Thursday, August 9, 2012

Floating Lanterns in Asakusa


Uno dei tanti appuntamenti della stagione estiva giapponese e' lasciarsi coinvolgere dall'atmosfera sentimentale che gira attorno alla festa delle lanterne galleggianti, o 灯籠流し, (torou nagashi).

Solitamente coincidente con la fine della settimana festiva dedicata alla commemorazione dei defunti, quest'evento può anche essere celebrato in altre occasioni. Le lanterne di carta vengono accese e lasciate galleggiare sull'acqua, e se la maggior parte non finisce annegata per un colpo di vento o per la corrente, lo spettacolo agli occhi e' davvero suggestivo.

La lanterna rappresenta la persona cara che e' venuta a mancare, spesso si scrive il nome della persona su di essa, o messaggi di pace e speranza. Si lasciano poi andare sull'acqua perché e' li' che i defunti ritornano, secondo la credenza nipponica.

Anni fa avevo assistito alla cerimonia al parco di Ueno, dove un lago grandissimo e calmo, e la luna piena hanno contribuito a dare alla cerimonia un tocco di mestizia e di quasi romanticismo. Vedi qui
Quest'anno, ultimo evento del genere della stagione, sono stata ad Asakusa, lungo il fiume Sumida, ai piedi della gigantissima Tokyo Sky Tree nuovo simbolo di Tokyo, per vedere l'intero svolgersi del rituale.

Centinaia di persone pazientemente in fila per due aspettavano il loro turno per accendere la loro lanterna e lasciarla scorrere lungo due canali sistemati apposta per farle scivolare direttamente nel fiume. Qualcuno alla fine del circuito si assicurava che le lanterne non cadessero in acqua miserevolmente, ma sia il vento sia la corrente del fiume non hanno risparmiato molte lanterne....

Una musica (suppongo a tema) di sottofondo secondo me a volume troppo alto e le troppe luci cittadine, vista la collocazione della cerimonia, non davano certo l'idea di un evento suggestivo. Molto più suggestiva, invece e' stata l'immagine di una barca, in lontananza, da cui la gente abbandonava le lanterne sul pelo dell'acqua, nella semi oscurità grazie alla distanza...

Le rive del fiume strabordavano di gente, sia meri osservatori che partecipanti attivi al rito, tanto che e' stato difficile trovare un buon posto per fare delle foto. E poi, tra le altre cose, non e' che si fanno foto a lanterne galleggianti con una qualsiasi macchinetta....

Appuntamento a luglio prossimo con altre lanterne galleggianti. E a tutti i defunti, buon ritorno a casa.

*****************

One of the many Japanese summer events is 灯籠流し, (torou nagashi) the festival of the floating lanterns, surrounding you by a sentimental atmosphere.

Usually at the end of the week dedicated to commemorate the departed ones, this event can be celebrated in different occasions as well. THe paper lanterns are lit up and put on the water, floating, and when most of them don't sink because of wind or current, the sight is quite spectacular and suggestive. 

The lantern represent the soul of the departed, often it has the name of the person written on it, or also messages of hope and peace. They are, then, put on the water because it is there where the dead people return, as the Japanese tradition recounts.

Years ago I went to see the floating lanterns at Ueno park, where a huge and calm pond, and the full moon that night, gave to the ceremony a touch of humbleness and almost romanticism. See here
This year, last of such events for this season, I went to Asakusa, along the Sumida river and at the feet of the majestic Tokyo Sky Tree, the new symbol of Tokyo, to see the whole ritual.

Hundreds of people patiently stood inline to wait for their turn to light their lantern and let it run on a lane diving directly into the river. Someone at the end of the rail made sure that all lanterns won't fail miserably to gently touch the waters, but wind and currents were strong, and many lanterns ended their journey immediately…
Background music (probably themed) that was too loud in my opinion and too many city lights took the suggestiveness out of the event. More interesting was the image of a boat, away in the half darkness, where people released lanterns from, gently leaving them on the water…

The two banks of the river were over crowded with people, both mere observers and active participant to the ritual, and finding a nice spot to be able to take pictures was hard. Besides, how could I take good photos of a floating lantern without a proper camera…

To the departed, safe return home. See you next July.






2 comments:

  1. Mi ha sempre affascinato molto questa cosa!!! Spero di riuscire a vedere una di queste manifestazioni... :)

    ReplyDelete
  2. Eh, bella si. Ma se vuoi vederla in Giappone l'unico modo e' venire qui in estate, o luglio o agosto....

    ReplyDelete