Monday, May 6, 2013

Bali, Surfers' Paradise, The Island of Gods and Much More


The thundering sound of the big waves crashing on the shore, the lush, shiny, thick vegetation and the frangipani flowers in all their colors are the things I will most remember from Bali, aka The island of Gods, aka surfers paradise.

A mere one week touristic visit to Bali is definitely not enough to discover the island's treasures, unless one is willing to push themselves to the limit and go sightseeing all day every day. Even doing so, it is not possible to cover all the spots and interesting sites. One main obvious obstacle is transport: Bali island is small and in one day a person could potentially drive all around it, if there weren't a massive chaos along each and every street. Roads, apart from one or two main boulevards, are in bad conditions, narrow and jammed with cars, mopeds, people walking in all directions, food sellers pushing their own wheeled stands around, dogs, kids, tourists, and merchandise hanging from the shops. It is a hell of a nightmare, if you ask me ( and I come from the south of Italy, where people drive following their own rules….). Because of that, navigation is not easy, circulation is slow, and on top of that there seem to be no intention to follow the simple basic street rules. This only problem is enough to discourage anyone with a pre-defined itinerary, as it will surely not work. 

Mainly, there are two areas one could divide the island into, a north area with hills, a volcano (as high as Fuji or Etna and active), lakes, waterfalls, jungle and all those natural wonders that attract the more adventurous tourists. There, actually, traffic is almost gone. A south area is, instead, the core of all entertainment and business, the area where surfers have the times of their lives, tourists can shop and eat, relax on a low chair by the beach and so on. This is the area where me and my friend were staying, in order to have every possible option at reach. Just in case.

For once, instead of being me planning the whole trip, I simply bought tickets, booked hotels and went, leaving the organization to someone else. Being pretty much clueless about anything, we relied on packaged one-day activities, all included, or alternatively, hired a driver telling him where to go. Whether it was cheap or cheat, there's no way we could know. It was simply convenient and stress-free. And, besides, all currencies are stronger than the Indonesian rupiah, so I didn't really matter. Vacation is vacation. And Bali is a very cheap place anyway.

Days passed by on a sort of fixed schedule of late wake, long breakfast, sun bathing by the pool, off for a sightseeing tour, dinner in a nice restaurant (rigorously indonesian food), back to sleep. Beaches were a bit of a problem, as most of the coastline on the west side of the island is battered by waves. We didn't make it to move to the east side to calmer waters, because again the time it takes is not worth the distance. OK, the main reason was that our pretty hotel was 5 min walk from the beach….why bother!

Bali's religion, contrarily to the whole Indonesian archipelago, is Hinduism, and beautiful temples with stone walls and elaborately decorated stone pillars, rise all over the place (something like a thousand, which gave Bali the appellation of island of gods), the most spectacular of those being the Tanah Lot in the south west, the mother temple of Besakih, Bratan temple that sits on a lake shore in the mountains. We only visited the Tanah Lot, superbly located on a volcanic rock carved by hand and constantly hit by strong winds and waves. The temple grounds, the natural scenery and sunsets here are breathtaking. too bad that this time of the year is, as we learned, school trips time and all students from all over Indonesia went to Bali's Tanah Lot…meh! Instead, Uluwatu, also sitting on a cliff by the ocean, is more known for being a great surfing spot than a temple site. The monkeys living in the trees around the temple are quite fearless of humans and, used to be fed to avoid tourists screaming at them jumping on their backs, ably steal anything that is catching their attention: while I was watching one of them proudly showing off a pair of sunglasses taken from a woman's hand, another small monkey was working hard to take a flip flop off my foot. It managed, and it took me a good half an hour and help from the guards to get it back (well, what was left of it). Definitely not tourist-friendly.

Every corner of Bali screams religious traditions, in facts roads and entrances to shops and houses are plastered with small banana leaf boxes with food offerings, all streets are lined with finely decorated dangling stuff, small shrines are found at almost every door. I found this fascinating, how people can dedicate so much time every day for, basically, preparing food baskets that will be wasted...

A more touristy area for water sports is Nusa Dua, a beautiful stretch of white sandy beach spoiled and heavily abused for any activities from snorkeling to parasailing, jet ski, scuba diving. Too many, just too many boats and too many people transforming the crystal waters into a dirty sandy mesh. Also, it seemed quite unsafe to me now that I think of it. We went for some snorkeling (least impact to the environment), and all the boats head to the same restricted piece of water with underwater life. I could have easily been ran over by a boat, since there was no control whatsoever. Not to mention the risk of being caught in one of the ropes for parasailing…we touched safer grounds with the Turtle park, where we had some fun time in holding turtles of different sizes and breeds.

The inland areas of Ubud and its rice paddies were simply gorgeous, so beautiful and green, with lots of wildlife going around. We were also taken by our driver of the day to a coffee farm, the famous coffee that is eaten and digested by the small Luwak (civet) before being roasted and the most expensive in the world. The farm guides explained us everything about all the herbs and plants they grow there (even cocoa) and about the process of making coffee, from the beans all the way to the powder. In the end we were offered a free tasting of 8 different coffee beverages, with a fantastic "backyard" view on the rice terraces. Ubud is also the cultural and artistic center of Bali, and the city's streets are filled with all sorts of handicrafts, paintings, beautiful carvings of stones and wood, accessories, furniture items and much more, all for the joy of art lovers and collectors. A walk along Ubud's shopping streets might give rise to adrenaline levels beyond control…shopping manics, you're warned!

Although not as famous as the GitGit waterfalls, we were taken to one stunning and hidden waterfall in the middle of the forest (our hotel tour operator prepared a smashing itinerary for us!). It took us a while to go down the steps, but it was worth the fatigue on the way back up.

Final fast facts about Bali: wild dogs are everywhere, and so are chickens, kids and beggars, oh and Australians, who made Bali their second home (either because it's a paradise or cheap, or because of both, they go once and then return again and again). People are very welcoming and nice, but many of them just try to get money out of you in every possible way, by raising the price of any item they sell up to 5 or even 10 times more, they ask money if they pose for a photograph, they can sell you their shoes if you happen to be suddenly barefooted by a shameless monkey the size of a baby, they make up a price on the spot for ice cream and bottled water, you have to donate some money if you want to see the cave of the "holy snake", you donate money at the temples where you have to wear a sarong to cover your legs although you have your own or you wear long pants (at least it looks nice on you), the taxi rides are metered but it really doesn't matter because there is always something else to consider in the end. They really love making money at your own expenses, and I don't know whether it is in their nature or it is a consequence of the huge loss of rupiahs value in the early 2000's…massages and spa treatments are a must-do, so is try local food (of which I am a long time lover) and sit at Kuta beach for the sunset while drinking fresh coconut water.

All in all the week went by very quickly, so came the sun tan and hopefully it will last long enough.
Oh, and never forget to keep with you a good amount of money for the end, as you are required to pay an airport tax on departure from Bali….you only know about this at the very end, before your final walk to the departure gate.

*************

Il frastuono delle grandi onde che si abbattono sul bagnasciuga, la vegetazione lussureggiante, spessa e luminosa e i fiori di plumeria sono le cose che ricorderò di più di Bali, l'isola degli dei, il paradiso dei surfisti. 

Una mera settimana per una visita turística a Bali di sicuro non e' abbastanza per scoprirne i tesori, a meno che si abbia voglia di sforare il limite e girare tutto il giorno, ogni giorno. Ma anche così facendo, non e'possibile coprire tutti i siti di interesse. Un ostacolo ovvio e' il trasporto: l'isola di Bali e' piccola e una persona potrebbe guidare intorno al perimetro in un giorno solo, se non ci fosse il caos madornale in ogni strada. Le strade, a parte le due principali, sono in cattive condizioni, strette e incasinate di auto, motorini, persone che camminano in tutte le direzioni, venditori ambulanti coi loro carrelli, cani, bambini, turisti, merce che strabocca dai negozi. Insomma, e' proprio un incubo infernale ( e io vengo pure dal Suditalia dove ognuno segue le proprie regole). Per tale motivo, la navigazione non e' per nulla facile, la circolazione e' lenta e in aggiunta non sembra ci sia intenzione di seguire le basilari norme stradali. Questo problema da solo e' abbastanza per scoraggiare chiunque a seguire un itinerario predefinito, perché tanto non funzionerà.

Ci sono principalmente due aree in cui si suddivide Bali. Una, la parte nord, con colline, un vulcano (alto come il Fuji o l'Etna e attivo), laghi, cascate, giungla e tutte quelle meraviglie naturali ricercate dagli amanti dell'avventura. Da quelle parti il traffico e' quasi inesistente. L'altra area, al sud, e' invece il cuore dell'intrattenimento, dove i surfisti se la spassano, i turisti comprano e mangiano, o si rilassano sulle sdraio in spiaggia. Questa e' la zona dove io e la mia amica ci siamo basate, giusto per avere tutto alla portata, non si sa mai.

Per una volta, invece che essere io a pianificare tutto il viaggio, ho semplicemente preso i biglietti, l'hotel e poi ho lasciato l'organizzazione a altri. Essendo quasi ignare di tutto, ci siamo affidate alle attività organizzate tutto incluso, oppure abbiamo pagato un autista per la giornata per portarci dove volevamo.Se si sia trattato di buon prezzo o truffa, chi può dirlo?Ma era semplicemente comodo così. E tra le altre cose tutte le valute sono più forti della rupia indonesiana, e poi la vacanza e vacanza, non ce ne frega nulla. Bali e' molto molto economica in ogni caso.

I giorni hanno assunto un ritmo definito fatto di risvegli comodi, lunghe colazioni, sedute abbronzanti a bordo piscina, via per un tour, cena a un ristorante carino rigorosamente cucina locale,letto. Per le spiagge, abbiamo avuto qualche problema, visto che la costa ovest e' battuta dalle onde. Non ce l'abbiamo fatta a raggiungere le spiagge più calme della parte est, perché il tempo impiegato non vale la distanza. E poi, voglio dire, avevamo la spiaggia a 5 minuti di cammino, perché preoccuparsi!

A Bali, contrariamente al resto dell'arcipelago indonesiano, la religione e' Induista e meravigliosi templi con mura e colonnati di pietra si ergono ovunque (ce ne saranno un migliaio, da cui viene il nome per Bali di isola degli dei), e tra di essi i più spettacolari sono Tanah Lot nel sud ovest, il tempio madre besakih, e il tempio Bratan che sorge sulle rive di un lago in mezzo alle montagne. Noi abbiamo solo visitato Tanah Lot, che e' costruito in cima a una roccia lavica, scavata a mano, costantemente sbattuta da forti venti e onde. L'area del tempio, lo scenario naturale e i tramonti lasciano senza fiato, peccato per l'eccessivo numero di visitatori che, come abbiamo appreso dopo, erano maggiormente gite scolastiche. Invece Uluwatu, un'altra rocca a picco sul mare, e' più famoso per il surf che per il tempio che si erge su essa. Le scimmie che popolano l'area non hanno paura delle persone e, poiché sono abituate dai turisti a essere sfamate così che non gli saltino sulle spalle spaventandoli, ormai sono abili ladre capaci di prendere qualsiasi cosa susciti il loro interesse: mentre osservavo una di loro che con soddisfazione esibìva un paio di occhiali presi dalla mano di una donna, un'altra piccola scimmietta lavorava sodo per sfilarmi la ciabatta dal piede e ci e' alla fine riuscita lasciandomi aspettare per l'aiuto di uno dei custodi per averla indietro (o quello che ne era rimasto). Per nulla amichevoli.

A ogni angolo di Bali si nota la tradizione religiosa, e difatti le strade e l'ingresso di case e negozi sono piastrellati di contenitori fatti di foglie di banana pieni di offerte, poi tutte le strade sono decorate con specie di pendenti e piccoli padiglioni si trovano a ogni porta. E' affascinante come si possano dedicare ogni giorno a preparare offerte quando soprattutto tutta la roba viene gettata via…

Un'area più per gli sport acquatici e' Nusa Dua, un pezzo di spiaggia bianca e stupenda rovinata e abusata per tutte quelle attività come immersioni, parasailing e altro. Troppe, troppe barche e troppe persone hanno trasformato le acque cristalline in uno sporco acquaio. E poi ora che ci penso non era neanche sicuro. Allora, siamo andate per un po di immersioni con maschera e pinne, la cosa a minore impatto per l'ambiente, e tutte le barche si dirigevano verso lo stesso fazzoletto di mare con uno straccio di vita sottomarina. Ora, sarebbe stato facile che una barca mi passasse di sopra mentre ero in acqua, visto che non c'era nessun tipo di controllo. E non consideriamo qui le funi dei tipi col paracadute che ci avrebbero potuto strangolare ogni momento…meno male che siamo andate sul sicuro con il parco delle tartarughe, dove abbiamo conosciuto molte specie di varie dimensioni e eta'.

L'area interna di Ubud e i suoi campi di riso e' meravigliosa, verde e popolata di specie selvatiche. Il nostro autista per quel giorno ci ha anche portate a una piantagione di caffè, quel famoso caffè che viene mangiato e digerito dal piccolo Luwak prima di essere tostato e che e' il più costoso al mondo. Le guide ci hanno spiegato tutto sul processo per ottenere il caffè, e sulle altre piante e erbe che coltivano, tra cui il cacao, e poi ci hanno anche offerto un assaggio di otto tipi di caffè, su una terrazza con vista sulle risaie. Ubud e' anche il cuore artistico e culturale di Bali, e le strade della città sono puntellate con ogni sorta di oggetti d'artigianato, dipinti, legno e pietre lavorate, accessori, arredamento e altro ancora per la gioia di amanti d'arte e collezionisti. Una passeggiata per le strade di Ubud può far salire i livelli di adrenalina di parecchio, maniaci dello shopping siete avvisati!

Anche se non famose come quelle di GitGit, siamo state portate a vedere delle cascate nel bel mezzo della foresta (si, la guida nel nostro hotel ci ha preparato un itinerario fenomenale!). Ci e' voluto un po per raggiungerle, ma poi la fatica e' stata ripagata ben bene.

Fatti lampo finali su Bali: cani randagi sono dovunque, così come polli, bambini e mendicanti, oh e anche australiani che hanno fatto di Bali la loro seconda dimora (o perché e' economica o paradisiaca, o per tutti e due i motivi, ci vanno e ci ritornano di continuo). La gente e' molto gentile, ma molti di loro cercano sono di sfilarti soldi in ogni modo possibile, alzando il prezzo degli articoli fino a 5 o 10 volte il loro valore, chiedono soldi se si mettono in posa per una foto per te, ti venderebbero le loro ciabatte nel caso ti capitasse di perderle perché una scimmia senza vergogna ti ha rubato le tue, si inventano i prezzi del gelato o dell'acqua, ti chiedono di donare qualche soldo se vuoi vedere la caverna dove sta il "serpente sacro", devi donare qualcosa quando vai ai templi e devi indossare un sarong per coprirti le gambe anche se hai il tuo oppure se hai pantaloni lunghi (per lo meno fa un bell'effetto), prendere un taxi anche se con il tassametro il prezzo finale e' diverso perché ci sono altre cose da considerare, insomma…..amano fare soldi a tue spese, e non so se e' una cosa di natura o se e' dovuto alla svalutazione della rupia…massaggi e altri trattamenti benessere sono una cosa che va assolutamente fatta, così come mangiare cibo locale (di cui sono una amante da tempo) e anche sedersi sulla spiaggia a Kuta per godersi il tramonto e bere acqua di cocco.

All fin fine, la settimana e' passata velocemente e velocemente ci siamo abbronzate.
Ah, e non dimenticate di conservare un discreto gruzzolo per quando siete in partenza, perche c'e' da pagare le tasse aeroportuali quando si lascia Bali…e lo si sa solo alla fine, quando si sta per arrivare all'imbarco...
























2 comments:

  1. I can finally relate to your post! Ubud is gorgeous and streets are chaotic. Aiming for the temples on the west later today.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Oh, my, I just noticed this comment!! Hahaha, good to know I am not the only one to feel that way ;)

      Delete