Friday, May 7, 2010

Nihon Minkaen -- 日本 民家園


Mi imbatto, tempo fa, per caso in un sito web di un parco tematico interessante...si tratta del museo all'aperto del folklore nipponico. Il parco a tema, di interesse storico-culturale, è situato su una collina e occupa un 'area discretamente ampia e verde fuori Tokyo. Al suo interno sono state ricostruite fedelmente 25 diverse abitazioni rurali provenienti da diverse aree del Giappone, e rappresentano oggi un patrimonio culturale nazionale di immenso valore.

Quasi tutte le abitazioni appartenevano un tempo a ricchi contadini o commercianti, e oggi al loro iterno è possibile ammirare gli utensili e gli attrezzi che venivano utilizzati nella vita di tutti i giorni. Non solo. Infatti all'interno del parco è possible assistere a dimostrazioni dal vivo su: cerimonia del the, lavorazione del bambù, musica, rappresentazioni teatrali (nel parco vi è anche un palco per il kabuki-arte teatrale giapponese), racconti di storie e leggende, eccetera.
Miglior occasione per visitare il museo all'aperto è senza dubbio una visita di mamma. LA visita di mamma. Poichè non è facile in soli 10 giorni gestire e intrattenere una mamma in Giappone, ho pensato che una gita fuori porta di un giorno, assieme ad amici italiani, è una buona idea per ammazzare il tempo e la noia. Il tempo perchè gira e rigira, guarda e osserva, abbiamo perso mezza giornata al parco. E la noia perchè in fin dei conti siamo andati in un posto nuovo, diverso, e ci siamo acculturati con un tuffo nel Giappone di 300 anni fa. Abbiamo poi assisito a una cerimonia del the, con rito abbreviato ovviamente, abbiamo bevuto della verde pozione, siamo stati l'attrazione noi stessi dell'evento essendo i soli non giapponesi presenti, abbiamo imparato su come funzionano i mulini ad acqua, su come vengono costruiti i tetti di paglia e i pavimenti in bambù.

Osservazioni degne di nota:
I farmacisti erano ricchi anche nel Giappone del 1600
Le case interamente in legno, annerite dal fumo del focolare,potevano trasformarsi in veri e propri roghi in un soffio di vento
I fiori vanno fatti crescere sui tetti
la vita media dei contadini, seppur benestanti, era molto, molto breve (vedi nota sui focolari, il fumo e gli incendi)
*********************************
I found out by chance, some time ago that there's an interesting theme park...it's the open-air folk museum. The theme park, interesting for history and culture, is located on a hill and covers a vast and green area out of Tokyo. Inside the park, 25 different houses coming from different parts of Japan are re-built and they represent, apparently, a cultural heritage of a huge value.

Nearly all houses belonged to rich farmers and today we can admire tools and instrument that were once used in the daily life. Not only that. And in facts, inside the park there's a bunch of demonstrations like: tea ceremony, bamboo works, music performances, theatre performances (in the park is a stage for the Japanese Kabuki art)), tales, and so on.
There's no better occasion for visiting the museum than mum's visit. THE visit. Handleing 10 days of entertainment for mum in Japan is not easy, and I thought that a one-day trip, with some Italian friends, could be a good way to kill some time and not get bored. Time-wise, we spent half day in the park watching and learning. Boredom-wise, we actually did something new and managed to know about Japan from 300 years ago. We then attended a tea ceremony, short ritual, we drank the green potion, we ourselves were the attraction since we were the only foreigners around, we now know how watermills work, how the roofs and the bamboo floorings were built.
Observations:
farmacists were wealthy even in the 1600
the houses, totally in wood, turned all smoky nd black because of the kitchen fire, could turn into fires in a blow of wind
flowers grow on roofs
average expectation of life forthe farmers, even if rich, was very very short (see the fires and smoke point)

No comments:

Post a Comment