmente tutti gli altri erano a popolare i vari parchi in città. Buon per noi.

Praticato il solito rituale dei baci e abbracci, ci dirigiamo al parco tutti assieme. Una scorciatoia e' rappresentata dall'attraversare un cimitero (il più grande che abbia visto finora), e il che non e' poi così lugubre come sembra: da li si gode di una splendida vista su Tokyo che si estende fino alla nuova torre Tokyo Sky Tree all'estremo est, ci sono strade larghe, un sacco di nature che si può altrimenti identificare come vegetazione selvaggia che cresce sulle tombe, e cosa importante ha un sacco di ciliegi in fiore!

Non e' tanto inusuale vedere gruppi che si fermano qui per il picnic, ma noi lo abbiamo attraversato e ci siamo diretti al parco, che ha un ingresso abbastanza in alto sulla collina. Il vicinato e' stato altrettanto sorprendente: un sacco di case enormi abbandonate, altre case enormi circondate da alte mura e spiate da telecamere di sicurezza, vecchie case in semi-abbandono (abitate) il cui giardino sembrava una discarica, ma anche tanti alberi, fiori, e vista delle montagne.

Anche il parco era enorme, una parte inclinato sulla collina e l'altra parte più piatta sotto. Tutt'intorno alla foresta hanno costruito delle passerelle di legno, così che la gente poteva osservare la flora e la fauna senza sporcarsi le scarpe. La maggior parte dei ciliegi avevano già perso i fiori e le foglie stavano già spuntando al loro posto, ma visto che la tradizione giapponese lo prevede, abbiamo cercato un posto sotto o vicino a un albero con abbastanza fiori. E alla fine ne abbiamo trovato uno carino e tranquillo. Il pomeriggio e' passato tra una chiacchiera e un boccone, e alla fine abbiamo fatto la passeggiata educazione attorno alla foresta e poi abbiamo lasciato i bambini giocare un poco al parco giochi prima di rientrare.


Come se lo avessimo pianificato, siamo tornati in zona camposanto nell'ora giusta per ammirare in tutta bellezza i ciliegi sotto la luce del tramonto, con i fiori che riflettevano i rossi e gli arancio del sole. Un buon finale.









Wednesday, April 2, 2014

Cucina Marina - Girl power with theme - Act III

Here comes the time for another appointment with Cucina Marina. The theme for the dinner was chosen as "Nuts4nuts", and as per usual my guests didn't disappoint me at all as a matter of their contribution. We even had the perfect cocktail drink -pina colada, although I had totally forgotten about a great and perfectly fitting addition to the menu (and to my bar): amaretto (almond liqueur, for those who don't know).

For some strange reason the weather must play games every time I arrange one of my dinners. I say so because I remember it was foggy the time before, and very cold the time before that. This time it was so windy that I was afraid my friends would slam on the door instead of ring the bell….

I invited my female coworkers, well representing all four corners of the globe...well, three at least, Europe, Americas, Asia. This is the beauty of working in an international environment.

In the menu we had cheese and nuts dips -quick and easy to make starters, then spaghetti with pistachio pesto (Sicilian style, no bloodshed involved, hehe), coconut chicken, crapes with chestnut and pumpkin filling, spinach and green apple salad with cashews, figs and almond pastries (Sicilian recipe). In addition, baked mixed nuts, two almond cakes, chocolate and peanuts bites all kindly provided by my friends. I think we did great and covered the whole nuts spectrum.

Having so much offer and variety on the table, I completely forgot I had one more dessert to serve, a cake that was brought by one of my female guests. This is the second thing I forgot. A third thing I forgot was to prepare the crapes sauce, so in the end they were quite dry. Oh, well, some fails teach us to do better the next time!
I can always blame the small size and the inconvenience of Japanese kitchens, too: when cooking for 8-10 people, doing well without the right tools is a challenge. 

During the dinner we talked about travels, customs and baggage claims accidents, we revealed our share of bad luck with rude and uncooperative airport staff, we learned more about what routes to fly not, what airports to transfer to not, what items to bring aboard not. On this last point: seriously tweezers and lighters in the cabin are allowed? Next time I will try and set the hair of the passenger sitting behind me and pulling my seat on fire…I swear I'll do. 

Besides having a pile of nutty snacks (wasabi flavored macadamias, salty peanuts, roasted mixed nuts with herbs, honey coated cashews and more stuff I don't even remember) for future use, I ended up with some leftovers. Whether a sign of bad cooking or of generous portions, there is no way to know. However, I better say only tiny amounts of food for each recipe were left (good sign?), but for such cases oven baked pasta pie is always a win: mix with what's left of the spaghetti with crapes stuffing, add some cherry tomatoes, cheese, grill in the oven for a while, serve. The second cake, the one I forgot about, makes a perfect breakfast treat, making sure that it is accompanied by coffee and not by pina colada….

It was sad that a few of the guests I had invited couldn't make it. We missed them, but I am sure they missed us more (or the food?).

Calls for another dinner are open. Any suggestions for the next theme? 

***********

E' tempo di un altro appuntamento con Cucina Marina. Il tema della cena e' stato frutta secca, e come al solito le mie ospiti non mi hanno per niente deluso. Abbiamo persino avuto a disposizione il cocktail perfetto -pina colada, anche se devo confessare che avrei dovuto ricordarmi un elemento perfetto da aggiungere al menu(e al mio bar): l'amaretto.

Le condizioni meteorologiche ogni volta che organizzo una cena sono abbastanza strane. Prima c'era nebbia, mentre stavolta c'era un vento così forte che avevo paura che le mie amiche sarebbero arrivate sbattendo sulla porta invece che suonando il campanello...

Questa volta ho invitato le amiche del lavoro, che hanno ben rappresentato i quattro angoli del mondo….eh, almeno tre, Europa, Asia e le Americhe. E' uno dei lussi che lavorare in un ambiente internazionale offre.

Nel menu della serata c'erano salsine di formaggio e noci, facili da preparare per antipasti e stuzzichino, poi spaghetti al pesto di pistacchio (stile siciliano, ma senza spargimento di sangue), pollo al cocco, crepes con ripieno di castagne e zucca, insalata di spinaci e mele con anacardi, biscotti ai fichi e mandorle (ricetta siciliana). Oltre a queste delizie, le mie amiche hanno contribuito con frutta secca mista con erbe al forno, due dolci a base di mandorle e bocconcini di cioccolato e arachidi. Mi sa che abbiamo coperto l'intero settore frutta secca.

Avendo una grande offerta sulla tavola, non ho pensato che c'era una seconda torta da offrire portata da una delle mie ospiti. Si e' la seconda cosa che ho dimenticato. E c'e' pure dell'altro, visto che ho anche dimenticato di preparare la salsa per le crepes e sono venute acuite. Vero e' che i fallimenti ci aiutano a fare meglio la volta seguente.
Posso sempre dar la colpa alle cucine giapponesi, troppo piccole e poco fornite: quando si cucina per 8-10 persone avere gli attrezzi giusti e' fondamentale.

Durante la cena si e' parlato di viaggi, disavventure con dogana e ritiro bagagli, abbiamo contribuito con la nostra parte di sfortuna nell'incontrare personale poco cooperativo, abbiamo preso nota delle rotte da non fare, degli aeroporti su cui non fare scalo, quali oggetti non portare a bordo. Riguardo a quest'ultimo punto, dico, ma sul serio gli accendini sono permessi in cabina passeggeri? La prossima volta proverò a dar fuoco ai capelli della persona dietro di me che continuamente spinge lo schienale della sedia…giuro!

A parte avere una quantità indefinita di frutta secca varia per usi futuri (nocciole macadam al wasabi, arachidi, anacardi al miele eccetera), mi sono avanzati resti. Se questo sieda interpretare come un segno di cattiva cucina o di porzioni abbondanti non si sa. A dire il vero, mi sono rimaste piccole porzioni di un po di tutto, ma in questi casi un pasticcio di pasta e' sempre un modo efficace per riciclare: metti insieme quel che resta di spaghetti, ripieno per crepes, pomodorini, formaggio, metti in forno e servi. La seconda torta, quella che ho dimenticato di presentare, e' un ottimo pasto da colazione, basta pero che sia accompagnata da caffè e non da pina colada…

Peccato che alcune delle amiche che avevo invitato non hanno potuto partecipare. Ci sono mancate, e di sicuro siamo mancate a loro ancora di più (o era la cena?).


Stiamo preparando la prossima cena. Suggerimenti per il tema?