Sunday, July 29, 2012

The longest week


Il bilancio di un fine settimana, tra le altre cose una settimana lavorativa di sette giorni:

1-La sera del compleanno di Andrew ci riuniamo al british pub, riusciamo a ridurre il festeggiato a un contenitore umano di alcol, al punto da non ricordarsi, il giorno dopo, cosa fosse successo. E siamo solo a mercoledì.
2-bbq in azienda il venerdì per l'anniversario della fondazione al venerdì sera, con un caldo da scoraggiare chiunque, ma con tanto tanto alcol, carne, yakisoba, frutta e dolci. Il mio capo torna a indossare le vesti del DJ, intrattenendoci con una selezione musicale di tutto rispetto. E siccome mi vuole bene, mi ha regalato due o tre brani di salsa da ballare con Alistair. Io, Morana e Jayson ci portiamo a casa un discreto bottino di guerra tra campari, rum e amaretto.
3-Incontro Alberto, a Tokyo per l'usuale visita di lavoro, per un aperitivo. 
4-Allo stesso bar dove vedo Alberto, conosco 4 italiani in una sola sera, due di loro poveri sprovveduti studenti universitari per la prima volta a Tokyo, anzi a Shibuya, la giungla umana…..mi preoccupo, sono tanto tanto giovani e tanto tanto ignari. 
5-Riesco a ballare con il migliore ballerino di salsa in circolazione, Bobby, e questo e' uno di quei momenti topici in cui desidero poter essere al suo livello. 
6-Di ritorno, un giapponese temerario (solo perché  ubriaco) cerca di attaccare bottone, conversiamo di…sushi, natto e sashimi.
7-l'abbronzatura comincia a spiccare sull'incarnato
8-domenica, non e' ancora finita. Ultimo giorno lavorativo per questa settimana, spero passi in fretta. Stasera destinazione hotel 3stelle.
9- la stagione delle cicale e degli scarafaggi e' ufficialmente iniziata. Schifo.....

***************

A week's report. A long working week, this one. 

1-Andew's birthday on Wed and we gather at the British pub where we manage to get the birthday boy quite drunk, to the point he doesn't remember -the day after- what had happened. And it's just Wednesday.
2-Anniversary BBQ on Friday night to celebrate the company's foundation day, soo hot to be discouraging, but with lots and lots of alcohol, meat, yakisoba, fruits and sweets. My boss is back on stage to wear the DJ's hat. And because he's too nice and knows me well, he played a couple of salsa songs for me and Alistair to dance. Me, Morana and Jayson bring home with us a discreet war trophy in the form of campari, rum and amaretto.
3-I catch up with Alberto, who's in Tokyo for the usual business visit.
4-At the same bar where I meet Alberto, I meet 4 Italians, and two of them very unexperienced university students in Tokyo -oh, actually in the human jungle Shibuya- for the first time…I worry, they're so young and so  unaware…
5-I get to dance with the best salsa dancer I know in town, Bobby. This is one of those moments when I wish I could be that good!
6-On my way back home, a fearless Japanese guy (I guess more drunk than sober) tries small talks with me, and we conversate about sushi, natto and sashimi.
7-sun tan is starting to show.
8-Sunday, and it is not over yet. Last working day of this week for me, I want it to pass fast. Tonight, next stop 3star hotel.
9-Cicadas and cockroaches  season is officially started. Ew.

Thursday, July 26, 2012

Persone che contano


Mi sono accorta che la maggior parte delle persone che contano, quelle che mi hanno fatto compagnia a Tokyo per questi sei lunghi anni, o per parte di questi, non sono più in Giappone. Rimane ancora un piccolo gruppo di cinque o sei persone sui cui posso ancora contare, per ora, poi chissà!

Questo discorso si riallaccia un po' a quello dell'isolamento e della difficoltà nel fare nuove amicizie, e in quell'occasione non avevo proprio badato al fatto che di nuove amicizie non ne faccio da un paio di anni, e di conseguenza ora che quasi tutti i buoni amici che ho hanno lasciato questo paese mi sto accorgendo che presto potrei rimanere a corto di confidenti e di compagni di avventure…

Questo discorso mi rammenta ancora una volta di come sia transitorio tutto quello che succede nelle nostre vite, c'e' un inizio e una fine per tutto, che sia fine vera o simbolica non importa, di fatto c'e'. 

Cavolo, ma sul serio se ne sono andati via tutti? Non mi tornano pero' i conti, conosco troppa ma troppa gente qui a Tokyo, come e' possibile? La risposta e' piuttosto semplice e l'ho già trovata: molti di questi amici non hanno fatto breccia nel mio cuore, con loro non ho legato più di tanto quindi e' ovvio che non sono i primi che andrei a cercare in caso di bisogno, non fanno parte della cerchia di quelli che contano. Molti altri amici invece sono stati declassati al livello di mere conoscenze, quelle amicizie che si stringono per sbaglio e col tempo ci si rende conto della vera natura del legame che le mantiene fino al punto da dimenticarsene. Succede, succede a tutti. 

Mi chiedo se non sia anche l'eta'. Più volte ho ribadito il concetto per cui, con il passare degli anni le esigenze cambiano, le esperienze che si vanno facendo lungo il percorso ci cambiano….sarà così anche in questo caso, forse. Mi ricordo che l'entusiasmo di trovarmi in una nuova città, di iniziare una vita nuova mi trascinavano e ho fatto di tutto; ricordo quando si usciva insieme per andare al parco il fine settimana, o al mare, sfidando caldo, vento, e afa; c'era sempre qualcuno che organizzava una festa o un altro evento e tutti si andava, il karaoke, i festival etnici o religiosi, i compleanni. Ora, invece, ha ragione chi mi dice che non esco neanche sotto tortura….

Ma altri amici mi raccontano che vivono la stessa cosa, anche loro della mia eta' o più grandi, anche loro a Tokyo da molti anni, molti più di me, anche loro rimasti con una manciata di amici veri. La cosa mi consola un po' e mi fa paura un po': siamo ancora giovani, trentenni, affermati professionalmente o nella giusta via per affermarci, spesso single e indipendenti, ma siamo già stanchi, per nulla disposti a fare altri sforzi, pure piccoli, per la paura che siano fatti invano perché tempo e risorse da perdere noi non ne abbiamo più.

*************

I came across this thought, that most of the people who mean a lot to me, the ones who accompanied me in Tokyo in the past six years, or for a shorter time, they are gone. There is a little group of five or six people I can still count on, right now. Later, who knows!

This fact goes back to the topic of isolation and difficulty in making new friends, and in that case I didn't reckon at all that I haven't made new friends since a couple of years, so now that all the good friends have left this country I have realized I might run the risk of being without companions in my adventures…

This fact reminds me once again of how temporary everything is, everything that happens in our lives has got a start and a end, be the end either real or symbolic, it will come.

Have they really all gone? Something's not right, I know way too many people here in Tokyo, how's that possible? Oh, I have already found the answer, quite simple:  many of them haven't been true close friends, we haven't created a long lasting bond and they are not the first ones I'd run to, they don't belong to the elite friends. Many other friends have been downgraded to the level of acquaintance, such as people one happens to meet, becomes close to but then cuts them out as soon as the real nature of the bond becomes clear after time, and eventually forgets about them. It happens too, it happens to all of us.

I think it must somehow be due to age. I have weighted the idea several other times, time passes and people's needs change, experiences made contribute to change us….it must be true in this case, too. I remember I was initially carried by the enthusiasm a new city and a new life would bring; I remember catching up with many people to go to the park on weekends, or to the beach careless of heat and wind; always, someone had a party planned and everyone would go, the karaoke, the ethnic festivals, birthdays. Now, who says I turned into a hermit is right…

But, other friends as old s me or older tell me the same story, they're in Tokyo since basically forever and they are left with a handful of good friends only. This is a consolation on one hand and a fear on the other hand: we are still in our thirties, professionally fulfilled or on the way to be, often single and independent, but we are already tired, not keen at all to make efforts, even tiny, because we don't want to waste our resources anymore, we don't have the time to invest anymore.

Saturday, July 21, 2012

Pressure pressure


It is not even the end of July, and while most of my friends are indulging in the pleasure of a beach vacation, a spa vacation, a diving vacation or other summer vacation, I have to think ahead and start planning my Christmas vacation.....while I haven't had my summer break yet. True story.

Seriously, I cannot do this right now. Family has started to pressure me, but not in a bad way, of course, they just want to meet me and would love to know already when and how and what and who, and such. They can't wait, and neither can I. But, but but.....no time just yet.

A little of background: my parents have decided to visit our family in Australia, first time ever in history, and this will happen exactly at Christmas time this year. So now, who knows enough about Sicilian families knows that I will have to go. No other options. Which is not too bad for me anyway, as I was already considering the idea to spend this coming Christmas with family, either in Sicily with my parents or in Australia, with my cousins. Now the joining of the two families right in the perfect location (hot and sunny that time of the year) makes the celebrations a unique event I don't want to miss at any cost.

But, again, the flight tickets and dates planning curse: flights are expensive, no matter how early/last minute you'd think about it, they already cost a lot and NO, I don't want to go through China; I haven't gotten any vacation approved yet (I am still waiting for the approval of the summer vacation, damn!), but I have to decide and decide soon, so that I can be done with this business too and focus on living life a little.

Christmas in Melbourne. It will be awesome, it will be.

***********

Non e' neanche la fine di Luglio, e mentre la maggior parte dei miei amici si stanno godendo i piaceri di una vacanza in spiaggia, facendo immersioni o in generale, sono in ferie, devo pensare un po' più avanti e pianificare le mie vacanze di Natale….quando non ho ancora preso le ferie estive. Vero!

Sul serio, non lo posso fare ora. La famiglia comincia a farsi sentire, non certo in maniera negativa, ci mancherebbe, loro vogliono solo rivedermi e vorrebbero già sapere quando come chi cosa eccetera. Non vedono l'ora e neanche io. Ma, ma ma…non ho tempo proprio ora.

Ci vuole un po' di sfondo in tutto questo: i miei genitori hanno deciso di visitare la parte di famiglia che si trova in Australia, per la prima volta nella storia, e questo accadrà proprio a Natale quest'anno. Quindi ora, chi conosce bene le famiglie siciliane sa che devo andare. Non ci sono altre opzioni. Il che non e' poi così male, visto che stavo già considerando l'idea di trascorrere questo Natale con la mia famiglia, o in Sicilia o in Australia. E quindi l'unione delle due famiglie proprio nel posto perfetto (caldo e sole in quel periodo) rende i festeggiamenti unici e di certo non voglio perdermi l'evento a nessun costo.  

Ma, ancora una volta, la maledizione dei voli e della programmazione del viaggio: i voli sono già cari, non importa se ci pensi presto/ultimo minuto, costano tanto e no, non voglio passare dalla Cina; non ho ancora ferie approvate (infatti sto ancora aspettando che vengano approvate quelle estive, cavolo!), ma devo decidere e devo decidere presto, così che posso finirla con questo e posso concentrarmi a vivere un poco la vita.

Natale a Melbourne. Sara' fantastico, sara'.


Thursday, July 19, 2012

Lifestyle -- Scheduling - Pianificazione


Lifestyle ritorna con un argomento molto attuale, un'abitudine a cui tutto il mondo si sta ormai inchinando: pianificare gli appuntamenti.

I giapponesi vivono una vita organizzata, inquadrata, dove c'e' poco spazio all'improvvisazione, unico popolo al mondo che prende appuntamenti anche per quando non c'e' bisogno. Persino i tedeschi, che secondo un antico luogo comune sono precisi e ben organizzati, lasciano spazio a un pizzico di inventiva, perché sanno che l'imprevisto esiste: anche se la cosa li farebbe innervosire parecchio, i tedeschi li puoi benissimo coinvolgere in attività dell'ultimo minuto. Lo stesso non funziona coi giapponesi, che proprio mancano dell'elasticità per fare ciò. 

Per prima cosa sappiate che ogni giapponese, soprattutto se di sesso femminile, va in giro con una agenda in borsa e basta un'occhiata superficiale per notare subito che ogni giorno del calendario e' annotato con qualche appuntamento, da oggi fino ai prossimi 3 mesi. Strano che il popolo famoso per la tecnologia all'avanguardia non si sia ancora liberato dalla schiavitù dell'agenda cartacea…..

Ancora, se provate a organizzare una cena con una vostra amica giapponese per, diciamo, domani, state certi che al 99% avrà già un impegno….avreste dovuto pensarci prima, oppure vi conviene fissare un appuntamento tra, facciamo 3 settimane, perché prima e' proprio impossibile visto che domani c'e' il parrucchiere, dopodomani la cena al ristorante con il vecchio compagno di scuola che e' stata fissata un mese fa, poi ancora il cinema con il fidanzato, e dopo una festa al locale XYZ, poi quella seduta dall'estetista che ci e' voluto 2 settimane per trovare un buco, poi ancora varie cene di lavoro o con clienti che sono state pianificate tempo addietro, e ancora una visita ai genitori che e' attesa da sei mesi, ovvero dall'ultima volta che ci si era visti per la stessa occasione, infine altri appuntamenti di routine come il circolo dei comici dilettanti che si riunisce una volta ogni 2 mesi, il picnic al parco la domenica, il pomeriggio di shopping selvaggio fissato proprio in corrispondenza dell'inizio dei saldi, eccetera eccetera eccetera….. 

In sostanza, il giapponese tipo organizza la sua agenda in maniera sistematica e totale, fino a non avere un giorno solo uno di pausa tra un impegno e l'altro.

Ora, anche i più recidivi, anche quelli che hanno vissuto la loro vita secondo il modello del 'poi vediamo ancora abbiamo tempo' (sud Italia in testa), a lungo andare devono necessariamente, per forza di cose, adattarsi al modello 'decidiamo mentre abbiamo tempo', e così alla fine si finisce a vivere tutti secondo il modello giapponese…e non a caso si dice "paese che vai usanza che trovi".

******************

Lifestyle is back with an episode up-to-date, a habit the whole world is now following: scheduling.

The Japanese live an organized life, inside a box, where no room is given to improvisation, they are the only people who make an appointment when it is not needed to do so. Even the Germans, who are the organized and precise ones if we believe to the common cliche, even they leave some space to invention, they know the unexpected can happen: although this might go on their nerves, the Germans can still be involved in some last minute activities. The Japanese? Forget it. They lack the flexibility to do so.

First of all, know that the every Japanese, especially female, always carry a notebook in their purses and one can note at a glance that every day in the calendar is booked with something to do, from today till 3months later. Very odd, for a Japanese, technology driven and slaves of technology, to be still nowadays attached to paper and pencil….

Also, if you try to arrange a dinner with one of your Japanese friends for…say tomorrow, well, be sure that by 99% she's busy already….you should've thought  before about it, or you better book another day now for, say 3 weeks from today, because before that it really is impossible. See…..there's the hairdresser appointment tomorrow, then a dinner planned since last month with an old school friend for the day after tomorrow, then the movies with the boyfriend, then a party at the XYZ place, then that beauty center appointment that took 2 weeks to find a hole for, then various business dinners with partners or coworkers planned a long time ago, and again a visit to her parents who have been waiting for six months, that is since the last time that they met, finally there are some routine events like the knitters circle every 2 months, the sunday picnic at the park, the shopping afternoon planned exactly when the sales start, and so on, I could go for hours….

Basically, the Japanese organize their agenda systematically and totally to the point when they have no breaks at all in between appointments.

Now, even the most resistant, even the ones who have always lived their lives following the 'we'll see, later, there's still a lot of time' chorus (south of Italy at the top) , they must eventually capitulate and adapt to the 'let's decide now while there's still a lot of time' model, so that in the end we all follow the Japanese way….it is not a case if the saying goes like "when in Rome, do as the Romans do".

Tuesday, July 17, 2012

Isolation break - Pausa isolamento


Mi dicono che mi sto chiudendo troppo in me stessa, che sono asociale. Spieghiamolo...

Ultimamente non ho ne' le forze ne' i soldi per uscire sempre con tante persone. Addirittura non sto neanche invitando gli amici a casa mia, che e' sempre stata famosa per questo. Non sto neppure andando a ballare salsa, che e' l'unica cosa che mi ha ridato vita circa tre anni fa! Non sono depressa, non sono nostalgica. A dire il vero sto bene, che e' una gran cosa. Al momento vivo una fase in cui preferisco passare del tempo di qualità con uno o pochi amici che ho ancora qui (o stare da sola), mi trovo nella mia fase di isolamento, da non confondere con eremitaggio….

Non esco più con i colleghi. Lavoro con lo stesso gruppo di persone da circa 5 anni e ho fatto le mie serate con loro, pero' ora sono stanca. Più o meno siamo cambiati tutti, i nostri interessi divergono, non abbiamo molto da condividere a parte lo spazio in ufficio…ovviamente ogni tanto facciamo qualcosa assieme, lo spirito di gruppo c'e' ancora e alla fine ci divertiamo pure, ma la cosa importante e' che ormai siamo colleghi e non migliori amici. Lavoriamo assieme e a parte quello non facciamo molto altro assieme.

Sono anche selettiva, mi piacciono poche persone e questo solo perché conosco poche persone (nel mondo) con cui mi sento a mio agio…sono piena di insicurezze, e la maggior parte delle persone che incontro mi fanno sentire ancora più insicura….di per se incontrare nuove persone e' un compito difficile, un'attività piuttosto esigente, e la maggior parte delle volte finisce che lascio perdere, non vale la pena. Essere selettivi significa anche scegliere con maggiore attenzione quando e con chi uscire, cambiare le priorità. Significa anche che alcune persone non mi piacciono, tipo quelle persone a cui non importa nulla di nulla, piene di solo chiacchiere, eccessivamente sicure di se e che si impongono..di certo non persone con cui mi piace essere. Non voglio leader, non voglio guerrieri senza paura, voglio amici, quelle persone con cui passare il tempo assieme e' qualcosa di piacevole non qualcosa di cui aver paura.

In aggiunta, tutte le persone con cui ho creato un legame sono andate via, e mi rendo conto che fare nuove amicizie e' piuttosto difficile. Penso sia perché i nostri bisogni cambiano col tempo, e le nostre aspettative cambiano anche…sono selettiva perché sono esigente, sono più vecchia e quello che voglio non e' quello che volevo qualche anno fa.

Sono stanca ma proprio stanca di dovermi mettere in treno per andare da qualsiasi parte. E meno male che qui i trasporti pubblici funzionano bene! Pero', essendo diventata una persona abbastanza pigra, non mi va di spostarmi tanto, non voglio fare la fatica di andare in stazione, prendere il treno, aspettare le coincidenze, passare da 10 a 60 minuti in treno….e' un sacco di tempo che si spreca! Preferisco piuttosto usare quell'ora per andare a correre lungo il fiume o per altro di più interessante.

E poi, il grande deterrente e' il fastidio che stare a contatto con la gente mi procura: a Tokyo ci sono troppe persone, sono ovunque, tante, ammassate nei treni, quando si muovono nelle stazioni, quando camminano per strada senza curarsi degli altri passanti, quando ingombrano la strada davanti a te, quando ti sbattono contro, quando ti si addormentano addosso…..la mancanza di uno spazio personale combinata a una claustrofobia che si e' accentuata di anno in anno, sono forse le cause principali che mi fanno desistere una volta su due dall'uscire e incontrare gente.

Troppo tempo a Tokyo forse? In passato andavo in giro ogni mese, vacanze o gite fuori porta, per staccare la spina. Ora non ne ho il tempo. Sara' che ho solo bisogno di una bella pausa e che me la devo prendere in un modo o nell'altro? 


**************

I am told I am isolating myself too much, I am antisocial. Let's explain….

Lately I don't have the energy nor the money to always hang out with many people. I don't even invite friends at my place anymore, while it used to be always lively and busy. I am not even going to salsa, which is the only one thing that gave me life since three years ago!!!! I am not depressed, I am not sad nor nostalgic. I feel fine, actually, that's the great thing. I right now am in that phase when I prefer to spend some quality time with one or a few friends I still have here (or by myself), I am in my isolation mood phase.

I don't go out with people from work anymore. I have been working with the same group of people for about 5 years, and I have done my partying with them but I am now tired. We have more or less changed, our interests diverge, we have nothing to share apart from the office space…surely we get together sometimes, the group spirit is still there and we might end up spending a good time, but the important difference is that we are coworkers not best friends. We work together, but we don't do many things together outside work.

I am also selective, I like few people and that is solely because I know very few people (worldwide) I feel comfortable with...I am full of insecurities, and most of the other people I meet make me feel even more insecure…meeting new people is itself already a difficult task, rather demanding activity, and most of the times it ends up with giving up on them, they are not worth the effort. Being selective means that one chooses carefully when and with whom going out, that priorities change. It also means I don't like someone, right, specifically those type of persons who are careless, full of B.S.,over confident and proving themselves all the time…not the ones I'd love to be with. I don't need leaders, I don't need fearless warriors, I need friends, people whom spending time with is something enjoyable, not dreading.

In addition, all the people I created a bond with are now gone, and I can see that making new friends is somehow more difficult. I think it is so because our needs change over time, and our expectations from people change too…I am selective because I am picky, I am older and I my demands differ form the demands I had some years ago. 

I am tired, really tired of catching a train to go any where. Thankfully here public transportation is excellent! But, having become a lazy person, I don't want to go too far, I don't want to go to the station, take a train, wait for the connection, spend something between 10 and 60 minutes commuting…it's a lot of time gone wasted!! I'd rather use that hour to jog along the river or to do something interesting.
Then, the big deterrent is the bad feeling that being close to other people provokes: too many people in Tokyo, everywhere, packing the trains, walking in the stations, crossing people's ways without caring, blocking your way in front of you, bumping into you, falling asleep on you….the lack of personal space combined to the discovery of a claustrophobic nature that worsen every year are perhaps the main causes that refrain me from going out half of the times.

Too long in Tokyo maybe? In the past I used to go somewhere every month, either vacation or just trip some place near, just to pull the plug. I don't have that time now. May it be that I just need a nice break and I shall get it one way or another?



Sunday, July 15, 2012

Weekend col raffreddore - Long weekend with cold

Quante cose che si possono fare quando si ha un lungo weekend a disposizione! Il terzo lunedì del mese (quest'anno il 16) e' Marine Day in Giappone, quindi domani NON SI LAVORA. Anzi, domani tutti, ma proprio tutti, andranno al mare, a parte coloro che sono già andati per farsi tutto il weekend.

Il tempo pero' e' ancora incerto per via della stagione delle piogge appena conclusa, quindi ho abbandonato l'allettante idea di farmi un weekend in qualche località di mare, ad esempio la mia sempre amata Okinawa, e ho piuttosto optato per socializzare un pochino visto che ultimamente mi accusano di essere una solitaria. Ma la sfiga vuole che io abbia preso un raffreddore che mi ha costretta a cambiare il mio programma della domenica, che prevedeva sole, pomeriggio in campagna con Ale e Maki e la loro piccola Giulia, sera a ballare salsa. 

Ho approfittato, il sabato, degli sconti per fare qualche acquisto, ovviamente non cose necessarie, solo vestiti da sera che non avrò mai la possibilità di indossare…le donne, si sa come siamo fatte. Poi cena con Yuki alla pizzeria di fiducia di Ryuta, e un tentativo di ballare salsa in un locale che pero' era deserto e caro. Quindi, no, rientro a casa senza salsa. 

La domenica, invece di stare fuori tutto il giorno, sono stata a letto tutto il giorno, in compagnia del raffreddore.
Ma c'e' sempre lunedì, non credo di far molto ma e' pur sempre un giorno in più di vacanza. E' previsto tempo da spiaggia, e la mia sdraio e' già pronta, volendo, ma vediamo in che condizioni mi sveglierò. Se starò ancora male potrei per esempio dedicarmi a tante di quelle cose che non si ha mai tempo/voglia di fare….

Intanto, con la scusa di essere rimasta a casa oggi, ho prenotato un hotel, ho preso un po' di sole, ho cucinato qualcosa di esotico, ho scritto un po' per il mio blog, ho rinsecchito il mio guardaroba (si, ulteriormente, e a guadagnarci sarà chi si prenderà la busta con la roba su cui ho scritto "Prendimi!") e tante altre piccole cose.

Domani e' il compleanno di mia cognata, e tra due giorni si laurea la mia cuginetta. Le ricordo qui così sanno che le ho pensate, visto che non posso essere presente ai loro festeggiamenti. Auguri a Piera e tantissimi in bocca al lupo a Valeria.

***********

Amazing how many things one can do when one has a long weekend ahead! The third Monday of the month (the 16 this year) is Japan's Marine Day, so NO WORK tomorrow. Actually, tomorrow everybody will go to the beach, apart from those who have already gone to spend there the whole weekend.

But, I mean, the weather is still variable as the rainy season is over just now, and I have abandoned the appealing idea of going some place on the beach, like the ever loved Okinawa, for the weekend to rather stay and socialize, because lately I have been told I am quite solitary. Bad luck wants me instead to catch a cold that forced me to change my sunday plan, originally featuring sun, afternoon with Ale, Maki and the little Giulia, evening dancing salsa.

On Saturday I went shopping, and of course I bought only unnecessary things like nice sexy dresses I will have no chances to wear….women, you know how we are. Then I had dinner with Yuki at Ryuta's our fav pizzeria and eventually we tried salsa at a place too empty and too expensive to go. So, no, no salsa and return home.
The sunday, instead of being out the whole day I was in bed the whole day, with a cold.

But, the Monday is still on, I don't think I will do much, but still is yet one more day available. The weather is supposed to be perfect for the beach, and my folding chair is ready, but let's see when I wake up tomorrow. If I am still ill I can try to do a few of those things one has never time/will to do…

Anyway, by being home today, I managed to book a hotel, suntan a bit, cook something exotic, write a little for my blog, slim my wardrobe down (again, yes, and the gain is to whom will grab the stuffed bag where I wrote "take me"), and few more things.

Tomorrow is my sister in law's birthday, and in two days my cousin will defend her thesis in physics. I can't be with them so I will remember them here. Happy birthday Piera and good luck Valeria. 

Tuesday, July 10, 2012

Mangia Mangia

Va a finire sempre che si parla di cose da mangiare. 
Va a finire sempre con il racconto su questo o quell'altro piatto mangiato chissà dove.
Va a finire sempre che si pubblicano foto di manicaretti ordinati o preparati da se.
Va a finire sempre a interessarsi della panza.

Devo ritirare quello che ho detto quando mi riferivo ai giapponesi come il popolo che vive per mangiare.....in fin dei conti, con sfumature varie, siamo tutti attratti dal cibo. E' vero che per i giapponesi il cosa e il dove mangiare sono le questioni fondamentali di ogni uscita e ogni vacanza che si rispetti, sia in patria che all'estero, pero' nessuno mi pare sia immune. 
Da qualsiasi punto si parte, si arriva sempre a parlare di cose buone.

Qui a Tokyo, come ribadito più e più volte, posso provare ogni tipo di cucina e pietanza, basta cercare un ristorante tipico,che so, afgano, ed ecco che posso ingozzarmi di riso e carne e quant'altro e' tipico di quella cucina. Non solo, ma tra le varie amicizie che si stringono con gente proveniente da diverse parti del globo, appartenenti a diverse razze e con diverse culture, e' facile provare anche la cucina di casa, quella che si apprende a casa quando si e' piccoli.

Visto che molti degli amici si dilettano ai fornelli, a quanto deduco dall'immane quantità di foto di piatti preparati, quasi a voler partecipare a una guerra dei sapori, sono sicura che una ulteriore lista di foto con piatti tipici dal mondo non sarà sgradita affatto. Io ho sicuramente gradito….

*************

We always end up talking about food.
We always end up talking about this or that dish ate somewhere.
We always end up posting photos of delicious things either ordered or cooked.
We always end up caring about our tummies.

I have to withdraw what I said when I once considered the Japanese as the people who live to eat….in the end, at different levels, we all are attracted by food. True that for the Japanese where and what to eat are fundamental points to be discussed before going anywhere, even for travel, but, all in all we aren't immune either.
Every point we start from, we always finish with good food.

Here in Tokyo, and I am repeating myself again, I can try every type of food, for example if I want to eat Afghan food, I can find it. Not only this, but while making friends with people from different parts of the globe, belonging to different races and cultures, one can also try home made cuisine.

Because many of my friends love cooking, as I can deduce by the amount of pictures of cooked stuff posted, as if participating to a war, I am sure this list of world food will be appreciated. I, for sure, appreciated….

chinese set

moroccan lunch

iranian meal

iranian rice with chicken and cranberries

peruvian rice

peruvian dinner

srilanka dinner 

iranian fried rice

avocado burger

fish burger

italian pizza

japanese lunch set