Thursday, March 24, 2011

X(ray)-Men

Post scritto prima del terremoto dell'11 Marzo ma non pubblicato prima.....quasi quasi mi sa di un segno del destino, una sorta di campanello d'allarme.....
Una stupidissima caduta (manteniamo il mistero sul dove, quando e come) a metà gennaio mi ha procurato qualche fastidio a un ginocchio, e ovviamente il problema è stato sottovalutato nel senso che non mi sono preoccupata più di tanto a stare a riposo e non ho preso tutti gli accorgimenti del caso quali impacchi di ghiaccio, pomate, fasciature, eccetera. E OVVIAMENTE non ho interrotto quello che è ormai il mio pane settimanale, ovvero il ballo.
Ok, non voglio certo stare qua a perseverare nell'elogiare la mia incoscienza, per cui andiamo dritto all'argomento di questo post: il fantastico mondo dell'ortopedia.

Dopo 3 settimane di assoluta assenza di sintomi dalla caduta, una bella mattina il mio ginocchio è gonfio come una zampogna, quindi devo per forza andare da un ortopedico. La prima cosa che fa, appena gli dico che ho sbattuto il ginocchio, è quella di smanettare attorno alla sacca di liquido che si è formata per via dell'infiammazione, gioca con l'articolazione cercando di farmi piegare la gamba il più possibile, e poi, rassicurato dice "è meglio se facciamo una radiografia"...beh, ok, meglio se la facciamo. Poi prende un bel siringone e aspira il liquido dal ginocchio (la parte più interessante di tutta la visita, abbiamo pure preso a scherzare sul colore del liquido).

Tutto a posto, passi la settimana prossima per un controllo. E mi propina una cura di antinfiammatori. Ah, questa la storia ancora più bella: in Giappone, il medico ti prescrive le medicine, dosaggio e durata del trattamento, e la prescrizione si traduce in farmacia con un confezionamento in loco dell'esatta quantità di pillole necessarie a coprire la durata del trattamento prescritto. Mitico: 2 pillole al giorno per 7 giorni in farmacia si traduce con l'acquisto di un blister di 14 pillole. Non una di più, non una di meno.

Comunque, dopo la cura ritorno trionfante e, per fortuna, non devo fare un'altra radiografia. Ma....
Dopo qualche tempo, s vede che l'infiammazione non era passata del tutto, il dolore ritorna al ginocchio,trasmesso all'anca e alla caviglia. Al che, decido di visitare nuovamente l'ortopedico. Uno nuovo, però.
Il medico, primissima cosa che dice è "dobbiamo fare una radiografia"...
Ma dico, siete matti? Capisco che qui, per via del sistema sanitario privato efficiente (e caro), fare una lastra costa quanto farsi una pizza, però porca miseria mica devo fare una cura ai raggi-X!!

Ecco perchè i giappi si meravigliano pure quando noi, non giappi, cerchiamo tutte le scuse di questo mondo per non sottoporci alle radiazioni...per loro è normale come mangiare una scodella di ramen!
Ecco perchè i giappi, sono per nulla spaventati dalla questione Fukushima...

******************************

Entry written before March 11 earthquake, but not yet published.....it looks loke a sign, a sort of bell ringing....

A stupid fall (let us be myserious about where, how and when) in mid january gave me some knee troubles, and of course I underestimated the problem, meaning that I didn't rest properly and I didnt do stuff like ice-packs, creams, bandaging and so forth. OF COURSE I didn't stop what became my daily bread, dancing.
OK, I dont want to make a eulogy of my stupidity, so let us go straight to today's topic: the fantastic reign of orthopedy.

After 3 weeks of absolute absence of symptoms, one day I wake up with a knww the size of a bagpipe, so I have to go to a doctor. First thing he does, after I told him I hit my knee, is to play around the liquid bag that had formed around the knee because of the inflamation, he plays with the joint to bend the leg as much as possible, then, reassured, he goes "I beter take and x-ray"...ok, yeah, you better do it. After that, he takes a big siringe and sucks up the liquid from the knee (it was actually the most interesting part of all the check up, and we also made fun of the color of the liquid).

Alright, come next week for another check. And he gives me lots of anti inflamatory pills. This is another great story: in Japan,the doctor prescribes you medicines, doses and duration of the treatment, and the prescription is translated at the farmacy with a real-time packing of the eact amount of pills needed for the whole treatment. So, 2 tablets a day per 7 days is translated into buying a 14 tablets blister, no one more no one less.

Anyway, after the treatment I go back again to the doctor. Fortunately I didn't have to get another x-ray. But....
After some time, perhaps the inflamation was still there, the knee is painful again, and the pain is extended to ankle and hipbone. that's why I decide to go again and see the othopedist. A new one.
The first thing the doctor says is "I better take an x-ray".....
Are theyr nuts? I understand that , thanks to the (expensive) health insurance system, taking an x-ray is as expensive as buying a pizza, but I mean, I can't undergo an x-ray therapy!!!

That's why the Japanese are surprised when we, non Japanese, we try by all means to not get x-ray done...for them it's like eating a bowl of ramen!
That's why the Japanese are not afraid by the Fukushima thing....

No comments:

Post a Comment