Thursday, September 22, 2011

Lifestyle - Suicides

Scene di ordinaria follia il fine settimana a Tokyo….

Allora, state uscendo da casa, diciamo il sabato sera, per, che so, andare a ballare. Uscite prestino visto che non volete fare le ore piccole, quindi pensando all'ora dell'ultimo treno vi organizzate per massimizzare la vostra serata.
Va tutto bene fino a che vi ritrovate fermi a una stazione dove l'unica alternativa a un treno fermo e' uscire dalla stazione e prendere un taxi per tornare a casa. 
Ecco, cosa sarebbe successo? Una brillantissima mente giapponese ha ben pensato di convincere il corpo in cui si trova a tentare il suicidio saltando sui binari a una stazione, tipo, che so, Shinagawa che e' una delle stazioni di punta a Tokyo……
Il sistema ferroviario e' andato in tilt per circa 40 minuti, impossibile andare in nessuna direzione, quindi tanto vale aspettare e decidere sul da farsi non appena il traffico torna regolare.
La situazione non si e' poi regolarizzata fino passata la mezzanotte.
Le cose non vanno meglio di domenica sera, quando si ripete lo stesso copione del giorno prima…..

Non potrebbero questi gentili signori dalle voglie suicide pensarci, che so, il lunedì ad esempio? Che male farebbe a loro? Tanto vogliono farla finita comunque, perché rovinare il fine settimana di migliaia di persone? Buttatevi dal balcone di casa vostra, piuttosto, se proprio non volete vivere! E se vivete al pianterreno, beh, andate a trovare il vicino di casa all'ottavo piano! Andate al monte Fuji e appendetevi a uno degli alberi della cosiddetta foresta dei suicidi! Ingurgitate un'overdose di medicinali e non rendete la vita difficile agli altri!

Purtroppo queste scene si ripetono frequentemente qui, ed e' un triste primato quello di essere una delle nazioni col più alto tasso di suicidi. Le stime parlano di un suicidio ogni 15 minuti….
Sembra poi che il tasso aumenta nei periodi di crisi economica, e recede in periodi di benessere. Sembra sia dovuto alle pressioni sul lavoro, a scuola o in famiglia. Sembra sia dovuto alla politica….Insomma, sembra ci siano diversi motivi per cui un giapponese decide di uscire di scena. 

Che poi, lasciatemelo dire, questi depressi che vogliono farla finita, non sono solo depressi. Se una persona vuole morire, non lo fa con teatralità, non lo fa per attirare l'attenzione su di se. Invece quello che sembra succeda coi giapponesi e' che sono non solo depressi, ma soprattutto egocentrici ed egoisti. E, storicamente, orgogliosi. Nel gesto estremo di lasciare la vita, questa gente deliberatamente vuole essere considerata, vuole lasciare un segno, vuole fama (onore?). Pensate ai samurai, che piuttosto che vivere nel disonore si uccidevano con le loro stesse mani…..
Se non fosse così, perché mai una qualsiasi persona decide di buttarsi davanti a un treno il fine settimana, o durante le ore di punta? Perché' scegliere stazioni con tante connessioni? Tra le altre cose, la famiglia del suicida, in base al disservizio causato agli utenti, devono risarcire la compagnia ferroviaria. Perché lasciare che la tua famiglia si prenda la responsabilità del tuo voler morire? Perché gli psicologi che hanno in cura persone depresse non si preoccupano anche di curare altre manie collegate alla depressione?

E' triste tutto ciò, e' proprio triste.

****************

Scenes of ordinary madness on the weekend in Tokyo…

So, you're going out, lets say on Saturday night, for, lets say, dancing. You leave early-ish because you don't want to stay out all night, so you plan your last train in order to maximize your fun.
It's all good till you are stuck at a station where the only alternative is to get out and catch a cab back home.
Alright, what happened? A very brilliant Japanese mind thought well to convince the body it was in to attempt suicide by jumping on the train tracks of a station like, lets say, Shinagawa which is one of the hub stations in Tokyo…
The service was stopped for about 40 minutes, impossible to go any other direction so the best thing is to wait till the traffic resumes.
The situation didn't get better until past midnight.
Things don't go better on Sunday night, when the same story of the day before is repeated….

Couldn't those nice people with suicidal wishes think about it, lets say, on Monday, for instance?What damage would do to them? Anyway they want to get over with it, so why ruin thousands of people's weekend? Rather jump from your balcony,if you really don't want to live. And if your place is ground floor, then go visit your neighbor on the 8th floor! Go to mount Fuji and hang yourselves to one of the trees in the famous suicide forest! Gulp an over dose of drugs, and stop making people's lives hard!

These scenes, unfortunately, are frequent here and it's a sad thing to be one of the top nations with the highest suicide rate. Estimations are of a suicide every 15 minutes…
It seems that the rate increases during economical crisis periods, and diminishes in better times. It seems it's due to pressure at work, at school or at home. It seems it's due to politics….Well, it's like many reasons are why a Japanese decides to quit the scenes.

Then, allow me to say this here, these depressed ones who want to quit life, they are not just depressed. I mean, if someone wants to die, they don't do it theatrically, to get all the attention. Instead, what apparently happens with the Japanese is that they not only are depressed, but are above all egocentric and selfish. And, historically, proud. In the extreme act of quitting life, these people seek deliberately for attention, want to leave a sign, want fame (honor?). Think of the samurai, who committed suicide rather than live in dishonor….
Weren't it so, why on earth a random someone would decide to jump in front of a train on weekends or at rush hours? Why to choose hub train stations? Among the other things, the family of the suicidal, based on the disservice caused to the users, must refund the rail company. Why then let the family take the responsibility of your wish to die? Why do psychologists who cure depressed subjects don't worry about also other problems connected with depression?

It's sad, all this is really sad.


2 comments:

  1. Non e' cinismo, purtroppo.
    Vedere o sentire di fatti del genere, su base giornaliera non e' per nulla bello. Mi rattristo molto per loro, perche' non sono seguiti ne' aiutati.

    ReplyDelete