Monday, April 6, 2009

Kanamara Matsuri -- かなまら 祭り 

La festa che apre la lunga stagione delle celebrazioni, il Kanamara matsuri,o festa della fertilità, è sicuramente la più famosa, non tanto tra i Giapponesi quanto per i turisti stranieri. In origine il festival è stato introdotto niente meno che dalle prostitute per scongiurare il pericolo di sifilide e malattie sessualmente trasmissibili. Esisite anche un racconto mitologico associato al festival, che celebra un certo dio il quale ha sconfitto un demone impossessatosi di una fanciulla. La storia narra infatti che questa leggiadra fanciulla non potesse in alcun modo accoppiarsi per avere dei figli visto che la sua vagina era dotata di denti aguzzi che eviravano chiunque provasse a fecondarla. Fino a che un giorno questo tale dio diede a un uomo un fallo di ferro, così che fu possibile sconfiggere il demone.

E non a caso questo festival viene celebrato in primavera, ovvero quando il coclo della natura si risvegla e riparte, quando i ciliegi sono in fiore e le giornate si allungano. A tale festa si associa quindi il simbolo della fertilità, difatti non è raro vedere coppie, o comunque chi è desideroso di avere figli, andare al tempio e pregare. In tempi più recenti il festival ha un pò ripreso il tema originario, tant'è che infatti viene anche strumentalizzato perla lotta all'aids. Il che è un gran bene. Ma anche rappresenta una delle tante scuse per i giappi per stare assieme, ubriacarsi e fare baldoria. All'evento non mancano i souvenir e i talismani, tutto ovviamente a tema con la festività, e celebrando questa la fertilità si può ben immaginare quanto meno la forma....anche il tempio dedicato a questa festa altri non è che un santuario del simbolo fallico, e forme di legno, metallo, ceramica, eccetera spuntano da tutte le parti. Il momento topico, fonte di ilarità per molti turisti, è quando viene esposo un enorme pene di legno nel cortile e, cosa prevista dal rituale, donne e uomini vi salgono a cavallo...chi lo fa perchè ci crede o chi lo fa perchè si vuole solo divertire, fatto sta che molti e molti e molti aspettano il loro turno.


Ovviamente il festival attrae moltitudini di credenti e curiosi, ma è particolarmente inaspettato vedere così tanti non giapponesi che vanno al tempio solo -probabilmente- per farsi due risate e per farsi fotografare in compagnia di qualche fallo senza realmente capire il perchè di quella celebrazione.

***********************************

The festival opening the season of celebrations, the Kanamara matsuri, or fertility festival, is for sure the most famous, not only among the Japanese but also for the foreign tourists. Originally the festival was introduced by the prostitutes to reduce the fear of diseases sexually transmitted. There's also a myth associated to the festival, which celebrates a some god who defeated a demon punishing a girl. The tale tells indeed that the girl couldn't have children because her vagina had sharp teeth evirating all the men who tried with her. Until one day this god gave a iron phallus to a man who could this way defeat the demon.

And not by chance, the festival is celelbrated in spring, that is when the nature cycle restart, the cherry trees are blooming and the days get longer. This festival is hence associated with the symbol of fertility, and in facts it's not rare to see couples, or people who want to have children,go to the temple and pray. Nowadays the festival has gotten the original theme back, and it is also used to advertize prevention against aids. Which is a great thing. But it also represets now one of the many excuses for the Japanese to get together and get drunk. Themed souvenirs and charms can't miss the celebrations, matching in their shapes the subject of the festival....even the temple is nothing more than a phallus sanctuary. The topic moment, source of hilarity for the many tourists, is when a huge wooden penis is put in the temple courtyard and, as following the ritual, men and women sit on top of it...and either for belief or fun, many people wait for their turn to hop on it.

Obviously the festival attracts many believers and curious, but it was very unexpected for me to see so many non Japanese going to the temple only -probably- to have a few laughters and to be photographed with some phalluses, with no real understanding of the celebration.

No comments:

Post a Comment