Friday, February 29, 2008

Ancora una settimana - One more week

Ancora una settimana, 8 giorni esatti, e sarò su un volo per l'Australia!!! Sensazioni stupende si mescolano, il sogno si sta realizzando.
****************************
One more week, 8 days from today, and I'll be on a plane to Australia!!!wonderful feelings are mixing, the dream is getting true.

Thursday, February 28, 2008

Vuoi del the verde? -- Some green tea?

Pensate al Giappone e associategli un sapore, quale direste? Il sapore-non-sapore del riso bollito? Il salato della salsa di soia? Il bonissimo sapore del sushi? Il dolce esageratamente dolce della pasticceria tipica a base di farina di riso e fagioli rossi?L'amaro del the? Ebbene si, anche stavolta il the verde.
 Il the verde domina la scena: non nominando le innumerevoli qualità di the verde disponibili sul mercato, distinte in base al periodo in cui avviene la raccolta delle foglie,alla stagione in cui si raccoglie, alla durata dell'essiccazione, alla corposità, alla dimensione delle stesse, alla provenienza da una o da un'altra zona del Giappone, per non parlare poi del the verde in polvere, pregiatissimo matcha, usato nelle cerimonie tanto famose,quello semi in polvere, e via discorrendo. Dunque, non solo the verde in quanto tale,non solo in bustine monodose, non solo in bottiglia, ma anche in innumerevoli preparazoni: si va dal matchalatte, versione con the verde del nostro caffellatte,al matchaccino, dai dolcetti a base di pan di spagna al the verde ripieni di crema di fagioli agli americanissimi doughnuts al the verde, dalla cioccolata aromatizzata di colore ovviamente verde, alla cioccolata con ripieno di crema al the verde, dal gelato al the verde ai biscotti, dai dolci tradizionali ai prodotti dolciari da forno importati, dalle caramelle i deodoranti, dalle creme ai saponi, tutto grida the verde.
 ------------------------------------------------------------------------


Think about Japan and assign a color to it, which one do you have in mind? The red dot in the flag? The pink of the cherry blossoms? The blue of the student's uniforms?The white of the snow on mount Fuji? The yellow of of tenpura? The green? Yeah, the dominant one is green: the green of wasabi, the green of parks and gardens, green......the green of tea.

Think about Japan and assign a taste to it, which one do you have in mind? The taste-non-taste of boiled rice? the salted of soy sauce? The very good taste of sushi? The sweet too much sweet of typical Japanese pastries made of rice flour and sweet red beans? The bitter of tea? Yeah, again, green tea.

Green tea is dominant here: don't want to enumerate the very many different qualities available in the market,based on the leaves picking season, the drying process duration, the dimension of the leaves, the origin from one or another area of Japan. Then there's the famous powder tea, the extraordinary matcha tea used for the ceremonies, there's the semi-powder tea, and so forth. So, not only tea as is, not only in dosed bags, not only bottled, but also into a lot of food, as ingredient: matchalatte, green tea version of the Italian caffellatte,matchaccino, spongy sweets green colored filled with bean paste, green tea doughnuts, matcha chocolate -obviously its color is green-, chocolate filled with green tea cream, green tea ice cream, cakes, pastries, candies, everything IS green tea.

Un anno dopo - One year later

Di seguito una breve stima dei miei prmi 12 mesi all'estero. La descrizione non è esaustiva ma da un'idea di come vivo adesso
Here is a very quick evaluation of my first 12 months abroad.The picture is not complete at all, but it gives an idea of what my life is now
***
Quasi passato un anno da quando la mia avventura nipponica è incominciata..beh, a dire il vero è molto più di un anno, ma tendo a far iniziare la storia dall'inizio della mia esperienza lavorativa. Si era titubanti per un rinnovo del contratto, adesso c'è la certezza: sto un altro anno qui, in Giappone!e dopo questo primo anno viene voglia di fare dei bilanci.
Cosa è cambiato in meglio
ho un lavoro, ho una vita mia,ho un'appartamento tutto per me, ho nuovi e splendidi amici, vivo in un paese straordinario, imparo la lingua di questo popolo laborioso, sto crescendo come persona, ho affrontato con successo tante picole avversità e difficoltà che mi hanno lasciato qualche insegnamento, ottengo le mie prime soddisfazioni, viaggio e vedo posti che prima potevo solo sognare, mi arricchisco interiormente, ho conosciuto il gelato e la cioccolata al the verde.
Cosa è cambiato in peggio
sono sola, lontano dai familiari e dai miei vecchi e cari amici,sono lontana dalla terra soleggiata e povera che amo tanto, devo imparare a convivere con le abitudini del posto e con la gente del posto, devo farmi forza da sola quando attraverso momenti poco felici, non ho la mozzarella di bufala nè i carciofi, devo accontentarmi del caffè che trovo, non c'è il pane di casa, non c'è l'olio d'oliva del babbo, non trovo scarpe e vestiti adatti alle mie misure e ai miei gusti.
Cos'è diverso da prima
invece di tornare a casa una volta al mese torno una volta all'anno, non chiedo più soldi ai miei, abito in una grande città, la mia lingua di tutti i giorni non è più l'italiano, non ho le feste religiose cristiane, ho le ferie, mangio sushi e tenpura invece di pasta e pesto, non risiedo in Italia, ho un mio conto in banca.
Questi sono solo pochi dei tanti esempi per ogni categoria che potrei portare a testimonianza.
In fin dei conti non posso che essere contenta dei miei primi 12 mesi all'estero. Ma in questa prima fase ho solo piantato i miei semini, ho lavorato il terreno, ho messo l'acqua, ho esposto al sole, adesso dovrei aspettare che i semini germoglino, creascano e facciano dei bellissimi fiori. Ci sono state anche le persone, quelle che mi hanno aiutato, quelle che mi hanno sopportato, quelle che mi hanno sostenuto, quelle che mi hanno ostacolato, quelle che mi hanno deluso, ma si sa, fanno parte del quadro generale. Qello che sono adesso lo devo soprattutto a queste persone, al loro contributo in positivo o in negativo, perciò, non elencandole una per una o mi ci vorrebbero 10 blog, dico a tutte
GRAZIE

One year has passed since I started my Japanese adventure. Now I am certain I'll work another year here. And after one year one might wish to make some estimations.
What is better
I have a job, I have my own life, I have my own apt, I have new and great friends, I live in a extraordinary place, I am learning the language of this productive people, I am growing up, I faced and won some small difficult situations that tought me some principles, I get my first satisfactions, I travel and visit dream places, I enrich my soul, I've been knowing green tea chocolate and ice cream.
What is worse
I am alone, far from family and dear friends,I'm far from my poor and sunny land I love so much, I have to learn how to cope with customs and folks here, I have to push myself when I'm living unhappy moments, I don't have mozzarella, I have to drink the coffee I find here, I don't have homemade bread, I don't have my dad's live oil, I can't find clothes and shoes.

What is changed
I go home once a year rather than once a month, I don't ask my parents for money, I live in a big city, my everyday language is not Italian, I don't have my religious holidays, I have paid vacations, I eat sushi and tenpura rather then pasta and pesto, I don't live in Italy, I have my own bank account.

All in all I am happy of my first 12 months abroad. In this first step, though, I have just put my seeds into soil, I put water and sun, and now I have to wait for those seeds to become beautiful flowers. People, they, too, helped me a lot, either with a positive contribution or with a negative contribution. Some people helped me, some others stopped me, some others pushed me, sone others deluded me, some others supported me. What I am now I owe to them. I can't name them all one by one, I'd need 10 blogs for that, so to all of them I say
THANKS

Saturday, February 16, 2008

Valentine's and White Day

Anche in Giappone, come ormai penso accade anche nella più remota repubblica delle banane che si conosca, il giorno di san valentino è il giorno degli innamorati. Non c'è bisogno di dire che le vetrine dei negozi, i banconi dei supermercati e qualsiasi altra superficie esponibile sono stracolme di idee regalo. Il regalo che va per la maggiore però è il cioccolatino: in confezioni da uno o centomila praline, decorato o no, aromatizzato o no, preparato personalmente o acquistato che sia, spopola. Eppure qui lo scambio di doni tra gli amati non avviene in contemporanea, e difatti il 14 febbraio solo le ragazze si adoperano a trovare il regalo perfetto, poi il momento per i ragazzi di restituire il dono sarà il 14 marzo, per il cosiddetto white day. Inoltre, distinguibili dalla cifra spesa per essi, esistono diversi generi di regali: c'è il regalo per l'amato e il regalo per i colleghi, ovvero un modo simbolico di promuovere e mantenere buoni raporti di lavoro. Ragion per cui, trovandomi in un posto dove chi rispetta le tradizioni campa cent'anni, anche io, di buona volontà, mi sono adoperata e ho comprato, assieme alle altre colleghe, i cioccolatini per capi e colleghi...si dice che poi questo pensiero, seppur tra colleghi, verrà ricambiato il mese successivo....perciò aspetto di vedere cosa accadrà.

----------------------------------------

In Japan, too, like in the most remote banana republic one can know, Valentine's day is the day for people in love. No need to say that here all show windows, shelves in the department stores,and any other exposable surfaces are overloaded with gifts and presents. The most popular is chocolate: it comes in either one piece or hundred pieces boxes, either simple design or complex one, either flavoured or not, either home made or not, it is sold out. Though, here, the gifts exchange doesn't happen in contemporary, indeed on February 14 the girls only make efforts to find the perfect present, and only one month after, March 14, the guys on the White Day will give back the present.In addition, price serves as a marker, different types of gift exixt: there's the gift for the lover and the gift for the collegues, this last one being a symbolic way to promote and maintain good relatioship with coworkers. So far so good, living in a place where the respect for traditions is welcome, together with the other girls of the group I bought chicolate candies for boss and collegues. They say that this thought will be given back also from the collegues the next month..so I am waiting and wondering now.

Felicità

Oggi mi sento felice. Sono felice perchè uscire di casa a metà giornata, riscaldata dal sole invernale splendente nel cielo limpido e azzurro, bella nei miei occhiali da sole scuri, camminando verso l'ufficio postale col mio pacco da spedire sotto il braccio, sorridendo nel vedere i bambini giocare con le colombe, è stata una bella sensazione e mi ha messo di buon umore.

Sono felice perchè penso che domani ci saranno i miei amici con me, per una giornata all'insegna dell'italianità, e mentre girovago alla ricerca degli ingredienti perfetti per il mio pranzo, penso che Benigni aveva ragione: la vita è bella, la mia vita è bella, almeno oggi. Auguro una vita bella a tutti, in particolare a Oriana, oggi è anche il suo compleanno!


----------------------------------


I'm happy today. I'm happy because going out in the middle of the day, warmed up by the winter shiny sun in a fair and blue sky, beautiful in my dark sunglasses, walking toward the post office with my package to be sent, smiling seeing some kids playing with the pigeons, was a nice sensation and it turned up my mood.

I'm happy because I think that I'll spend one day with my italian friends tomorrow, for an all Italian event, and while looking for the perfect ingredients for my dishes, I think that Benigni is right: life is beautiful, my life is beautiful, at least today. I wish you all a beautiful life, especially to Oriana, my friend, today it's her birthday!

Mission: Australia

Cari lettori, ho deciso per il viaggio dei miei sogni. Quando ero ancora in Italia pensavo a quanto bello sarebbe stato poter andare in Australia, il posto più lontano al mondo, la terra che per arrivarci, da qualsiasi altra parte si vuole, bisogna armarsi di tempo e pazienza...era così lontana allora....Tutt'ora è lontana, ma mai stata più vicina, perciò ho deciso che bisogna sfruttare l'occasione mentre se ne ha la possibilità.

E finalmente il sogno si realizza. Voli intercontinentali, voli interni, pernottamenti, tutto è pronto. Tra meno di un mese si parte e incomincia l'avventura nell'avventura: dall'avventura nipponica all'avventura oceanica, breve parentesi bisettimanale per poi tornare alla ancora non conclusa esperienza nel regno del sushi.

*******************************

Dear readers, I decided for the travel of my dreams. When I was in Italy I thought about how nice it would have been going to Australia, the farrest place in the planet, the land that, if one wants to go, one has to be armed with time and patience...it was so distant in that time....It's far even now, but never been closer, so I decided it's worth, I have to try this opportunity now that it's possible.

Finally my dream comes true. Intercontinental and internal flights, accommodations, all set. I'll leave in less than one month and I begin my adventure into an adventure: from the nippon adventure to the aussie adventure, a short 2-weeks parenthesis to go back to the not yet concluded experience in the reign of sushi.

SICILIANO

SEI SICILIANO QUANDO...
 ...pur nn avendo un lavoro e un euro in tasca offri il caffè al bar ai tuoi amici!...se anche nn hai un lavoro scorazzi in giro con il macchinone!
...trovi sempre un secondo del tuo tempo per un sorriso!
...se incontri fuori dalla sicilia un tuo concittadino che nn avevi mai cagato in città,ci parli come se usciste insieme da una vita!
...ti lamenti sempre della tua città se ci vivi ma se sei fuori la vanti come se fosse il paese delle meraviglie!!!
...dai una moneta all'uscita della metropolitana di milano alla vecchina di 75 anni seduta sulle scale a -3 gradi!
...parli cu tutti!!!!!
...non ti tiri indietro a una detta C U R N U T U da un'automobilista milanese!
...dici di non essere permaloso e ti incazzi ad ogni appunto che ti fanno!
...vivi fuori e dici:iu ca un ci moru!!!!
...vivi al nord e almeno una volta al giorno ti viene nostalgia della tua terra e della sua gente!
...pur vivendo a milano da più di 5 anni non perdi una virgola del tuo meraviglioso accento!!!!
...vivi fuori e almeno 1 volta al mese ricevi il pacco che ti manda tuo padre da giù con tutte le cose da mangiare!
...hai almeno 1 cd dei tinturia ovviamente masterizzato!!!!
...per fare 100 metri prendi la macchina!!!!

*************************************************************


YOU'RE SICILIAN WHEN..
 ...even without a job you offer a coffe to all your friends.
...even without a job you drive a super car
...you find a second to give a smile
...if you meet one person from your city you didn't give a shit when you both lived there, you behave like you're friends since ever.
...if you complain about you city while living there, but talking about it as a wanderland while not living there.
...you give a coin to a 75 year old woman sitting on the stairs out of the metro staition in Milano, at -3 degrees.
...you say you're not touchy but you get angry when they point you out.
...you live far from your land and say :"I won't die here".
...live in the north of Italy and once a day you feel homesick.
...you live far from your land and your father sends you every month a package with food
...you use the car to cover a 100 meters distance.


Friday, February 15, 2008

Lifestyle: Love Hotel

Non so se esiste lo stesso anche in altri posti, ma io li ho visti qui e perciò ne parlo come di un fatto per me nuovo. La nuova puntata di Lifestyle, cosa è veramente giapponese, si concentra sugli hotel a ore. Ebbene si, da queste parti pare sia possibile, anzi è un vero fatto comune, andare in un hotel e riservare una camera per solo un'ora o poche ore. Va anche detto che non sono tutti gli hotel a permettere tale usanza, difatti solo certi hotel, magari noti con l'appellativo di Love Hotel, acconsentiscono a questo uso a tempo.....Pare anche che i giapponesi si avvalgano spesso e volentieri di tale servizio, sia perchè hanno voglia di passare qualche ora con la dolce matà o con l'amante, sia perchè vogliono soltanto restare tranquilli per un pò...eppure accade. Soprattutto accade in due date particolari durante l'anno: 14 febbraio,giorno per antonomasia dedicato agli innamorati, e anche il 25 dicembre, giorno che nella visione giapponese è come un secondo san valentino.
 Altro tipo di hotel particolare è il capsule hotel, posto dove le camere sono grandi all'incirca come un loculo mortuario (da cui il nome "capsula"), arredate solo da un letto e nient'altro, che si possono riservare anche a ore....non oso immaginare la sensazione che si prova stando sdraiati li dentro!!!
 
-------------------------------------------------------------------------------
 I don't know about other places in the world, I have seen them here so I describe them as news. This episode if Lifestyle, what it is really Japanese, focuses on hours hotels. Yep, it seems here it's possible, common so to say, go to an hotel and reserve a room for a couple of hours. It's to be said that not all the hotels allow you to such a usage.....It seems also that the Japanese very often use this service, either to spend a few hours with the lover, or to have a couple of hour rest and relax. It happens. It happens, particularly, in two moments of the year: 14 February, Valentine's day adn 25 December, a day seen as a second valentine's day.
 Another kind of hotel is the capsule hotels, place where rooms are as huge as a coffin (here comes the name "capsule"), only one bed is in and the rooms can be reserved hourly....I don't want to imagine the sensation of laying down there inside!!!


Saturday, February 9, 2008

L'anno del topo - The year of the mouse

Il 7 Febbraio 2008 per il calendario cinese è Capodanno. Si entra nell'anno del topo, il primo segno dello zodiaco, segno di terra.I botti di capodanno riempiono le strade: secondo la credenza popolare portano fortuna, tenendo lontano il male con i loro bagliori. Anche il rosso domina, gli usci di casa sono pieni del simbolo della fortuna, “fu”, rovesciato, perchè solo così sta a significare che la buona sorte si ferma in quella dimora. Non si usano oggetti appuntiti, mentre è ben venuto a capodanno tutto ciò che fa rumore. L'anno del topo è caratterizzato da abbondanza e pienezza, è favorevole al commercio e agli affari.
E a Chinatown, giù a Yokohama, si festeggia il nuovo anno con sfilate di dragoni di cartapesta, fuochi d'artificio, balli vari ecc. Questo fine settimana vado a vedere che aria tira in Cina....
****************************
February 7th, 2008, Chinese New Year. Year of the mouse., sign of soil and the first one in the zodiac. Firecrackers represent good luck, as they keep evil away with their light and they fill the streets. Red is dominant, too and the houses entrances are decorated with the upside down "fu", because only in this position means that good fortune will stay in that house. No pointing objcts are to be used, while everything noisy is welcome. The year of the mouse brings abundancy and is in favour of commerce and financial affairs. In Chinatown, down in Yokohama, they celebrate the arrival of the new year with dragons, firecrackers, dances. this weekend I decided to go and see what happens in China....