Wednesday, December 28, 2011

Compleanni, Natale e salsa


E il tanto atteso Natale e' arrivato anche per me. Un po' in ritardo con i preparativi, gli addobbi, il sentire l'atmosfera, ma ora ci siamo.
Quest'anno, nuovamente in quel di Tokyo, si e' optato per qualcosa lievemente differente rispetto alla tradizione che vuole la famiglia riunita o per cenare alla vigilia o per il pranzo del 25. 
Prima di tutto bisogna fare i conti con il fatto che qui in Giappone il Natale, essendo una festa cristiana, non prevede ferie per chi lavora. O meglio, non e' festa. Per chi non ha più ferie, doversi trascinare al lavoro il giorno di Natale fa un po star male, secondo me, ecco. E siamo quindi fortunati che quest'anno il Natale cade proprio di domenica….
Poi, solitamente la tradizione che abbiamo sinora seguito e' stata quella di fare il pranzo a casa mia, con gli amici italiani, tutti insieme come una grande famiglia. Invece quest'anno sto organizzando la cena con amici e colleghi del lavoro. Coloro che, come me, non si sono mossi da qui….
Come'e' andata in generale questo fine settimana? Decisamente bene, direi.
Si parte con un venerdì di festa sfruttato per decorare casa, darle quel tocco di festività che necessita, spese, pulizie. Il sabato c'e' la festa di compleanno di Natacha e poi il consueto appuntamento notturno con la salsa…bei ricordi rimarranno da questa notte salsera, ricordi al profumo dolce di cannella, caldi come un bacio tanto atteso sotto le stelle, ricordi di una coppia in rosso, di calici che tintinnano a mezzanotte, abbracci, auguri....
Domenica e' il giorno della famiglia, e' Natale e spendo il pomeriggio su skype salutando tutti, ma proprio tutti. Finalmente e' sera, gli ospiti alla mia cena incominciano ad arrivare, si aprono le bottiglie di vino, si tagliano le torte (ben tre quest'anno grazie ai miei premurosi ospiti!!), si ride, si mangia, si parla del più e del meno. 
L'idea del menu di quest'anno, come già accennato, nasce da un omaggio alle tre culture che rendono speciale la mia vita: mini involtini primavera -ma con ripieno di funghi e formaggio- che rappresentano il Giappone, la mia nuova casa, dove l'avventura ha inizio; empanadas, panzarotti ripieni di carne e verdure piccanti, tipici del Sudamerica, terra di sole e musica, salsa e sorrisi, la cui cultura ho imparato a conoscere e apprezzare attraverso il ballo e la lingua spagnola; infine calzone ripieno di spinaci e formaggio giusto per ricordare a tutti che sono italiana, anzi siciliana.
Che posso mai volere di più?C'e' Natale migliore?C'e' esperienza di vita migliore?Forse, ma a me per ora va bene così. 

**************

The so longed Christmas has come for me too. I was a bit late with planning, decorations, feeling the atmosphere, but now it's time.
This year, again in Tokyo, we did something different than the traditional family reunion either on Christmas eve or on Christmas day.
So, first we have to consider that here, in Japan, Christmas is not a holiday. Who has got no more vacation, dragging themselves to work on Christmas day is quite saddening, I think. So, we're lucky enough that this year Christmas is on a Sunday….
Then, the tradition I have so far followed has been to hold the lunch at my place, with all the Italian friends like in a big family. But this year, instead, I am planning the dinner and with coworkers. The ones who, like me, haven't gone somewhere…
How did this last weekend go, then? Definitely well, I'd say.
We can start with a holiday on Friday I used to decorate my place, give it that touch of atmosphere it needed, shopping, cleaning. On Saturday is Natacha's birthday party, then the usual appointment with salsa dancing…nice memories I will keep from this salsa night, memories as sweet at the scent of cinnamon, as warm as a kiss under the stars, memories of a couple in red, of glasses touching at midnight, hugs, wishes….
Sunday is the day for the family, it's Christmas! I spend the afternoon on skype greeting everybody, really every one. Evening comes, finally, and my guests come, wine bottles are opened, cakes (three this year thanks to my caring guests!!!) are cut and eaten, we chat, we laugh, we have a good time.
As I have mentioned, this year's menu comes from my homage to the three cultures that have made my life special: mini spring rolls -but with mushrooms and cheese- for Japan, my new home, the place where my adventure began; South American empanadas stuffed with chili meat and veggies, from the land of sun and music, salsa and smiles, mother of that culture I came to appreciate through dancing and Spanish language; finally calzone with sipnach, ham and cheese to remind all I am Italian, Sicilian even.
What could I ask more for? Is there a better Christmas? Is there a better life experience? Perhaps, but to me right now it is fine.





No comments:

Post a Comment