Sunday, November 1, 2009

Osaka heights 大阪

La visita a Osaka è stata una volata, un mordi e fuggi di alta qualità.
Ultimo giorno di vacanza, da Wakayama mi devo fermare a Osaka da dove prenderò lo Shinkansen per Tokyo, quindi perchè non fare check out presto la mattina e godersi un pò la seconda città del Giappone?

Di per sè la città e una piccola Tokyo, con tanti grattacieli, tante aziende, tanti negozi e tante ma tante infrastrutture. Come punti turistici, anche nelle guide di maggior spicco, vengono citate praticamente aree dedicate allo shopping, zone di grandi magazzini, la zona della baia, piena di intrattenimenti tra cui musei, un acquario immenso e famosissimo, ruote panoramiche ecc. Ciò che potrebbe interessare è anche il castello di Osaka,forse qualche parco.

Arrivo a Nanba, la zona trendy di Osaka, il centro dell'intrattenimento e della vita giovane, ma di giorno non è che un ammasso di altissimi palazzi e autostrade sopraelevate,dove poca luce riesce a filtrare attraverso i tanti edifici svettanti. Per fortuna edifici di un certo volume si possono scorgere facendo due passi, come anche il teatro del Kabuki proprio vicino alla stazione centrale di Nanba, che vanta tra l'altro un bel edificio d'epoca e molto europeizzante.

Ho solo due obiettivi da raggiungere: andare a Tempozan, sulla baia, e fare un salto a Umeda, l'area del business e della frenesia diurna.
La ruota panoramica nella baia, non a caso chiamata ruota gigante, è forse una delle più grandi al mondo, se non la più grande, e la vista da lì è decisamente affascinante. In giorni di cielo limpido e sereno si riesce a vedere fin oltre l'isola di Awajijima!!


Il giro completo sulla ruota secondo me non dura abbastanza, vorrei ripartire per un secondo giro ma ahimè bisogna scendere e dirigersi a Umeda.
Salto completamente la visita al castello e vado direttamente all'oggetto del desiderio: lo Sky Building di Osaka, un nuovissimo grattacielo dall'estetica molto discutibile e discussa, ma con una vista dal suo osservatorio senza eguali. Purtroppo la giornata aveva iniziato a perdere il suo fascino, visto che il cielo si riempiva di novole e tutta la città aveva un aspetto triste e cupo. Quello che si vede da lassù è una Osaka molto ricca di grattacieli, forse molti di più che a Tokyo, distribuiti in tutta la città, ma in generale non ci sono elementi architettonici di rilievo o che catturano lo sguardo. Tutto sembra ammassato e pare manchi l'aria.
Non so perchè, ma all'osservatorio, essendo praticamente una passerella circolare all'aperto, in cima al tetto, erano presenti alcune guardie....sarà per evitare tentativi di suidicio?


Curiosità: le coppie che vogliano consacrare il loro amore possono recarsi a Osaka allo Sky building per vivere magici e romantici momenti. A un angolo del giardino all'aperto c'è un piazzale dove è possibile incatenare al "balcone" un lucchetto a forma di cuore, cosi da sigillare e sancire i sentimenti reciproci. Ovviamente il lucchetto è acquistabile allo shop dell'osservatorio, dove è possibile persino farselo incidere al momento con le proprie iniziali o quant'altro la fantasia voglia.
Infine, essendo nel paese delle stranezze e delle stravaganze, non può mancare il padiglione dell'amore, dove gli innamorati si recano e assieme suonano una campana di fronte a un simbolico tempio in miniatura.
*************************************

The visit to Osaka was a fast one, a high quality catch and run.
Last day of vacation, I have to transfer in Osaka from Wakayama to catch the shinkansen to Tokyo. So, why not to check out early and wander for a while in the second city of Japan?

Osaka itself is like a smaller Tokyo, with many skyscrapers, many companies, many shops and many many infrastructures. As touristic sopts, even in the most reliable tourist guides, basically all the shopping centers and shopping areas are cited. There's also the bay area, a famous aquarium, then the castlecan be of some interest, some parks.

I arrive in Nanba, Osaka's trendy district, centre of entertainment and young people meeting point, which is,during the day, just a bunch of skyscrapers, high highways, a place where not much light can filter through the tall buildings. Fortunately,also important buildings like the kabuki teatre and historical buildings can be seen.
I have only two main objectives: go to Tempozan, the bay, and jump to Umeda, the business district.
The panoramic wheel at the bay, called giant wheel for a reason, it's maybe one of the biggest in the world, if not the biggest, and the view from up there is simply awesome. When the sky is clear one can see down to Awajijima island!!


I have the feeling the ride on the wheel is not long enough, I'd like to have another ride but I have to head to Umeda.
I totally skip the visit to Osaka castle and I got directly to my goal: Osaka Sky Building, a brand new skyscraper with a very questionable and quationed aesthetic, but with a rooftop with no equals. The day unfortunately had started turning grey, the sky had started to fill upwith clouds and the whole city looked doomy and sad. What can be seen from up the observatory is a Osaka rich in skyscrapers, maybe more than in Tokyo, distributed around the city. In general, though, there's no relevant architectural landmark. Everything looks packed up and looks like one can't breath.
This, I don't know why, looked funny: on the roof, basically a circular open air space, there where guards.....may it be to avoid suicide attempts?


Curiosity: the couples who want to sign their love can go to the Osaka Sky Building to live unique romantic moments. At one corner of the open air garden there's a tiny space where they can hang a heart shaped lock on a "handrail" so to make ethernal their reciprocal feelings. Absolutely possible is to buy the lock at the observatory shop, where it's also possible to carve the couple's initials or some other words on it.
And, being in the country of the extravagances, the love shrine can't be missing up there.

No comments:

Post a Comment