Wednesday, February 26, 2014

Zao - 蔵王 -- A tale of onsen, monsters and hitch-hiking.

Zao onsen (蔵王温泉) is in the middle of the small prefecture of Yamagata, in the north West of Japan. Its location facing the Russian cold winds, without any barrier, makes it possible for Zao to be blessed with a massive snow dump every winter. The temperature atop the mountain can be below zero during the day and it can drop to way way less than that over night, to the point of instant freezing.

So, what is Zao famous for? Definitely for the impressive ice formations that only strong winds and Siberian cold can create: the so called Ice Monsters. Trees near the top become completely covered with snow, shaped and crystallized into giant white blobs of various shapes. At night they can even look spooky, as colored lights are turned on all around the area for a better effect. I couldn't not to go up at night and see them, in the face of the -14 Celsius. The sight was impressive, looking like nothing that belongs to this world. In day time, with weather conditions bringing occasional snow, it was nearly impossible to tell sky and slopes -and monsters- apart. But the view that opened up before our eyes during the short clear sky intervals was nothing less than spectacular.

Another thing Zao onsen is known for is, as the name suggests, hot springs. Steamy rivers of sulfuric hot water stream throughout the town, and you smell them before you actually see them. This means that every hotel features baths with balmy water coming directly from the springs nearby. And if you get lucky, like I was, your hotel has got also an outdoor bath (make that two) where you can forget how cold the snow you look at is.

You might wonder what I was doing in Zao...I went on a ski trip over the weekend with colleagues. We took off from Tokyo early in the morning, went all the way to Yamagata passing through Fukushima, where the snow was actually about, if not more than one meter high, and eventually we made it to the ski resort where we had a bowl of noodles to warm our tummies and we eventually hit the slopes. Finally I got to pick my lead foot in snowboarding, although I must proudly acknowledge my completely ambidextrous style. I was taught a few tricks by multi-talented Derek sensei (yes, the same sensei who explained me everything about basketball - here), who patiently and deliberately stuck with me for a few rides just to make sure I wouldn't cause harm to myself nor to others. Until I sent him away…the boy's got to have his fun too. I have to say that Zao is very beginner-friendly, with long straight and wide slopes, boring for those who want to try jumps and other tricks, like my personal instructor of that day, but perfect for those like me who need to refine their skills.

After an endless number of tumbles, I figured out a way to reduce drastically the number of my epic falls so that I could enjoy the rest of the afternoon and the entire second day in trying all slopes, and zig-zagging under the lifts. And the soothing effects of the hot bath afterwards was very much needed for my poor bruised and sore body.

Adventures happen when one least expects it, and we indeed had our share of fun times. A short recap of the most topic facts:

1) Giving a meeting spot at Tokyo station is not enough. Planning for the last minute decision is crucial, even in a place like Japan. Transport is predictable to the split second, but people aren't. We were all in time, but we lost two upon departure anyway, despite all our efforts. Fortunately they caught up quickly (see the efficiency of transportation...).

2) A the resort, we all started from the central ropeway, but ended up going boarders on one side and skiers on the opposite side of the mountain. All our plans on meeting spots and times for the end of the dat went, no need to say, fubar.

3) Make sure the person with you knows how to read the resort map, or you'll end up somewhere with no return route. I went with Andrew on -perhaps- the only one black course (highest difficulty), in the only one area of the resort that didn't have a way back. We found out we became resourceful all of a sudden and chit-chatted a group of six nice girls from Sendai, who came by cars, and who dropped us back at the hotel. All's well what ends well. Hitching a ride in Japan: check!

4) I naively believed that if I have no visibility I shall not be on the slopes because I will definitely hurt myself. Nothing more wrong. I was having so much fun that I didn't want to stop. I tried a course where I could not see where the ground started and the sky ended, and yet I went down wonderfully just focusing on the technique. Later, on the same course but with full visibility, I actually realized what I had done just before and I couldn't repeat it because of fear…this tells a lot about the power of the mind.

5) Always check the fridge in the room before check-out: the evening of Saturday some of us left the dinner (huge delicious course menu that we couldn't finish) table earlier because we wanted to see the snow monsters…we ask that remaining food (still a lot) be delivered later to the girls room. We ate what we could, but when we left the room we also left behind what could have become a nice energy boost on the slopes for the following day…and we even spent time to wrap the rice in single portions!!

6) Seeing Japanese sized men's yukata (room robes you find at hotels in Japan) on Dutch sized men can make your day. What's better vision than a tall handsome man in a miniskirt?

The weekend in Zao went too quick, not enough time to enjoy the food, the hot baths, the company, the snow…and the monsters! It makes me want to go again.

**************

Zao Onsen (蔵王温泉) si trova nella prefettura di Yamagata, nel nord ovest del Giappone. La sua collocazione, affacciata ai venti freddi russi senza protezione alcuna, fa si che Zao venga interessata ogni inverno da pesanti nevicate. La temperatura durante il giorno, in cima alla montagna, può benissimo scendere sotto lo zero e scende molto ma molto di più la sera.

Per cosa e' famosa Zao? Decisamente per le formazioni di neve e ghiaccio che solo venti possenti e freddo siberiano possono creare: i famosi mostri di neve. Gli alberi che stanno in cima alla montagna vengono completamente ricoperti di neve che viene poi plasmata fino a diventare enormi ammassi di neve di varie forme. La sera possono addirittura far paura, quando luci colorate vengono accese intorno agli alberi per create effetti particolari. Non potevo perdermeli anche a -14 gradi…era come essere in un altro mondo. Durante il giorno, seppure con condizioni meteo che non permettevano di distinguere bianco dal bianco, la vista che si apriva di tanto in tanto sulla valle era spettacolare.

Un'altra cosa per cui Zao Onsen e' famosa, come il nome stesso suggerisce, per le terme. Fiumi fumanti di acqua sulfurea attraversano la cittadina, e li si riconosce a naso prima che a occhio. Ma ciò implica che tutti gli hotel della zona hanno una sorgente termale a cui attingere. E se un e' fortunato, come lo sono stata io, l'hotel ha addirittura sorgenti all'aperto (quello dove stavo io ne aveva due) dove ci si dimentica di quanto freddo faccia fuori.

Vi starete chiedendo cosa ci facessi a Zao…semplicemente un fine settimana con i colleghi a sciare. Siamo partiti da Tokyo la mattina presto, abbiamo attraversato Fukushima dove la neve era alta un metro o anche più, e siamo arrivati a Yamagata, poi ci siamo diretti agli impianti dove ci siamo riscaldati lo stomaco con una bella scodella di ramen, e poi via a divertirci. Finalmente sono riuscita a scegliere il mio lato dominante per lo snowboard, anche se devo orgogliosamente dire che sono perfettamente ambidestra. Ho imparato alcuni trucchi facili facili dal mio pluritalentato collega il quale ha deliberatamente e pazientemente deciso di farmi compagnia per un po', anche solo per essere sicuro che non facessi danno ne a me stessa ne a altri. Ma poi l'ho mandato via…il divertimento vale anche per lui.  C'e' da dire che Zao e' perfetta per i principianti perché le piste sono dritte e ampie, perfette per chi come me ha bisogno di pratica ma abbastanza noiose per chi vuole provare salti e altra roba di livello avanzato.

Dopo un numero infinito di capitomboli ho finalmente capito come ridurre drasticamente il numero di capriole in modo da poter trarre divertimento dall'andare su e giù per due giorni sulla neve. E l'effetto calmante delle calde acque termali a fine giornata era quello che ci voleva per le mie povere membra doloranti.

E siccome l'avventura ti raggiunge quando meno te l'aspetti, segue un breve riassunto dei fatti esilaranti del viaggio:

1) Avere un punto di incontro ben preciso in stazione non e' sufficiente. Anche in un posto come il Giappone bisogna pianificare anche le decisioni dell'ultimo minuto. I trasporti sono prevedibili, ma le persone non lo sono. Tutti eravamo in orario, ma chissà come due di noi sono rimasti indietro. Per fortuna, data l'efficienza dei trasporti, ci hanno potuto raggiungere in poco tempo.

2) Abbiamo tutti iniziato le nostre attività dallo stesso posto, ma ci siamo poi ritrovati da un lato quelli con snowboard, e da tutt'altra parte quelli con gli sci. Ovviamente i piani su punto di incontro e ora sono saltati… 

3) Assicurarsi sempre che la persona con cui si scia abbia una chiara idea di come leggere la mappa delle piste, altrimenti uno finisce che si perde.  Io e un altro collega siamo andati sull'unica pista per esperti e l'unica in un'area da cui non si poteva tornare indietro. A quel punto ci siamo armati di coraggio e abbiamo chiesto a un gruppo di ragazze con la macchina di darci un passaggio fino all'hotel. Autostop in Giappone: fatto!

4) Ho sempre pensato che se non ho una buona visibilità dovrei starmene lontano dalle piste, visto che potrei fare più danno che altro. Sbagliato. Mi stavo divertendo così tanto che non mi volevo fermare e sono andata giù da una pista senza poter distinguere niente eppure mi sono concentrata sulla tecnica e tutto e' andato a meraviglia. Dopo rifaccio lo stesso percorso ma con piena visibilità e mi sono lasciata sopraffare dalla paura…quando si dice del potere della mente…

5) Controllare sempre il frigo in camera prima del checkout: la sera del sabato alcuni di noi siamo andati via prima di finire la cena (un menu delizioso tra l'altro e abbondante) perché volevamo vedere i mostri di neve e quindi abbiamo chiesto se il resto della cena poteva essere conservato e poi portato in camera al nostro rientro. Abbiamo mangiato quello che potevamo ma poi ci siamo dimenticati di quello che e' rimasto….e ci siamo pure messi a prepararci porzioni da viaggio per il giorno dopo!!!


Il fine settimana a Zao e' passato troppo velocemente e non c'e' stato tempo per godersi la neve, la compagnia, il cibo, le terme, e... i mostri!













Wednesday, February 19, 2014

Lifestyle - Professional indecorum

This may or may not be a nation-wide phenomenon, since I only have my workplace as use case. To be more precise, just one joint meeting that happened a few days ago was capable of triggering all this.
However, it seems to have potential for being a trend. Another sneak-peek into what is really Japanese sheds a light into workplace faux pas(es).

Conferences, meetings, symposiums, and any other events that bring Japanese and non-Japanese scientists and researchers together have always several common denominators...

Audio/video operators. When giving talks to a big audience, there are always a big room, a video set and microphones. Oh, and people who fiddle with buttons in order to render the presenter's voice at best. Expert techs or not, those people have no common sense: no matter the tone of a presenter's voice, the volume of all mikes is set to the same. So, say, from 1 to 10, it is always 5. Well, someone like me could entertain a big audience without using a microphone at all. Just imagine if I started off with my usual pitch AND with a mike...ear drum perforation at least!

Wireless microphones. People! When given a mike to ask a question, make sure to: 1) use it! 2) turn it on (or check, at least, as it is not given for granted that the mike operators are doing it for you) and 3) once you're done with your questions, TURN IT OFF, because it creates interference. 4) if you are the one who's giving the talk, and the expert techs behind you can't help on reducing the squeaky sound of your mike, well, place it a bit lower..no need to eat it (or, lower your voice a notch...).

Tech improvement, aka Corollary to the two above. Yes, this is both a fault in the audio/video operators job (if they were brainy they could do what presenters don't and play with the volumes - I have done it before, so it can be done!), and the unavailability of better, newer equipment (how long have we used those same microphones for?).

Language proficiency. I'd rather say nothing here. But you got the message anyway, right? I just think it would be nice to polish up that speech and make it more fluid...
Public speaking ability - addendum to proficiency. OK, although you, presenter, have everything printed on your current slide, quickly waving through your (cryptic) plots, by laser pointer and just say "..and we did this, and we obtained this and here we are showing what happens if we add that..." doesn't make you look good. You confuse the audience.

A dramatic turn of events. You see the presenters' names listed in the program. Most of the times you hope there are many foreign speakers. Or at least, you hope their English is good enough anyway...well, rejoice not! Foreign sounding names mean nothing! It is the turn of that Korean guy (or so says their full name...I mean, who else can be a 'Kim' or 'Jeong'...right?), and as soon as he starts the talk with the VERY familiar "Eeeto", you realized you've been conned. Yes, apparently many Japan born-and-raised foreigners are scientists. Hm. Same story with the HK Chinese...you'd think they speak good English, as it is officially spoken in HK too. Yes, they do. If only some of them didn't eat up the end of each sentence and slowed down a bit their pace!!! I mean, and don't repeat "I mean" every three words, cos, I mean, it doesn't sound professional, I mean,it is not cool for a conference, I mean...

Presentation skills, aka, the mother of all eye twitches. Oh, the glory of the bright yellows and greens on white background! Not to mention white text on light blue background.....Was that wrapping paper for a boy's baby shower present? The list of horrors I have witnessed over the years could go on for ever, so I shall simply stop before causing traumas to your vision (just by imagination, now if that ain't magic...).

Obligation or dedication? This is more of a bittersweet ending: last meeting I attended was also attended by a woman who got married just THE DAY BEFORE! I kid you not! Well, people, work on your professional skills, and see you at the next conference.

*********************

Quello di cui sto per parlare può o può non essere un fenomeno nazionale, visto che come riferimento posso usare solo il mio posto di lavoro. Più precisamente, un solo meeting di qualche giorno fa e' stato abbastanza da far scaturire tutto ciò. Comunque, potrebbe esserci del potenziale per una tendenza. Un altro appuntamento con la saga Lifestyle spia in l'azienda per scoprirne le gaffes.

Le conferenze, riunioni, e ogni altro evento che porta assieme ricercatori giapponesi e non hanno sempre qualcosa di comune…

Operatori audio/video. Quando si parla a un pubblico vasto, ci sono sempre una sala, un set video e microfoni. Ah,  e ovviamente persone che premono bottoni vari per far si che la voce di chi presenta sia perfetta. Che siano tecnici esperti o no, queste persone non hanno senso pratico: non ha importanza che tono di voce abbia chi parla, tanto il volume dei microfoni e' sempre lo stesso. Diciamo che in una scala da 1 a 10 e' sempre 5. Ora, una come me non avrebbe neanche bisogno del microfono per intrattenere una platea. Immaginate che succede se parto col mio solito tono e per di più parlo con un microfono…come minimo perforerei qualche timpano!

Microfoni senza fili. Gente! Quando vi danno un microfono per fare una domanda, assicuratevi di 1) usarlo! 2) accenderlo (o per lo meno varrebbe la pena controllare nel caso in cui gli efficienti operatori audio non lo hanno fatto per voi) e 3) spegnerlo appena avete finito la domanda, per non creare interferenze. 4) se siete la persona che presenta, e i bravi tecnici alle vostre spalle non riescono proprio a diminuire il volume del microfono, allontanatelo un poco, mica c'e' bisogno di mangiarlo (oppure abbassate il tono di voce…).

Miglioramenti tecnici, o anche Corollario dei due punti sopra. Qui ci sono due problemi: il fallimento degli operatori audio/video (dico, fossero lievemente più svegli, visto che chi presenta non lo fa, potrebbero benissimo applicarsi e regolare il volume - io l'ho fatto e vi assicuro che si può fare!), e poi la mancata disponibilità di attrezzatura migliore (da quanto tempo e' che usiamo gli stessi microfoni?).

Padronanza linguistica. E qui io calerei un velo pietoso semplicemente, senza aggiungere altro…anzi, direi solo che una ripassatina a quella presentazione per renderla più fluida non guasterebbe…
Capacita di esposizione - un'aggiunta alla padronanza. Seppure, caro presentatore, hai sistemato tutte le figure nella tua (criptica) presentazione, puntare il laser in maniera caotica dicendo "e facendo questo abbiamo ottenuto questo e qui dimostriamo cosa succede se a questo aggiungiamo quello" non aiuta di certo. 

Colpi di scena. Nel programma delle conferenze sono elencati i nomi di chi presenta. La maggior parte delle volte uno si ritrova a sperare che ci siano molti non giapponesi. O per lo meno uno spera che il loro inglese sia abbastanza comprensibile. Beh, non gioite così presto. Nomi che suonano molto stranieri non significano nulla. E' il turno del tal dei tali coreano (o così sembra dal nome. Dico, chi altri si può chiamare Kim o Jeong?) e non appena inizia a parlare con quel familiarissimo intercalare "Eeeto", si capisce il raggiro. A quanto pare in Giappone molti sono i ricercatori di provenienza straniera ma nati e cresciuti qui. Vabbe. Poi tocca alla tipa cinese di HK….uno penserebbe che parla inglese bene, visto che e' la lingua che si parla anche a Hong Kong. Si, di parlare lo parla, e' solo che farebbe meglio a rallentare il passo e evitare di mangiarsi la fine di ogni frase!! E poi, tipo, non ripetere "tipo" ogni tre parole, che, tipo, non fa professionale, tipo, non e' proprio indicato per una conferenza….tipo…

Abilita nel presentare, ovvero l'origine di tutti i tic nervosi. Oh, quei gloriosi gialli e verdi brillante su sfondo bianco! Per non parlare del testo bianco su sfondo azzurro cielo….e che cos'e', carta da regalo? Comunque, la lista di orrori a cui ho assistito negli anni e' troppo lunga, per cui preferisco fermarmi per evitare di causare traumi alla vostra visione.


Obbligo o dedizione? Questo e' più per un finale dolce-amaro: all'ultima conferenza a cui ho partecipato c'era pure una tipa che si era sposata IL GIORNO PRIMA!!! Veramente! Vabbe, gente, lavorate sulle vostre capacita espressive e ci vediamo alla prossima conferenza.


Friday, February 14, 2014

White Snow vs Pink Lotus -- or Keep calm and go to Hollywood!

Another snow storm hits Japan on Valentine's….to make a pun, it is a White Valentine's Day, and the Japanese and Japan expats know what White means in this case. To enlighten novices, White day is the day, March 14th, when guys buy back Valentine's gifts to their girls. It is just a marketing thing, but works just fine.

Anyway, two big storms just a week apart are a bit too much for this city. The positive outcome of it is that, in order to not get stuck at work, we are allowed to leave work early and catch our transportation before the public system goes haywire. Then, stop by the food store, grab that gorgeoulicious cheesecake for a sweet self-treat (goes well with the red berries tea) and for breakkie over the weekend, grab some dumplings and envision a warm soup dinner (I am cooking Japanese tonight), maybe do some yoga while watching the snow falling down, catch up on messages, emails and similar.

Today I attended a one day event organized by one of the divisions in RIKEN, something along the lines of "Research meets Medicine". It was a lot about what we can do to isolate and prevent genetic diseases,an interesting topic, and featured guests coming from disparate (not desperate) fields: a guy from a pharma company, whose talk I couldn't attend; a California surgeon (you could easily guess from the accent) specialized in diagnosis (and especially removal) of breast and ovarian cancers; a director of a research center in the Faroe Islands (Where?) who wants to prevent diseases with pre-screening of nearly the entire population.

Now, the Faroe guy was all business-like attitude, and it seemed to me that he repeated the same concepts again and again every second slide, and was on the advice of conquering the world with his preventive diagnostics approaches. Beautiful scenery pictures, though, he showed. Technically, the islands are Danish territory, geographically located north of England. Go figure this mess.
The surgeon. Oh, the surprise! It was a woman in her 40's, beautiful and straight to the point: once you are sure you don't want kids anymore, just get rid of breasts and ovaries and you'll live cancer-free ever after. Gossip more than fame was what brought attention to her: she's the one who operated Angelina. Yes, THAT Angelina. How many others do you know? 
Until Doc focused her talk on the responsible genes whose mutations can give rise to cancer, she was interesting. Then she had to go through a self-advertising section where she showed her center, the Pink Lotus Breast Center in the hearth of Beverly Hills (co-founded with her husband), and then she unveiled her secrets for a perfect mastectomy without traumas (mostly psychological and also physiological), her tips, and a looooooong set of slides with…er boobs, and tattooed nipples and the like. Let's just say that the audience was not there to hear about how good the surgeon is, but rather about what the surgeon had to say about cancer prevention…but again, Angelina might have tipped the scales here.

The symposium was divided into morning talks and an afternoon free discussion, and because the attending party was mainly made of Japanese companies' heads or physicians (here I am wild guessing, based on the topic of the meeting) , there was simultaneous translation available. Sweet. But at the same time saddening: I mean, all these potential joint-ventures in the name of science that the symposium should trigger, would require some English language skills from both parts, right? I wonder how the discussion section is the afternoon went, how Japanese companies CEO's think of interacting with, say, Faroese people to build up collaborations….

However, to wrap up, I didn't join the afternoon session because I was busy in finding my way home before the darkness fell on snowy Tokyo. Stay warm!

***************

Un altra nevicata sul Giappone il giorno di san Valentino…e' un White Valentine (battuta), e sia i giapponesi sia gli espatriati in questo posto sanno a cosa mi riferisco. Per illuminare gli ignari, il White day e' il 14 Marzo ed e' il giorno in cui li uomini fanno un regalo alle donne, in cambio di quello che hanno ricevuto per san Valentino. E' solo una trovata per far soldi, ma funziona.

Comunque, due vere e proprie bufere a distanza di una settimana una dall'altra sono un po' troppo per questa città. La cosa buona e' che oggi siamo usciti dal lavoro prima in modo da non restare intrappolati chissà dove visto che i trasporti pubblici in questi casi non funzionano bene. Sono passata dal supermercato, ho preso una golosissima torta fredda come regalo (e sta bene col te' ai frutti rossi) per la colazione del fine settimana, ho preso un po' di ravioli di carne per preparare un bel brodo caldo (stasera si cucina giapponese), forse faccio un po' di yoga mentre la neve fuori si deposita, leggo le mie email, i miei messaggi, insomma, cose così.

Oggi sono stata a un evento di un giorno organizzato da una delle divisioni del mio istituto, qualcosa che si poteva definire "La ricerca incontra la medicina". Si trattava in pratica di cosa possiamo fare per isolare e prevenire le malattie genetiche, tematica interessante, e c'erano ospiti provenienti dai settori più disparati (non disperati): un tizio che rappresentava una casa farmaceutica, ma che non ho potuto ascoltare; un chirurgo della California (si capiva subito dall'accento) specializzato in diagnosi (e specialmente asportazione) di cancri al seno e alle ovaie; un direttore di un centro di ricerca alle isole Faroe (Eh, dove?) che vuole prevenire le malattie con esami preventivi per praticamente tutta la popolazione.

Ora, questo tipo delle Faroe aveva questo atteggiamento da uomo d'affari, e mi e' sembrato ripetere gli stessi concetti ogni due o tre pagine e era convinto che questo suo tentativo di diagnosi preventiva conquisterà il mondo. Le immagini della sua terra, pero', erano bellissime. Tecnicamente, le Faroe sono territorio danese, seppure geograficamente stanno sopra il regno unito. Vai a capire.
Il chirurgo, beh, che sorpresa! E' una donna sui 40, bella e che va direttamente al sodo: quando ti sei convinta che non vuoi avere altri figli, liberati di ovaie e mammelle e sarai per sempre immune al cancro. Il gossip su di lei, più che a sua fama e' ciò che ha attirato le persone: lei e' il medico che ha operato Angelina. Si, si, QUELLA Angelina…quante altre ce ne sono?
Ora, fino a quando la dottora parlava dei geni che se mutano possono causare il cancro, la sua presentazione era interessante. Ma poi e' per forza dovuta spostarsi nel settore dall'auto pubblicità e ha parlato del suo centro, il Pink Lotus Breast Center nel cuore di Beverly Hills (fondato assieme al marito), poi ha rivelato le sue tecniche e i suoi segreti per la perfetta operazione chirurgica senza traumi (psicologici ne' fisiologici), e poi e' stato il turno di una luuuuuuunga serie di immagini di….ehm…..seni, capezzoli tatuati e cose simili. Diciamo solo che il pubblico non era certo li per ascoltare su quanto brava fosse come chirurgo, ma piuttosto voleva sapere cosa il chirurgo avesse da dire in fatto di prevenzione del cancro…pero' va bene, magari in questo caso Angelina funge da ago della bilancia.

La conferenza era suddivisa in una sezione mattutina con le presentazioni e poi una sezione pomeridiana in cui si prevedeva discussione libera. Visto che la maggior parte dei partecipanti proveniva da industrie o ospedali (o questo sarebbe il mio azzardo, in base alla tipologia dell'evento), era prevista la traduzione simultanea. Bello, bello. Ma triste allo stesso tempo: nel senso che tutte queste grosse personalità che si ritrovano qui e rappresentano potenziali alleanze nel nome della scienza, devono pur sapere un minimo di inglese. Immagino come possa andare una discussione quando un amministratore delegato o un presidente di una industria farmaceutica giapponese voglia interagire con il tizio delle Faroe….

Per concludere, alla fine non ho assistito alla parte del pomeriggio visto che ero impegnata a ritrovare la strada verso casa prima che la notte abbracci Tokyo. State al caldo!


Thursday, February 13, 2014

Today's thoughts

Like James Joyce's Ulysses.

Going to the supermarket after work, the day before valentine's day is a bad idea. Food is already all gone but people aren't. They just accumulate in front of the valentine's chocolate booth and take ages to pick their favorite wrapping. It is insane. You had one month to buy your sweet treats. ONE. MONTH. FFS.

I haven't had sushi in a long time. I mean, really long time. I used to eat sushi every, well, second day, I'd say. I think it's because of the cold weather. Once i leave the office the only thing I want to do is go home and warm up, fire up my kitchen and let the heat and nice smell of good food diffuse. Eating cold sushi doesn't feel so warm right now. But I miss it. 

Also, pizza, now that I think of it. I haven't had it in a long time. I miss those days when with Elisa or Yukiko I went every week to my favorite restaurant, sit at my favorite table, drinking my favorite red. It is not the food itself that I miss. Well, once in a while a well made stone oven baked pizza is totally welcome, I concede. But it is not that I would die if I don't have it. But I miss the whole atmosphere, the excuse to meet up regularly with someone I am fond of, someone worth my time and attention.

A while ago I watched an American classic: "Easy rider", with a very young and stunning Peter Fonda riding his bike from LA to NO. Today I found myself watching another milestone movie "The wild angels", again with Peter Fonda in the role of a bikers gang boss.  Great soundtracks for both films (those big hits form the 60's) even greater scenery….Peter Fonda, I am so Fonda of you! I now want to live the American dream, wear a leather jacket and ray ban shades and give up everything to travel the country on a Harley. 

I have lost my self control. True that I get often provoked, but I still shall not take the challenge when the challenge comes from someone who doesn't know me enough, from someone who doesn't care. I shall not take the challenge at all. I mean, what do they know? 

I want to go home. No, not that home, the other one. Nope, the other one. However, I shall follow the suggestion "suffer in silence". All other options have been thoroughly evaluated, and they lead to nothing. So, we shan't agitate the waters. At the end of the day it doesn't matter, really.

If i eat enough Swedish chocolate, will I eventually speak Swedish? Challenge on.

Considering that my neighbor upstairs (The Mammoth) is what's left of a prehistoric glory, she must also be using prehistoric tools to clean the house. She must have a vacuum cleaner made of rock. One. Big. Heavy. Piece. Of. Rock.

***********

Come Ulisse di James Joyce.

Andare al supermercato dopo il lavoro, il giorno prima di san Valentino e' una cattiva idea. Tutto e' già sparito, mentre la gente no. Loro invece si accalcano davanti agli scaffali con la cioccolata e ci stanno secoli a scegliere il loro pacco preferito. E' da matti. Avete avuto un intero mese per comprare i vostri dolci regali! UN MESE, cavolo!

Non mangio sushi da un po'. Ma davvero. Prima mangiavo sushi potrei dire ogni due giorni. Mi sa che e' il freddo. Quando esco dall'ufficio la sola cosa che voglio e' andare a casa e stare al caldo, riscaldare la casa con il fuoco dei fornelli e il profumo di cose buone. Proprio ora mangiare sushi non e' il caso. Ma mi manca.

La pizza. Anche la pizza non la mangio da secoli, ora che ci penso. Mi mancano i giorni in cui con Elisa o Yukiko mi vedevo ogni settimana e andavo al mio ristorante preferito, mi sedevo al mio tavolo preferito e degustavo il mio rosso preferito. Non e' che mi manca il mangiare in se. Va bene, lo dico, una volta ogni tanto una pizza fatta bene e cotta nel forno a legna non la disdegno mica. Pero' non e' che muoio se non ce l'ho, ecco. Piuttosto mi manca l'atmosfera, la scusa di incontrare qualcuno a cui tengo e a cui dedicare tempo e attenzione.

Qualche giorno fa ho guardato un classico film americano: "Easy Rider" con un giovane e bello Peter Fonda che con la sua moto andava da Los Angeles a New Orleans. Oggi guardavo un altro classico "The wild angels", di nuovo con Peter Fonda nel ruolo di capo di una banda di motociclisti. Entrambi i film hanno musiche grandiose, quei grandi successi degli anni 60, scenari ancora più grandiosi. Ora ho voglia di vivere il sogno americano, di indossare una giacca di pelle e occhiali da sole e abbandonare tutto per viaggiare a cavallo della mia Harley.

Ho perso l'autocontrollo. E' vero che vengo provocata spesso, ma comunque non dovrei accettare la sfida, soprattutto quando la sfida viene da chi non mi consce abbastanza, da chi non gliene frega nulla. Non dovrei perdere la calma in ogni caso, che ne sanno loro?

Voglio andare a casa. No, quell'altra casa. No, no, quell'altra. Mi sa che e' meglio seguire il consiglio "soffrire in silenzio". Tutte le alte opzioni sono state valutate attentamente e non portano a nulla. Quindi meglio non agitare le acque. Tanto, alla fine non importa granché.

Se mangio abbastanza biscotti o cioccolata svedesi, parlerò' svedese alla fine? Sfida aperta.


Considerando il fatto che la mia vicina al piano di sopra (Mammut) e' ciò che rimane di una preistoria gloriosa, quando pulisce la casa deve per forza usare apparecchi preistorici. Di sicuro ha una aspirapolvere di pietra. Un unico intero pezzo di dura pietra.


Sunday, February 9, 2014

More than a snow day


The heavies snowfall in 20 years (some say 40) coated greaterTokyo on Saturday. I can't confirm nor refute this, however I have to say I haven't seen so much snow since I moved here. Every winter we experience 'some' snow at our latitudes, just enough to cause public transport disruption for a few hours and a few casualties (like people slipping and falling), but not as much as yesterday. And also, we shall not forget that Tokyo and Tunis are more or less at the same latitude. Only that the eastern capital is tucked between Siberian winds and tropical storms, both condition that prevent Tokyo from being an oasis in the desert. 

Putting it in personal statistics, and not considering the times I go to the mountains obviously, I'd say that before I moved to Japan, I saw snow falling on my head twice: once when I was 6 and then again 10 years after that. So, in the last 7+ years I saw more snow than in my entire life.

Just a week or two ago north areas of Tokyo were also interested by extreme weather, whereas in the south it was just rain. So, we didn't take weather forecast seriously when they predicted 20cm of snow...
It started snowing the night between Friday and Saturday and by morning there were already 10cm of snow deposited on everything. They later became close to 30cm, actually, and it stopped snowing only late night on Saturday. Around lunch time I couldn't not go downstairs and play in the snow. This is a rare event, see, I couldn't risk to miss a chance to be silly…so, bundled up with camera in hands, I headed downstairs for a stroll. The scene in front of me reminded me those of a very good movie from 2011 -Hanna- where the main character is a girl who grew up in the (siberian?, scandinavian?) forest, surrounded year-round by just snow. Or, well, think of Narnia…

There were also some expected problems, like huge delays in trains, many lines were even stopped, road traffic was messed up. Not that I was planing on going anywhere. But apparently, some tried to, regardless. Well, at these latitudes and at sea level, citizens are not prepared for such a weather and don't really know how to do. Or at least, they could be expecting it, once every 20 years on average….but maybe enough, to forget about how it was the previous time. And in facts, the day after, wishy-washy sidewalks and roads represent what's left of all that snow. The day after the snowfall is more threatening, because  deposited snow turns ice. Shoveling the snow away? Of course not (ah, well, yes, actually. I saw a guy dumping the snow he collected from his shop door in the middle of the road…). Roads cleaning up? Of course not, apart from the main arteries… Now, I had to go out and do some grocery shopping today, and I confess I was scared to walk around: sidewalks were more suitable for speed skating and roads were a big slushy lane…what if someone driving loses control of their vehicle…thankfully trucks and buses had at least one tyre with chains.

I love the black&white effect caused by the snow, the brightness of it, the magic it is surrounded by, the tall buildings tops disappearing in the storm, the shining sun after the storm has passed, the eye-hurting whiteness off all those spots saved from footprints or tyre lines.

Oh, and, to conclude, Japanese women walking in high heels IN THE SNOW? No bullshit, they do exist! Respect, ladies, but…is it better one day without heels or one month with a cast?

Stay warm people in Tokyo and watch your step.

*************

La nevicata più massiccia degli ultimi 20 anni (c'e' chi dice addirittura 40) sabato ha imbiancato Tokyo. Non posso confermare ne' smentire questi numeri, comunque basta dire che da quando vivo qui non ho visto così tanta neve. Ogni anno, alle nostre latitudini, possiamo dire di aver visto un po' di neve, che e' abbastanza per alterare i trasporti per qualche ora e per causare qualche incidente minore (tipo persone che scivolano e cadono), ma non come ieri. Tra le alte cose, non dimentichiamoci che Tokyo e Tunisi sono più o meno lungo lo stesso parallelo, stessa latitudine. Solo che la capitale dell'est si trova tra i venti siberiani e le tempeste tropicali, condizioni entrambe che evitano a Tokyo di essere una oasi nel deserto.

In termini di statistiche personali, diciamo che prima che mi trasferissi in Giappone, ho visto la neve solo due volte: quando avevo sei anni, e poi dopo altri 10 anni. Quindi, diciamo che nei miei sette e passa anni qui, ho visto più neve che in tutta la mia vita.

Solo una o due settimane fa le aree a nord di Tokyo sono state interessate da condizioni climatiche estreme, mentre nelle nostre parti al sud abbiamo visto solo pioggia. Quindi non abbiamo prestato tanta attenzione alle previsioni che portavano 20cm di neve…
Ha cominciato a nevicare la notte tra venerdì e sabato e alla mattina c'erano già 10cm di neve. Più tardi, fino a quando ha smesso di nevicare la sera di sabato, sono poi diventati 30cm.
Intorno all'ora di pranzo non ho potuto non andare giù a divertirmi nella neve. E' un evento raro, quindi non volevo certo perdere l'occasione, così che ben coperta e munita di macchina fotografica sono andata per un passeggiata. La scena davanti a me sembrava quella di un bel film del 2011 -Hanna- che parla di una ragazza che e' cresciuta tra le foreste (siberiane, scandinave?) immerse nella neve. O anche, basta pensare a Narnia….

Ci sono stati anche disagi, certo, come ritardo dei treni, o addirittura proprio treni fermi, il traffico stradale in tilt. Che poi, dico, non e' che stessi pensando di andare chissà dove. Ma alcuni ci hanno comunque provato. In ogni caso, a queste latitudini, e vicino al mare, di certo la gente non e' preparata per condizioni avverse del genere. O per lo meno,  potrebbero, ogni circa 20 anni…che e' abbastanza per dimenticare come era andata la volta precedente. E a dimostrazione di ciò, il giorno dopo, tutto ciò che e' rimasto della neve erano marciapiedi e strade inzuppati e ghiacciati. La neve si trasforma in ghiaccio, e quindi rappresenta un pericolo maggiore che la nevicata in se. Spalare la neve? Non se ne parla (anzi, no ho visto un tizio pulire l'ingesso al suo negozio e buttare la neve nel mezzo della strada…). Pulire le strade? No di certo, a parte le arterie principali…Sono dovuta uscire per delle spese, e devo confessare che ero spaventata di camminare in giro: i marciapiedi erano più adatti a pattinaggio che a camminare, e le strade erano una grande corsia annacquata…immaginate se qualcuno mentre guida perde il controllo dell'auto…per fortuna almeno autobus e camion avevano almeno una ruota con catene.

Amo proprio l'effetto bianco e nero della neve, la sua luminosità, la magia che la circonda, i palazzi che spariscono nella nevicata, il sole che brilla dopo che la perturbazione se ne e' andata, il candore di quegli spazi innevati risparmiati da impronte o tracce di ruote.

E poi, colpo di classe per concludere, le donne giapponesi che NELLA NEVE se ne vanno coi tacchi? No, sacrosanta verità, esistono! Rispetto care le mie signore, ma dico…meglio un giorno senza tacchi o un mese col gesso?

Vabbe, gente a Tokyo, state al caldo e attenzione a dove mettete i piedi.









Thursday, February 6, 2014

DGT Retreat 2014


The day of the dreaded company retreat came this year too. Location was always the same place in the middle of the countryside in Saitama. And like every year, it took two hours to get there by company bus: one hour just to traverse Tokyo (via the highway), and one hour to reach the venue (and we included a 20 min stop at a serviced area on the way). But this year was warm, so warm that it didn't feel winter at all. 

I will never understand why we spend more time organizing, packing, unpacking, cleaning up than retreating…we only stay 2 days! The first day is full on, with activities being dragged till evening, while the second day is only dedicated to check out, have a bite and get back on the bus to go home. Basically, we go away for the sole purpose of spending the night somewhere. It translates into a waste of money, if you ask me. Taxpayers money. So, MY money, too.

But. There were a few changes this year compared to the past editions. 

First; best change of all is that we didn't have to spend one afternoon standing by our posters, where we described our outstanding research achievements. Instead, we had to form teams (we all more or less kept our current teams organization), had to come up with an appealing presentation and compete against the other teams. Now, we all were fussed over as it was not clear to us what we were exactly supposed to do, how and why. We had to, as it was clarified, step out of our comfort zone and present something original, catchy, that would in a short time put the team members' work in the spotlight, and also, if used to beg for fundings, would convince the audience of how essential our work is. Whoa. But I see the organizers' point, especially re the Japanese counterparts, for whom thinking out of the box and public display can be rather challenging and, at times just impossible. And in the end winners got what? Alcohol? Tsk tsk.
It took us three weeks before the retreat to sketch our strategy, and in the end we had to use the two hours slot made available on the day of the contest to gather our ideas and transform the 'ars improvisatoria' into 'ars oratoria'. And, guess who had to take the stage? Yes. Right. Taking the stage thing must be a trait I inherited from my father…only, he would be in his element, while I would just cold sweat. But I guess somehow I must look good up there, or why would they want me. Fortunately I presented together with another female colleague, the strong point in favor of two girls taking the lead (and the blame) being that we were having a retreat in the "women educational center"….boo.

Second; in the evening of the first day we did something new: group leaders would be read a bunch of questions previously asked by the employees via a on-line survey (anonymously, of course) and had to address them. The goal was, I can only guess, to push people to speak out, mentioning their concerns, worries, or simply curiosity. Again, with the Japanese, anonymity is the best motivation. If people don't know it's you, you might as well try. Were the answers given satisfactory? I don't know. Maybe we should ask for feedback. Yes, anonymously…

Third; on the second day, which was usually dedicated to understand what was good and what was bad in the organization and how to improve things, we instead attended a lecture by a guest. And the prominent guest told us how to write scientific papers well. At the end of his talk I took home this message: results don't matter so much, as long as they are discussed in a fine language. It gives me hope.

Fourth; and this is just one side effect of the teams competition (if we went over time we would be penalized, so we finished ahead of schedule), but we had some free time for a change. We had one or two hours only or so, but enough to take a walk in the park around the venue and enjoy some fresh air (like, really, not the fresh air in Tokyo) and some sun. 

Fifth; the team building activity that usually fills up the morning of the second day was somewhat different, too…it was about reaching a consensus within a group that was growing bigger at every iteration (problems faced by everyone in every office in the world). And the bigger the group, the harder to agree on all points. Our goal was to sort by importance a list of items we had with us in order to survive in the desert. I had a small advantage here: coming from a hot and dry country, even without thinking my individual and purely random ranking of the items was very close to that of the undiscussed prominent authority (NASA)…Sicilians have innate ability to survive in extreme circumstances. However, measuring the level of disagreement within one group, my interpretation was that in a real extreme situation before a consensus a carnage is reached faster.

Sixth; what the heck was I doing in the bus headed back directly to RIKEN instead of the one going directly home? What was I thinking?

******************

Il giorno del tanto temuto ritiro aziendale anche quest'anno e' arrivato. Il posto e' sempre lo stesso in mezzo alla campagna di Saitama. E come ogni anno, ci sono volute due ore in autobus per arrivarci: un'ora solo per attraversare Tokyo (in autostrada) e un'ora per raggiungere la destinazione (e lungo la strada abbiamo anche incluso 20 minuti a un'area di servizio). Ma stavolta faceva caldo, così caldo che non sembrava proprio inverno.

Non capirò' mai perché impieghiamo più tempo a organizzare, preparare, caricare e scaricare la roba dall'autobus, sistemare invece che stare fisicamente sul luogo del ritiro….nei due giorni che usiamo, il primo giorno e' una corsa, le attività si susseguono da mattina a sera tardi, mentre il secondo giorno e' dedicato a liberare le stanze, pranzare e tornare a casa. In pratica, stiamo solo andando a passare la notte da qualche parte. Se posso dirlo, per me si traduce in uno spreco di soldi. Soldi dei cittadini. E quindi anche i miei.

Ma. Ci sono stati alcuni cambiamenti rispetto agli anni passati.

Primo, la cosa migliore e' stata che non abbiamo dovuto passare l'intero pomeriggio a lato dei nostri poster in cui descriviamo i risultati strabilianti del nostro lavoro di ricerca. Invece, abbiamo dovuto formare delle squadre (abbiamo tutti più o meno seguito le divisioni dei gruppi in azienda), trovare un modo interessante di presentare qualcosa e gareggiare contro le altre squadre. Ora, eravamo tutti abbastanza confusi sul cosa esattamente si doveva fare, come e perché. In pratica dovevamo abbandonare l'ambiente sicuro nostro e presentare qualcosa di originale, accattivante, che in breve tempo riuscisse a elogiare i membri della squadra e, nel caso si dovesse fare richiesta di fondi, che fosse convincente. Meeeee. Ma capisco dove gli organizzatori volevano arrivare, in particolare per i giapponesi per cui pensare fuori dagli schemi e esporsi sono cose difficili, e a volte impossibili, da ottenere. E alla fine che si vinceva? Alcol. Uff.
Ci sono volute settimane prima che riuscissimo a abbozzare la strategia, e alla fine abbiamo dovuto usare le due ore che erano state messe a disposizione il giorno della competizione per raccogliere le idee e trasformare l'arte improvvisatoria in arte oratoria. E, ovviamente, chi rappresenta la squadra? Esatto. Stare sul palcoscenico deve essere un tratto che ho ereditato da papa'..solo che lui e' nel suo elemento, mentre io sudo freddo. A ogni modo, mi sa che faccio bella figura, o altrimenti perché mai dovrebbero scegliere me. Per fortuna ho presentato assieme a una collega, e la scusa per fare salire due fanciulle sul podio a perdere il comando (e i fischi) era che il ritiro si svolgeva in un "centro di educazione femminile"…

Secondo, la sera del primo giorno abbiamo cambiato programma: ai capi dei vari gruppi sono state poste delle domande precedentemente fatte dai dipendenti attraverso un sistema (anonimo ovviamente) on-line, e dovevano rispondere. Qui l'obiettivo era quello di stimolare la conversazione, di far presente le preoccupazioni o anche le curiosità. La motivazione migliore per i giapponesi e' infatti l'anonimato. Se la gente non sa chi sei, allora ci provi. Se le risposte date siano state soddisfacenti, dovremmo forse fare un sondaggio. In via anonima…

Terzo, nel secondo giorno che di solito e' dedicato a capire cosa va e cosa non va, cosa cambiare e cosa mantenere, abbiamo invece assistito a una presentazione da un ospite di riguardo, il quale ci ha raccontato come scrivere bene articoli scientifici. Alla fine del suo discorso ho colto un solo messaggio: non importa che risultati hai, basta che li esponi in un linguaggio forbito. Ho qualche speranza allora.

Quarto, e questo e' solo un effetto collaterale della competizione a squadre (chi finiva oltre tempo limite veniva penalizzato così che tutti abbiamo mantenuto gli orari), abbiamo avuto un paio di ore di tempo libero per una volta. E almeno abbiamo potuto respirare un po' d'aria fresca (dico fresca, non come quella che respiriamo a Tokyo) e godere un po' di sole nel parco.

Quinto, anche l'attività di gruppo che solitamente ci tiene occupati nella mattina del secondo giorno era in qualche modo diversa…si trattava di raggiungere un consenso unanime in un gruppo che diventava più grande a ogni iterazione. E più grande si faceva il gruppo, più difficile era accordarsi su tutto. L'obiettivo era di ordinare per importanza una lista di oggetti in nostro possesso per sopravvivere nel deserto. E qui avevo un piccolo vantaggio visto che provengo da una terra calda e assolicchiata, e anche senza pensarci più di tanto, la mia lista ordinata di oggetti si avvicinava molto a quello ufficiale previsto niente meno che dalla NASA…in Sicilia siamo più portati alla sopravvivenza in circostanze estreme. In ogni caso, nel misurare il livello di disaccordo all'interno di un singolo gruppo, la mia interpretazione e' stata che in casi estremi reali piuttosto che un consenso si raggiunge prima una carneficina.

Sesto, ma che cavolo ci facevo nell'autobus che rientrava direttamente in azienda invece di andare direttamente a casa? Ma che cavolo stavo pensando?







Monday, February 3, 2014

Cucina Marina - Girl power with theme. Act II


It is misty and abnormally warm in Vegas tonight. It feels like one of those humid nights in the tropics, after it has rained and the water is evaporating rapidly, creating a ghostly world. It is the same here, and I have to make an effort to recognize my neighborhood from the window. My guests, 9 female friends who were chatting, eating and drinking at my table vanished into the fog, while I chill out on my sofa to drink the last glass of wine and stare into the gloomy night for a while.

Yes, it was another Cucina Marina appointment with theme, since the first one went really well. I even got Kaoru to wear special earrings just for me!!! Respect.

Last time I had arranged this party I was doing exactly the same thing at this time of the night, which is sitting here after I had cleaned all the mess and think about the next themed dinner. The odds were for tomato, but eventually I went for 'orange'. It is suitable to interpretations, but initially my guests didn't see the potential: they could only figure out oranges…..

The standard operational protocol (SOP) was unchanged: each of them would bring the theme ingredient and I would make up recipes on the fly. Well, sort of. This time I had double the number of guests, so advance preparation for something was mandatory. 

Key ingredients on the shopping list: oranges, pumpkin, carrots, orange beverages. Plus some extra ingredients needed to finalize the whole course. I have to say my girls were really really good and made huge efforts to get me what I needed. I am proud.

I did prepare beforehand a generous round of arancini (arancini=small orange. Sicilian deep fried rice balls) as requested by the guest of honor Hiro. Now you get the broad applications of the theme, do you? They disappeared in a matter of minutes. And I was extremely excited when I decided on the dessert: tarts with orange flavored custard cream, and pistachio. With a touch of orange liquor…I am unbeatable, ha. I was jumping around the house when I tried one in the afternoon to make sure that I didn't mess up. And mess up I did not. Those were also vacuumed within seconds…
The other items in the menu were gnocchi in pumpkin sauce, shrimp salad with kumquat (go search google if you don't know what it is), carrot and mushroom salad, orange salad.

I have to add that contribution was fabulous, I had Parisa preparing this wonderful Iranian rice dish called Lubia Polo and Gloria brought an amazing pork loin in orange juice, not to mention another Greek carrot salad. After this dinner I will sure have enough vitamin A to be able to see through walls (and maybe I can finally see into people's minds!!). Lisa even came with the robot to cut the carrots for my salad, while Mariet found an amazing mandarin liquor that sent everyone's spirits (pun intended) to the roof hehe.

Dish by dish, glass by glass, the evening passed by, laughter grew higher and higher, the amount of stupid things we did grew also linearly with the amount of alcohol imbibed (like photobombing or make a face on purpose). Apparently I danced salsa in pink rubber gloves. Apparently there is also a video proof of it. Impossible. I don't remember doing it, so it didn't happen…..

**************

C'e' foschia e fa stranamente caldo qui a Vegas. Sembra una di quelle sere umide ai tropici, dopo che ha piovuto e l'acqua evapora rapidamente creando un mondo fantasma. E' la stessa cosa, e devo fare un sforzo per riconoscere quello che vedo dalla finestra. Le mie 9 ospiti che stavano qui a mangiare, bere e chiacchierare sono svanite nella nebbia e io mi sono rilassata sul divano di casa bevendo l'ultimo bicchiere di vino e a guardare per un po' la notte cupa.

Esatto, e' stato un altro degli appuntamenti con Cucina Marina a tema, visto che la volta precedente e' stato un successo. Kaoru ha persino indossato degli orecchini speciali per la serata!!!Grande.

La volta passata e' stato lo stesso di adesso, stavo seduta sul divano dopo aver pulito tutto e pensavo alla prossima cena a tema. Tutto faceva pensare che sarebbe stato pomodoro, ma alla fine ho deciso 'arancio'. E' soggetto a varie interpretazioni, seppure le mie ospiti all'inizio non hanno intravisto il potenziale, e l'unica cosa a cui hanno pensato e' stata arance…

Il protocollo operazionale e' stato lo stesso: ognuno mi porta l'ingrediente a tema e io cucino qualcosa sul momento. O meglio, quasi. Stavolta con il doppio di invitate e' stato necessario giocare un po' d'anticipo.

Ingredienti chiave nella lista della spesa: arance, zucca, carote, bevande arancioni. In aggiunta, ho richiesto altri ingredienti per completare l'intero menu. Devo dire che le ragazze sono state davvero davvero brave e mi hanno portato tutto. Sono orgogliosa di loro.

Nel pomeriggio ho preparato un giro generoso di arancini, così come da richiesta dell'ospite d'onore Hiro. Ora e' chiaro a quante interpretazioni il tema si presta, no? Sono spariti nel giro di qualche minuto. Inoltre ero proprio frizzante per la scelta del dolce: tartine di crema pasticciera all'arancia e pistacchio, con un'aggiunta di liquore all'arancia. Lo so, sono imbattibile. Quando ne ho assaggiato una per controllare che non avessi combinato danni non mi potevo contenere. No, non ho combinato danni. Le tartine sono scomparse in pochi secondi….

Gli altri piatti nel menu erano gnocchi con salsa di zucca, insalata di gamberi e cumquat (cercatevelo su google), insalata di carote e funghi e insalata di arance.

Pero' parte del merito va anche al fantastico contributo ricevuto. Parisa ha preparato questo piatto a base di riso buonissimo che si chiama Lubia Polo e Gloria ha portato un arrosto di maiale all'arancia che era meraviglioso, per non parlare dell'insalata di carote alla greca. Dopo questa cena sono sicura di avere abbastanza vitamina A da poter vedere attraverso i muri (e forse finalmente potrò anche vedere dentro la testa della gente!!). Lisa si e' addirittura portata il robottino per tagliuzzare le carote, invece Mariet ha trovato un liquore al mandarino che ha elevato gli spiriti di tutti.

Piatto dopo piatto, bicchiere dopo bicchiere, le risate si sono fatte più sonore e anche la quantità di stupidaggini aumentava linearmente con la quantità di alcool ingerita (tipo facce e pose assurde). Pare addirittura che io abbia ballato salsa in guanti di gomma rosa. E pare che ci sia una prova video. Impossibile. Non mi ricordo di averlo fatto, quindi non e' accaduto davvero….