Sunday, February 9, 2014

More than a snow day


The heavies snowfall in 20 years (some say 40) coated greaterTokyo on Saturday. I can't confirm nor refute this, however I have to say I haven't seen so much snow since I moved here. Every winter we experience 'some' snow at our latitudes, just enough to cause public transport disruption for a few hours and a few casualties (like people slipping and falling), but not as much as yesterday. And also, we shall not forget that Tokyo and Tunis are more or less at the same latitude. Only that the eastern capital is tucked between Siberian winds and tropical storms, both condition that prevent Tokyo from being an oasis in the desert. 

Putting it in personal statistics, and not considering the times I go to the mountains obviously, I'd say that before I moved to Japan, I saw snow falling on my head twice: once when I was 6 and then again 10 years after that. So, in the last 7+ years I saw more snow than in my entire life.

Just a week or two ago north areas of Tokyo were also interested by extreme weather, whereas in the south it was just rain. So, we didn't take weather forecast seriously when they predicted 20cm of snow...
It started snowing the night between Friday and Saturday and by morning there were already 10cm of snow deposited on everything. They later became close to 30cm, actually, and it stopped snowing only late night on Saturday. Around lunch time I couldn't not go downstairs and play in the snow. This is a rare event, see, I couldn't risk to miss a chance to be silly…so, bundled up with camera in hands, I headed downstairs for a stroll. The scene in front of me reminded me those of a very good movie from 2011 -Hanna- where the main character is a girl who grew up in the (siberian?, scandinavian?) forest, surrounded year-round by just snow. Or, well, think of Narnia…

There were also some expected problems, like huge delays in trains, many lines were even stopped, road traffic was messed up. Not that I was planing on going anywhere. But apparently, some tried to, regardless. Well, at these latitudes and at sea level, citizens are not prepared for such a weather and don't really know how to do. Or at least, they could be expecting it, once every 20 years on average….but maybe enough, to forget about how it was the previous time. And in facts, the day after, wishy-washy sidewalks and roads represent what's left of all that snow. The day after the snowfall is more threatening, because  deposited snow turns ice. Shoveling the snow away? Of course not (ah, well, yes, actually. I saw a guy dumping the snow he collected from his shop door in the middle of the road…). Roads cleaning up? Of course not, apart from the main arteries… Now, I had to go out and do some grocery shopping today, and I confess I was scared to walk around: sidewalks were more suitable for speed skating and roads were a big slushy lane…what if someone driving loses control of their vehicle…thankfully trucks and buses had at least one tyre with chains.

I love the black&white effect caused by the snow, the brightness of it, the magic it is surrounded by, the tall buildings tops disappearing in the storm, the shining sun after the storm has passed, the eye-hurting whiteness off all those spots saved from footprints or tyre lines.

Oh, and, to conclude, Japanese women walking in high heels IN THE SNOW? No bullshit, they do exist! Respect, ladies, but…is it better one day without heels or one month with a cast?

Stay warm people in Tokyo and watch your step.

*************

La nevicata più massiccia degli ultimi 20 anni (c'e' chi dice addirittura 40) sabato ha imbiancato Tokyo. Non posso confermare ne' smentire questi numeri, comunque basta dire che da quando vivo qui non ho visto così tanta neve. Ogni anno, alle nostre latitudini, possiamo dire di aver visto un po' di neve, che e' abbastanza per alterare i trasporti per qualche ora e per causare qualche incidente minore (tipo persone che scivolano e cadono), ma non come ieri. Tra le alte cose, non dimentichiamoci che Tokyo e Tunisi sono più o meno lungo lo stesso parallelo, stessa latitudine. Solo che la capitale dell'est si trova tra i venti siberiani e le tempeste tropicali, condizioni entrambe che evitano a Tokyo di essere una oasi nel deserto.

In termini di statistiche personali, diciamo che prima che mi trasferissi in Giappone, ho visto la neve solo due volte: quando avevo sei anni, e poi dopo altri 10 anni. Quindi, diciamo che nei miei sette e passa anni qui, ho visto più neve che in tutta la mia vita.

Solo una o due settimane fa le aree a nord di Tokyo sono state interessate da condizioni climatiche estreme, mentre nelle nostre parti al sud abbiamo visto solo pioggia. Quindi non abbiamo prestato tanta attenzione alle previsioni che portavano 20cm di neve…
Ha cominciato a nevicare la notte tra venerdì e sabato e alla mattina c'erano già 10cm di neve. Più tardi, fino a quando ha smesso di nevicare la sera di sabato, sono poi diventati 30cm.
Intorno all'ora di pranzo non ho potuto non andare giù a divertirmi nella neve. E' un evento raro, quindi non volevo certo perdere l'occasione, così che ben coperta e munita di macchina fotografica sono andata per un passeggiata. La scena davanti a me sembrava quella di un bel film del 2011 -Hanna- che parla di una ragazza che e' cresciuta tra le foreste (siberiane, scandinave?) immerse nella neve. O anche, basta pensare a Narnia….

Ci sono stati anche disagi, certo, come ritardo dei treni, o addirittura proprio treni fermi, il traffico stradale in tilt. Che poi, dico, non e' che stessi pensando di andare chissà dove. Ma alcuni ci hanno comunque provato. In ogni caso, a queste latitudini, e vicino al mare, di certo la gente non e' preparata per condizioni avverse del genere. O per lo meno,  potrebbero, ogni circa 20 anni…che e' abbastanza per dimenticare come era andata la volta precedente. E a dimostrazione di ciò, il giorno dopo, tutto ciò che e' rimasto della neve erano marciapiedi e strade inzuppati e ghiacciati. La neve si trasforma in ghiaccio, e quindi rappresenta un pericolo maggiore che la nevicata in se. Spalare la neve? Non se ne parla (anzi, no ho visto un tizio pulire l'ingesso al suo negozio e buttare la neve nel mezzo della strada…). Pulire le strade? No di certo, a parte le arterie principali…Sono dovuta uscire per delle spese, e devo confessare che ero spaventata di camminare in giro: i marciapiedi erano più adatti a pattinaggio che a camminare, e le strade erano una grande corsia annacquata…immaginate se qualcuno mentre guida perde il controllo dell'auto…per fortuna almeno autobus e camion avevano almeno una ruota con catene.

Amo proprio l'effetto bianco e nero della neve, la sua luminosità, la magia che la circonda, i palazzi che spariscono nella nevicata, il sole che brilla dopo che la perturbazione se ne e' andata, il candore di quegli spazi innevati risparmiati da impronte o tracce di ruote.

E poi, colpo di classe per concludere, le donne giapponesi che NELLA NEVE se ne vanno coi tacchi? No, sacrosanta verità, esistono! Rispetto care le mie signore, ma dico…meglio un giorno senza tacchi o un mese col gesso?

Vabbe, gente a Tokyo, state al caldo e attenzione a dove mettete i piedi.









No comments:

Post a Comment