Tuesday, November 6, 2012

11/6


Una giornata uggiosa sul serio oggi, una di quelle in cui ti svegli, ti accorgi che fuori piove a dirotto, e vorresti tanto startene a letto, magari leggendoti le email di lavoro sotto le coperte con la sola compagnia di una tazza fumante di te'….
Inizia a far freddo anche, iniziano quei lunghi quattro mesi dell'anno che amo di meno, quelli in cui il grigiore dei giorni incupisce l'animo e non si ha quasi voglia di affrontare il mondo la' fuori.

Ultimamente faccio sogni strani, alcuni angoscianti, altri inspiegabili, altri ancora neutri o bizzarri, non so che significato abbiano ne' se valga la pena di trovagliene uno, fatto sta che mi sveglio spossata e triste. Saranno forse i pensieri che attraversano la mia mente di questi tempi, saranno forse le delusioni che ho raccolto dopo aver seminato speranze.

Quasi quasi me la prendo comoda oggi, osservo il mondo da qui per un po', aspetto che il traffico e la calca scemino, perché si sa che quando piove così la città e' nel caos peggio che alle ore di punta del traffico, e poi con tanta pazienza e dedizione zen mi dirigo verso l'ufficio, preparata ad affrontare un lungo giorno…

Ma si, cosa volete che succeda in una giornata così! La meta' dei colleghi arriveranno anche tardi, e la giornata lavorativa decollerà solo dopo pranzo. Per fortuna non devo timbrare a un'ora precisa la mattina, il che lascia molta flessibilità, anche se arrivare più tardi significa andarsene più tardi, ma anche qui, cosa volete che si faccia in una giornata così, forse e' meglio stare in ufficio fino all'ora di cena, andare a mangiare qualcosa in un posto caldo e affollato e poi tornare a casa per guardare un film o leggere prima di andare a dormire.

Sembra quasi che si sia delineato un programma…

********

A very ugly day today, one of those when you wake, realize that it is raining outside and wish you could stay in bed, perhaps reading your work emails from under the covers with a cup of steamy tea beside you…
It's getting colder too, and so start those long four months I love the least, those when the grey days darken the spirit and one has no stimuli to face the world out there.

Lately I have been dreaming a lot, sometimes weird dreams, sometimes scary, unexplainable, or neutral or bizarre, I don't know what meaning they have or whether it is worth to find one, but anyway I wake up exhausted and sad. Must be all the thoughts are running my mind lately, must be the delusions I collected although I nurtured only hopes.

Perhaps I take it slow today, I watch the world from here for a while, I wait for the traffic and the crowd to vanish, because we know that when it rains like today cities are in a chaos, and after a while I can head to my office with patience and zen dedication, ready to live through the long day…

Yeah, what can happen in a day like this! Half of the office will get in late, the working day will kick in only after lunch. Fortunately I don't  have to be there at a precise time in the morning, so I have a lot of freedom, although a late start means a later end, but now, again, what can happen in a day like this…maybe it is better to stay at work until dinner time, then go grab some food in a warm and lively place, then go back home and watch a movie or read before going to sleep.

Look, it seems a plan just formed….

No comments:

Post a Comment