Monday, December 3, 2012

L'eccezione

I piani per il Natale del 2012 si consolidano, finalmente. Gia' da tempo sapevo quale sarebbe stato il mio destino, seppure non avevo previsto alcune variazioni sul tema per cui sto pagando il prezzo ancora adesso....
Ma comunque, la notiziona e' che mamma e papa' trascorreranno le feste natalizie niente di meno che in Australia!

Dopo varie e ripetute minacce da parte di noi, figli, i signori si sono, infatti, attivati e la vacanza in Australia e' finalmente una realta'. Dicevo che gia' da tempo sapevo come sarebbe andata a finire, nel senso che avevo' fatto piu' di un pensierino sul trascorrere le feste al caldo, e la decisione dei miei genitori altri non e' che un motivo in piu' per convincermi e organizzare le ferie.
Manca ancora tantissimo da fare, ma il grosso e' fatto, l'itinerario e' stabilito, le date anche, gli spostamenti fissati e pagati. Bene, qualche dettaglio minore e tutto sara' pronto.

Non ci credo ancora, questo evento ha cosi' tanto di eccezionalita' che non mi sembra vero. Un viaggio lungo per i miei, che non sono certo esperti viaggiatori, e sembra proprio che non avranno abbastanza tempo per riposarsi, visto che gia' il loro calendario e' fitto di impegni per far si che tutti, parenti e amici di infanzia, possano incontrarli. Impressionante vedere come la macchina dell'informazione si sia subito messa in moto quando i nostri familiari in Australia hanno appreso la lieta novella: i miei hanno ricevuto chiamate da tutti, anche da parenti lontani mai visti ne' conosciuti che vogliono approfittare dell'occasione e incontrarli di persona, amici e pezzi di famiglia da tutti gli angoli piu' remoti dell'Australia (come avevo predetto a mamma che sarebbe successo, conoscendo la gente della mia terra) si sono fatti vivi pretendendo un incontro con questa coppia che dalla loro lontana Sicilia si scomoda per andare fino agli antipodi del mondo....e c'e' da dire che la maggior parte di queste persone, una volta emigrate in Australia, non sono mai tornate nella loro terra d'origine, quindi capisco anche la loro urgenza...e' comprensibile, soprattutto dal punto di vista emozionale, il passato potra' essere ricordato e portera' sorrisi, gioie e malinconia.

Per me, invece, dal punto di vista del viaggio, non c'e' niente di nuovo, il mio itinerario e' come sempre strutturato per toccare varie destinazioni lungo il percorso, pernottamenti qui e li', e ormai davvero non mi lascio spaventare piu' da niente e nessuno....ho abbastanza miglia sulle spalle da potermi definire ben allenata e pronta a ogni evenienza (o quasi), e sempre piu' incline a trattarmi bene come rimedio rigenerante ai lunghi voli.
Dl punto di vista della vacanza, stavolta le mie speranze di poter indugiare nella movida cittadina si riaccendono, poiche' i veri ospiti d'onore saranno i miei e non piu' la sottoscritta. Prevedo che tutte le attenzioni del caso saranno concentrate su di loro, lasciando me con un buon margine di liberta' cosi da potermi ritagliare i miei spazi e incontrare qualche vecchia conoscenza! E' noto, infatti, che le mie vacanze in famiglia, a prescindere da quale parte dell'albero genealogico, sono per me piu' stancanti che rilassanti. Forse quest'anno no, per una volta. L'ho detto, queste feste natalizie hanno molteplici fattori di eccezionalita'. Vanno vissuti e raccontati.

Non resta quindi che ultimare i preparativi, finalizzare tutto ma proprio tutto, preparare la valigia e infine incrociare le dita con l'augurio che tutto vada per il meglio. Fatemi gli auguri. Anzi, fateci gli auguri!

************************

2012 Christmas plans, finally, take form. I knew already since some time ago what my destiny would look like, although I hadn't accounted for a few variations to the main theme whose I am still paying a high price for, now....
But anyway, the big news is that mum and dad will be spending Christmas holiday in Australia!

After repeated threatening by us, children, our seniors did indeed get active and the Australian trip is finally reality. I knew, as I said, what I would do in this time of the year because I had already given a few thoughts in spending my holiday in a warm place, and my parents' decision is yet another reason to convince myself and organize.
A lot is still to do, but the biggest efforts are done, established an itinerary, dates, places, flights. Now I only have to focus on the smaller details and then it will all be finalized.

I can't still believe it, this event is so exceptional that it doesn't look real. For my parents it will be a long trip, they are not expert travelers and it seems they will have no time to properly recover seen that their calendar is filling up with dates in order to give all relatives and childhood friends a chance to meet. It is impressive to see how the information machine immediately started moving when the family in Australia learned the happy news: my parents received calls from everyone, even almost-unrelated relatives never seen nor met before who want to get a chance to see them in person, friends and pieces of family from all remote corners of Australia (I had already foreseen it happening knowing how people from my land are and warned my mother) turned up claiming a meeting with this couple who's taking the bother to go all the way from Sicily to the opposite end of the world....also, the majority of those people, once emigrated to Australia, never went back to their homeland, so I can understand the urge, especially emotionally-wise, so that the past can be relived and it will bring joy, laughs and melancholy. 

As for me, travel-wise, nothing new. My itinerary is, as usual, crazy and structured so that I can touch multiple destinations along the way, overnight stay here and here, I am not afraid of anything and anyone, I have enough experience on my back to be well trained to face any (oh, well, almost) situation. Also, I became more keen to spoil myself and regenerate the body in between long flights. It's a key point.
From the point of view of the vacation, this time my hopes to indulge in the city nightlife warm up again, since the real guests will be my parents and not me. I expect all the attentions focused on them, leaving me with a good margin of freedom to be able to find my own space and meet a couple of friends!
It is well known, in facts, that family vacation, disregarding what side of the family it is, are tiresome more than relaxing. But maybe, for once, this year it will be different. All in all, I said, this Christmas holidays have multiple sensational factors and must be experienced and recounted afterwards.

So now, last thing to do is finalize the preparation, pack and finally cross the fingers with the wish that everything goes well. Wish me luck. Oh, actually, wish us luck.


No comments:

Post a Comment