Sunday, October 18, 2009

Scary Fushimi Inari 伏見 稲荷

Sulla via del ritorno da Nara si trova il Fushimi Inari Taisha, ovvero il tempio dedicato alla divinità buddhista degli affari Inari, i cui segni caratteristici sono torii rosso vermiglio e volpi a guardia degli ingressi.
In Giappone esistono circa 32mila templi dedicati a Inari e quello a Fushimi è il tempio principale, quello a cui tutti gli altri fanno capo. La particolarità di questo tempio è che il sorge ai piedi di una montagna, ma ci sono vari tempietti minori sparsi su per il pendio. Per raggiungere i quali, dal tempio principale, basta seguire il percorso segnato da un infinito numero di torii che salgono su per la montagna per circa 4 Km e culminano a un tempietto proprio in cima. L'opera è grandiosa, maestosa, terrificante. I torii sono grandi e donati ognuno da una diversa attività commerciale, visto che Inari è la divinità del commercio, e accompagnano il visitatore verso i vari templi, ognuno dei quali è custodito e guardato da una coppia di volpi (Kitsune), l'animale guardiano di tutti i templi di Inari.

Chi volesse raggiungere la fine del lungo percorso fa bene a iniziare la salita presto, con la luce del giorno o si ritroverà sorpreso dal buio. Chi, invece, si sente meglio a vagare di notte, allora badi di munirsi di lampada perchè il percorso non è illuminato bene e non è illuminato ovunque.

Dietro suggerimento di Morana che voleva farci sentire l'atmosfera spettrale che anima il luogo dall'imbrunire, siamo giunte al tempio poco prima del calare del sole e abbiamo iniziato la scalata con grande impazienza, sperando di arrivare quanto più in alto possibile. Il cammino con il passare del tempo si tinge di ombre scure, rumori sinistri, biforcazioni inaspettate. Sembra di varcare le soglie dell'ignoto a Fushimi Inari, ma l'effetto di luci e ombre creato dalle curvature del sentiero e dalle rare lampade è irresistibile, tanto da far guadagnare al posto il primato come sito più interessante, impressionante, spettacolare dell'intero viaggio in Kansai.
********************************

On the way back from Nara there's Fushimi Inari Taisha, that is the temple dedicated to the buddhist goddess of business Inari, whose typical signs are vermillion red torii and foxes guarding the gates.
There's some 32000 shrines in Japan dedicated to Inari and the one in Japan is the main temple all the other ones refer to. The special thing about this shrine is that it is at the feed of a mountain, but it has several smaller shrines in the mountain. To reach which, from the main shrine, one needs to follow the trail marked by an infinite number of torii going up the mountain for about 4Km and topping at a small shrine at the tip. The manwork is gorgeous, majestic, terrific. The torii are huge and each of them has been donated by some business, since Inari is the deity for commerce and trade. Also, the torii lead to the various shrines hidden in the woods, where a couple of foxes (Kitsune), Inari temples guardians, watch the entrance.

Who wanted to reach the end of the long way of torii, they better start the climb early with the day light, as darkness comes suddenly. Who, otherwise, feels better in walking in the night, then they better bring a lamp along, as the path is not well lighted and not lighted everywhere.

Following Morana's suggestion,as she wanted us to feel the haunted atmosphere of the place after dark, we arrived at the temple right before sunset and started the climb impatiently with teh hope to go as much higher as possible. The walk from time to time is haunted by obscure shadows, scary sounds, unexpected splits of the path. It's like crossing the doors of the unknowns ad fushimi Inari, but the light/dark effect created by the turns in the trail and by the rare lamps is irresistible, so much that this site gains in my opinions the primate as the most interesting, impressive, spectacular site of the whole trip to Kansai.





No comments:

Post a Comment