Monday, November 18, 2013

Life in life sciences


Ogni volta che incontro persone nuove mi chiedono che lavoro faccio. E si sorprendono sempre della risposta…mi dispiace deludervi ma NON sono un insegnante di lingua a Tokyo.
Dico che sono una ricercatrice, nel campo bioinformatico. E poi devo spiegare cos'e' che faccio.

Bioinformatic. Chi o cosa sono?

Un ibrido tra un maniaco del computer e un biologo, con il valore aggiunto che non deve passare nemmeno un giorno in laboratorio.
Un tipo che riesce a capire aberrazioni nei cromosomi semplicemente dando un'occhiata a un grafico MANHATTAN.
Un altro tipi che scrive codice al computer per decifrare codice genetico.
Un programmatore che lavora con una quantità enorme di dati biologici SENZA mandare in tilt le risorse computazioni dell'intero centro.
Uno scienziato che riesce a rispondere a una domanda su un cancro con un PVALUE e una su significato statistico con un BIOMARKER.
Una persona che può confutare la logica dietro al disegno sperimentale per analisi genetiche.
Uno scienziato che riesce a convertire qualsiasi processo molecolare o biologico in una equazione (tipicamente un modello gaussiano).
Uno scienziato che sa la differenza tra un topo e un mouse....si coglie la battuta?

Insomma, essere un bioinformatico e' affascinante in qualche modo, visto che nessuno sa, ne capisce, cosa fai.

**************

Whenever I meet new people they ask me what I do for a living. And they are surprised by the answer. Sorry to disappoint, but I am NOT a language teacher in Tokyo.
I say I am a researcher, and I do work in bioinformatics. And then I have to explain what it is what I do.

Bioinformaticians. Who or what are they? 

A computer geek AND biologist hybrid, with the added value that he doesn't spend a single day in a experiment lab.
A cool guy who can make sense of some chromosomal aberration by just looking at a MANHATTAN plot.
Another cool guy who can write computer code to read genetic code.
A programmer who works on massive amount of meaningful biological data WITHOUT crashing the whole center's computational resources.
A scientist who can answer a question on cancer with a P-VALUE and one on statistical significance with a BIOMARKER.
A person who can question the logic of an experimental design for gene probes.
A scientist who can fit any biological or molecular process into an equation (typically, a Gaussian model).
A scientist who knows the DIFFERENCE between a mouse and a mouse...see what I mean?

Being a bioinformatician is somewhat fascinating, as nobody really knows, neither understands, what they do. 


(image taken form biocomicals cartoon site)

The Manhattan plot...

No comments:

Post a Comment