Thursday, November 29, 2012

Red, Foliage, Christmas


Gia' si sentono ovunque, le canzoncine natalizie sono il passo successivo agli addobbi. Solitamente Halloween altri non e' che il preludio al Natale per i giapponesi, i quali non si fanno certo trovare impreparati. Decorazioni, luci, addobbi, fanno capolino a ogni finestra, balcone, vetrina di negozio, esercizi commerciali.

Ma queste cose le sappiamo fin troppo bene, ce le sorbiamo per un mese e mezzo tutti gli anni, ne conosciamo le dinamiche fino nel minimo dettaglio, ne apprezziamo/disprezziamo la diffusione, ce ne facciamo una ragione, insomma. Ci siamo anche abituati a veder scomparire tutto proprio tutto all'indomani del giorno di Natale, quando a nessuno importa più niente dell'atmosfera di festa e ci si prepara per i festeggiamenti, tra l'altro molto modesti, per la fine dell'anno. 

Ma le canzoni….

E' mai possibile che in tutti i migliaia, centinaia di migliaia di luoghi a Tokyo e dintorni si senta sempre e solo la stessa musichetta? E' una moda che tutti seguono, e' un CD natalizio con una sola traccia da mandare in un loop infinito, e' una regola, e' un fatto di costume, e' una mera coincidenza…..cos'e'? Gia' a meta' novembre ne lo le p***e piene di sentire la stessa tiritera! Pure per le strade ce le fanno ascoltare, proprio come a dire che se non hai la possibilità di ascoltarle dal tuo panettiere di fiducia, non c'e' problema, te le spariamo dagli altoparlanti lungo la ginza (shopping street) così recuperi….

Poi non siamo ancora neanche a dicembre e già Krispy Creme mi vende ciambelle con facette di omino di neve, le pasticcerie già forniscono torte natalizie….il pandoro mi dovete imparare a fare, il PANDORO, non le torte di panna montata e fragole!!!
Queste cose i giapponesi non le capiranno mai.

Per fortuna a distrarre dalla frenesia del Natale, tra l'altro festa non giapponese e non riconosciuta nel loro calendario al che a noi nei giorni natalizi tocca lavorare, dicevo a distrarci ci pensa l'autunno col suo spettacolo di colori dai gialli ai rossi, in decine di sfumature più o meno intense. Novembre e' senza dubbio il mese più bello in terra nipponica, perché regala giorni tiepidi e pieni di sole, aria pulita e poco umida, e le castagne…e io non me ne sono quasi accorta...

Purtroppo proprio in questa stagione ho la testa talmente per aria che non mi sono resa conto dell'operato della natura, e mi sto perdendo praticamente il fenomeno autunnale per intero. La cosa intristisce parecchio. Stamattina guardavo dal balcone gli alberi nel parco sotto casa e mi sono accorta che le foglie sono rosse. Tutte. Che vita! Essere talmente immersi nella quotidianità del tutto da perdersi gli spettacoli gratuiti che la natura ci offre scandendo il tempo, le gioie delle cose semplici, il tempo non scorre più lento e non riusciamo più a gustare i piccoli piaceri della vita, una tazza di cioccolata seduti sulla panchina di un parco a leggere un libro, una passeggiata con una persona amica, una corsa lungo il fiume….

*************

They are heard everywhere, the christmas jingles are one step after decorations. Usually, for the Japanese Halloween is the prelude to Christmas, and they definitely are not found unprepared. Decorations and lights pop up at every window, balcony, shop windows, businesses.

But we very well know all of this, we suck it up for a month and a half, we know its dynamics in detail, we appreciate/depreciate its spreading, we resign ourselves to it, so to speak. We even got used to the fact that the day after Christmas all of this is gone, and no one cares anymore, too busy to prepare for the year end celebrations, which are quite modest here.

But jingles….

How is it possible that in all thousands, hundreds of thousands places in Tokyo and surroundings they play always the same one song? Is it a trend, is it a Christmas special CD version with one track only to play continuously, is it a rule to follow, is it a tradition, is it a coincidence only…what is it? Middle November and I have already had enough to listen to the same chorus again and again! They even play them along the streets, as to say that if you don't have the chance to hear music at your baker's store, we broadcast them on the Ginza (shopping stet) so that you catch up…
Also, not even December and Krispy Creme is selling already snowman donuts, cake shops already sell Xmas cakes…..pandoro, learn to make PANDORO and not whipped cream cakes with strawberries on top!
These things, the Japanese will never learn.

A distraction, fortunately, to this Xmas frenzy, which is not a Japanese holiday among other things so that we have to work on Christmas days, so a distraction comes with fall and its colors, from yellows to reds, in tens of more or less shades. November definitely is the most beautiful month in this land, because it gives us warm and sunny days, with clean and dry air, and chestnuts….and I have barely noticed…

Too bad that in this period I have my mind elsewhere that I have missed nature's work, and I am basically missing on the red leaves at all. It is sad. This morning I was looking at the trees in the park below my building and I have finally saw their leaves are all red. All of them. What a life, being so submerged by the daily routine to miss the free spectacular events nature offers us by beating time, the joy of simple things….time doesn't go slow anymore and we can't enjoy the little pleasures in life, a cup of hot chocolate sitting at a bench in a park reading a book, a stroll with a dear friend, a jog along the river….




Sunday, November 25, 2012

The Secretary type


Men are too stupid, men are blind, men are simple, men are selfish….these are a few of the observations they are subject to. In part it is cliche, in part is not.

I have a few good friends here in Tokyo and a few good ones here and there around the world, all of them my age, all of them single, all of them complaining about the same problems. We are alike, so to speak.

My male friends complain all the time about how difficult life is in a foreign country, how hard to find the right person is, how limited they are in their choices, how tough the competition is. The more I talk with them and hear them complaining, the more I realize they don't realize…most of the times they let the chance slip away simply because they weren't looking.

MEN! You men out there don't notice that the person you are looking for is right in front of your eyes, it's been there for so long, and yet you complain you can't find...so focused on your own selves that miss to look in the right places. Seriously, what's wrong with you.

I hear them saying that while all their friends found a nice girl, smart enough to handle conversations, caring, who can support herself, pretty, they still have the misfortune to meet only bimbos or women interested only in their money. They keep wondering why can't happen to them, too to find such a girl. Men, I guess I can tell you why that doesn't happen to you, too….

Point one, you're blind. Let's say you live in a foreign country, you are good looking, smart, have a promising career, are totally independent. You don't want a local woman, which, I am with you on that, narrows your chances a lot. OK, but, you know, still the expat community is quite big…So, you can look for a single foreign woman, around your age, pretty, independent, smart, open minded, caring and loving. Oh, guess what, that could even be a description that suits…..er…..me? But oh right, I am not your type.

Point two, you only care about your needs. Which are just a few, because, point three, you are quite simple: Beer, Food, Sleep, Sex. All those to be exploited in the breaks between a working day and the next. 

Point four, you are all workaholics. You complain your work is taking up your lives, but when you are told to take it easier you all say you can't. You are married to your work, you love your work, you must work...I have heard and collected a nice portfolio of excuses.

Point five, your demands are quite high. You say you are just happy with the girl from next door, but that's not true. You want a very specific type of woman for yourself…you not only want her to fit the requirements as above, in addition she should: be talking little but be able to read your mind, do what you say but not be dependent, care for you but not be suffocating, love you but not cry when you are too busy to care about her, wait for you but not complain although you don't have time for her right now, be sexy hot but not overly romantic, be great in bed and out of bed, be charming but not flirtatious, and the list can go on for a while….

You know what, perhaps you should consider to get a secretary type of a girlfriend, one who gets paid to do what you ask her to do…..

**********

Gli uomini sono stupidi, gli uomini sono ciechi, gli uomini sono esseri semplici, gli uomini sono egoisti….queste sono alcune delle critiche a cui sono soggetti. In parte sono luoghi comuni, in parte no.

Ho pochi ma buoni amici qui a Tokyo e alcuni buoni amici sparsi qua e la per il mondo, tutti della mia eta, tutti single, tutti che si lamentano per gli stessi problemi. Siamo, diciamo, simili.

I miei amici maschi si lamentano sempre di come sia difficile la vita all'estero, quanto sia difficile trovare la persona giusta, il fatto che le loro possibilità sono limitate, che c'e' competizione. Più parlo con loro e li sento lamentarsi, più mi rendo conto che loro non si rendono conto…la maggior parte delle volte si lasciano sfuggire l'occasione semplicemente perché non sono stati attenti nel guardarsi intorno.

UOMINI! Voi uomini non notate che la persona che state cercando e' proprio davanti ai vostri occhi, e' stata li per abbastanza tempo, e ancora vi lamentate che non l'avete trovata….siete così focalizzati su voi stessi che non guardate nei posti giusti.
Dico, veramente, qual'e' il vostro problema.

Li sento dire che mentre tutti i loro amici hanno trovato una ragazza, abbastanza sveglia da poter sostenere le conversazioni, che si mantiene da sola, che e' affettuosa, che e' carina, loro continuano ad avere la sfortuna di beccare zucche vuote o donne interessate solo ai loro soldi.Si chiedono perché non possa accadere anche a loro di trovare una cosi. Uomini, forse ve lo posso dire io perché non succede anche a voi…

Punto primo, siete ciechi. Supponiamo che vivete in una terra straniera, siete bellocci, intelligenti, avete una carriera promettente, siete totalmente indipendenti. Non volete una donna locale, il che, mi associo a voi su questo, limita di molto le vostre opportunità, vero, pero' c'e' sempre la comunità di espatriati. Al che potreste cercare una donna come voi straniera, single, più o meno della vostra eta', bella, indipendente, intelligente, di mentalità aperta, affettuosa e premurosa. Oh, ma che strano, questa e' una descrizione che potrebbe anche essere riferita a una come…..me?Ah, giusto, non sono io il vostro tipo.

Punto secondo, vi interessate solo ai vostri bisogni. Che sono praticamente una manciata, visto che, punto terzo, siete abbastanza semplici: Birra, Cibo, Sonno, Sesso. Tutti questi da essere sfruttati nelle pause tra una giornata di lavoro e la successiva.

Punto quarto, siete ossessionati dal lavoro. Vi lamentate che il vostro lavoro sta consumando le vostre vite, ma se vi si suggerisce di prenderlo più alla leggera, direste di no. Siete sposati al vostro lavoro, siete innamorati del vostro lavoro, dovete per forza lavorare, insomma ne ho sentite varie di scuse al riguardo.

Punto quinto, le vostre richieste sono abbastanza esigenti. Dite sempre che vi basta la ragazza della porta accanto, ma e' una bugia. Volete per voi una donna specifica….volete una donna che in aggiunta ai requisiti sopracitati, debba soddisfare: parla poco ma vi sa leggere nel pensiero, fa quello che dite ma non dipende da voi, si prende cura di voi ma non e' soffocante, vi ama ma non piange se siete troppo occupati per pensare a lei, vi aspetta ma non si lamenta sebbene non avete tempo per lei proprio in questo momento, molto attraente ma non eccessivamente romantica, una bomba a letto e fuori, attraente ma non civettuola, e la lista può andare avanti per ore…

Sapete, forse dovreste considerare l'idea di una fidanzata segretaria, una che viene pagata per fare quello che le si dice…. 

From the famous movie "The Secretary"

Tuesday, November 20, 2012

Yabusame - Archery and horse riding


Se dico domenica mi viene in mente sole, se dico sole mi viene in mente mare, se dico mare mi viene in mente Zushi, se dico Zushi mi viene in mente Yabusame (流鏑馬), che altri non e' che una disciplina in cui si allenavano i samurai che prevede tiro con l'arco da un cavallo in corsa.

Oggigiorno e' possibile assistere a rappresentazioni del genere solo ai templi principali, tra cui Tokyo, Kyoto e Kamakura (dove tra l'altro fu fondata la disciplina). A volte pero' anche alla spiaggia di Zushi, poco distante da Kamakura, e' possibile assistere alla dimostrazione di prodi cavalieri-arcieri che lanciano i loro cavalli al galoppo e tentano allo stesso tempo di colpire un bersaglio con le loro frecce.
La domenica in questione, assieme ad altri compagni di ventura, mi trovo alla spiaggia di Zushi, affollata chissà da che ora, e trovo un posto da cui osservare l'intera gara di tiro che non e' certo il migliore, ma mi basta per avere una visuale decente.

I partecipanti indossano paramenti e costumi tipici, i cavalieri facilmente distinguibili dalla pettorina nera con un simbolo d'oro stampato su un braccio. Inoltre hanno anche un fodero in pelle di daino per la spada, gambali in pelle di daino anch'essi, un assortimento di frecce in spalla (che serve solo come decorazione del costume), e un arco lunghissimo.  Prima della gara, i partecipanti sfilano per le vie della città, poi si radunano nello spazio adibito alla gara, e li si preparano fisicamente e mentalmente, discutono sulle tecniche di tiro, preparano i cavalli. Gli animali non vedono l'ora di lanciarsi al galoppo, a tratti più di una persona e' necessaria per trattenerli sul posto.

I poveri animali erano decorati con drappi, fronzoli, avevano anche un morso speciale, le cui redini altri non erano che due pezzi di stoffa, forse perché così l'arciere si può divincolare meglio quando deve impugnare l'arco e mirare al bersaglio. E poi, non solo i cavalli, ma anche gli arcieri vestiti con tutti i paramenti, cappello, larghi kimono, cinture, lacci, stringhe, spade eccetera, non penso proprio che fossero nella più confortevole delle situazioni…

Nonostante tutto ciò, in pochi secondi si consuma una delle più belle scene d'azione a cui si possa assistere: la concentrazione del cavaliere, l'energia e l'istintività dell'animale, la precisione nel tiro, la forza, la velocità.
Pare che un criterio per misurare la bravura dell'arciere a cavallo sia il rumore che la freccia emette quando colpisce il bersaglio. Le frecce hanno una punta appiattita, come se un tappo di sughero fosse messo a protezione del dardo ( anche perché in una rappresentazione con tanta gente intorno alla pista, se si usassero frecce vere dalla punta di metallo, sai quanti morti ci scapperebbero tra un tiro e l'altro…), e questo fa si che il bersaglio di legno possa essere colpito in pieno e appunto risuonare del colpo. Maggiore e' il rumore, più forza l'arciere ha usato e più precisione ha avuto. Sorprendentemente vista la minuta stazza delle signore, loro sono state davvero brave.

Con il mare dietro e i surfisti che indisturbati fanno pratica cavalcando le onde, mi sembra di assistere a una scena surreale, decisamente passato e presente non combaciano e non si completano affatto in questa immagine, eppure e' bello essere testimoni di tutto ciò. Come nel set di un film, un cordone separa i curiosi dagli "attori" che si immedesimano nella parte, ogni personaggio o comparsa ha un ruolo ben preciso e definito.

Mi e' capitato in passato anche di assistere a una semplice dimostrazione di tiro con l'arco da fermo al tempio Yasukuni a Tokyo…bellissima (qui); questa volta, o per via della spiaggia, o per via della giornata di sole tiepida, o per via della nostalgia, rivedere cavalli così da vicino mi ha emozionato. E ora voglio andare a cavallo anche io. 

***********

When I say Sunday I think of sun, when I say sun I think of sea, when I say sea I think of Zushi, when I say Zushi I think of Yabusame (流鏑馬), a discipline in which samurai had to train and it is nothing but archery on a horseback.

Nowadays one can see representation of the trainings in the main temples in Tokyo, Kyoto and Kamakura (where this discipline comes from). Sometimes, though, not so far from Kamakura in Zushi they hold such shows of proud soldiers riding their horses and aiming at a target with bow and arrows.
On such a Sunday I go to Zushi with a few fellas, the beach packed with people since who knows what time, and find a spot good enough where to stand and watch the whole competition with a decent view of everything.

Participants wear garments and clothes typical of the era, the riders are easily recognized by this one-armed jacket with a golden print on the sleeve. Also, they wear a sword in a deer skin case, deer skin leg protectors, a bunch of arrows and a long bow. Before the competition, all participants parade along the city streets, then they gather at the area for the competition and prepare mentally and physically, they agree on the techniques, they prepare the animals that can't wait to break into a gallop, sometimes they need someone to keep the horses down.

The poor beasts were even decorated with all sorts dangling stuff, they were chewing on a special bit and the reins were a mere piece of fabric perhaps to ease the archer's movements in grabbing the bow and throw the arrows. And not only the horses, but even the men and women wore all sort of stuff, helmets, huge kimonos, belts, laces, strings, swords and so on, so I believe they were not in the most comfortable situation all in all…
But anyway, in a handful of seconds one of the best action scenes one could see happens before our eyes: the men's concentration, the animals' energy and instinct, the precision in the aiming, strength, speed.

It seems one of the criteria to measure the archer's skills is the sound the arrow makes when hits the target. All arrows have a flat tip, as if a cork was put there to protect the dart (and also because if they had proper steel tips, those arrows could kill many of those gathering around to watch the competition…)and this is so that the wooden target can be hit with a sharp and clear sound. The higher the sound, the stronger the archer threw the arrow, the more precise the blow. Surprisingly due to the minute size of the ladies, they did a great job.

With the sea as a background and the surfers practicing undisturbed, it seems to be watching a surreal scene. Definitely past and present don't match and don't complement at all in this image, and yet it feels good to witness it.

In the past I saw another simple archery demonstration at Tokyo's Yasukuni shrine….very beautiful (here); this time, though, because of the beach or because of the warm sunny day, or maybe because of some nostalgic feeling, I was slightly emotional at the sight of the horses. So now I want to ride a horse, too.










Sunday, November 18, 2012

A marathon


Sono stata a casa per troppo tempo, avevo bisogno di riconnettermi con quei pochi amici che mi sono rimasti a Tokyo, and per dirla tutta avevo semplicemente bisogno di distrazioni. Ma sul serio.
Avrei dovuto iniziare questa maratona di distrazioni di lunedì, come tutte le altre cose che si iniziano il lunedì, tipo la dieta, l'attività fisica, la scuola, il lavoro….

Invece ho incominciato il venerdì. Ho passato le sere di venerdì, sabato e domenica fuori, ballando salsa (inaspettato risvolto di una uscita tra colleghi), salsa e andando a cena con Udana, rispettivamente.

Anche se ho provato a fare qualcosa il lunedì, quella sera l'ho avuta libera. Ma dovevo comunque sistemare una lunga serie di distrazioni, quindi alla fine sono stata felice del fatto che mi sono fermata un attimo (questo pero' significa che mi sono riconcentrata sulle mie preoccupazioni. Cosa non buona).

Martedi sera sono uscita per una birra e una cena rapida con Gloria e il suo ragazzo, lei mi e' stata di grande supporto a Singapore ed e' ora una stabile presenza nella mia vita. O per lo meno, quelle volte che ci troviamo nella stessa città….

Il mercoledì e' sera di babysitting, con il piccolo italo-finlandese Anton…e' stato più facile di quanto pensassi, nonostante gli sguardi sospetti che mi ha lanciato, si e' addormentato subito appena la mamma lo ha messo a letto e io ho potuto leggere e bere vino mentre i suoi genitori si sono goduti la loro sera fuori. Inoltre, ho ricevuto un regalo e una fetta di torta al cioccolato e ho anche potuto chiacchierare con Mia, aggiornandola sulla mia vita recente. Dopo che me ne sono andata, passata mezzanotte, incontro per strada due miei colleghi che stavano ritornando a casa da una cena molto alcolica…fortuna che con la scusa del babysitting non ho partecipato, mi sarei sentita per nulla a mio agio….

Il giovedì ho invitato la mia migliore amica in Giappone Parisa, ora anche vicina di casa, per cena. Ho cucinato, abbiamo parlato e riso, abbiamo bevuto tanto vino (altra cosa di cui avevo bisogno terribilmente) e abbiamo fatto tardi.

La sera di venerdì e' stata perfetta per rivedere le ragazze Kaoru, Nat e Anne-So. La serata e' stata un vero intrattenimento, con un paio di risvolti interessanti e con bella gente che si e' presentata a sorpresa…

Il tempo al sabato non era tra i migliori, con pioggia sin dal mattino, ma questo non mi ha certo trattenuto dal vedere David, dopo così tanto tempo….e in ogni caso chi e' che ha voglia di perdersi l'occasione di stare con lui. Un buon caffè per iniziare la discussione e dopo una carica di calorie con un buon hamburger a pranzo per continuare la discussione. E quando parlo con lui ho sempre l'impressione di aver sbagliato tutto :)
La sera del sabato devo rinunciare a salsa visto che il tempo continuava a essere schifoso, e questo mi ha dato la possibilità di rilassarmi e essere riposata per la domenica, visto che e' giorno di Yabusame (tiro con l'arco a cavallo) a Zushi! Ma questo evento merita un post a parte.

Si conclude così questa lunga maratona, seppur devo dire che non ha proprio servito allo scopo. Aiuta, pero' e' stancante e dagli effetti solo temporanei. Ora lunga pausa fino al prossimo fine settimana.

************

I  have ben cozey-homey for too long, I needed to catch up with my few friends left in Tokyo, and to say the truth I simply needed a distraction. Badly.
I should have started this distraction marathon on Monday, like all other things that start on Monday…diets, sport routine, work, school…

But I started it on Friday. I spent my Friday, Saturday and Sunday evenings out and about, doing salsa (unexpected outcome of a drinks night with colleagues), salsa, dinner with Udana, respectively.

Although I tried to set myself up for Monday, that night was free. I had to plan a long line of upcoming distractions, so in the end I was happy I took a break (which meant I had time to focus on what is bugging me, tho. No good).

Tuesday night I went out for a quick beer and finger food with Gloria and her boyfriend, she was a wonderful company in Singapore, and she's a steady presence in my life now. Well, whenever we can be in the same city….

Wednesday was babysitting night, taking care of little Italian-Finnish Anton…It was actually easier than I thought, despite the suspicious looks I received from him, the boy slept since the moment the mother put him to bed, and I could read and sip wine while the parents could have their night out. Plus, I got a chocolate cake and a present and I managed to even spend some time talking with Mia updating her about my recent life. After I left, way past midnight, I crossed paths with two colleagues who were returning home from a all-you-can-eat&drink dinner…..I was glad I didn't join them with the excuse of babysitting, I would have not felt at ease...

Thursday night I invited my best friend in Japan Parisa, and now neighbor too, over for dinner. I cooked, we talked and laughed, we drunk lots of wine (I needed that badly, too) and we made it late.

Friday evening was perfect to catch up with the girls Kaoru, Nat and Anne-So. It was a surprisingly entertaining night, with a couple of interesting outcomes and surprising show-ups...

The weather on Saturday didn't look that exciting, raining since early morning, but that didn't keep me from seeing David, after such a long time….and anyway you don't want to miss a chance to spend time with him. A great coffee to get the conversation started, and then load up on calories with a very good hamburger lunch to get the conversation going. When I talk with him I always have the feeling I have done everything wrong so far :)
Salsa must be skipped on Saturday night, due to unfriendly weather, and that gave me the possibility to relax to be well rested on Sunday, Yabusame (archery on a horseback) day on the beach in Zushi! But this is one of those events that deserve a separate post.

This long marathon is then over, although I have to say it didn't work well. I mean, it helped a lot, but it was exhausting and the effects are temporary. Now long break till next weekend.

Monday, November 12, 2012

The other women

They know how to do it.
They are beautiful, well groomed and perfect in every detail, from head to toe, they follow fashion without fail.
Their face skin is flawless and always young, their bodies in shape and well proportioned, their hair is soft, their legs smooth and their lips glossed.
They have confidence, perhaps self-consciousness too, they seem to hold the secret of life.
Fearless they walk, fierce and proud, they don't care the looks, don't notice the stare, they're superior beings.
I will never be like them.

This is how I see them and how I see myself. I lack the self-assurance to do like they do, to walk like they walk, to be social like they are. I have too many insecurities, I have a critical eye on myself, I don't like my face, my smile, my legs, my body shape, I can't win against my rebel hair, I have no solution for a smooth and  young skin. I try to show confidence, but I miserably fail, I always look at them and secretly admire them, wishing I could be as natural.

Then there they are, the Japanese version. They dedicate a lot of time and attention to their looks, and they too don't care about what other people say. But, they don't know how to be natural, spontaneous…you see them walking in their funny way, in constantly precarious equilibrium, too busy in fixing their eyelashes to pay attention in buying shoes of the right size, too occupied in choosing the pattern for their fingernails to put on decently matched clothes…
Still, I admire them too, they believe in themselves, and that's enough.

This quintessential beauty photo was taken by a talented fashion photographer Scott Shuman.
His works can be found HERE 
 I love 'The Sartorialist'

Tuesday, November 6, 2012

11/6


Una giornata uggiosa sul serio oggi, una di quelle in cui ti svegli, ti accorgi che fuori piove a dirotto, e vorresti tanto startene a letto, magari leggendoti le email di lavoro sotto le coperte con la sola compagnia di una tazza fumante di te'….
Inizia a far freddo anche, iniziano quei lunghi quattro mesi dell'anno che amo di meno, quelli in cui il grigiore dei giorni incupisce l'animo e non si ha quasi voglia di affrontare il mondo la' fuori.

Ultimamente faccio sogni strani, alcuni angoscianti, altri inspiegabili, altri ancora neutri o bizzarri, non so che significato abbiano ne' se valga la pena di trovagliene uno, fatto sta che mi sveglio spossata e triste. Saranno forse i pensieri che attraversano la mia mente di questi tempi, saranno forse le delusioni che ho raccolto dopo aver seminato speranze.

Quasi quasi me la prendo comoda oggi, osservo il mondo da qui per un po', aspetto che il traffico e la calca scemino, perché si sa che quando piove così la città e' nel caos peggio che alle ore di punta del traffico, e poi con tanta pazienza e dedizione zen mi dirigo verso l'ufficio, preparata ad affrontare un lungo giorno…

Ma si, cosa volete che succeda in una giornata così! La meta' dei colleghi arriveranno anche tardi, e la giornata lavorativa decollerà solo dopo pranzo. Per fortuna non devo timbrare a un'ora precisa la mattina, il che lascia molta flessibilità, anche se arrivare più tardi significa andarsene più tardi, ma anche qui, cosa volete che si faccia in una giornata così, forse e' meglio stare in ufficio fino all'ora di cena, andare a mangiare qualcosa in un posto caldo e affollato e poi tornare a casa per guardare un film o leggere prima di andare a dormire.

Sembra quasi che si sia delineato un programma…

********

A very ugly day today, one of those when you wake, realize that it is raining outside and wish you could stay in bed, perhaps reading your work emails from under the covers with a cup of steamy tea beside you…
It's getting colder too, and so start those long four months I love the least, those when the grey days darken the spirit and one has no stimuli to face the world out there.

Lately I have been dreaming a lot, sometimes weird dreams, sometimes scary, unexplainable, or neutral or bizarre, I don't know what meaning they have or whether it is worth to find one, but anyway I wake up exhausted and sad. Must be all the thoughts are running my mind lately, must be the delusions I collected although I nurtured only hopes.

Perhaps I take it slow today, I watch the world from here for a while, I wait for the traffic and the crowd to vanish, because we know that when it rains like today cities are in a chaos, and after a while I can head to my office with patience and zen dedication, ready to live through the long day…

Yeah, what can happen in a day like this! Half of the office will get in late, the working day will kick in only after lunch. Fortunately I don't  have to be there at a precise time in the morning, so I have a lot of freedom, although a late start means a later end, but now, again, what can happen in a day like this…maybe it is better to stay at work until dinner time, then go grab some food in a warm and lively place, then go back home and watch a movie or read before going to sleep.

Look, it seems a plan just formed….

Monday, November 5, 2012

Modella per un giorno


Un giorno perfetto per una sessione di fotografie immersa nella natura! La prima domenica di Novembre ci saluta con un cielo privo di nuvole, ed e' un invito a uscire e stare all'aria aperta.

Oggi c'e' pure un fatto nuovo: un fotografo giapponese mi vuole per un servizio fotografico….ci troveremo in un giardino stile giapponese bellissimo, vicino Ginza, dove proveremo gli scatti con diversi abbinamenti di capi che abbiamo scelto in precedenza. 

Le foto sono per pubblicizzare un marchio di borse, quindi la modella serve solo da riempi spazio per indossare il prodotto, pero' la mia faccia e' pur sempre nelle foto, e alla fine ci guadagno anche una copia degli scatti migliori. 
Il set e' un bellissimo giardino, con un lago che occupa praticamente tutta l'area e la luce e' perfetta. Ma….

A quanto pare lavorare nel campo della fotografia e del cinema/TV e' abbastanza difficile in suolo nipponico....non so altrove, ma qui lo e'. In generale, e' vietato dappertutto fare foto o girare film senza previa autorizzazione. Intendo foto e film come attività, lavoro di direttori e fotografi, pubblicità e altro....
Infatti, con questo amico fotografo non e' stato diverso. Una volta entrati nel giardino, poco dopo aver incominciato a scattare fotografie, un gruppo di curiosi fermatosi a ammirare la "moderu-san" ha allertato quelli della manutenzione e una donna si e' precipitata da noi per intimarci di smettere. Evidentemente anche usare il foglio di alluminio che abbiamo usato per indirizzare tutto lo spettro luminoso sulla mia faccia non e' stato una mossa intelligente, visto che anche quello era sospetto....dava decisamente l'idea che le foto scattate non erano personali o per intrattenimento.

E ci siamo quindi spostati al parco pubblico li' vicino, senza risultati visto che dopo un po' una signora diversa dalla precedente ci interrompe e ci suggerisce di smettere.....e che palle!

In ogni caso, intoppi a parte, e' stato divertente essere modella per un giorno...anzi, per un paio d'ore. E' stato anche stancante, perché il tutto prevedeva uno o due cambi d'abito, un sacco di pose che non erano mai perfette, migliaia di scatti per far si che luce, colori, espressione facciale, e scenario fossero usabili....
Per fortuna ho portato con me la mia amica Parisa, che oltre a essere una buona compagnia e' stata di grande auto perché si e' occupata della luce (hikari), e mi ha pure accecata non poche volte :)
E' anche difficile avere un'espressione quanto più rilassata e naturale possibile, non chiudere gli occhi, non fare espressioni strane, guardare dritto nell'obiettivo, e avere anche fantasia nel trovare pose adatte. 

Rispetto d'obbligo d'ora in poi per chi fa questo lavoro, entrambe le parti, intendo, per chi sta dietro e per chi sta davanti l'obiettivo.

**********

Perfect day on Sunday for a photo shooting in the nature! The first Sunday of November greets us with a cloudless sky and it is an invitation to go out.

This day, there's a new thing: a Japanese photographer wants me for a photo shooting…we will meet in a Japanese style garden near Ginza, where we will try the different clothes combinations we had agreed upon previously.

The photos are to advertise a hand bag brand, so the model really is just a filler, a holder to show the product. Still, my face is in the pictures and in the end I get to keep the best shots too.
The background is this beautiful garden with a pond taking all the space and light is perfect. But…
It looks like working in the movie/photography business is quite difficult in Japan…don't know elsewhere, but here it is. Generally, it is forbidden to take photos or make movies without being authorized anywhere. I mean those photos and movies like the ones with directors, for advertisement, and such…

In facts, with this Japanese photographer we're not getting any luckier. After entering the garden, as soon as we start taking pictures a group of curious visitors stopped around us to admire "moderu-san" and they alerted the management people, so that a woman rushed us to stop and go elsewhere. It was also obvious that using the silver sheet we used to redirect the light spectrum on my face was not a smart move, since that one was suspicious….definitely it gave the idea the photos were not personal entertainment.
So, we moved to a nearby public park, but with no better luck, because after a while another woman stops us and explains that we can't work there…come on!

Anyway, keeping aside the interruptions, being a model for a day…er, actually a few hours, was fun. It was also tiring, because I also had to change outfits a couple of times, the million poses I tried were never perfect, light, scenario, colors, face expression and all other details required even more shooting time to make the photos usable eventually….
Fortunately I took Parisa, my friend, with me as company and eventually she turned to be a great help in directing the light (hiker) to me, blinding me several times :)
It was also difficult to have a relaxed and natural expression as much as possible, to not close my eyes, to not make weird faces, to look directly at the camera lenses, to have some imagination in finding a good pose.

So, even more after this, unlimited respect from now on for those who do this job, both who stands behind and in front of the camera.

PHOTO BY CHATANI

PHOTO BY CHATANI

PHOTO BY CHATANI

See more of Chatani's works HERE

Saturday, November 3, 2012

Pensieri d'inizio novembre


Questa cosa che i giapponesi sono attaccati al cibo mi lascia sempre esterrefatta.

Ho spesso raccontato di come qui tutto sia effimero, di come palazzi vecchi vengano rasi al suolo per far posto a edifici nuovi e scintillanti. Anche dove vivo io sta accadendo la stessa cosa, a un ritmo che non conosce sosta, anzi…In solo un anno abbiamo guadagnato un bel numero di palazzi alti e modernizzanti, un mezzo grattacielo, una stazione nuova, e ancora si abbatte, si spiana, si ricostruisce, si ristruttura.
Riguardo alla stazione, un centro commerciale si erge sui binari, e comprende un supermercato, vari negozi di abbigliamento, negozio di telefonia, banchi col cibo pronto, ristoranti, eccetera. Davvero notevole. Gia settimane prima dell'apertura di inaugurazione, file di casalinghe e pensionati si potevano avvistare vicino agli ingressi dove venivano rilasciate le membership cards, non sia mai che questi si ritrovino senza la famosa carta per la raccolta punti/ sconti/vantaggi! Il giorno dell'inaugurazione, il primo giorno di Novembre, precauzionalmente sono state sistemate transenne, separazioni, e un fitto sistema di vigilanza governava il massiccio affluire di curiosi acquirenti. Insomma, fin qui sono tutte cose normali, viste e riviste, che strappano un sorriso all'osservatore forestiero.

Ma ora, dico, perché fare la fila al ristorante sin dalle 10 della mattina? perché fiondarsi al supermercato a farci la spesa anche se non si ha bisogno di nulla? perché affollare il piano alimentare e affannarsi a comprare comprare comprare come se fosse l'ultimo giorno di vita? Insomma, non e' che questi posti stanno aperti solo per una settimana e basta! La calca e' impressionante, non si riesce a camminare e quasi quasi non si respira….gli altri piani del centro commerciale, gli altri reparti sono praticamente vuoti a confronto.
Eppure li vedi tutti presi a comprare queste "nuove" pietanze, roba che e' possibile trovare praticamente dappertutto, come la baguette, o la cotoletta, o il filetto di salmone, ma che pero' e' una novità lo stesso date le circostanze e quindi va assaggiata.  E' qualcosa che non capirò mai….

In contemporanea, si e' finalmente concluso il meeting che abbiamo tenuto in istituto, una settimana di parlare di scienza durante il giorno e ubriacature durante la sera. Ormai e' sempre la solita storia, chi ha un diavolo per capello nell'organizzare il tutto, chi approfitta per fare una settimana di vacanza-lavoro, chi ci crede sul serio a realizzare grandi cose. Certo, quando i collaboratori, tra cui amici di vecchia data, arrivano e' tutto un susseguirsi di abbracci, pacche sulla schiena, saluti e sorrisi, li vedi aggirarsi, conoscenze vecchie e nuovi acquisti, per le strade della città e alla fine fanno sempre gruppo unico e si ritrovano negli stessi posti a fare baldoria. Ma e' pesante farsi una settimana dalla mattina alla sera chiusi in una sala a parlare di esperimenti, analisi, risultati, eccetera, dove tra l'altro parlano sempre e solo i soggetti chiave, quelli in gamba sul serio, mentre il resto naviga su internet….Io ho invece assistito e lavorato nel frattempo. E questa volta, non ho nemmeno partecipato alle notti brave….

************

This Japanese thing about food is amazing. Mesmerizing.

I have often mentioned how everything here is temporary, how old buildings get pulled down to make room for new shiny ones. Where I live is happening the same thing, at a steady rate, and it is increasing….In just a year we got a huge number of tall and modern buildings, a apartment building tower, a new station building, and they still pull down, clear, build, restore.
About the station….a new mall towers above the tracks, and features a supermarket, shops, groceries, food stores and what not. Remarkable. Weeks before the opening long lines of housewives and retired people could be seen in areas where membership cards were distributed to sign up, no way they would risk to be without a card for discounts/gifts/points! On the opening day, the first day of November, separations and guard officers were placed at all entrances to regulate the curious buyers traffic. So far, all same old story, stuff already seen but that can't but steal a laugh at a foreign observer.

But now, I mean, why queuing for a restaurant from 10am? why running to the supermarket to buy compulsively? why jamming the food court and rushing to just buy buy buy as it it were their last day? Come on, it's not that those stores stay open only for a week! The crowd is tremendous, one could barely walk and breathe….opposed trend in all other shops and floors of the mall, they're almost empty.
Still, you see them rushing to buy those "new" deli's, stuff which is basically found everywhere else like salmon filet, or a baguette, or a cutlet….yet those items are new, they must be tried. This is something I will never understand…

At the same time about, a one week international meeting we held in our institute is finally over, a week of science talks during the day and beer intake during the night. It's the same old story every time, there is who is jumping around crazily to organize, who takes the opportunity to have a work-vacation week, who believes for real big things will happen. It is nice of course when collaborators, old friends among them, arrive and it's all about hugs, greetings and laughs. You see them wandering along the city's streets and eventually they end up gathering together and go to the same places to have fun. But a whole week forced to be in a meeting hall talking about experiments, analyses, samples, results, and so on is tiring. Also, at those meetings only the same key guys, the real brains speak, while the rest surfs the internet…Instead, I followed and worked at the same time, and I didn't even join the fun this time...