Monday, July 25, 2011

Chill out at Miurakaigan - 三浦海岸


Le spiagge della baia di Sagami, un arco di mare imprigionato tra Izu e Chiba, sono un pochino antipatiche, lasciatemelo dire. Ma magari, avendo come secondo termine di paragone le spiagge siciliane, saro' un po' troppo esigente... 
La sabbia e' scura, le correnti sono forti, il vento non cala mai. Il risultato di questa combinazione di fattori e' che trascorrere un giorno in spiaggia si traduce in: impanarsi di sabbia come una cotoletta, fare il bagno in acque torbide, con onde fastidiose, spesso alte, piene di alghe. 
I fenomeni naturali suddetti si calmano all'imbrunire, e solo allora e' possibile godere di un po' di pace e relax. E dopo una giornata di vento che ti sbatte i granelli di sabbia in faccia, il relax e' d'obbligo. Nessuna delle spiagge dalla più' vicina Kamakura alla più' lontana (e tra l'altro dentro la baia di Tokyo) Miura, passando per Enoshima, Zushi, Chigasaki, Shonan e' immune. 
La situazione e' lievemente migliore sulle coste di Chiba, a est di Tokyo, esposte all'oceano. Ma solo lievemente migliore. Se andate a Mito in una giornata di vento forte, vi sembra di essere dentro una tempesta di sabbia nel Sahara.
Stessa cosa per le spiagge a sud, lungo la penisola di Izu…..dove pero' le spiagge bianche e la posizione geografica favoriscono il mitigarsi dei fenomeni, e quindi meno onde,e acque in effetti limpide e pulite.
A Shimoda, e solo a Shimoda, estrema punta di Izu e affacciata sull'oceano, ho finalmente trovato le spiagge e il mare che cercavo…. (ma non a Shirahama, dove le onde e le correnti hanno creato una spiaggia che sembra una enorme duna, con un dislivello pazzesco tra la riva e la spiaggia).
Il lungo weekend di luglio lo volevo passare ad Atami, città ancora abbastanza vicina a Tokyo, ma affacciata sull'oceano, così da poter combinare due cose: visitare un posto nuovo e godermi un giorno intero in spiaggia.

Invece….

Miurakaigan si trova quasi alla punta della penisola di Miura, che si estende a sud, e chiude al suo interno la baia di Tokyo.  Rappresenta un buon compromesso distanza-stato delle acque, e quindi invece che Atami, cambio volentieri i miei programmi.
Le cose sono molto cambiate dalla mia ultima visita a Miura. Infatti ora e' possibile giocare a beach volley in uno degli otto campi già predisposti, oppure a beach soccer. Inoltre, per la prima volta ho visto dei cavalli in spiaggia. 
A intervalli regolari, c'era chi si preoccupava di far fare un giro alle povere e penso accaldate bestie, e le portava lungo la riva, dove puntualmente una folla di bambini curiosi si riuniva attorno all'attrazione del momento. E in effetti, era possibile salire a cavallo e, sempre con la presenza di un guardiano, fare una passeggiata lungo la riva. bello no?
Poi, pero' ho visto qualcosa che mi ha fatto storcere il naso: intanto, il fatto che questi animali fanno i loro bisogni sulla spiaggia, li' dove i bambini si mettono a giocare, dove la gente si siede a prendere il sole….non so quanto sia igienico tutto ciò. Altra cosa, questi signori che si occupavano dei cavalli, una volta che un impavido cavallerizzo si fosse preso la briga di salire in groppa, guidavano i cavalli dritti dentro l'acqua!!! E che cavolo, io volevo farmi il bagno a mare!!!!Ma, poi,  ai cavalli piacerà? A me e' parso di capire che le povere bestie non vedevano l'ora di uscire, visto che erano spinte dentro l'acqua fino alla gola, giornata in cui tra l'altro il mare era abbastanza agitato….
Non so voi, ma avrei preferito vedere solo la passeggiata lungo la riva.

A parte queste novità poi le cose a Miura non sono tanto cambiate: ragazzi e ragazze con enormi ciambelloni lasciarsi cullare (o meglio, lasciarsi scaraventare) dalle onde, gruppi di amici divertirsi a fare body surfing, cosa che tra l'altro pare piaccia un casino ai giapponesi, soprattutto alle ragazze perché possono strillare a squarciagola per qualsiasi cosa. 
Prendendo un ombrellone e una sdraio, alla modica cifra di 25 euro (lamentatevi voi dei lidi in Italia!!), sfidando il vento, ho passato la giornata a sonnecchiare o osservare quello che succedeva attorno a me. Il vento e le correnti forti hanno reso felici molti windsurfers, che si sono cimentati anche in alcune acrobazie. L'area di Miura e' famosa per gli sport d'acqua, soprattutto kitesurf e windsurf, vela,e si vede un discreto numero di moto d'acqua.
Proprio di fronte alla spiaggia, si distingue nettamente la costa opposta della penisola di Chiba.
Per chi vuole passare un giorno lontano dalla folla e dedicarsi al relax, Miura e' il posto giusto, facile da raggiungere, distante solo un'ora di treno da Tokyo.

***************

Beaches in Sagami bay, an arc of sea cast between Izu and Chiba, are a bit annoying. Perhaps, as I have Sicilian beaches as a comparison, I concede I might be a bit demanding….
The sand is dark, the current is strong, the wind never stops. The result of such a combination of factors is that spending a day at the beach means: turn into a sand cutlet, swim in muddy waters, with high waves and lots of seaweed.
Those phenomena calm down at dusk, then it's possible to enjoy some peace and relax. And, really, after a strong wind smashing sand dust on your face the whole day, relax is a must. None of the beaches is immune, from the closest Kamakura to the farest (also inside Toyko bay) Miura, going through Enoshima, Zushi, Chigasaki, Shonan.
Things are slightly better on Chiba coast, east of Tokyo, exposed to the ocean. But just a tiny bit better. If you go to Mito on a strong wind day you feel like being in the middle of a sand storm in the Sahara desert. Same thing for the beaches in the south, along Izu peninsula….where, though, the sand is white and the geographical location allows the phenomena to be milder, which means less waves and water, in facts, clean and clear.
In Shimoda, and only in Shimoda, further south peak in Izu, and on the ocean, I eventually found the beaches I was looking for…(but not Shirahama,where waves and currents made a dune instead of a beach).
I wanted to spend the long weekend in July at Atami, a town still close enough to Tokyo, but on the ocean, so to be able to combine two things: visit a new place and enjoy one day at the beach.

Instead…

Miurakaigan is almost at the end of Miura peninsula, stretching southwards, and enclosing Tokyo bay. It is a good compromise distance-status of water, so I change my plans, happily.
Things changed a lot since my last visit here. In facts, now one can play beach volley in one of the eight fields available, or play beach soccer. Also, for the first time I saw horses on the beach. 
Ar regular intervals, someone would take care of the poor hot beasts and took them to the shore, where curious children gathered around the attraction. It was indeed possible to hop on a horse back and with a guardian go for a ride along the beach..that's nice isn't it!
But then I saw something that made my nose twist: well, first of all these animals pee and poop on the sand, right there where kids play, where people sit…hmmm, I don't know how much "clean" that is….
Another thing, these people who took care of the horses, after a fearless one would sit on a horse back, led the horses directly into the water!!! Cmon, I wanted to have a swim there!!And, I mean, would the horses like it? I had the feeling that those poor animals couldn't wait to get out, since they were pushed into the sea up to their necks in a day the water was pretty rough…
I don't know, I'd have preferred to have (and to have seen as well) just a ride along the shore.

Such good news apart, things in Miura slightly changed: boys and girls with huge floating rings being rocked by the waves (well, literally being thrown away), groups of friends enjoying body surfing, which seems to be very popular among the Japanese, especially girls because they can scream for every little nothing.
I rented an umbrella and a folding chair, for just $25 (you complain about Italian beaches, you Italians!!!), sitting in the wind, and I spent the day dozing off or observing what happened around me. Strong winds and currents made lots of windsurfers happy, and some of them even tried some flips. Miura area is actually quite famous for water sports, especially windsurf and kitesurf, sailing, and there's a decent number of water bikes too.
Right in sight, on the opposite side of the bay, one can neatly recognize Chiba coast.
Miura is the right place to be for those who wish to spend a day far from the crowded city and chill out, easy to reach and just one hour by train from Tokyo. 




No comments:

Post a Comment