Saturday, April 27, 2013

Balinese golden week - Settimana d'oro a Bali


Un altro eccitante programma per la golden week mi attende!

Si, sto andando a Bali. Solo per una settimana, ma sono contenta lo stesso.
Questa e' stata una destinazione travagliata, perché non ero completamente convinta dalle contrastanti informazioni da parte di turisti che sono stati li, le loro impressioni, le loro esperienze, la fama dell'isola di per se. Chi dice bianco e chi dice nero, gli yin e yang di una delle isole più belle e meno stressanti del pianeta.

Dunque, a costo di incappare in qualche disavventura, c'e' solo un modo per conoscere la verità. E a parte ciò, questa e' una delle poche destinazioni nel sud est asiatico che non ha pesanti restrizioni su immigrazione (importante più per la mia compagna di viaggio che per me). E poi, non sono ancora stata a Bali, e già questa e' una motivazione più che sufficiente per aggiungerla alla mappa. E, infine, dal Giappone in questo periodo dell'anno soprattutto non e' che costi poi poco. Non importa, io vado. Anzi, andiamo.

Lasciate alle spalle tutte le preoccupazioni, alla fine abbiamo fissato le date, controllato voli e costi, prenotato l'hotel e comprato i nostri costumi. Oltre che una veloce passata su internet per avere una vaga idea di cosa fare, vedere, mangiare, comprare, sapere (in totale 2 ore soltanto), non ho praticamente fatto nulla e ciò e' abbastanza in disaccordo con la mia natura visto che so sempre molto bene cosa fare, come e quando.
Ma anche imparare nuovi modi di viaggiare e' una cosa buona da aggiungere alle capacita' turistiche che ho accumulato negli anni. E poi, sapendo come vanno le cose nell'arcipelago malese, questa vacanza so che si evolverà a un ritmo più tranquillo, con qualche punto di domanda lungo il percorso...

Valigia leggera e con l'essenziale (ciabatte, occhiali, costume e crema solare) fatta, passaporto alla mano, siamo pronte a partire, con la speranza di trovare quello che desideriamo.

******************

Another exciting Golden Week break awaits!

Yes, I am going to Bali. Just one week, but happy with it.
This was a suffered destination, as I was not entirely convinced by all the news about tourists been there, their general impressions, their experiences, the fame of the island itself. Who says black and who says white, yin and yang of an island supposed to be one of the most beautiful and stress-free in this planet.

Well, at the cost of risking bad adventures, there is only one way to know what the truth is. And apart from that, it is one of the very few immigration hassle-free destinations in South-East Asia (for both me and mostly my travel companion). And I haven't been there yet, this alone being good enough a motivation to pin it on a map. However it is not even cheap to fly there, in this time of the year, from Japan, I mean. Doesn't matter. I am going. We are going.

All the concerns left behind us, we eventually picked our dates, checked flights and costs, booked hotels and bought our beach wear. Other than quickly browsing a few travel websites to have a feeling of what are the must-see, must-do, must-eat, must-buy, must-know (total time spent on this 2 hrs), I haven't done anything and this is in disagreement with my nature, since I always know well what to do and how and when. But learning new ways of planning travels adds up to the well trained skills I acquired during the years. And by knowing how things go in the Malay archipelago, this vacation can evolve at a slower pace, with a few question marks hanging along the way...

Light essential luggage (flip flops, sunglasses, camera, bikini, sunscreen) packed,  passport in hands, there we set off, crossing fingers and hoping to find what we dream of.


No comments:

Post a Comment