Monday, October 28, 2013

Halloween Parade in Kawasaki


Uno penserebbe che Halloween e' un evento in cui il macabro, l'horror e le tenebre sono tutto. Poi va in Giappone e vede che non e' proprio così….

Lasciamo stare le decorazioni in arancione, temi di zucche, streghe e pipistrelli che adornano ogni dove a partire dalla fine di Settembre. Lasciamo stare il fatto che, come tante altre ricorrenze tipiche delle altrui culture -religiose o pagane che siano- vengono qui riproposte sotto un'ottica completamente distorta. E lasciamo correre che non e' proprio il 31 ottobre….

A Kawasaki ogni anno, l'ultima domenica di Ottobre, c'e' una parata a tema Halloween. Circa 3000 partecipanti, rigorosamente in costume, sfilano per le strade della città mandando in tilt il traffico e causando altrettante migliaia di persone di recarsi sul posto per assistere alla suddetta sfilata. Mi pareva anche giusto, che  almeno una volta in sette anni e rotti di permanenza in Giappone, andassi a dare un'occhiata, anche perché pare che sia la migliore. E il fatto che io mi rechi, volontariamente, in posti "densamente popolati" per l'occasione, già e' fuori dall'ordinario di per se. 

Ora, io non ho indossato nessun costume (per carità) ma il mio accompagnatore si. A suo modo. Diceva che avrei avuto la mia occasione nel passeggiare in giro senza essere notata. Immaginate un gigante, in uniforme da basketball, con tanto di pallone….ecco. Difatti, molti i giapponesi che ci hanno fermato per chiederci se potevano fare delle foto. Si, a lui. Ora non mi spiego una cosa, perché mai sti giapponesi si impressionano così tanto se vedono non-giapponesi in costume da Halloween? Oh, vi ricordo che questa ricorrenza e' tutta americana, mica vostra, eh? Non vi dico quante attenzioni ha ricevuto una bambina vestita da fatina che stava sulle spalle del papa', solo perché aveva questi occhioni azzurri e i capelli biondi….

Altri amici si sono poi fatti vivi, anche loro in costume più carnevalesco che horror, ma premio comunque l'intenzione.
Fatto sta, che la gente qui ci mette proprio impegno a scegliere i costumi, molti dei quali pertinenti come mostri, vampiri, zombie, vestiti insanguinati, eccetera. Molti altri costumi sono solo presi dai manga giapponesi, eroi dei fumetti di quelli che chi va a Harajuku la domenica conosce molto bene. Poi ci sono quelli che si adoperano alla bell'e meglio per un travestimento dell'ultimo minuto. Il risultato finale complessivo devo ammettere che e' stupefacente…

Alla sfilata, i partecipanti sono suddivisi per gruppo. Tuttavia, pare che non ci sia nessun tema per i gruppi, infatti ognuno di essi e' un'accozzaglia di personaggi che inseguono un carro dove lady DJ in maschera passano i loro mix di musica ad altissimo volume. Il tutto avviene in pieno pomeriggio, con la santa pazienza degli automobilisti e la sovrumana impresa delle forze dell'ordine nel gestire veicoli e passanti.

E' stato un giorno interessante, che e' finito con una passeggiata calma e solitaria verso casa seguita da un po' di relax casalingo.

*************

One would think of Halloween as an event where macabre, horror and darkness are everything. Then, one goes to Japan and sees it's not really the case…

Let's put aside the pumpkins, bats, witches decorations that pop up everywhere starting from end of September. Let's put aside that traditions -religious or not- belonging to other cultures here are wrongly reinterpreted. And let's put aside the fact that it is not really October 31 yet….

Every year in Kawasaki, on the last Sunday of October, they held a Halloween Parade. About 3000 participants, all of them rigorously wearing costumes, parade along the city streets, jamming the traffic and causing thousands other people to gather there and watch. I thought it would be nice if, at least for once in my seven something years in Japan, I went and see. They say this parade is the best, so I gotta go. And the fact that I, voluntarily, go to notoriously "densely populated" places is already out of the ordinary per se.

Of course, I didn't wear any costume (god forbid!), while my company did. He said I would have had the chance to walk around unnoticed. Yeah, great. Now, imagine a giant, in a basketball uniform, complete with basket ball…right. And so, many Japanese stopped us to ask whether they could take a picture . Of him. I don't get it: why do Japanese are so impressed by non-Japanese wearing costumes at Halloween? I mean, this is an American thing, hello? I can't tell how may attentions this little girl in a fairy costume got, only because she was blonde and with blue eyes…
Some other friends came along later, and they were wearing costumes, somehow best suited for carnival rather than halloween, but…thumbs up for the intention.

Anyhow. It is true as well that people here put a lot of effort in picking costumes and get prepared for the event. Many of them made a pertinent choice like monsters, vampires, zombies, clothes soaked in blood, and so on. Some others were just costume players, like those very well known by whom wanders around Harajuku on Sunday. There is also who gets ready last minute with very quick home-made costumes. The global result is impressive, I must admit…

The parade has its participants divided into groups. However it looks like they have no specify theme, and each of them is more of an ensemble of characters following a truck with a mega boombox. On it, usually stands a lady DJ playing her tunes loudly. All this happens during daytime, in the middle of patient drivers and with the superhuman effort by the police to handle both passers by and vehicles.

It was an interesting day, that ended with a quiet and isolated walk back home followed by some chill-out time in peace.












No comments:

Post a Comment