Wednesday, July 27, 2011

Bon Odori at Soji-ji

Erano anni che non assistevo a quella che in giapponese si chiama Bon odori, ovvero un tipo di danza che accompagna il periodo di Obon, commemorazione dei defunti, e che si celebra in estate. Solitamente la settimana a cavallo del ferragosto e' dedicata alla vera e propria commemorazione, ma durante i mesi di luglio e agosto e' comune vedere gente in yukata ballare in piazza a cerchio i motivi tipici dell' Obon.
Non avevo mai visto quello al tempio Soji-ji di Tsurumi, che a detta della mia amica e' abbastanza particolare e unico nel suo genere.

Arrivo al tempio minuti prima che ricominciasse a piovere..c'e' un tifone che si avvicina a Tokyo, lento ma potente, e le raffiche di pioggia si susseguono a nuvoloni grigi in corsa. Il viale di ingresso al tempio e' puntellato di bancarelle di cose da mangiare, di giochi, souvenir, come in tutte le feste religiose. Nel piazzale davanti al tempio c'e' un palco su cui si trovano uomini in yukata, testa fasciata nell'immancabile tovaglia bianca, musica a palla. Solitamente le musiche sono tali che istruiscono sui passi di danza, un po' come una macarena in giapponese, dove le mosse sono scandite, lente e precise. Il ritmo delle canzoni e' vivace, prevede saltelli e battito di mani, tra le altre cose. 

Io e Tsugumi proviamo a seguire la danza e anche il piccolo, mio nipote acquisito, Tai. L'aria di festa si sente nonostante il mal tempo, e quando la pioggia scrosciante viene giù all'improvviso ci ripariamo sotto il tetto dell'imponente cancello di ingresso al tempio, mangiamo takoyaki, granita, beviamo lamune (ラムネ, una specie di soda) e io e Tai giochiamo ai power rangers.
Poi, mentre Tai insegue le bolle di sapone sparate dal palco dei danzatori, io mi dedico al mio passatempo preferito: foto e video per ricordare l'evento e la gente che era con me. 

Vicino al tempio ci sono scuole e università e quindi il viale che porta al tempio e' affollatissimo di giovani, ragazzine e ragazzini, famiglie con bambini, tutti fanno chiasso e comprano una patata al burro o una mela caramellata. 
Ci dovevano essere anche i fuochi d'artificio a concludere 4 giorni di festa, ma la pioggia lo ha reso impossibile. Peccato. E pensare che io avevo anche pronto il mio di yukata, da indossare proprio in occasione della festa. Ma spero ci sia tempo tutta l'estate per questo! Gli eventi a cui partecipare non mancano di certo.

Purtroppo mi sono persa anche l'annuale festival estivo a Ueno, in particolare la sera in cui accendono decine di lanterne di carta e le lasciano andare alla deriva sulla superficie del lago….proprio capitato il fine settimana appena trascorso :(

************

It's been years since the last time I saw what is known in Japan as Bon Odori, which is a type of dance popular during the Obon season, the time of honoring the spirits of ancestors, and it is celebrated in summer. Usually the real celebration is in the middle of August, but in general during July and August is common to spot people wearing yukata dancing in circle on the Obon songs.
I had never seen the one in Sojiji here in Tsurumi, which is  quite peculiar according to what my friend says.

I get to the temple minutes before the rain came pouring down again…there is a typhoon approaching Tokyo, slow but strong, and rain showers alternate to vest running grey clouds. The entrance to the temple is spotted with benches belonging to sellers, food, games, souvenirs…like any religious festivals. In the wide open area in front of the temple there is a stage where some men in yukata are, standing, head wrapped in the classic white towel, music playing loud. The songs are usually made so that they instruct on the dance steps, like a sort of macarena dance in Japanese, with precise, slow and sharp moves. The rhythm of the music is quite lively, it features jumps and hand claps, and other things.

Me and Tsugumi try to follow the steps, and so does my little step-nephew Tai. Although the weather sucks, the atmosphere is feisty, and when the rain falls suddenly we rush under the roof of the massive gate, we eat takoyaki, some cracked ice with syrup, we drink lamune (ラムネ, soda) and me and Tai play power rangers.
Then, while Tai runs after the soap bubbles that are shot from the stage, I have fun with my favorite hobby: take photos to remember the day.

There were supposed to be fireworks as a closing show after 4 days of festival, but the rain made it impossible. Zanen! And I also had my yukata ready to wear for the occasion. Ah, I should have time the whole summer for this, there will be more chances.
Unfortunately I missed the annual summer fest in Ueno, in particular the night when they light dozens of paper lanterns and let them float on the lake surface….it had just been that weekend :(





No comments:

Post a Comment